toba60

Cosa Dicono i Medici della Chemioterapia?

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Quando si parla di Cancro e’ inevitabile fare riferimento alla Chemioterapia e a tutto quello che viene fatto per far fronte alla malattia.

E’ un canale unilaterale quello che viene messo in atto, una volta accertata la diagnosi, per cui si e’ in balia di un qualcosa che sfugge totalmente al nostro controllo.

Si Svolge un colloquio con un dottore, affiancato con uno psicologo, si fanno tutti gli accertamenti, si pianifica una procedura che può variare a seconda del caso, e alla fine si e’ introdotti su una unica direttrice che tutti i malati ben conoscono.

Ad essere coinvolti poi, sono tutte le persone vicine, amici, parenti e tutti in un circolo vizioso sono coinvolti su più’ fronti (Economici, familiari, sociali psicologici ecc) che sommati tra loro incidono e pregiudicano la vita in maniera devastante.

La sezione Cancro su questo magazine ha un numero di visitatori molto elevato e sopratutto motivato a conoscere e capire quanto più’ possibile su questa malattia, io stesso se domani vengo a sapere che ho un tumore, non posso prevedere la mia reazione e mi rendo conto che tutto quello che pubblico alla fin fine e’ solo aria fritta, (Sono fermamente determinato a far si che non sia più’ cosi) perché e’ nell’immediato che si deve agire per trovare una soluzione al problema.

Questa relazione fornisce dati riferiti a 20 anni fa, ma e’ incredibile come i dati attuali non si discostano di una virgola rispetto a quelli dell’epoca!

Da quando curo questa sezione ho personalmente fatto una ricerca su scala mondiale, che spazia in ogni settore della medicina e un idea oggettiva me la sono fatta.

Non e’ un caso che la prima denuncia ricevuta su questo Magazine, sia proprio riferita ad un servizio sul Cancro, nessuno meglio di chi fa informazione alternativa, sa quali sono i tasti che non si possono toccare e non riguardano ”badate bene”, solo le industrie farmaceutiche.

Nella vita non ci sono mai problemi ma solo soluzioni, ed e’ su questo punto che ci si deve soffermare, perché’ come in tutte le cose, tutto dipende da chi questa soluzione non intende proporla e perché’, ma sopratutto ed e’ la sola cosa che veramente conta ……….Qual’e’! (1 Puntata)

Toba60

Gli scienziati del McGill Cancer Center hanno inviato un questionario a 118 medici per il carcinoma polmonare per determinare il grado di fiducia che questi medici neoplastici praticanti riponevano nelle terapie da loro somministrate. È stato chiesto loro di immaginare di avere un cancro e gli è stato chiesto quale dei sei studi attuali avrebbero scelto.

79 medici hanno risposto, di cui 64 non avrebbero acconsentito a partecipare ad alcun processo contenente Cisplatino – uno dei farmaci chemioterapici più comuni che stavano sperimentando (attualmente raggiungendo vendite mondiali di circa $ 110.000.000 all’anno) e 58 dei 79 hanno riscontrato che tutti gli studi in questione erano inaccettabili a causa dell’inefficacia della chemioterapia e del suo inaccettabilmente alto grado di tossicità

Quando il malato di cancro sente il medico dire “efficace”, pensa, e logicamente, che “efficace” significa che cura il cancro. Ma tutto ciò che significa è una contrazione temporanea del tumore.

La chemioterapia di solito non cura il cancro o allunga la vita, e in realtà non migliora nemmeno la qualità della vita. Tuttavia, i medici fanno spesso questa affermazione. Ci sono migliaia di studi che sono stati esaminati dal Dr. Moss come parte della ricerca per il suo libro – e non esiste un solo buon studio che documenti questa affermazione.

Ciò che i pazienti considerano “buona qualità della vita” sembra differire da ciò che i medici considerano. Per la maggior parte è solo buonsenso che un farmaco che ti fa vomitare, perde i capelli e distrugge il sistema immunitario non migliora la qualità della vita. La chemioterapia può causare piaghe alla bocca potenzialmente letali. Le persone possono deformare l’intero rivestimento dell’intestino! Un effetto a più lungo termine è particolarmente tragico: le persone che hanno avuto la chemioterapia non rispondono più agli approcci nutrizionali o basati su immunologicamente ai loro tumori. E poiché la chemioterapia non cura comunque dal 96% al 98% di tutti i tumori … Le persone che prendono la chemioterapia hanno purtroppo perso la possibilità di trovare un altro tipo di cura.

In particolare, sta dicendo che in numerosi sondaggi la maggior parte dei chemioterapisti ha affermato che non avrebbero preso la chemioterapia da soli o lo avrebbero raccomandato alle loro famiglie. I farmaci chemioterapici sono le sostanze più tossiche mai messe deliberatamente nel corpo umano. Sono noti veleni, sono progettati veleni. Il tutto è iniziato con esperimenti con “gas mostarda”, gli orribili agenti di guerra chimica della prima guerra mondiale.

La posizione del Dr. Moss sulla chemioterapia è supportata da molti importanti studenti dello studio sul trattamento del cancro. Di seguito sono riportati alcuni esempi: il Dr. John Bailar è il capo dell’epidemiologia presso la McGill University di Montreal ed era precedentemente direttore del Journal of National Cancer Institute. Nel 1986 il New England Journal of Medicine pubblicò un articolo del dott. Bailer e della dott.ssa Elaine Smith, una collega dell’Università dell’Iowa. Bailer e Smith hanno scritto: “Circa 35 anni di intensi e crescenti sforzi per migliorare il trattamento del cancro non hanno avuto un effetto complessivo sulla misura più fondamentale dell’esito clinico: la morte. Lo sforzo per controllare il cancro non è riuscito finora a raggiungere i suoi obiettivi .

Il dott. John Cairns, professore di microbiologia ad Harvard, pubblicò la sua opinione su Scientific American nel 1985, “che sostanzialmente la guerra al cancro era un fallimento e che la chemioterapia non andava molto lontano con la stragrande maggioranza dei tumori”.

Già nel 1975, il premio Nobel James Watson, famoso per il DNA, è stato citato sul New York Times affermando che al pubblico americano era stata “venduta una brutta lista di merci sul cancro”.

Nel 1991, il dott. Albert Braverman, professore di ematologia e oncologia alla State University di New York, Brooklyn, pubblicò un articolo su Lancet intitolato “Oncologia medica negli anni ’90”, in cui scrisse: “È giunto il momento di ridurre sull’indagine clinica di nuovi regimi chemioterapici per il cancro e per gettare un occhio critico sul modo in cui viene attualmente somministrato il trattamento chemioterapico “.

Braverman afferma che nel 1976 non esiste un tumore solido incurabile che sia curabile oggi. Il Dr. Moss lo conferma e afferma che il più grande passo avanti nello studio oggettivo della chemioterapia è arrivato da un biostatista dell’Università di Heidelberg, il Dr. Ulrich Abel. La sua critica si concentrava sul fatto che la chemioterapia prolungasse efficacemente la sopravvivenza nel carcinoma epiteliale avanzato. La sua risposta è stata che non è efficace. Ha riassunto ed esteso le sue scoperte e ha concluso che la chemioterapia nel complesso è inefficace. Una recente ricerca ha rivelato esattamente zero recensioni del suo lavoro su riviste americane, anche se è stato pubblicato nel 1990. La convinzione è che ciò non è dovuto al fatto che il suo lavoro non era importante, ma perché è irrefutabile.

Con l’ampia documentazione nel libro del Dr. Moss e tutte le statistiche sviluppate dagli esperti, perché la chemioterapia è ancora spinta dalla grande maggioranza degli oncologi? Il Dr. Moss ritiene che “c’è un tremendo conflitto nelle menti di oncologi onesti, sensibili e premurosi”. Sono in una posizione molto difficile perché sono stati addestrati a somministrare questi farmaci. E hanno dedicato molti anni al raggiungimento di un altissimo livello di competenza nella conoscenza di composti velenosi e mortali. Sono davvero in difficoltà, perché sono andati in oncologia per aiutare il malato di cancro, eppure gli strumenti che gli sono stati dati non funzionano. E vedono cosa succede ai medici che “escono di linea” e curano il cancro con mezzi alternativi.

Incursioni armate, perdita di licenze, sbavature professionali e ostracismo sono alcune delle conseguenze. Tutto ciò potrebbe essere correlato alla citazione nel libro del Dr. Lundberg, editore del Journal of American Medical Association. In un recente incontro del National Institute of Health, ha detto della chemioterapia: “[È] una meravigliosa opportunità per l’inganno dilagante. Ci sono così tanti soldi da fare che i principi etici possono essere superati a volte in un affronto per arrivare a medici e prescrittori. ” Non l’hai mai sentito nelle notizie della sera.

L’economia del trattamento del cancro è sorprendente. Il trattamento del cancro è vicino a $ 100 miliardi all’anno ($ 100.000.000.000). La parte di chemioterapia entro il 1995 sarà fino a $ 8,5 miliardi. Guardando da un’altra prospettiva: la società Bristol Myers possiede brevetti su dodici dei quasi quaranta farmaci chemioterapici “approvati dalla FDA”. Il presidente, l’ex presidente, il presidente del consiglio di amministrazione e un paio di direttori di Bristol Myers ricoprono tutti incarichi nel consiglio di amministrazione presso il Memorial Sloan-Kettering Cancer Center.

Il libro del Dr. Moss descrive in dettaglio i fallimenti (e pochissimi successi) della chemioterapia con oltre cinquanta tipi di tumore, include una descrizione completa dei principali farmaci chemioterapici e ha una sezione sulle domande da porre al medico. Tutti i libri del Dr. Moss e le newsletter di Cancer Chronicles sono disponibili presso Equinox Press, 1-800-929-WELL o 718-636-4433

Non solo la chemio è inefficace …

Riducendo i tumori, la chemioterapia incoraggia le cellule tumorali più forti a crescere, moltiplicarsi e diventare resistenti alla chemioterapia.

Poi ci sono i nuovi tumori causati dalla chemioterapia o tumori secondari. Questo singolare effetto collaterale è spesso trascurato negli elenchi degli effetti collaterali nella letteratura di accompagnamento di un farmaco, sebbene sia possibile trovare queste informazioni abbastanza facilmente presso il National Cancer Institute.

Siamo orgogliosi in America per essere tecnologicamente avanzati e che la nostra tecnologia è radicata in una base di buona scienza.

Sbagliato. Quando si tratta di medicina, poco si basa sulla scienza. Ancora una volta faremo riferimento al documento dell’Office of Technological Assessment: Valutare l’efficacia e la sicurezza delle tecnologie mediche in cui ci viene detto che meno del 20% di tutte le procedure mediche sono state testate e che, tra quelle testate, metà sono state testate male.

La medicina in America non riguarda la guarigione.

Quando ti viene diagnosticato un cancro, improvvisamente vali $ 300.000,00 per l’industria del cancro.

La cosa più significativa, secondo Ralph Moss nel suo libro Questioning Chemotherapy , è che in un buon numero di sondaggi, i chemioterapisti hanno risposto che non raccomanderebbero la chemioterapia per le loro famiglie né la userebbero da soli. Uno dei nostri consulenti, il dott. Dan Harper, ci ha riferito di uno studio di coorte inedito in cui è stato rivelato che solo il 9% degli oncologi ha preso la chemioterapia per i loro tumori.

Sentiamo da un paio di medici e medici che non hanno ancora ceduto alla mano pesante dell’industria del cancro:

“… come chimico addestrato a interpretare i dati, per me è incomprensibile che i medici possano ignorare la chiara evidenza che la chemioterapia fa molto, molto più male che bene.” – Alan C Nixon, PhD, ex presidente della American Chemical Society.

Walter Last, scrivendo su The Ecologist, ha riferito di recente: “Dopo aver analizzato le statistiche sulla sopravvivenza del cancro per diversi decenni, il dott. Hardin Jones, professore all’Università della California, ha concluso che” … anche i pazienti sono, o meglio, non trattati. “Jones” valutazione inquietante non è mai stata confutata.

Il professor Charles Mathe ha dichiarato: “Se avessi contratto il cancro, non sarei mai andato in un centro di trattamento del cancro standard. Le vittime del cancro che vivono lontano da tali centri hanno una possibilità. “

“Molti oncologi medici raccomandano la chemioterapia praticamente per qualsiasi tumore, con una speranza non scoperta da un fallimento quasi invariabile”, Albert Braverman.

“La maggior parte dei malati di cancro in questo paese muore di chemioterapia. La chemioterapia non elimina i tumori al seno, al colon o ai polmoni. Questo fatto è documentato da oltre un decennio, ma i medici usano ancora la chemioterapia per questi tumori ”, Allen Levin, MD UCSF The Healing of Cancer.

“Nonostante l’uso diffuso di chemioterapie, la mortalità per cancro al seno non è cambiata negli ultimi 70 anni”, Thomas Dao.

Inoltre, Irwin Bross, un biostatista del National Cancer Institute, ha scoperto che molti tumori sono benigni (anche se considerati maligni) e non metastatizzano fino a quando non vengono colpiti dalla chemioterapia. In altre parole, ha scoperto che molte persone a cui è stato diagnosticato un cancro metastatico non hanno avuto un cancro metastatico fino a quando non hanno ricevuto la chemioterapia.

Per molti tumori, la chemioterapia non migliora il tasso di sopravvivenza. Alcuni di questi sono colorettali, gastrici, pancreatici, vescicali, mammiferi, ovarici, cervicali e corpus uteri, testa e collo.

Sapendo questo, gli oncologi raccomandano ancora un regime di chemioterapia.

Ecco due storie che abbiamo ricevuto da Frank Wiewel:

Quando il presidente Reagan è stato rimosso con successo dal cancro al colon con un intervento chirurgico, la sua salute è stata segnalata quotidianamente mentre si riprendeva. Al suo ritorno al lavoro, apparve un portavoce, lo proclamò guarito, e fu quello.

Tuttavia, quasi tutti i pazienti sottoposti a chirurgia per il cancro del colon vengono sottoposti a chemioterapia in seguito. Perché non presentare Reagan?

… e poiché un’immagine dice più di mille parole, ecco un rendering di dimensioni ridotte del bruciore e delle cicatrici risultanti dalla fuoriuscita del liquido chemioterapico sulla mano non protetta. Questa immagine rende più sicuri avere una sostanza chimica tossica estremamente aggressiva somministrata all’interno del proprio corpo tramite iniezione endovenosa? Sapendo che la nostra pelle esterna è in realtà protetta meglio dagli impatti del nostro corpo interno? Questo è anche il motivo per cui gli infermieri che somministrano la chemioterapia devono indossare guanti protettivi e seguire le più rigorose misure di sicurezza in caso di fuoriuscite accidentali di chemioterapia oltre i 5 cc, vedere Elevati rischi associati alla fuoriuscita accidentale di farmaci chemioterapici.

La chemioterapia può causare il cancro

Un’ammissione straordinaria è fatta su una pagina web supportata dal National Cancer Institute degli Stati Uniti. Fornendo al lettore informazioni sul trattamento del tumore di Wilm (un tumore infantile che colpisce il rene) il sito continua affermando:

Quando vengono utilizzate dosi molto elevate di chemioterapia per uccidere le cellule tumorali, queste dosi elevate possono distruggere il tessuto che forma il sangue nelle ossa (il midollo osseo). Se sono necessarie dosi molto elevate di chemioterapia per curare il cancro, il midollo osseo può essere prelevato dalle ossa prima della terapia e congelato fino a quando non è necessario. Dopo la chemioterapia, il midollo osseo viene restituito attraverso un ago in una vena. Questo si chiama reinfusione autologa del midollo osseo.

La radioterapia utilizza i raggi X o altri raggi ad alta energia per uccidere le cellule tumorali e ridurre i tumori. Le radiazioni per il tumore di Wilms di solito provengono da una macchina esterna al corpo (radioterapia esterna). Le radiazioni possono essere utilizzate prima o dopo l’intervento chirurgico e / o la chemioterapia.

Dopo diversi anni, alcuni pazienti sviluppano un’altra forma di cancro a seguito del loro trattamento con chemioterapia e radiazioni. Sono in corso studi clinici per determinare se possono essere utilizzate dosi più basse di chemioterapia e radiazioni. “

Sapevate che 30 anni fa il dott. Hardin B. Jones, professore di Fisica e fisiologia medica a Berkeley, ha scoperto che l’aspettativa di vita dei casi di cancro non trattati sembra essere QUATTRO VOLTE PIÙ LUNGA di quella degli individui trattati?

La chemioterapia è efficace solo dal 2 al 4% dei tumori – Malattia di Hodgkin, leucemia linfocitica acuta (ALL, leucemia infantile), carcinoma del testicolo e coriocarcinoma?


Non ci sono prove scientifiche per la chemioterapia in grado di prolungare in modo apprezzabile la vita dei pazienti affetti dai tumori organici più comuni, che rappresentano l’80% di tutti i tumori? (Dott. Ulrich Abel. 1990)

I farmaci chemioterapici sono utili al massimo al 5% dei pazienti oncologici a cui sono stati somministrati, ma vengono regolarmente somministrati al 50% dei pazienti?

John Cairns di Harvard in Scientific American


Il 75% degli oncologi, in un sondaggio, ha dichiarato che se avessero il cancro non parteciperebbero agli studi sulla chemioterapia a causa della sua “inefficacia e della sua inaccettabile tossicità”?


Raggruppati, il malato di cancro medio ha una probabilità del 50/50 di vivere altri 5 anni; quali sono le stesse probabilità che ha avuto nel 1971?


Con alcuni tumori, in particolare fegato, polmone, pancreas, ossa e mammella avanzata, la nostra sopravvivenza a 5 anni dalla sola terapia tradizionale è praticamente la stessa di 30 anni fa?


Dopo $ 50 miliardi spesi nella ricerca sul cancro, l’elenco dei tumori sensibili alla chemioterapia è quasi identico a quello di 25 anni fa?
Interrogatorio sulla chemioterapia di Ralph Moss, p81

la guerra al cancro è un fallimento con un tasso di mortalità non inferiore ma del 6% superiore nel 1997 rispetto al 1970?


Lo sapevate che uno dei principali scienziati medici nucleari del mondo, John Gofman MD, Ph.D. hai scoperto che l’esposizione passata alle radiazioni ionizzanti, principalmente ai raggi X medici (ad esempio mammografie), è responsabile di circa il 75% del problema del cancro al seno oggi?

La radioterapia non migliora la sopravvivenza dei pazienti con carcinoma mammario!


Sapevi che il tasso di mortalità per carcinoma mammario nelle donne sopra i 55 anni era circa il 20% più alto nel 1995 rispetto al 1970 (così tanto per le mammografie)? (Irwin D. Bross, Ph.D.)

Sapevi che due grandi studi hanno riscontrato un aumento della mortalità delle donne (sotto i 55 anni) per carcinoma mammario che sono state regolarmente sottoposte a screening mammografico?

Fonte: https://alternativehealth.co.nz/

Il Cancro e Tutte le Cosiddette Malattie
Breve introduzione alla Nuova Medicina Germanica
Voto medio su 26 recensioni: Buono
€ 35,00

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code