toba60

Io Sono il ”Tumore Maligno” Al termine della lettura non Sarai più lo Stesso (a)

Gli aspetti medici legati a questa malattia hanno oramai illuso intere generazioni di persone, come redattore di questa rubrica oramai non mi soffermo più sui dati e statistiche relative al farmaco miracoloso che necessita sempre di un continuo innesco di denaro per poter godere di una dubbia reputazione che negli anni si e ben consolidata.

Soffermarsi un attimo sul vissuto di ognuno, per dare un senso e un significato al male del secolo, forse è la sola cosa utile da fare.

Toba60

Cancro (tumore maligno)

Per capire il cancro devi padroneggiare il pensiero analogico. Dobbiamo essere consapevoli del fatto che tutto ciò che percepiamo o definiamo come unità (un’unità tra le unità) è, da un lato, parte di un’unità più grande e, dall’altro, è composto da molte altre unità.

Ad esempio, una foresta (come unità definita) è, da un lato, parte di un’unità più grande, “paesaggio” e, d’altra parte, è composta da molti “alberi” (unità minori). Lo stesso si può dire di “un albero”. Fa parte della foresta e, a sua volta, è costituito da tronco, radici e tazze. Il tronco è per l’albero ciò che l’albero è per la foresta o la foresta al paesaggio.

Un essere umano fa parte dell’Umanità ed è composto da organi che, a loro volta, sono composti da molte cellule. L’umanità si aspetta che l’individuo si comporti nel modo più appropriato per lo sviluppo e la sopravvivenza della specie. Gli esseri umani si aspettano che i loro organi funzionino nel modo migliore per garantire la loro sopravvivenza. L’organo si aspetta che le sue cellule adempia al suo compito come richiesto dalla sopravvivenza dell’organo.

In questa gerarchia che potrebbe ancora essere estesa da una parte e dall’altra, ogni singola unità (cellula, organo, individuo) è sempre in conflitto tra l’io-vita personale e la sottrazione agli interessi dell’unità superiore. Ogni organizzazione complessa (Umanità, Stato, Organo) si basa, per il suo corretto funzionamento, su cui la maggior parte delle parti si sottomette e serve l’idea comune. Normalmente, ogni sistema supporta la separazione di alcuni dei suoi membri in modo sicuro per l’intero. Ma c’è un limite e, se viene superato, il tutto è in pericolo.

Uno Stato può mettere da parte alcuni cittadini che non lavorano, che hanno comportamenti antisociali o che combattono lo Stato. Ma quando questo gruppo che non è identificato con gli obiettivi dello Stato cresce e raggiunge una certa portata, rappresenta un pericolo per il tutto e, se raggiunge la superiorità, può compromettere l’esistenza a tutti. Naturalmente, lo Stato cercherà a lungo di proteggersi da questa crescita e difendere la propria esistenza, ma quando questi tentativi falliscono la sua caduta è certa. La politica migliore consiste nell’attirare gruppi di cittadini dissidenti verso gli obiettivi del bene comune, fornendo loro buoni incentivi. A lungo termine, la repressione violenta o l’espulsione non riescono quasi mai, ma favoriscono ilcaos. Dal punto di vista dello stato, le forze di opposizione sono nemici pericolosi che non hanno altro scopo che distruggere l’ordine e diffondere il caos.

Questa visione è corretta, ma solo da questo punto di vista. Se chiedemo agli insorti sentiremmo altre argomentazioni non meno corrette, dal loro punto di vista. La verità è che non si identificano con gli obiettivi e i concetti del loro Stato, ma sostengono le proprie idee e interessi che vogliono vedere realizzati. Lo Stato vuole l’obbedienza e i gruppi vogliono la libertà di realizzare le proprie idee. Potete capirvi, ma non è facile compiacerli entrambi allo stesso tempo senza fare sacrifici.

Non si tratta qui di sviluppare teorie o di esporre credenze sociopolitiche, ma di descrivere il processo di cancro su un altro piano, al fine di allargare un po’ l’angolo da cui di solito è contemplato. Il cancro non è un fatto isolato che si verifica solo nelle cosiddette forme, ma un processo molto differenziato e intelligente che dovrebbe occupare gli esseri umani a tutti i livelli. In quasi tutte le altre malattie sentiamo come il corpo combatte, con le giuste misure, un’anomalia che minaccia una funzione. Se ci riesce, parliamo di guarigione (che può o non può essere completa). Se non ci fa e soccombe al tentativo, è la morte.

Ma con il cancro sperimentiamo qualcosa di totalmente diverso: il corpo vede le sue cellule alterare sempre più il suo comportamento e, attraverso la divisione attiva, avviano un processo che a sua volta non porta ad alcuno scopo e che trova solo i suoi limiti nell’esaurimento dell’ospite (terreno nutrito). La cellula canceroria non è, ad esempio, bacilli, virus o tossine, qualcosa che viene dall’esterno per attaccare l’organismo, ma è una cellula che fino ad ora ha svolto la sua attività al servizio del suo organo e, quindi, al servizio dell’organismo nel suo complesso, in modo che avesse le migliori possibilità di sopravvivenza. Ma all’improvviso, la cellula cambia idea e smette di identificarsi con lacomunità. Inizia a sviluppare i tuoi obiettivi e a inseguirli con sloo. Termina l’attività al servizio di un determinato organo e mette soprattutto la moltiplicazione stessa. Non si comporta più come membro di un essere multicellulare, ma si ritira in una fase precedente della vita unicellulare. Usa la comunità cellulare, da cui si è staccato, per la propriadieta. La crescita e la moltiplicazione delle cellule tumorali è così rapida che a volte i vasi sanguigni non forniscono loro di nutrirli. In tal caso, le cellule tumorali fanno a meno di ossigenazione e si spostano alla forma più primitiva di vita di fermentazione. La respirazione dipende dalla comunità (scambio) mentre la fermentazione può essere eseguita da ogni cellula da sola. Questa proliferazione trionfale di cellule tumorali finisce quando hai letteralmente consumato la persona che hai trasformato nel tuo terreno nutriente. Arriva un momento in cui la cellula oncologica soccombe ai problemi di approvvigionamento. Finora, prospera.

C’è la questione del perché chi era una cellula eccellente fa tutte queste cose. La tua motivazione dovrebbe essere facile da spiegare. Come membro obbediente dell’individuo multicellulare, dovette solo svolgere un’attività prescritta che era utile al multicellulare per la sua sopravvivenza. Era una delle tante cellule che ho dovuto fare un lavoro “dipendente” poco attraente. E l’ha fatto per molto tempo. Ma, a un certo punto, l’organismo ha perso il suo fascino come quadro per lo sviluppo della cellula. Un uomo uni cellulancente è libero e indipendente, può fare quello che vuole, e con la sua abilità di moltiplicazione, può diventareimmortale. Come membro di un organismo multicellulare, la cellula era mortale e schiavizzata. È così raro che la cellula ricordi la sua libertà di un tempo e torni all’esistenza uni cellulare, per conquistare l’immortalità da sola? Sottopone la comunità ai propri interessi e, con perseveranza implacabile, comincia a spezzare un futuro di libertà.

È un processo prospero il cui difetto non viene scoperto fino a quando non è troppo tardi, vale a caso, quando ci si rende conto che il sacrificio dell’altro e il suo uso come terra nutriente porta anche la propria morte. Il comportamento della cellula oncologica è soddisfacente solo mentre vive la casa, la sua fine significa anche la fine dello sviluppo del cancro.

Qui sta il piccolo ma trascendentale errore nel concetto di realizzazione della libertà e dell’immortalità. Ti ritiri dalla vecchia comunità e non ti rendi conto che ne hai bisogno finché non è troppo tardi. Gli esseri umani non sono divertiti a dare la loro vita per la vita della cellula del cancro, ma la cellula corporea anche non ha dato la sua vita con un gusto per l’essere umano. La cellula oncologica ha argomenti buoni come quelli dell’essere umano, solo il suo punto di vista è un altro. Entrambi vogliono vivere e realizzare le loro voglie di libertà. Sono entrambi disposti a sacrificare l’altro perottenerlo. Qualcosa di simile stava accadendo nell'”esempio dello stato”. Lo Stato vuole vivere e realizzare la sua ideologia, un paio di dissidenti vogliono anche vivere e far avverare le loro idee. Inizialmente, lo stato cerca di eliminare i dissidenti. Se non ci fa, i rivoluzionari sacrificano lo Stato. Nessuna delle due parti ha pietà. L’individuo rimuove, irradia e avvelena le cellule tumorali mentre possono, ma se vincono annientano il corpo. È l’eterno conflitto della Natura: mangiare o essere mangiati. Sì, gli esseri umani si rendono conto della implacabilità e della miopia delle cellule tumorali, ma vedete anche che si comporta allo stesso modo, mentre noi umani cerchiamo di garantire la nostra sopravvivenza con la stessa procedura che il cancro usa?

Ecco la chiave del cancro. Non è un caso che abbia proliferato così tanto ai nostri giorni o che sia combattuto così duramente e senza successo. (La ricerca dell’oncologo nordamericano Hardin B. Jones indica che l’aspettativa di vita dei pazienti non sottoposti a trattamento appare maggiore di quella dei pazientitrattati!) La malattia del cancro è espressione del nostro tempo e della nostra ideologia collettiva. Sperimentiamo in noi stessi come cancro solo ciò che noi stessi viviamo. Il nostro tempo è caratterizzato da un’espansione implacabile e dalla persecuzione dei propri interessi. Nella vita politica, economica, “religiosa” e privata, gli esseri umani cercano di estendere i propri obiettivi e interessi senza riguardo ai confini (morfologia), stabilire posizioni strategiche per favorire i loro interessi (metastasi) e far prevalere le loro idee e obiettivi esclusivamente utilizzando tutti gli altri a proprio vantaggio (parassitismo).

Tutti noi discutiamo come la cellula del cancro. La nostra crescita è così rapida che anche noi abbiamo problemi di approvvigionamento. I nostri sistemi di comunicazione si estendono in tutto il mondo, ma a volte la comunicazione con il nostro vicino o partner fallisce. Gli esseri umani hanno tempo libero, ma non sanno cosa farlo. Produciamo cibo e poi lo distruggiamo, per manipolare i prezzi. Possiamo fare il giro del mondo comodamente, ma non conosciamo noi stessi. 

La filosofia del nostro tempo non conosce altro obiettivo che la crescita e il progresso. Gli esseri umani lavorano, sperimentano, ricercano, per cosa? Per il progresso! Qual è lo scopo del progresso? Più progressi! L’umanità è in viaggio senzadestinazione. Nuovi obiettivi sono costantemente fissati, in modo da non disperare. La cecità dell’uomo del nostro tempo non ha nulla da invidiare alla cecità delle cellule tumorali. Al fine di promuovere l’espansione economica, per decenni l’uomo ha usato l’ambiente come terreno nutriente e oggi si dimostra “sgomento” che la morte dell’ospite significa anche la morte propria. Gli esseri umani considerano tutti il loro terreno nutriente: piante, animali, minerali. Tutto è lì solo in modo che possiamo diffondersi in tutta la Terra.

Dove si comportano in questo modo gli uomini che si comportano in modo da lamentarsi del cancro? Se è solo il nostrospecchio! Egli ci mostra il nostro comportamento, le nostre argomentazioni e anche la fine della strada.

Non devi battere il cancro, devi solo capirlo, per essere in grado di capire noi stessi. Gli esseri umani hanno il cancro perché sono cancro.

Il cancro è la nostra grande opportunità di vedere in esso i nostri vizi mentali e gli errori. Quindi cerchiamo di scoprire le debolezze di quel concetto che sia il cancro che usiamo come ideologia. In definitiva, il cancro è naufragato dalla polarizzazione “Io o la Comunità”. Vede solo questa disgiunzione e decide sulla propria sopravvivenza, indipendente dall’ambiente per capire troppo tardi che dipende dall’ambiente. Gli manca la consapevolezza di un’unità più grande e più completa. Egli vede solo l’unità nel suolimite. Questa mancanza di comprensione dell’unità è qualcosa che le persone hanno in comune con il cancro. L’individuo è anche limitato nella sua mente, segnando prima di tutto la divisione tra Me e Te. Si pensa a “unità” senza avvertire che si tratta di un concetto aberrante. L’unità è la somma di tutto ciò che è e non sa nulla al di fuori di esso. Se l’unità è divisa, si forma la molteplicità, ma questa molteplicità rimane, alla fine della giornata, parte integrante dell’unità.

Più un ego viene ingerito, più perde completamente coscienza che è solo una parte. L’ego concepisce l’illusione di poter fare qualcosa “da solo”. Ma il vero isolamento del resto dell’universo non esiste. È qualcosa che il nostro io può solo immaginare. Nella misura in cui il Sé è prigioniero, gli esseri umani perdono la loro “religione”, l’opera con il principio dell’Essere. Poi l’Ego cerca di soddisfare i loro bisogni e ci traccia la strada da percorrere. Sono contento di tutto ciò che favorisce la separazione, che serve la differenziazione, perché ad ogni accentuazione dei confini si percepisce più chiaramente. L’Ego ha solo paura dell’unione con il tutto, perché questo presuppone la sua morte. L’Ego difende la sua esistenza con grandezza, con intelligenza e buoni argomenti, usando le teorie più sacrosante e gli scopi più nobili, qualsiasi cosa per sopravvivere.

E così si creano obiettivi che non sono tali obiettivi. Il progresso come obiettivo è assurdo, in quanto non ha un punto finale. Un obiettivo autentico può consistere solo in una trasformazione dello stato precedente, ma non semplicemente nella continuazione di qualcosa che esiste già. Noi umani siamo in polarità, a che cosa è buono un obiettivo che è solo polare? Tuttavia, se l’obiettivo è ‘unità’, ciò significa una qualità totalmente diversa dell’Essere da quella vissuta nella polarità.

L’individuo in carcere non è motivato proponendo un’altra prigione, anche se è un po ‘più confortevole; ma la libertà è un passo qualitativamente molto più importante. Tuttavia, l’obiettivo dell'”unità” può essere raggiunto solo sacrificando il Sé, perché finché ci sarà un Sé ci sarà un Te e continueremo nella polarità. Per “rinascere nello spirito” prima di morire e questa morte colpisce il Sé. Rumi, il mistico islamico, condensa con grazia il soggetto in questo racconto:

“Un uomo bussò alla porta dell’amato. Una voce chiese: “Chi è?” “Sono io”, ha risposto. E la voce disse: “Non c’è abbastanza spazio per me e per te qui”. E la porta era ancora chiusa. Dopo un anno di solitudine e desiderio, l’uomo bussò di nuovo alla porta. Una voce chiese dall’interno: “Chi è?” “Sei tu”, rispose l’uomo. E la porta si aprì.

Finché il nostro Sé combatte per la vita eterna, continueremo a fallire come cellula cancerosa. La cellula canceroria differisce dalla cellula corporea per la sopravvalutazione del suo Ego. Nella cellula, il nucleo è un cervello. Nella cellula cancerogena, il nucleo diventa sempre più importante e quindi aumenta di dimensioni (il cancro viene diagnosticato anche dall’alterazione morfologica del nucleo cellulare). Questa alterazione del nucleo è equivalente all’iper accentuazione del pensiero cerebrale egocentrico che segna il nostro tempo. La cellula cancero/cancro cerca la sua vita eterna nella proliferazione materiale e nell’espansione. Né il cancro né gli esseri umani hanno ancora capito che cercano nella materia qualcosa che non c’è,la vita . . .Il contenuto è confuso con la forma e la moltiplicazione della forma, si tratta di ottenere il contenuto ambito. Ma Gesù ha già avvertito: “Chi vuole mantenere la vita la perderà”.

Pertanto, tutte le scuole d’ufficio hanno insegnato la strada opposta da tempo immemorabile: sacrificare il modo di ricevere contenuti, o in altre parole: il Sé deve morire in modo che possiamo rinascere nell’essere. Naturalmente l’Essere non è il mio essere, ma l’Essere. È il punto centrale che c’è in tutto. L’essere non possiede un essere distinto, perché comprende tutto ciò che è. E infine qui si pone la domanda: “Io o gli altri?” Essere non ne riconosce un altro, perché è tutto uno. Questo obiettivo, ovviamente, è pericoloso per l’Ego e non reattivo. Perciò non dobbiamo ammirare che l’Ego faccia tutto il possibile per cambiare questo obiettivo di unione con il tutto per l’obiettivo di un Grande, forte, saggio e illuminato Ego. La maggior parte dei pellegrini, sia coloro che seguono il sentiero esoterico che coloro che scelgono i religiosi, falliscono perché cercano di raggiungere con il proprio Sé l’obiettivo della salvezza o dell’illuminazione. Pochissimi capiscono che il loro Sé, con cui ancora si identificano, non può mai essere illuminato o redento.

L’obiettivo supremo richiede sempre sacrificio del Sé, la Morte dell’Ego. Non possiamo riscattare il nostro Sé, possiamo solo parte di esso e poi siamo salvati. La paura che in questo momento di solito sentiamo di non essere d’ora in poi, conferma solo quanto ci identifichiamo con il nostro Sé e quanto poco sappiamo del nostro Essere. E proprio qui c’è la possibilità di risolvere il nostro problema con il cancro. 

Quando finalmente, lentamente e gradualmente, impariamo a mettere in discussione la nostra ossessione per il Sé e il nostro desiderio di differenziarci, e decidiamo di aprirci, cominciamo a vivere come parte del tutto e anche ad assumerci la responsabilità del tutto. Poi capiamo che buono a tutti e il nostro bene sono gli stessi perché siamo uno con tutto (pars pro toto). Ogni cellula riceve anche tutte le informazioni genetiche dal corpo. Deve solo capire che, in realtà, è l’Intero! “Microcosmo ” Macrocosmo” ci insegna la filosofia tica.

Il vizio mentale sta nella differenziazione tra me e Te. Questo crea l’illusione che si possa sopravvivere come posso sacrificare il Te e usarlo come terreno nutriente. In realtà, il destino del Sé e dell’Unico, del Partito e del Tutto, non può essere separato. Ma la cellula cancero/cancro crede in un esterno separato da esso, proprio come gli esseri umani credono in unesterno. Questa credenza è mortale. Il rimedio è chiamato amore. L’amore guarisce perché rimuove le barriere e lascia che l’altro formi l’unità. Chi ama si sente con l’amato come se fosse se stesso. Questo non è solo un bene per l’amore umano. Chi ama un animale non può contemplarlo dal punto di vista dell’agricoltore. Non ci riferiamo a uno pseudo-amore sentimentale, ma a quello stato che ti fa davvero sentire qualcosa sull’unione di tutto ciò che è e non quella performance con cui si cerca spesso di neutralizzare i suoi sentimenti inconsci di colpa per le proprie aggressioni represse, attraverso “buone opere” e un esagerato “amore per gli animali”. Il cancro non mostra amore vissuto, il cancro è amore perverso:

L’amore salva tutti i confini e le barriere.

Nell’amore si uniscono e fondono gli opposti.

L’amore è l’unione con tutto, si estende a tutto e non si ferma a nulla.

L’amore non ha paura della morte, perché l’amore è vita.

Chi non vive questo amore sulla sua coscienza è in pericolo di amore andare al corpo e cercando di imporre le sue leggi lì sotto forma di cancro.

La cellula oncologica salva anche tutti i confini e le barriere. Il cancro trascura l’individualità degli organi.

Il cancro si diffonde anche ovunque e non si ferma a nulla (metastasi).

Né le cellule tumorali temono la morte.

Il cancro è amore sul piano sbagliato. All’interno del mondo transitorio delle forme, gli esseri umani non possono rendersi conto di ciò che appartiene a un piano duraturo. Nonostante tutti gli sforzi di coloro che aspirano a migliorare il mondo, non ci sarà mai un mondo perfettamente sano, senza conflitti o problemi, senza attriti o controversie. Non ci sarà mai un essere umano completamente sano, senza malattie o morte, non ci sarà mai l’amore che racchiude tutto, perché il mondo delle forme vive allefrontiere. Ma tutti gli obiettivi possono essere raggiunti, per tutti e in ogni momento, con i quali scopre la menzogna delle forme e nella sua coscienza è libero. Nel mondo polare, l’amore porta alla schiavitù: nell’unità, è libertà. Il cancro è il sintomo dell’amore incompreso. Il cancro rispetta solo il simbolo del vero amore. Il simbolo del vero amore è il cuore. 

Il cuore è l’unico organo che non viene attaccato dal cancro!

Louise Hay

Fonte: http://www.miencuentroconmigo.com.ar

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Donate JTR Bitcoin :

bc1qkspp89dl7ywl4v4ngdz6h0nrzfrt850anlgpll 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code