toba60

La Censura su Internet

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Parlare di censura in internet e’ come impedire al mio cane di non mangiare la bistecca che ha davanti il naso bendandogli gli occhi.

Ogni pretesto e’ buono per altri scopi e non sono quelli sbandierati ai quatto venti su milioni di canali televisivi, che di fatto sarebbero gli unici che hanno tutte le credenziali per essere banditi da qui all’eternità.

Ma vi pare che se un terrorista intende fare un po di casino si mette in rete e comunica al mondo intero che vuole far saltare il Monte dei Paschi di Siena? (Sono andato basso)

Non servono loro, basta fare una telefonata presso qualche ufficio competente, di quelli che tutti conoscono ma nessuno intende nominare, ed il gioco e’ fatto.

Il terrorismo che uccide non usa internet, quello e’ per i cretini che pensano di cambiare il mondo masturbandosi tra una chat un like e bevendo un bicchiere di birra, ci si vanta di essere andati nello spazio di avere il 5G, di disporre di una piattaforma globale animata da una struttura hi tech e si crede ancora che un imbecille usi la rete per improvvisarsi Terminator.

La censura in Internet e’ uno strumento ad uso e consumo dei terroristi per impedire al popolo di impedire ogni azione mirata a cambiare l’ordine costituito.

Se qualcuno non lo ha ancora capito non gli rimane che andare con il mouse sopra in alto a destra dove c’è’ una sezione apposita vietata ai minori di 18 anni..… non gli resta altro da fare, ho pensato anche a loro….

Di positivo c’è che non fanno alcun danno.

Toba60

Censura su Internet

Con il pretesto della lotta al terrorismo, una legge europea di prossima uscita mira a implementare e normalizzare completamente la censura informatica. Nel settembre 2018, sotto l’influenza di Germania e Francia, la Commissione europea ha proposto un regolamento per impedire la diffusione di informazioni relative al terrorismo su Internet.

Il nuovo regolamento obbliga tutti gli attori dell’ecosistema Internet, ovvero tutti coloro che partecipano attivamente a media online, blog o piattaforme audiovisive, piccoli forum e grandi social media, a:

* Scaricare in meno di un’ora qualsiasi post che sia stato segnalato dalle forze dell’ordine come “contenuto pro-terrorismo” (senza alcuna autorizzazione della magistratura), con il risultato che un sito web deve essere disponibile 24 ore su 24.

* Aspettatevi e accettate le richieste delle forze dell’ordine, che rileveranno questo contenuto attraverso l’applicazione di filtri automatici.

BuyBitcoinswithVisaMcCard

* I siti web che non operano secondo i termini di cui sopra rischiano una multa fino al 4% delle loro entrate annuali.

Da un punto di vista tecnico, economico e umano, solo una minoranza di questi organismi sarà in grado di soddisfare i severi criteri fissati dalla riforma. Altri operatori (online a scopo di lucro o meno) non avranno altra scelta che chiudere o accettare gli strumenti di adeguamento (filtri automatizzati ed elenchi di esclusione) sviluppati da Facebook e Google con il supporto della Commissione, dal 2015.

Questi colossi internazionali si trasformeranno in giudici che avranno il diritto di decidere cosa si può dire su internet e cosa no. La natura ricca, diversificata e decentralizzata di Internet non sarà più in grado di sopravvivere.

Censura del discorso politico

Secondo il diritto europeo, il concetto di crimine di “terrorismo” rimane volutamente vago, coprendo atti di pirateria o distruzione materiale (o addirittura minacciando di farlo) al fine di influenzare i processi decisionali e destabilizzare le istituzioni.

Dare alla polizia, non alla magistratura, il potere di decidere cosa sia il “contenuto pro-terrorismo” può facilmente portare alla censura degli oppositori politici e dei movimenti sociali.

Misure precauzionali obbligatorie sotto la minaccia di multe salate incoraggeranno i criminali informatici ad adottare una definizione più generale e vaga di terrorismo, al fine di evitare sanzioni.

Una legge che non offre nulla

Questo accordo antiterrorismo non offre nemmeno i mezzi per raggiungere l’obiettivo prefissato: impedire la diffusione della propaganda di gruppi come l’ISIS e Al-Qaeda a persone amiche della loro retorica inquietante.

È assurdo che si debba ribadire che su Internet qualsiasi legge sulla censura può essere violata da persone che intendono accedere a contenuti censurati. La vera conseguenza della legge non è la lotta al terrorismo, ma una perdita collaterale: il pubblico potrebbe non essere più esposto a contenuti terroristici (sottolineiamo forse), ma non sarà in grado di conoscere informazioni che da questo sono state maliziosamente occultate, che inevitabilmente accadrà. Questa impostazione è infantile e inadeguata, poiché non affronta il suo obiettivo principale.

Con il pretesto di credere che la tecnologia sia la soluzione a tutti i problemi, questo regolamento basato sulla paura del terrorismo stabilisce efficacemente un regime di limitazione della libertà di parola su Internet per rimuovere la contraddizione delle politiche dominanti dalla sfera pubblica.

È importante ricordare che: Internet non favorisce l’estremismo e il terrorismo poiché gli unici studi che sono stati fatti su di esso ritengono che tale affermazione sia inesistente. Questo accordo non sarà in grado di impedire a organizzazioni come ISIS o Al Qaeda di comunicare con i loro sostenitori.

E a chi crede che non si possa restare apatici di fronte alla minaccia del terrorismo, rispondiamo che questo non è un motivo per mettere in pericolo le libertà delle persone solo per un’azione simbolica contro il terrorismo. @ Regolamento terroristico – Censura autoritaria

La censura di Internet si sta diffondendo a livello internazionale

Le opinioni sull’appropriatezza e l’efficacia della censura su Internet si sono evolute parallelamente allo sviluppo di Internet e delle tecnologie di censura:

Nel 1993, un articolo del Time Magazine citava John Gilmore, uno dei fondatori della Electronic Frontier Foundation, dicendo: “La rete percepisce la censura come un difetto e si muove intorno ad esso”.

Nel novembre 2007, “Il padre di Internet” Vid Surf ha dichiarato che il controllo governativo su Internet stava fallendo perché il Web era quasi interamente privato.

Il rapporto di un sondaggio condotto nel 2007 e pubblicato nel 2009 dal Center of Berkman for the Internet and the Community presso l’Università di Harvard, ha affermato che: “Siamo fiduciosi che lo strumento degli sviluppatori per aggirare la censura supererà gli sforzi del governo per bloccare “Riteniamo che meno del 2% del numero totale di utenti Internet filtrati utilizzi strumenti di bypass .

Al contrario, un rapporto del 2011 dei ricercatori dell’Oxford Internet Institute pubblicato dall’UNESCO ha concluso che “il controllo di Internet e delle informazioni su Internet è certamente possibile, e quindi il progresso tecnologico non garantisce una maggiore libertà di parola”.

Il dottor Sassi Tharour, in un programma trimestrale di conferenze organizzato da uno staff scientifico con sede in India, il Center for Public Policy Research, ha affermato che “i modi di esprimere le nostre opinioni e idee sono stati migliorati e moltiplicati attraverso i media digitali., E la libertà di espressione è accompagnato da una grande responsabilità “

Il blocco e il filtraggio possono essere basati su liste nere relativamente statiche o possono essere determinati in modo più dinamico esaminando le informazioni scambiate in tempo reale. Le blacklist possono o non possono essere generate automaticamente e di solito non sono disponibili solo per bloccare gli utenti del software. Il blocco o il filtraggio possono essere effettuati a livello nazionale centralizzato, a livello subnazionale decentralizzato oa livello di istituzione, ad esempio nelle biblioteche, nelle università o negli Internet café.

Il blocco e il filtro possono anche differire tra diversi ISP in un paese. I paesi possono filtrare i contenuti riservati su base continuativa e / o applicare filtri temporanei durante determinati periodi, come le elezioni. In alcuni casi, i censori possono bloccare segretamente i contenuti per indurre il pubblico a credere che la censura non sia stata applicata. Ciò si ottiene visualizzando il messaggio di errore “Non trovato” dopo aver tentato di accedere a una pagina Web bloccata.

A meno che il controller non abbia il pieno controllo su tutti i computer connessi a Internet, come in Corea del Nord (dove solo i cittadini privilegiati hanno accesso a Internet), oa Cuba, dove la censura completa delle informazioni è persino impossibile a causa della tecnologia Internet distribuita sottostante. Soprannomi e data shelter (come Freenet) proteggono la libertà di parola utilizzando tecnologie che garantiscono che nessun materiale possa essere rimosso e impediscono l’identificazione degli autori.

Gli utenti tecnologicamente esperti spesso trovano modi per accedere ai contenuti bloccati. Tuttavia, il blocco rimane un metodo efficace per limitare l’accesso alle informazioni riservate alla maggior parte degli utenti quando i censori, come in Cina, sono in grado di dedicare risorse significative alla costruzione e al mantenimento di un sistema di censura integrato.

Il termine “scheggia” viene talvolta utilizzato per descrivere gli effetti dei firewall nazionali. Il termine “granchio di fiume” è usato colloquialmente per riferirsi alla censura di Internet, specialmente in Asia.

Secondo Hoffman, vengono utilizzati diversi metodi per bloccare siti Web o pagine specifici, come l’avvelenamento DNS, il blocco dell’accesso a determinati indirizzi IP, l’analisi e il filtraggio di URL, l’ispezione di pacchetti di filtri e il ripristino dei collegamenti.

Negli ultimi anni non esiste un Internet aperto. Con il passare degli anni, la censura si espande. Direi, tuttavia, che grazie a Internet, le persone nel loro insieme godono di una maggiore libertà di parola rispetto a prima, indipendentemente dal fatto che non la sfruttino né la percepiscano.

GUFO

Fonte: Vk Social

Puoi risparmiare 1.00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code