toba60

Cosa è Successo nel 1971? Guardati attorno e ne Vedi le Conseguenze

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo
  • 2
    Shares

Le armi di distrazione di massa hanno messo a tacere il più’ grande crimine mai perpetrato all’umanità e senza che nessuno avesse sentore su quanto stava succedendo.

Nel momento in cui scrivo tutte le problematiche paiono essere legate ad un virus che di per sé è quanto di più banale nella sua essenza possa capitare all’essere umano per dare il via ad una qualche preoccupazione.

Il corso della vita di intere generazioni, indipendentemente da ciò’ che svolge è stata sistematicamente condizionata da quanto e’ accaduto nel 1971, si parla di diritti sociali, libertà e giustizia, ma ogni rivendicazione va perennemente nella direzione sbagliata.

Una visione globale di come Funziona il mondo non può nella maniera più assoluta trascurare la sola cosa per cui ogni singolo abitante della terra usa per poter vivere.

Forse visti i tempi oserei direi sopravvivere o morire…..

Il Denaro

Toba60

A metà agosto, il fondatore e CEO di Twitter Jack Dorsey ha twittato uno strano hashtag: #WTFHappenedin1971.

Poche settimane dopo, Edward Snowden, il subappaltatore della CIA diventato whistleblower che ha rivelato il programma illegale di sorveglianza di massa della NSA, ha condiviso un post simile.

Non è chiaro se Dorsey e Snowden hanno opinioni ideologiche simili, ma è chiaro che entrambi gli uomini stanno cercando risposte alla stessa domanda (o spingendo gli altri a cercare se stessi): cosa è successo nel 1971?

WTF è successo nel 1971?

Per chi non lo sapesse, c’è un intero sito web dedicato a questa domanda:

Lo potete trovare Qui

La prima cosa che diventa evidente è che qualcosa è successo nel 1971. Questo fatto è reso chiaro da una serie di grafici, tutti basati su dati governativi, che mostrano varie strane tendenze economiche iniziate in quell’anno.

La disuguaglianza dei redditi, per esempio, cominciò a peggiorare molto.

I salari, che avevano seguito da vicino la produttività e la crescita del PIL per decenni, hanno cominciato a ritardare la produttività e la crescita economica (male).

L’inflazione salì alle stelle, crescendo ad un ritmo più veloce che in qualsiasi periodo del secolo precedente.

Il divario di reddito tra i neri e i bianchi americani, che si era ridotto rapidamente dal 1950, ha quasi smesso di ridursi.

Quindi la domanda rimane: cosa diavolo è successo?
FDR, Nixon e il Gold Standard

Per anni, mi sono sempre annoiato a morte quando ho sentito discussioni sul gold standard. La politica monetaria non era solo noiosa, ma confusa. Alcuni incolpavano Nixon per aver tolto gli Stati Uniti dal gold standard; altri dicevano: “No, no. È stato FDR”.

Quindi chi è stato? E comunque cos’è il “gold standard”?

Il gold standard è semplicemente un sistema monetario che lega il valore della carta moneta all’oro. Il sistema, che è stato implementato negli Stati Uniti nel 1834, ha fissato il prezzo dell’oro a 20,67 dollari per oncia, dove è rimasto fino ai primi anni ’30. Negli anni 1870, altri paesi seguirono l’esempio, inaugurando l’Età dell’Oro (scusate il gioco di parole) e un periodo di grande prosperità.

“Il periodo dal 1880 al 1914 è conosciuto come il gold standard classico. Durante quel periodo, la maggior parte dei paesi aderì (in vari gradi) all’oro”, scrive Michael D. Bordo su EconLib. “Era anche un periodo di crescita economica senza precedenti con scambi relativamente liberi di beni, lavoro e capitali”.

La fine del periodo 1914 arrivò con l’inizio della prima guerra mondiale, quando molte nazioni si rivolsero alla finanza inflazionistica per pagare la guerra più sanguinosa della storia umana (all’epoca). Dal 1925 al 1931 iniziò una nuova era dell’oro con il Gold Exchange Standard, ma non durò a lungo.

“Questa versione si ruppe nel 1931 in seguito all’abbandono dell’oro da parte della Gran Bretagna di fronte ai massicci deflussi di oro e di capitali”, spiega Bordo. “Nel 1933, il presidente Franklin D. Roosevelt nazionalizzò l’oro posseduto dai privati e abrogò i contratti in cui il pagamento era specificato in oro”.

L’ordine di Roosevelt esecutivo 6102 proibì “l’accumulo di monete d’oro, lingotti d’oro e certificati d’oro all’interno degli Stati Uniti continentali”. Non solo gli individui non sarebbero stati in grado di riscattare le loro banconote in oro secondo l’ordine, ma la proprietà privata di monete e lingotti d’oro fu resa illegale. (Questa legge impopolare fu abrogata nel 1974).

Digita sull’immagine per vedere il video

E allora Nixon?

Quindi è stato FDR a spostare gli Stati Uniti dal gold standard? Non proprio.

Dal 1946 al 1971, le nazioni operarono sotto un nuovo sistema monetario: l’accordo di Bretton Woods.

“Il sistema di Bretton Woods è stato progettato dalle nazioni alleate, guidate dagli Stati Uniti, verso la fine della seconda guerra mondiale come un ordine monetario internazionale postbellico”, spiega l’economista Jonathan Newman. “Il dollaro americano sarebbe diventato la valuta di riserva mondiale, che i governi stranieri potevano riscattare in oro, anche se i cittadini americani non potevano”.

Avete capito l’ultima parte?

Sebbene i cittadini non potessero scambiare carta moneta con oro, i governi stranieri potevano. Così il dollaro era ancora legato all’oro, che gli Stati Uniti promisero di riscattare ad un tasso di cambio di 35 dollari per oncia. Questo significava che gli Stati Uniti non potevano gonfiare l’offerta di moneta senza esaurire le loro riserve d’oro.

Sfortunatamente, però, gli Stati Uniti gonfiarono la loro moneta, in gran parte per finanziare i costi crescenti della guerra del Vietnam e della Grande Società di LBJ. Questa è una delle ragioni, spiega Newman, per cui gli Stati Uniti hanno esaurito circa il 55% delle loro riserve d’oro dagli anni ’50 al 1971.

In quell’anno, nel 1971, di fronte all’esaurimento delle riserve d’oro e a un dollaro che stava affrontando una crescente pressione inflazionistica dovuta alle spese del governo, Nixon prese una decisione critica: mise in pausa “temporaneamente” la redenzione dell’oro.

La mossa di Nixon non fu però temporanea.

Ecco cosa è successo nel 1971

Così ora sapete cosa è successo nel 1971. Gli Stati Uniti divennero quello che è conosciuto come un sistema di valuta fiat, uno in cui la carta è la valuta legale sostenuta non dall’oro, dall’argento o da qualche altra merce, ma da un decreto del governo.

L’economista Thorsten Polleit ha descritto tre cose che tutte le monete fiat hanno in comune.

Il governo (o la sua banca centrale) ha il monopolio della produzione. Viene creata attraverso l’espansione del credito bancario (cioè dal nulla). Non ha un valore intrinseco, è semplicemente carta colorata (o byte digitali) che può essere prodotta ogni volta che quelli al potere lo ritengono politicamente conveniente.

Questo è il motivo per cui a chi ha il controllo piace un sistema monetario fiat. Permette loro di finanziare tutti i programmi e le agende che altrimenti non potrebbero permettersi, dalla guerra in Afghanistan all’Affordable Care Act a sistemi di armamento molto costosi.

Sfortunatamente, tutta quella spesa ha un costo. Certo, il debito federale è cresciuto da 398 miliardi di dollari nel 1971 (2,7 trilioni di dollari 2021) a 28,8 trilioni di dollari oggi. Ma come mostrano i grafici qui sopra, quelli non sono certo gli unici costi. Non è un caso che l’1% più ricco detenga una percentuale record di tutta la ricchezza negli Stati Uniti. Il sistema monetario fiat ha permesso a coloro che sono al potere di depredare la moneta per arricchirsi a spese degli altri (l’inflazione è una tassa), il tutto in nome dell’altruismo.

L’economista Murray Rothbard amava usare un esperimento mentale per dimostrare come funzionava. Immaginate che l’Angelo Gabriele appaia e decuplichi la quantità di denaro che ognuno ha. Qualcuno sarebbe più ricco? Neanche un po’. Ma ora immaginate che l’offerta di denaro sia aumentata ma non distribuita uniformemente. L’Angelo Gabriele aumenta la massa monetaria per alcuni a cominciare dai banchieri privilegiati che decidono come distribuirla ma non per altri. Chi ne beneficia allora? Avete indovinato: le persone che lo ricevono per prime.

Edward Snowden e Jack Dorsey si stanno ponendo la domanda giusta: che diavolo è successo nel 1971? Sappiamo cosa è successo, la domanda è:

cosa faremo a riguardo?

La politica monetaria può essere confusa e alcuni possono trovarla noiosa anche se io non lo faccio più. Ma una cosa è chiara:

è monumentalmente importante.

Jonathan Miltimore

Fonte: fee.org

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE



Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code