toba60

I Diari Perduti di Nikola Tesla

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

È un testo che va letto tra le righe senza tanto soffermarsi troppo nei dettagli, molte cose evidenziate con enfasi vanno interpretate in chiave prospettica e celano delle verità che come avrete modo di vedere non sono poi cosi inverosimili come si possa pensare.

Quando un gruppo di potere intende sviluppare una sua idea di qualunque genere, nel momento in cui le masse hanno sentore di un qualcosa che sta per avvenire, e’ già tutto fatto.

Lo vediamo noi oggi con la vicenda del virus, già 20 anni fa si pianificava una pandemia globale con tutti i suoi risvolti economici e sociali e le azioni globali che di conseguenza venivano effettuate, ma nessuno ha mai considerato i fatti come parte di un progetto passato ma li ha percepiti come un fulmine a ciel sereno frutto del caso.

Riflettete attentamente su quanto esposto e che vi serva da lezione per un presente che non lascia presagire a nulla di buono.

Toba60

La verità sull’alternativa 3

Nikola Tesla si rese conto all’inizio del XX secolo che il pianeta si stava riscaldando, tanto che entro i primi decenni del XXI secolo, la Terra sarebbe stata quasi inabitabile per la specie umana. La fonte di informazione di Tesla erano le strane voci che captava sul suo ricevitore radio appositamente modificato.

Queste misteriose trasmissioni vocali furono il risultato della ricerca iniziale di Tesla su strani segnali radio che raccolse durante i suoi esperimenti a Colorado Springs nel 1899. A quel punto, Tesla aveva migliorato il suo equipaggiamento di ricezione per permettergli di captare le trasmissioni vocali. Tuttavia, queste voci si sentivano su frequenze che non avrebbero dovuto essere in grado di trasportare questo tipo di trasmissioni, ma erano comunque lì.

Tesla scrisse che queste voci provenivano da uomini di altri mondi uomini che avevano vissuto sulla terra una volta nel suo passato preistorico, avevano sviluppato la tecnologia per colonizzare lo spazio vicino, ed erano ancora interessati agli abitanti che avevano lasciato. Questi uomini avevano colonizzato il pianeta Marta, oltre a mantenere delle basi sulla luna. Altri della loro specie erano andati più in profondità nello spazio, fuori dal nostro sistema solare, nel suo insieme, per esplorare la Galassia.

Era stato deciso che la Terra doveva diventare una riserva, per così dire, per permettere alla natura di fare il suo corso ed evolvere nuove specie, e per riempire le nicchie lasciate libere dalla partenza dei suoi primi abitanti. Tuttavia, alcune cose non sono state lasciate alla sola natura. L’uomo primitivo ha scelto di lasciare dei resti di sé sotto forma dei nostri primi antenati. La descrizione di Tesla della risemina del pianeta Terra con ominidi intelligenti suona molto come una manipolazione genetica.

Questo può spiegare perché i rapporti degli occupanti degli UFO, che rivendicano origini extraterrestri, sono così simili a noi. La maggior parte dei contatti con esseri che emergono dagli UFO sono tutti d’accordo sul loro aspetto simile a quello umano. Con pochissime eccezioni, tutti i presunti extraterrestri possiedono caratteristiche molto simili a quelle umane. Una testa con due occhi, un naso e una bocca, due braccia, due mani con cinque dita ciascuna, due gambe e piedi. Molti sono stati segnalati per essere così umani nell’aspetto che sono indistinguibili dagli umani normali. Forse perché sono umani – i primi umani.

Naturalmente, Tesla è morto prima della moderna ondata di UFO, ma le sue descrizioni dei suoi presunti alieni hanno una forte somiglianza con i nostri occupanti UFO.

Un pesce d’aprile troppo vicino alla verità

Alle 21:00 di lunedì 20 giugno 1977, Anglia Television con sede a Norwich, Regno Unito, mandò in onda uno speciale televisivo. Il programma doveva essere trasmesso simultaneamente in diversi altri paesi, tra cui Australia, Nuova Zelanda, Canada, Islanda, Norvegia, Svezia, Finlandia, Grecia e Jugoslavia. Il nome dello speciale televisivo, chiamato Alternative 3, doveva scioccare la nazione, bloccare le linee telefoniche dei media e scuotere la credibilità dell’emittente.

Alle 22:00, Anglia è stata assediata da chiamate di spettatori infuriati che chiedevano più informazioni. Ai chiamanti è stato detto di non farsi prendere dal panico, che il programma era stato semplicemente un pesce d’aprile, che era stato appropriato fino al 20 giugno. Tuttavia, molti non erano convinti che si trattasse di uno scherzo.

La mattina seguente, il giornale Daily Express confermò che il programma era una bufala e sottolineò che il dottor Carl Gerstein non era altri che il famoso attore Richard Marner. Nel frattempo, all’Anglia c’erano voci di azioni industriali e la stazione è stata duramente criticata per aver trasmesso la Fake. Anglia è stata rimproverata e il pubblico è stato rassicurato dai suoi timori.

Lo speciale televisivo su Alternative 3 è stato compilato da un team rispettato di giornalisti che avevano una rubrica settimanale intitolata Science Report. Era una serie di documentari che riportava le nuove invenzioni scientifiche. È stato grazie alla credibilità delle squadre che Alternative 2 è stata presa così seriamente. La domanda era: perché un team investigativo serio, che aveva un programma settimanale di documentari, avrebbe improvvisamente prodotto una Fake?

Nel 1976, il Regno Unito era afflitto dal “Brain Drain”, un termine usato per l’esodo di massa di alcuni dei migliori chirurghi e scienziati del paese, che venivano tentati con enormi assegni dagli Stati Uniti. Ci sono stati anche rapporti di suicidi e sparizioni tra gli scienziati.

C’erano anche alcune piccole comunità, come Friends of the Earth, e altri che cominciavano a capire il problema dello strato di ozono e del riscaldamento globale. Nel 1978, la storia prese nuova vita quando Sphere Books pubblicò Alternative 3 di Leslie Watkins, David Ambrose e Christopher Miles.

Secondo Watkins, Ambrose e Miles non hanno aiutato a scrivere il libro, ma i loro nomi sono stati inclusi per scopi di copyright, perché avevano scritto la serie televisiva su cui il libro era basato. Quelli che sono riusciti a procurarsi una copia hanno letto una storia che è il seguito dello speciale televisivo, prodotto da Spectrum Television per Anglia.

Sia il libro che il programma televisivo si sono concentrati su una serie di scenari sorprendenti, che si suppone siano reali.

C’è un programma spaziale segreto USA/URSS che è andato oltre ciò che il pubblico vede. Gli astronauti sbarcarono su Marte nel 1962. Si è scoperto che c’è più vita intelligente nell’universo, e che ci stanno osservando e interagendo con gli abitanti della terra. La Terra sta morendo, a causa di inquinanti naturali e artificiali.

L’effetto serra sempre crescente causerà lo scioglimento delle calotte polari e dei ghiacciai e inonderà la Terra. Il calore estremo, come quello attuale, scioglierà inevitabilmente i ghiacciai della Terra. Questo si tradurrà in un marcato aumento del livello del mare, e poi inizieranno le estese inondazioni – con Londra e New York tra le prime città ad essere colpite. (Alternativa 3)

Ci sono tre possibili soluzioni per l’umanità:

Alternativa 1) Fermare immediatamente tutto l’inquinamento e fare due buchi enormi nello strato di ozono. Questo permetterebbe alla luce ultravioletta eccessiva di raggiungere la Terra e milioni di persone morirebbero di cancro alla pelle.

Alternativa 2) Iniziare immediatamente a scavare città sotterranee per i leader mondiali, i leader molto ricchi e multinazionali, e anche per alcuni scienziati. La popolazione rimanente sarà lasciata a perire sulla superficie inquinata.

Alternativa 3) Costruire astronavi per portare l’élite fuori dal pianeta sulla luna e su Marte. Rapire e prendere alcune persone “normali” per usarle come forza lavoro. Usa tecniche di controllo mentale per controllarli. Lascia il resto dell’umanità a morire sul pianeta.

Il programma televisivo Anglia era un fatto o una finzione?

La reporter Georgina Bruni ha parlato con Christopher Miles, che ha anche diretto e co-scritto il programma. Miles ha ammesso che il programma era interamente finzione, ma ora sospetta che possano aver accidentalmente portato troppo vicino alla verità con Alternative 3.

Lo scrittore del libro, Leslie Watkins, era uno scrittore di thriller anche prima di Alternative 3. Il Fortean Times ha recentemente stampato un articolo in cui Nick Austin, allora direttore editoriale di Sphere Books, ha rivelato come ha commissionato a Leslie Watkins la versione del libro su ordine dell’agente letterario Murray Pollinger.

Watkins, in una lettera alla libreria Windwords, ha delineato le sue convinzioni riguardo al mistero che circonda l’Alternativa 3, e come possa essersi accidentalmente imbattuto in verità top-secret che altri volevano tacere.

“L’alternativa 3 si basa sui fatti, ma usa quei fatti come trampolino di lancio per un’IMMERSIONE NELLA FICTIONE. In risposta a domande specifiche. Non c’è nessun astronauta di nome Grodin.

Non c’è nessuno scettro televisivo, e anche il Benson riportato è fittizio. Non c’è nessun dottor Gerstein.

Sì, ci fu un “documentario” televisivo nel giugno 1977 su Anglia Television, che fu trasmesso su tutta la rete nazionale in Inghilterra. “Si chiamava Alternative 3 ed era scritto da David Ambrose e prodotto da Christopher Miles (i cui nomi erano nel libro per motivi di contratto).

Questa versione televisiva originale, che ho ESPANSO IMMENSAMENTE per il libro, era DAVVERO UNO SCHERZO, che era stato programmato per andare in onda il giorno del Pesce d’Aprile (1 aprile).

A causa di alcuni problemi nel trovare il periodo corretto sulla rete, la trasmissione è stata ritardata”.

“Il programma televisivo ha suscitato un grande clamore, perché gli spettatori si rifiutavano di credere che fosse una finzione. All’inizio ho pensato che la premessa di base fosse troppo fuori luogo, soprattutto per il modo in cui volevo presentarla nel libro, e che nessuno l’avrebbe presa per vera. Subito dopo la pubblicazione, mi sono reso conto che mi sbagliavo completamente.

In effetti, le montagne sbalorditive di lettere, praticamente da tutte le parti del mondo, tra cui un numero immenso di persone molto intelligenti, in posizioni di responsabilità, mi hanno convinto che avevo ACCIDENTALMENTE sconfinato in una serie di verità top-secret”. “Le prove documentarie fornite da molti di questi corrispondenti mi hanno fatto decidere di scrivere un seguito serio e COMPLETAMENTE NON-FICTION.

Purtroppo una scatola contenente la maggior parte delle lettere era tra gli oggetti che sono stati misteriosamente PERSI IN TRANSITO, circa quattro anni fa, quando mi sono trasferito da Londra, Inghilterra a Sydney, Australia, prima di trasferirmi di nuovo e stabilirmi in Nuova Zelanda”.

“Qualche tempo dopo la pubblicazione di Alternative 2, ho ragione di supporre che il mio telefono di casa fosse intercettato, e i miei contatti, esperti in queste cose, erano convinti che certe agenzie di intelligence considerassero che probabilmente sapevo troppo. Quindi, in breve, il libro è FICTION BASED ON FACT“. Ma ora essendo che inavvertitamente mi sono avvicinato troppo alla verità nascosta”.

Nessuno osa chiamarla Alternativa 3.

È sorprendente considerare che Nikola Tesla, negli anni ’20, scrisse per la prima volta nei suoi diari personali i suoi pensieri sull’accumulo di gas serra nell’atmosfera terrestre.

Questi gas, causati da inquinanti naturali e artificiali, causerebbero alla fine un aumento della temperatura globale a tal punto che le calotte polari si scioglierebbero, inondando le zone costiere. Inoltre, i modelli meteorologici cambierebbero drammaticamente, causando tempeste feroci, siccità in alcune aree e inondazioni in altre. L’agricoltura sarebbe distrutta e la vita come la conosciamo cesserebbe di esistere.

Così, mentre il nome Alternativa 3 può essere stato niente più che l’immaginazione di un abile scrittore televisivo la premessa di base, che l’effetto serra, causato dall’inquinamento atmosferico, renderebbe la vita sulla Terra estremamente pericolosa per la vita umana, è probabilmente corretta. E Nikola Tesla è stato il primo ad imbattersi in questa inquietante informazione, mentre monitorava a notte fonda delle voci misteriose sul suo ricevitore specializzato.

Tesla teorizzò che i problemi di inquinamento che si stavano sviluppando sul pianeta erano monitorati da extraterrestri che stavano studiando la Terra e i suoi abitanti. Tesla non era sicuro se queste intelligenze fossero ostili, amichevoli o indifferenti.

Non aveva prove evidenti che le informazioni che aveva ricevuto fossero oggettive infatti, Tesla scrisse spesso che se non fosse stato per il modo insolito in cui stava ricevendo le informazioni, le avrebbe liquidate molto tempo fa come i vaneggiamenti di un pazzo. Ciononostante, Tesla era abbastanza incuriosito da dedicare la maggior parte dei suoi ultimi anni alla ricerca e alle invenzioni basate sulle transizioni vocali che riceveva dai suoi marziani.

Alcuni ricercatori hanno attribuito l’iniziativa di difesa spaziale di Ronald Reagan a una propaggine dell’Alternativa 3. Questo progetto speciale stava usando una parte del suo budget nero per costruire un sistema di armi spaziali da sviluppare non contro i missili nucleari sovietici, ma, invece, una minaccia percepita contro forze extraterrestri ostili.

In L’altra Genesi , Zecharia Sitchin sostiene che i leader del mondo, “…sono stati avvertiti da tempo, in primo luogo, che c’è più di un pianeta nel nostro sistema solare e in secondo luogo, che non siamo soli”.

Egli sostiene che solo la loro conoscenza può spiegare gli incredibili cambiamenti negli affari mondiali che si sono verificati con una velocità ancora più incredibile.

Certamente, Reagan e Gorbaciov hanno fatto riferimento a minacce extraterrestri.

Parlando a Fallston, Maryland, il 4 dicembre 1985, Reagan ha detto:

“Pensate quanto sarebbe facile il compito mio e di Gorbaciov in queste riunioni che abbiamo avuto, se improvvisamente ci fosse una minaccia per questo mondo da qualche altra specie su qualche altro pianeta là fuori nell’universo. Dimenticheremmo le piccole differenze locali che abbiamo tra i nostri paesi, e potremmo scoprire una volta per tutte che siamo tutti esseri umani, qui, insieme, sulla Terra”.

Il 16 febbraio 1987, nel Palazzo del Grande Cremlino, a Mosca, Gorbaciov osservò:

“Durante il nostro incontro a Ginevra, il presidente americano ha detto che se la Terra dovesse affrontare un’invasione di extraterrestri, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica si unirebbero per respingere tale invasione. Non contesterò l’ipotesi, anche se penso che sia troppo presto per preoccuparsi di una tale intrusione”.

In un discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 21 settembre 1987, parlando della necessità di scambiare spade con vomeri, Reagan disse:

“Nella nostra ossessione per gli antagonismi del momento, spesso dimentichiamo quanto unisce tutti i membri dell’umanità. Forse abbiamo bisogno di qualche minaccia universale per riconoscere questo legame comune. Di tanto in tanto penso a quanto velocemente le nostre differenze scomparirebbero se ci trovassimo di fronte a una minaccia aliena proveniente dall’esterno di questo mondo”.

Il defunto ricercatore di UFO Leonard Stringfield afferma in The UFO Report di Timony Good:

“Star Wars, apparentemente concepito come un sistema di difesa contro gli attacchi missilistici russi, potrebbe aver avuto, fin dal suo inizio, una connessione difensiva UFO”.

La prova documentata di tale agenda sembra essere stata inavvertitamente fornita dalla NASA quando gli astronauti sullo shuttle Discovery hanno trasmesso alla Terra una registrazione video, attraversando appena sopra l’atmosfera terrestre. Un UFO fa improvvisamente una virata a destra di 90 gradi e accelera nello spazio profondo, appena un secondo prima di un’esplosione formata dall’impulso di alta energia puntato dalla Terra nel punto in cui l’UFO sarebbe stato se non avesse cambiato radicalmente rotta. Altri UFO sono mostrati mentre vengono innescati da esplosioni visibilmente energizzate di armi EM.

Qual è il motivo della guerra non dichiarata agli alieni?

Richard Hoagland, ex direttore della rivista Stars and Sky, spiega:

“C’è molta ingenuità di forze all’interno della nostra società che non vogliono che questa conoscenza venga fuori, anche sotto forma di una tecnologia molto utile”.

Egli nota che ci sono,

“Istituzioni interconnesse il cui compito è quello di rimanere in affari”. E non prendono alla leggera questa tecnologia ET. Dopo tutto, come fanno le persone a rimanere al potere? Perché definiscono l’universo come limitato, raro e scarso, e poi gli danno un prezzo. Poi, alcune persone sono incaricate di distribuire le cose preziose. Altre persone comprano ciò che il mercato sopporta. E voi avete un sistema davvero pulito per controllare le persone”.

È possibile che il governo degli Stati Uniti (e altre potenze straniere) siano consapevoli di una presenza extraterrestre nascosta sul Pianeta. Tesla confidò ad alcuni amici che aveva inviato diverse lettere a Washington, D.C., esprimendo le sue paure di un’invasione dallo spazio esterno. Tesla ha anche offerto a Washington diverse delle sue invenzioni allo scopo di difendere il pianeta contro i presunti invasori alieni.

Tesla era in difficoltà finanziarie in questo momento, e ha offerto al governo il pieno accesso alle sue ricerche a condizione che gli pagassero una modesta quota mensile per l’uso dei suoi tentativi. Tesla non ricevette alcuna risposta alle sue richieste – senza dubbio l’esercito americano si rese conto delle intrusioni nello spazio aereo del paese da parte di quelli che sarebbero poi diventati noti come UFO.

Le idee di Tesla sui raggi della morte elettrici e sulle armi a fascio di particelle, mentre venivano derise durante la sua vita, erano ora avidamente ricercate dai militari. Anche se gli UFO sono stati avvistati per secoli, non è stato fino all’inizio del XX secolo che il numero di incontri registrati è aumentato significativamente. Il Pentagono non poteva pensare a nessun’altra ragione per il modo ovvio in cui gli UFO stavano ora operando se non come un’invasione.

Il messaggio, a quanto pare, era chiaro:

“Possiamo andare e venire a nostro piacimento e non c’è niente che tu possa fare”.

Parte delle voci che circondano l’Alternativa 3 è l’affermazione che gli Stati Uniti e la Russia hanno formato un’alleanza segreta e costruito basi sulla luna, come trampolino di lancio per Marte. Ora si può confermare che queste basi segrete sulla luna sono reali ed esistono ancora!

A differenza del programma televisivo fittizio, Alternative – le vere basi lunari non furono installate fino a dopo lo storico atterraggio dell’Apollo 11 nel 1969. Prima di allora, primitive navicelle telecomandate contenenti forniture e materiale da costruzione erano state inviate per aspettare il momento in cui gli astronauti sarebbero arrivati e avrebbero iniziato la costruzione,

Le restanti missioni Apollo si sarebbero incontrate in orbita, con contenitori precedentemente inviati dalla Vandenburg Air Force Base in California.

Apollo avrebbe poi trasportato i contenitori sulla luna, per essere messi in orbita per un uso successivo.

Qualcun altro è sulla Luna e su Marte

Le missioni Apollo sulla luna servirono a due scopi, uno come dimostrazione pubblica della capacità dell’America di raggiungere la luna. L’altro era fondamentalmente la consegna di uomini e materiali da utilizzare per costruire le basi segrete sulla luna. Gli astronauti dell’Apollo non dovevano essere responsabili della costruzione della prima base lunare.

Sia gli Stati Uniti che l’ex Unione Sovietica parteciperebbero alla costruzione di una colonia sulla Luna. Gli astronauti sarebbero stati mandati in orbita terrestre da Vandenburg e dal centro spaziale Baikpnur. Una volta raggiunta l’orbita, la nave-traghetto li avrebbe portati fino alla luna. La prima base lunare fu completata nel 1971, e il resto fu completato nel 1976.

La Luna ha dimostrato di essere una miniera d’oro virtuale di minerali e persino sacche di ghiaccio nascoste nelle ombre di alcuni crateri. Un’altra eccitante risorsa sulla Luna è un’ampia disponibilità dell’isotopo elio-3, che è molto scarso sulla Terra, ma è stato depositato sulla superficie lunare nel corso di miliardi di anni dai venti solari.

Si stima ora che almeno un milione di tonnellate di elio-3 sono facilmente recuperabili dalle formazioni di regolite dove le centrali solari sulla Luna sarebbero pratiche. Il suo Elio-3 offre la chiave per una fusione nucleare sicura e pratica sulla Luna. Si stima che una singola tonnellata di elio-3 consegnata sulla Terra avrebbe un valore di almeno 1 miliardo di dollari.

Il passo successivo è stato quello di inviare e stabilire dei test robotici su Marte, la destinazione finale di questa missione. L’idea era quella di duplicare le colonie lunari di successo su Marte, con un obiettivo a lunghissimo termine di terraformare Marte in un pianeta più ospitale, e la nuova casa per l’umanità. Sfortunatamente, questa missione, e altre simili, finiranno in un disastro.

Alla NASA si sapeva che erano state osservate anomalie insolite sulla superficie della luna, ed erano state fotografate dagli astronomi. Negli anni 30 e 30 del secolo scorso, astronomi americani, britannici e francesi riferirono di luci luminose, in movimento e talvolta anche lampeggianti sulla Luna.

Questo interesse fu ulteriormente aumentato quando un esperto molto rispettato di fenomeni aerei, l’astronomo John O’Neill, vincitore del premio Pulitzer, riferì pubblicamente di aver osservato un “ponte” sulla luna, che sembrava essere costruito artificialmente. Molti degli astronauti della Gemini e dell’Apollo hanno ammesso di aver visto gli UFO mentre erano in orbita. Gordon Cooper ha ammesso pubblicamente di credere che gli UFO sono controllati in modo intelligente e che il governo sta nascondendo la verità.

Una missione speciale sovietica negli anni ’60, progettata per battere un nuovo record di tempo in orbita, fu misteriosamente abortita subito dopo l’entrata nello spazio. Investigatori privati con potenti apparecchiature di ricezione radio affermarono che i cosmonauti sovietici furono seguiti in orbita da UFO, che li circondarono e cominciarono a farli rimbalzare avanti e indietro, come se stessero giocando una partita a palla con la navicella sovietica. I cosmonauti hanno riferito di essere stati presi dal panico e di essere rientrati nell’atmosfera terrestre al primo momento possibile.

Durante gli anni ’50, molti UFO sono stati segnalati per essere stati tracciati sulla luna dalle stazioni di rilevamento del governo, in strutture e complessi segreti nel deserto in Arizona e Nevada, e all’interno di basi sotterranee di montagna. Le navicelle sovietiche e americane che orbitavano intorno alla luna cominciarono a fotografare strutture misteriose sulla luna, che furono censurate dalla NASA per un certo periodo, ma che furono comunque ottenute da ricercatori come Fred Stackling. Molte delle strutture possono essere viste solo quando queste foto vengono ingrandite ad una dimensione molto più grande.

Ulteriori prove di una presenza extraterrestre sulla luna vengono da un veterano dell’Air Force con un’autorizzazione top secret. Il giornalista investigativo Alan Carmack, che stava facendo ricerche per il programma televisivo “Strange World”, fu contattato dal veterano, che aveva una storia incredibile da raccontare.

Carmack ha accettato di non rivelare l’identità del suo contatto, a causa del suo giuramento di sicurezza nazionale.

“Trent’anni fa, il mio sergente supervisore mi chiamò da parte e mi informò che c’era un problema tecnico in una zona altamente segreta da altre parti della base aerea.

All’epoca, tutti i sistemi erano in fase di espansione per sostenere e aumentare gli sforzi militari per la guerra del Vietnam. Come parte di questo, il mio compito era quello di sostenere e mantenere i sistemi fotografici elettronici altamente classificati di intelligence e ricognizione appena installati in una base Top Secret all’interno della base. La nostra unità era sotto il comando del direttore dell’intelligence al quartier generale SAC, Tactical Air Command, Langley Field, Virginia.

“Il mio supervisore ha dichiarato che il programma di orbita lunare aveva riscontrato un problema con una stampante fotografica a contatto elettronico, identica all’attrezzatura utilizzata nelle camere oscure della nostra unità. Questo fu il primo programma Lunar Orbiter, il cui scopo era di riportare le prime foto ravvicinate della superficie lunare.

Queste foto sarebbero poi state utilizzate per selezionare il sito di atterraggio appropriato per il primo sbarco dell’uomo sulla Luna nel 1969. “Come unico tecnico riparatore di elettronica alla base con un’autorizzazione di sicurezza criptologica, un gradino sopra Top Secret, sono stato prestato al progetto per vedere se potevo risolvere il problema con il sistema.

Più che eccitato dalla prospettiva di aiutare, e possibilmente avere la possibilità di vedere le prime foto ravvicinate della superficie lunare, sono stato informato sulla sicurezza, e ho raccolto le attrezzature e gli strumenti appropriati per il compito. Guidando vicino alla base, sulla strada di accesso al perimetro che costeggiava i campi piatti e polverosi e i lunghi letti dei fiumi in lontananza, notai un elicottero sperimentale che si librava in aria proprio sopra e a sud del massiccio hangar di metallo grigio ad arco, uno dei più grandi della base che conteneva il Progetto Lunar Orbiter.

“Appena entrato nell’hangar, mi è stato chiesto di presentare il mio badge d’identità Top Secret, in cambio di un badge d’identità interno di livello superiore. Questo doveva essere indossato dietro il collo su una catena. Un’altra guardia mi ha scortato attraverso una serie di porte di sicurezza in una grande area aperta all’interno dell’hangar. “Lunghe tende nere di fabbrica pendevano da una griglia metallica sospesa al soffitto. Questi, in effetti, delimitavano varie aree di lavoro all’interno dello spazio più grande. Passando attraverso una delle aree coperte, sono entrato in un grande spazio aperto, dove le persone in piccoli gruppi stavano parlando dolcemente, con un senso di serietà e preoccupazione.

“Sono stato subito colpito dal numero di persone presenti, che sembravano essere civili, e anche alcuni scienziati di altri paesi. Con un po’ di shock e di giudizio, ho pensato tra me e me, perché sono qui? Ho avuto una strana sensazione – un senso che qualcosa sta succedendo qui, qualcosa che non è del tutto giusto. “Mi è stato presentato un uomo vestito in abiti civili e con una giacca da laboratorio.

Credo che fosse il capo del progetto, un certo dottor Collie. In un modo molto divertente e riservato, che mi faceva venire in mente l’immagine di Sherlock Holmes, mi comunicò gentilmente che il team in questione stava sostenendo l’elaborazione delle prime foto ravvicinate sulla superficie della Luna e anche ritardando il rilascio delle foto da fornire per lo studio e il rilascio al mondo, e quanto fosse grato allo staff del programma se ci fosse qualcosa che potessi fare.

“Un aviatore mi ha accompagnato in una camera oscura. All’interno, un altro giovane aviatore stava assemblando strisce ad alta risoluzione di film da 35 mm in quello che viene chiamato un mosaico. Stava affiancando con successo scansioni fotografiche successivamente numerate della superficie lunare, che erano state trasmesse a Terra dal Lunar Orbiter. Ogni superficie scansionata copriva una stretta striscia di terreno, e orbite successive intorno alla luna erano necessarie per assemblare un’immagine fotografica completa del terreno lunare.

Il negativo del mosaico creato da questo processo è stato poi messo su una stampante a contatto ad alta risoluzione. La carta fotografica è stata messa sopra il negativo e l’esposizione è iniziata. Il negativo veniva scansionato da un fascio di luce elettronica generato da un grande catodo a fascio di tubi, simile al tubo di una televisione in bianco e nero.

Il fascio di luce veniva raccolto da un tubo moltiplicatore di foto e, attraverso un feedback, veniva modulato dai vari cambiamenti nella densità del negativo fotografico, migliorando il contrasto, la luminosità e la risoluzione dell’immagine in lavorazione. La stampa ad alta risoluzione risultante, 9,5 pollici per 18 pollici, è stata esaminata da un interprete fotografico o scienziato che ha visto le immagini sotto un visore tipo microscopio, analizzando le caratteristiche e il terreno del paesaggio lunare.

“Lasciato solo nella fioca luce rossa della camera oscura, con l’aviatore e le attrezzature, molte delle quali non avevo mai visto prima, cominciai a interrogare il tecnico, cercando di discernere quale potesse essere il problema con la stampante a contatto difettosa. Dopo alcuni minuti di indagine, era chiaro dove si trovava il problema con il circuito di controllo elettronico, che comprendeva diversi piccoli moduli di circuito ad innesto.

“Non avendo pezzi di ricambio a portata di mano, era chiaro che avrei dovuto risolvere i problemi di ogni modulo componente per componente; un processo molto noioso e dispendioso in termini di tempo. Questo era qualcosa che non poteva essere fatto nella fioca luce rossa della camera oscura. L’unità avrebbe dovuto essere rimossa dalla camera oscura e portata in uno spazio più appropriato, per permettere di portare a termine il compito.

“Parlando con l’aviatore dall’altra parte della stanza, mi sono venute in mente delle domande. Come sono stati trasmessi i segnali dal Lunar Orbiter al laboratorio? Come sono stati convertiti in immagini su pellicola fotografica? Come sono state correlate e allineate le immagini per formare il negativo finale del mosaico?

“Sapevo che erano tutte domande che non dovevo fare, anzi, potevo essere punito severamente per aver fatto tali domande. Eppure, allo stesso tempo, ero solo con un aviatore che era entusiasta quanto me del suo lavoro. Ho esitato per un momento, riflettendo nella mia mente su cosa avrei dovuto fare.

“In condizioni operative normali, molte altre persone sarebbero state nel laboratorio, che faceva parte della catena di montaggio della produzione. Ma qui eravamo soli, così ho iniziato a fare tutte queste domande.

Dopo circa trenta minuti di discussione tecnica e un’enorme quantità di passaggi nel processo, l’aviatore si rivolse a me e disse candidamente: “Lo sapevi che hanno scoperto una base sul lato posteriore della luna? Ho detto: “Che cosa vuoi dire?” e, di nuovo, ha detto: “Che hanno scoperto una base sulla luna!” e, ripetutamente, allo stesso tempo, ha fatto cadere una fotografia davanti a me.

“Era lì, un’impressione a mosaico della superficie lunare, con una specie di strutture geometriche chiaramente visibili. Scannerizzando l’immagine, potevo vedere sfere e torri. Il mio primo pensiero è stato: “Di chi è la base?”. Poi mi sono reso conto della loro piena implicazione: non appartenevano a nessuno su questa terra.

“Non mi sono soffermato a lungo con la fotografia – l’ho presa rapidamente a vista e mi sono fatto spalmare, nel caso in cui qualcun altro fosse entrato nel laboratorio. Sapevo che mi era stato dato un dono, informazioni che non avrei dovuto vedere. Essendo la mia posizione quella di un aviatore responsabile, non feci altre domande e andai avanti con i miei affari, pensando silenziosamente tra me e me che non vedevo l’ora di sentirlo al telegiornale nei prossimi giorni! Mi sono detto: fai quello che puoi per sistemare questa cosa… in modo che il mondo possa vederla e sentirla! “Due giorni di lavoro hanno dato i loro frutti: un piccolo diodo su uno dei circuiti stampati era andato in corto circuito.

Sostituendo il componente difettoso, sono stato più sorpreso di tutti di essere riuscito a trovare il problema. Il Dr. Collie fu più che contento e mi offrì diverse delle prime fotografie della superficie lunare, come apprezzamento dei miei sforzi. Mentre mi autografava alcune delle stampe, volevo farle altre domande sulla base della luna, ma sapevo che era proibito e che avrei dovuto aspettare il telegiornale della sera per le risposte, insieme al resto del mondo. Ora, eccoci qui trent’anni dopo, e sto ancora aspettando di sentire il rapporto sulla notizia di ciò che è stato trovato sull’altro lato della luna”.

È stato riferito che le basi clandestine sulla luna sono gestite da squadre congiunte, composte principalmente da scienziati e tecnici degli Stati Uniti e della Russia. Ci sono anche squadre dalla Gran Bretagna, Canada, Francia e Australia. Gli uomini che gestiscono queste basi segrete sono ben consapevoli di non essere gli unici sulla luna. Ci sono anche basi apparentemente mantenute da extraterrestri che appaiono e scompaiono così frequentemente che non c’è modo di indagare.

Queste strutture si trovano quasi interamente sul lato lontano della Luna.

Il fallimento dell’alternativa 3

L’obiettivo primario delle basi umane sulla luna era di farle servire come punto di partenza per le missioni su Marte. Queste missioni, utilizzando prima veicoli spaziali robotici e poi con equipaggio, dovevano stabilire una presenza umana su Marte per l’eventuale scopo di costruire colonie permanenti.

Con il pensiero che la Terra diventerà presto estremamente inospitale per la civiltà, Marte potrebbe agire come una sorta di mondo “adottivo” per la civiltà umana per continuare a prosperare. Si sperava che l’effetto serra sulla Terra si sarebbe stabilizzato dopo duemila anni, poi le colonie marziane, con la loro tecnologia superiore ancora intatta, sarebbero tornate sulla Terra e avrebbero ristabilito la popolazione.

Ciò che non è stato considerato dai progettisti dell’Alternativa 3 è che c’era già un’intelligenza presente su Marte che non avrebbe visto di buon occhio un’intrusione terrestre.

I primi test con i robot su Marte negli anni ’60 non hanno avuto molti problemi, ad eccezione dei problemi meccanici, a causa dell’elettronica primitiva utilizzata all’epoca. Il primo veicolo spaziale atterrato con successo su Marte nel 1963 (Lowell III) mandò indietro alcune immagini velate che mostravano che Marte aveva pochissima atmosfera o acqua.

Le storie che ora circondano la leggenda dell’Alternativa 3 affermano che un’astronave segreta del Pentagono è atterrata su Marte nel 1962 e ha mandato indietro delle riprese video della superficie. Il video avrebbe mostrato un paesaggio marziano con canali, laghi, vegetazione verde, paludi e vita animale sulla superficie.

Questo è un buon esempio della disinformazione che esiste per nascondere il vero programma su cui si è basato il documentario televisivo Alternative 3.

Dopo questo successo iniziale, tuttavia, altre ispezioni su Marte hanno incontrato problemi misteriosi che non potevano essere attribuiti a guasti meccanici. Gli stessi problemi sono stati riscontrati anche dalla NASA e dai sovietici, che allo stesso tempo non erano a conoscenza degli sforzi dell’Alternativa 3.

Ciò che non è ancora chiaramente compreso è perché alcune missioni su Marte, come gli atterraggi su Marte di Vikings I e II hanno avuto successo, mentre altre sono finite in un disastro. Il primo sbarco dell’uomo su Marte era previsto per il 1978, ma fu fermato quando la navicella spaziale in costruzione in orbita intorno alla luna fu misteriosamente distrutta.

A causa di questi inspiegabili fallimenti, il progetto di colonizzazione di Marte, che era stato programmato per il 1980 nella sua prima fase, fu esteso al 1985 e infine al 1990.

L’intera missione di colonizzazione di Marte fu infine abbandonata nel 1992.

Libro completo di Leslie Watkins Digita Qui

Anche se lo show televisivo è stato dichiarato uno scherzo, l’autrice del libro di Leslie Watkins, ritiene che alcuni aspetti di Alternativa 3, come le basi segrete sulla luna, siano probabilmente veri.

Fonte Top Secret

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE  BASTA UN MINUTO DEL TUO TEMPO PER DONARE L’IMPORTO DI UN CAFFÉ

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code