toba60

Il Racket del Cancro Tutto Quello che devi Sapere

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Lo ripeto spesso, ma da quando curo la rubrica sul cancro, il mio stato d’animo, volessi comunicarlo a parole, avrei estrema difficolta’ a descriverlo.

Quello che ruota attorno alla malattia del secolo e’ sconvolgente, il Deep Web e gli articoli non reperibili attraverso i motori di ricerca classici, monopolizzati anche dalle potenti lobby farmaceutiche, ti proiettano all’interno di un inferno intriso di corruzione e malaffare con il supporto degli immancabili soldi che a fiumi devastano il genere umano, ma prima ancora smembra la coscienza collettiva di un umanità’, che spesso apprezza il valore della vita, solo quando questa sta per finire.

Quello che avrete modo di leggere, non e’ solo un grido di allarme, ma va molto piu’ a fondo e penetra dentro l’animo di ognuno di noi.

E’ in fase di rifinitura il prossimo articolo che metterà’ in seria discussione ogni luogo comune relativo alla malattia, che non e’ solo vincolata ad uno squilibrio cellulare, ma affonda le sue radici li dove purtroppo, la cecità’ degli uomini, finisce per dire la parola fine a quel briciolo di speranza che rimane.

Toba60

Come il Cancer Act del 1939 mantiene inefficaci i trattamenti contro il cancro

Il Cancer Act del 1939 e una legislazione simile in tutto il mondo, conferiscono al trattamento del cancro ortodosso, un monopolio immeritato, garantendo che trattamenti inefficaci ma redditizi come la chemioterapia e la radioterapia non possano mai essere sfidati da trattamenti alternativi più efficaci.

Una legge che prevede ulteriori provvedimenti per la cura del cancro, che autorizza il ministro della sanità a prestare denaro al National Radium Trust, a vietare determinate pubblicità relative al cancro e per le finalità connesse alle suddette questioni. [Il primo paragrafo dell’introduzione del Cancer Act del 1939]

Nell’originale Cancer Act del 1939 , nella sezione 3 (da quando abrogata), la condizione del prestito al National Radium Trust era che “non sarà concesso in prestito denaro in base a questa sezione dopo la scadenza di dieci anni dall’entrata in vigore della presente legge”. Quindi sembra che questa legislazione fosse principalmente quella di garantire il capitale di avviamento all’industria della radioterapia, che a quel tempo era nazionalizzata, sebbene il prestito prevedesse un rimborso: “Eventuali somme ricevute dal Ministro a titolo di rimborso di un prestito ai sensi della presente sezione o a titolo di interesse su di essa dovrà essere corrisposta allo Scacchiere. Questo era quindi un atto legislativo che definisce principalmente un accordo commerciale, piuttosto che uno per la protezione pubblica – le restrizioni pubblicitarie sono chiaramente secondarie all’accordo di prestito.

E comunque, le malattie cardiache sono pericolose quanto il cancro, ma non abbiamo una legge sulle malattie cardiache perché altre leggi sono perfettamente adeguate a proteggere il pubblico da rimedi e professionisti delle malattie cardiache fasulli. Il cancro è stato individuato a causa delle spese del radio e della necessità di istituire un monopolio per gestire il denaro prestato per quella spesa.

Devi anche ricordare che nel 1939, il cancro non era così comune come lo è oggi con solo 1 su 30 a 1 su 40 persone che ottengono la malattia rispetto al tasso attuale tra 1 su 2 e 1 su 3. Quindi gli operatori sanitari non aveva l’enorme base di clienti di cui dispone oggi, rendendo commercialmente essenziale la protezione di quello che all’epoca era considerato un trattamento promettente ma costoso.

Vedi la proposta di Dounne Alexander per una riforma legale del Cancer Act del 1939: www.grammasintl.com/pdf

Il National Radium Trust fu abolito poco dopo la seconda guerra mondiale con l’introduzione del National Health Service (NHS) nel 1948, e la maggior parte delle sezioni del Cancer Act originale del 1939 sono state sostituite dal Medicines Act del 1968 ( www.legislation.gov.uk / ukpga / 1968/67 / indice ). Oggi, la parte principale della legge che rimane è la sezione 4, che vieta la “pubblicità” dei trattamenti contro il cancro:

Nessuna persona può prendere parte alla pubblicazione di qualsiasi annuncio pubblicitario contenente un’offerta per curare qualsiasi persona per cancro, o per prescrivere qualsiasi rimedio o dare consigli in merito al trattamento della stessa;

Un annuncio qui è definito come “qualsiasi avviso, circolare, etichetta, involucro o altro documento e qualsiasi annuncio fatto oralmente o con qualsiasi mezzo di produzione o trasmissione di suoni”. I trattamenti antitumorali, tuttavia, possono essere pubblicizzati dalle autorità locali, dagli ospedali e da chiunque agisca con l’approvazione del Ministro della salute (che generalmente si traduce in oncologi, dottori di ricerca e enti di beneficenza per la ricerca sul cancro):

Nulla in questa sezione si applica a qualsiasi pubblicità pubblicata da un’autorità locale o dall’organo di governo di un ospedale volontario o da qualsiasi persona che agisca con la sanzione del Ministro.

La legge consente tuttavia di pubblicizzare i trattamenti contro il cancro a medici registrati, infermieri registrati, farmacisti registrati e studenti in formazione in queste professioni. Ciò consente allo stabilimento medico di mantenere la sua indottrinamento sui suoi trattamenti convenzionali per il cancro.

Quindi il Cancer Act del 1939 offre fondamentalmente un monopolio sull’establishment medico (che include il governo), ma poiché gli stabilimenti medici in tutto il mondo tendono ad essere finanziati e controllati da Big Pharma (che anche, come vedremo, manipola il governo), allora che il monopolio sul trattamento del cancro e la diffusione delle informazioni sul trattamento del cancro è effettivamente il monopolio di Big Pharma. Come vedremo più avanti, questo non è nell’interesse dei malati di cancro, perché se ci viene vietato anche di discutere i trattamenti antitumorali alternativi, le scelte dei pazienti si limitano quasi esclusivamente ai trattamenti antitumorali convenzionali, i trattamenti che vedremo avranno un triste successo Vota.

Ciò che più preoccupa del Cancer Act del 1939 , tuttavia, è che viola la legislazione sulla libertà di parola . Questo è ciò che lo rende così controverso e perché così tanti ora chiedono la sua completa abrogazione: non serve più allo scopo per il quale è stato istituito (per avviare costosi nuovi trattamenti al radio) ed è stato sostituito da una nuova legislazione come il Medicines Act del 1968 , una legislazione che è perfettamente adeguata per proteggere il pubblico da truffatori e ciarlatani medici. Sfortunatamente, i monopoli non possono essere facilmente abbandonati, in particolare un monopolio redditizio come quello del trattamento del cancro, e così Big Pharma si assicura, attraverso la sua influenza sull’establishment medico e sul governo, che l’abrogazione completa del Cancer Act del 1939 non accada mai.

Con questo monopolio in atto, il Cancer Act del 1939 permise alla radioterapia di prosperare, così che oggi “circa la metà di tutti i malati di cancro ricevono un qualche tipo di radioterapia durante il loro trattamento”. [The National Cancer Institute – www.cancer.gov/cancertopics/factsheet/Therapy/radiation . La ricerca sul cancro nel Regno Unito stima che il 40% dei malati di cancro nel Regno Unito riceva la radioterapia.] Eppure, nonostante il suo uso diffuso, è molto difficile trovare gli effettivi tassi di successo della radioterapia per vari tipi di cancro. Come ha affermato il dott. Ralph Moss ( http://cancerdecisions.com ), consulente in materia di cancro, in una newsletter del 2008: “Molte forme di radioterapia … sono state semplicemente” nonne “, cioè accettate di default in gran parte sulla base di essere stato in giro per molto tempo “. Continua dicendo:

Mentre pochi contestano il fatto che le radiazioni abbiano un ruolo utile nella cura del cancro, resta il fatto che in molti casi i meriti relativi dei diversi tipi di radioterapia, i limiti della sua utilità e la portata della sua efficacia non sono mai stati chiaramente stabiliti attraverso studi clinici. Ciò ha portato a una situazione in cui da un lato il trattamento è quasi universalmente disponibile, dall’altro ci sono pochissime prove solide che confrontano l’efficacia delle radiazioni con vari altri approcci terapeutici.

Naturalmente, gli stessi oncologi hanno più probabilità di avere un’idea dell’efficacia della radioterapia come trattamento per il cancro, ma sicuramente stanno zitti su questo. Ad esempio, uno studio di Harvard pubblicato dal National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti ha scoperto che “il 90% degli oncologi non prenderebbe mai le radiazioni per il cancro del polmone. L’84% non prenderebbe mai la chemioterapia per il cancro del colon”, entrambi i trattamenti standard offerti dal medico istituzione a quei particolari malati di tipo cancro. Perché gli oncologi raccomanderebbero trattamenti ai loro pazienti per evitare loro stessi? Cosa sta causando questa duplicità?

Ralph Moss, il ricercatore menzionato in precedenza, ricorda la riluttanza di uno specialista del cancro al cervello, che lo ha visitato, a prendere le radiazioni se dovesse mai sviluppare un tumore al cervello da solo:

“Avevo uno specialista del cancro al cervello seduto nel mio salotto e mi diceva che non avrebbe mai preso le radiazioni se avesse avuto un tumore al cervello. E gli ho chiesto, ‘ma mandi le persone alle radiazioni?’ e disse: “certo, se non lo facessi sarei stato espulso dall’ospedale”.

Quindi il Cancer Act del 1939 , che è stato messo in atto per alimentare una nascente industria della radioterapia, in realtà sta proteggendo un’industria che coloro che gestiscono il suo trattamento – l’establishment medico – nutrono seri dubbi su porte chiuse, ovviamente preoccupati per la loro carriera se stanno pubblicamente in piedi dalle loro opinioni.

Ma ovviamente, in questi giorni, il trattamento del cancro ortodosso è molto più della semplice radioterapia. Oggi abbiamo anche la chemioterapia come l’altro principale trattamento del cancro ortodosso. Ma questa terapia, che prevede la somministrazione endovenosa di sostanze altamente tossiche nella speranza di avvelenare il cancro prima di avvelenare il paziente, ha anche un tasso di successo complessivo estremamente basso. Ad esempio, uno studio del 2004 condotto da tre oncologi australiani, pubblicato nella rivista peer-reviewed Clinical Oncology ( www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15630849 ), ha concluso che:

“Il contributo complessivo della chemioterapia citotossica curativa e adiuvante alla sopravvivenza a 5 anni negli adulti è stato stimato al 2,3% in Australia e al 2,1% negli Stati Uniti. Dato che il tasso di sopravvivenza relativa a 5 anni per il cancro in Australia è ora superiore al 60%, è chiaro che la chemioterapia citotossica apporta solo un piccolo contributo alla sopravvivenza del cancro “.

Ciò è coerente con i meta-studi (studi di studi) di Ralph Moss ( http://cancerdecisions.com ) sul tasso di successo della chemioterapia. Nel suo rivoluzionario libro Questioning Chemotherapy (e nei suoi libri successivi, che sono tutti ampiamente documentati), Moss fornisce prove che la chemioterapia è inefficace per la maggior parte delle forme di cancro, con un tasso di successo complessivo dal 2% al 4%. Riferisce anche le eccezioni in cui questo trattamento ha dimostrato di essere utile, eccezioni che includono il morbo di Hodgkin, la leucemia linfatica e il carcinoma testicolare non eminomatoso, nonché alcune forme estremamente rare di tumore che includono retinoblastoma, coriocarcinoma e tumore di Wilm. La chemioterapia può anche essere utile con il carcinoma ovarico di stato 3 e il carcinoma polmonare di piccola chiamata. Ma con la stragrande maggioranza dei tumori (dal 96% al 98%), è sostanzialmente inutile, sottoponendo i pazienti a sofferenze inutili e danni biologici (incluso il sistema immunitario).

Parte del problema è che l’istituzione medica ha una visione molto a breve termine per quanto riguarda il successo del trattamento. Ad esempio, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti definisce “efficace” un particolare trattamento chemioterapico se riduce l’umorismo del 50% o più in soli 28 giorni. Ma questa definizione implica erroneamente che esiste una certa correlazione tra la rapida riduzione del tumore e la sopravvivenza globale (che è generalmente impostata su un periodo di 5 anni). Tuttavia, se la ricerca è qualcosa da seguire, questa ipotesi è falsa in quanto non vi è alcuna correlazione per la maggior parte dei tumori. Solo perché la chemioterapia può ridurre rapidamente i tumori NON lo rende un efficace trattamento per il cancro (tranne nei casi in cui la sopravvivenza immediata è l’unica preoccupazione). Poiché la chemioterapia, come la radioterapia, distrugge gran parte del sistema immunitario nel processo di distruzione delle cellule tumorali, non è solo un trattamento notoriamente tortuoso, ma lascia ai pazienti non aiuta (quasi tutti) in una situazione peggiore rispetto a prima perché, una volta distrutto il sistema immunitario, il corpo non risponde a trattamenti alternativi, molti dei quali si basano sulla stimolazione della sua risposta immunitaria innata. Di conseguenza, il trattamento del cancro ortodosso non è solo in gran parte inutile per la maggior parte dei malati di cancro, causando una grande sofferenza, ma porta i pazienti su un giro sulle montagne russe del tutto o niente con spesso probabilità di sopravvivenza della lotteria.

Quindi la chemioterapia e la radioterapia, i due cardini del moderno trattamento del cancro ortodosso, non sono trattamenti efficaci per la stragrande maggioranza dei malati di cancro, eppure questi “trattamenti” ottengono lo status di monopolio protetto dalla maggior parte dei paesi sviluppati in tutto il mondo, condannando effettivamente il 96% – Il 98% dei malati di cancro è sottoposto a trattamenti estremamente distruttivi e dolorosi che non vanno a loro vantaggio. Nel Regno Unito, è il Cancer Act del 1939 a garantire che le alternative alla chemioterapia e alla radioterapia non vedano la luce del giorno.

AstraZeneca

Certo, se la chemioterapia e la radioterapia, per quanto inefficaci, siano davvero le migliori opzioni per i malati di cancro, allora si può fare un caso per questo tipo di legislazione monopolistica. Ma con le percentuali di successo di questi trattamenti leggermente migliori rispetto a non fare nulla per la maggior parte dei tumori, il livello è stato così incredibilmente basso per il successo del trattamento del cancro che si potrebbe pensare che ciò potrebbe incoraggiare un’apertura da parte dei governi e delle autorità mediche a esplorare ogni altro possibile strada per il trattamento del cancro, nel tentativo di aumentare le tristi probabilità dell’attuale sopravvivenza del cancro. Ma in realtà, i governi e le autorità mediche non sono ancora chiusi solo ai trattamenti alternativi per il cancro, ma fanno tutti i passi per eliminare le alternative senza esaminarle, criminalizzando scienziati e dottori ben intenzionati che stanno cercando di alzare il livello per i tassi di sopravvivenza al cancro .

Come può essere? Sicuramente i governi e l’establishment medico hanno a cuore gli interessi della gente? Dopotutto, sono le persone che eleggono e pagano per i loro governi prendersi cura dei loro interessi, compresi i loro interessi sanitari, e in quei paesi con servizi sanitari nazionali, sono le persone che pagano per i trattamenti contro il cancro. Quindi come può un sistema al servizio delle persone mantenere monopoli terapeutici che non sono nell’interesse delle persone?

Ci sono due risposte a queste domande e separano le persone da quelle che vogliono mantenere la fiaba del governo benigno e un sistema sanitario paterno, e quelle che sembrano un po ‘più profonde e si rendono conto che i governi non agiscono necessariamente nell’interesse del le persone che rappresentano e che l’establishment medico ha lealtà più forte di quelle verso i suoi pazienti.

Se fai parte del precedente gruppo e ritieni che la fiaba secondo cui il tuo governo e il tuo istituto medico stiano cercando il tuo interesse, probabilmente dovresti smettere di leggere qui. Questo articolo non è per fantasisti. Se hai un investimento emotivo in leader patriarcali benigni, allora avrai una forte resistenza a intrattenere la possibilità che i nostri leader non agiscano nell’interesse collettivo e probabilmente proverai a respingere le statistiche sopra descritte, aggrappandoti alla convinzione che la chemioterapia e la radioterapia sono efficaci trattamenti contro il cancro e il loro uso universale non dovrebbe essere messo in discussione. Dopotutto, i leader premurosi non permetterebbero la sofferenza di coloro che conducono, e i ricercatori medici e i medici sono obiettivi al 100% e non offrirebbero mai trattamenti che sapevano essere inefficaci o che non avrebbero preso se stessi o raccomandati alle loro famiglie. Quindi i fatti sopra DEVONO essere falsi. (Continua a sognare!)

Sfortunatamente, sebbene la cieca lealtà verso una benigna visione patriarcale sia una valida risposta emotiva, è una che può e può portare a sofferenze e massacri di massa perché si basa su presupposti del tutto falsi. (A volte le fantasie valgono di più per molte persone della vita stessa perché determinano le basi filosofiche del mondo in cui viviamo. Porta via la fantasia di un governo benigno, per esempio, e gran parte della società perderebbe la volontà di vivere. ) La verità è che i nostri leader (compresi leader medici e medici) agiscono in modi che non sono nel nostro interesse collettivo, e le statistiche tristi sopra hanno indicato che c’è qualcosa di molto sbagliato in qualsiasi sistema sanitario che dia il monopolio ai trattamenti con tale triste successo valuta e persino protegge quel monopolio con tutto il peso del diritto penale.

Quindi perché un governo o un servizio sanitario dovrebbe agire in modi che non sono nell’interesse delle persone? La risposta breve è denaro (e il potere che viene fornito con il denaro).

Il denaro distorce l’intero processo democratico, lo ha sempre fatto e lo farà sempre. Se hai denaro, ingenti somme di denaro, puoi assumere lobbisti e acquistare l’accesso ai politici, il che ti consente di avere un’influenza sproporzionata sul governo e sul processo legislativo, un’influenza di molti ordini di grandezza maggiore di quella associata ai semplici diritti di voto . Il denaro ti consente anche di influenzare i media, attraverso la pubblicità e la proprietà, e questo ti consente di controllare l’opinione pubblica in generale. Dopotutto, le persone possono votare nei propri interessi solo se sanno cosa sta realmente succedendo e dove si trovano effettivamente i loro interessi. Poiché i mass media sono diventati gli occhi e le orecchie per la stragrande maggioranza delle persone, coloro che controllano i media controllano il modo in cui le persone voteranno.

Chi ha oggi la più grande ricchezza del mondo? Grandi imprese multinazionali, motivo per cui la legislazione è generalmente così favorevole agli interessi delle grandi imprese, il che aumenta ulteriormente la ricchezza delle grandi imprese e ne consolida ulteriormente il potere. Oggi abbiamo una situazione in fuga per cui l’intero moderno sistema democratico è al servizio principalmente dell’industria e non degli elettori, e questa situazione sta rapidamente peggiorando.

Il trattamento del cancro ortodosso è un affare enorme, stimato in centinaia di miliardi di dollari ogni anno. In effetti, il trattamento del cancro sta diventando così costoso che persino le nazioni sviluppate stanno lottando per permetterselo, come è stato recentemente sottolineato in The Lancet ( www.thelancet.com/commission/delivering-affordable-cancer-care-in-high-income- paesi ). Dato che circa 12 milioni di persone in tutto il mondo ricevono una diagnosi di cancro e che probabilmente aumenterà a 22 milioni entro il 2030 (che secondo il rapporto è dovuto all’aumento dei tassi di cancro in una popolazione globale che invecchia e ai migliori metodi di diagnosi), le prospettive future per il monopolio del trattamento del cancro è estremamente roseo e il trattamento del cancro ortodosso è ora una delle industrie in più rapida crescita. In effetti, l’industria farmaceutica, che controlla la maggior parte delle moderne cure antitumorali, è ora un’industria globale da trilioni di dollari e con i margini di profitto più alti.

Le aziende, come gli individui, proteggono naturalmente i loro interessi, facendo tutto il possibile per aumentare i loro profitti e scoraggiare le industrie concorrenti. Quando hai miliardi di dollari dietro di te per combattere il tuo angolo, tendi a vincere i tuoi combattimenti, il che è come, ad esempio, la nuova legislazione sanitaria che favorisce solo i giganti farmaceutici a spese della salute pubblica generale sta spazzando le nazioni sviluppate, estromettere terapie naturali e alternative con una raffica di burocrazia e una legislazione sanitaria distorta che favorisce i farmaci di massa. Come si ottiene questo risultato? Dalla capacità di coloro che hanno denaro di influenzare i politici, sia attraverso donazioni politiche sia assumendo un esercito di lobbisti a tempo pieno per influenzare i politici.

A Bruxelles, ad esempio, ci sono 15.000 lobbisti assunti da società e altre organizzazioni specificamente per rappresentare i loro interessi speciali per i deputati nel tentativo di influenzare le loro decisioni e distorcere il processo democratico a loro favore. ( www.publications.par Parliament.uk/pa/cm200708/cmselect/cmeuleg/361-xv/8070202.htm ) In che modo è nell’interesse della democrazia e del popolo? Non è. Nelle democrazie, ai gruppi di interesse speciale non dovrebbe essere permesso di influenzare i politici, punto. Ma attualmente sono autorizzati a distorcere il processo democratico, motivo per cui il mondo sta diventando sempre più corporatizzato. Lo sappiamo tutti; lo vediamo tutti nelle nostre comunità locali; e oggi un numero crescente di persone si sta svegliando a questo fatto e sta mettendo in discussione questo processo distruttivo. Ma finché il denaro sarà in grado di acquistare influenza e accesso politico, questo processo non democratico continuerà senza sosta.

Esiste anche l’enorme problema dell’occupazione “porta girevole” tra politici e grandi imprese. I politici di solito hanno una durata di conservazione limitata e, quando finiscono le loro carriere politiche, di solito finiscono nei consigli di amministrazione delle grandi società, fondamentalmente assumendo le loro connessioni politiche con il miglior offerente. Quindi, quando sono in carica, i politici sono naturalmente estremamente accomodanti per le grandi imprese perché sanno che saranno i loro futuri datori di lavoro; il grande affare è il treno di sugo che alla fine prenderanno. E questa relazione funziona anche nell’altro modo: i capi degli affari si trovano spesso in potenti posizioni di governo in cui possono influenzare la politica. Come conseguenza di questa relazione “porta girevole” tra politici e grandi imprese, il governo tende a favorire fortemente gli interessi delle società rispetto a quelli dell’elettorato. Ciò è ulteriormente aggravato dall’influenza delle donazioni di partiti politici (tangenti) e dei lobbisti di interesse speciale citati in precedenza, che influenzano indebitamente il governo e il processo legislativo.

Le corporazioni possono anche ricevere un trattamento speciale, se sono abbastanza grandi, minacciando di localizzare o spostare le loro fabbriche / uffici in altri stati o altri paesi, il che rende il governo e il governo locale molto desiderosi di dare loro forti incentivi, tra cui agevolazioni fiscali e altri speciali trattamento aziendale, per farli impiegare la popolazione locale (e possibilmente dare un forte rovescio). Ciò si aggiunge alla situazione in fuga che abbiamo ora in cui le grandi società stanno chiamando tutti i colpi perché sostanzialmente possiedono il posto.

Il potere e l’influenza in rapida crescita delle grandi imprese sta trasformando la società in modo da rendere le grandi imprese ancora più grandi e quindi più influenti. In effetti, sarebbe giusto dire che i governi ora agiscono principalmente nell’interesse delle grandi imprese, non delle persone che li eleggono. Ed è per questo che ora c’è così tanto disgusto pubblico nei confronti dei politici, che abbandonano silenziosamente le promesse della loro campagna non appena vengono eletti. (Un recente sondaggio nel Regno Unito ha mostrato che la popolarità combinata dei principali leader del partito, incluso il primo ministro, erano i più bassi che fossero mai stati dall’inizio del sondaggio.)

Il denaro, tuttavia, non solo distorce i processi politici e legislativi, ma distorce anche il processo scientifico. Solo quelli al di fuori del mondo della ricerca scientifica credono nella fiaba dell’obiettività scientifica e della natura infallibile del processo di revisione tra pari. In realtà, la ricerca è soggetta all’influenza del suo sponsor ed è molto facile seppellire studi che non supportano l’obiettivo dello sponsor. (Fai abbastanza studi, seleziona i migliori e di solito puoi trovare “prove cliniche positive” anche per il trattamento più inutile).

Ad esempio, un rapporto del 2012 sulla rivista scientifica Nature ( www.nature.com/nature/journal/v483/n7391/full/483531a.html ) di Glenn Begley (ex capo della ricerca sul cancro di Amgen) e Lee Ellis (oncologo chirurgico presso MD Anderson), descrive come 100 scienziati di Amgen [Amgen è una società biofarmaceutica multinazionale] hanno potuto replicare solo 6 dei risultati di 53 documenti di ricerca sul cancro ampiamente citati. Ciò significa che 47 (89%) di questi importanti articoli di ricerca, articoli che influenzano il modo in cui il cancro viene trattato, potrebbero benissimo basarsi su ricerche spurie: sono cattive scienze. E a peggiorare le cose, alcuni degli autori della ricerca interrogati dagli scienziati di Amgen hanno insistito su un accordo di riservatezza che impediva agli scienziati di Amgen investigatori di divulgare pubblicamente i dati in contrasto con i risultati originali. Quindi questi ricercatori medici chiave del cancro non solo conoscono la natura spuria della loro ricerca, ma sono abbastanza preparati a nasconderlo, qualcosa che è contro l’interesse pubblico perché alla fine costa una vita – forse un numero enorme. (Con qualsiasi altro nome, si tratta di omicidio di massa, ma sotto lo stendardo convenzionale per il trattamento del cancro, si tratta di affari come al solito.)

Anche Sharon Begley di Reuters ha riportato nel suo articolo ( www.reuters.com/article/2012/03/28/us-science-cancer-idUSBRE82R12P20120328 ) “Nella scienza del cancro, molte” scoperte “non reggono” , è non solo scienziati di Amgen che sono consapevoli di questo enorme problema:

[Questo rapporto Amgen] fa eco a un rapporto degli scienziati della Bayer AG dell’anno scorso. Nessuno dei due gruppi di ricercatori sostiene la frode, né identificherebbe la ricerca che avevano cercato di replicare.

Ma loro e altri temono che il fenomeno sia il prodotto di un sistema di incentivi distorto che ha gli accademici all’avanguardia per favorire la loro carriera.

George Robertson della Dalhousie University in Nova Scotia aveva precedentemente lavorato alla Merck per malattie neurodegenerative come il Parkinson. Mentre era alla Merck, trovò anche molti studi accademici che non reggevano.

“Fa impazzire le persone nell’industria. Perché stiamo assistendo a un crollo delle industrie farmaceutiche e biotecnologiche? Una possibilità è che il mondo accademico non stia fornendo risultati accurati”, ha detto.

La National Academy of Sciences ha organizzato un panel per discutere di questi problemi e il fatto che “il numero di articoli scientifici che è stato necessario ritirare è aumentato di oltre dieci volte nell’ultimo decennio [mentre] il numero di articoli pubblicati su riviste è aumentato solo del 44%. “Il coordinatore, Ferric Fang dell’Università di Washington, ha dichiarato:

Il biglietto più sicuro per ottenere una borsa di studio o lavoro è essere pubblicato su un diario di alto profilo. Questa è una malsana convinzione che può portare uno scienziato a impegnarsi nel sensazionalismo e talvolta anche in comportamenti disonesti.

Quindi, solo perché la ricerca è “peer-review” non garantisce che sia obiettiva o accurata. ( http://jrsm.rsmjournals.com/content/99/4/178.long ) In effetti, alcuni preferiscono chiamare queste riviste “peer-controllato” piuttosto che “peer-review” perché i peer che agiscono come gatekeeper le riviste hanno spesso un interesse finanziario a sostenere lo status quo: le loro carriere e il loro status sono in linea. Prova a presentare una ricerca scientifica su trattamenti alternativi e presto ti imbatterai in un muro di mattoni.

Lo stesso British Medical Journal , nella sua rivista Clinical Evidence , ha riferito nel 2007 che solo il 13% dei trattamenti ortodossi rientrava nella categoria benefica. Il 23% dei trattamenti era “probabilmente benefico” ; L’8% era un “compromesso tra benefici e rischi” , il 6% era “improbabile che fosse benefico” ; Il 4% era probabilmente inefficace o dannoso” ; e un 46% era di “efficacia sconosciuta” . E queste statistiche provengono da un’importante rivista medica tradizionale, e quindi sono probabilmente stime più conservative (da una prospettiva indipendente l’inefficacia scientifica della medicina convenzionale sarà probabilmente peggiore). Ciò significa che i medici non hanno la minima idea dell’efficacia di metà dei trattamenti che stanno dando e la maggior parte della parte restante è discutibile.

Il quadro più ampio che non è stato trattato nell’articolo Reuters di Sharon Begley sopra è che la massiccia industria farmaceutica è quella che sta effettivamente finanziando la maggior parte della ricerca. Quindi, piuttosto che essere solo parte della soluzione per identificare gli alti livelli di cattiva scienza, come facevano gli scienziati di Amgen, sono quelli che stanno finanziando la maggior parte di questa cattiva scienza con le loro borse di ricerca e donazioni alle università. Quando le grandi imprese e la scienza si incontrano, puoi essere sicuro che l’obiettività e l’etica sono compromesse a causa dei livelli di denaro coinvolti.

Scienziati e medici, Gary Null, Caroyln Dean, Martin Feldman, Deborah Rasio e Dorothy Smith, hanno prodotto un rapporto dettagliato intitolato “Death by Medicine” nel 2006. Gli autori hanno scoperto il fatto che quasi 800.000 persone negli Stati Uniti da soli sono uccise dai convenzionali medicina ogni anno, rendendola la principale causa di morte e lesioni negli Stati Uniti. Puoi leggere l’articolo completo qui: www.lef.org/magazine/mag2006/aug2006_report_death_01.htm

Quindi, tornando al trattamento del cancro, vediamo un’industria di trattamento del cancro convenzionale follemente redditizia non solo inefficace per la stragrande maggioranza dei malati di cancro e basata principalmente sulla scienza spuria, ma a cui è stato anche concesso un monopolio dai nostri governi per prevenire altri trattamenti ( che può o meno essere più efficace) persino dalla discussione (come bloccare la conferenza sul cancro alternativa nella sala pubblica di Totnes). Questa situazione non può essere, per nessun tratto dell’immaginazione, nell’interesse pubblico.

Il problema con la maggior parte dei trattamenti alternativi per il cancro è che includono approcci più naturali come diete speciali, integratori alimentari naturali, erbe, trattamenti olistici, nutrienti e altri cambiamenti nello stile di vita, trattamenti che non sono redditizi per le grandi imprese perché non possono essere brevettati e Di proprietà. Pertanto, dare alle grandi imprese il monopolio della cura del cancro garantisce che solo i trattamenti che si adattano al suo modello di grande impresa siano persino considerati per i malati di cancro, e questi sono quasi completamente redditizi trattamenti farmacologici e radioterapici che possono essere di proprietà intellettuale e quindi commercializzati in modo efficace.

Supponiamo, ipoteticamente se lo desideri, che diete speciali, integratori alimentari naturali, erbe, trattamenti olistici, nutrienti e / o altri cambiamenti nello stile di vita rappresentino in realtà un modo più efficace di trattare il cancro rispetto agli attuali metodi convenzionali. Se così fosse, il pubblico verrebbe tenuto quasi completamente al buio perché chi ha il monopolio sulla cura del cancro non esaminerebbe mai questi approcci. E non solo, scoraggerebbe attivamente i resoconti dei media su questi approcci poiché sarebbero visti come dannosi per i profitti esistenti. Dobbiamo ricordare che solo perché i prodotti farmaceutici hanno a che fare con situazioni di vita o di morte non implica che il settore sanitario sia più etico di altri settori nel modo in cui inseguono i profitti. Gli affari sono affari e quando l’industria convenzionale della cura del cancro vale centinaia di miliardi di dollari, puoi essere assolutamente sicuro che gli attuali trattamenti inefficaci saranno difesi in modo aggressivo e spesso subdolo usando risorse effettivamente illimitate. (Per vedere come Big Pharma affronta i sistemi sanitari concorrenti, leggi l’eccellente esposizione del giornalista investigativo Martin Walker chiamata Dirty Medicine in cui documenta accuratamente l’assalto subdolo all’assistenza sanitaria naturale – www.slingshotpublications.com/dmhandbook.html .)

Con la massiccia influenza dell’industria farmaceutica sui media mainstream (attraverso la proprietà, la pubblicità e le pubbliche relazioni ecc.), In realtà è una testimonianza notevole della persistenza e dell’efficacia dei trattamenti alternativi per il cancro che così tante persone cercano questi trattamenti alternativi e che positivi gli articoli riescono ancora a essere pubblicati sui media mainstream. Dopotutto, se un’industria da trilioni di dollari non è in grado di sradicare la concorrenza, allora vale sicuramente la pena indagare su quella concorrenza!

È importante affermare a questo punto che i trattamenti antitumorali alternativi non sono necessariamente più efficaci di quelli convenzionali. Vi sono certamente prove che alcuni potrebbero benissimo esserlo, ma con praticamente tutti i fondi per la ricerca destinati al trattamento convenzionale, gli studi necessari non vengono condotti sulla stessa scala. Dopotutto, per studiare eventuali trattamenti meno redditizi sono necessarie sovvenzioni statali, poiché l’industria (che supporta la maggior parte della ricerca clinica) non sarà interessata se il trattamento non si adatta al suo modello di profitto. Ma poiché il governo è così strettamente alleato con le società farmaceutiche, le sovvenzioni per la ricerca su trattamenti alternativi per il cancro sono notoriamente difficili da ottenere. (E le grandi organizzazioni benefiche per la ricerca sul cancro concentrano i loro finanziamenti quasi interamente sul trattamento convenzionale del cancro, motivo per cui non dovrebbero essere sostenute.)

Naturalmente ci sono studi simbolici intrapresi su alcuni aspetti di questi approcci di trattamento del cancro non redditizi come i cambiamenti nello stile di vita, ma i risultati di questi studi, non importa quanto successo, non sembrano trasformarsi in cure tradizionali per il cancro. In effetti, esiste un divario di 50 anni tra i risultati di nuove ricerche e l’implementazione di tali risultati da parte dei medici. Ad esempio, una moltitudine di studi nel corso degli ultimi decenni ha mostrato un forte legame tra cancro e diete povere, quindi si presumerebbe che gli oncologi avrebbero adottato una politica standard per consigliare ai malati di cancro di evitare cibo spazzatura e mangiare diete sane. Ma questo non accade generalmente, nonostante la ricerca. In effetti, quando Kevin Wright, che ora gestisce l’ente benefico Kids Integrated Cancer Treatment ( www.kict.info ), ha portato suo figlio al principale ospedale oncologico per bambini nel Regno Unito, ad esempio, gli è stato dato un opuscolo che consigliava ai genitori come nutrire i loro bambini malati. Wright ha portato il volantino con sé alla Conferenza per la cura del cancro di Totnes sopra menzionata e raccomanda inequivocabilmente una dieta spaventosamente ricca di zuccheri e cibi spazzatura. Ed è esattamente quello che gli infermieri di quell’ospedale stavano ottenendo per i bambini a loro affidati. (I fast-food come McDonalds e Burger King sono ormai diffusi negli ospedali convenzionali perché quelli che controllano gli ospedali sono purtroppo nella sanità La La Land sponsorizzati da grandi aziende. 0.

0……….

Pertanto, l’industria convenzionale del trattamento del cancro mantiene lo status quo, spingendo i trattamenti di cui può beneficiare e scoraggiando i trattamenti di cui non può trarre vantaggio, indipendentemente dall’efficacia del trattamento. La parola “scoraggiante” è forse un po ‘addomesticata per alcuni dei loro comportamenti criminali nell’eliminare la concorrenza. Potremmo provare indignazione per il fatto che l’industria medica continuerà a mantenere i suoi monopoli ed eliminare la concorrenza, ma questo comportamento è come al solito per tutti i settori delle grandi imprese. Questo è il modo in cui operano le società. (Per ulteriori informazioni sulle società, su come funzionano e su come danneggiano la società, guarda il seguente film-documentario che è stato rilasciato qualche anno fa:

http://video.google.com/videoplay?docid=4924385683686207744 )

L’altro motivo principale per cui le grandi aziende rifiutano trattamenti alternativi per il cancro è che tendono ad avere molte sfaccettature. La maggior parte delle persone che prendono trattamenti alternativi e complementari di solito ne prendono un numero, piuttosto che prenderne solo uno in isolamento. E spesso (ma non sempre), i trattamenti alternativi sono personalizzati su misura per ogni persona, in particolare con trattamenti alternativi olistici in cui la persona anziché la malattia è al centro del trattamento. Con questo approccio, è difficile trasformare la maggior parte dei trattamenti alternativi in ​​merci facilmente impacchettabili o, in effetti, in trattamenti che possono essere studiati in modo scientifico in modo riduttivo, dove i fattori causali devono essere in qualche modo limitati. Dopotutto, se ci sono troppe variabili in uno studio, anche i migliori metodi statistici non riusciranno a quantificare l’efficacia relativa di ciascun componente del trattamento, identificando quali sono utili e quali no. (Questo è un problema a causa della complessità dei metodi di trattamento alternativi e del corpo: vedi In Defense of Alternative Medicinewww.energygrid.com/health/2012/01ap-alternativemedicine.html ) Con il 15-50 % dei pazienti con cancro utilizzando trattamenti alternativi e complementari (le statistiche sono circa del 33% in Europa www.europeancancerleagues.eu ), anche le recensioni convenzionali sul trattamento del cancro sono discutibili a causa del numero di variabili coinvolte con tali pratiche complementari su larga scala.

Questo non è, tuttavia, un licenziamento della medicina convenzionale; ha certamente il suo posto. La medicina convenzionale moderna non è seconda a nessuno per quanto riguarda la gestione delle emergenze mediche. Se vieni investito da un’auto, la soluzione migliore per il recupero è il tuo ospedale di emergenza locale, non la tua clinica omeopatica locale. Le cure d’emergenza convenzionali sono chiamate medicina acuta , e sono adattate a lesioni, infezioni, insufficienza d’organo ecc., In realtà qualsiasi situazione che richiede un intervento urgente e rapido, spesso per salvare la vita dei pazienti.

Ma ciò che oggi affligge la società sono spesso malattie croniche complesse come il cancro, le malattie cardiache, l’ictus, il diabete, l’artrite, le malattie respiratorie, i disturbi della salute mentale e simili, che sono responsabili del 63% di tutti i decessi e una percentuale molto più grande del costo del trattamento poiché i trattamenti tendono ad essere più costosi ea lungo termine (di solito si è in ospedale molto più a lungo se si ha il cancro che se si ha un’infezione o una lesione). In effetti, il World Economic Forum ha stimato che il costo globale per il trattamento delle cinque principali malattie croniche – cancro, diabete, malattie cardiache, malattie polmonari e disturbi della salute mentale – potrebbe superare i 47 trilioni di dollari entro il 2030.

www3.weforum.org/docs/ WEF_Harvard_HE_GlobalEconomicBurdenNonCommunicableDiseases_2011.pdf

Queste complesse malattie croniche richiedono un approccio diverso a quello delle condizioni acute. Con problemi medici acuti, l’attenzione deve essere focalizzata sui sintomi del problema perché sono quei sintomi che mettono in pericolo la vita del paziente. Infezioni e lesioni sono esempi ovvi in ​​cui l’attenzione è rivolta alla gestione dei sintomi e la preoccupazione principale è la stabilizzazione immediata del paziente, non il modo in cui è stato ferito o ha contratto l’infezione. Con le malattie croniche, d’altra parte, entrano in gioco fattori a lungo termine come stile di vita e problemi psicologici. Di solito, se lasciata incontrollata senza cambiamenti nello stile di vita, le malattie croniche alla fine raggiungono una fase critica – la malattia vascolare può portare a un infarto e il cancro può interrompere il funzionamento dei nostri organi – e quando ciò accade la situazione richiede una medicina convenzionale acuta, che potrebbe anche includere chirurgia d’urgenza. Questa è la medicina convenzionale al suo meglio. Ma se la tua malattia cardiaca non è in una fase di emergenza (ancora), allora la soluzione migliore potrebbe essere quella di concentrarti sulla modifica completa della dieta, sul controllo dei livelli di stress psicologico e sull’esercizio fisico delicato. Questi, tuttavia, non sono redditizi per la medicina convenzionale, e quindi Big Pharma ha invece sviluppato una serie di farmaci potenti e redditizi come statine, ACE-inibitori, diuretici, warfarin e beta-bloccanti, che i pazienti sono spesso sottoposti al resto delle loro vite, farmaci che possono avere effetti collaterali molto gravi a lungo termine. In questo modo, il modello medico incentrato sui sintomi viene utilizzato per “curare” una malattia cronica, una ricetta per una rapida correzione sintomatica a spese della salute a lungo termine. Le statine, ad esempio, sono farmaci con pericolosi effetti collaterali che vengono regolarmente prescritti preventivamente per quelli con colesterolo alto, eppure anche The Lancet ha suggerito che sono quasi inutili per le donne e gli uomini più anziani. (Vedi www.dailymail.co.uk/health/article-432395/Statins-truth.html e il libro Food is Better Medicine of Drugs di Holford and Burne.)

Le stesse considerazioni relative alla mentalità medica acuta utilizzata per le malattie croniche si applicano anche al cancro. Ad esempio, se un tumore preme contro un organo vitale, potrebbe essere necessario rimuoverlo chirurgicamente (se effettivamente può essere rimosso in modo sicuro) il più rapidamente possibile. Dopo questo, un corso di chemioterapia e / o radioterapia per cercare di uccidere eventuali cellule tumorali rimanenti e possibili siti secondari di cancro, e possibilmente terapia ormonale. (Se un tumore è inutilizzabile, di solito viene semplicemente fatto esplodere con chemioterapia e / o radioterapia – con l’oncologo che spera solo per il meglio.) Questo è un approccio medico acuto al cancro. La causa della malattia non è una considerazione e il trattamento è interamente incentrato sui sintomi e aggressivo. (La chemioterapia di follow-up e la radioterapia, al di fuori della situazione di emergenza immediata, sono tuttavia discutibili, poiché i danni al sistema immunitario possono avere conseguenze deleterie a lungo termine.)

Ma cosa succede se il cancro non è immediatamente pericoloso per la vita e il trattamento è meno immediatamente urgente? Il trattamento convenzionale è praticamente la stessa risposta di cura acuta – una combinazione di chirurgia, chemioterapia e / o radioterapia (e talvolta terapia ormonale). Ma questi trattamenti, che possono ridurre rapidamente le dimensioni di un tumore (o il numero di cellule tumorali in caso di tumore non tumorale), causano una grande quantità di lesioni al corpo, a tal punto che di solito danneggiano irreparabilmente il sistema immunitario causa recidive fatali. (Il piccolo numero di cellule tumorali che sopravvivono all’avvelenamento e al bruciore della chemioterapia e della radioterapia tende ad essere le più resistenti e virulente, in modo che quando / se il tumore si ripresenta, è significativamente più probabile che uccida il paziente.) la visione a lungo termine potrebbe essere considerata un rischio accettabile se il cancro è immediatamente pericoloso per la vita, ma se non lo è, i guadagni a breve termine nella rapida riduzione del numero di cellule tumorali potrebbero non avere alcun beneficio a lungo termine. In effetti, la gravità del trattamento di solito significa che non solo si guadagna poco a lungo termine, ma a prezzo di terribile sofferenza a breve termine. (La domanda che deve sempre essere posta è se il poco guadagnato vale la sofferenza.)

D’altra parte, gli approcci alternativi al trattamento del cancro tendono ad essere più lenti e meno aggressivi, prendendo una visione a lungo termine della sopravvivenza del paziente e non concentrandosi esclusivamente su obiettivi come la rapidità della riduzione del tumore. Le cause della malattia sono studiate in relazione alla formulazione di trattamenti in vista di un successo a lungo termine piuttosto che di una riduzione sintomatica a breve termine. Vengono poste domande più approfondite come “Perché il tasso di cancro è aumentato così enormemente nell’ultimo secolo?” per cercare di capire quali potrebbero essere le cause principali, che possono portare a misure preventive. Questo è un approccio più sistemico che riunisce trattamenti integrati (che a volte possono includere elementi del trattamento convenzionale del cancro) per offrire le migliori possibilità di sopravvivenza a lungo termine. Questi approcci potrebbero comportare il cambiamento della dieta, la rimozione delle tossine dal corpo (che causano entrambi il cancro e interferiscono con i meccanismi di difesa del corpo), l’assunzione di integratori alimentari ad alto contenuto di nutrienti e anticancro e la realizzazione di varie altre terapie alternative. (Dopotutto, i cambiamenti nella dieta e un massiccio aumento delle tossine sono i tratti distintivi della vita moderna recente e quindi potrebbero anche essere fattori causali negli allarmanti aumenti del tasso di cancro.) Di solito, nessun singolo componente della maggior parte dei trattamenti alternativi per il cancro può essere classificato o identificato come “componente attivo” – tutti gli elementi che lavorano sinergicamente insieme – e questo crea un incubo, menzionato sopra, di provare a spremere trattamenti multi-sfaccettati attraverso un’analisi di ricerca cookie-cutter che richiede meccanismi di causa-effetto più semplici (procedure e componenti attivi che possono essere più facilmente isolato per determinarne ruoli ed effetti specifici).

Questo approccio più lento non si adatta bene al modello medico convenzionale che richiede risultati rapidi utilizzando programmi e farmaci brevettabili e quindi redditizi. Questo è il motivo per cui la FDA definisce l’efficacia di un trattamento del cancro in base alla velocità con cui può ridurre un tumore. Nelle parole del deputato americano Ron Paul, in una recente conferenza stampa, “la FDA e le compagnie farmaceutiche sono a letto insieme”. Ha continuato chiedendo “Cosa fa la FDA quando si tratta di prodotti alternativi o naturali? La FDA e l’industria farmaceutica li tengono fuori dal mercato”. ( http://youtu.be/fCWN1mNGQ4Q ) Ciò è dovuto alle solite politiche di assunzione delle porte rotanti tra la FDA e le compagnie farmaceutiche, politiche che assicurano che la FDA stia lavorando quasi esclusivamente nell’interesse di Big Pharma, motivo per cui il l’organizzazione sta lavorando così duramente al momento per mettere fuorilegge la medicina alternativa e gli alimenti naturali. (Controlla www.naturalnews.com per gli aggiornamenti sugli ultimi assalti della FDA alla libertà americana, assalti che stanno diventando il segno distintivo degli organismi di regolamentazione sanitaria in Europa e in altri paesi del mondo, compresa la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità vedi www.rense. com / general88 / megawho.htm .)

Quindi oggi abbiamo un sistema di medicina che non è secondo a nessuno per le condizioni acute, ma manca completamente il segno per le condizioni croniche più complesse come il cancro. Ma poiché il trattamento del cancro è diventato una mucca gigantesca per le grandi aziende, i trattamenti inefficaci ma follemente redditizi come la chemioterapia e la radioterapia godono di uno status di monopolio totalmente immeritato. Abbiamo permesso ai profitti delle società private di controllare il modo in cui vengono trattate le malattie croniche vita-e-morte. E come qualsiasi settore a cui è stato concesso il monopolio, non solo utilizzerà la sua notevole influenza per assicurarsi che il monopolio rimanga in vigore, ma il sistema stesso si sintonizzerà naturalmente sulla massimizzazione del profitto (in quanto non vi è concorrenza) piuttosto che sull’efficacia. Quindi il triste tasso di successo dei trattamenti convenzionali contro il cancro crea poco o nessun incentivo a sfidare quei trattamenti quando sono protetti da un monopolio. Ciò è del tutto comprensibile dal punto di vista delle grandi imprese in cui il profitto è al centro, ma è una tragedia dal punto di vista umano.

Ciò significa che l’intero edificio delle moderne cure per il cancro è marcio in quanto la politica è controllata dalle grandi imprese. Questo problema di profitti che viene prima delle persone è universale in tutti i settori, non solo nel settore sanitario. Ad esempio, devi solo guardare il sistema bancario e quanto è diventato corrotto, e come opera contro l’interesse della società nel suo insieme, per vedere un classico caso di denaro che chiama i colpi a spese di tutto il resto. La corruzione del sistema bancario è stata esposta dopo il recente crollo finanziario e il fiasco del salvataggio, così che oggi la maggior parte delle persone sarebbero d’accordo con te se chiamassi corrotto il settore bancario, mentre un decennio fa, la maggior parte respingerebbe l’accusa come teoria della cospirazione perché ... beh le banche e i banchieri erano considerati troppo rispettabili!

Ora ci sono problemi simili con l’industria alimentare, in cui il controllo aziendale sta assicurando che il nostro cibo diventi ciò che è più redditizio per le grandi imprese piuttosto che ciò che è più salutare per l’individuo. Di conseguenza, alimenti redditizi come quelli altamente trasformati, ricchi di zuccheri, ricchi di grassi, ricchi di sale, che creano dipendenza e geneticamente modificati vengono costretti alla popolazione, creando una bomba a orologeria che ironicamente crea più profitti per il settore “sanitario”! (Non è un caso che le compagnie di assicurazione sanitaria abbiano spesso quote importanti nel settore degli alimenti a rapida preparazione – www.naturalnews.com/028602_health_insurance_fast_food.html .)

La modifica genetica del cibo è particolarmente preoccupante perché non sono stati condotti studi adeguati sulla sicurezza a lungo termine e molti degli studi che mostrano i pericoli del cibo geneticamente modificato sono stati sepolti, i loro autori hanno diffamato e ritirato dalle loro carriere di ricerca. La modifica genetica consente alle aziende di possedere fonti alimentari, compresi i semi prodotti dalle colture, e solo qualcuno estremamente ingenuo potrebbe pensare che ciò sia nell’interesse del collettivo. Senti spesso l’argomento secondo cui le colture geneticamente modificate risolveranno la fame nel mondo, ma la realtà è in realtà molto diversa. (Vedi www.responsibletechnology.org )

Quindi il grande controllo commerciale di qualsiasi settore della civiltà moderna crea problemi per la maggior parte delle persone per la sua stessa natura di sistema orientato al profitto. Alcuni sottolineano che le aziende devono servire bene i propri clienti per avere successo, ma mentre questo vale per le piccole e medie imprese, NON si applica alle massicce multinazionali, in particolare quelle come l’industria di trattamento del cancro che godono di un monopolio. Questi colossi hanno troppo potere e controllo per essere guidati dagli interessi dei consumatori. Invece, manipolano le persone perché consumino ciò che è loro più redditizio, e lo fanno attraverso monopoli e altre leggi protettive, nonché il loro controllo sui media e, nel caso della sanità e della produzione alimentare, l’intero istituto medico. La maggior parte delle persone non si rende conto che le società multinazionali non sono solo versioni ridimensionate di società più piccole, sono una specie completamente diversa, una che è esente da molti dei controlli e dei saldi – e delle tasse – che si applicano automaticamente alle società più piccole.

Se le grandi imprese sono la causa principale dell’inefficace trattamento moderno del cancro, cosa possiamo fare realmente al riguardo? Come spezziamo questo monopolio?

Fortunatamente, non abbiamo ancora raggiunto uno stadio in cui il trattamento medico è forzato per gli adulti, e fintanto che la gente ha una scelta su come vogliamo che il nostro cancro sia trattato, abbiamo la possibilità di evitare le soluzioni Big Pharma se quelle soluzioni non sono in realtà nel nostro interesse a lungo termine. Come lo sapremmo? Cercando fonti di informazione indipendenti e mettendosi in contatto con organizzazioni che lottano per il diritto a una scelta di assistenza sanitaria efficace. Ecco alcune delle cose che puoi fare per te stesso e chiunque tu conosca con il cancro per trovare il modo più efficace per andare avanti:

Cerca di consultare almeno medici di mentalità aperta, professionisti della salute e altri consulenti medici disposti a stabilire i limiti della medicina convenzionale (comprese le statistiche sulla sopravvivenza a 5 anni effettive per trattamenti particolari) e disposti a suggerire (e forse supervisionare) alternative e complementari efficaci trattamenti. Ci sono anche molte cliniche che offrono trattamenti alternativi per il cancro, di solito con i medici a portata di mano. Analizza i siti Web di informazioni sul trattamento del cancro che includono trattamenti antitumorali alternativi e complementari e cerca valutazioni statistiche dei trattamenti (sia convenzionali che non convenzionali) che stai prendendo in considerazione. È vero che Internet ha anche molte informazioni sbagliate, ma non di più di quanto otteniamo dalla bocca della maggior parte dei medici e del personale ospedaliero. Visita i forum online in cui i malati di cancro discutono della prognosi del trattamento sulla base di trattamenti simili per condizioni simili. Ciò non solo fornisce informazioni importanti, ma fornisce anche un prezioso supporto emotivo a coloro che si trovano ad affrontare trattamenti intensi come la chemioterapia e la radioterapia. Dai un’occhiata ai libri sui trattamenti antitumorali alternativi e complementari che includono la prospettiva più ampia di cambiamenti nello stile di vita. Partecipa (e organizza se puoi) lezioni e discorsi (non importa quanto formali o informali) su trattamenti antitumorali alternativi e complementari, come la conferenza sul cancro di Totnes di Stephen Hopwood menzionata sopra. Supportare le persone e le organizzazioni che stanno difendendo i tuoi diritti a trattamenti naturali e alternativi. Ad esempio, in Europa, il David che si scontra con il Golia dell’organismo di regolamentazione sanitaria dell’UE, che sta cercando di regolare l’esistenza di integratori alimentari efficaci, erbe e altre forme di assistenza sanitaria naturale e alternativa, è l’ Alleanza per la salute naturale ( www .anh-europe.org ) e il suo portavoce e fondatore Dr. Robert Verkerk. L’ANH sta anche svolgendo importanti lavori in altre parti del mondo, compresi gli Stati Uniti ( www.anh-usa.org ). Fatti coinvolgere da questa organizzazione se hai tempo, o magari supportalo con una donazione. Se si desidera sostenere organizzazioni benefiche per il cancro che stanno realmente facendo la differenza, sostenere le piccole associazioni benefiche alternative e complementari per il cancro che forniscono molte informazioni, organizzano eventi e supportano quelli a cui la medicina convenzionale ha rinunciato. EVITARE di donare alle grandi organizzazioni benefiche incentrate sulla ricerca sul cancro poiché il loro supporto si concentra sui trattamenti convenzionali, rendendoli parte del problema, non parte della soluzione. In effetti, alcuni li descrivono come agenti PR di Big Pharma. Le organizzazioni benefiche nel Regno Unito che potresti prendere in considerazione sono Yes to Life ( www.yestolife.org.uk ), Cancer Active ( www.canceractive.com ) e KICT ( www.kict.info ). E naturalmente è sempre bene fare una donazione a enti di beneficenza per la cura del cancro che offrono davvero un servizio inestimabile.

Può richiedere un vero coraggio non seguire alla cieca i consigli del medico. Se rifiuti la chemioterapia nel Regno Unito, ad esempio, puoi rinunciare al tuo diritto di essere visto da un medico del SSN. Questa è comprensibilmente una prospettiva spaventosa per la maggior parte delle persone, e pochi hanno il coraggio di intraprendere un percorso alternativo fino a quando non hanno completamente fallito il percorso convenzionale, quando le loro possibilità di successo con trattamenti alternativi sono scarse. Questo è uno dei dilemmi preoccupanti affrontati dai malati di cancro che sono interessati ad approcci alternativi e complementari. Sfidare coloro che detengono l’autorità è molto difficile per la maggior parte delle persone, che dalla nascita sono state condizionate dalla società a non scuotere la barca. Ma non c’è nemmeno una motivazione migliore per scuotere la barca quando la tua vita è sulla linea.

Dobbiamo tutti educarci sui diversi trattamenti contro il cancro disponibili utilizzando punti di informazione indipendenti su cui le grandi aziende non hanno alcuna influenza e trasmettere tali informazioni a chiunque conosciamo affetto da cancro. Dobbiamo esporre la racchetta di cancro perpetrata dalle grandi imprese in nome della salute e ottenere il Cancer Act del 1939 e una simile legislazione protettiva in tutto il mondo, abrogata perché questi monopoli stanno causando sofferenze indicibili. Questa legge di 73 anni non ha uno scopo positivo se non quello di riempire le casse di Big Pharma, permettendole di ottenere un controllo ancora maggiore sul governo e sulla società.

Dove finirà questo? Man mano che le grandi imprese ottengono i suoi tentacoli in ogni aspetto della vita moderna, quando possiede e controlla tutto, vivremo nell’incubo del Grande Fratello di cui Orwell ha scritto nel 1984. Alcuni sostengono che l’incubo sia già qui. Se questa affermazione fosse stata fatta un decennio o due fa, sarebbe stata respinta come teoria della cospirazione. Ma le persone in tutto il mondo si stanno svegliando al fatto che anche nelle cosiddette società “libere” e “democratiche”, quelle in autorità non agiscono per l’interesse collettivo. Nella migliore delle ipotesi hanno semplicemente il naso nella depressione, nella peggiore delle ipotesi, stanno anche progettando di centralizzare il potere, liberando le persone comuni dalle loro libertà di scelta, comprese le scelte sanitarie, in tutti gli aspetti tranne quelli più superficiali della loro vita. Le persone sono diventate merci, pedine in un sistema che le rende schiave – invariabilmente in nome della “sicurezza” e del “loro stesso bene”. Il Grande Fratello lo sa meglio e ti proteggerà … fintanto che gli obbedirai!

Internet è l’ultimo bastione della libertà di parola in un mondo corporatizzato, motivo per cui i governi (specialmente il governo degli Stati Uniti) e le società che li controllano, stanno spingendo così duramente per la censura e il controllo online. Finché c’è libertà di parola, non saremo mai completamente sotto il controllo delle grandi imprese. Ma le nuvole scure stanno comparendo all’orizzonte mentre vengono introdotte nuove leggi sulla censura (come SOPA, PIPA e simili), in nome della sicurezza pubblica e della protezione della proprietà intellettuale. Recentemente in America, ad esempio, il Board of Dietetics / Nutrition in North Caroline ha minacciato un blogger nutrizionale con la prigione per aver sostenuto una dieta salutare sul suo sito Web affermando di essere colpevole del crimine di “praticare l’alimentazione senza una licenza”. (Per maggiori informazioni, visitare: www.naturalnews.com/035691_dieticians_free_speech_nutrition_advice.html ) Ciò significa che possiamo arrivare al punto in cui solo coloro che sono autorizzati (indottrinati) possono divulgare informazioni – in altre parole, sarà consentito solo alla dottrina liberamente espresso. Quando ciò accadrà, non saremo così lontani dai crimini di pensiero di Orwell e la schiavitù della razza umana sarà completa.

In una nota leggermente diversa, ciò che è più deludente quando facciamo una campagna per l’assistenza sanitaria al di fuori del monopolio delle grandi imprese è che inevitabilmente finiamo per dover difenderci su due fronti: prima contro le grandi imprese e i suoi lacchè (funzionari governativi, medici e funzionari locali di standard commerciali) che eseguono obbedientemente le sue agende, e in secondo luogo contro un gruppo eterogeneo di scettici – vigilanti solisti o di gruppo che difendono vigorosamente tutto ciò che sfida il monopolio delle grandi imprese, specialmente nelle aree della sanità e della produzione alimentare. Alcuni agiscono in modo indipendente nei confronti delle grandi imprese, assumendosi la responsabilità di mettere fuori legge qualsiasi alternativa remota: alternative che sono sempre etichettate come “cattiva scienza” e quelle che le promuovono come “ciarlatani”, “ciarlatani” e “truffatori”. Altri sono sul libro paga delle grandi imprese, direttamente o indirettamente, e difendono i loro padroni perché la loro vita dipende da questo.

Gli scettici focalizzati sull’assistenza sanitaria alternativa e complementare credono o sono pagati per credere nella fantasia che le grandi aziende, con le sue risorse finanziarie illimitate, non siano in grado e / o non siano disposte a distorcere la scienza, la politica e la legislazione nel perseguimento delle sue agende aziendali. Credono che l’influenza del denaro possa essere tenuta sotto controllo mediante adeguate procedure governative e controlli scientifici. Nella loro mente, l’obiettività può essere protetta dalla manipolazione, e quindi l’assistenza sanitaria promossa dalle grandi imprese, che si maschera da scientifica (nonostante il fatto che solo il 15% della medicina convenzionale sia basata sulla scienza), è l’unica assistenza sanitaria legittima, con ogni altro sistema sanitario è, per definizione, una truffa o superstizione.

Senti le credenze più ridicole e non scientifiche, credenze che formano il Credo degli Scettici perché non hanno alcun supporto scientifico. Ecco alcune delle credenze che puoi trovare online su alcuni dei siti Web degli scettici di spicco:

  • Chiunque fosse guarito dal cancro con un trattamento alternativo del cancro era probabilmente diagnosticato erroneamente in primo luogo o era abbastanza fortunato da avere una remissione spontanea. I trattamenti alternativi non funzionano, punto. E, naturalmente, chiunque guarisca dal trattamento convenzionale è stato diagnosticato correttamente e non ha avuto una remissione spontanea.
  • Le cifre che mostrano che la medicina convenzionale uccide centinaia di migliaia di persone all’anno sono false, non importa quale sia la fonte.
  • Quelli che muoiono per mano della medicina convenzionale sono lo sfortunato danno collaterale in una guerra che ha salvato un maggior numero di vite.
  • La guerra contro il cancro viene vinta da trattamenti convenzionali. I tassi di recupero del cancro sono in aumento e questo non ha nulla a che fare con il rilevamento precedente.
  • Gli studi peer-reviewed sono l’unico mezzo per testare i trattamenti medici, nonostante il fatto che la maggior parte della medicina convenzionale non si basi su di essi.
  • I moderni trattamenti convenzionali sono supportati dalla scienza, quindi nessuno dovrebbe interrogarli o i medici che li prescrivono.
  • Big Pharma sta cercando di fare il meglio per noi. Non avrebbero mai sognato di farci del male per profitto. E comunque, sarebbe illegale per loro farlo.
  • La legislazione che impedisce alle grandi aziende di manipolare i risultati della ricerca è perfettamente adeguata. La maggior parte delle ricerche può essere attendibile.
  • Chiunque promuova trattamenti alternativi è ingenuo e / o ciarlatano. In effetti, quelli come Stephen Hopwood sono “furfanti”.
  • La moderna cura del cancro ortodosso non è seconda a nessuno e il suo monopolio dovrebbe essere protetto a tutti i costi.
  • La chemioterapia e la radioterapia hanno scientificamente dimostrato di funzionare e sono efficaci trattamenti contro il cancro.
  • L’assunzione di integratori alimentari non è necessaria, anche quando si recupera dalla malattia. Una “dieta equilibrata” fornisce tutto il necessario.
  • Il cibo spazzatura può essere una parte importante di una “dieta equilibrata”, motivo per cui è liberamente raccomandato ai bambini con il cancro.
  • La lavorazione degli alimenti non rimuove i suoi nutrienti ma può migliorarli. Gli alimenti trasformati fanno bene.
  • La dieta non ha alcun effetto sul comportamento. (Dai invece a quei bambini urlanti iperattivi il Ritalin, che ovviamente è sicuro o non sarebbe legale.)
  • La fluorizzazione dell’acqua è sicura e buona per i nostri denti, nonostante non ci siano prove che il fluoro ingerito faccia qualcosa per i denti.
  • I pesticidi e altri fertilizzanti chimici non sono dannosi per la salute e il cibo biologico è una perdita di tempo e denaro.
  • Additivi e conservanti sono sicuri, altrimenti non sarebbero sul mercato. Gli enti regolatori del governo possono essere pienamente fidati.
  • Le indennità giornaliere raccomandate sono adeguate e non troppo basse. E non è necessario alcun fattore nutritivo a cui il governo non abbia dato una RDA, anche quando siamo ammalati.
  • Quando siamo stressati, il nostro bisogno di nutrienti come le vitamine non aumenta in alcun modo.
  • Gli integratori alimentari naturali non sono più sani di quelli sintetici.
  • La salute non può essere rapidamente influenzata dai cambiamenti nella dieta.
  • La disintossicazione non può essere incoraggiata da particolari nutrienti. È un mito e uno che è perpetrato da ciarlatani.
  • Lo zucchero è perfettamente sano.

L’elenco delle assurdità potrebbe continuare all’infinito, nonostante il fatto che queste credenze contraddicano la maggior parte della ricerca scientifica indipendente. Gli scettici sfruttano ogni opportunità per promuovere il loro credo come scienza oggettiva, un credo che offre loro una visione del mondo in cui sono protetti in modo sicuro dal Grande Fratello, in cui il governo e le grandi imprese i patriarchi proteggono, curano e alimentano. È un’illusione confortante, ma sfortunatamente maschera una terribile realtà. Ma la negazione è più facile da affrontare e la stretta camicia ideologica della schiavitù mentale è un piccolo prezzo da pagare per la sicurezza percepita. In realtà, molti scettici sembrano avere un calcio positivo denigrando qualsiasi cosa al di fuori delle loro visioni del mondo strettamente controllate. E la loro giustificazione è di solito la sicurezza pubblica. Tuttavia, se la sicurezza pubblica fosse davvero il fattore motivante, questi individui e organizzazioni focalizzerebbero la loro attenzione su Big Pharma, che sta uccidendo centinaia di migliaia di persone ogni anno e ne distruggendo innumerevoli altre. Questa è la vera truffa in corso.

È davvero confortante per la maggior parte delle persone che i loro medici stiano cercando i loro migliori interessi, promuovendo i programmi di trattamento e farmaci più sicuri ed efficaci. Ma purtroppo (e forse in modo scioccante per molti) non è vero. Anche il più gentile dei medici con le migliori intenzioni è stato indottrinato in un sistema di medicina coltivato per arricchire l’industria farmaceutica. Dobbiamo risvegliarci dal dirottamento di ogni aspetto della nostra vita da parte delle grandi imprese e renderci conto che siamo sfruttati collettivamente da pochi per i profitti di pochi. La racchetta di protezione convenzionale dal trattamento del cancro è solo una piccola parte di un programma molto più ampio che sta rapidamente spostando la società moderna verso uno scenario del Grande Fratello. Già in Europa, ad esempio, le persone si stanno svegliando al fatto che i loro governi li hanno venduti a una base di potere centrale non democraticamente eletta a Bruxelles, un tradimento mascherato da cooperazione economica prima che si rendesse conto che comportava la dissoluzione di sovranità e autodeterminazione di base.

Nel mondo incerto di oggi, collettivamente sembriamo così ansiosi di rinunciare alla nostra libertà per la sicurezza, innamorandoci della propaganda che solo perdendo le libertà possiamo affrontare i pericoli percepiti a venire. Prima di diventare presidente degli Stati Uniti, nel 1949 Dwight Eisenhower tenne un discorso in cui affermava:

“Se tutto ciò che gli americani vogliono è la sicurezza, possono andare in prigione. Avranno abbastanza da mangiare, un letto e un tetto sopra la testa. Ma se un americano vuole preservare la sua dignità e la sua uguaglianza come essere umano, deve non piegare il collo a nessun governo dittatoriale “.

La libertà non è un lusso da godere quando il mondo è più sicuro, ma è fondamentale quanto l’ossigeno per l’esistenza umana. Se rinunciamo alla nostra libertà per la sicurezza, allora ci disumanizziamo. La paura è un’arma potente quando si tratta di controllare una popolazione e farla rinunciare ai suoi diritti umani, diritti che ostacolano le agende aziendali e politiche.

Tali libertà possono e devono includere la libertà di determinare la nostra assistenza sanitaria, compresa la cura del cancro, e di discutere apertamente di questi argomenti in luoghi pubblici. Se permettiamo a leggi obsolete come il Cancer Act del 1939 nel Regno Unito (e una legislazione simile in altre parti del mondo) di interferire con queste libertà, di interferire con la libertà di parola, allora perdiamo la nostra stessa umanità, diventando schiavi di un sistema che vuole dettare ogni aspetto della nostra vita, dal modo in cui siamo trattati quando siamo ammalati, ai cibi che mangiamo – tutto in nome del profitto.

Quindi difendere il diritto a discutere di trattamenti antitumorali alternativi e complementari alla conferenza sul cancro di Hopwood a Totnes non era solo un problema di assistenza sanitaria, ma soprattutto era un atto di resistenza al controllo delle grandi imprese – lo stesso controllo che consentiva una legislazione draconiana come il Cancro La legge del 1939 deve essere approvata in primo luogo, la legislazione che protegge i trattamenti che persino la maggior parte degli oncologi respinge privatamente.

Spero che nessuno di voi che leggerà questo articolo abbia mai avuto il cancro, ma se lo fate, spero che abbiate accesso a TUTTE le informazioni necessarie per fare in modo responsabile una scelta informata che è interamente nel vostro interesse, piuttosto che avere persone discutibili che lo fanno per te. Dopo tutto, fare scelte informate in ogni aspetto della nostra vita, in particolare la salute, è una parte centrale della nostra umanità di base.

John Smith

Fonte: http://www.energygrid.com

Se l’articolo ti e’ piaciuto sappi che una donazione mi Consente di portare aventi un progetto ambizioso, dove in questo momento, con un utenza di oltre 100 mila persone al mese, e’ diventato estremamente impegnativo in termini di Costi e Tempo.

Aiuta L’informazione Indipendente, Toba e’ Sempre di Corsa e non vuole Fermarsi

Siamo Guariti dal Cancro
Testimonianze di libera guarigione
Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere
€ 16,00

Scoperte Mediche non Autorizzate
Le cure proibite osteggiate dalle multinazionali del farmaco
Voto medio su 39 recensioni: Da non perdere
€ 17,90

L'ascorbato di Potassio
Nella cura e nella prevenzione delle malattie degenerative
€ 37,00

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code