toba60

1 Trilione di Motivi Per Cui le Case Farmaceutiche Inventano le Crisi e vi Trasformano in un Branco di Idioti

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Criminalizzare l’operato della case farmaceutiche e’ un po come sparare sulla Croce Rossa, tanto per dare un idea di quello che e’ sotto gli occhi di tutti vogliamo ricordare che……

dal 2000, solo negli Stati Uniti la Pfizer di cui tutti fanno a gara per farsi un vaccino dopo un giorno di coda, è stata multata dalle autorità federali 47 volte per un totale di 4,4 miliardi di dollari!!!!!!

Sandro Mazzola e Gianni Rivera Bei tempi !!!

All’interno dell’editoriale c’è il resto, non vogliamo rovinarvi la giornata cosi di brutto dopo solo poche righe di testo, e …..non dimenticate di ricordare a tutti coloro che ambiscono al famigerato vaccino che ci sono mille altri modi per complicarvi la vita, una di queste e’ guardare il Derby Milan & Inter e come milanista ve lo consiglio vivamente anche perché la controparte dopo una prima fase di shock legata agli effetti collaterali si riprende subito, cosa che le industrie farmaceutiche viceversa non vi consentono e poi …….

fate quello che volete, basta che non rompete i coglioni perché quelli che chiamate ”Complottisti’‘, sono più concentrati a vivere che non a morire.

Toba60

L’industria della malattia: come le grandi industrie farmaceutiche inventano le crisi e normalizzano la dipendenza

L’industria farmaceutica vale 1 trilione di dollari, la metà dei quali proviene dalle vendite negli Stati Uniti. L’industria della salute alternativa, in confronto, vale solo 59 miliardi di dollari. Big Pharma corrompe i medici, domina la pubblicità e guida la narrativa anti-salute naturale.

Le più grandi compagnie multimiliardarie sono Pfizer (USA), Novartis (Svizzera), Roche (Svizzera), Johnson & Johnson (J&J USA), Merck & Co. (USA), Sanofi (Francia), GlaxoSmithKline (GSK UK), AbbVie (USA), Takeda (Giappone), e AstraZeneca (UK-Svezia). Il grosso dei loro profitti proviene dai farmaci su prescrizione. Big Pharma uccide le persone in due modi: 1) togliendo dal mercato i farmaci salvavita e 2) commercializzando aggressivamente prodotti potenzialmente pericolosi.

Spesso per Big Pharma è più economico infrangere la legge e pagare multe che seguire i regolamenti che ostacolano i profitti. Ogni anno almeno una grande compagnia farmaceutica viene multata per una o più delle seguenti cause: corruzione, sicurezza dei farmaci, false dichiarazioni, frode, corruzione straniera, promozione off-label e non dimostrata, fissazione dei prezzi, e violazione della protezione dei consumatori. Dal 2000, solo negli Stati Uniti, Pfizer è stata multata dalle autorità federali 47 volte per un totale di 4,4 miliardi di dollari; Merck 42 volte per 3 miliardi di dollari; J&J 28 volte per 3,4 miliardi di dollari; Abbott 25 volte per 2,3 miliardi di dollari; Novartis 22 volte per 1,2 miliardi di dollari; e GSK 13 volte per 3,9 miliardi di dollari.

I profitti sono incrementati da ciò che Elaine Hollingsworth chiama “l’industria della malattia”. Nonostante vivano più a lungo, l’obesità, la depressione, la demenza, l’aumento del cancro e altre morbilità significano che gli occidentali sono ora meno sani di qualche generazione fa. Big Pharma patologizza i disturbi minori e rende le persone dipendenti dai farmaci invece di incoraggiare l’uso di alternative naturali. La crisi dell’influenza dell’industria sulla professione medica, dal riportare i risultati dei trial all’influenzare i medici, ha spinto il British Medical Journal (BMJ) a lanciare una “Commercial Influence in Health Initiative” per esporre l’influenza mortale di Big Pharma.
“Finzione”: Dalle false malattie alle false riviste

La commercializzazione di false medicine risale almeno al 19° secolo in America, quando i “patent medicine shows” – che promuovevano prodotti che non erano né brevettati né medicinali – promettevano cure per la stanchezza, la calvizie e la scrofola. Imprese milionarie includevano il Hair Vigor di Ayer e la Sarsaparilla di Scovill. Il dottor Larry Dossey scrive che nel 1900, le compagnie mediche cercavano “di gonfiare una condizione comune e quotidiana al livello di patologia”. Questo fu l’inizio di ciò che la scrittrice scientifica Julie Deardoff chiama “finzione”.

Per dimostrare quanto sia facile inventare nuove malattie, i medici Ray Moynihan e David Henry affermarono di aver scoperto una nuova malattia della pigrizia, potenzialmente fatale: “disturbo da carenza motivazionale”. I dati sarebbero stati forniti da un certo dottor Leth Argos; un gioco di parole con “letargia”. La loro falsa ricerca è stata pubblicata sul BMJ.

Il termine “disease mongering” è stato coniato da Lynn Payer che ha identificato dieci metodi usati da Big Pharma per convincerci che siamo malati: anormalizzare condizioni normali; ritrarre i potenziali consumatori come malati; identificare condizioni comuni per massimizzare il pubblico target; definire condizioni come malattie; lavorare con professionisti medici per guadagnare credibilità; selezionare le questioni; usare statistiche selettive; usare riferimenti all’endpoint; implicare che la tecnologia è priva di rischi; e svalutare i disturbi reali per cui non esistono cure.

Negli anni ’60, il dottor Keith Connors fu pagato dalla casa farmaceutica CIBA per sperimentare il Ritalin. Connors stabilì un precedente per la sperimentazione di studi di farmaci sponsorizzati da Big Pharma sui bambini attraverso cliniche affiliate all’università. Connors ha visto questo modello andare fuori controllo al punto che ha definito le diagnosi errate del Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) “un disastro nazionale”.

Il giornalista Alan Schwarz ha rivelato che anche se solo il 5% dei bambini statunitensi ha effettivamente l’ADHD, il 15% ne viene diagnosticato. Questo è in gran parte dovuto a Big Pharma che spinge i suoi prodotti su medici e famiglie. Il trenta per cento di tutti i ragazzi del sud americano (cioè gli stati poveri) sono diagnosticati in modo errato. Schwarz sostiene che Big Pharma ha pagato “tutti i migliori ricercatori” per pubblicare studi che sostengono che i farmaci ADHD sono sicuri.

Big Pharma ha poi preso i dati falsi dai loro studi sovvenzionati e ha costruito pubblicità mirate ai genitori preoccupati. La pubblicità per l’Adderall XR, per esempio, sosteneva che il farmaco aumenta i voti del bambino per abbinare la sua intelligenza. Schwarz dice che “[ogni] farmaco per l’ADHD – Adderall XR, Concerta, Vyvanse, Metadate, e così via ha ricevuto un richiamo formale dalla [US Food and Drug Administration] per pubblicità falsa e fuorviante”. Eppure, molti rimangono sul mercato.

I ghostwriter medici non rivelano i loro padroni e sono pagati dalle aziende per influenzare sia i politici che i medici. Elsie Langdon-Neuner stima che oltre il 10% delle pubblicazioni su riviste sono scritte da fantasmi. Il ghostwriting diventa evidente solo grazie a informatori e ordini del tribunale. I ricercatori Healy e Cattell hanno scoperto 85 articoli accademici scritti da aziende farmaceutiche con il nome dell’autore ancora da determinare.

Cinquantacinque sono stati scritti da Pfizer, e 30 erano finanziati da Pfizer o basati sui dati di Pfizer. Solo due articoli dichiaravano un conflitto d’interessi, e tutti riportavano risultati positivi. Nel 1999, la Merck ha introdotto l’antidolorifico Vioxx. Nel 2004 è stato ritirato dopo essere stato collegato a disturbi cardiovascolari. Merck aveva precedentemente assunto dei ghostwriter nonostante avesse conoscenza interna che il farmaco poteva aumentare il rischio di formazione di trombi.

Big Pharma ha anche pagato per la pubblicazione di false riviste peer-reviewed che riportano risultati positivi di studi sui farmaci senza rivelare i finanziamenti. L’ufficio australiano di Elsevier ha pubblicato sei riviste di questo tipo tra il 2000-05: Australasian Journal of General Practice, Australasian Journal of Neurology, Australasian Journal of Cardiology, Australasian Journal of Clinical Pharmacy, Australasian Journal of Cardiovascular Medicine, e Australasian Journal of Bone & Joint Medicine.
Lobbismo: “Vendono bugie”

Il numero di decessi causati da medicine e terapie alternative è così piccolo che non sono state compilate statistiche generalizzate con l’eccezione del cancro; vale a dire, che i pazienti con terapie complementari per il cancro hanno una probabilità di morire cinque volte superiore a quella dei pazienti allopatici.

Confrontate questo con il solo Regno Unito, dove gli errori di prescrizione uccidono 20.000 pazienti all’anno. Negli Stati Uniti, gli errori di prescrizione uccidono un quarto di milione. L’Organizzazione Mondiale della Sanità dice che nel 2012, l’80% della popolazione mondiale stava usando terapie alternative, comprese le persone nei cosiddetti paesi sviluppati. In quel periodo, 400 medici e scienziati australiani di alto profilo hanno formato Friends of Science in Medicine, una lobby per rimuovere i corsi di laurea in salute alternativa dalle università.

Oggi, Big Pharma spende 50 miliardi di dollari all’anno quasi il valore dell’intera industria della salute alternativa in pubblicità e PR. L’ex venditore ed ex capo del Nordic Cochrane Centre, il dottor Peter C. Gøtzsche, scrive: “Le compagnie farmaceutiche non vendono farmaci, vendono bugie sui farmaci”. Cita The Lancet per dire che le riviste mediche “si sono trasformate in operazioni di riciclaggio di informazioni per l’industria farmaceutica”.

Nel 2010, l’85% delle sperimentazioni di nuovi farmaci finanziate dalle aziende farmaceutiche hanno dato risultati positivi per i cinque prodotti principali (ad esempio, gli antidepressivi), rispetto a solo la metà degli studi finanziati dal governo. In Australia nel 2017, Lisa Bero del Centro Charles Perkins dell’Università di Sydney ha scoperto che le prove di farmaci e attrezzature sponsorizzate dall’industria farmaceutica avevano il 30% di probabilità in più di riportare risultati favorevoli.

“Attualmente, non abbiamo un modo convalidato per rilevare o valutare questi pregiudizi sottili ma sistematici”. Il lobbismo significa che i prezzi dei farmaci in Australia sono il doppio di quelli del Regno Unito e tre volte il costo dei farmaci in Nuova Zelanda. Nel 2017, gli australiani pagavano 500 milioni di dollari sopra la media per sette farmaci comuni.

Negli Stati Uniti, Big Pharma è il singolo più grande lobbista, spendendo oltre 200 milioni di dollari nel 2018, rispetto alle aziende elettroniche e manifatturiere, e alle assicurazioni, che hanno speso oltre 100 milioni di dollari ciascuna. Nel 2015, il deputato americano Tom Price ha acquistato azioni di Innate Immunotherapeutics.

Un anno dopo, ha acquistato azioni di Amgen, Biogen, Bristol-Myers Squibb, Eli Lilly, McKesson e Pfizer. Price è poi andato in Australia come parte di una visita al Congresso, dove ha fatto pressione sul governo per abbandonare le misure protezionistiche nell’accordo Trans-Pacific Partnership guidato dagli Stati Uniti. Innate Immunotherapeutics, che ha un ufficio a Sydney, ha offerto a Price uno sconto su ulteriori azioni, facendogli guadagnare 150.000 dollari. Price è diventato il segretario alla salute e ai servizi umani di Donald Trump.

Parte della strategia di PR di Big Pharma include il finanziamento di gruppi di difesa dei pazienti: Il lancio da parte di AstraZeneca del mese della consapevolezza del cancro al seno per aumentare le vendite del suo Tamoxifen; l’associazione di Pfizer con l’Associazione Alzheimer; e la promozione da parte di Hoechst-Russel del farmaco arterioso Trental attraverso il suo sostegno al Consiglio Nazionale dell’Invecchiamento.

Un’ulteriore confusione si verifica nella promozione di farmaci, tra cui Viagra e Prozac, come farmaci per lo stile di vita in cui la competenza di giudizio del consumatore è soppesata contro quella del medico qualificato. Come parte della loro strategia di marketing, le compagnie farmaceutiche australiane si impegnano nei cosiddetti scambi di beni con organizzatori di comunità, pazienti e medici di base. Pagano anonimamente gli oratori per promuovere le meraviglie dei farmaci alle conferenze, portano i medici di base fuori a cena, si infiltrano nelle chatroom dei pazienti online, e così via.
Morte e dipendenza: “Proprio come i Doritos

Entro il 2001, 100 milioni di donne in tutto il mondo usavano farmaci per la terapia ormonale sostitutiva (HRT), generando 3,8 miliardi di dollari per diverse aziende, in particolare la statunitense Wyeth che dominava il mercato. In assenza di prove scientifiche, i produttori di farmaci HRT hanno speso miliardi di dollari in gruppi di PR come HRT Aware e RED Consultancy, promuovendo la HRT come “cura” per la demenza, le malattie cardiache, la menopausa e i suoi sintomi, l’umore, l’osteoporosi, la funzione sessuale e la vitalità.

HRT Aware presentava donne che sostenevano di aver migliorato la loro carriera, la loro salute generale, la loro vita sessuale e il loro benessere generale tutto grazie alla TOS. HRT Aware si rivelò essere un gruppo industriale composto da produttori di estrogeni, tra cui Janssen-Cilag, Novo Nordisk, Organon, Solvay, e Wyeth. Dopo che la verità è emersa nel 2002 che i farmaci HRT aumentano il rischio di malattie cardiache e raddoppiano il rischio di cancro al seno la casa farmaceutica Novo Nordisk ha assunto la società tedesca di PR Haas & Health Partner per scrivere lettere ai medici di base per minimizzare i risultati mortali.

Considerate anche la crisi degli oppioidi (antidolorifici) in America. Circa 170.000 americani muoiono ogni anno in incidenti: a casa, in auto, sul posto di lavoro, ecc. Inclusi in questa statistica ci sono 70.000 morti per overdose, il che significa che l’overdose di droga è la principale causa di morte per incidente negli USA. Quasi sette su dieci vittime di overdose non sono morte di eroina, crack-cocaina o ecstasy, ma di oppioidi presi illegalmente o su prescrizione. Ogni anno, 18 milioni di americani abusano di farmaci su prescrizione, compresi oppioidi, antidepressivi e stimolanti. Ogni giorno, oltre 5.400 americani abusano di antidolorifici per la prima volta.

Gli oppioidi includono il carfentanil (un tranquillante per elefanti), il fentanyl (50 volte più forte della morfina), l’ossicodone (50 per cento più forte della morfina), il Tylenol (per dolori alla testa e al corpo) e il Vicodin (che combina idrocodone e paracetamolo). I produttori tra cui Purdue Pharma che ha commercializzato “aggressivamente” l’OxyContin (spendendo 200 milioni di dollari solo nel 2001) hanno deliberatamente preso di mira i medici che servono pazienti di minoranze etniche note per essere a rischio di dipendenza in aree de-industrializzate come il Kentucky e l’Ohio, dove le comunità disaffezionate soccombono a “morti di disperazione”.

Uno dei grandi spacciatori di oppioidi, Mallinckrodt (paradiso fiscale in Irlanda), è fallito dopo aver pagato 1,6 miliardi di dollari in risarcimenti per lo scandalo degli oppioidi. Tra il 2006 e il 2012, Mallinckdroft ha inondato gli Stati Uniti con 76 miliardi di pillole di idrocodone e ossicodone. Il distributore Steve Cochrane, con sede in Ohio, ha scherzato: “È come se la gente fosse dipendente da queste cose o qualcosa del genere. Oh, aspetta, la gente è…” Il responsabile della contabilità Victor Borelli ha risposto: “Proprio come i Doritos continuano a mangiare. Ne faremo altri”.

Ogni anno, a un adulto su quattro nella sola Inghilterra (12 milioni di persone) vengono prescritti farmaci che creano dipendenza, compresi antidepressivi e oppioidi. Almeno un milione di persone in Inghilterra sono potenzialmente dipendenti dagli antidolorifici, così come 1,4 milioni di australiani.

Ogni anno, circa 1.000 australiani muoiono di overdose da oppioidi: sette su dieci da oppioidi farmaceutici. Nel 2018, 4,3 milioni di australiani hanno assunto 39 milioni di farmaci prescritti per problemi di salute mentale. Indicativo della facilità con cui i medici diagnosticano e prescrivono, l’86,3 per cento delle prescrizioni proveniva dai medici di base rispetto a poco più del 12 per cento dagli specialisti della salute mentale. La stragrande maggioranza delle prescrizioni erano antidepressivi (oltre il 70 per cento), rispetto a solo il 10 per cento degli antipsicotici e il 5,6 per cento dei sedativi e ipnotici.

Combattere

C’è molta azione contro Big Pharma. Paesi dal Sudafrica alla Thailandia stanno dicendo ‘no’ ai trattati internazionali che permettono ai giganti di monopolizzare i brevetti e praticare prezzi inaccessibili. Big Pharma riconosce l’appetito del pubblico per i prodotti naturali, da qui il suo sforzo per mettere all’angolo il mercato. I giornalisti dell’accountability come quelli di ProPublica espongono i conflitti d’interesse dei medici di base attraverso il progetto “Dollars for Docs”, come i 2.500 medici che hanno ricevuto più di 500.000 dollari ciascuno tra il 2014 e il 2018 da aziende di farmaci e dispositivi medici (700 dei quali hanno ricevuto 1 milione di dollari).

Il denaro è arrivato sotto forma di consulenze e conferenze. L’Alliance for Natural Health International documenta gli sforzi della cosiddetta Good Thinking Society, Quackwatch e altri, per cancellare i profili di Wikipedia dei sostenitori della salute naturale e alternativa e/o inserire materiale potenzialmente diffamatorio nei loro bios. Le vittime includono i medici Malcolm Kendrick, Aseem Malhotra, Joseph Mercola e Nina Teicholz.

Un numero crescente di persone mangia in modo più sano e cerca trattamenti non allopatici. L’Hartman Group nota che “[p]rogressivi consumatori sono una finestra sul futuro della salute e del benessere.” Il 2019 ha visto la più grande crescita degli integratori alimentari a base di erbe negli Stati Uniti in oltre due decenni, per un totale di 8,8 miliardi di dollari. Adaptogeni, ayurvedici, oli di cannabinoidi, bacche di goji e gocce e pastiglie per la tosse naturali sono tra i più venduti.

Anche se la maggior parte dei medici di base sono brave persone che fanno un ottimo lavoro, è importante vederli anche come potenziali procuratori di un’enorme industria immorale, e imparare a distinguere i farmaci necessari da quelli non necessari.

Dr Tim Coles

Fonte: newdawnmagazine.com

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code