toba60

Dr. Joseph Mercola: Come Utilizzare gli Esami del Sangue per Aumentare la Tua Resilienza al COVID

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Fate bene attenzione, il medico in questione e’ il più’ censurato membro della medicina al mondo e ha fatto questa relazione molto dettagliata in funzione delle cose da fare per far fronte al Covid.

A lui si e’ scomodato pure il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il che lo rende una persona particolarmente speciale e meritevole di attenzione.

Toba60

STORIA IN SINTESI

Un pannello di biomarcatori può aiutarti a identificare le infezioni croniche sottostanti che potrebbero sabotare la tua salute, contribuendo alle malattie croniche e aumentando il tuo rischio di COVID-19 grave.

Un certo numero di agenti patogeni infettivi può innescare malattie croniche che predispongono anche a una COVID-19 più grave. I colpevoli principali includono i batteri coinvolti nella malattia parodontale e la clamidia pneumoniae, un patogeno respiratorio contro il quale il 60%-70% degli adulti più anziani possiede anticorpi.

La clamidia pneumoniae gioca un ruolo in diverse condizioni comuni legate all’età, tra cui il morbo di Alzheimer, le malattie cardiache e l’artrite reumatoide.

Se hai un aumento dei marcatori dei globuli bianchi, allora è probabile che tu abbia un processo infettivo in corso nel tuo corpo. C’è anche una correlazione diretta tra i livelli di anticorpi e il rischio di malattia; più alto è il livello di anticorpi, maggiore è il rischio di malattia cronica

Il pannello di Health Revival Partners analizza i marcatori che sono modificabili attraverso interventi sullo stile di vita e trattamenti specifici per le comorbidità sottostanti, tra cui: stato di salute immunitario, fattori di coagulazione, infezioni croniche, marcatori di distruzione dei tessuti e auto-anticorpi

In questa intervista, Thomas Lewis, Ph.D., e il Dr. Michael Carter spiegano come i pannelli di biomarcatori possono aiutarti a prendere il controllo della tua salute identificando le infezioni croniche sottostanti che potrebbero sabotare la tua salute. Lewis è un microbiologo con un dottorato al MIT e certificazioni dalla Harvard School of Public Health e Carter è un medico integrativo.

Dirigono un’azienda che esegue test diagnostici per guidare i pazienti attraverso un processo di diagnosi di vari disturbi. Biomarcatori come D-dimero, fibrinogeno, fattori di coagulazione e autoanticorpi, che sono in gran parte ignorati dal mainstream, possono indicare dove ci si trova su un continuum salute/malattia.

È importante notare che gli esiti negativi di COVID sono rari, a meno che non si abbiano due o più comorbidità, e nell’ultimo anno hanno sviluppato un modo più raffinato di valutare il rischio COVID-19 di un individuo utilizzando un pannello di marcatori specifici associati all’infiammazione e alla coagulazione del sangue.

I loro test ti aiutano a capire dove ti trovi sul continuum salute-malattia. Nel loro modello, non sei malato o bene – sei da qualche parte su questo continuum. Scopri dove sei e poi lavora per migliorare il tuo stato.

“In realtà, è il tuo stato di salute cronico che ti aiuta a capire dove ti trovi nel continuum del rischio COVID”, spiega Lewis. Lo stesso vale per il vaccino COVID. Secondo Lewis, sia che tu abbia preso il COVID-19 o il vaccino, i fattori di rischio che determinano se avrai un grave attacco di COVID-19 o se sperimenterai eventi avversi più gravi dall’iniezione sono identici.

Il ruolo delle infezioni sottostanti

Le infezioni sottostanti o latenti possono giocare un ruolo significativo non solo nella malattia cronica, ma anche nell’infezione da SARS-CoV-2. Judy Mikovits, Ph.D., ha sottolineato il ruolo dei retrovirus e delle coinfezioni con agenti patogeni come la borella e la babesia nel portare a risultati meno favorevoli nella COVID.

La sua ipotesi è che la SARS-CoV-2 di per sé non sia la causa primaria della COVID-19. È convinta che ci debba essere una coinfezione insieme alla SARS-CoV-2 che sopprime o compromette il sistema immunitario perché si verifichi la COVID-19 sintomatica.

I marcatori infiammatori e i marcatori della coagulazione come la proteina C-reattiva, il fibrinogeno, l’acido urico e la velocità di sedimentazione sono fortemente associati all’attività della risposta immunitaria innata e alle infezioni croniche, che a loro volta sono correlate alla gravità della COVID-19.

Carter e Lewis hanno scoperto una serie di agenti patogeni infettivi che sono ancora più prolifici di quelli evidenziati da Mikovits, e che sembrano centrali nell’innescare molte condizioni croniche che poi predispongono a più gravi COVID-19.

I primi tra questi sono i batteri coinvolti nella malattia parodontale (parodontite). Non è necessario avere problemi orali o canali radicolari per avere un alto carico di patogeni parodontali. Il team Lewis/Carter testa questi patogeni usando un kit per il test del DNA orale a domicilio.

Un altro è la clamidia pneumoniae, un patogeno respiratorio contro il quale il 60-70% degli adulti più anziani ha degli anticorpi. Chlamydia pneumoniae gioca un ruolo in diverse condizioni comuni legate all’età, tra cui il morbo di Alzheimer, le malattie cardiache e l’artrite reumatoide. Sfortunatamente, pochi vengono testati per la presenza di questo organismo.

Secondo Lewis e Carter, i marcatori infiammatori e di coagulazione come la proteina C-reattiva, il fibrinogeno, l’acido urico, il rapporto neutrofili-linfociti, il D-dimero e la velocità di sedimentazione (SED) sono fortemente associati all’attività della risposta immunitaria innata e alle infezioni croniche, che a loro volta sono correlate alla gravità della COVID-19.

Shop Great Deals on Watches at DiscountWatchStore.com

“Ciò che è complicato di questi organismi è che non sempre si presentano nella classica prospettiva acuta della diagnostica”, dice Lewis. “Se parlate con qualsiasi medico di malattie infettive che non sia di natura funzionale, vi diranno che l’anticorpo IgG è storico. Ma posso garantirvi che si sbagliano completamente.

Non stanno guardando le cose da una prospettiva cronica e furtiva. Pensiamo che la varicella, il virus dell’herpes zoster, sia l’unico organismo che può causare problemi e poi diventare dormiente e riattivarsi quando si è immuno-compromessi più tardi nella vita? No.

Ognuno di questi organismi ha la possibilità di passare da una fase acuta a una fase cronica. Alcuni non esprimono mai una malattia acuta. Stanno solo nei biofilm e si esprimeranno nella fase cronica più tardi nella vita, causando malattie di origine “sconosciuta”!

Si chiama cripticità, che rende estremamente difficile creare, nella mente di medici e ricercatori, l’associazione tra la malattia e l’esposizione. A volte queste esposizioni sono congenite. Sono avvenute prima della nascita.

Quindi, questa è davvero l’arte”.

Quindi, per chiarire l’ipotesi presentata da Lewis e Carter, la visione convenzionale è che queste infezioni, una volta che hanno generato una risposta anticorpale IgG, non rappresentano più una minaccia per il tuo corpo.

Ma non è così.

Possono infatti rimanere dormienti per poi contribuire a malattie croniche che, in superficie, non sembrano avere nulla a che fare con un’infezione patogena. Il libro di Paul Ewald intitolato “Plague Time: The New Germ Theory of Disease”, scritto nel 2000, spiega bene questo enigma.


Come identificare le infezioni sottostanti

L’approccio clinico per identificare se un’infezione sottostante è in gioco in una particolare malattia è quello di guardare i livelli di anticorpi. L’immunoglobulina G (IgG) riflette la protezione a lungo termine ed è anche l’anticorpo più comune, presente nel sangue e in altri fluidi corporei. Protegge sia dalle infezioni virali che batteriche e tende ad essere elevata quando l’infezione ha raggiunto uno stato cronico.

L’immunoglobulina M (IgM) è associata alle risposte acute alle infezioni e si trova principalmente nel sangue e nella linfa. È il primo anticorpo ad essere prodotto quando il tuo corpo incontra un nuovo patogeno. Carter spiega:

“Tutti hanno un livello di base di IgG e IgM, soprattutto nelle fasi acute, ma le IgG a lungo termine, una volta che è sopra il livello di fondo normale, poi in molti casi, soprattutto in coloro che sono sintomatici con varie malattie, c’è la riattivazione di quel virus, batterio, parassita o altro agente patogeno, quello che hai – qualsiasi raggruppamento di questi organismi che possono fumare e causare modelli di malattia.

Il motore è l’infiammazione e la distruzione dei tessuti. Il meccanismo è semplice. Abbiamo tutti una certa “usura”. Questi organismi aumentano l’usura in modo che le vostre vie di “riparazione e recupero” non possano tenere il passo.

Inoltre anche senza fare quei livelli di IgG, solo sulla nostra piattaforma di base di test dei biomarcatori – possiamo vedere cose nella conta completa del sangue dove, diciamo che il nostro conteggio dei globuli bianchi ha un ‘range normale’ da qualche parte tra 3,8 e 10,8 a seconda del laboratorio. Ma questo è un intervallo normale molto ampio.

In realtà, qualsiasi cosa al di sopra di 6,2, in termini di conteggio dei globuli bianchi, è un indicatore che qualcosa sta nascendo. Quando iniziamo a guardare più in profondità i neutrofili, i linfociti, i basofili, i monociti e gli eosinofili, quando questi valori sono aumentati o diminuiti oltre l’intervallo ottimale, possiamo dire che ci sono creature indisciplinate anche se non avete febbre, brividi o un classico aumento dei globuli bianchi.

Quindi, sappiamo che questi agenti patogeni sono presenti in tutti. Spetta davvero al tuo sistema immunitario essere vigile per tenerli a bada e impedire loro di replicarsi”.

In sintesi, se avete aumenti (o soppressioni) dei marcatori dei globuli bianchi, allora è probabile che abbiate un processo infettivo in corso nel vostro corpo. In genere c’è anche una correlazione diretta tra il tuo livello di anticorpi e il rischio di malattia, quindi più alto è il tuo livello di anticorpi, maggiore è il rischio di malattia cronica e di scarsi risultati di COVID / JAB.

Il test PCR può essere utile per identificare un patogeno specifico. Tuttavia, se si usano soglie di ciclo (CT) troppo alte (come è stata la regola per i test per la SARS-CoV-2), il test diventa inutile, poiché può trovare anche una sola molecola se eseguito con un CT abbastanza alto. Quindi, il CT deve essere inferiore a 26 per evitare falsi positivi.


Revisione della ricerca di Lewis e Carter

Prima di andare oltre, ecco come Lewis descrive la loro ricerca, e come può migliorare la vostra salute e le decisioni mediche:

“Carter ed io non siamo ricercatori. Ci piace immaginarci come traduttori della migliore ricerca clinica. C’è davvero una grande scienza pubblicata, ma la medicina è una decisione commerciale. Meno dell’1% della grande ricerca medica arriva alla pratica clinica.

Abbiamo avuto l’opportunità di valutare 100 persone in un’azienda Fortune1000. Sulla base di ciò, abbiamo fatto una supposizione che, a causa del loro stato di salute, 42 di loro avevano una sorta di processo infettivo.

Quindi, ci è stato dato il permesso di testare IgM, IgG, batteriche [e] virali. Quarantuno su 42 sono risultati positivi con i nostri test. Ora, non stiamo cercando tutto nell’universo. Stiamo dicendo al laboratorio cosa cercare: quelli che chiamiamo ‘soliti sospetti’. Alcuni di loro avevano IgM e IgG, e alcuni di loro avevano solo IgG con un IgM negativo per un singolo o più patogeni.

Quando li abbiamo trattati per nove mesi, tutti sono migliorati. Ciò che è stato notevole è che i livelli di IgG [indicativi di infezione cronica] sono scesi. Quando qualcuno aveva un IgM negativo ma un IgG positivo e dei sintomi, e il loro livello di IgG è sceso, anche loro sono migliorati. Questo dimostra che le IgG sono indicative della presenza di un’infezione “nascosta” ma cronicamente attiva.

Quindi non è una valutazione straordinariamente scientifica, ma è completamente coerente con il lavoro di gente come Charles Stratton di Vanderbilt, che ha scritto sulla chlamydia pneumoniae e le sue tre diverse forme di vita”.

Ci sono molti altri ricercatori e clinici che sono arrivati a questa conclusione. Lewis e Carter stanno per pubblicare un documento medico peer-review che fa riferimento a molte altre pubblicazioni che spiegano quanto sia importante un test degli anticorpi IgG.

Trattare le infezioni croniche rispetto a quelle acute

Carter e Lewis hanno sviluppato un programma di pretrattamento, seguito da una varietà di strategie di trattamento mirate alle infezioni croniche. Come ci si potrebbe aspettare, i trattamenti delle infezioni croniche comportano approcci più aggressivi e dipendono dal fatto che l’infezione sia causata da batteri, virus o parassiti.

Il fattore più importante per un trattamento efficace è sradicare gli agenti patogeni che si nascondono nel biofilm, il che richiede tempo. (Non affrontiamo l’uso di rimedi specifici in questa intervista, poiché ogni paziente deve essere testato, visto che c’è una così vasta gamma di potenziali fattori causali).

Come notato da Lewis, anche se si usa un anti-infettivo ad ampio spettro, come l’ozono, raramente si sradica abbastanza della fase cronica di questi organismi, poiché si rifugiano all’interno di biofilm o all’interno delle vostre cellule – compresi i globuli bianchi. che sono molto difficili da raggiungere. Questi patogeni sono spesso chiamati “patogeni intracellulari obbligati”. La parte “obbligata” implica che questi organismi nocivi rubano la vostra energia imitando di essere i vostri mitocondri. Spiega:

“Per lunghi periodi di tempo, bisogna mantenere una dose fisiologicamente anti-infettiva. L’altra parte di esso che abbiamo imparato, [e che] tutti sanno molto meglio ora a causa di COVID-19, è la componente infiammatoria. Non c’è dubbio che la risposta infiammatoria può scavalcare, andare troppo lontano, anche in condizioni croniche.

C’è un brillante documento di gruppi australiani che parlano di citochine, trattamenti anti-infiammatori e la loro rilevanza clinica.

Il problema più grande che affrontiamo è che, se si sbatte il gomito e il cervello allo stesso tempo con lo stesso tipo di forza, il gomito si riprenderà in un paio di settimane, ma il cervello perpetua l’infiammazione molto più a lungo, e talvolta per sempre. Consideriamo come esempio la lesione cerebrale traumatica. È successo una volta, un po’ di tempo fa, ma il cervello rimane “infiammato”.

Quindi, ogni trattamento deve considerare un [rischio] infettivo, deve considerare i rischi dello stile di vita, e aiutarvi a ottimizzare queste cose. Ma in generale, ci deve essere una componente anti-infiammatoria molto forte, che … deve essere rigorosa e continua. Questa è la grande sfida …

Il dottor Stratton a Vanderbilt ha dimostrato che questi organismi possono vivere in un corpo elementare, un corpo reticolare e una fase “criptica”. In alcune di queste fasi sono completamente refrattari [cioè, resistenti] al trattamento antibiotico …

J. Thomas Grayson, 95 anni, [un dottore di] medicina preventiva all’Università di Washington … ha dimostrato che … quando si tratta di organismi come la clamidia pneumoniae, si deve trattare per un anno. Questo è spaventoso per le persone, quindi quello che facciamo è fare segmenti di tre mesi e poi ritestare. Ovviamente, misuriamo i sintomi, ma anche le IgG”.

Il ruolo della vitamina D

Un intervento di base davvero importante per rinforzare il tuo sistema immunitario è la vitamina D. La vitamina D è davvero un pro-ormone e gli ormoni regolano i processi fisiologici. Credo che l’ottimizzazione della vitamina D – assicurarsi che il tuo livello nel sangue sia tra 60 ng/mL e 80 ng/mL (150 nmol/L e 200 nmol/L) – sia una delle cose più facili, meno costose e più importanti che puoi fare per evitare infezioni di tutti i tipi, inclusa la COVID-19.

La forma attivata della “vitamina” D viene prodotta nel tuo fegato quando hai un’infezione ed è fortemente antibiotica. Lewis e Carter hanno recentemente completato uno studio in cui hanno guardato il livello di vitamina D rispetto al rapporto tra neutrofili e linfociti. Lewis spiega:

“I neutrofili salgono con i batteri. I linfociti spesso scendono con le infezioni virali, quindi [il rapporto neutrofili-linfociti] è una sorta di misura del tuo carico infettivo complessivo.

Quello che abbiamo fatto di recente, e lo stiamo mettendo in un documento che pubblicheremo, è uno studio del rapporto neutrofili-linfociti contro i livelli di 25 idrossi vitamina D nel sangue. Abbiamo visto una relazione lineare molto chiara tra un cattivo rapporto neutrofili-linfociti e una bassa vitamina D, e poi proprio il contrario”.

Hanno anche trovato una correlazione simile tra l’infezione cronica e il colesterolo libero (non il colesterolo totale). Questa correlazione appare particolarmente forte in quelli con il cancro, che tipicamente hanno un livello di colesterolo libero di 50 ng/mL e oltre. Si pensa che un livello ottimale sia da qualche parte tra 5 ng/mL e 20 ng/mL, con le persone più sane che di solito rientrano tra 5 ng/mL e 15 ng/mL.

Quando il colesterolo libero è elevato, si è più inclini alla distruzione dei tessuti, poiché il colesterolo è un’importante molecola di riparazione. Poiché il livello di colesterolo può indicare la capacità di riparazione dei tessuti, è anche incluso nel pannello COVID di Lewis e Carter.

“I pazienti affetti da cancro sono, credo, solo la punta dell’iceberg in termini di persone che hanno qualche processo infettivo virulento che sta distruggendo i tessuti”, dice Lewis. “Sono abbastanza sicuro che vedremo una correlazione molto forte con il tuo numero di colesterolo libero come parte del portafoglio di test che vuoi fare per indagare su ciò che sta succedendo all’interno del tuo corpo”.

Come si fa a sapere se un’infezione è cronica?

Un modo per determinare se si soffre di un’infezione acuta o cronica è guardare l’emivita dei fattori misurati. Lewis spiega:

“Se fai un test ora e fra tre mesi vedi una tendenza sostenuta di elevazione dei biomarcatori, questo è ovviamente un modo per collegarlo all’infezione cronica. Ma in un singolo test, ogni biomarcatore ha un’emivita. L’ampiezza della distribuzione dei globuli rossi, perché è legata ai globuli rossi, rimarrà in giro per quattro mesi.

Ha un’emivita molto più lunga della proteina C-reattiva. Se si sbatte il ginocchio, [la proteina C-reattiva] salirà molto, poi scenderà con un’emivita di un giorno e mezzo.

Il fibrinogeno è di sette giorni.

Quando capisci le emivite, allora quando guardi un singolo laboratorio e sono tutti elevati nella stessa misura rispetto a quella che consideriamo la nostra linea di base, allora sappiamo che è cronica, o almeno con un’ipotesi molto educata, che è nella fase cronica”.

Cosa c’è nel pannello?

Parlando della questione di cosa contiene il pannello che Lewis e Carter hanno sviluppato, Carter spiega:

“Un tipico pannello … è un pannello molto conciso di biomarcatori del sangue. Noi lo espandiamo con i marcatori infiammatori che giocano davvero un ruolo [nelle infezioni croniche].

Quindi, se l’omocisteina e la proteina C-reattiva sono alte, questi sono marcatori infiammatori chiave con cui molte persone vanno in giro che sono alti e che stanno davvero causando direttamente la tossicità dei vasi [sanguigni], [quindi] portando a malattie coronariche, ictus, Alzheimer e tutta una serie di cose.

Quasi ogni malattia cronica inizia nei vasi – più specificamente nei capillari. La proteina C-reattiva ad alta sensibilità è un altro marcatore infiammatorio che quando è elevato è davvero indicativo di agenti patogeni nella bocca, tra le altre cose.

Questa è una cosa che è totalmente mancata ai medici tradizionali [ma] è una componente chiave. Il test orale che facciamo include l’Interleuchina-6 che segue da vicino la proteina C-reattiva.

Se hai avuto canali radicolari o denti del giudizio tolti, o hai gengive sanguinanti, [possiamo] testare per vedere la vasta gamma di agenti patogeni che sappiamo essere associati a quasi tutte le sindromi patologiche là fuori.

Quindi, prendiamo queste cose che sono state invisibili alle masse e le portiamo ad una struttura di costo accessibile. Abbiamo un pannello molto robusto di 55 biomarcatori che costa circa 150 dollari, compresa la vitamina D… Se si dovesse prendere lo stesso pannello, sarebbe da 400 a 500 dollari se si dovesse andare direttamente a LabCorp.

Tuttavia, ti consigliamo vivamente di ottenere questo test da noi con un consulto di un’ora incluso a causa del nostro modo unico di spiegare la “storia” dietro i tuoi biomarcatori e cosa puoi fare per prendere il controllo della tua salute. Anche con il consulto, il nostro prezzo è inferiore rispetto ai soli laboratori della maggior parte dei posti”.

Oltre ad aiutarvi a valutare il vostro rischio di malattie croniche, questo pannello vi aiuterà anche a valutare il vostro rischio COVID-19. Offrono anche un pannello avanzato che è ancora più completo. Costa circa 400 dollari e comprende una consultazione di un’ora per aiutarvi a capire cosa significano tutti i marcatori.

Come notato da Lewis, “Si tratta di capire dove ci si trova sul continuum salute/malattia. Stiamo posizionando le persone in modo molto accurato su questo, e non c’è un marcatore che testiamo che non sia modificabile attraverso lo stile di vita o altri interventi appropriati. Non stiamo trattando i sintomi. Andiamo dritti alla malattia”.

Dove ottenere il pannello

Se sei interessato a ordinare questo pannello, vai su HealthRevivalPartners.com. Se vuoi ottenere il pannello completo di screening del rischio COVID / JAB, vai su healthrevivalpartners.com. Ti verrà chiesto di compilare un questionario, dopodiché riceverai una richiesta di prelievo di sangue presso un LabCorp.

Il rapporto che riceverete sarà un rapporto completo e dettagliato da Health Revival Partners in aggiunta al rapporto di laboratorio standard. Carter spiega:

Si comincia davvero con il questionario iniziale e vi diamo un voto da A a F. Abbiamo voluto fare in modo che la persona media potesse davvero vedere cosa sta succedendo in modo molto tangibile.

Ovviamente, rispondi a 125 domande che sono molto più approfondite del tuo questionario tradizionale. Se finisci con un voto di C, D o F, allora questo ti dice che la tua pagella della salute non è così buona. Poi diamo delle linee guida su quelle domande.

Quando fai il tuo test dei biomarcatori, ti diamo una temperatura. Si chiama temperatura della malattia cronica e naturalmente 98,6 è una temperatura normale. Quando facciamo i biomarcatori, guardiamo gli intervalli ottimali, non solo quelli normali.

Vogliamo che tutti siano ottimali, non solo normali. Quando questi valori sono troppo alti o troppo bassi rispetto all’intervallo ottimale, allora si ha un aumento corrispondente della temperatura. I nostri intervalli “normali” sono migliori sui dati di mortalità precoce per ogni biomarcatore. I nostri livelli normali sono molto più stretti rispetto allo standard di cura.

Noi cerchiamo la cronica (smoldering) mentre loro cercano solo di vedere se sei molto malato o acutamente malato. Così ora si può avere una temperatura di, diciamo, 103 basata su omocisteina alta, proteina C-reattiva alta, fibrinogeno alto, conta dei globuli bianchi alta e vari altri biomarcatori.

Stiamo testando 55 biomarcatori, ma 21 di loro si concentrano davvero e creano quell’impostazione della temperatura… Ancora più biomarcatori fanno parte del pannello COVID. Quando si correla questo a COVID, abbiamo una piccola analogia di ciò che è nel tuo bicchiere. Se il tuo bicchiere è un quarto pieno, mezzo pieno, tre quarti pieno, potresti andare in giro con tutte queste cose diverse: tossine, pesticidi, infezioni subacute.

Quando il tuo bicchiere diventa pieno e trabocca, allora generalmente questo si esprime come malattia. Noi mostriamo dove si trovano le persone su quel continuum.

Quanto è pieno il tuo bicchiere di queste diverse cose? Con il pannello di biomarcatori, questo ci dà una grande finestra [sul rischio COVID]”.

Costruire una base più solida per la medicina funzionale

Ancora una volta, per saperne di più e per unirsi al programma di supporto per le malattie croniche di Health Revival Partners, andate su HealthRevivalPartners.com. In chiusura, Lewis nota:

“La medicina integrativa e funzionale è come radunare i gatti. Ci sono entrati perché sono dei fuoriclasse, ma ho cercato di convincere alcuni dei leader di più alto livello nella medicina funzionale a creare uno standard di base di laboratori che ogni medico prende, perché la ragione più grande per cui non si viene serviti bene in medicina oggi è perché il lato oscuro sta dicendo che non abbiamo le prove.

Uno degli obiettivi di Carter e della mia vita è quello di riunire i gatti funzionali integrativi per costruire degli standard, e penso che abbiamo fatto un ottimo lavoro nel creare uno standard di end-point molto importante su cui penso che chiunque possa appendere il proprio cappello.

Questa è la mortalità precoce.

Quindi, vogliamo davvero farlo. “L’altra parte di esso è che abbiamo scritto un documento peer-reviewed1 l’anno scorso, e abbiamo coniato il termine ‘pre-cytokine storm’. Carter ha parlato del bicchiere pieno per un quarto, mezzo pieno o traboccante.

Misurare la vostra tempesta di pre-citochine – che il nostro pannello incorpora, e poi il nostro pannello COVID si espande ancora di più, quindi entrambi i pannelli sono disponibili per chiunque venga al nostro sito – vi dirà quali sono i vostri fattori di rischio.

Il tuo sangue non mente.

Quindi, quello che spero che la gente faccia è diventare parte della soluzione. Prendete il COVID e il sondaggio sul vaccino, fatevi prelevare le analisi dei rischi COVID, e poi saremo in grado di riferirvi e pubblicare articoli rivisti da esperti su questa correlazione che in questo momento viene emarginata perché non stiamo creando abbastanza prove.

Judy [Mikovits] sa esattamente cosa sta succedendo, ma per convincere il mondo, dobbiamo ottenere più dati di laboratorio convenzionali e funzionali in grandi serie per dimostrare il nostro punto.

È così che inizieremo a vincere, con la medicina funzionale basata sull’evidenza”.

Dr. Joseph Mercola

Fonte: freedomfirstnetwork.com

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE  BASTA UN MINUTO DEL TUO TEMPO PER DONARE L’IMPORTO DI UN CAFFÈ

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Proozy - Great Deals on Famous Brands

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code