toba60

In Cambogia Zero Morti per Covid-19 poi Arrivano i Vaccini ”Ecco i Drammatici Dati Ufficiali”

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Noi della redazione oramai non ci meravigliamo più’ di nulla in questo momento, non e’ più’ possibile reperire informazioni mirate in quanto la rete e il DeepWeb in ogni parte del mondo ci proietta in luoghi oscuri a nostra insaputa dove non si sa più’ distinguere la realtà dalla fantasia.

Abbiamo lavorato tutta la notte per dare un senso ed un significato ad una informazione banale di 3 righe buttate la, tra mille notizie inserite tra i meandri del web che spesso finiscono per accedere nell’anonimato.

Abbiamo dovuto spaziare in tutti i continenti per trovare i tasselli che ora sono ora a vostra completa disposizione, dovete solo prestare attenzione e trarre in autonomia le dovute conclusioni.

Toba60

In Cambogia Zero Morti per Covid-19 poi sono arrivati i Vaccini

“La Cambogia ha lanciato la campagna di vaccinazione all’inizio di febbraio 2021 dopo aver avuto zero morti. Perché vaccinare in massa se non ci sono state vittime?


Per proteggere i cittadini dall’uomo invisibile con zero morti?

E se questo non è abbastanza confuso, guardate cosa sta succedendo in questo paese asiatico.

La Cambogia ha iniziato la sua campagna di vaccinazione all’inizio di febbraio dopo aver calcolato zero morti. Proprio così, il paese ha registrato nessuna vittima legata al Covid fino a marzo, poche settimane dopo aver lanciato il suo programma di vaccinazione. Ed è allora che i decessi hanno cominciato ad accumularsi, come si può vedere nel grafico qui sotto.

Vediamo quindi se riusciamo a trovare una soluzione. Non c’erano morti prima dell’inizio della campagna di vaccinazione, ma subito dopo l’inizio delle iniezioni, le morti hanno cominciato ad accumularsi. Pensi che ci possa essere un collegamento qui? Pensi che forse le morti siano legate ai vaccini?

Certo che lo sono. Ed è per questo che i media stanno cercando di nascondere questa storia sotto il tappeto. Non si adatta alla “narrativa ufficiale” sui vaccini, quindi hanno deciso di farla sparire. “Poof” e via! E, in effetti, è peggio di un insabbiamento perché poco dopo che Biden è entrato in carica, il CDC ha cambiato la metodologia dei test, rendendo più difficile risultare positivi. In altre parole, hanno truccato il sistema in modo che sembrasse che meno persone “completamente vaccinate” avessero contratto il Covid dopo l’inoculazione. Il Dr. Michael Mercola spiega cosa sta succedendo dietro le quinte:

“Ora i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno abbassato di nuovo il TC, in quello che sembra essere un chiaro sforzo per nascondere i casi di svolta del COVID-19, cioè i casi in cui persone completamente vaccinate ricevono la diagnosi di COVID-19. “CDC si imbarca in un nuovo insabbiamento Covid”.

È tutto un grande gioco di inganni. Stanno manipolando il sistema per far sembrare che i vaccini fermino l’infezione quando l’evidenza mostra il contrario. E notate il soprannome deliberatamente fuorviante che i media hanno coniato per le persone che sviluppano il Covid dopo essere state vaccinate. Li chiamano “casi di svolta”.

“Sfondamento”? Davvero?

Se i casi si moltiplicano in quasi tutti i paesi che lanciano una campagna di vaccinazione di massa, allora non c’è nessuna “svolta”. Questo è il risultato prevedibile di un esperimento fallito. Qui c’è di più da un articolo intitolato:

‘Tassi Covid post-vaccinazione nel mondo’:

“…il governo ha dato per scontato che se “si vaccina un sacco di gente, il problema sparisce”, ma gli interroganti tra noi non hanno dato per scontato questo. Soprattutto dopo aver letto il documento informativo della FDA sul vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech, per esempio, molti di noi si sono chiesti: a pagina 42, si legge:

“I casi sospetti di COVID-19 che si sono verificati entro 7 giorni dalla vaccinazione sono stati 409 nel gruppo del vaccino contro 287 nel gruppo placebo. È possibile che lo squilibrio dei casi sospetti di COVID-19 che si verificano entro 7 giorni dalla vaccinazione rappresenti la reattogenicità del vaccino con sovrapposizione dei sintomi della COVID-19. Nel complesso, tuttavia, questi dati non sollevano preoccupazioni che la segnalazione guidata dal protocollo di casi sospetti ma non confermati COVID-19 può aver mascherato eventi avversi clinicamente significativi che altrimenti sarebbero passati inosservati.“Post-vaccinazione Covid tassi in tutto il mondo,” Inform Scotland

WTF!?!!

Quindi la FDA SAPEVA che le persone vaccinate avevano più probabilità di prendere il Covid rispetto a quelle del gruppo placebo, ma hanno approvato comunque i vaccini!!!? Si tratta di negligenza criminale o di semplice stupidità?

Per favore, rileggete il paragrafo precedente e decidete se avreste dato il “via libera” a queste discutibili iniezioni o no? Ecco altri estratti dallo stesso articolo:

“La seguente tabella presenta dati da tutto il mondo e da località selezionate. Naturalmente è essenziale sottolineare che la correlazione non è una causalità. E che ci sono paesi in cui la diffusione del vaccino non precede né coincide con un aumento delle infezioni. Tuttavia, non sono stato in grado di trovare alcun paese in cui i tassi di Covid hanno iniziato a diminuire dopo l’inizio della vaccinazione, o in cui un calo ha coinciso con l’inizio della vaccinazione. In Indonesia, per esempio, il tasso di casi di Covid era in declino quando è iniziata la vaccinazione e sembra non essere stato influenzato nella sua traiettoria dal lancio del vaccino. I lettori possono vedere questi grafici da soli sul sito web. Date un’occhiata e vedete cosa ne pensate.

Beh, l’autore sta cercando di dare un quadro il più caritatevole possibile delle prestazioni dei vaccini. Dice che “la correlazione non è causazione”, il che significa: “Non fidatevi dei vostri occhi quando guardate i grafici, perché se lo fate, trarrete l’ovvia conclusione che i vaccini aumentano significativamente le probabilità di prendere il Covid in poche settimane”. I grafici vi convinceranno anche che Fauci, Biden e i media hanno mentito spudoratamente sull’efficacia dei vaccini. (Si prega di vedere i grafici nell’articolo e giudicare da soli). Qui c’è di più:

“Ciò che è molto chiaro guardando i dati a livello globale è che le vaccinazioni non sono certamente associate a un calo affidabile dei casi di Covid in qualsiasi periodo di tempo prevedibile. Questo punto, insieme alle osservazioni fatte nel processo, ha certamente bisogno di essere affrontato. Cosa sta succedendo qui? Le vaccinazioni vengono semplicemente distribuite per coincidenza nel momento in cui sono attesi i focolai? In così tanti posti? O il vaccino non funziona immediatamente? Se no, perché no? … O il vaccino sta rendendo le persone più suscettibili all’infezione? Se è così… è un effetto temporaneo? Qual è la causa? … Quanto tempo ci vuole perché l’aumentata suscettibilità diminuisca? “… Ci viene detto che tutti devono essere vaccinati (ma) come può essere dato un consenso libero e informato in queste condizioni? “

Queste sono tutte buone domande, purtroppo il dottor Fauci e i suoi collaboratori non hanno intenzione di rispondere. Invece, i loro alleati nei media stanno facendo tutto il possibile per far sparire la storia e deviare l’attenzione sulle sfuggenti “varianti”, che sono il diversivo del giorno. Sono troppo critico?

Forse, ma forse non abbastanza. Date un’occhiata a questo estratto da un articolo di Conservative Woman intitolato “Tutte le ragioni per dubitare delle assicurazioni dei produttori di vaccini”:

“Ho riferito in precedenza di un sorprendente picco di decessi che si è verificato in concomitanza con una campagna di vaccinazione intensiva a Gibilterra, dove la piccola comunità ha avuto di conseguenza il più alto tasso di decessi legati al Covid nel mondo. Sappiamo anche che migliaia di morti si sono verificate negli Stati Uniti, nell’Unione Europea e nel Regno Unito come risultato delle vaccinazioni Covid, spesso subito dopo la somministrazione del vaccino…

I produttori, le principali riviste mediche e la maggior parte dei governi insistono che queste morti non sono legate al vaccino. In molti casi, le morti e le malattie gravi sono state attribuite all’infezione accidentale con il virus. Ma si stanno accumulando prove che, per alcune persone, specialmente i deboli e gli anziani, il vaccino stesso crea o peggiora la malattia da cui dovrebbe proteggere…

Un fenomeno inquietante che appare costantemente negli studi sul vaccino Covid è un picco nelle cosiddette “infezioni” che si verifica proprio durante questo periodo di tre settimane, e di solito subito dopo la vaccinazione… I ricercatori sollevano la possibilità che il vaccino può innescare “Covid-19-like symptoms”, compresa la febbre” in persone recentemente esposte al virus… Egli suggerisce che il meccanismo può essere una depressione dell’immunità causata da una perdita di globuli bianchi post-iniezione, osservata in entrambe le prove Pfizer e AstraZeneca, rendendo i vaccinati più vulnerabili al virus a breve termine” ~ “Un motivo in più per dubitare delle assicurazioni dei produttori di vaccini”, Donna conservatrice

Ok, quindi l’autore arriva alla stessa conclusione dell’autore precedente; forse il vaccino sta rendendo le persone più vulnerabili al virus abbassando le loro difese e, quindi, invitando all’infezione. Questa è certamente una possibilità, ma ci sono altre possibilità che potrebbero essere infinitamente più gravi. Date un’occhiata a questo:

“Non è stato generalmente riconosciuto che il vaccino è progettato per proteggerci facendo produrre alle nostre cellule proprio la tossina che rende il virus più pericoloso dei suoi predecessori nella famiglia dei coronavirus. Questa tossina, nota come proteina spike, può danneggiare non solo i polmoni ma anche organi come il cervello, il cuore e i reni…

La logica della somministrazione del vaccino è che l’esposizione temporanea alla tossina può fornire una protezione a lungo termine contro il virus. Le prime indicazioni sono che questa strategia funziona, anche se non è ancora chiaro se il calo dei tassi di infezione visto nelle popolazioni intensamente vaccinate è stagionale e legato a ondate di infezione, o se è un beneficio duraturo…

Ma c’è anche una possibilità molto reale, supportata da esperimenti sugli animali e dagli studi citati sopra, che il vaccino stesso produca sintomi in individui suscettibili che vengono poi attribuiti al Covid-19. Il danno alla salute può essere particolarmente grave in un individuo che è stato recentemente o contemporaneamente infettato dal virus reale…

Ci sono quindi tutte le ragioni per dubitare dell’assicurazione dei produttori che le morti e le lesioni che sembrano accompagnare la vaccinazione, e che in alcuni casi assomigliano e sono attribuite al Covid-19, non sono collegate ai vaccini. La situazione è abbastanza grave che alcuni medici e scienziati stanno chiedendo una moratoria sulle nuove vaccinazioni Covid fino a quando non sia stato adeguatamente indagato.”~”Tutte le ragioni per dubitare delle assicurazioni dei produttori di vaccini,” Conservative Woman

Quindi potrebbe essere che qualcosa nel vaccino stesso stia uccidendo le persone. Questa è una possibilità distinta. Naturalmente, le aziende farmaceutiche e i funzionari della sanità pubblica respingono l’idea a priori, ma i professionisti medici e gli scienziati pensano che il pericolo sia abbastanza grande da richiedere che il programma di vaccinazione di massa sia temporaneamente interrotto.

Alcuni lettori ricorderanno che il Salk Institute ha recentemente pubblicato uno studio che mostra che la “proteina ‘spike’ distintiva” nella SARS-CoV-2… “danneggia le cellule, confermando che la COVID-19 è una malattia prevalentemente vascolare”. Ecco un estratto dell’articolo del 30 aprile 2021:

“Nel nuovo studio, i ricercatori hanno creato uno “pseudovirus” che era circondato dalla classica corona di proteine spike della SARS-CoV-2, ma non conteneva un vero virus. L’esposizione a questo pseudovirus ha provocato danni ai polmoni e alle arterie di un modello animale, dimostrando che la sola proteina spike era sufficiente a causare la malattia. I campioni di tessuto hanno rivelato un’infiammazione delle cellule endoteliali che rivestono le pareti delle arterie polmonari. (Nota: “Le cellule endoteliali vascolari rivestono l’intero sistema circolatorio, dal cuore ai più piccoli capillari”) …

Il team ha poi replicato questo processo in laboratorio, esponendo le cellule endoteliali sane (che rivestono le arterie) alla proteina spike. Hanno dimostrato che la proteina spike ha danneggiato le cellule legandosi ad ACE2. Questo legame ha interrotto la segnalazione molecolare del CEA2 ai mitocondri (organelli che producono energia per le cellule), che ha danneggiato e frammentato i mitocondri …

Studi precedenti hanno mostrato un effetto simile quando le cellule sono state esposte alla SARS-CoV-2, ma questo è il primo studio che dimostra che il danno si verifica quando le cellule sono esposte alla sola proteina spike.”~”La nuova proteina spike del coronavirus gioca un ruolo chiave aggiuntivo nella malattia “, Salk.edu

L’importanza di questo rapporto non può essere sopravvalutata. I ricercatori del Salk confermano che il danno principale causato dal Covid è dovuto alla proteina spike, non al virus. E, se questo è il caso, perché iniettare alla gente dei vaccini che insegnano alle loro cellule a produrre proteine spike?

Non ha senso.

E come influisce questo sulla nostra comprensione del fenomeno che abbiamo osservato in diversi paesi del mondo, cioè il forte aumento dei casi dopo la vaccinazione di massa?

Lasciatemi offrire una spiegazione plausibile, ma non ancora provata:

Il forte aumento dei casi e dei decessi dopo la vaccinazione di massa NON è legato alla “malattia respiratoria” del Covid, ma alla “malattia vascolare” del Covid. La componente vascolare è principalmente il risultato di proteine spike prodotte dalle cellule del rivestimento dei vasi sanguigni (Endothilium) che attivano le piastrine che causano coaguli di sangue e sanguinamento.

L’altro fattore principale è la reazione autoimmune, in cui i linfociti killer attaccano le cellule del corpo, innescando un’infiammazione diffusa (e un potenziale fallimento degli organi). In breve, le morti post-iniezione sono causate dalle proteine spike prodotte dai vaccini, non dal Covid. Di nuovo, guardate il grafico della Cambogia. Non c’erano morti prima della vaccinazione. Tutte le morti sono avvenute dopo. Questo suggerisce che le morti sono attribuibili ai vaccini.

Un ultimo pensiero: 118 milioni di americani sono stati iniettati con una proteina spike che produce coaguli. A questo punto, nessuno sembra sapere per quanto tempo queste proteine potenzialmente mortali rimangono intrappolate nelle pareti dei vasi sanguigni o quali danni possono eventualmente causare. Con questo in mente, non è il momento di essere un po’ prudenti? Ora che i casi sono calati bruscamente nel paese, perché non rilassare le vaccinazioni fino a quando non abbiamo un’idea migliore dei rischi a lungo termine? Questo sarebbe l’approccio più sensato, no? Basta rimandare le nuove iniezioni fino a quando la sicurezza del prodotto sarà assicurata.

Tutti i dettagli relativi alla situazione in Cambogia dopo i Vaccini

La Cambogia non ha avuto morti per il Covid fino a marzo 2021, poche settimane dopo l’inizio del programma di vaccinazione la protezione è stata fatta e si e’ verificato un oggettivo

OMICIDIO DI MASSA.

Come si può vedere dal grafico i decessi hanno cominciato a dilagare.

E ora prestate bene attenzione a questi dati analizzando i grafici inerenti la situazione in tempo reale in questo preciso momento, come potete vedere sono costantemente aggiornati e potete voi personalmente verificarli quotidianamente onde constatare in prima persona l’andamento di Quello che incredibilmente si sta verificando in Cambogia.

Il sito ufficiale di riferimento lo potete trovare qui

Questi dati che potete vedere sono riferiti ai due mesi successivi all’inizio delle vaccinazioni

May 17, 2021, 21:49 GMT

  • Cambodia
  • Coronavirus Cases:
  • 22,544
  • Deaths:
  • 154
  • Recovered:
  • 13,006

Ora andiamo con ordine e vediamo l’andamento esatto verificatosi con il supporto dei grafici relativi.

Cosa importante da prendere in considerazione è che ogni analisi va fatta in relazione al numero di abitanti il che da un idea della drammaticità’ dei dati in questione.

Quello che vedete e’ a tutti gli effetti un crimine annunciato.

Essendo la Cambogia un piccolo paese, invito ognuno di voi a verificare l’andamento settimanale in tempo reale sul sito sopra di riferimento, per avere un idea precisa di come si evolve la situazione che avrà certamente analogie con l’Europa da qui ai prossimi mesi, sempre che non si faccia uso dei richiami dove gli sviluppi sono totalmente fuori controllo.

Da notare attentamente le date e l’impennata in concomitanza della somministrazione dei vaccini.

E ora prestate attenzione a cosa si scriveva nell’Agosto 2020 in relazione al miracolo sanitario perpetrato dalla Cambogia in comunione con il Vietnam….

Tutto da leggere.

Come hanno fatto Vietnam e Cambogia a contenere il COVID-19 con poche risorse?

Questo pezzo pubblicato il 7 agosto è stato l’articolo di BRINK con le migliori prestazioni del 2020. La stratega Manisha Mirchandani ha esplorato come il Vietnam e la Cambogia stavano gestendo la pandemia con tanto successo nonostante lo scarso accesso alle risorse.

Mentre il coronavirus ha devastato la sua strada attraverso il mondo, alcuni paesi in Asia hanno mostrato una notevole capacità di eludere i suoi effetti peggiori. All’inizio di agosto, la Cambogia aveva zero morti e il Vietnam aveva appena sei morti registrate dal coronavirus. [dalla pubblicazione del pezzo, il Vietnam ha registrato un totale di 35 morti, mentre la Cambogia ha continuato ad avere zero morti].

Questo nonostante questi paesi abbiano molte meno risorse per rispondere alla minaccia, rispetto alle nazioni ricche come gli Stati Uniti e l’Italia, dove il virus ha avuto un prezzo terribile.

Non tutto il sud-est asiatico ha avuto lo stesso successo nel contenere la diffusione del virus: Sia l’Indonesia che le Filippine registrano tra le più alte morti in Asia al di fuori della Cina. Allora perché la Cambogia e il Vietnam hanno avuto così tanto successo? Il Vietnam ha registrato solo 500 casi per una popolazione di quasi 100 milioni (cinque per milione) alla fine di luglio, mentre la Cambogia ha registrato solo 15 casi per milione a questo punto.
Una popolazione più giovane?

Gli esperti hanno indicato una popolazione più giovane in questi paesi come possibile fattore inoculante, ma il virus non ha risparmiato le popolazioni giovani di Indonesia e Filippine. Altri dicono che i bassi tassi di test e la possibile sottostima dei casi stanno nascondendo la vera estensione del COVID-19 in questi paesi. Ma fino ad oggi, non c’è stato alcun rischio che i sistemi sanitari in Vietnam o Cambogia siano stati sopraffatti dalla gravità dei focolai, come abbiamo visto in altri paesi.

Il successo iniziale di questi paesi nel rispondere al coronavirus dimostra che una risposta efficace non dipende dalla disponibilità di risorse. Molto è stato fatto sull’importanza dei test per contenere la malattia, come esemplificato dalla strategia della Corea del Sud di “testare, testare, testare”. Ma mancando le risorse per mobilitare un’ampia infrastruttura di test, il Vietnam e la Cambogia hanno fatto affidamento su una combinazione di tattiche per “inscatolare” il virus.

La boxe del virus

Una tattica è stata quella dei test mirati, dove le autorità sanitarie si sono concentrate su individui ad alto rischio o si sono concentrate su edifici o quartieri dove sono emersi casi positivi. Questo è stato combinato con una vasta ricerca di contatti: In Vietnam, le persone fino a tre gradi di distanza da una persona infetta sono state identificate e testate per l’infezione.

Questo è stato reso possibile dalle linee guida nazionali che hanno dato la possibilità ai membri delle comunità – compresi i membri del pubblico, gli insegnanti, i leader religiosi e della comunità – di segnalare eventi di salute pubblica. Gli sforzi ufficiali di tracciatura sono stati integrati da un’applicazione mobile che permette la segnalazione dello stato di salute e dei casi sospetti e un’altra che notifica gli utenti di una possibile esposizione.

La sorveglianza a livello locale e la partecipazione delle comunità hanno aiutato l’identificazione precoce di possibili focolai in Vietnam, così come un approccio basato sul rischio di esposizione indipendentemente dal fatto che una persona mostrasse sintomi. Questo può essere stato fondamentale per contenere il COVID-19, data l’evidenza emergente che le persone asintomatiche sono in grado di trasmettere il virus ad altri.

Una volta identificato, il Vietnam aveva predisposto l’infrastruttura per mettere in quarantena le persone infette e i viaggiatori internazionali, minimizzando l’esposizione domestica al virus; circa 200.000 persone hanno trascorso del tempo in una struttura di quarantena tra gennaio e maggio del 2020. In Cambogia, una rete di 2.900 operatori sanitari è stata addestrata a gennaio e febbraio per aiutare il rilevamento e la ricerca di contatti a livello di comunità.


Una popolazione abituata a combattere le epidemie

Avendo sperimentato l’epidemia di SARS nel 2003 e l’influenza aviaria tra il 2004 e il 2010, le autorità vietnamite e cambogiane hanno preso sul serio la minaccia del COVID-19 fin dall’inizio. La salute ha avuto la priorità sulle preoccupazioni economiche e ogni paese ha implementato rapidamente i controlli alle frontiere e ha imposto l’uso di maschere e l’allontanamento sociale. L’esperienza passata nel combattere le epidemie può aver portato a un maggiore comfort del pubblico con tali misure, e alla comprensione della necessità di un’azione decisiva per contenere la pandemia. In un sondaggio del marzo 2020, la maggior parte dei vietnamiti (62%) ha convenuto che la reazione del governo è stata “la giusta quantità”, indicando un alto grado di sostegno pubblico per le misure aggressive.

La conformità è anche una funzione di uno stile autoritario di governo in entrambi i paesi, che ha permesso la rapida attuazione delle misure di contenimento e la loro applicazione. In questo ambiente, le preoccupazioni per la privacy relative alla sorveglianza e al rintracciamento dei contatti non sono prese in considerazione, né i diritti individuali delle persone che sono state costrette alla quarantena o che hanno avuto la loro libertà di movimento limitata.


Rischio di uno Stato di sorveglianza

In effetti, c’è il rischio che l’infrastruttura di sorveglianza pubblica del governo sia rafforzata e normalizzata durante questo periodo. Una legge sullo stato di emergenza che sta per essere approvata in Cambogia permetterà una sorveglianza illimitata delle telecomunicazioni e il diritto del governo di controllare la stampa e i media sociali, e di limitare la libertà di movimento.

Le misure prese finora hanno funzionato per controllare la diffusione del coronavirus, ma entrambi i paesi sono ancora vulnerabili alle ondate successive. La scoperta del primo caso di COVID-19 trasmesso localmente in 100 giorni a Danang ha provocato l’evacuazione di 80.000 persone dalla città vietnamita.

La portata della risposta delle autorità e la vigilanza in corso fanno ben sperare che il paese possa gestire eventuali focolai. Nel frattempo, il sistema sanitario ha fatto scorta di forniture e attrezzature necessarie per sopportare un’ondata di pazienti malati in caso di epidemia.

Test mirati e il coinvolgimento della comunità sono fondamentali per rispondere al COVID-19, dove le risorse sono più limitate. Ciò che è meno certo è la misura in cui le preoccupazioni dei cittadini per la privacy e le libertà individuali potrebbero diventare impedimenti alla fiducia del pubblico e alla loro volontà di partecipare alla risposta. Finora, tuttavia, il Vietnam e la Cambogia hanno dimostrato di essere ottimi esempi di come i paesi con risorse limitate possano trattenere con successo la marea del coronavirus.

Mike Whitney & Manisha Mirchandani

Fonti: Toba60 & brinknews.com & greek-dutch-truth & worldometers.info & unz.com

Abbiamo urgente bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile secondo le proprie possibilità è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.  

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

yoga gear

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code