toba60

Invenzioni Fuori Luogo e nel Tempo che Nessuno Intende far Sapere

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

La storia in apparenza é un dato di fatto che non é mai messo in discussione, e’ un errore madornale che andrebbe in particolar modo adesso rivisto, anche alla luce del fatto che la tecnilogia ora in uso consente una capillare rivisitazione della storia per come ce l’hanno insegnata a scuola.

Gerusalemme

Senza andare molto lontano, tempo fa ebbi modo di andare in Israele e nel visitare il luoghi sacri delle varie religioni del mondo che li hanno avuto orgigine, mi rubó l’attenzione il continuo ripetere da parte della guida turistica del luogo, il quale ripeteva di continuo questa frase: Si presume alla luce delle ultime scoperte che……….: e’ un po come dire che il corso degli eventi era un continuo divenire e che il flusso di dati, informazioni e scoperte che si verificavano di continuo, ribaltavano il corso della storia.

Ci sono molto luoghi comuni che permeano i libri di storia o di archeologia, ma temo che ci sia molto ancora da fare per giungere anche solo ad un 1% di tutto quello che c’e ancora da scoprire, o meglio che si sa, ma non ci e’ dato conoscere.

Toba60

Alla scoperta dell’impensabile

Fin dall’inizio dei tempi la mente umana ha lottato con l’impensabile, cercando di realizzare ogni pensiero che potesse consentirle di realizzare l ‘”impossibile”. La persona media di solito non sa o non vuole ricordare che per poter godere di tutte queste possibilità offerte dalla tecnologia oggi, alcune persone hanno passato tutta la vita cercando di raggiungere l’impossibile.

L’intenzione di questo articolo è di abbattere il noto continuum spazio-temporale e di catalizzare per un po ‘la nozione lineare di tempo percepita dal razionalismo occidentale. Allora cosa diresti se stessimo parlando di invenzioni – “funghi” che improvvisamente sono apparsi fuori luogo e dal tempo e sono stati dimenticati paradossalmente, lasciando dietro di loro deboli tracce che compongono una strana leggenda o un parallelo,ma una silenziosa storia di invenzioni?

C’è un antico affresco egizio raffigurante l’invocazione del dio Ra-Helio . Questo murale è di particolare interesse in termini di layout dei disegni. Alla base è presente una colonna (gent), che in alto termina con una croce egizia, dal centro della quale partono in perfetta simmetria due mani umane che si innalzano per toccare il disco solare in alto allo spettacolo. A destra ea sinistra, ci sono increspature dipinte che sembrano implementazioni di corrente elettrica.

Nella parte inferiore dell’immagine ci sono due persone, mentre nella terza ondata, le scimmie allungano le mani in adorazione al Dio Ra.

Alcuni scienziati che hanno studiato questo murale sono rimasti sorpresi nello scoprire che il design presentava somiglianze significative con un moderno generatore di plasma. Le somiglianze progettuali erano catalitiche e il confronto inevitabile, dal momento che un raggio di plasma prodotto con mezzi termici viene condotto ad un tubo (gent), all’interno del quale sono presenti due elettrodi (mani umane) che comunicano in un circuito interno (croce egizia) e tutti il dispositivo è sotto l’influenza di un potente elettromagnete (Sun-Pa).

Un antico papiro, una copia di un testo più antico che descrive un trapianto di cuore, sopravvive ad Alessandria, in Egitto. L’operazione è stata eseguita su un soldato che ha prestato servizio nella guardia del corpo del faraone. Il soldato è stato ferito al cuore da una lancia e secondo il testo del papiro, un medico ha deciso di sostituire il suo cuore con il cuore di un vitello. L’operazione fu eseguita con pieno successo, durante il regno del faraone Desser (3a dinastia), migliaia di anni prima che l’uomo moderno pensasse che un’operazione del genere fosse possibile.

Le informazioni di cui sopra sono dovute al professore egiziano Doros Tonderitsios, ma ci sono numerosi rapporti di altre conquiste mediche degli antichi egizi. Ad esempio, è ormai accettato anche dall’archeologia ufficiale che gli egiziani sigillassero i denti e costruissero ponti dentali, mentre ci sono prove che erano in grado di curare la cataratta. Ci sono anche diversi papiri che si occupano di questioni mediche, come il papiro Embers che analizza la cardiologia e il papiro Edwin Smith che descrive gli interventi chirurgici alle ossa di successo.

L’archeologia ufficiale accetta che gli affreschi di Lasko siano fatti di ocra gialla e barre di magnesio, pirossido e ferro. Le canne, secondo gli archeologi, sembravano pastelli di grandi dimensioni ed erano ampiamente utilizzate da artisti antichi. Ma è interessante vedere come potrebbe essere realizzata una simile canna. Teoricamente, gli artisti Lasko dovrebbero rimuovere il pirossido di ferro o il magnesio (che è un materiale estremamente raro) dal terreno, setacciarlo, pulirlo da corpi estranei, polverizzarlo e infine mescolarlo. con un po ‘di grasso, in modo che la polvere fine acquisisca una forma compatta e facile da usare. Se tutti i processi di cui sopra non sono una forma di tecnologia chimica, in quale altro modo potremmo caratterizzarla?

L’uso e la lavorazione di materiali che non erano ancora stati scoperti, cioè inesistenti secondo la percezione convenzionale che abbiamo del nostro mondo, sembra essere stata una delle pratiche più amate dai nostri antenati. Il professore sovietico Koryun Megerezian ha scoperto l’impianto metallurgico più antico del mondo a Manzamor, nell’Armenia sovietica.

La sua operazione si colloca intorno al 3000 a.C. e vi si trovavano 200 forni per la lavorazione dei metalli. La ricerca che è stata fatta ha confermato la lavorazione di quattordici varietà di ottone, rame, piombo, zinco, ferro, oro, stagno, arsenite, antimonio, magnesio e acciaio! Nella zona sono state trovate pinze in acciaio quasi intatte utilizzate per la lavorazione dei metalli. Le scoperte di Megerezian sono state convalidate da istituti scientifici dell’URSS e riviste da università negli Stati Uniti, Francia, Inghilterra e Germania.

Ma gli antichi cinesi sembrano avere anche conoscenze avanzate nel campo della metallurgia, come testimonia il ritrovamento di oggetti realizzati in lega di alluminio. La ricerca dell’archeologo Yan Hang ha ribaltato completamente tutte le idee del mondo moderno sulla storia dell’alluminio, che tutti credevano sconosciuta fino al 1807, quando fu scoperto dal chimico britannico Humphrey Davy. Nonostante l’esistenza di antichi oggetti cinesi realizzati in lega di alluminio, la scienza moderna riuscì a realizzarlo in laboratorio solo nel 1827, senza nemmeno poter creare alluminio puro, cosa che divenne possibile quasi trent’anni dopo, grazie ai metodi elettrolitici di Erul e Hall.

Un’iscrizione trovata ad Eleusis nel 1893 contiene le istruzioni per la costruzione di “pali cilindrici in bronzo”, che sarebbero stati usati nell’Eleusis Teleport. L’iscrizione risale al IV secolo a.C. e conferma sostanzialmente l’uso di torni e l’esistenza di utensili da taglio in acciai duri. E, naturalmente, possiamo solo concludere che per farlo, esisteva già una tecnologia avanzata per la produzione e il trattamento termico dell’acciaio.

Ci sono rapporti che Aristotele usasse una penna di metallo, che Platone avesse costruito una sveglia a clessidra, che ci fosse una sorta di ascensore nel palazzo di Nerone e anche che i romani conoscessero il segreto della fabbricazione del vetro infrangibile, cosa che erano soliti fare che Tiberio ordinò la distruzione delle sue officine manifatturiere, per paura che potesse diventare più prezioso dell’oro e dell’argento.

Contrariamente alla versione ufficiale secondo cui il parafulmine fu inventato nel 1752 da Benjamin Franklin, sappiamo che il tempio di Salomone aveva 24 parafulmini, 3000 anni prima che fossero inventati. L’intero tempio sembra aver servito questo sistema che intendeva sottomettere le forze della natura. Il tetto era costituito da travi di cedro e ricoperto da uno spesso strato placcato in oro.

Ad intervalli regolari c’erano lunghe aste di ferro o acciaio dorato, progettate per attirare le cariche elettriche dell’atmosfera. Le pareti del tempio erano ricoperte di legno dorato e nel cortile c’erano delle cisterne alle quali l’acqua veniva convogliata attraverso tubi metallici. In altre parole, era un sistema perfetto per scaricare le cariche elettriche dell’atmosfera, che sfruttava abilmente i materiali di costruzione dell’edificio, creando isolamenti e condotti attraverso i quali fluivano le cariche elettriche.

L’uso dei parafulmini, tuttavia, era noto a molti altri oltre ai costruttori del tempio di Salomone. Numas Pompilio, il secondo re di Roma, seppe provocare ogni volta che voleva il “fuoco di Zeus” e lasciò in eredità il terribile segreto al suo successore Tullo ostilio. Questa conoscenza fu fatale per Tullo ostilius, poiché, come ci informa Tito Livio, gli costò la vita a causa di una cattiva gestione durante una celebrazione religiosa. Nel 6 a.C. il re d’Etruria Porsenna usò un parafulmine per colpire con un fulmine un terribile animale che stava devastando il suo paese, che stranamente era chiamato Volt!

Un’altra persona che sapeva dell’uso dei parafulmini era lo storico e medico greco Ktisias che visse nel IV secolo a.C. Apprese il segreto in Egitto o in Persia e usò due spade inchiodate a terra capovolte, credendo che ciò avrebbe rimosso nuvole, grandine e tempeste.

Ma il contenimento dell’elettricità atmosferica non è affatto importante quanto la produzione di elettricità con metodi tecnici. Nel diario dell’esploratore e scrittore spagnolo Barco Sentenera, che visitò nel 1601 le rovine di una città a cui si riferisce come El Gran Moho, si conserva la prima testimonianza relativa a questo argomento. Da quello che possiamo concludere, questa città era situata vicino alle sorgenti del fiume Paraguay, nella più ampia area dei Sette Laghi situata al centro del Mato Grosso. Lì scoprì un oggetto che descrisse come “un bastone che aveva una sfera in cima che brillava di luce intensa”.

Secondo le sue descrizioni, l’oggetto non sembrava utilizzare alcuna fonte di energia apparente. Gli studiosi del lavoro di Sendenera ritengono che avesse scoperto un’antica lampadina che funzionava grazie a un meccanismo elettrochimico che forniva alla sfera in alto l’energia necessaria per farla brillare. Sfere simili, ma molto più grandi, che sembrano aver operato secondo lo stesso principio, sono state trovate in Nuova Guinea, nei Paesi Bassi. Avevano un diametro di 3-3,5 metri e venivano posizionati su colonne. Queste sfere emettevano molta luce, simile per luminosità a quella prodotta dalle moderne lampade al neon. Siamo sicuri che se Thomas Edison, che scoprì la lampadina nel 1879, ne conoscesse l’esistenza, sarebbe sicuramente molto interessato a studiarle.

La scoperta più impressionante di un antico oggetto legato all’elettricità è sicuramente il ritrovamento chiamato Baghdad Battery . Fu ritrovato nel 1936 in un antico insediamento dei Parti in Iraq, e un esame effettuato nei laboratori del Museo iracheno da un team di scienziati guidato dal tedesco Wilhelm Koenich concluse che l’oggetto era un elemento elettrico, cioè una batteria, pronto a funzionare. finché è stato aggiunto un po ‘di liquido alcalino. La cosa sorprendente è che l’insediamento dei Parti in cui è stata ritrovata la batteria, risale al 248 a.C. e nel 226 a.C.

Il ritrovamento era un vaso a forma di vaso, fatto di argilla di colore chiaro. Conteneva un cilindro di rame, fissato al centro dell’interno con asfalto. Il vaso era alto 15 cm e il tubo cilindrico, che era fatto di lamina di rame e chiuso ad un’estremità, aveva un diametro di 26 mm e alto 9 cm. All’interno del tubo, tenuto da una staffa di asfalto, c’era una barra di ferro ossidato, la cui punta sporgeva di circa 1 cm sopra la staffa di asfalto ed era ricoperta da un sottile strato di metallo ossidato giallo-grigio che assomigliava a un molibdeno.

Il bordo inferiore del tondino di ferro non poggiava sul fondo del cilindro, dove era presente un sottile strato di asfalto di 3 mm di spessore. Quando Wilhelm Koenig annunciò la sua conclusione, dicendo che si trattava di un’antica batteria, la comunità scientifica rise con tutto il cuore, perché una cosa del genere non poteva esistere. Ma chi ride per ultimo, ride meglio. Così, un connazionale di Koenig, l’egittologo Dr. Egebrecht ha deciso di considerare anche questa possibilità. Così ha fatto una copia esatta degli antichi pezzi di una batteria, che utilizzava il succo d’uva appena spremuto come liquido alcalino. Non appena il liquido è entrato nel cilindro di rame, un voltmetro collegato alla batteria ha registrato una tensione di mezzo volt. Ancora una volta, esisteva qualcosa che era impossibile esistere!

Il meccanismo di Antikythera (foto sopra) è uno dei più antichi meccanismi di calcolo conosciuti, forse il primo computer analogico della storia, che ha un design estremamente complesso, che fino ad oggi gli scienziati non sanno esattamente cosa sia.

Dopo decenni di ricerche, gli storici ipotizzano che il meccanismo (nella foto sotto) avesse lo scopo di mostrare la posizione del Sole e della Luna e il movimento dei pianeti nel cielo, nonché di prevedere le eclissi solari e lunari e persino gli eventi chiave in Terra, come le Olimpiadi. Presumono, non sono sicuri.

Il segreto della generazione di elettricità sembra aver attraversato una tradizione segreta nel tempo. Così, lo incontriamo di nuovo nel XIII secolo. Secondo molti rapporti, il rabbino francese Jessele avrebbe costruito una “lampadina che si accendeva da sola”. Questa lampada non aveva né olio né stoppino e nonostante il fatto che Jesse l’avesse presentata al re St. Louis, non ha mai rivelato il segreto che l’ha fatta funzionare. L’uso dell’elettricità da parte del rabbino francese è confermato da Elifas Levy nel suo libro History of Magic, aggiungendo che Jessele utilizzava l’elettricità per altri scopi. Toccando un chiodo sul muro della sua officina, è uscita una scintilla blu e chi ha toccato il battente della sua porta si è sentito come se fosse stato colpito da un fulmine.

Il famoso Roger Bacon visse nello stesso periodo di Gisele. Bacon nacque nell’Ulster, in Inghilterra, nel 1214 e i suoi studi in vari campi sono ormai leggendari. Almeno nel campo dell’ottica sembra che tu sia consapevole dei fenomeni di riflessione, propagazione e rifrazione della luce. Dal suo libro Treatise on Optics or Perspective, troviamo che nel 1250 fu in grado di costruire telescopi e microscopi. Inoltre, nei suoi scritti c’è il tipo chimico della polvere da sparo.

Tuttavia, la storia convenzionale accetta come inventore del telescopio l’olandese Hans Lippersay, che introdusse la sua invenzione nel 1608. Quanto a Roger Bacon, quando morì, i suoi manoscritti erano considerati prodotti della magia e la sua conoscenza era destinata all’oscurità. Sembra che fosse a conoscenza del trattamento riservatogli, sia dai suoi contemporanei che dai suoi successori, quando disse:“Mi dispiace di essermi dato tanto da fare per il bene della scienza”.

Due secoli dopo, Leonardo da Vinci progettò il primo paracadute a forma di tenda. Sebbene i calcoli di Da Vinci e il progetto del paracadute fossero perfetti, abbiamo dovuto attendere fino al 1797 perché questa invenzione, registrata nel francese Jean-Pierre François Blanchard, fosse accettata. Da Vinci, tra le sue tante bizzarre invenzioni, aveva realizzato un cannone a vapore. Sia lui che il poeta italiano Francesco Petrarca attribuirono l’arma originale ad Archimede.

Paracaduce di Jean-Pierre François Blanchard

Ciò significa che un’arma da fuoco è stata fabbricata centinaia di anni prima che ne accettassimo l’esistenza. Il cannone di Archimede si chiamava Steamer e funzionava a vapore. Secondo le descrizioni, stava lanciando palle di ferro del peso di un talento, a una distanza di sei livelli. L’arma consisteva in una lunga canna, 1/3 della quale era in un contenitore contenente carboni ardenti. Sul retro della struttura c’era un serbatoio dell’acqua, che una volta fatto cadere nel tubo caldo, evaporò momentaneamente, creando la pressione necessaria per lanciare il proiettile.

Un’altra arma la cui costruzione precede l’accettazione della sua esistenza, è la mitragliatrice costruita nel 1775 dall’ingegnere francese Peron. Questa mitragliatrice funzionava con una manovella e poteva sparare ventiquattro palline. Perρόνn presentò l’arma al giovane Luigi XVI e la mitragliatrice causò così tanto trambusto nel re e nei suoi ministri che la sua distruzione fu ordinata e il suo inventore fu considerato un nemico dell’umanità.

L’invenzione della prima turbina a vapore è attribuita all’ingegnere britannico Charles Parson e fu realizzata nel 1884. Tuttavia, nessuno può contestare che Heron (100 aC) avesse costruito un meccanismo denominato Eolosfera o Porta Eoliana. Questo meccanismo consisteva in una sfera concava che veniva posta sopra una caldaia chiusa con la quale comunicava. Il vapore proveniente dalla caldaia veniva convogliato alla sfera, che aveva due ugelli diametralmente opposti e quindi l’uscita del vapore la faceva ruotare.

Una scoperta meno impressionante, ma altrettanto importante, che ha preceduto il suo tempo è la pentola a vapore usata dal dottor Filomenis nel 250 aC. cucinare. La pentola a vapore fu riscoperta nel 1681 da Dennis Papen e l’unica differenza con quella di Philomenis era che la pentola di Papen aveva una valvola di sicurezza.

Un’altra importante invenzione che ha preceduto la sua scoperta ufficiale è il sottomarino. La storia ufficiale registra il primo sottomarino mai costruito, quello costruito da David Brusnell. Si chiamava Turtle e sembrava un enorme barile che si muoveva con un’elica manuale. Il 6 settembre 1776 fece la sua prima corsa di prova nel porto di New York. Sia questo che i seguenti, tuttavia, non sono riusciti a raggiungere gli obiettivi del produttore.

Il primo sottomarino d’altura è ufficialmente attribuito all’americano Simon Lek. Il suo nome era Argonaut 1 e nel 1898 viaggiò da Norfolk, in Virginia, a New York. Ma già nel 1620 l’olandese Cornelis Jacobson Drebel aveva costruito un sottomarino di legno che viaggiava con successo sul Tamigi, a una profondità di 4,5 metri. La sua esistenza è confermata da Robert Bull, considerato da molti il ​​primo scienziato del mondo moderno.

I dispositivi di volo e l’aereo, da sempre uno dei sogni più importanti dell’uomo, non potevano mancare in questo record di riscoperta. Sappiamo che Achrytas Tarantinos aveva costruito nel 425 aC. un dispositivo volante chiamato Pigeon o Flying Machine. Funzionava grazie a un sistema di propulsione ad aria che utilizzava aria compressa. Una forma di compressione dell’aria utilizzata per il volo era quindi nota 2355 anni prima che l’aeronauta britannico Frank Hewitt ricevesse un brevetto proprio per questo motivo. Piccoli aerei sono stati introdotti in tempi diversi. Uno dei più impressionanti, che sembra aver utilizzato un meccanismo di controllo a distanza, è stata l’Aquila meccanica che è stata presentata all’ingresso dell’imperatore Massimiliano I a Norimberga.L’aquila decollò dalle mura della città, fece alcuni cerchi sopra la testa di Massimiliano e poi si fece avanti, conducendolo all’ingresso della città.

Nel 1996, i produttori di aerei tedeschi Algund Eeboom e Peter Belting hanno confermato l’ipotesi che le statuette (nella foto sopra) fossero macchine volanti. Così hanno realizzato copie accurate 16 volte più grandi e dotate di motori e sistemi di controllo radio. I due modelli non solo erano in grado di sollevarsi con successo, ma anche di manovrare anche a motore spento.

Le macchine volanti di grandi dimensioni, contrariamente alla credenza popolare, datano la loro invenzione alla fine del XIX e all’inizio del XX secolo, riconoscendo la costruzione dell’aliante Lilientel nel 1853, il pallone Zeppelin nel 1900 e l’aereo ai fratelli. Wright nel 1903, fu preceduto dalla macchina volante del gesuita Bartolomeo Lorenzo de Gusmao nel 1709. Si ritiene che Gusmao avesse tenuto una conoscenza segreta che aveva acquisito in Bolivia. Quando tornò a Lisbona nel 1708, chiese al re Joao V del Portogallo il permesso di costruire una macchina volante. Il permesso fu concesso il 17 aprile 1709, insieme a una generosa borsa di studio.

Il 5 agosto dello stesso anno fu fatto il primo tentativo di far volare la strana barca, che secondo le descrizioni sembrava un uccello, aveva testa, coda e ali e molti tubi orizzontali, attraverso i quali un enorme mantice inviava un flusso d’aria a un grande vela che sembrava un sacco. In questo tentativo, la macchina ha volato a un’altezza di 20 metri, ma ha preso fuoco ed è stata completamente distrutta. Il secondo tentativo di fuga avvenne il 30 ottobre 1709, nel cortile della Casa da India e fu un completo successo.

Tra coloro che hanno assistito al processo c’era papa Innocenzo VIII, che ancora ricopriva il grado di cardinale. La macchina di Gusmao si chiamava Passarola o Flying Gondola e dava al suo creatore la posizione accademica. Nonostante sia stato scritto molto su Passarola e migliaia di persone che hanno assistito ai suoi voli di prova, l’invenzione è scomparsa in modo ignominioso. Gusmao, cercando di mantenere il segreto, ha fatto solo una copia dei suoi progetti di costruzione, che ha inviato alla Biblioteca Vaticana. Poco dopo, l’Inquisizione considerò la sua invenzione pericolosa e satanica e Gusmao fu costretto a bruciare i suoi progetti e la macchina originale.

È strano che decine di invenzioni molto importanti siano state lasciate inutilizzate e perse nell’oblio nel tempo, fino a quando qualcuno ha deciso di reinventarle. Ciò può essere dovuto in parte al fatto che erano molto in anticipo sui tempi e quindi trattati con incredulità o addirittura ostilità. Ma può essere dovuto a qualcosa di molto più paradossale e meraviglioso, che è indifferente alla relazione causa-effetto così come la percepiamo e permette all’evoluzione di precedere i nostri bisogni …

Strano

Questo straordinario artefatto (nella foto sotto) sembra rappresentare oggetti e processi che gli scienziati moderni sono stati in grado di osservare solo attraverso i microscopi. In particolare, il “disco genetico” sembra mostrare il concepimento e lo sviluppo di un embrione umano (si dice). Inoltre, le immagini raffigurano una versione davvero strana della testa umana. Il disco è fatto di un materiale sconosciuto ed estremamente potente, che nessuno può capire come produrre e che in teoria sarebbe impossibile da usare per una società antica.

Ciò che rende il manoscritto (foto sotto) così insolito è il fatto che sia scritto in un alfabeto completamente unico, che non ha nulla in comune con nessun sistema di scrittura conosciuto. Questo script impenetrabile è collassato sui crittografi e non è stato ancora decrittografato.

l Manoscritto Voynich è forse il libro più misterioso e bizzarro del mondo. Il suo autore è sconosciuto, è scritto in un linguaggio incomprensibile e le sue pagine sono piene di simboli inspiegabili e immagini strane, che nessuno sa cosa mostrano. Il manoscritto Voynich contiene circa 240 pagine di strani disegni, diagrammi incomprensibili, ed è stato scoperto in Italia nel 1912 e risale al 1404 e al 1438 circa. Secondo il crittoanalista Antoine Casanova, potrebbe essere una copia di un originale molto più antico!

La Mesopotamia ci ha dato un inizio su come generare elettricità molto prima che fosse scoperta. Negli anni ’30, un misterioso manufatto fu scoperto durante uno scavo archeologico non lontano da Baghdad. La cosiddetta “batteria di Baghdad” (foto sotto) è un barattolo da 5 pollici con un’asta di ferro corrosa che sporge dalla bocca.

All’interno della barca è stato trovato un cilindro di rame … e all’interno del cilindro c’era un’altra sbarra di ferro. Dopo aver esaminato la sua costruzione, gli esperti hanno concluso che si tratta di un’antica batteria in grado di produrre 1 volt di elettricità. Una tale batteria è stata utilizzata per uso elettrolitico.

Gli esperti hanno domande su come un tale sviluppo tecnologico sia stato successivamente dimenticato e perché non sia mai stato trovato nulla di simile nelle aree vicine.

Nikos Kanakaris

Fonte: Terrapapers

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code