toba60

False Flag: Impariamo a Conoscerle Ce ne Saranno Molte in Arrivo

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Sfogliando i notiziari in giro per il mondo abbiamo iniziato a leggere sulle maggiori testate giornalistiche di possibili attacchi terroristici, dite la verità, ne sentivate la mancanza, tutto sommato un botto e via e finisce la questione, cosa ben diversa dal virus che ci sta tempestando il cervello e non solo quello da quasi due anni.

Il terrorismo ha fatto si che per la nostra sicurezza dovessimo passare cento volte al giorno davanti a dei Metal Detector, cambiassero la costituzione e ci togliessero tutte le libertà’ di movimento, (Il Covid ha fatto lostesso) per poi venire immortalati a tempo indefinito per la tutela della nostra incolumità fisica.

Mi vien da piangere sapere che da quando i terroristi sono andati in ferie ultimamente 50.000 immigrati ogni settimana sbarcano sulla nostra penisola, (Non entrano solo da Lampedusa) con la differenza che vengono per la nostra salvaguardia immortalati collettivamente 100 alla volta sul barcone senza documenti e non come noi presi singolarmente uno per uno.

Questo e’ razzismo, non quello che vogliono darci a credere.

False Flag

È stato un lavoro immenso quello che abbiamo messo a vostra disposizione, la fonte non abbiamo potuto metterla per motivi di sicurezza, questo autore comunque sarà riproposto ancora nei nostri servizi.

Prima di lasciarvi alla lettura vogliamo comunicare al milione di visitatori da tutto il mondo che ogni mese consulta Toba60 quanto segue…..

Importante!

L’informazione ha una sua funzione e non e’ solo quella di conoscere i fatti e gli eventi che si susseguono incessantemente.

Alcuni autori di cui abbiamo pubblicato degli articoli sono morti per motivi sconosciuti e le loro opere sono ora a disposizione di tutti affinché il loro lavoro non sia stato vano.

Se noi per esempio domani decidiamo di pubblicare (E lo possiamo fare) tutte le intercettazioni telefoniche di Matteo Salvini, Giuseppe Conte, Giorgia Meloni o Luca Zaia, (Stando in ambito locale), che seguito può avere tutto ciò, quando viene meno una partecipazione attiva della collettività?

Il sistema, la burocrazia e le connivenze politiche e istituzionali e non solo italiane ma mondiali, stroncherebbero sul nascere ogni prosieguo, (Con le buone o con le cattive) perché non dimentichiamolo che queste informazioni sono esse stesse fonte di ricatto da parte di chi e’ ai vertici del potere, (quello vero) che prima o poi utilizzerà al momento opportuno per porre questi soggetti come vittime sacrificali quando non servono più.

Riflettete su quanto avete letto ora e non confidate troppo sui falsi miti democratici che spuntano come funghi in questo caos della ”Disinformazione”.

Toba60

False Flag: Impariamo a Conoscerle

Attentato di Oklahoma City – 9/11 – Londra 7/7 – Attentati sui treni di Madrid Cattura/morte di Osama bin Laden – Attentati in Norvegia del 2011 – Charlie Hebdo – Attentato di Boston – Sandy Hook – JFK – RFK – MLK – Pearl Harbor – Lusitania – USS Maine – Golfo del Tronkino – USS Liberty – Sparatoria ad Aurora CO – Sparatoria nella chiesa di Charleston – Sparatoria a Tucson (AZ) – Port Arthur, AUS.

…tutte illusioni molto reali.

Lo scopo di questo articolo è quello di scomporre gli eventi false flag nelle loro parti, decostruirli. Così facendo creeremo un modello su come studiare un evento e determinare se è una falsa bandiera. Normalmente quando si pensa o si parla di un evento false flag ci si riferisce all’evento principale.

Questa presentazione riguarda l’intera operazione o piano di cui l’evento principale è solo una parte.

Nota: ciò che segue non è che un breve o riassunto di un progetto molto più grande. Lo sto inviando alla comunità in generale per ispirare altri a trasformarlo in un progetto completo che potrebbe includere un sito web, una presentazione (video) e un libro.

Ulteriori dettagli possono essere trovati alla fine di questo articolo.

Cos’è una False-Flag?

Cos’è esattamente una false flag, perché si chiama false flag?

Il termine false-flag è un termine navale dell’età della vela che si riferisce a una nave che batte i colori (bandiera) di un paese diverso da quello a cui la nave appartiene. Questo veniva fatto per diverse ragioni, ma una comune era quella di attirare una nave nemica nel raggio d’azione delle armi o dell’abbordaggio e poi all’ultimo momento abbandonare la falsa bandiera e portare i veri colori prima di attaccare. Era uno sport corretto usare false bandiere, ma era considerato immorale/non etico attaccare sotto una di esse.

Al punto che non veniva mai fatto.

Ma quella era un’altra epoca…

La definizione più semplice di una falsa bandiera è un evento in cui gli esecutori effettivi e gli esecutori segnalati o incolpati sono diversi. L’uso classico di un false-flag, e quindi l’origine militare del suo nome, è il seguente.

Il re del paese A vuole conquistare e saccheggiare la terra del paese B per arricchirsi. Naturalmente, se questo è ciò che il re A dice al suo esercito, essi possono scegliere di non combattere o di ribellarsi. O nel migliore dei casi il loro sforzo sarà carente. Per ottenere il massimo dai loro soldati, i comandanti hanno bisogno che siano emotivamente coinvolti… rabbia, odio, vendetta.

Ora l’abile oratore e manipolatore potrebbe essere in grado di creare questo stato d’animo con le sole parole. Ma non molti hanno questo livello di abilità. È molto più facile motivare e/o sollevare un esercito se il proprio paese è stato attaccato, quindi si sta agendo in difesa. Ed è qui che entra in gioco la falsa bandiera. Il re del paese A e i suoi migliori generali cospirano per lanciare un attacco contro se stessi, sostenendo che gli attaccanti sono del paese B.

L’attacco deve essere abbastanza grande da creare vero panico e paura, e per il massimo effetto ci devono essere morti reali. Gli aggressori devono essere convincenti nel loro ruolo di soldati del Paese B, quindi i vestiti, l’uniforme e le armi devono corrispondere adeguatamente.

La probabilità di successo dell’attacco è alta perché sarebbe inaspettato un attacco a sorpresa. Anche se l’attacco dovesse tecnicamente fallire, il solo fatto di un attacco potrebbe essere sufficiente a manipolare una risposta. Re A potrebbe usare uomini dall’interno per eseguire l’attacco, o potrebbe essere meglio usare mercenari.

In ogni caso, un attacco riuscito incenserà la popolazione contro il “malvagio” paese B, e quindi giustificherà un’invasione.

Quanto sopra è solo un esempio, o un classico esempio di false-flag.

Tuttavia, è molto importante capire che l’evento false-flag può assumere innumerevoli forme. Recentemente ho letto un commento in cui il commentatore affermava che siccome sono morte persone reali non si trattava di un false-flag. La caratteristica che definisce un false-flag non è il suo tipo specifico o se sono morti o meno dei non attori, o anche se l’evento si è verificato affatto, il che significa che l’intero evento riportato è una montatura.

Una caratteristica distintiva è che il vero autore non è mai conosciuto o rivelato. Quindi l’autore o il regista/produttore della “produzione” è sconosciuto. L’attenzione del pubblico è bloccata sul palco, il cattivo, chiaramente identificato attraverso la narrazione ufficiale, è noto.

Ma chi c’è dietro le quinte? Quando una messa in scena viene venduta come reale, allora gli attori diventano irrilevanti, ciò che è importante è chi sono i produttori! Chi sono le persone che hanno scritto, diretto e finanziato l’evento? Questi sono i veri colpevoli, non gli attori sul palco.

Cui Bono?… Chi ne beneficia?

L’altra caratteristica distintiva è che l’evento è un catalizzatore per i veri obiettivi. Così il false-flag usa la classica dialettica hegeliana di ‘Problema-Reazione-Soluzione’.

Dall’esempio di cui sopra, l’attacco a sorpresa è il “problema” (una minaccia alla sicurezza personale), la rabbia, la paura, la preoccupazione della popolazione è la “reazione” desiderata, e la “soluzione” è invadere il colpevole per eliminare la minaccia che è abilitata dalla reazione della popolazione.

Il false-flag è quindi un’illusione creata deliberatamente il cui scopo è creare l’ambiente in cui l’obiettivo o la “soluzione” sarà accettata e quindi attuata.

Perché usare le False-Flag?

Come spiegato nella sezione precedente, il classico false-flag è stato utilizzato per giustificare un’invasione di un altro paese.

Ma ci sono numerose motivazioni per utilizzare false-flag. Così l’evento false-flag è stato utilizzato nel corso della storia per avviare il cambiamento.

Problema-Reazione-Soluzione.

Se il cambiamento che il leader (o i leader) vogliono non sarà voluto o accettato dalla popolazione, allora la falsa bandiera è uno strumento eccellente per attuare tale cambiamento.

Quindi la falsa bandiera è uno strumento di manipolazione (inganno) per dirigere le opinioni e le azioni della popolazione. Questo modello problema-reazione-soluzione del false-flag non è che uno strumento degli ingegneri sociali che dirigono gli attori sulla scena mondiale.

Mentre il pubblico, il 99,9% del mondo, molto più che semplici spettatori, sono direttamente influenzati da questi “ingegneri” dal momento della loro nascita fino al momento della loro morte.

Loro (noi) sono in realtà partecipanti inconsapevoli e involontari alle macchinazioni dell’1%.

Hermann Göring

Perché, naturalmente, il popolo non vuole la guerra. Perché un povero fannullone in una fattoria dovrebbe voler rischiare la sua vita in una guerra quando il meglio che può ottenere è tornare alla sua fattoria tutto intero? Naturalmente, la gente comune non vuole la guerra; né in Russia, né in Inghilterra, né in America, né in Germania.

Questo è comprensibile. Ma, dopo tutto, sono i leader del paese che determinano la politica ed è sempre una questione semplice trascinare il popolo, che si tratti di una democrazia, o di una dittatura fascista, o di un parlamento, o di una dittatura comunista. Gilbert: C’è una differenza. In una democrazia il popolo ha una certa voce in capitolo attraverso i suoi rappresentanti eletti, e negli Stati Uniti solo il Congresso può dichiarare le guerre. Göring: Oh, va benissimo, ma, voce o non voce, il popolo può sempre essere portato agli ordini dei leader. Questo è facile. Basta dire loro che vengono attaccati, e denunciare i pacifisti per mancanza di patriottismo e per aver esposto il paese al pericolo. Funziona allo stesso modo in qualsiasi paese.

Da un’intervista tra Gustave Gilbert, uno psicologo americano, e Hermann Göring durante i processi di Norimberga.

Comunità basata sulla realtà

La fonte del termine è una citazione in un articolo del New York Times Magazine del 17 ottobre 2004 dello scrittore Ron Suskind, “Faith, Certainty and the Presidency of George W. Bush”, che cita un assistente senza nome di George W. Bush (poi attribuito a Karl Rove): “L’aiutante disse che quelli come me erano ‘in quella che chiamiamo la comunità basata sulla realtà’, che definì come persone che ‘credono che le soluzioni emergano dallo studio giudizioso della realtà distinguibile'”.

“Questo non è più il modo in cui il mondo funziona davvero”, ha continuato. “Siamo un impero ora, e quando agiamo, creiamo la nostra realtà. E mentre voi studiate quella realtà – con giudizio, come volete – noi agiremo di nuovo, creando altre nuove realtà, che potrete studiare anche voi, ed è così che le cose si sistemeranno.

Noi siamo gli attori della storia… e a voi, a tutti voi, non resterà che studiare quello che facciamo”.

Il primo dicembre del 1941, più dell’80% della popolazione statunitense era contraria ad essere coinvolta nella guerra in Europa.

FDR voleva che gli Stati Uniti entrassero in guerra, un fatto ormai assodato. Quindi come fa FDR a convincere la popolazione statunitense a partecipare a una guerra oltreoceano in cui non vuole essere coinvolta?

Gli Stati Uniti fecero 8 passi per incensare i giapponesi e incoraggiarli o costringerli ad attaccare. Gli Stati Uniti avevano infranto i codici diplomatici e militari dei giapponesi negli anni ’30.

Gli Stati Uniti sapevano cosa stavano facendo. I diplomatici giapponesi dovevano dichiarare guerra la mattina del 7 dicembre prima dell’attacco, ma questo incontro fu intenzionalmente ritardato. Così la dichiarazione di un attacco ‘a sorpresa’ poteva essere mantenuta, e la sorpresa, l’orrore, lo shock dell’attacco fu usato per manipolare la popolazione ad unirsi alla seconda guerra mondiale.

I comandanti dell’esercito e della marina (il generale Walter Short e l’ammiraglio Husband Kimmel) a Pearl Harbor, che furono accusati di non essere stati pronti e immediatamente licenziati, furono entrambi scagionati nel ’44.

Sia la Corte della Marina che il Consiglio dell’Esercito trovarono Washington colpevole, che i funzionari all’interno del governo degli Stati Uniti sapevano che l’attacco stava arrivando ma non riuscirono a passare questa informazione al personale appropriato.

False flag provate

  • Iran-Contra
  • Watergate
  • Operazione Gladio
  • Operazione Northwoods
  • Golfo di Tonkin
  • Pearl Harbor

Quindi non sei convinto che le false bandiere siano reali.

Mi sembra giusto, non c’è niente di male nell’essere scettici. Guardiamo allora gli eventi che sono stati esposti “ufficialmente”. Uno dei più significativi è l’Operazione Gladio, perché non solo è stata portata alla luce, ma dimostra chiaramente il terrorismo sponsorizzato dallo stato.

Dopo la seconda guerra mondiale l’MI6 britannico e la CIA crearono e supportarono gruppi terroristici di destra in tutta Europa in cui vennero uccisi molti innocenti. Lo scopo era quello di dare la colpa del terrorismo ai gruppi di sinistra, usando una “strategia della tensione”, e quindi ottenere il sostegno per maggiori poteri del governo.

Questo programma è andato avanti per molti decenni, e anche se ufficialmente Gladio potrebbe aver chiuso, ovviamente continua senza sosta:

Iran-Contra, anche se tecnicamente non è un evento false-flag, è la prova assoluta della complicità del governo USA nella vendita internazionale di armi e nel cambio di regime.

Il lato Iran coinvolgeva la vendita illegale di armi statunitensi all’Iran, usando Israele come intermediario per spedire le armi all’Iran, in cambio di assistenza nella liberazione degli ostaggi americani in Libano.

È importante notare che a quel tempo l’Iran era considerato un “nemico” e ufficialmente designato come “Stato sponsor del terrorismo”, il che è deliziosamente ironico considerando ciò che l’operazione Gladio ha rivelato. Infatti gli Stati Uniti stavano assistendo l’Iraq nella guerra Iran-Iraq in corso. Questo avveniva durante un embargo sulla vendita di armi all’Iran.

Alcuni dei fondi generati da queste vendite di armi furono poi utilizzati per finanziare i Contras in Nicaragua, cosa che era stata severamente proibita dal Congresso degli Stati Uniti.

False flag fallite

Come per le false flag provate, i tentativi falliti sono altrettanto preziosi per stabilire la realtà di questi eventi inscenati.

Il tentativo di assassinio di Reagan e il colpo di stato in Ucraina sono entrambi esempi eccellenti. Il tentativo dell’Ucraina è stato un fallimento in quanto l’obiettivo primario era l’Ucraina orientale (preziosi terreni agricoli), compresa la Crimea (dove si trova la più grande base navale della Russia a Sebastopoli).

L’attentatore di scarpe e l’attentatore di biancheria intima (in cui abbiamo un testimone esperto, l’avvocato Kurt Haskell, che ha esposto questa frode) sono altri due esempi recenti.

Questa è un’area che ha bisogno di una ricerca più approfondita. I tentativi falliti saranno più facilmente dimenticati, sotto segnalati o non segnalati.

Terrorismo reale / Morte reale

Alcuni tipi di terrorismo sono organici, cioè non sponsorizzati dallo stato o creati e controllati dai globalisti.

Alcune false-flag hanno vittime reali. Poiché alcune false bandiere non sembrano avere vittime reali, per definizione significa che non ci sono prove dirette verificabili di morti reali. È importante indagare quei casi di vero terrorismo, e di morti reali, per confrontarli con gli eventi di false-flag completamente inscenati.

Fornendo così una linea di base per confrontare gli eventi verificabili noti con quelli sospettati di essere inscenati.

Un eccellente esempio è il massacro della scuola di Beslan del 2004 in cui i terroristi ceceni presero in ostaggio una scuola elementare con più di 1000 ostaggi e più di 300 morti. Poiché questo si è svolto nell’arco di 3 giorni, ci sono molte prove video e immagini dello svolgersi della tragedia.

Il breve video qui sotto è un’ampia prova di come appaiono la VERA violenza, l’eroismo, il sangue, l’angoscia e la morte.

Anatomia del False-Flag

Scomponendo il false-flag in vari componenti, non solo possiamo capire meglio come funzionano, ma perché vengono utilizzati.

Inoltre, così facendo si dimostrerà che le impronte digitali delle false-flag dimostrano chiaramente un piano più ampio. Il False-Flag utilizza un piano d’azione standard, simile a un piano d’affari o di battaglia.

L’obiettivo è quello di dare piena concretezza per iscritto a tutti gli elementi dell’evento. Quello che segue è un elenco dei diversi elementi che compongono il piano che sarà poi seguito da una ripartizione per ogni sezione.

Il piano dell’evento per sezioni:

  • Obiettivo
  • Focus
  • Tipo di evento
  • Evento principale
  • Data/ora Luogo
  • Partecipanti
  • Perpetratore Vittima(i)
  • Esecuzione dell’evento
  • Piani di riserva
  • Narrazione ufficiale
  • Copertura


Obiettivo

Il false-flag inizia con un obiettivo, uno scopo, una ragione d’essere.

A volte lo scopo è singolare, ma molte volte ci sono scopi multipli (che è un segno rivelatore di pianificazione avanzata, e quindi un’ulteriore prova che un particolare evento è una falsa bandiera).

L’obiettivo primario; eliminare un avversario, promuovere un’agenda specifica (controllo delle armi), o giustificare una guerra. Gli eventi più sofisticati sembrano avere sempre obiettivi multipli, o obiettivi secondari.

Gli obiettivi secondari tendono ad essere più psicologici, più morbidi, sottili. Questi potrebbero includere la creazione di specifiche risposte emotive, come paura, rabbia, apatia. Più specificamente un omicidio pubblico potrebbe essere scelto per inviare un messaggio, un avvertimento.

Il che fu il caso negli anni ’60 con JFK, MLK e RFK.

Un altro obiettivo di questi tre omicidi degli anni ’60 era la guerra del Vietnam, che è un forte filo che collega i tre omicidi insieme, e gli autori.

Un altro sotto-obiettivo potrebbe essere quello di creare una risposta di rabbia, accoppiata con un po’ di patriottismo per manipolare la gente ad accettare la guerra.

L’evento del Venerdì 13 di Parigi sembra avere almeno 5 obiettivi:

  • giustificare la partecipazione francese alla guerra per procura in Siria
  • spogliare i diritti di privacy/libertà dei popoli francesi
  • chiudere eventualmente tutte le frontiere europee
  • impedire qualsiasi potenziale protesta al vertice sul clima a Parigi alla fine del mese
  • creare un sentimento anti-musulmano e anti-immigrati

Pianificazione a lungo termine…

Molti dei recenti eventi di sparatorie di massa negli USA hanno almeno 2 obiettivi:

promuovere l’agenda del controllo delle armi suscitare discordia tra persone di razze e/o religioni diverse

Focus

Il focus di un evento è ciò su cui i designer vogliono che si concentri l’attenzione del pubblico.

Questo non è necessariamente l’evento stesso. Può essere la vittima, il colpevole o altri elementi.

L’11 settembre il focus dell’evento era il terrorismo, quindi ‘Osama bin Laden’. Era il cattivo. Era il motivo per cui ‘o sei con noi, o sei per il terrorista’.

Era l’uomo nero che doveva essere trovato e ucciso. È lui che ha giustificato l’invasione dell’Afghanistan e la ripresa della produzione di quei campi di papaveri. Il che ha portato al successivo uomo nero Saddam Hussein. E all’invasione dell’Iraq.

Nelle recenti sparatorie in America è diventato dolorosamente ovvio che il focus degli eventi è spingere l’agenda del controllo delle armi.

Un’altra parte dell’attenzione è chi è il pubblico primario o previsto? Nell’assassinio di JFK il pubblico primario non era il popolo americano in sé, ma i politici e coloro che erano direttamente coinvolti nel governo. Sia a livello nazionale che internazionale.

Questo era un messaggio per gli addetti ai lavori…

‘Questo è ciò che faremo a coloro che si oppongono a noi’.

L’11 settembre il pubblico di riferimento era il popolo americano.

Evento tipo

L’importanza del tipo di evento non può essere sottovalutata.

Al livello più semplice, il tipo di evento determina come l’obiettivo viene raggiunto. Se si tratta di un’uccisione, allora sarà un “incidente”, un suicidio, un assassinio, ecc.

Un’altra decisione importante è se l’operazione si appoggerà su un evento reale programmato o se l’operazione sarà creata da zero. Un’altra decisione critica è determinare il “livello di coinvolgimento” per l’evento principale.

Il livello di coinvolgimento definisce chi sono gli attori e se ci saranno partecipanti inconsapevoli; vittime, persone spinte nella storia a causa delle circostanze create, e passanti.

Il livello di coinvolgimento può essere semplice come il perpetratore e la vittima, o un attore con il resto dei partecipanti inconsapevoli, o l’intero evento che viene simulato. Quindi il livello di coinvolgimento è su un continuum dal minimo (un attore) al massimo (tutti gli attori).

Dalla partecipazione del cattivo (Hinkley, Sirhan Sirhan), alla presenza (Oswald, James Holmes, i fratelli di Tsarnaev), all’inesistenza (Adam Lanza).

Dalle vittime vere (morti reali), a quelle false (attori), a tutte fabbricate. È importante evitare lo stereotipo che un false-flag segua solo un formato specifico.

Una buona analogia sarebbe quella dei tipi di film, che sono essi stessi delle vere e proprie illusioni. Film d’azione della vecchia scuola dove tutte le acrobazie sono fatte con persone reali, in un ambiente reale, con oggetti di scena reali. Poi abbiamo lo scenario ormai comune in cui è un mix di azione reale/live e CG. Poi il film in cui tutti gli effetti speciali e le acrobazie sono in CG.

E infine il film completamente in CG o di animazione. Tutti questi tipi di film sono reali. Ognuno di essi ha richiesto persone reali per lavorarci, crearli, produrli. E tutti questi film sono illusioni.

Sono opere di finzione. Sono creazioni deliberate; prodotti, pianificati, diretti e recitati per essere registrati (filmati) e distribuiti per essere visti. Per intrattenere e formare (perché i film sono potenti strumenti di controllo sociale), e naturalmente per fare soldi. Non posso fare a meno di pensare al film “Wag the Dog”.

Le false bandiere sono fondamentalmente le stesse. Che ci sia un solo attore o molti.

Che ci siano morti veri o falsi. O se l’intera falsa bandiera non è che la notizia stessa (la narrazione ufficiale). Ogni tipo di illusione creata è reale. Sono anche assolutamente usate per il controllo sociale, infatti questo è davvero il loro scopo primario.

Problema-Reazione-Soluzione.

Con l’obiettivo di manipolare la soluzione sulla maggior parte della popolazione, controllando così la popolazione. Come un film, il false-flag è una produzione deliberatamente pianificata ed eseguita. È una vera illusione.

Un paragone migliore potrebbe essere lo spettacolo teatrale, poiché la “performance” è fatta dal vivo, sul posto, con un pubblico reale.

Alla fine arriviamo alla domanda: “Cosa è ‘reale’? Può essere semplicemente una questione di prospettiva.

Guardate la cosa dal punto di vista dell’incidente. L’incidente può essere un errore o può essere ‘intenzionale’. Un esempio classico e diciamo innocuo è quello dell’iconico film ‘Christmas Story’. Dove la moglie ‘accidentalmente’ rovescia e rompe la lampada da gamba sexy.

Naturalmente il padre sospetta che non sia stato un incidente. Ma lei finge innocenza. Si potrebbe essere testimoni di un incidente intenzionale, e a seconda delle circostanze e dell’abilità dell’autore giurerebbe che è stato un errore.

Anche in questo caso, l’evento si è verificato realmente, sei stato un testimone oculare. Quindi era “reale”, ma non era un errore, era un’illusione deliberata. E in effetti potresti essere stato scelto appositamente per testimoniare l’evento come prova che è stato un errore, dato che la maggior parte delle persone si fida del tuo giudizio e della tua opinione.

Il che ci porta alla questione più profonda di questo progetto.

Che molte delle false bandiere sono collegate. Che c’è un gioco di inganno molto profondo in cui viviamo. Perpetrato in gran parte dalla miriade di società segrete che si contendono il potere e il controllo nel mondo. È questo profondo gioco di inganno che rende difficile analizzare le false bandiere.

Confusione, depistaggio, disinformazione, tutto utilizzato per offuscare ciò che è realmente accaduto.

Evento principale

L’obiettivo di questo articolo è il piano generale di un evento di false-flag.

Dall’obiettivo, alla pianificazione iniziale, fino alla copertura. Ma normalmente quando qualcuno si riferisce a un False-Flag si riferisce all’Evento Principale; il colpo dell’eroe, il terzo atto… il climax.

Il nocciolo della pianificazione si concentrerà sull’evento principale. Indipendentemente dalla teoria che si accetta su come è stato realizzato l’11 settembre, c’è un fatto assoluto. E’ stata necessaria un’enorme quantità di pianificazione per poterlo fare, con anni di anticipo.

E’ a questo livello che il ‘Piano’ si coagula in quello che sarà esattamente lo spettacolo. È qui che viene creato il vero e proprio ‘copione’. Il luogo specifico viene selezionato, gli attori scelti, le linee parlate create e gli oggetti di scena necessari.

Si decide l’ora e la data. Così come quanti finanziamenti saranno necessari per una performance di successo.

L’11 settembre l’evento principale fu la caduta delle torri gemelle. Questo è stato il climax. Questo è stato lo ‘shock and awe’ psicologico sul popolo americano, che ha preceduto lo shock and awe fisico che è caduto sui popoli afgano e iracheno. È l’immagine delle torri che cadono che viene usata ancora oggi per rafforzare la paura e la rabbia.

JFK, RFK, MLK l’evento principale era la sparatoria, ma l’omicidio non era che un obiettivo.

Data/ora

La data e l’ora sono entrambe decisioni cruciali. Sappiamo per i seguaci dell’occulto che le date sono MOLTO importanti. Vedi il discorso di Christine Lagarde, direttore generale del FMI, Magic of Number 7 per la prova dell’importanza della numerologia.

Il significato esoterico ed exoterico di una data dovrebbe essere esaminato attentamente.

Un altro fattore importante di data e ora è come coincidono con il ciclo delle notizie. La data può anche essere critica a seconda di quanto presto l’Evento Principale è necessario o richiesto che abbia luogo.

La data può essere un fattore decisivo, specialmente se il tempo è poco, su come/dove l’Evento Principale viene completato. L’attacco dell’11 settembre 2001, la data è normalmente abbreviata in 9/11 e negli USA il numero dei servizi di emergenza è 9-1-1. Perciò ogni volta che il 9-1-1 o il 911 viene menzionato o visto ricorda l’11 settembre, e il trauma associato.

I recenti attacchi di Parigi sono avvenuti l’11/13/15, che guarda caso è venerdì 13. Ma sembra che questo sia stato predetto dalla rivista Economist del gennaio 2015 (co-proprietario di Rothschild) con due frecce con i numeri 11.5 e 11.3, gli stessi esatti 6 numeri della data.

Queste frecce (immagine sotto – in basso a destra) sono davanti al quadro ‘La belle ferronnière’ di Leonardo da Vinci, che si trova al Museo del Louvre di Parigi:


Posizione

Come la data/ora, il luogo è spesso una parte critica dell’evento.

Segnalazione sia a livello esoterico che exoterico. Anche il nome del luogo e/o della città può avere un’importanza significativa. Localizzare una sparatoria in una zona senza armi e nelle scuole per massimizzare l’impatto emotivo.

La posizione geografica in relazione all’evento per inviare un segnale. Come l’attentato di Oklahoma City, il centro o il cuore della nazione, segnalando che il “cuore” non è al sicuro dal terrore.

Altri fattori importanti nella localizzazione è quanto controllo può essere esercitato sul luogo, in particolare il controllo del movimento dei non partecipanti, e l’ingresso/uscita al luogo.

Va da sé che nell’11 settembre si potrebbe considerare il luogo come l’evento, certamente è stato il ‘protagonista’ dell’evento. Sia le Torri Gemelle che NYC…

Partecipanti

I partecipanti possono essere classificati in 4 gruppi:

  • Sapendo-Volendo
  • Sapere-volere
  • Ignoranti-volontari
  • Inconsapevole-riluttante

I consapevoli-volontari sono gli attori, i partecipanti consapevoli.

I consapevoli-non-volontari sono persone che sono a conoscenza dell’evento prima che abbia luogo e partecipano contro la loro volontà. Quindi sono stati ingannati, ricattati o costretti. Gli inconsapevoli-volontari sono partecipanti spinti nell’evento principale al momento della sua esecuzione e decidono di partecipare pienamente, molto probabilmente inconsapevoli di essere nel mezzo di un evento false-flag.

Gli inconsapevoli-non-volontari sono partecipanti spinti nell’evento principale che non hanno idea che sia una messa in scena e non vogliono partecipare. Possono essere semplicemente astanti, possono essere vittime, o possono effettivamente partecipare contro la loro volontà.

Penso che uno studio interessante di questo sia Wayne Carver della fama di Sandy Hook. La mia intuizione è che lui era un partecipante consapevole e consenziente a quello che gli era stato detto essere un’esercitazione di addestramento alla crisi. Ad un certo punto l’esercitazione/evento è andato ‘live’ e lui è stato spinto nel mezzo.

A quel punto lo si potrebbe classificare come un partecipante inconsapevole-non-volontario che poi fa la sua infame conferenza stampa e dice quanto segue:

“Spero, uhh, spero che loro (riferendosi al suo team medico) e spero uhh che la gente di Newtown, uhh non si schianti sulla loro testa più tardi ma…”

Saltate al minuto 4:40 per sentire la frase di cui sopra.


Ho il sospetto che ci siano molti più partecipanti inconsapevoli e involontari che sono “forzati” nel dramma di quanto si possa pensare.

La paura di parlare, di stare al gioco per andare avanti, di non far oscillare la barca sono tutti fattori che contribuiscono alla loro complicità del silenzio… ma la paura è il più forte motivatore.

Coloro che organizzano

Per prima cosa, l’autore o gli autori devono essere conosciuti o sconosciuti?

Se il colpevole deve essere conosciuto, allora diventa il cattivo della narrazione. Il pistolero pazzo solitario o il terrorista! Concentrare l’attenzione sul capro espiatorio mirato.

Il colpevole deve essere temuto, detestato o possibilmente simpatico? Tutti questi elementi sono presi in considerazione in base all’obiettivo dell’operazione. Se il colpevole deve essere sconosciuto, allora semplicemente non esiste (come nel caso del suicidio per omicidio), o si sa che c’è un colpevole ma l’identità deve rimanere segreta?

In alcuni casi, l’effetto psicologico dell’autore sconosciuto o sconosciuto è maggiore dell’evento stesso. Come nel caso dei serial killer.

Come menzionato in precedenza, un altro aspetto molto importante del piano generale è la determinazione del ruolo che l’esecutore (patsy) deve svolgere nell’evento principale.

L’esecutore deve avere un ruolo critico nell’esecuzione dell’evento, come nel caso di Sirhan Sirhan nell’assassinio di RFK? O il capro espiatorio è piantato lì con falsi pretesti, come ad esempio giocare una parte in un’esercitazione o in un lavoro di sorveglianza?

Oswald sapeva di essere stato incastrato, ed è un fatto accertato che era coinvolto nei servizi segreti. E se i pianificatori speravano che tenesse la bocca chiusa? Poteva dichiararsi innocente e non coinvolgere altri.

Ma ebbe molteplici conversazioni non documentate con il capitano della polizia di Dallas Will Fritz e due agenti dell’FBI. (Nota: gli appunti originali sono stati distrutti o creati dopo le interviste)

Quindi gli esecutori sapevano che avrebbe “cantato”, da qui la necessità di Ruby.

Non sono convinto che Oswald non abbia avuto alcun ruolo. Oswald è fuggito dalla scena, quindi sapeva immediatamente di essere in possibili guai.

Ma se le sue mani erano pulite, perché fuggire dalla scena? Era un portaborse, la persona che ha consegnato l’arma sul posto? O forse pensava che ci fosse un solo tiratore, e ha deliberatamente sabotato l’evento per impedirne il successo? In tal caso sarebbe stato molto sorpreso che Kennedy fosse stato colpito. O forse gli fu ordinato di andarsene?

Qualunque sia stato il suo ruolo, lasciare la scena è stata la sua condanna a morte.

Vittima

A seconda dell’obiettivo, la vittima potrebbe essere l’unico scopo o bersaglio dell’evento, o la vittima (o le vittime) potrebbero avere solo un ruolo minore.

Il modo in cui le vittime sono trattate può essere fondamentale per accertare se un evento è una falsa bandiera. Il tipo di vittima (età, razza, sesso, livello socio-economico) sono tutti fattori importanti da considerare, e in larga misura determinati dall’obiettivo, così come il numero di vittime.

Le vittime saranno reali? O le vittime saranno attori? Morti finte consapevoli-volontarie, o morti reali non consapevoli-volontarie? Perché scegliere una piuttosto che l’altra? Morti reali per il necessario shock sulla popolazione nel suo insieme, e in particolare come messaggio (avvertimento) per gli oppositori “all’oscuro”.

Perché le morti finte? Perché i finti morti non hanno una vera famiglia che chiede risposte!

La ragione per cui il Rapporto della Commissione sull’11 settembre è stato creato è stata la persistenza dei membri della famiglia che chiedevano un’indagine, in particolare le quattro ‘Jersey Girls’.

Se dei bambini veri fossero morti a Sandy Hook avreste visto numerosi genitori isterici, invece abbiamo l’infame performance di Robbie Parker. Se non avete mai visto il video qui sotto vi basterà guardare i primi 40 secondi, prestate molta attenzione al suo comportamento.

Invece di genitori arrabbiati, incensurati ed emotivi che, come ha dimostrato l’11 settembre, possono essere un bel problema.

Il peggio con cui i veri colpevoli hanno a che fare sono gli investigatori persistenti. Su cui possono appendere l’etichetta di ‘teorico della cospirazione’ e quindi il pubblico è stato condizionato ad ignorare, scontare o ridicolizzare.

Quindi è molto più facile gestire l’insabbiamento con false morti.

Preparazione

La data/ora, i partecipanti e il luogo sono stati fissati.

Ora è il momento di preparare i partecipanti e il luogo per l’evento principale. Il cattivo è un individuo controllato dalla mente MKUltra? Allora è necessario determinare che il livello appropriato di controllo può essere raggiunto e su una base coerente.

Se deve essere un evento ben sceneggiato/attuato, allora i partecipanti devono praticare i loro ruoli in un ambiente il più possibile realistico. Per quanto riguarda il luogo stesso, quanta preparazione è necessaria?

Nel caso dell’11 settembre è stata necessaria un’enorme quantità di preparazione, in effetti un livello di preparazione senza precedenti.

Se il luogo ha bisogno di preparazione, quanto può essere fatto prima dell’evento? In particolare quanto può/deve essere fatto giorni/settimane/mesi prima, e quanto pochi minuti/ore prima. Proprio come un evento sportivo professionale, o un concerto, o uno spettacolo.

Migliore è la preparazione, migliori sono le possibilità di successo durante l’effettiva “performance”.

Esecuzione dell’evento

Mettere in azione il piano. O più precisamente… Showtime!

Questo è il momento, tutta la pianificazione e la preparazione vengono a capo quando l’evento principale viene eseguito. Tutto è al suo posto e aspetta semplicemente il segnale di via/no-go. Infatti questa è la decisione più critica in questo momento.

Ci sono molteplici ragioni per dare il segnale di no-go. Non attori nella posizione sbagliata, tempo (pioveva la mattina del 22 novembre 1963 a Dallas, TX. Da qui gli ombrelli occasionali e il motivo per cui Jean Hill indossava il suo impermeabile rosso. Se la pioggia fosse persistita un po’ più a lungo, la capote sarebbe rimasta sull’auto), guasti alle attrezzature, obiettivo non disponibile.

Viene da chiedersi: quante false bandiere pianificate hanno ricevuto il segnale di no-go?

Un tratto comune degli eventi più recenti è un qualche tipo di “esercitazione” che si verifica esattamente nello stesso momento e luogo del falso flag. L’esercitazione fornisce un’eccellente copertura per mettere in scena l’evento senza destare sospetti. E se non si “va in onda”, quindi un no-go, allora è semplicemente un’altra esercitazione di preparazione.

E per i partecipanti inconsapevoli, nessuno sa quanto siano stati vicini ad essere spinti in una performance di false-flag.

Back-up

“Nessun piano di battaglia sopravvive al contatto con il nemico”. Lo stratega militare tedesco Helmuth von Moltke

E così è il caso di qualsiasi piano, specialmente il più complesso.

E quindi tutti i buoni pianificatori hanno piani di riserva o di emergenza. Piano B, o C.

Sembra logico assumere che più controllo c’è sui partecipanti, meno probabilità ci sono che l’evento non vada secondo i piani. Il che è un forte argomento per avere l’evento al 100%. L’esempio classico dell’uso del back-up è l’assassinio di JFK.

Il piano era un singolo colpo alla testa da dietro, il colpo mortale frontale era l’opzione “se tutto il resto fallisce”.

Narrazione ufficiale

Nella creazione della narrazione, la “storia ufficiale”, ci sarà tanta pianificazione quanto il resto del piano combinato.

Non solo nella narrazione stessa, ma nel controllo della diffusione della narrazione.

La narrazione può includere:

  • storie di notizie
  • racconti di testimoni oculari
  • testimoni esperti
  • punti di vista dei conduttori di talk show
  • opinioni di politici,

e altri.

La narrazione è importante quanto il Main Event stesso. E in alcuni casi più importante. In particolare, se l’evento è affrettato, la narrazione può dover portare avanti l’operazione. La narrazione è ciò che stabilisce il tono, identifica il cattivo, le vittime, crea l’atmosfera e spinge il messaggio di propaganda per l’evento.

La narrativa ufficiale è l’evento per la maggior parte delle persone, ma soprattutto per i consumatori di notizie. Quindi è ben pianificata e realizzata. La narrazione può anche essere un segno rivelatore di un evento false-flag.

La narrativa ufficiale è molto più facile da spingere e controllare quando i media sono controllati, come il 90% dei media negli Stati Uniti è controllato da 6 aziende.

E quando non c’è un legittimo giornalismo investigativo da parte delle fonti di notizie, come quello che sta accadendo ora negli USA.

Cover-up

Un evento di successo non garantisce il successo generale.

Le questioni in sospeso devono essere risolte. Distruzione delle prove, che molte volte sono molto importanti. Testimoni messi a tacere (morti misteriose/intempestive). Investigatori scoraggiati.

Mantenere la narrazione ufficiale sicura e difesa può essere tanto lavoro e richiedere molto più tempo dell’intera operazione fino a quel punto. JFK e 9/11 sono entrambi esempi eccellenti di Cover-up in azione. L’impegno, il numero di persone coinvolte, il tempo, i media utilizzati. Nel caso di JFK il colpo mortale doveva essere sparato da dietro.

Il colpo frontale ha creato la necessità di sopprimere/coprire più elementi:

la gente che sentiva gli spari dalla collinetta erbosa il numero totale di spari soppressione e manipolazione del filmato Zapruder l’uso dell’agente Tippit come controfigura (assomigliava così tanto a JFK che veniva regolarmente preso in giro per questo)

Personalmente sono ancora stupito dal livello di impegno per la narrazione di JFK… più di 50 anni dopo. Il che dimostra anche che ci sono piani a lungo termine coinvolti e gruppi i cui membri partecipanti sono morti da tempo dopo l’evento (o gli eventi).

È mia opinione che le numerose morti misteriose post Evento Principale siano quelle di partecipanti inconsapevoli e involontari, che hanno capito abbastanza da sapere che la narrazione ufficiale era impossibile e la cui opinione o testimonianza sarebbe stata pericolosa.

Errori

Alcuni errori possono essere coperti con piani di riserva, altri no.

Gli errori possono far saltare l’intero evento. È probabilmente sicuro assumere che a causa di errori o di una cattiva esecuzione del piano, alcuni eventi NON vengono portati in diretta. Rimangono solo un’esercitazione a livello locale, con partecipanti consapevoli e delusi, e partecipanti inconsapevoli che non sanno nulla perché gli viene detto che era solo un’esercitazione.

Consideriamo il volo 93 dell’11 settembre.

All’inizio lo consideravo un aereo di riserva, che se uno degli altri tre avesse fallito avrebbe colmato il vuoto. Ma la sua lunga ed erratica traiettoria di volo da New York al campo in Pennsylvania, e il buco ridicolmente piccolo in cui hanno dichiarato che si è schiantato mi indicano che qualcosa è andato storto con questo aereo. Doveva decollare alle 8:01 da Newark, ma è stato ritardato di 41 minuti.

FALSE FLAG A PALAZZO CHIGI

Molti hanno ipotizzato che questo aereo doveva colpire l’edificio 7. Sia che si creda che i 4 jet commerciali fossero reali o che non esistessero, o che si creda che siano stati usati aerei appositamente preparati, in ogni caso qualcosa è andato storto con il volo 93.

Un altro errore fu l’attentato di Oklahoma City, non tutte le cariche furono fatte esplodere e gli esplosivi furono trovati montati su colonne nell’edificio, sfatando così il mito del camion bomba. Che ovviamente doveva essere sepolto e nascosto.

Guardate il documentario ‘A Noble Lie’ sull’attentato di OKC per saperne di più.

Effetti

Reazioni post-evento.

Un modo sicuro per identificare un false-flag ma anche i suoi obiettivi è aspettare e osservare le ‘Soluzioni’ o le risposte all’evento… gli ‘effetti’. Di nuovo, Cui Bono? Chi ne beneficia?

Prendendo l’evento di Parigi venerdì 13.

L’ISIS, ISIL, IS, Daesh (l’uso di più nomi è fatto per confondere deliberatamente) beneficia di questo presunto attacco?

Nelle 6 settimane precedenti la Russia ha bombardato l’ISIS, e la loro risposta è che non ne abbiamo abbastanza della morte dei nostri fratelli, quindi facciamo incazzare un’altra potenza militare che può aumentare il numero di bombe che piovono sulle nostre teste?

Forse hanno confuso Parigi con Mosca?

Punti in comune

Identificando ed elencando i punti in comune tra gli eventi di false-flag saremo in grado di collegare gli eventi, e mostrare troppe “coincidenze” per essere matematicamente possibili e quindi questo indica una pianificazione da parte di gruppi uguali/simili.

I punti in comune includono:

  • pistolero solitario
  • instabilità mentale
  • SSRI
  • tiratori multipli segnalati come uno solo
  • mancanza di prove (nessuna prova delle vittime)
  • distruzione di prove
  • attori di crisi
  • esercitazioni di addestramento nello stesso momento/luogo dell’evento
  • fondazioni commemorative delle vittime create immediatamente dopo l’evento… o prima

Certamente un eccellente esempio di comunanza sono le “esercitazioni di addestramento”, che avvengono settimane, giorni, la mattina dell’evento o durante l’evento stesso, e sia nel luogo esatto o nelle vicinanze.

Una lista parziale di eventi in cui le esercitazioni hanno avuto luogo prima o durante l’evento:

  • 9/11
  • Attentato di Boston
  • Sparatoria a Charleston
  • 7/7 attentati
  • Sandy Hook Aurora, CO (Batman)
  • Parigi venerdì 13
  • Oslo, Norvegia sparatoria
  • Madrid attentati
  • Umpqua Community College, Oregon

Connessioni

In Connections prendiamo le prove e i partecipanti noti delle varie false bandiere e li colleghiamo insieme.

Per dimostrare non solo che si tratta di eventi realizzati dagli stessi individui e gruppi, ma per dimostrare come sono collegati. Quali organizzazioni, quali popoli specifici. Dimostrare che ci sono programmi più grandi in gioco di cui ogni false-flag gioca una parte. Dimostrando anche che è necessaria una pianificazione a lungo termine.

In Connections ciò che verrà creato è una serie di fili che collegano insieme i singoli eventi e poi collegano i fili stessi insieme per mostrare l’arazzo degli eventi false-flag.

ATTENTATO A NIZZA

Come esempio un po’ più oscuro di un filo che attraversa più eventi abbiamo,

L’avvocato difensore Judy Clarke che ha rappresentato,

  • Dzhokhar Tsarnaev (attentato di Boston)
  • Zacarias Moussaoui (11 settembre)
  • Ted Kaczynski (Unabomber)
  • Jared Loughner (2011 Tucson Shooting)


La sparatoria di Tucson, con 6 morti e 12 feriti, che si è un po’ persa nella cavalcata di eventi deliberati, è interessante per diverse ragioni, ma in particolare per le vittime.

La vittima è il giudice John Roll, un giudice federale degli Stati Uniti, che ha dichiarato che la legge Brady era incostituzionale, calpestando il 5° e violando il 10° emendamento. Il Brady Handgun Violence Prevention Act ha reso obbligatorio il controllo dei precedenti federali per l’acquisto di armi.

La legge prende il nome da James Brady, che fu ucciso da John Hinckley Jr. durante un tentato omicidio del presidente Ronald Reagan il 30 marzo 1981.

La rappresentante degli Stati Uniti Gabrielle Giffords, che è sopravvissuta a una grave ferita alla testa, ha creato una sua iniziativa per il controllo delle armi. Suo marito è Mark Kelley, un astronauta.

Infine la vittima Christina Taylor Green, la 9enne il cui compleanno era… aspettate… l’11 settembre 2001. Il presidente Obama ha portato la ‘Remembrance Flag’ dell’11 settembre a Tucson per stenderla sulla vista del memoriale. Molti punti in comune e connessioni qui.

L’11 settembre, il terrorismo, i killer solitari, la salute mentale, il controllo delle armi, l’assassinio di Reagan, il ‘teorico della cospirazione’ (Loughner è stato identificato come tale).

In questa sezione identificheremo gruppi specifici,

  • CIA
  • FBI
  • Sionista (ebrei talmudici)
  • Massoni
  • CFR, ecc.

Credo che sia importante delineare che questo non significa che ogni membro di tale organizzazione sia coinvolto.

La ragione di questo è che alcune persone quando sentono che la CIA è stata coinvolta in…, forse sarebbe più facile elencare in cosa non sono stati coinvolti?

Sto divagando. Quando alcuni sentono che la CIA è stata coinvolta nell’assassinio di JFK, la scontano immediatamente perché non possono credere che l'”intera” organizzazione della CIA fosse coinvolta nel complotto. Questo è un ragionamento valido.

Quindi la necessità di spiegare che no, l’intera organizzazione XYZ non era coinvolta. Davvero, in ogni caso, solo una manciata di persone di qualsiasi organizzazione sarebbe la norma. Classica compartimentazione. Individui chiave.

Inoltre queste organizzazioni avranno deliberatamente personale che sono i ‘buoni’, quindi non sono ‘in-the-know’. Come la massoneria, il massone medio di basso livello non ha idea di cosa stia succedendo ai livelli più alti.

È solo una loggia fraterna, fornisce un po’ di carità per la comunità, buona per il cameratismo e le connessioni commerciali… forse influenza un’elezione locale… per un compagno massone.

Morti inopportune/convenienti/sospette (suicidate)

Al di fuori delle morti di copertura.

Anche se non necessariamente false-flag di per sé, le morti intempestive o suicide mostrano lo stesso schema e molte volte sono collegate ad eventi false-flag e/o gruppi coinvolti nella creazione di false-flag.

Morti sospette o convenienti di cui queste sono solo alcune delle tante:

Danny Casalaro – giornalista investigativo che sta lavorando a un libro che coinvolge la CIA, il software PROMIS, il traffico di droga, la BCCI… chiamato ‘The Octopus’.

Gary Webb – serie di giornali Dark Alliance che espone il traffico di droga della CIA che coinvolge le gang di Los Angeles (Bloods, Crips), e i Contras dell’Honduras

BOSTON MARATHON

Michael Hastings – indagando sulla caccia alle streghe del direttore della CIA John Brennan nei confronti dei giornalisti investigativi

Vedi la tendenza della CIA?

Questi sono solo i primi tre che mi sono venuti in mente. E tornando agli obiettivi di false-flag. Certamente un obiettivo della morte di Hastings era quello di inviare un “avvertimento” molto chiaro ad altri giornalisti investigativi.

Omicidio(i) sacrificale(i)

Le false flag sono normalmente operazioni di società segrete, che siano,

  • privato (massoni, tavola rotonda Milner, CFR, RIIA, Trilaterale)
  • a base religiosa (Rosacroce, Società di Gesù aka Gesuiti, sionista)
  • sponsorizzato dallo stato (CIA, MI6, Mossad)


E quindi per loro stessa natura profondamente coinvolti nell’occulto.

Per molti praticanti seri dell’occulto è necessario un “sacrificio” per assicurare il successo di un piano… o di un evento. Sappiamo che in alcuni eventi il “sacrificio” stesso è l’evento. Come JFK o l’11 settembre.

E’ mia opinione quindi che almeno un essere umano vivente deve pagare con la propria vita per assicurare il successo. Come esempio a Sandy Hook, la mia teoria è che Nancy Lanza sia stata l’uccisione sacrificale.

Per il contesto storico:

Nell’Iliade di Omero, Agamennone il re greco sacrifica sua figlia Ifigenia per assicurare il successo nella sua guerra contro Troia per riconquistare Elena, la moglie di suo fratello il re di Sparta, da Paride, il figlio del re e della regina di Troia.

Non sono sicuro che questo sia un buon esempio, perché si legge come una soap opera sanguinosa.

A prescindere dalla storia, specialmente quella antica e primitiva, è piena di sacrifici umani utilizzati per placare il/i Dio/i… ‘Lucifero’.

Nota degli autori: Recentemente ho sentito parlare di diversi libri che si concentrano su uno specifico evento di false-flag, ma entrano nella questione più grande delle false flag utilizzate per plasmare l’opinione pubblica, e agire come catalizzatori per il cambiamento.

A causa dell’enorme numero di eventi di false bandiere che si verificano oggi e la quantità di buone ricerche e libri fatti da numerose persone, sembra che ciò che deve essere fatto è una presentazione o un libro che si concentri sulla questione più ampia delle false bandiere stesse.

Mentre lavoravo ad uno schema di base, che in realtà è ciò che questo articolo è, mi ha colpito dove sarebbe stata la vera carne di questo progetto. L’assemblaggio di queste varie false bandiere per mostrare come numerose false bandiere sono collegate. Facendo questo, è mia opinione, che la comunità in generale può dimostrare che gli eventi non sono incidenti “isolati”.

Ma sono parte di un piano molto più grande. Che le comunanze di molte false bandiere sono troppo numerose per essere ignorate o liquidate come semplici “coincidenze”, e che ci sono numerose connessioni dirette di specifici individui, società e organizzazioni tra gli eventi di false bandiere.

Creando un tale progetto possiamo risvegliare di più che c’è un’agenda più grande in piedi. Che viene portata avanti per decenni e persino per secoli. Che questo può essere fatto solo ai livelli più alti del governo e degli affari. E che, poiché se questi piani fossero conosciuti pubblicamente, la popolazione resisterebbe e/o si rivolterebbe, quindi devono essere tenuti segreti e da qui la necessità di società segrete per portare avanti questi piani per lunghi periodi di tempo.

Quindi sto mettendo questo schema di Anatomia delle False Bandiere nell’etere di Internet. Sperando che attraversi il vuoto conscio e subconscio e ispiri qualcuno a creare un tale rapporto, presentazione, libro. Se dovessi farlo, farei in modo di contattare i principali ricercatori su specifici eventi di false bandiere per avere il loro punto di vista e input su quali punti in comune e connessioni hanno trovato.

George Floyd False Flag

Quindi lo vedo molto come un progetto collaborativo.

Essere in grado di ottenere informazioni da eventi specifici da altri dovrebbe poi permettere al ricercatore di concentrarsi sul quadro generale e identificare i punti in comune e fare le connessioni attraverso il tempo, i luoghi e le persone.

La vera carne e il potere di questo progetto sono le informazioni sulle comunanze e le connessioni. Alcune idee che ho avuto mentre lavoravo allo schema; sarebbe probabilmente utile creare un semplice database per tracciare i dati e formarli in informazioni utili. Per esempio collegare singoli individui a più eventi

. Nella sezione Commonalities una tabella che elenchi False-flags su un asse e Commonalities sull’altro con ogni intersezione controllata se esiste una comunanza sarebbe un’immagine potente. Ogni capitolo potrebbe evidenziare una particolare falsa bandiera per illustrare il focus del capitolo.

Questo non significa che altri eventi non possano essere menzionati, ma che un evento in particolare è usato per sostenere il focus del capitolo. Un’altra idea dopo che ogni sezione del ‘Piano degli eventi’ è stata coperta, prendere un singolo evento e scomporlo usando ‘Il Piano’. Spiegando l’evento sezione per sezione, dall’obiettivo alla copertura. Dal punto di vista del libro, ogni titolo in grassetto e il testo che lo accompagna corrisponderebbero a un capitolo del libro.

Perché non sto facendo questo progetto? Buona e giusta domanda. Ho lottato per un po’ con l’idea di dove dovrebbe cadere la mia attenzione. E ho concluso che False Flags non è dove il mio obiettivo deve essere. La mia attenzione è caduta su quella del Controllo Sociale, o la manipolazione degli atteggiamenti delle popolazioni, le credenze, le opinioni, e in definitiva quindi le loro azioni.

Chiamato anche ingegneria sociale, formazione dell’opinione, ingegneria del consenso, o più schiettamente ma abbastanza accuratamente controllo mentale.

Di cui la falsa bandiera non è che uno strumento degli ingegneri sociali…

Kevin Scott King

Fonte: Top Secret

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment riduce notevolmente le nostre entrate . Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con un abbonamento mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code