toba60

Chi Governa l’Europa?

È una domanda che pochi si pongono, pensando che il palinsesto creato ad arte in questi ultimi 50 anni sia nato spontaneamente dalle mani di alcuni benefattori venuti per mano della divina provvidenza, il cui obbiettivo è quello di porre termine a tutte le sofferenze terrena dettate dalla triste incombenza in un futuro prosperoso e votato alla libertà.

Ma noi ci meritiamo di meglio avranno pensato e la schiavitù impartita dal profondo della loro anima non poteva che essere la scelta migliore ………

……e cosi è stato, Amen.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Sebbene la spiegazione di chi governa veramente l’Europa inizi con le guerre del Peloponneso e prosegua fino alle più recenti guerre napoleoniche, essa termina solo quando le questioni di governance sollevate per la prima volta da Pericle e Platone vengono finalmente risolte.

Poiché Donald Kagan ci ricorda che Pericle credeva che lui e i suoi compagni ateniesi dovessero “decidere da soli le questioni pubbliche, o almeno giungere a una solida comprensione delle stesse”, le sue dispute spartane sono un ottimo punto di partenza per l’analisi dell’attuale declino dell’Europa, anche perché Pericle e le sue guerre del Peloponneso costituiscono le basi intellettuali dei veri governanti dell’Europa, americani vili come Dick Cheney, Victoria Nuland, Robert Kagan e suo padre, il già citato Donald, noto studioso delle guerre di Pericle.

Questi presuntuosi delinquenti vedono l’attuale dilemma dell’Europa come la stessa matrice affrontata da Pericle. Vogliono che non abbiamo una chiara comprensione di chi siamo noi, il popolo (demos), o dove si trova il potere (cratos) di governarci. Le nostre nazioni europee non devono essere attori sovrani e indipendenti o formare alleanze autonome. Quando, come gli irlandesi, votiamo contro gli interessi dell’Europa (sic), siamo costretti a votare ancora e ancora finché non votiamo nel modo giusto, nel loro modo. Che si tratti dell’Irlanda, dei Paesi Bassi, della Francia, della Germania o dell’Italia, noi cittadini non dobbiamo avere alcun contributo significativo nella matrice del potere, la loro matrice del potere.

Il potere, a quanto pare, è sempre al di sopra e al di fuori di noi. Deve spettare ad altri, alla Commissione Europea, al Consiglio Europeo, alla Troika, alla Banca Centrale Europea o a qualche altro gruppo che va a cena con il G7 o con gli equipaggi del World Economic Forum che, come ci assicurano i loro media, ne sanno di più.

Poiché non abbiamo alcun controllo su questi governanti, non possiamo chiederne conto penalizzandoli o scambiandoli con “l’altro lotto”, un processo che ha senso solo quando ci sono differenze fondamentali tra quel lotto e l’altro lotto e quando i media permettono di articolare adeguatamente i punti di vista contrari e l’opinione pubblica, ciò che le masse informate e illuminate pensano dei problemi.

Ma c’è un problema. Noi, le masse, a prescindere da quanto possiamo essere informati o illuminati, non abbiamo voce in capitolo. Il rimedio di Napoleone, che consisteva nel darci un soffio di mitraglia, è riemerso nei Paesi Bassi, in Francia e in Canada, dove i Napoleoni di plastica di queste nazioni devono affrontare rivolte che ribollono sotto la superficie anche nelle altre satrapie che formano lo zombie dell’UE.

Per quanto imperfetto, Napoleone era, in fin dei conti, un leader, un ufficiale d’artiglieria spartano, che infondeva nella sua Grande Armée il più stupefacente esprit de corps. La sola presenza di Napoleone sul campo di battaglia valeva, secondo Wellington, 40.000 uomini e la sua marcia su Parigi durante i Cento Giorni è solo un esempio di quale forza della natura fosse Napoleone; il fatto che Carl von Clausewitz abbia inventato la moderna teoria militare sulla base delle campagne napoleoniche è un altro esempio.

Per quanto Napoleone fosse grande, anche Pericle non era da meno. Non solo tenne in riga l’alleanza ateniese, ma fece felice il suo fronte interno onorando gli dei della Grecia e non lasciandosi trasportare dalla sua stessa retorica, essendo la retorica il mezzo di comunicazione di massa della piazza ateniese.

Se volete sapere tutto sugli intrighi di Pericle, Donald Kagan è il vostro uomo. E se volete vedere come una comprensione superficiale dell’antica Grecia o dell’Europa napoleonica abbia incasinato il nostro mondo moderno, allora Robert Kagan, il pomposo marito di Donald, Victoria Nuland (moglie di Robert), il loro amico Dick Cheney, che ha evitato la leva, e il resto dei loro spregevoli collaboratori dovrebbero essere il vostro primo porto di riferimento.

Il mondo di oggi sarebbe un posto molto migliore se Robert Kagan non avesse mai lasciato Atene, la città in cui è nato, ma avesse trascorso la sua vita scrivendo odi alle urne greche e ammirando antichi busti ed edifici ateniesi. Invece è arrivato in America, si è fatto strada nel potere e ha trascorso gli ultimi 20 e più anni scrivendo sermoni sul perché Russia, Cina e una litania di altri Paesi debbano essere distrutti “per promuovere una politica liberale in tutto il mondo”.

Victoria Fuck the EU Nuland, la dolce metà di Robert, non solo è stata la forza trainante che ha promosso queste politiche liberali in Ucraina, ma è stata registrata mentre sceglieva a mano la giunta ucraina, mentre Zelensky e i suoi compatrioti russofoni non erano ovviamente all’altezza del compito.

E se chiediamo, cui bono, chi beneficia degli effluvi che il clan di Kagan diffonde, l’impresa quasi criminale Halliburton di Dick Cheney fornisce la risposta. Ed è un peccato che non abbiano più Jimmy Cagney, John Wayne o persino Yankee Doodle Dandy Rambo per mostrare i loro ultimi crimini al mondo o almeno a quella parte del mondo, in particolare l’Europa, che sostiene l’infinito saccheggio globale dell’America.

Ma questo ci riporta alle domande di Pericle e Platone su chi debba governare e, sebbene Kagan e Nuland non abbiano dubbi al riguardo, la domanda più vicina è perché l’Europa sia così indifferente alla propria distruzione per mano di questi ciarlatani da circo.

Sebbene la risposta possa essere trovata non solo in Pericle e Platone, ma anche in Guerra e Pace di Tolstoj, dove la corte dello Tzar è composta da parassiti e dai loro ospiti, da coloro che contribuiscono e da coloro che sanguinano, Richard von Coudenhove-Kalergi e le altre levatrici parassitarie dell’Unione Europea forniscono la risposta più prossima.

Il Marshall Slush Fund, attraverso Kalergi e altri reprobi, ha dato il via alla spinta verso l’unità europea, ma alle condizioni dell’America, per garantire che l’Europa occidentale non avrebbe mai rappresentato una minaccia per i Cheney, i Kagan, i Bush, i Clinton, gli Obama e gli altri Kalergis che si sottraggono alla leva, cresciuti per governare noi, buoi umani dell’Europa.

Ma questi studenti dell’antica Grecia, che hanno messo a ferro e fuoco la Serbia, la Siria, lo Yemen, l’Iraq e l’Ucraina, non sono i collaudati marescialli napoleonici che si guadagnarono le spalline sotto il fuoco e divennero, col tempo, superbi condottieri degli uomini della Francia rivoluzionaria, ognuno dei quali portava notoriamente nello zaino un bâton da maresciallo e tutti erano impregnati del vero sacre feu, il fuoco sacro, il profondo desiderio di Sparta di vincere o di morire nel tentativo. Per questi parassiti dei giorni nostri, la morte, secondo le parole di Cheney, è per gli altri; loro, essendo infinitamente più importanti, hanno le loro altre priorità parassitarie di consolidare il loro potere e costruire la loro immeritata ricchezza a spese di noi buoi.

Questo stato di cose può finire solo se l’Europa si libera del giogo nordamericano e di tutti coloro che, come Kalergi e von der Leyen, lo servono ciecamente. L’Unione Europea e l’euro devono essere sciolti e la Germania e la Francia devono tornare ad arare i propri solchi. L’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord deve essere sciolta, con l’ordine agli Stati Uniti e al Canada di rimanere dalla loro parte dello stagno, la Gran Bretagna alla deriva e il resto dell’Europa occidentale libero di risolvere i propri affari in base ai propri interessi, alle proprie tradizioni e ai propri dei, non a quelli di questi parassiti americani guerrafondai.

Inoltre, i gesuiti striscianti come Kalergi, von der Leyen e l’equipaggio di Kagan devono essere mandati al pascolo, se non addirittura in prigione per i loro naturali. Se la retorica di Abraham Lincoln a Gettysburg sul fatto che il governo è del popolo, dal popolo, per il popolo deve avere un significato e se l’Europa deve avere un futuro, allora i Kagan, i Nuland, i Clinton, gli Obama, i Cheney e i Bush, che sono tutti spacconi, blarney, bombe, proiettili e affari sporchi, devono essere deposti in modo che il sacro fuoco di Sparta possa brillare di nuovo.

Sebbene rinchiudere questi gangster e i loro complici, e gettare metaforicamente la chiave, siano precondizioni necessarie affinché l’Europa sia governata dal popolo e per il popolo, non sono sufficienti. Una volta che la loro base di potere si sarà dissipata, allora ci sarà la speranza che la mentalità satanica che il loro culto consumistico del pane e del circo promuove possa finire e che un’Europa rinvigorita, libera dalla loro influenza, possa sorgere per portare la luce a superare le tenebre che hanno assiduamente seminato.

Declan Hayes

Fonte: strategic-culture.org

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code