toba60

Cosa Devi Sapere Sull’Incontro del 2022 nel World Economic Forum

Il mondo è fatto di persone persone le quali pensano di sapere tutto e di coloro che si vantano di ascoltare le persone citate sopra. (Quelle che sanno tutto per intenderci).

Il risultato è quello che abbiamo di fronte ora in questo preciso momento nel mondo.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

World Economic Forum 2022

Oltre 2.500 capi di Stato, dirigenti d’azienda, rappresentanti di organizzazioni non governative e personalità dei media si sono incontrati a Davos, in Svizzera, per tracciare il futuro del mondo.

Mentre la folla di Davos torna in Svizzera per il primo incontro di persona del World Economic Forum in più di due anni, diversi argomenti sono stati al centro della discussione. Dall’energia all’inflazione, dall’Ucraina alla globalizzazione, dal Metaverse ai criteri ESG, l’incontro annuale di aspiranti elitari ha visto discussioni su un’ampia gamma di argomenti urgenti.

Questo articolo è un breve sguardo ad alcuni dei momenti salienti dell’incontro di quest’anno. (Dato che ci sono letteralmente centinaia di interventi e panel da esaminare in quest’ultima settimana, è possibile che vengano pubblicati altri approfondimenti in base al WEF 2022).

Ucraina

Mentre la maggior parte dei diplomatici e dei capi di Stato che hanno commentato il conflitto tra Ucraina e Russia si sono impegnati a sostenere il governo ucraino, l’ex Segretario di Stato americano Henry Kissinger ha iniziato la settimana incoraggiando la comunità internazionale a cedere un po’ di territorio alla Russia in modo che ci sia pace.

“Idealmente, la linea di demarcazione dovrebbe essere il ritorno allo status quo ante. Proseguire la guerra oltre quel punto non significherebbe liberare l’Ucraina, ma scatenare una nuova guerra contro la Russia stessa”, ha dichiarato Kissinger.

Le dichiarazioni di Kissinger indicano il sostegno a permettere alla Russia di mantenere il controllo della Crimea e di governare informalmente la regione del Donbass.

Tuttavia, mercoledì il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha criticato Kissinger per le sue dichiarazioni.

“Sembra che il calendario del signor Kissinger non sia il 2022, ma il 1938, e che pensasse di parlare a un pubblico non a Davos, ma a Monaco di Baviera di quel tempo”, ha detto Zelenskyy. “Tra l’altro, nel vero 1938, quando la famiglia del signor Kissinger stava fuggendo dalla Germania nazista, lui aveva 15 anni e capiva tutto perfettamente. E nessuno gli disse che era necessario adattarsi ai nazisti invece di fuggire o combatterli”.

Nel frattempo, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha dichiarato che i negoziati di pace con la Russia non stanno andando “da nessuna parte”.

I prossimi giorni e le prossime settimane riveleranno se la folla del jet set globalista ascolterà il mentore di Klaus Schwab, Henry Kissinger, o il burattino occidentale Zelenskyy.

Censura di Youtube

L’amministratore delegato di YouTube, Susan Wojcicki, ha ulteriormente rafforzato l’impegno della sua azienda a censurare le informazioni che non si allineano con le narrazioni ufficiali dei media aziendali. Wojcicki ha fatto questi commenti ad Alyson Shontell Lombardi, caporedattore di Fortune Magazine, quando le è stato chiesto se gli sforzi di YouTube per censurare la disinformazione saranno sempre un “lavoro in corso”.

“Penso che ci sarà sempre del lavoro da fare perché ci saranno sempre incentivi per le persone a creare disinformazione”, ha detto Wojcicki. “La sfida sarà quella di continuare a tenere il passo e assicurarci di capire quali sono e i diversi modi che le persone possono usare per cercare di ingannare i nostri sistemi e assicurarci che i nostri sistemi siano all’avanguardia rispetto a ciò che è necessario per assicurarci di gestirli”.

Come riporta Reclaim The Net, YouTube ha già cancellato più di un milione di video per “disinformazione COVID”, ha in programma di censurare preventivamente la “nuova disinformazione” e ha preso in considerazione la possibilità di nascondere il pulsante di condivisione per evitare la diffusione della disinformazione.

Il Metaverso

Naturalmente si è discusso del modo in cui il Metaverso sta plasmando il futuro. Forse l’annuncio più importante riguarda la nuova iniziativa del WEF “Definire e costruire il Metaverso”. Il WEF afferma che l’iniziativa “riunirà le principali parti interessate per costruire un metaverso economicamente redditizio, interoperabile, sicuro e inclusivo”.

L’annuncio è stato accolto con favore da Stephanie Burns di Sony Interactive Entertainment, Brad Smith, presidente e vicepresidente di Microsoft, Nick Clegg, ex vice primo ministro del Regno Unito e presidente degli Affari globali di Meta (ex Facebook), e Peggy Johnson di Magic Leap Inc, ex CEO di Microsoft e coinvolta nel progetto ID2020.

Peggy Johnson ha anche partecipato a un panel intitolato “Shaping a Shared Future: Making the Metaverse”. Anche il CEO di Microsoft Satya Nadella ha partecipato a un panel con il fondatore del WEF Klaus Schwab, discutendo del Metaverso e del futuro del lavoro.

Vi invito a leggere la mia indagine in due parti (parte 1 e 2) sulla Grande Narrazione e sul Metaverso per comprendere meglio le implicazioni del Metaverso.

Pfizer e i vaccini

Nonostante siano passati due anni dall’annuncio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di una “pandemia globale”, il tema delle vaccinazioni era in cima alla lista delle priorità, soprattutto quando i media aziendali hanno iniziato a lanciare l’allarme su “una nuova ondata di infezioni da COVID-19” e sulle preoccupazioni per il vaiolo delle scimmie (la TLAV indagherà sulla situazione del vaiolo delle scimmie man mano che si svilupperà).

Il gigante farmaceutico Pfizer si è impegnato a fornire tutti i suoi farmaci protetti da brevetto, attuali e futuri, senza scopo di lucro a 45 nazioni a basso reddito. La mossa è stata annunciata da Alberta Bourla, CEO di Pfizer. Non ha fatto alcun riferimento alle reazioni avverse causate dalle iniezioni di COVID-19 di Pfizer.

La prossima pandemia

Un altro panel, intitolato “Prepararsi alla prossima pandemia”, ha visto la partecipazione di Bill Gates, Peter Sands, Direttore esecutivo del Fondo globale per la lotta all’AIDS, alla tubercolosi e alla malaria, Helen E. Clark dell’OMS e Francis deSouza, Presidente e Amministratore delegato di Illumina Inc. La presenza di deSouza e Illumina è una scelta interessante, soprattutto per quanto riguarda la “prossima pandemia”, perché l’azienda si occupa di sequenziamento del DNA e genomica.

Inoltre, c’è stato un panel intitolato “La città post-pandemica: Not Business as Usual”, con relatori che immaginano come potrebbe cambiare una città nel mondo post-COVID-19. È interessante notare che al panel partecipa Francis Suarez, sindaco di Miami e presidente della Conferenza dei sindaci degli Stati Uniti. Questo dettaglio è degno di nota come esempio di come un’agenda globale Agenda 2030, cambiamento climatico, design sostenibile parta da luoghi come il WEF e filtri fino al livello locale, dove viene attuata da funzionari locali come il sindaco Suarez.

Il cambiamento climatico

Naturalmente, il cambiamento climatico è stato un tema caldo per tutta la settimana. Xie Zhenhua, inviato speciale della Cina per il cambiamento climatico, ha detto che le parole non sono sufficienti. “Non si tratta più solo di parole, ma di azioni. L’azione sul clima, ora, è fondamentale”.

Anche l’inviato speciale del Presidente degli Stati Uniti per il clima, John Kerry, ha affermato che l’unica strada percorribile è quella di “cambiare radicalmente il nostro sistema economico e la nostra dipendenza dai combustibili fossili” nei prossimi 8 anni. Kerry ha anche osservato che “abbiamo la tecnologia per cambiare, abbiamo bisogno della volontà politica. Se riusciamo a sfruttarla, possiamo ancora evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico”.

Impegno per l’eliminazione delle emissioni di carbonio

Per quanto riguarda le azioni specifiche intraprese dai globalisti “in nome della lotta al cambiamento climatico”, è stato annunciato un nuovo partenariato pubblico-privato incentrato sui programmi di cattura del carbonio. La cosiddetta First Movers Coalition si occupa di ripulire i settori industriali a maggiore intensità di carbonio. Durante la riunione del WEF, la coalizione ha annunciato un’importante espansione a più di 50 membri aziendali per un valore di circa 8,5 trilioni di dollari e un totale di nove governi leader.

John Kerry ha fatto l’annuncio insieme a Bill Gates, fondatore di Breakthrough Energy. La coalizione ha dato il benvenuto nel comitato direttivo a India, Giappone e Svezia, oltre a Danimarca, Italia, Norvegia, Singapore e Regno Unito come partner governativi.

Tra le aziende che hanno aderito alla First Movers Coalition figurano Alphabet, Microsoft, AES, Aveva, Ball Corporation, BHP, Consolidated Contractors Company, Ecolab, Enel, EY, FedEx, Ford Motor Company, HeidelbergCement, Mitsui O.S.K. Lines, National Grid, Novelis, PWC, Schneider Electric, Swiss Re e Vestas.

Criteri ambientali, sociali e di governance (ESG)

Uno dei metodi utilizzati dalle aziende per misurare il successo di questi tipi di programmi è quello di basarli su criteri ambientali, sociali e di governance (ESG). Gli investimenti ESG sono talvolta definiti anche investimenti sostenibili, investimenti responsabili o investimenti socialmente responsabili (SRI). Questa pratica è diventata un modo sempre più popolare per promuovere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite ed è stata ampiamente illustrata in occasione del WEF 22.

Mentre gran parte della conversazione sull’ESG si è concentrata sulle aziende che cercano di “diventare verdi”, molti ricercatori sospettano che i criteri simili all’ESG saranno applicati agli individui come una forma di punteggio di credito sociale.

Per esempio, durante un panel intitolato “Consumo responsabile”, il presidente di Alibaba Group, J. Michael Evans, ha parlato dell’importanza dell’adozione dei criteri ESG da parte della sua azienda e di altre. Si è anche vantato dello sviluppo di un “tracker individuale dell’impronta di carbonio” per monitorare ciò che si acquista, ciò che si mangia, nonché dove e come si viaggia.

Evans ha anche illustrato come la sua azienda stia lavorando per incentivare il pubblico a utilizzare sistemi che incoraggino comportamenti rispettosi dell’ambiente. Il sistema descritto da Evans fa parte della spinta verso l’incentivazione dei consumatori tramite punti e premi. Questi sistemi sono un altro passo nella direzione dei punteggi di credito sociale.

“All’interno della nostra azienda abbiamo una cosa chiamata A Map. Quello che faremo è permettere alle persone di calcolare il percorso migliore, il percorso più efficiente e anche la forma di trasporto più efficiente. Poi, se si avvalgono di queste raccomandazioni, diamo loro dei punti bonus che possono riscattare in altri punti della nostra piattaforma. Così sono incentivati a fare la cosa giusta”.

Valute digitali delle banche centrali

Uno degli argomenti di maggior impatto discussi è stato quello delle valute digitali delle banche centrali (CBDC). Un panel sulle CBDC ha visto la partecipazione di Kristalina Georgieva, Direttore Generale del Fondo Monetario Internazionale, Sethaput Suthiwartnarueput, Governatore della Banca di Thailandia, François Villeroy de Galhau, Governatore della Banca Centrale di Francia e Axel Lehmann, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Credit Suisse AG.

Nell’esporre le ragioni delle valute digitali controllate dalle Banche Centrali, la Georgieva ha preso di mira le criptovalute. “Il Bitcoin può essere chiamato moneta, ma non è denaro. Non è una riserva di valore stabile”, ha dichiarato.

François Villeroy de Galhau, governatore della Banca centrale francese, ha definito le criptovalute “non un mezzo di pagamento affidabile”.

La ragione di questo astio nei confronti dell’uso privato delle criptovalute è che esse sono una spina nel fianco dei globalisti che cercano di porre fine all’uso del contante e di tutti gli scambi finanziari privati che non possono tracciare e rintracciare. Il fatto che le CBDC siano state discusse in diversi panel con autorità di alto livello nei rispettivi settori è un’indicazione del fatto che le CBDC continueranno a essere una parte importante dell’agenda del Great Reset del WEF.

Derrick Broze

Fonte: thelastamericanvagabond.com

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code