toba60

Pep Guardiola: Colloquio Tecnico Durante la sua Visita a Buenos Aires

Aprendo questa sezione dedicata al calcio avrei potuto inserire le classiche pubblicazioni tecniche che tutti possono trovare attraverso libri, riviste specializzate o i classici video di You Tube riferiti agli esercizi di questo sport, ho accumulato in 46 anni una banca dati di oltre 52.000 tra schemi, esercizi e metodologie di allenamento sviluppate in ogni parte del mondo, ma onestamente trovo che anche conoscendoli tutti a memoria, nessuno avrà mai le credenziali per diventare un bravo allenatore.

Su Toba60 troverete tutto quello che secondo la mia umile e modesta opinione è utile per cancellare tutto ciò che avete imparato, ed essere padroni, prima ancora che della materia, di voi stessi.

Dietro un bravo allenatore c’è un grande uomo e questo a prescindere da quello che comunemente molti considerano fondamentale per essere un tecnico di successo, da questo Monologo fatto da Pep Guardiola si può’ capire quanto l’esito di tutto ciò’ che ha fatto sia nato da valori e principi che spero ognuno di voi faccia propri.

Sedetevi tranquilli adesso e godetevi questo fantastico colloquio tecnico di Pep Guardiola fatto a Buenos Aires davanti a 3500 persone.

P.S. La traduzione e’ stata molto complessa in quanto nel dialogo con il pubblico usava un linguaggio molto gioviale e confidenziale, fuori da tutte quelle convenzioni che solitamente si usano trattando di questioni tecniche relative al gioco del calcio e questo ha reso la cosa particolarmente divertente, molte parole non avevano una traduzione specifica in italiano ed ho cercato di adattarle ……con molta fatica 🙂

Toba60

Pep Guardiola al Teatro Gran Rex di Buenos Aires

Guardiola a Buenos Aires. Come 7 anni fa, quando venne come apprendista a fare domande a Flaco Menotti e Loco Bielsa.

Ora è stato lì solo per un giorno, il 2 maggio, e l’ha fatto in velocità: ha iniziato la mattina rispondendo alle domande dei ragazzi delle scuole pubbliche, poi ha condiviso un pranzo con 150 personalità dello sport, dagli allenatori delle squadre di calcio e basket argentine ai calciatori come David Trezeguet, poi ha parlato davanti al Teatro Gran Rex pieno di 3500 persone e infine ha cenato col Flaco Menotti. Qui, la trascrizione quasi completa delle sue definizioni, esperienze e concetti e alcune brevi interpretazioni che ci permettiamo di fare a titolo di osservazione.

“È un onore per me essere in Argentina per la seconda volta. Quando sono venuto qui 7 anni fa non avrei mai immaginato di parlare presso questo meraviglioso teatro. Voglio ringraziare le persone che lo hanno reso possibile: César Luis Menotti e Marcelo Bielsa. Quando ho finito la mia carriera calcistica e ho voluto allenarmi, mi hanno trattato come un figlio, sono stati abbastanza generosi da dirmi basta.
(Soprattutto, Pep ha dovuto dire di finirla a Bielsa, perché altrimenti l’incontro di 11 ore al campo di Máximo Paz a Rosario rischiava di durare fino all’alba).

“In Qatar e a Roma ho condiviso una squadra con Gabriel Batistuta, ed è stato Bati a parlarmi della grandezza delle sue capacità di allenatore e della sua personalità. Mi ha ricevuto a Rosario per molte ore, mi ha dato tutto, credo che lei abbia il dovere, come popolo contemporaneo, di riconoscere Marcelo e Cesar per quello che hanno fatto non solo per il calcio argentino, ma per il calcio mondiale. Credetemi, questo discorso è per loro. Ahhhhhhh, ed è la mia presentazione. (Comincio subito).

La parola a Pep Guardiola

(Nei primi minuti del discorso ha nominato due volte Menotti e Bielsa, che non a caso sono la sintesi perfetta del suo pensiero calcistico: controllo del pallone, passaggio corto, triangolazione, attacco sostenuto, alta pressione e dribbling in avanti da un lato; ossessione per il dettaglio, analisi esaustiva dell’avversario e l’intenzione di minimizzare il rischio attraverso ripetute prove di situazioni dall’altro. Poi li nominerà ancora più volte, sotto l’occhio vigile di Carlos Bilardo, che pagò il suo biglietto d’ingresso di 1.200 pesos per essere messo in prima fila. Buon per il Narigon, che è andato a imparare e l’ha messo in banca come un duca).

“Perché siamo diventati calciatori? Ebbene, per calciare il pallone (fa il movimento con la gamba). Poi viene tutto il resto. Per fare l’allenatore, le cose che mi hanno motivato e che continuano a guidare questo fantastico, meraviglioso lavoro sono: la tattica e cercare di convincere i giocatori. Non sai quanto sia affascinante cercare di trasmettere quella cosa che hai in testa, telefonare in giro (davanti a un pallone non addomesticato), cercare di convincerli.
(Il tic della barzelletta a casa che ripeteva spesso, in sintonia con il pubblico, come se fosse uno di loro).

“Ho sempre pensato che tutti i ragazzi diventassero calciatori attraverso il contatto con la palla. Abbiamo il dovere di non dimenticarlo mai. Quando giocavo nel quartiere, volevo la palla e poi li attaccavo, e quando me l’hanno rubata mi sono arrabbiato. Sono molto egoista, voglio la palla per me, e se l’avversario ce l’ha, non lo aspetto, gliela porto via, in modo che sappia che gliela porterò via, che la prenderò. Le mie squadre sono un riflesso. Voglio la palla per me, non mi aspetto che me la diano, non mi aspetto l’errore, voglio provocare l’errore e andare a prenderla. Come allenatore, sono più rilassato quando gioco dall’altra parte del campo rispetto a quando gioco da solo. Quando sono più vicino al mio obiettivo ho più paura di quando sono più vicino al mio avversario.

“Alla fine della mia carriera, un giorno ero a casa a Roma, a guardare la TV, con il telecomando in una mano e con l’altra è meglio che non ve lo dica, guardando e cambiando i canali televisivi con l’unica intenzione di passare il tempo, quelle cose che fanno tutti gli intellettuali, e all’improvviso mi è stata lasciata un’intervista.

Era un uomo che parlava in italiano, ma non come un italiano (imita il suo modo di parlare). Mi sono detto: “Questo non è italiano”, e siccome tu sei ovunque, lui era ovviamente argentino (ride). Era Julio Velasco, l’allenatore della mitica squadra italiana di pallavolo, con cui ha vinto tutto. Sono rimasto affascinato dalle cose che ha detto e dal modo in cui le ha dette. E ho pensato: ‘Devo vedere questo tizio. Avevo tempo, perché non ho mai chiamato a Roma, e ho iniziato a prendere il telefono, ma una volta che l’ho avuto tra le mani, mi sono detto: lo chiamo o no? Alla fine ho deciso: “Signor Velasco, sono Pep Guardiola, mi piacerebbe incontrarla per pranzo”. E ci siamo messi insieme, proprio come ho fatto con Marcelo e César. Gli sportivi hanno queste virtù, che trasmettono, che ti danno. Quando mi stavo formando a Barcellona, molte persone sono venute a trovarmi, e le persone a me vicine mi hanno chiesto: “Perché le ricevi? E io gli ho risposto: “Devi riceverli, mi hanno dato delle cose, le idee appartengono a tutti, dannazione”. Ho sempre rubato il più possibile (ride)”.
(Alla fine, questo Pep è come il figlio di qualsiasi altro vicino di casa: fa zapping per sport e si innervosisce se deve chiamare una celebrità).

“Di tutte le cose che Velasco mi ha detto, ce n’era una che mi è rimasta impressa: ‘La chiave di tutto è saper aprire la porta’. E mi ha spiegato: “Ho dei giocatori che amano quando parlo con loro di tattiche, 4 o 5 ore di blocco e così via; ma c’è un altro con cui dopo un minuto non parli più perché non è interessato. Ad alcuni di loro piace quando parli con loro di fronte al gruppo e ce ne sono altri che è meglio portare in ufficio e dire loro quello che hai da dire. Questa è la chiave di tutto e bisogna trovarla, perché non è in nessun libro. È solo che non è trasferibile, ecco perché il nostro lavoro è così bello.

“Quando ero a Barcellona e non ero ancora arrivato in prima squadra, Johan Cruyff era allenatore di Txiki Begiristain, che è stato poi la persona che mi ha dato l’opportunità di allenare la seconda squadra a Barcellona. Una domenica, dopo una partita, Cruyff ha detto a Txiki: “Non tornate fino a giovedì”. Txiki ha risposto che si era allenato il giorno dopo. Non tornare fino a giovedì”, ripeteva. Txiki gli ha obbedito ed è tornato giovedì, ha giocato domenica e ha segnato tre gol.

Non che Cruyff direbbe la stessa cosa a qualcun altro e la domenica ha segnato tre gol, perché queste cose sono intime. Approfitto di questo esempio per illustrare un po’ il concetto della chiave di Julio Velasco.

Julio Velasco


“Nel mio primo anno da allenatore, avevo un giocatore di cui avevo molto bisogno, un giocatore di alto livello, che non giocava male ma che non andava bene. Mi sono ricordato di Velasco e dopo l’allenamento gli ho detto: “Quando finisci di fare la doccia, vieni nel mio ufficio”. È andato di sopra e gli ho detto: “Alle 7 ti aspetto al bar dell’albergo, non so per quanto tempo”. Abbiamo bevuto un drink e abbiamo parlato.

Senza niente di preparato, abbiamo parlato della sua famiglia e della mia, senza tattiche, poi ho pagato come un buon signore quale sono, e siamo andati a casa. Il giorno dopo abbiamo vinto 4-0 e lui ha segnato tre gol. Dopo è venuto in ufficio e ha detto: “Grazie, signor”. Ho detto: “No, hai segnato i gol”. Questa è la chiave. Sapevo che dopo il discorso avrei fatto una bella partita, lo sapevo.


(Primo: Pep ha il suo ufficio, come ogni manager. In Argentina non viene usato molto. Secondo: la sua squadra non si concentra, il giorno prima che ognuno vada a casa).

“Ora, tu dirai: ‘Questo tipo è un mostro, ogni chiave che usa apre una porta. Ma non e’ sempre cosí. Ricordo anche una semifinale di Champions League che avevamo perso nell’andata. La stampa stava speculando su chi sarebbe stato il difensore centrale, anche se sono stato molto chiaro su chi avrebbe giocato.

Dopo un allenamento sono andato da uno dei difensori centrali, uno dei coraggiosi, che sono in prima linea, e gli ho detto: “Dubito molto su chi giocherà domani”. Lo diró’ dopo. Perdemmo la partita e dopo un mese questo difensore mi disse: “Quella volta mi hai messo al tappeto (ride). Stavo lottando contro il mondo, ma tu con quelle parole mi hai steso. Ho fatto una cazzata. Questa è la chiave: un ragazzo ha segnato tre gol e l’altro l’ho affondato (applausi e risate)”.
(Gli piace mostrarsi un po’ come un perdente, modestia a parte).

“Il compito più difficile di un allenatore, che si tratti di calcio o di hockey, è quello di trattare con le persone. E tutte queste persone vogliono una cosa sola: giocare. Me l’ha insegnato Paco Seirulo, che è un uomo saggio, una persona che ho conosciuto quando avevo 15 anni, quando avevo un corpo più piccolo di oggi e ho iniziato ad andare in palestra per vedere se potevo ingrassare qualche chilo. Lo conosco da una vita, ho lavorato con lui nella squadra giovanile del Barcellona.

E ha una grande virtù: dice che la preparazione fisica è inutile, ed è un preparatore fisico! (ride). Mi ha fatto capire che una delle grandi virtù dei giocatori è che quando sono fottuti te lo fanno notare, cioè: sono arrabbiati così sai che sono arrabbiati, non per altro. Ora mostrerò al signor Sono arrabbiato. Questo accade molto spesso con chi non gioca. Beh, una volta un ragazzo si stava allenando male, e abbiamo litigato, che non poteva allenarsi in quel modo. E Paco mi ha detto: “Non è che questo ragazzo sia arrabbiato con te perché domani i giornalisti non lo intervisteranno, è semplice, è arrabbiato perché non lo ami, è arrabbiato perché ieri hai amato l’altro più di lui”.

E affrontarlo è la cosa più difficile dell’essere un allenatore. C’è un altro modo: non farsi coinvolgere emotivamente. Fate l’allenamento, li l’addestrate e poi andate a casa, ma sento che gli esseri umani, come tutti gli animali, hanno bisogno di avvicinarsi, di toccarsi, nei momenti buoni e in quelli cattivi. Ho bisogno della pelle, devo abbracciarli e spiegare, devo convincerli, non c’è niente di più meraviglioso che cercare di mettere le proprie idee nella testa dei giocatori.


(Un uomo sensibile, come direbbe Alejandro Dolina. Dalla fine di questo paragrafo si vede la comunione tra Guardiola e i suoi compagni di squadra).

“I giocatori che non giocano vogliono che tu perda. Esatto. Mi sentite di sopra? No? Beh, sto ricominciando da capo… (ride). Quelle frasi che dicono “combattiamo tutti insieme, forza” sono ottime per la foto, ma non c’è niente. Ho cercato di mettere insieme l’idea.
(Frase tremenda che demolisce il luogo comune del “tiriamo tutti nella stessa direzione”).

“La linea laterale è il miglior difensore”.
(L’attaccante premuto contro la linea, ha poche possibilità di uscire).

“Arrivi nell’area avversaria e non ci sei; e nella tua area difensiva devi essere e non arrivarci”.
(Il Barcellona gioca in tre quarti, fuori dall’area, e all’improvviso la combinazione è data dal centro, entrano e definiscono. Cioè: arrivano).

Johan Cruyff

“Non sono un allenatore migliore di chiunque altro in questo Paese, credetemi, non lo dico per falsa modestia, mi sento così. Tutto quello che so, che ho imparato, che mi è stato insegnato, , che ho osservato, che ho sentito, ed è quello che ho cercato di mettere nella testa di queste persone fino a quando non sentono che è loro.

Non è “ragazzi, facciamolo”. No, dobbiamo farlo e discutere con loro sul perché lo facciamo in modo che sentano che è loro. Come giocatore, avevo più paura di andare a giocare una partita senza sapere cosa sarebbe successo, cosa mi avrebbe fatto l’altra squadra. Ho provato, fin dal primo giorno che sono andato alla filiale di Barcellona, dove dovevo avere le palle!( a dire sempre davanti a una partita: “Signori, questo succederà oggi; e se lo facciamo, vinceremo la partita”.

Ovviamente abbiamo vinto e abbiamo perso, come tutti, e io non sono diverso da tutti gli altri.
(Dai Pep, hai perso molto poco: cinque tornei su venti, contando la Terza Divisione. Nonostante sia un’istituzione del club a causa della sua carriera di calciatore, il giorno in cui ha iniziato a fare l’allenatore nel ramo, gli tremavano le gambe.

E qui è più bielsista che mai: sapere tutto sul rivale per minimizzare la possibilità, niente di ‘giocheremo come viene fuori e non mi interessa cosa fa l’altro’).

“A Barcellona c’era un personaggio chiamato Charles Rexach, che è stato secondo a Cruyff, una persona molto influente nella mia idea di guardare il calcio. Non dico che questo sia quello buono, ma per favore, prendetelo! Io non lo sopporterei: nel calcio tutto va bene, tutto, si può vincere in mille modi, si può convincere in mille modi e sono tutti grandi.

L’unica cosa è che ognuno fa per conto suo. Non si può fare copia e incolla. In qualsiasi cosa nella vita. Non è “vado a giocare perché Pep così e così”. Se non lo senti, allora lo metti dentro. Ora, se senti che è tuo, fallo. Essere autentici, questo è ciò che conta.
(Messaggio urgente per la generazione del copia-incolla).

“Rexach mi ha detto che quando era un giocatore aveva un allenatore che gli diceva una cosa e l’anno dopo ne arrivava un altro che gli diceva il contrario. E’ impazzito. Questo è successo a Barcellona per molti anni. È venuto Udo Lattek, un tedesco, ed è stato giocato in questo modo, poi è venuto Menotti e ha cambiato tutto, subito Terry Venables, un inglese che è stato il giorno e la notte con Menotti e poi è venuto la persona che mi pare di capire sia la più influente degli ultimi 25 anni del FC Barcelona, la persona senza la quale questo così impressionante non sarebbe successo e io non sarei qui oggi. Il più influente perché non visualizzo questo Barcellona senza il suo arrivo”.
(Non lo nomina, perché per lui è ovvio, e capisce che anche il pubblico è ovvio; si riferisce a Johan Cruyff).

“Cruyff ha avuto il coraggio di dire ‘Facciamo così’. Chi pensa che sia andata così, no, no, no, no; questa è stanchezza e lavoro, ore e ore e ore e ore. E campionati persi. E lui: “No, si fa così! E i campionati persi: “No, si farà così! E all’improvviso, quelli di noi che erano lì da bambini, cominciarono a sentire cose che entravano qui (si tocca l’orecchio sinistro), che alcuni uscivano qui (si tocca l’orecchio destro) ma altri restavano qui (si tocca il tetto della testa)

E cominciamo a sentire che “il portiere deve fermarsi ma è uno in più, giochiamo con lui”; cominciamo a sentire che “una palla che esce bene da dietro finisce sempre bene”; cominciamo a sentire che “quando si parte da sinistra si finisce a destra”; cominciamo a sentire che “le persone che sono brave qui (toccando la testa), che sono coraggiose, dovrebbero giocare all’interno”; cominciamo a sentire cose del genere ogni giorno, “che un passaggio all’indietro è il miglior passaggio in avanti”, “che gli attaccanti dovrebbero essere i primi difensori e i difensori i migliori attaccanti”. E poi è stato comprato Koeman, il miglior spazzino centro-mediano che abbia mai visto uscire con la palla da dietro e generare superiorità nelle zone dove volevamo essere superiori, e abbiamo visto che ‘il portiere passa al difensore, il difensore al centro, il centro all’attaccante e se hai un culo, gol’ (ride)””.

“Alcune delle frasi che ho sentito, non ci credo. Non devi correre molto, è la palla che deve correre”, per esempio. No, qui bisogna correre molto. Sono un po’ meno romantico di quanto molti pensino.
(Ammiccando a Bilardo, per compensare tutte le citazioni di Menotti).

Cesar Menotti

“Con Cruyff abbiamo saputo che quando abbiamo vinto ci hanno fatto i complimenti, ma il giorno dopo ci hanno spiegato perché cazzo avevamo vinto. E se abbiamo perso, eravamo più tristi, ma ci hanno spiegato perché abbiamo perso. E mentre crescevo, dicevo: “Mi piace questo.
(Ohhhh, ha detto “cazzo”, che orrore!).

“Nessuno è in grado di controllare completamente il calcio, perché è il gioco più difficile del mondo. Prima di tutto, perché si gioca con i piedi, e qui per toccare le signore si usano le mani, non i piedi. È il più aperto, il più indecifrabile, ma avere la possibilità di capirlo a poco a poco è un lusso. Ho preso tutto. Da Barcellona sono andato in Italia e ho imparato qualcosa ; e poi sono andato in Messico e ho imparato ancora cose nuove: come La Volpe hanno giocato in Coppa del Mondo dominando la partita anche se poi hanno perso con un gol di Maxi Lopez.

E da lì sono andato in Qatar e, beh, lì… ho migliorato il mio swing (il movimento dei golfisti). Poi ho messo tutto in un tritatutto, ho fatto il mix e le cose mi sono rimaste in testa. E quelli appartengono a me. A Barcellona ho rubato, rubato e rubato; sono andato in Messico ho rubato, e se vuoi rubare a me, ruba a me, perché alla fine si gioca per la gente, il gioco appartiene ai giocatori, la gente va a vederli, non a noi. E ho rubato e ho rubato.


(1.Ti abbiamo preso, Pep, il gol era di Maxi Rodriguez. 2. Il Bigotón era nel teatro e fonti ben informate ci assicurano che è ancora lì dentro: non poteva uscire, non è passato dalla porta della grande casa che aveva. 3. Non ha paura dei titoli: rubare, rubare, rubare, rubare. Chi ha detto che è un crimine?)
A 27 anni, sapeva già di voler allenare in futuro. Guardavo le partite e dicevo: “Oggi potremmo fare questo e quello”, l’allenatore faceva il discorso e io dicevo: “Sono d’accordo con questo e con quello, no”, già cominciavo a pensare come allenatore, ma poi ho cercato di estendere il più possibile l’essere calciatore, che è un piacere unico e irripetibile.

“Da casa mia ho detto: ‘Ecco come cercherò di convincerli’. E questo è il piacere più grande che ho, che attraverso la tattica e la comprensione di ciò che i tuoi avversari stanno facendo, puoi vedere cosa puoi fare per convincere la tua gente. Alla fine, sono un allenatore per via del gioco, perché ho messo il giocatore in: “Questo succederà oggi, questo e questo”. Poi, molte volte non succede, ma il piacere di stare seduti davanti a una partita, guardare l’avversario e nel frattempo immaginare quello che faremo è ciò che dà un senso alla mia professione. E’ il momento migliore. Da calciatore, quando colpivo la palla; ora è il momento in cui immagino cosa potremmo fare per vincere una partita.
(Confermato: bug totale di laboratorio).

Juan Manuel Lillo

“Sono un fan dell’uscita posteriore. Mi piacciono molto i problemi difensivi al vertice e le transizioni in mezzo.
(Talebani del lirismo, astenersi: “Difesa” non è una parolaccia).

“In Messico sono stato allenato da una delle persone che mi hanno aiutato di più a capire il gioco, che è Juan Manuel Lillo”.

“C’è un motivo che avevo sentito: i buoni, per me, devono giocare nel mezzo. Più buoni giocatori hai al centro, più puoi passare la palla. Per questo abbiamo cambiato Messi dal lato destro al centro. Quando ne hai uno in più nel mezzo hai sempre più controllo per attaccare e difendere. Altri diranno: “questo non va bene per niente”, e possono avere assolutamente ragione. Con tutto il mixaggio che ho fatto nella mia testa, sono arrivato a crederci: trovare la superiorità attraverso cose semplici, come il passaggio del pallone, che è l’idea di base che ha fatto di noi calciatori fin da piccoli.

“Quando vuoi, dominare… spara… spara… spara… per favore spara… spara, spara, spara, spara”.
(Pep non ha avuto un attacco di ottanta e ha iniziato a cantare la hit di Miguel Mateos. No, non ha accentuato la “a” ma la “i”. E quella parola, ‘striscia’, si è rivelata quella che ha pronunciato di più nei suoi 70 minuti di esposizione. Era per chiedere all’operatore video, quasi come un nevrotico, di continuare a proiettare le immagini che mostrava perché ha cambiato Messi da 7 a 9. Ed è allora che si immagina il testo di Pep chiuso nel suo ufficio con 10 monitor, tirando i capelli che non ha, che sta per essere portato via in una camicia di forza).

“Questo si fa con molto sforzo, con molto, molto, molto amore per questa professione, per il calcio, per il gioco stesso, e sono grato a tutte le persone che mi hanno aiutato a capire questo, poi ci metto il mio. Ragazzi, siate generosi, perché alla fine questo è a beneficio di questo meraviglioso gioco che ci piace tanto e spero che i giocatori che ho avuto la grande fortuna di allenare saranno i nostri successori e potranno allenare e nobilitare questo meraviglioso gioco.
(Grazie per i “ragazzi”, Pep).

“Non c’è un allenatore al mondo a cui piaccia questo gioco e che non funzioni, non credo di lavorare più degli altri, ma non pensiamo che i successi siano direttamente proporzionali a quello che si fa. E alla fine non è nemmeno questo il lavoro, ti piace così tanto che lo fai per questo”.

“Quello in cui credevo veramente, l’ho applicato, e se non ci credevo, non l’ho applicato, perché le cose nel calcio si sentono o non c’è un libro possibile che ti possa insegnare.

“Quando Masche (Mascherano) è andato a Corinto, c’è stato un contatto con River, ma io ero già alle ultime battute, quindi River aveva assolutamente ragione a non assumermi (ride)”.

“Masche è un altro inferno. A volte si rimane delusi dai giocatori, sono delusioni comprensibili perché vogliono giocare e da loro non ottieni nulla. D’altra parte si incontrano persone che valgono la pena. Avevo dei dubbi sull’ingaggio di Masche, perché avevo Keita e Busquets, e con Tito (Vilanova) abbiamo detto: “È il capitano della nazionale argentina, verrà qui e se non gioca… Ma Masche è di un altro spessore umano, come calciatore è fantastico e a parte questo è un sole, il sole di un bambino”.

“Mi piacciono le ali che giocano terzini e mi piacciono molto i centrocampisti che possono giocare difensori. Per essere un difensore centrale hai bisogno di più abilità di un centrocampista, perché devi guardare indietro e Mascherano ha quelle abilità, quella tensione, quella voglia di ascoltare. Scommetto che questo sarà tecnico, sicuro”.

“Ci sono molti lavori nel calcio, ma alla fine ci sono sei o sette regole, tutto accade intorno a questo, quindi bisogna ricordarglielo e non dimenticarlo. Fallire, tutti falliamo, ma correre, fare uno sforzo, nessuno può parcheggiare; chi parcheggia, resta fuori. Se ce ne sono 10 che corrono e uno che non lo fa, quello esce da solo.

“I calciatori non sono stupidi, sono molto ben preparati, le persone che hanno la capacità di giocare uno sport così difficile devono essere intelligenti per il naso. Bisogna trattarli come molto, molto intelligenti e capaci, e intuitivi, hanno tutte le virtù. E bisogna essere preparati ai dubbi che hanno e dare loro delle soluzioni.

“Un minuto prima della fine del primo tempo inizio a pensare a quello che ho visto, a cosa si può cambiare, poi parlo con la mia gente. Tito mi è stato sempre di grande aiuto. Bisogna fare in fretta, il discorso è molto breve, indicazioni del tipo ‘stiamo andando di fretta lassù’ o ‘bisogna uscire più da sinistra che da destra’, tutto quello che si può”.

“Dó la tattica ai calciatori affinché non perdino tempo e trovino il modo di passare in modo che negli ultimi metri le persone con maggiore mancanza di equilibrio facciano il resto. La tattica è: meglio stare qui, meglio difendere lì, sul lato destro avremo molto spazio perché la loro parte è occupata e non corre all’indietro. La tattica è poi quello che fanno e da lì si adattano ai giocatori”.
(Confermato: guarda spesso i suoi avversari).

“Con Arrigo (Sacchi) sono d’accordo su quasi tutto. Era un innovatore, il suo team, uno spettacolo. Alla fine ci rimane l’idea, l’unica cosa che vale la pena di fare è la convinzione di avere un’idea chiara di dove andare. I giocatori non sono stupidi: se ti vedono esitare, ti prendono all’istante; e se a volte non hai le idee chiare, non parlare con loro, vai a casa e il giorno dopo, quando hai le idee chiare, parla con loro. I calciatori sono pura intuizione, sentono l’odore del sangue, quando ti vedono debole, ti infilzano con la spada”.
(Si sente osservato dai suoi compagni di squadra, il suo senso di responsabilità nei loro confronti non gli permette di improvvisare con argomenti deboli).

“Cerco di tenere i colloqui tecnici il più breve possibile. Ci sono giorni che durano tre minuti e altri che durano 25, non chiedetemi perché, forse perché sentite che quella giornata deve essere breve, perché abbiamo giocato molte partite di fila, perché venite da molti contesti tattici”.

“A voi argentini piace parlare molto, molto di calcio e in quegli incontri clandestini con Jorge Valdano e Angel Cappa, mi è stato detto di venire e sono rimasto sbalordito.

“La prima volta che ho visto Leo (Messi) è stato in un negozio Nike, era con suo padre. Lo salutai, lui con la sua particolare timidezza. Non l’avevo mai visto giocare, ma Tito mi aveva detto: “Ho uno che lo rompe”. Poi l’ho visto e aveva ragione, ma dai, credo che sia stato Marcelo a dirmi: “Vediamo tutti i giocatori molto bravi, vediamo tutti anche quelli cattivi, dobbiamo trovare quello che non pensa”. Tito ci ha azzeccato, ma anche un cieco poteva vedere Messi”.

“Leo ha afferrato il cambio di posizione da destra al centro dell’attacco molto rapidamente. E se lo metti sul lato sinistro, anche lui lo afferra velocemente. Leo è il miglior difensore che ci sia; quando vuole portarsi via la palla, dice: “Ti porto via la palla e lui ti uccide”.

“Abbiamo vinto molto a Barcellona, ma la verità è che non avremmo vinto così tanto senza Leo. Si può controllare tutto questo, ma arriva una palla e lui è circondato da quattro e la mette in un angolo. (ride).

“Sicuramente non ne ho visto uno come Leo. È solo che i genitori lo hanno reso buono. Io sono un contemporaneo di Maradona, lui è l’idolo della mia infanzia, l’ho visto giocare e… non mi faccia la domanda originale su chi è il migliore e una cosa del genere, sento di aver avuto il grande onore e il privilegio di prendere una generazione unica e di aver allenato Messi”.

Diego Armando Maradona

“Quando Maradona è andato a Napoli, sono arrivato a Barcellona all’età di 13 anni e non ho potuto godermelo, ma i residenti mi hanno detto che non avevano visto nessuno come lui. Più tardi ho incontrato Alexanco, che era il suo compagno e poi il mio, e mi ha detto che non aveva mai visto nessuno così in vita sua, quindi i miti e la comunicazione verbale aiutano tutto questo, e finalmente ho visto quello che ha fatto ai Mondiali di calcio in Messico”.

“Non credo che potrei mai allenare qui, è incredibile l’aspettativa che suscito. Non è che ho inventato la zuppa d’aglio.

“Il fatto che tu prenda la decisione di lasciare un club è meglio di quando lo fanno gli altri. Sono stato felice a Barcellona. Non c’è dubbio che se non sei una brava persona, non vinci niente. Si può guadagnare qualcosa di speciale, ma non di più. A Barcellona ho avuto persone fantastiche. I giocatori che ho gestito amano quello che fanno. Non hanno mai perso la passione che avevano da quando erano bambini. Abbiamo fatto bene perché ho gestito il maggior numero di professionisti amatoriali che conoscevo, ma è una tappa finita. Si nasce, si cresce, si cresce, ci si sposa, si hanno figli e si cresce. E’ finita.

“Io non gioco a Play, ma mio figlio sì, e gli ho detto che i Messi di Play non supereranno mai la realtà.

“Hai la reputazione di essere un po’ esagerato, sei come sei, ma credo che tu abbia dato molto al calcio: dei 5 o 6 migliori giocatori della storia, ne hai tre, hai dato molto, la tua passione per questo gioco è evidente. Ah, le faccio i miei migliori auguri e la ringrazio molto.
(No, Pep, grazie a voi’).

Autore: Diego Borinsky.
El Gráfico Magazine

“Coloro che passano la giornata a parlare di lotta e di artigli sono quelli che hanno poco da insegnare. ”
Jorge Valdano.

Puoi risparmiare 1.00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code