toba60

Tutta la Verità sulle Religioni

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

La religione e’ un atto di fede, un dogma che abbraccia tutta la storia dell’umanità, trattare certi argomenti è un impresa ardua, ma quello che avrete modo di leggere sicuramente pochi lo hanno mai preso in considerazione, non stiamo parlando di una visione ateistica, ma un quadro della situazione privilegiata fatta da chi si relazione alla questione in modo prettamente umano…..nulla a che vedere con la religione, quella viene dopo….

….. con tutte le conseguenze che si sono via via evolute nei secoli.

Toba60

Tutta la Verità sulle Religioni

“Niente è più contrario alla religione e al sacerdozio del giudizio e del buon senso. La religione è la causa di ogni sciocchezza e disordine che si possa concepire; è la madre del fanatismo e della discordia, è il nemico dell’umanità”

Voltaire

“Se non fossi ateo, crederei in un Dio che sceglie di salvare le persone in base alla loro vita nel suo insieme, non ai campioni delle loro parole. Penso che preferirebbe un ateo sincero e giusto a un televangelista la cui ogni parola è Dio, Dio, Dio, e ogni azione è disonore, disonore, disonore”

Isaac Asimov

“È un atto di virtù ingannare e mentire, quando con tali mezzi si può promuovere l’interesse della Chiesa”. Eusebio, vescovo di Cesarea (265-340), il cosiddetto “padre della storia della Chiesa”, fu il primo a riunire tutti i miti cristiani giudeo-messianici sparsi in una “storia unica”, per ordine e per conto del monarca Costantino, alcune delle filosofie orientali, le teorie neoplatoniche e molte delle antiche credenze pagane e costruì il cristianesimo come la nuova ideologia unificata dell’Impero Romano imperatore del mondo.

Il monarca Costantino, come è noto, divenne imperatore con un colpo di stato militare di suo padre, assassinò in modi orribili coloro che sospettava come potenziali pretendenti al trono, suo suocero, suo cognato, sua moglie, suo figlio, suo genero, suo nipote. Fu battezzato come cristiano pochi giorni prima della sua morte nel 337.

Non appena il cristianesimo divenne la religione ufficiale dello stato, eliminò tutti i libri degli “eretici”, forgiò i propri testi originali che erano ovviamente mal costruiti e “soffocò la voce di ogni libero pensatore che non fosse d’accordo con la dottrina della Chiesa e in disaccordo con le tradizioni cristiane ormai ufficiali”. Lo stesso accadde nel Medioevo. E poi ogni tentativo di indagare le Scritture alla luce della ragione e della scienza fu affogato nel sangue, e fuoco e ferro fu la punizione per coloro che osavano predicare ‘indagare le Scritture'”. Cordatos Yanis, Gesù Cristo…, op. cit. 1, p. 9.

“Decapitazione”. Bruciare sul rogo. Impiccagione. Strangolamento. Sofferenza (cucire i condannati in sacchi pieni di serpenti e gettarli nel fiume o nel mare. Lapidazione. L’arrostimento nella thraca. Montaggio. Uccidere in acqua bollente, olio o catrame. Crocifissione inversa. Impalamento. Bruciando con ferri arroventati. Fumigazione. Castrazione. Cecità. Amputazione. Rinotomia. Bondage. Lavori forzati a vita nelle miniere e, per i più fortunati, la reclusione a vita in un monastero”. Per una discussione dettagliata della relazione tra potere e tortura nella storia e in particolare nel Medioevo, si veda. Simopoulos Kyriakos, Tortura e potere, Stachy, Atene 2003.

Papa Gelasio I (dal 492 al 496) sollevò la questione delle relazioni Chiesa-Stato, cioè le relazioni tra il Papa e l’Imperatore, e chi dovesse avere il primato. Secondo Gelasio, il cristianesimo non si limita a soddisfare solo i bisogni religiosi, ma dirige i passi dell’uomo nella vita morale e politica. Il cristianesimo riguarda tutta la vita, non solo una parte di essa. Sorge quindi la domanda: chi governa la pienezza della Chiesa, l’Imperatore o il Papa? Chi decide le dottrine della fede? Chi si preoccupa del modo di vivere del corpo sociale cristiano, e dei valori che con quel modo incarnerà e servirà? Così iniziò il Medioevo e l’oscuro trionfo del Papato e della cosiddetta ortodossia in nome di un mito oscuro e dell’inesistente fondatore del cristianesimo.

Le RELIGIONI e la VERITÀ

“La fede è per l’uomo ciò che la sabbia è per lo struzzo”

La religione è qualcosa di cui i cosiddetti esseri umani santi sembrano avere bisogno. Può anche aver contribuito alla forma attuale degli esseri, ma in ogni caso sembra aver giocato una parte molto importante nella loro evoluzione o nel risultato che hanno da presentare oggi. Una cosa è certa: qualunque cosa abbiano fatto, sembra che abbiano sbagliato e che ancora una volta sembra essersi rivoltato contro di loro. Non ci vuole nessuna conoscenza speciale per supporre o determinare se è giusto o sbagliato (la creazione delle religioni), perché poiché sono fatte da persone che sono e pensano male per definizione, non potrebbero mai produrre qualcosa che non sia sbagliato o che non finisca per avere risultati disastrosi. Ma questo è solo un lato della questione.

Poiché la realizzazione della struttura sbagliata è arrivata molto presto, coloro che hanno costruito le religioni hanno voluto eliminare questo fattore dall’equazione, (cioè che siccome è una costruzione umana, allora è indubbiamente sbagliata), così hanno iniziato a parlare di metafisica, cioè qualcosa che non poteva essere provato e comprovato da nessuno che praticasse la religione, e inoltre, per poter rafforzare la loro posizione, facevano affidamento su ciò che sapevano degli esseri umani, cioè la loro tendenza a voler stare bene e ad evitare il dolore, quindi “costruivano” le religioni basandosi su questi ingredienti.

L’organizzazione imposta dalla pratica religiosa nacque da una combinazione di necessità e conservazione, in quanto aveva come scopo principale il consolidamento di certe regole che assicuravano l’atemporalità della specie umana. Era una pratica di conservazione della vita. Come il digiuno, l’astinenza, il matrimonio, l’uccisione gratuita e non provocata di altri per motivi banali, il vivere in una comunità-società, ecc.

C’erano e ci sono molte religioni, il che dimostra che ciò che ognuna di esse sostiene sono da un lato alcune regole che sono progettate per essere buone per la conservazione della vita, ma dall’altro lato dimostrano che cercano di avere differenze tra di loro in quanto le persone sono diverse le une dalle altre, e dovrebbero essere comuni nei loro principi a tutti i popoli del mondo, poiché si crede che questo stadio sia stato molto vicino ad essere raggiunto nelle civiltà preclassiche che condividevano principi comuni, credenze e simboli, uno dei quali è la tanto discussa svastica che i moderni tiranni dell’umanità, che sono gli attuali detentori delle unioni delle religioni, stanno cercando di incriminare ed eliminare.

La svastica può essere destrorsa o sinistrorsa, solitamente sinistrorsa, e simboleggia il ritmo e l’ordine del mondo. La svastica simboleggia il movimento assiale antiorario della terra e delle costellazioni, allo stesso modo le danze tradizionali imitano il movimento della terra e dei pianeti e sono in senso antiorario.

Gli amministratori delle religioni sono persone che appaiono come rappresentanti di divinità, che si arrogano il diritto di autorità o di comunicazione in modo metafisico con potenze superiori e ripetono ciò che è successo in passato, come un rinnovo del potere per una grande applicazione numerica dell’idea, attraverso la quale beneficeranno con piaceri materiali di più persone possibili.

La storia che cercano di distorcere per evitare di rivelare la verità che risulta dalla conoscenza della ciclicità degli eventi, insegna che ci vogliono circa 2.000 anni perché l’evoluzione umana prevista e lo sviluppo dell’intelletto arrivino a un punto in cui si comincia a realizzare la frode che è stata combinata con la descrizione altrimenti corretta della conservazione della vita mediante regole religiose.

Ora ci troviamo in una situazione in cui, a causa dello sviluppo dell’informazione, una grande percentuale di persone in tutto il mondo ha preso coscienza dell’inganno e vuole indignarsi per punire chi li ha ingannati, mentre coloro che dirigono le religioni cercano di dirigere lo “tsunami” di rifiuto delle religioni da parte della gente spostando il centro di gravità su una religione successiva, che può essere stato progettato per questo motivo, cioè, è stato creato e coltivato per funzionare attraverso il tempo e ad un certo punto per scontrarsi con la religione predominante di quei tempi, poiché la gestione delle religioni richiede logicamente una grande quantità di conoscenze umane e ha bisogno di persone speciali per crearle e farle funzionare.

Con questo in mente, e con un piano per mantenere gli stessi amministratori, hanno osservato che la creazione di una religione era difficile ma alla fine produceva civiltà, mentre un’altra, per il modo della sua costruzione, non produceva civiltà ma invece costruiva razziatori e anche con bassa capacità intellettuale.

Pensavano che fosse il momento giusto per cercare un conflitto tra coloro che non potevano produrre civiltà ma erano conquistatori, e coloro che erano più morbidi ma creavano la civiltà, in modo che si potesse raggiungere un’equazione parziale dalla quale si potesse prendere la gestione di questa ricchezza.

Questo è ciò che vediamo giocare ai nostri giorni, dove i cosiddetti saggi amministratori e governanti degli stati sembrano spazzare via la cosiddetta civiltà occidentale in cui vivono e la sua religione, il cristianesimo, dall’imposizione violenta della religione dell’Islam, apparentemente distruggendo tutto ciò che la civiltà cristiana ha raggiunto, ma la verità è che con questo movimento globale, stanno cercando di prendere il controllo della gestione della ricchezza del mondo.

Ecco perché usano le caratteristiche di un gruppo religioso, che è quello di essere bellicoso, selvaggio e di bassa intelligenza, contro l’altro gruppo, che è quello di essere intelligente, efficiente, che produce civiltà, ma poiché hanno messo il peso della loro esistenza sulla creazione della civiltà, non sono così buoni combattenti.

In natura, gli organismi sopravvivono cacciando. Sembra che la maggior parte del mantenimento e dell’evoluzione della vita si basi sull’esistenza di qualche vita organizzata che viene utilizzata da un’altra vita per sopravvivere, oppure l’esistenza di una vita ha creato la necessità di un’altra vita che si nutre di essa e che nasce come necessità per l’evoluzione della prima, poiché il suo consumo da parte di una vita superiore la costringe ad essere modificata, evoluta, protetta, o ad estinguersi.

In questa visione, troviamo persino difficile distinguere se un predatore sta facendo del bene o del male. In un caso è considerato come il distruttore della specie che tende costantemente a far scomparire la specie in pericolo, mentre nell’altro caso la sua aggressione verso un’altra specie costringe la vittima a migliorarsi per resistere agli attacchi, perché la sua esistenza è minacciata.

Con una semplice analogia possiamo capire che la stessa cosa accade analogamente con gli esseri umani ed è logico visto che anche loro vivono ed evolvono in natura e sono quindi soggetti alle stesse regole. L’esistenza degli animali è dovuta all’esistenza delle piante, e l’uomo è dovuto all’esistenza dei due precedenti in generale, proprio come la successione della creazione è descritta nel libro della Genesi. Il fatto che l’uomo sia in cima alla catena alimentare non esclude che sia cibo per un’altra specie a lui superiore.

Se stiamo guardando la conservazione dei sistemi aperti, allora stiamo parlando dell’interazione energetica che assicura che il sistema riesca a ridurre la sua entropia. La natura è un sistema aperto. Un sistema aperto è qualsiasi sistema che interagisce con il suo ambiente. Ma un sistema aperto è anche la società e l’uomo che assorbe, consuma e rilascia energia per ridurre la sua entropia, a differenza di un sistema chiuso.

Un sistema chiuso è un sistema composto da corpi che non interagiscono con altri corpi esterni al sistema. Più semplicemente, possiamo dire che un sistema chiuso è un sistema isolato. Il sistema aperto, che è l’uomo, gestisce l’energia, che è il suo carburante, ma fornisce anche energia al suo ambiente. L’energia può essere presa da un processo fisico come l’alimentazione, e consegnata sotto forma di energia cinetica, termica o mentale. Questo è il suo consumo o altrimenti il suo contributo all’ambiente, in modo che la proprietà del sistema aperto sia mantenuta in relazione al sistema chiuso e mortale.

Come si comprende oggi, non è un paradosso l’esistenza o l’apparizione di una specie che si nutre dell’energia che l’uomo produce o, più semplicemente, che l’esistenza dell’uomo è la fonte del suo cibo. Non può nutrirsi delle riserve di energia che sono i suoi tessuti, ma di una forma più raffinata di energia, che viene prodotta dalle riserve di energia di cui dispone l’uomo, che funge da fabbrica per la produzione di questa energia sottile, che è l’energia mentale.

Se ora assumiamo che un organismo sia stato creato per necessità o sia sempre esistito perché ha trovato il modo di diventare un’entità e di sopravvivere come un sistema aperto consumando l’energia mentale degli umani, allora possiamo forse appena iniziare a immaginare un super-organismo che può essere percepito solo dal suo effetto. Questo super-organismo è sostenuto dal contributo, dall’assistenza e dalla manipolazione delle persone che beneficiano momentaneamente del servizio che rendono al super-organismo, cioè aiutandolo, alimentandolo e sostenendolo nell’esistenza.

Così immaginiamo un’entità enorme che è alimentata con energia mentale da milioni di persone che orientano la loro energia mentale in modo così specifico che diventa “mangiabile” dall’entità. In questo modo otteniamo un’immagine del momento in cui vediamo sempre più persone ogni giorno standardizzare i loro modi, i loro comportamenti, le loro abitudini in un perpetuo tentativo di omogeneizzazione per un bel boccone di super-entità. In questa omogeneizzazione e standardizzazione non si può trovare un sostituto migliore delle religioni.

Qualcosa che non deve sfuggire è il fatto che i cambiamenti che avvengono nei sistemi non hanno la possibilità di essere annullati ma solo di continuare a cambiare modificando il sistema con cambiamenti permanenti, cioè con cambiamenti irreversibili. Un cambiamento irreversibile in un sistema si ottiene quando in qualsiasi momento durante il cambiamento il suo corso naturale è invertito con la possibilità che il sistema ritorni al suo stato iniziale passando attraverso gli stessi stati intermedi invertendo il loro ordine. Naturalmente, i cambiamenti reversibili non esistono in natura e di conseguenza in quelli subiti dagli esseri umani.

Di conseguenza in questo ragionamento vediamo che tutta la vita è un’interazione energetica e tutte le forme di energia o sistemi aperti sono predatori per la categoria nutrizionale inferiore e vittime per quella superiore, indipendentemente dalla sua forma o dalla qualità della forma di energia consumata. La natura per noi umani è sempre stata la migliore, essenzialmente unica fonte di informazione per estrarre le nostre corrispondenze e capire il nostro posto nella vita.

Sappiamo che i predatori, per trovare il loro cibo, ingegnerizzano certi modi che sono diventati radicati nel loro comportamento e nelle loro maniere perché questo è il loro mantenimento; così per ottenere questo, li vediamo usare modi e trucchi ingannevoli come modellare la loro pelliccia o piumaggio, cambiare o regolare la loro colorazione e tendere imboscate dove sanno che il loro cibo è appeso fuori. Sarebbe impossibile non sospettare che uno dei metodi più efficaci sarebbe per i predatori di andare dove hanno bisogno di sentirsi bene dove c’è abbondanza di cibo per soddisfare le loro esigenze di vita – laghi, fiumi, pozze d’acqua – o di sentirsi al sicuro nella fitta vegetazione – luoghi che sarebbero le prime scelte dei predatori nella loro ricerca di cibo.

Nel fare la corrispondenza, e finché abbiamo a che fare con la qualità elaborata dell’energia che abbiamo chiamato energia mentale, allora considereremo inevitabilmente a cosa corrispondono i “luoghi” che i nostri predatori scelgono per nutrirsi della nostra energia mentale. Dove c’è cibo in abbondanza è un luogo dove c’è civiltà, dove c’è prosperità, dove c’è società, cioè una concentrazione relativamente grande di persone, cioè villaggi, paesi, città; nessuno andrebbe a caccia in nomadi sparsi, non sarebbe efficiente se non fosse necessario proprio come l’acqua è una necessità e un requisito della vita, così dove c’è la sua controparte per l’energia mentale è dove c’è conoscenza e sete di apprendimento, che sono le scuole e le università che sono nelle città, che sono diventate società organizzate – e dove si sentiranno sicuri e protetti? naturalmente, dove ci sono molti della loro specie, possono perdersi nella folla e ridurre la possibilità di essere le vittime solitarie, nascondendosi nell’anonimato come in una fitta vegetazione.

L’entità predatrice di energia mentale non aveva altra scelta che recarsi in questi luoghi per creare le sue condizioni, per studiare i comportamenti, per tendere le imboscate e per architettare i trucchi che avrebbe usato. Così, dove c’era un raduno più grande era il posto giusto, e naturalmente la diffusione di una religione poteva svilupparsi una volta superata la prima tiepida resistenza fisica, diffondersi viralmente e diventare una fonte lucrativa di energia con enormi riserve.

Sembra essere una necessità umana essere suscettibili alle religioni, ed è per questo che tutte le truffe che mirano all’energia mentale sono costruite e copiano le religioni conosciute e tradizionali perché sanno che il cervello delle persone è opportunamente modellato nel modo che le religioni hanno dettato e come il trucco del camuffamento ha successo in natura, mimetizzazione, travestimento e imboscata, così come qualcosa che impersona la religione o la cui narrazione è simile tende ad essere creduta e soggioga le vittime per prosciugarle della loro energia mentale.

Quando guardiamo il caso di un predatore che attacca la sua preda capiamo più o meno il processo di acquisizione e rilascio di energia, c’è il sole che emette energia attraverso i fotoni, i ricevitori sulla terra ricevono i fotoni con i loro organi di forma appropriata come le foglie per le piante e così crescono e mantengono le riserve. Anche gli animali ora ricevono fotoni nel loro corpo attraverso l’esposizione al sole, ma mangiando le piante, ricevono quantità maggiori di fotoni immagazzinati nelle piante e quindi crescono come esseri energetici molto più delle piante.

La loro esistenza dipende senza dubbio dall’esistenza delle piante, la cui perdita segnalerebbe l’estinzione degli animali che se ne nutrono. I predatori che si nutrono degli animali ricevono quindi ogni volta quantità molto maggiori di fotoni che sono stati presi dalle piante e utilizzati dagli animali preda per costruire i loro tessuti corporei. Gli esseri umani ricevono porzioni di fotoni sia dalle piante che dagli animali e naturalmente il sistema digestivo umano è in grado di elaborare questi alimenti. Sulla base di questo processo, è facile capire come e perché questo processo ha luogo e gli organi che giocano un ruolo primario nel suo completamento.

Dove le cose cambiano un po’ è quando non abbiamo esempi tangibili e organi fisici che possiamo vedere e capire, perché capiamo l’assunzione, il consumo, l’elaborazione e il risultato, ma quando si tratta della disposizione dell’energia mentale, la corrispondenza non è così buona. Ma se seguiamo lo stesso ragionamento, scopriremo non solo che c’è una corrispondenza, ma avremo anche una rivelazione – materializzare in qualche modo approssimativamente nella nostra mente la forma dell’entità che è alimentata dalla nostra raffinata energia mentale. Ammettiamo che l’energia esiste ed è immagazzinata nell’insieme degli esseri umani, con il cervello come centro di amministrazione.

Perché sia una quantità degna di attenzione dovrebbe essere in quantità sufficiente prodotta da molte persone insieme; questo fa dei luoghi di riunione i centri di silenzio che sono i templi di ogni tipo, e così abbiamo i siti primari di assunzione di energia. Se l’energia è opportunamente diretta e orientata, è un trucco per raccogliere l’energia e i suoi organi possono essere tutti gli strumenti che allineano queste energie. Questo viene fatto con le radio e in larga misura con le televisioni che sono state rese possibili per essere in ogni luogo dove la gente vive e invece di nutrirsi una volta alla settimana nei templi, viene fatto ogni giorno e a tutte le ore del giorno da questi media che sono stati eufemisticamente chiamati mezzi d’informazione.

Così abbiamo un’entità che ha un meccanismo di raccolta di energia, usa trucchi, ha luoghi dove ha installato gli organi necessari per l’assunzione di cibo, si mantiene e cresce e diventa più forte. È logico che più cresce, più deve consumare di più, ma anche che deve essere limitato dalla quantità del suo cibo, e infatti, essendo totalmente dipendente da esso, il suo destino è direttamente legato al destino del suo cibo.

Secondo la legge naturale, ad un certo punto deve essere in qualche modo limitato o diventerà così grande da morire di fame per la mancanza di cibo necessario a sostenere la sua sproporzionata esistenza.

A questa entità, che è supportata e sostenuta dalle stesse creature che ne costituiscono il nutrimento, sono stati dati molti nomi diversi nel futile tentativo di esprimerla e chiamata inferno, avidità, capitalismo, globalizzazione, diritto divino, maledizione, necessità, concetti immateriali ma con caratteristiche essenziali e tali che possono essere compresi solo se si è in grado di considerarli, aggiungendo la dimensione del tempo che, però, va oltre i limiti delle nostre possibilità tridimensionali di immaginarlo. Chi sono le persone che sostengono questa entità è ora facile da capire perché sono tutte quelle che organizzano i suoi pasti.

Sono i fondatori e poi gli amministratori delle religioni, sono quelli che a loro modo confermano tutti i nomi immateriali che abbiamo dato loro prima, sono quelli che gestiscono i luoghi di culto e dirigono gli organi dell’entità con i media e sono quelli che fanno tutto il possibile con la gestione del denaro a livello globale che è quello che amano chiamare la razza eletta di dio.

I predatori come abbiamo detto usano i trucchi dell’inganno, dell’occultamento, dell’agguato, della sorpresa e la loro tattica è quella di immobilizzare la loro vittima prima di divorarla, in modo da poterla cacciare per ipnotizzarla, avvelenarla per esaurirla e immobilizzarla. Per quanto possa sembrare strano, la natura ancora una volta in una corrispondenza assoluta ci dà la risposta che questa entità immateriale usa nello stesso modo nel suo attacco alle sue vittime.

Li droga, li sfinisce, li immobilizza e poi li consuma a suo piacimento. Questo è stato ottenuto con l’assalto globale del marxismo culturale che ha sconvolto l’intero pianeta, ha distrutto e continua a distruggere tutte le strutture e gli equilibri sociali che hanno richiesto migliaia di anni per essere stabiliti, portando i popoli alla disperazione, e rendendoli incapaci di reagire come se fossero ipnotizzati o avvelenati dal loro predatore, come il serpente che avvelena la sua preda e perde conoscenza, o il ragno che fa lo stesso agli sfortunati insetti che cadono nella sua tela, o quelli più grandi che afferrano la loro preda per la gola e la strangolano fino a farla svenire per mancanza di ossigeno.

Le persone che cadono vittime degli attacchi del marxismo culturale soccombono a metodi simili e diventano cibo per la grande entità. Interi paesi sono sacrificati dai loro stessi governi di proprietà di coloro che sostengono e mantengono l’entità, nel termine moderno “Dottrina d’urto”.

È perfettamente logico che tutti coloro che sono stati coinvolti nel sostegno e nel mantenimento dell’entità saranno fortemente in disaccordo con questo ragionamento, ma come si può vedere, non importa se si è in disaccordo o d’accordo, perché la natura ha già rivelato la verità nel modo in cui è fatta, e tutto ciò che ci è rimasto è stato quello di fare il confronto appropriato.

Se ora, avendo compreso approssimativamente le corrispondenze con le regole e i fenomeni della vita e visto l’interdipendenza delle specie. Abbiamo anche visto la necessità dell’esistenza di alcune specie per rendere possibile l’esistenza dei loro discendenti. Inoltre, potremmo capire il rafforzamento di una specie che viene attaccata da un’altra specie, la quale a sua volta potrebbe essere stata creata perché era richiesta da una legge naturale che proibiva la sua evoluzione o, al contrario, la migliorava o la sua estinzione finale. Questo è il modo della natura ed è qui che le cose si complicano a seconda dell’angolo di osservazione e di esame.

Quindi la difficoltà che una specie affronta a causa dell’attacco di un predatore è una maledizione e una punizione o è una necessità per il potenziamento e l’evoluzione della specie? Il predatore che è sorto, è la Nemesi per questa specie, o è il giusto ed equo giudice che condurrà la specie alla grande gloria del recupero naturale e la renderà atroce per qualche lungo periodo di tempo fino a quando non affronterà nuove sfide?

È il diavolo che alla fine porta la distruzione o è colui che porta la conoscenza, l’alba, Lucifero? Chi sono in definitiva il Dio e il diavolo descritti nelle religioni? Chi è il buono e chi il cattivo? Chi è colui che ama le persone, colui che le addormenta conducendole alla tranquillità assoluta della morte, o colui che dà loro la ragione di lottare per la continuazione dell’esistenza della vita?

Ora vediamo molto chiaramente che per come sono impostate le cose e per come si applicano le regole della vita, è molto facile costruire una via da un punto di vista o dall’altro e che entrambi siano corretti. La questione è come continuare ad avere il “movimento” che manterrà il sistema aperto della vita che interagisce con il suo ambiente e sembra come se avesse il pilota automatico e gli stati sono interconnessi in modo che la riduzione dell’entropia sia raggiunta, cioè la vita.

Le religioni, per ottenere ciò che vogliono, sono obbligate a dire la mezza verità e ad adottare dogmi come polizze assicurative per la loro conservazione, anche per avere l’alternativa di confutare la loro teoria rivelando la verità che hanno deliberatamente trattenuto per il momento in cui la gente sarebbe arrivata al punto di rendersi conto che era stata ingannata e che tutta la verità non era stata rivelata loro. Questa è la ragione per cui ogni religione, per affermarsi, ha bisogno di gente pura, incolta e non istruita che la formi, come ha fatto con i buoni pescatori di Cristo, i banditi di Maometto e gli incolti di Marx.

Si capisce anche che le persone devono rimanere nell’ignoranza il più a lungo possibile e aumentare il loro numero in modo da poter svolgere il ruolo di sostenitori delle religioni che devono essere costantemente all’erta e agire come un corpo unico quando qualcuno fugge e cerca di rifiutare le loro dottrine e credenze. Questo è esattamente il caso delle scimmie nella gabbia dove non permettono ai nuovi arrivati di raggiungere le “banane”, che è la “verità” per la quale c’è una tendenza naturale per gli umani a desiderare con la stessa naturalezza con cui una scimmia desidererebbe il suo cibo preferito, le banane.

Le scimmie segnaposto, anche se per quanto ne sappiamo non hanno subito esse stesse gli effetti negativi di far avvicinare un nuovo arrivato alle banane, si sono convinte di essere al sicuro solo perché forniscono questo piccolo servizio ai dirigenti e godendo di questo equilibrio si considerano felici e appagate. Ma quando arriva il momento del cambiamento, sono tutti presi dal panico e confusi e diventano facili prede dei predatori.

Così, quando la situazione sta per andare fuori controllo e molte persone cominciano a rendersi conto dell’inganno di nascondere la verità, arriva il momento di un’inversione e dell’imposizione di una nuova situazione. Nella fase attuale la via della restaurazione del cristianesimo e l’ascesa del musulmanesimo è stata scelta inizialmente, almeno così sembra, con lo scopo principale di sostituire le scimmie sedentarie con altre meno problematiche che diventano adatte a causa del loro basso livello intellettuale.

Più tardi e dopo aver usato i musulmani per il grande cambiamento, ed esteso per un po’ il dominio delle religioni, possono introdurre la divinità della natura e la rinascita dell’antica civiltà greca. Lucifero, Prometeo, l’ophi, Satana, il sovrano e unico dominatore del mondo poiché da lui dipende l’evoluzione e la conservazione della vita, che può essere un po’ crudele ma senza di lui la vita non esisterebbe. Questo instradamento può essere osservato ad occhio nudo nel Vaticano dove l’unico uomo vivente che si suppone sia in conversazione con Dio è in un luogo pieno di forme e simboli malvagi e si riunisce in edifici fatti per assomigliare a forme rettiliane.

Poi potranno facilmente eliminare i musulmani gestibili e implementare una “nuova religione tutta intera”, poiché saranno loro a determinare la dieta dell’entità perché l’avranno messa sotto il loro controllo.

Con questa breve rassegna abbiamo visto brevemente lo scopo e il carattere delle religioni, abbiamo visto la conseguenza logica del corso della vita e la prova obbligatoria che deve affrontare, di fronte alla continuazione della sua esistenza o alla sua estinzione, Abbiamo visto le conseguenze della creazione delle religioni che, come le increspature provocate in un lago dal lancio di un sasso, si diffondono in tutto il lago, così la riproduzione di modelli di sottofedi sembra essere una conseguenza logica della creazione delle religioni. Abbiamo anche visto che qualsiasi cosa lasciata dormiente per un tempo relativo sarà la causa di una provocazione che ha lo scopo di mobilitarla perché altrimenti farà aumentare la sua entropia e causerà la sua morte.

La creazione e l’esistenza di entità superiori che minacciano la nostra esistenza sono fattori inevitabili nella struttura della vita ed è per questo che gli antichi avevano sempre il dio della guerra, Marte, attivo, il che significa che l’umanità è sempre in una lotta costante per la sua sopravvivenza. Per poter ottenere la continuazione della vita, è necessario avere persone che siano di supporto alla creazione di entità che costringano l’umanità a sollevarsi e ad affrontare la minaccia. Infine, abbiamo detto che non è possibile l’inversione delle situazioni in natura, ma solo la trasformazione in qualcosa di nuovo che conterrà come conoscenza tutti i suoi sforzi di sopravvivenza registrati nelle memorie del suo DNA.

Così la prossima volta che dovremo riflettere sulle religioni, i loro amministratori, i concetti di Dio e del diavolo, l’esistenza simultanea di persone buone e cattive, potremo avere una migliore comprensione che ci permetterà di essere meno dogmatici e più aperti e concilianti per ottenere il massimo beneficio dai nostri pensieri. Saremo in grado di vedere i dogmi e le opinioni dogmatiche con più simpatia e capiremo che la nostra posizione non sarà desiderabile come un attaccamento all’una o all’altra parte ma come un’esistenza che sopravvive in un Universo di opposti attraverso il quale si sostiene la manifestazione della vita.

Il nostro scopo, anche se non molto diverso da questo impulso delle religioni, non dovrebbe essere influenzato dalle buffonate adottate dalle religioni per sopravvivere e dai loro amministratori per godere di benefici temporanei, e questo perché vogliamo avere a disposizione tutta l’energia che possiamo assorbire nella nostra esistenza per mantenere la nostra integrità di fronte alle feroci forze di giustizia dell’Universo.

Qualsiasi coinvolgimento e impegno con gli scopi delle religioni e dei loro rituali che sono stati inventati per soggiogare l’attenzione degli umani, sarà una significativa perdita di energia che sarà consumata da effimere entità immateriali senza causare particolari cambiamenti o elevazioni significative e come certezza non gioverà affatto alla nostra esistenza.

Gli amministratori delle religioni sono anche quelli che, nella descrizione della caverna di Platone, fanno passare i vari oggetti dietro il fuoco in modo che la loro ombra appaia sulla parete, sono quelli che cercano di tenerti nella caverna quando vedono che sei stato liberato, sono quelli che fanno il ruolo del verme, del politico, del giornalista, del prete che mente perché lui stesso non crede a quello che dice, sono le persone fallite che si sono rese conto di aver perso la vita per vigliaccheria e stanno attirando il mondo nella loro stessa situazione, sono le persone che chiameremmo senz’anima, sono i serpenti velenosi dell’inganno, sono i sostituti della religione, sono i promotori del comunismo, sono i marxisti che odiano l’esistenza umana e quelli che cercano di distruggere tutto ciò che esiste, pensando di poter andare contro natura. Devono svolgere questo ruolo perché provengono da una fusione di materiali malvagi ed è per questo che si trovano in queste posizioni.

Le persone che vivono la loro vita in modo sano ed evolvono la loro anima hanno scopi superiori e sono chiamate a gestire forze che richiedono tutto il potenziale disponibile dell’essere umano e quindi non possono essere coinvolte nei giochi delle religioni degli uomini. La loro “religione” è la loro esistenza nell’Universo con lo scopo di sopravvivere, non per ottenere benefici ma perché sono lì e devono continuare ad esistere combattendo le continue sfide che gli si presentano senza pietà o svenimenti e questo perché sono semplicemente lì e non c’è altro da fare che combattere come meglio possono, inoltre nessun altro beneficio è senza tempo.

Tasos Paterakis

Fonte: terrapapers.com

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile secondo le proprie possibilità è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo. 

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE









Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code