toba60

Come Condurre l’Analisi dei Sogni con Metodi e Risultati Empirici

Viviamo in un mondo dove tutti sono alla ricerca di qualcosa e si scandaglia in ogni luogo per trovare una parvenza di quello che in definitiva dovrebbe soddisfare il proprio innato desiderio di conoscere.

Se solo le persone sapessero che ogni individuo è predisposto per attingere a piene mani ad una sapienza infinita senza muoversi da casa, il pianeta sarebbe immune da ogni genere di violenza e malaffare.

È più facile trovare la soluzione ai propri problemi attingendo dall’esterno, questo è dato dalla stupidita acquisita a considerare solo ciò che ci è appare, è un po come cercare le chiavi smarrite sotto il lampione della luce perché si vede, ignorando il luogo da dove si è stati.

Toba60

Un sogno non interpretato è come una lettera non aperta.

Erich Fromm

Analisi dei Sogni con Metodi e Risultati Empirici

Sia che si consideri la varietà di sogni profetici presenti nella Bibbia e in altri testi religiosi, sia che si considerino i moderni fenomeni parapsicologici o persino idee della cultura pop come l’agente Dale Cooper o Scott Pilgrim, tutti concordano sul fatto che i sogni hanno un significato.

Sigmund Freud

La maggior parte delle persone, tuttavia, si rassegna a un angolo misterioso del proprio cervello che li riempie di enigmi infiniti e irrisolvibili che è meglio dimenticare perché sono essenzialmente un feedback neurologico casuale durante l’inattività del cervello.

Probabilmente questo non è un modo accurato di considerare un sogno, ma qualsiasi teoria o ipotesi senza l’uso della deduzione empirica o della complessità irriducibile, o del rasoio di Occam (è la stessa cosa), è incompleta. Sfortunatamente, praticamente qualsiasi dato scientifico moderno è incompleto, nella migliore delle ipotesi, perché non è stato sottoposto al rasoio di Occam rispetto alle scienze antiche della storia (e sì, erano scienze). Ricordate: solo perché qualcosa non è una bugia, non significa che sia la verità.

Quando si considerano i sogni utilizzando la deduzione empirica, è importante considerare due serie di dati: la prima è la varietà di psicoterapeuti classici e dedicati che non solo hanno postulato pesantemente sull’analisi dei sogni, ma hanno anche raccolto risultati promettenti utilizzando le loro metodologie durante la loro pratica con i pazienti, come Sigmund Freud, Carl Jung, Calvin Hall e, in misura minore ma comunque notevole, Viktor Frankl e Wilhelm Reich.

La seconda nota, forse più importante, riguarda l’efficacia di queste pratiche di analisi dei sogni nella vita personale. Proprio come una sostanza chimica psichedelica, tutto ciò che una persona deve fare è semplicemente provarla per se stessa – non c’è bisogno di credere. Inoltre, la “credenza” o “fede” sta diventando un’idea sempre più vaga e completamente travisata, poiché la scienza moderna ha dimostrato senza ombra di dubbio che i placebo sono efficaci anche se una persona è consapevole che si tratta di una sostanza placebo.

Come è possibile? L’idea di “placebo”, “fede/credenza” o “ingannare se stessi” in realtà non è affatto “ingannare” se stessi, ma utilizzare dei trigger mentali per dare il via a uno stato cerebrale del tutto raggiungibile, ma remoto, nel tradizionale stato di coscienza di veglia di una persona.

Come altra nota di considerazione per il lettore, Christopher Nolan ha indiscutibilmente una grande conoscenza dell’analisi dei sogni e del suo rapporto con questa nozione di “placebo” e persino di simbolismo esoterico, dato che il film Inception vanta una versione fantastica di alcuni principi fondamentali dell’analisi e dell’interpretazione dei sogni.

Se si va avanti, ci sono molte persone anche se scettiche che sarebbero disposte a provare l’analisi dei sogni, se solo sapessero come fare. La lettura di materiale del calibro di Jung e Freud richiede una discreta capacità di comprensione e spesso è difficile da afferrare anche per le persone istruite, perché, semplicemente, a nessuno è stato insegnato questo quadro di riferimento verso i sogni, a meno che non si abbia avuto la fortuna di essere cresciuti da genitori esoterici o da una cultura tradizionale di spiritualità.

Come ultima considerazione sul materiale di partenza, prima di immergerci nella meccanica di questo fenomeno, prendiamo in considerazione alcune di queste spiritualità tradizionali e i risultati empirici ed efficaci di questa analisi sciamanica dei sogni. Per chiunque consideri ancora queste idee come spazzatura “New Age”, ricordate che c’è una differenza tra i venditori postmoderni di New Age e l’analisi di antichi documenti storici.

Si tratta di un testo di oltre 100 pagine intitolato “Taoismo religioso e sogni: An Analysis of the Dream-data Collected in the Yün-chi ch’i-ch’ien, che può essere letto qui.

Inoltre, era una credenza tradizionale sostenuta dagli Iniziati ai Misteri di Babilonia, Egitto, Grecia, Persia e altrove che gli stati onirici fossero in realtà una vena più profonda della realtà di una persona rispetto alla sua coscienza di veglia. Questo non significa che la “vita reale” sia meno importante dei sogni, ma che la “vita reale” è meno pregnante dei sogni su base continuativa. La vita di veglia ha molti momenti significativi, ma anche una notevole quantità di inutili tempi morti.

Nello stato di sogno non ci sono tempi morti. Ogni singolo aspetto del sogno è stato riempito di un significato specifico che ha una relazione con il cervello della persona attraverso la matematica frattale; infatti, deve esserci una causa (i neuroni) per creare un effetto (il simbolismo del sogno) per cominciare. Ecco un interessante articolo che parla della metafisica del lavoro onirico egiziano. Poiché Thoth, lo scriba del cosmo, era considerato il dio della divinazione, era comunemente associato a questo lavoro sui sogni e all’analisi. Il lavoro onirico babilonese è presente nell’Epopea di Gilgamesh.

Passiamo ora a considerare la metodologia e i meccanismi con cui questi antichi sacerdoti e iniziati conducevano il loro lavoro sui sogni e perché queste idee erano abbastanza utili da ispirare un’epoca completamente diversa di psicoanalisti (questa fiaccola è stata accesa da Freud e portata al traguardo da Carl Jung, che apprezzava il lavoro di Freud ma lo riteneva fuorviante).

In primo luogo, è della massima importanza essere “alfabetizzati simbolicamente”, il che significa che il simbolismo è un linguaggio completamente diverso in sé e per sé (qualcuno conosce i geroglifici?), ed è un linguaggio che si esclude a vicenda dalla comunicazione linguistica. Se una persona è dotata di talento linguistico, questo non ha praticamente alcuna utilità nel lavoro con i sogni. Una persona deve essere preparata a esprimere la propria mente attraverso i simboli. Questo articolo può fornire un contesto più approfondito.

Poiché imparare una nuova lingua è un compito scoraggiante, si consiglia di iniziare con un’enciclopedia di fiducia, come L’uomo e i suoi simboli di Carl Jung, consultabile qui, e ARAS.org, che sta per The Archive for Research in Archetypal Symbolism. Inoltre, i cosiddetti dizionari dei sogni si possono trovare online e possono fornire un contesto utile, ma devono essere presi con un granello di sale in più a causa della natura di seconda mano di queste fonti. Inoltre, qualsiasi psicoterapeuta che abbia lavorato con i sogni ha pubblicato almeno un “esempio di analisi dei sogni” o una sorta di “guida”, anche se a volte possono essere piuttosto confusi se il simbolismo non viene compreso correttamente.

È fondamentale considerare il rituale del “prepararsi a dormire”. Esiste una combinazione chiave di fattori necessaria per ottenere i risultati più efficaci e surreali durante gli stati onirici. Sebbene la scienza moderna possa non essere d’accordo sul fatto che questi elementi favoriscano l’analisi metafisica dei sogni, tutti possono concordare sul fatto che, in ogni caso, questi sono i risultati migliori per una buona notte di sonno.

È tutto molto semplice: Non mangiare almeno un paio d’ore prima di dormire, non addormentarsi con la luce accesa o con tecnologie come musica, podcast o film. Preferibilmente, non assumete nemmeno sedativi naturali, e certamente non in modo regolare. I sonniferi naturali come la radice di valeriana, l’iperico/artemisia, la kava kava, la cannabis e simili, pur essendo noti per la capacità di aumentare il surrealismo e la pregnanza dei sogni a breve termine, tendono anche ad accorciare il ciclo REM con un uso prolungato e finiranno per ostacolare il lavoro sui sogni.

Con questo non si vuole scoraggiare l’uso di queste piante, che sono molto utili per un sonno riposante e sono del tutto salutari per una persona che le assume regolarmente, ma a lungo andare non aiutano nessuno a sognare.

Dopo aver preso le misure adeguate per andare a letto, il passo successivo è chiamato “incubazione dei sogni”, ovvero il concetto di “incubazione” di un sogno mentre ci si addormenta. Il trucco consiste nel concentrarsi sul pensiero da una prospettiva oggettiva; se una persona sta cercando di capire un evento della sua vita, le si suggerisce di analizzarlo da una prospettiva onnipresente, come se non fosse affatto parte del ricordo o dell’idea che ha in mente. In questo modo, i sogni sull’argomento saranno garantiti. L’unica cosa che non può essere garantita è che la persona ricordi il sogno all’inizio, per cui di solito è necessaria la ripetizione.

La continuazione di questo processo porterà all’incubazione definitiva dei sogni. Una volta che una persona può imparare a incubare questi concetti quando si addormenta, il passo successivo sarà al risveglio. È importante che chiunque segua questi passi abbia un utensile per scrivere e un taccuino accanto al letto: un dispositivo elettronico non va bene. Il rituale della scrittura su carta, come la propria calligrafia, aiuta a connettersi con i propri pensieri molto più efficacemente di qualsiasi computer portatile o telefono.

Oltre allo studio approfondito del simbolismo che si raccomanda, ecco una guida in quattro fasi per un approccio più pratico al simbolismo dei sogni, che può essere utilizzato insieme allo studio per ottenere i migliori risultati. Poiché parte della definizione di “simbolo archetipico” indica che il simbolo è una definizione empirica di parte dei metadati che compongono i pensieri coscienti di una persona, è importante sondare le idee soggettive dell’individuo e studiare le prove storiche.

In altre parole, i neuroni vivi non possono essere studiati molto bene in prima persona (anche con gli odierni progressi scientifici), e anche quando possono esserlo, c’è un contesto minimo che può essere applicato alle scansioni EEG e simili. È sufficiente dire che il simbolismo è un modo per studiare empiricamente la funzione dei neuroni e degli stimoli bioelettrici senza interrompere il processo attraverso una procedura o un intervento chirurgico di qualche tipo.

Consideriamo ora questo processo in quattro fasi, che può essere colloquialmente coniato come “tessitura dei sogni”.

1) Scrivete il vostro sogno in un diario. Poi, accanto al sogno, fate un elenco di ogni singolo sostantivo (persona, luogo, cosa) con cui siete entrati in contatto durante il sogno. Non dedicare un’intera giornata alla compilazione di questo elenco: alcune di queste cose saranno meno importanti di altre, quindi la discrezione personale è fondamentale.

2) Aggettivo fisico descrittivo; libera associazione di parole. Se il sostantivo è un gatto, la persona deve aprire il cervello alla prima parola logica che trova nei suoi pensieri e che è associata a gatto. Non si deve pensare per più di 1,5 secondi, perché dopo questo tempo si perde la spontaneità dell’esercizio. Supponiamo che una persona ottenga “filo” da “gatto”.

2) Aggettivo descrittivo emozionale, libera associazione di parole. Se l’aggettivo fisico da “gatto” era “filato”, la persona cerca di utilizzare lo stesso processo illustrato al punto 1, ma questa volta cerca la prima descrizione emotiva di “filato” che le viene in mente. Diciamo che la persona trova “groviglio”.

4) Dal gatto, la persona può dedurre soggettivamente, dato il contesto del proprio cervello e la sensazione del sogno, che a un certo livello questo gatto rappresenta una sensazione di groviglio, forse di frustrazione emotiva che potrebbe essere legata a tutta una serie di cose; forse un proprietario del gatto sognato.

Una persona sarà probabilmente sorpresa di quanto spesso scoprirà, attraverso il processo di tessitura dei sogni, che la sua interpretazione soggettiva e intuitiva dei simboli si inserisce nello stesso quadro del simbolismo tradizionale ed esoterico qui discusso. Sebbene le nozioni di “coscienza collettiva” non debbano essere scartate in questa sede, ciò che forse è più corretto sottolineare è la nozione errata di “placebo”, che, ancora una volta, non è “ingannare se stessi”, ma “innescare se stessi”. Anche la teoria del ricordo di Socrate (scritta da Platone) è una nota a margine interessante.

L’idea generale è che l’inconscio e la porta del subconscio lavorino insieme per raccontare alla coscienza della veglia un continuo e illimitato enigma di simboli pronti per essere assimilati nella narrazione dei pensieri e della comprensione di una persona. Come in ogni cosa, la chiave è la perseveranza, ma i risultati sono inconfutabili e garantiti, a patto che si compiano i passi giusti e si applichi la giusta quantità di tempo e dedizione.

Questo, innegabilmente, rappresenta la capacità di chiunque di leggere il proprio inconscio come un libro aperto durante gli stati onirici, il che può portare a forme di sogno lucido che sono abbastanza illimitate e sbalorditive, e sono esperienze spesso riservate agli adepti, ai saggi e ai sacerdoti più elevati, perché tendono a essere esperienze altamente potenti.

Chiunque abbia la capacità di sognare lucidamente e abbia anche un’alfabetizzazione simbolica, potrebbe trovarsi seduto alle redini del più interattivo e dettagliato “gioco di ruolo” mai concepito, cosa che nemmeno i migliori programmi di realtà virtuale potrebbero fare (soprattutto se si considera la possibilità di incontrare altre entità spirituali e/o umane durante determinati stati onirici attraverso una forma di telepatia).

Un’altra nota per gli appassionati ricercatori è un articolo pubblicato da The Last American Vagabond sulla neuroplasticità, che può essere consultato qui e fornisce un ulteriore contesto ai meccanismi in gioco.

Siate preparati, perché si tratta di un vero e proprio viaggio nella tana del coniglio e, a seconda di quanto ci si spinge in là, può essere la chiave della verità per la mente o la chiave del vaso di Pandora delle nostre paure interiori (si pensi alle Persone Ombra e alla paralisi del sonno). L’autore augura buona fortuna e buona caccia a tutti i viaggiatori degli stati onirici e raccomanda un acchiappasogni sopra il letto a chiunque cerchi un soggiorno.

Anthony Tyler

Fonte: thelastamericanvagabond.com

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code