toba60

Se il Virus Esistesse Davvero…

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Ed ora prestate bene attenzione a quello che sto per dirvi, è molto importante, oramai mi conoscete da tempo, sono una persona qualunque come ce ne sono tante in giro, le mie credenziali familiari hanno più affinità con quelle del noto pregiudicato Felice Maniero che non quelle di coloro che chiamano onorevoli e che da sempre sono seduti in parlamento.

Felice Maniero

È un privilegio questo che mi consente di percepire una diversa visione dei fatti, in casa di ladri non puoi insegnare come mettere in scacco il prossimo e quanto stanno facendo in questo momento queste anime illibate mi è molto familiare.

Le problematiche sorgono quando i diretti interessati, ”Il popolo”, ha un immagine si sé molto distorta, in quanto si ritengono nel complesso una comunità di brave persone.

Non voglio soffermarmi nei particolari, ma chi accede alle più alte cariche dello stato, è da queste brave persone che attinge per legiferare i più’ stupidi emendamenti del pianeta.

Io, come e’ normale che sia, sono escluso già in partenza per i motivi sopra elencati.

Se proprio le persone come me vi disgustano, non vi lamentate se quelle che avete eletto vi stanno complicando la vita a più non posso.

Dall’alto della mia inadeguata simbiosi con le gente comune, voglio ora dirvi che il virus di cui tutti hanno sentito parlare per me non esiste, un idiota può dire tutto quello che vuole, pertanto non soffermatevi troppo nei commenti.

È altresi vero che:

scommetto che questo non ve lo ha mai detto nessuno…..

considerando l’intera superficie terrestre, mari compresi, ogni giorno piovono 800 milioni di virus su ogni metro su quadrato del pianeta, solo negli oceani vi sarebbe una quantità di virus tale, che per essere rappresentata occorre scrivere un 10 seguito da 30 numeri zero!!!!

Ecco avete visto, ora ce ne sono un po troppi, non vi pare?

Ogni virus ha un nome ed un cognome ed un suo grado di pericolosità, ma io onestamente a questo non ci ho mai fatto caso, per me è come se non esistessero, (Ve l’ho già anticipato prima) un po come il covid, o un tumore maligno, o una cardiopatia congenita, non e’ che quando mi alzo la mattina faccio l’elenco di tutte le calamità naturali e biologiche che mi possono cadere addosso, non avrei più tempo per andare a vedere il Milan allo stadio e godermi la vittoria contro i miei rivali del cuore che si ostinano a giocare contro di noi pur sapendo di perdere. (L’Inter)

Ogni giorno 2000 persone in Italia ricevono una lettera in cui gli viene diagnosticato un tumore, ma non ho mai visto nessuno alzarsi la mattina e per prima cosa precipitarsi dal notaio per notificare la divisione dei beni tra i parenti senza possedere alcun riscontro medico.

Eppure questa dovrebbe essere una priorità’ considerato che in questo momento 2 persone su tre stanno morendo di questa malattia.

Ogni cosa come si conviene ha un suo grado di importanza, ma a quanto pare questo parametro si è letteralmente frantumato, ed ognuno si comporta sull’onda dell’emozione (indotta) del momento.

C’è stata la paura dei terroristi, (Ma non dell’assalto indiscriminato degli immigrati che ne sono la fonte) degli tsunami (Anche se si vive in riva al lago) o del riscaldamento globale (E poi tutti in massa vanno a comperare il condizionatore che ne alimenta il problema) oppure dello Spread che sale (Ma non del debito pubblico che da 1.200 miliardi e’ passato a 2.´700)

Tutto questo non esiste, vero cari Itaglioti!

Detto tra noi, io queste cose dall’alto della mia stupidità le vedo tutte, voi tenetevi il virus, che io vado avanti per la mia strada……

Beata Ignoranza, vostra o mia saranno i posteri a giudicare.

Toba60

Se il Virus Esistesse

… non è il nostro caso …

non ci sarebbe modo di fermarlo.

Si sarebbe diffuso così lontano e così in profondità… che l’unica cosa da fare è conviverci.

Date un’occhiata alle frontiere aperte degli Stati Uniti. Date un’occhiata alle tribune di calcio gremite ogni fine settimana negli Stati Uniti. Date un’occhiata a Israele, dove i blocchi e gli alti tassi di vaccinazione non sono riusciti a fermare la progressione dei casi. Naturalmente, questi casi non sono altro che falsi test positivi.

Comunque, avete capito l’idea.

Il concetto stesso di virus e della sua diffusione implica “INTOPPABILE”.

La guerra contro il virus è sempre stata insuperabile. E, comunque, non c’è mai stata una tale guerra. È sempre stata una guerra contro il popolo e contro la libertà.

I pianificatori hanno calcolato che la libertà era stata talmente ridotta che nulla avrebbe impedito di annullare quel poco che restava.

La guerra al virus è molto simile alla guerra alla libertà di parola, altrimenti nota come censura. I governi non possono mai fermare il flusso di idee indipendenti. Il sigillo non è mai a tenuta stagna.

Naturalmente, come sto dimostrando da un anno, il virus non esiste. È una fantasia. È il fantasma nell’armadio buio di notte, quando il bambino è sdraiato nel letto pensando che i rumori casuali siano una minaccia alla sua sicurezza.

Un noto scienziato con impressionanti credenziali convenzionali mi ha recentemente confidato che crede che il virus (che lui accetta come reale) alla fine infetterà tutti. TUTTI. Pertanto …

Non c’è niente da fare. VIVERE CON ESSO. VIVERE CON ESSO.

Anche la falsa premessa che il virus esista implica la continuazione della libertà.

L’idea che si possa vincere una guerra contro un virus è al livello dell’idea che si possa vincere una guerra contro il flusso naturale dell’aria sul pianeta.

Le nazioni che hanno combattuto una battaglia relativamente benevola contro il virus (Svezia, Danimarca e Norvegia) hanno dichiarato ufficialmente che finiranno quella battaglia. Perché? Perché solo un piccolo numero di persone si ammala. Questi numeri riflettono gli ultimi anni prima che la pandemia fosse dichiarata.

In quei paesi l’incubo del fantasma nell’armadio è finito, per ora.

Nel frattempo, il leader americano della paura, Anthony Fauci, continua a sfornare i suoi piccoli film. Ogni settimana, “modifica i dati” per rafforzare le sue affermazioni. E ogni settimana, il personale di vendita dei media lo metteva in televisione per diffondere il messaggio:

“L’OBBEDIENZA È LA VITTORIA”.

Fauci è l’invidia dei sadici di tutto il mondo.

Nell’ultimo anno e mezzo è stato il presidente de facto degli Stati Uniti.

Il suo stile rispecchia le macchinazioni della CIA nel corso dei decenni: inventare nemici infiniti e poi attaccarli. Tutto allo scopo di implementare il controllo.

Alcune notti, mentre dormo, una parte della mia mente che opera su premesse del tutto convenzionali calcola le probabilità nella guerra contro il virus. Calcola, da solo, scenari frammentati: il tasso di infezione, il grado e l’estensione dei blocchi, le barriere contro il virus create dalle maschere, i vaccinati contro i non vaccinati, e così via. Quella parte ridicola della mia mente è un riflesso del Pentagono.

Quando mi sveglio, mi rendo conto della natura fantastica di questi calcoli durante la guerra. Li vedo chiaramente per quello che significano. Un interesse di tifo, non più significativo che stare in disparte a guardare una gara di biglie, con una scommessa di qualche centesimo a seconda del risultato.

È istruttivo fare questi sogni. Trasmettono un messaggio semplice:

Se il virus esistesse, non ci sarebbe modo di fermarlo. Dato che non esiste, non c’è nulla che possa fermarlo.

Tuttavia, la guerra contro la libertà è una questione completamente diversa.

È sempre esistito ed esisterà sempre.

Ci sono alcuni uomini che hanno perso la loro libertà creatrice di vita e hanno scelto, come unico sostituto, la via della distruzione della libertà degli altri, ovunque la trovino.

Sono il virus.

Jon Rappoport

Fonte: blog.nomorefakenews.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code