toba60

La Farsa di un “Lockdown Universale” Frutto di un Agenda Diabolica

Quando avviene qualcosa un questo mondo c’è’ sempre un perché’, se ci pensate bene e’ la sola cosa che andrebbe considerata una volta che i fatti si sono consolidati, trasmettere interminabili Talk Show televisivi sul virus con tutte le sue variabili annesse, non fa altro che il gioco di chi ha posto le basi per quella che ora tutti chiamano pandemia, ma che nella realtà’ e’ a tutti gli effetti un piano diabolico già pianificato negli anni da un establishment che gran parte della popolazione nemmeno conosce, in preda ad una cieca abnegazione al potere ora vigente che tiene in pugno la società’, non solo attraverso una globalizzazione economica, ma sopratutto inducendo un pensiero unico diventato indissolubile.

Avete visto come viene guardato con disgusto chi di fronte alla gente non porta la mascherina? E come si viene subito redarguiti da cittadini comuni, qualora non si osservano le distanze? e la continua rimostranza da parte di chiunque ha un opinione diversa da quella convenzionale?

E’ il principio del controllo globale già pianificato in tempi non sospetti e che ora si e’ ramificato come un cancro nelle viscere di una società’ che si sta ancora domandando da dove viene il Pipistrello che gli ha tolto tutto quello che ……..

……..pensava fosse suo e che ora non ha piu’

Toba60

La Farsa e l’Agenda Diabolica

Prima viene la farsa, un governo (quasi) globale che mente spudoratamente il mondo intero su un virus mortale, che si chiama COVID-19. La decisione per un lockdown globale – letteralmente che avrebbe portato al collasso dell’economia globale – era già stata presa alla conferenza del WEF a Davos, tenutasi dal 21 al 24 gennaio 2020. Il 30 gennaio, l’OMS ha dichiarato COVID-19 un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (PHEIC). A quel tempo, c’erano solo 150 casi noti di COVID-19 al di fuori della Cina. Nessun motivo per dichiarare una pandemia. L’11 marzo il dottor Tedros, Direttore Generale dell’OMS, ha convertito la ESPII in una pandemia. Questo ha dato il via libera per l’inizio dell’attuazione del “Piano”.

La pandemia era necessaria come pretesto per fermare e far crollare l’economia mondiale e il tessuto sociale sottostante.

Non è una coincidenza. Ci sono stati una serie di eventi preparatori, che hanno tutti indicato la direzione di un monumentale disastro storico mondiale. Tutto è iniziato almeno 10 anni fa – probabilmente molto prima – con il famigerato Rockefeller Report 2010, che dipingeva la prima fase di un piano mostruoso, chiamato “Lock Step“. Tra le ultime mosse preparatorie per la “pandemia” c’è stato l’Evento 201, tenutosi a New York il 18 ottobre 2019.

L’evento è stato sponsorizzato dal Johns Hopkins Center for Public Health, dalla Bill and Melinda Gates Foundation (BMGF) e dal World Economic Forum (WEF), il club dei ricchi e potenti che si riunisce ogni gennaio a Davos, in Svizzera. Vi hanno partecipato diverse aziende farmaceutiche (gruppi d’interesse sui vaccini), nonché il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) degli Stati Uniti e – della Cina.

Uno degli obiettivi dell’Evento 201 era la simulazione virtuale di una pandemia di corona virus. Il virus simulato è stato chiamato SARS-2-nCoV, o più tardi 2019-nCoV. I risultati della simulazione sono stati disastrosi, uccidendo 65 milioni di persone in 18 mesi e facendo precipitare il mercato azionario di oltre il 30% – causando disoccupazione e bancarotte senza precedenti. Proprio lo scenario di cui stiamo vivendo l’inizio.

Lo scenario Lock Step prevede una serie di eventi o componenti orribili e inquietanti del Piano che saranno implementati dalla cosiddetta Agenda ID2020, una creazione di Bill Gates, pienamente integrata negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) dell’ONU – data di completamento – 2030 (chiamata anche Agenda 2030, l’agenda nascosta sconosciuta alla maggior parte dei membri dell’ONU), la stessa data di completamento dell’Agenda ID02020.

Qui, solo gli elementi chiave come precursore di ciò che il mondo sta vivendo ora, e di ciò che verrà, se non lo fermiamo – per dimostrare come questa farsa del tutto criminale è stata pianificata. Alcune parti dello scenario sono:

  • Un programma di vaccinazione su vasta scala, probabilmente attraverso la vaccinazione obbligatoria – il sogno e la fantasia di Bill Gates è di vaccinare 7 miliardi di persone.
  • Una massiccia riduzione della popolazione, un piano di eugenetica – in parte attraverso la vaccinazione e altri mezzi (Rif. Bill Gates, “se facciamo un buon lavoro di vaccinazione, possiamo ridurre la popolazione mondiale dal 10% al 15%”. Vedi “Innovare a zero”, discorso alla conferenza annuale TED2010, Long Beach, California, 18 febbraio 2010).

Bill Gates sostiene da anni la necessità di una massiccia riduzione della popolazione – e infatti per più di 20 anni i vasti programmi di vaccinazione della BMGF in Africa, India e in altre parti del mondo hanno visto un record di sterilizzazione involontaria delle donne tra i 14 e i 49 anni. In Kenya, nel 2014 e nel 2015, è stato realizzato un massiccio programma di vaccinazione contro il tetano, sponsorizzato dall’OMS e dall’UNICEF.

  • Un documento d’identità elettronico per ogni persona sul pianeta – sotto forma di nano chip, eventualmente iniettato insieme alla vaccinazione obbligatoria. Questo nano-chip potrebbe essere caricato a distanza con tutti i dati personali.
  • Soldi digitali, niente più contanti.
  • l’Introduzione universale del 5G, seguita poi dal 6G.

Questo porta ad un controllo totale di ogni individuo sul pianeta. Viene venduta al pubblico come l’Internet delle cose (TIT), che significa automobili autonome, attrezzature da cucina robotizzate, intelligenza artificiale (AI) per la produzione e la consegna di tutto. Quello che viene omesso è come gli esseri umani verrebbero emarginati e resi schiavi. Per portare avanti questo masterplan sono necessarie onde elettromagnetiche ad alta frequenza. Pertanto, il lancio del 5G è un must, non importa quale sia l’impatto sulla salute degli esseri umani, della fauna e della flora – e non importa in che modo possa influenzare le infezioni virali, come forse l’attuale COVID19.

L’OMS rimane in silenzio, anche se ammette che non è stato condotto alcuno studio ufficiale indipendente sui pericoli del 5G – e dei campi elettromagnetici in generale. Ciò significa che l’OMS è cooptata dai Grandi e Potenti in questa tiritera mortale? Basti dire che, a differenza di altre agenzie dell’ONU, l’OMS è stata creata nel 1948 dalla Fondazione Rockefeller (RF) – vedi The Lancet. Va anche notato che circa la metà del budget dell’OMS proviene da fonti di interesse privato, soprattutto dall’industria farmaceutica, ma anche da altri, come i giganti delle telecomunicazioni.

Questo è un precursore per capire come vengono pianificate le cose. Può aiutare a collegare i punti per capire meglio ciò che sta per arrivare.

Può anche aiutarci a capire cosa sta succedendo in questo momento, nella prima fase dello scenario Lock Step. Ritrae con colori vividi la natura criminale dello Stato di Dark Deep State.

Lasciamo perdere il crollo del mercato azionario – è una sindrome da speculatore, i rischi dei ricchi, perché il mercato azionario è un’invenzione occidentale per giocare con il capitale e i guadagni in conto capitale a scapito dei lavoratori, la cui vita dipende da questo capitale. Sono i primi ad andarsene, quando Big Money chiede una fusione – o in caso di bancarotta.

Ora la quarantena quasi universale e giustificata da NULLA, l’isolamento totale di ogni impresa, piccola o grande – ristoranti, edilizia, turismo, piccoli e grandi negozi di ferramenta, panetterie, linee aeree, trasporti – catene di fornitura interrotte – fabbriche, mercato agroalimentare – e va avanti all’infinito.

Nel Nord del mondo circa il 90% delle transazioni commerciali proviene da piccole e medie imprese (PMI). Quasi tutte sono ormai chiuse. Due terzi o più di esse potrebbero non riaprirsi mai più. Gli impiegati e i lavoratori sono licenziati o costretti a lavorare part time – ma devono comunque mantenere le loro famiglie. La povertà e la disperazione si diffondono sempre di più. Nessun futuro in vista. I tassi di suicidio aumenteranno – vedi la Grecia nella crisi del 2008 / 2009 – e fino a dieci anni dopo – famiglie distrutte, pignoramenti, famiglie espulse da appartamenti in affitto perché non possono più pagare i loro affitti. L’accattonaggio per strada diventa la normalità, a parte il fatto che non c’è più nessuno a risparmiare un centesimo.

In Europa si prevede che almeno un terzo o forse il 50% o più della forza lavoro – a seconda del paese e della struttura della forza lavoro – sarà disoccupata o sarà ridotta al lavoro a tempo parziale. E questo è solo l’inizio. Negli Stati Uniti i dati ufficiali sulla disoccupazione superano i 23 milioni – e ci si aspetta che, secondo le previsioni della FED, Goldman Sachs, Bloomberg – raggiungeranno tra il 32% e il 40% nel prossimo trimestre. I fallimenti potrebbero andare fuori controllo.

Il FMI prevede per il 2020 una contrazione dell’economia mondiale di appena il 3% – e un piccolo tasso di crescita nell’ultima parte del 2021. È assolutamente ridicolo! – Su quale pianeta si trovano queste persone? Chi stanno cercando di ingannare e perché? Forse per incoraggiare i paesi a prendere in prestito enormi quantità di valuta estera da queste istituzioni predatrici di Bretton Woods, dal FMI e dalla Banca Mondiale – per indebitarsi profondamente, pensando che le previsioni del FMI saranno corrette? – Ulteriore schiavitù attraverso l’inganno?

Questo è il Nord Globale – che ha una sorta di rete di sicurezza sociale, per quanto fragile, c’è un briciolo di speranza di sollievo. Un altro frammento di speranza è costruito sulle premesse che l’umanità creerà costantemente – lavorando ingegnosamente inventando – avanzando come un fiume che scorre verso nuovi orizzonti, creando nuove dinamiche, nuovi posti di lavoro… sì, questo è ciò che l’umanità può fare – e nel nostro conforto abbiamo dimenticato questa virtù – una virtù essenziale per la sopravvivenza – la sopravvivenza alla crisi della corona.

Il Sud del mondo – o paesi in via di sviluppo – presenta una storia più cupa. In circostanze normali, un terzo o la metà dell’economia è informale, il che significa che non è conforme a nessuna norma di organizzazione formale o legale. Sono lavoratori part time, lavoratori ad ore – che vivono alla giornata, senza risparmi, senza alcuna rete di sicurezza – e nella maggior parte dei casi senza copertura sanitaria. Sono lasciati ai capricci del “mercato”, letteralmente. Ora il mercato è crollato.

Non c’è più niente. Niente lavoro, niente reddito, niente soldi per pagare cibo, affitto, medicine – e il governo ordina loro, ai poveri indigenti, di restare “a casa” – “in quarantena” – per proteggersi da un virus, un virus imposto che nessuno vede, ma il governo e i media si assicurano che siate consapevoli – e SPAVENTATI – della sua pericolosità, non si sa mai se vera o falsa.

Il confinamento in “casa”? – Dove si trova la casa? La casa non c’è più. Non ci sono soldi per pagare l’affitto. Mantenere la distanza sociale – non stare insieme. Stare a distanza. L’infezione potrebbe diffondersi. La paura è fondamentale.

Prendete una città come Lima, in Perù. La popolazione totale del Perù è di circa 30 milioni di abitanti. Lima, circa undici milioni – di cui circa 3 o 4 milioni vivono ai margini della povertà o al di sotto – in baraccopoli, o peggio. Lavoratori giornalieri o ad ore. A volte vivono a ore di distanza dal loro posto di lavoro. Ora non c’è più un posto di lavoro. Non hanno soldi per pagare il cibo, il trasporto o l’affitto – i proprietari li sbattono in strada, li espellono dalle loro proprietà. Come possono restare in isolamento? Come possono prendersi cura di se stessi in quarantena – in isolamento – senza un riparo, senza cibo – cercando disperatamente di guadagnare quanto basta per sopravvivere un altro giorno – e magari di condividerlo con le loro famiglie? Non possono.

L’isolamento-protezione è solo per i ricchi. I poveri muoiono di fame con i bambini e le famiglie – e molto probabilmente affetti da corona. Vivono nei circoli della povertà e della miseria, dove non c’è nulla da risparmiare. Nessuno ha niente. Nemmeno in solidarietà. Semplicemente non c’è niente. Privazione totale, causata da una totale stasi economica – imposta al mondo e soprattutto ai poveri da individui patologici.

Questi 3, 4 o 5 milioni di persone, provengono dalle province rurali, per le quali il governo non fa nulla, o non abbastanza per trattenerli. Così, in cerca di una vita migliore, abbandonano i loro “çhacras” (piccoli lotti di terreno) e si trasferiscono nella Grande Città – in paradiso – dove sono relegati a vivere più in miseria che nei loro magri insediamenti provinciali. Sopportano – sempre con speranza. Ora questo – la crisi della corona creata dall’uomo – ha reso loro la vita ancora peggiore, molto peggiore. Mancano o non ci sono abbastanza aiuti da parte del governo – o arrivano troppo tardi o si perdono nella corruzione.

In solidarietà si riuniscono. Hanno bisogno di tornare alle loro origini provinciali, ai loro çhacras, alle loro famiglie – dove troveranno riparo e cibo, dove potranno sentirsi di nuovo “a casa” e amati o almeno benvenuti.

Un governo dittatoriale di tipo militare impedisce loro di andarsene – per motivi di sicurezza, ovviamente – potrebbero contagiare altre persone, – la farsa continua. E nessuno dice niente. Nessuno osa, per paura di essere rinchiuso. La brutalità della polizia – manganellate, gas lacrimogeni, repressioni – gli fa stare zitti e patire la fame. Finché il governo centrale onnipotente non decide di “organizzare” il rimpatrio – con gli autobus, ma non c’è abbastanza capacità, né organizzazione – emerge il caos – e la situazione peggiora – e quanto può peggiorare? La carestia colpirà, li renderà sempre più deboli, sempre più inclini alle malattie e alla morte – non da COVID19, ma dalla carestia. Ma come vanno le statistiche, DEVONO andare, per ordine dei Padroni, tali morti saranno automaticamente attribuite alla pandemia di corona. Naturalmente. Succede altrove, nel Nord del mondo ad esempio. Perché non può succedere nel Sud del mondo?

Lima è solo un esempio – che rappresenta probabilmente la maggior parte dell’America Latina, tranne il Venezuela, il Nicaragua e Cuba – dove, in mezzo alla miseria, c’è ancora un senso di solidarietà che unisce il popolo – dove il governo sta con il popolo, eppure, dove la gente soffre più duramente, a causa delle sanzioni occidentali – viene letteralmente assassinata dalle sanzioni occidentali – soprattutto dagli Stati Uniti di A. Una nazione genocida.

Il New York Times (22 aprile 2020) riporta: “Invece del Coronavirus, la fame ci ucciderà“. Una crisi alimentare globale incombe. Il mondo non ha mai affrontato un’emergenza del genere, dicono gli esperti. Potrebbe raddoppiare il numero di persone che soffrono la denutrizione acuta fino a 265 milioni entro la fine di quest’anno.

Sempre dal NYT

A Kibera, il più grande slum di Nairobi, in Kenya, i residenti vivono già in condizioni di estrema povertà. La disperazione per il cibo ha scatenato un’epidemia durante una recente consegna di farina e olio da cucina, lasciando decine di feriti e due morti“.

In India, migliaia di lavoratori si mettono in fila due volte al giorno per il pane e le verdure fritte per tenere a bada la fame“.

E in tutta la Colombia, le famiglie povere appendono vestiti rossi e bandiere rosse alle finestre e ai balconi come segno che hanno fame“.

Questo ricorda la famigerata citazione di Kissinger degli anni ’70 sulla carestia,

Chi controlla l’approvvigionamento alimentare controlla le persone – continua la citazione,

Chi controlla l’energia può controllare interi continenti; chi controlla il denaro può controllare il mondo“.

Kissinger, come i Gates, i Rockefeller sono “ben intenzionati”: Non hanno mai fatto mistero del loro desiderio di ridurre la popolazione mondiale in un formato che ricorda l’eugenetica, “sradicando la povertà”, per esempio attraverso le vaccinazioni – a partire dall’Africa.

Gates ha recentemente suggerito di provare il suo nuovo vaccino corona in Africa – a cui anche il suo amico, il dottor Tedros, direttore generale dell’OMS, ha protestato.

La pandemia di coronavirus ha portato povertà e carestia a milioni di persone in tutto il mondo. E non c’è fine in vista.

Al contrario, sembrerebbe che quasi tutti i governi siano cooptati o tacitamente costretti ad aderire alle “linee guida”.

È diabolico, ma anche incomprensibile. Perché? Le “élite globali” credono davvero di contribuire al futuro e al benessere dell’umanità? Eppure le loro azioni hanno portato alla miseria, alla disoccupazione e alla disperazione.

Senza tali misure coercitive è difficile spiegare perché quasi tutti i governi del pianeta si sottomettono a questa orribile agenda sociale ed economica – e mentono, mentono, mentono spudoratamente – al loro popolo. La stessa gente che dovrebbero proteggere contro la disoccupazione, la carestia e la disperazione.

Soldato sudafricano applica l’ordine di blocco nel centro di Johannesburg.

In circostanze “normali” della disuguaglianza predatoria del nostro pianeta, circa 9 milioni di persone muoiono ogni anno per fame e malattie legate alla carestia. Questa cifra potrebbe ora aumentare in modo esponenziale. Forse nelle decine di milioni, o anche di più.

La carestia e la morte per carestia potrebbero essere ulteriormente influenzate da carenze di cibo causate artificialmente, o da siccità o inondazioni – derivanti da cambiamenti climatici causati dall’uomo – non dall’assurdo aumento della temperatura causato dalla CO2 – ma dal sistema avanzato HAARP della US Air Force (HAARP = High Frequency Active Auroral Research Program).

Durante la guerra del Vietnam sono state utilizzate tecniche di inseminazione delle nubi, a partire dal 1967 nell’ambito del Progetto Popeye, il cui obiettivo era quello di prolungare la stagione dei monsoni e bloccare le rotte di rifornimento nemiche lungo il sentiero di Ho Chi Minh”. Oggi il sistema HAARP è stato perfezionato e trasformato in un mezzo bellico. Secondo il rapporto finale AF 2025 dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti, la modifica meteorologica (per uso militare):

“offre al combattente di guerra una vasta gamma di possibili opzioni per sconfiggere o costringere un avversario…

I cambiamenti climatici diventeranno una parte della sicurezza interna e internazionale e potrebbero essere eseguiti unilateralmente… Potrebbero avere applicazioni offensive e difensive e persino essere usati a scopo deterrente. La capacità di generare precipitazioni, nebbia e tempeste sulla terra o di modificare il tempo atmosferico spaziale... e la produzione di condizioni meteorologiche artificiali sono parte di un insieme integrato di tecnologie [militari]”.

Nell’ambito del programma di vaccinazione forzata proposto dalla Fondazione Gates – coloro che rifiutano la vaccinazione, ad esempio, potrebbero non essere in grado di viaggiare.

L’abietta miseria che viene volutamente imposta all’umanità diventa sempre più visibile. Oltre a spazzare via i risparmi delle persone e delle imprese, la povertà e la carestia si diffondono rapidamente…

Oggi non esiste un Tribunale di tipo Norimberga, onesto, etico e abbastanza potente da ritenere le élite globali responsabili e consegnarle alla giustizia.

Noi, il popolo, dobbiamo prendere il potere in questo continuo cambiamento di paradigma.

Noi, il popolo, dobbiamo uscire da questo atroce isolamento.

Non con la forza, ma con saggezza e buon senso. Lasciare che le forze feroci del nemico rafforzino la nostra debolezza – e che ci rendano più forti.

Un buon generale non ama l’aggressività

Un buon guerriero non conosce l’odio

Se volete conquistare il vostro nemico, non affrontatelo.

Non permettete di farvi provocare

Questo è chiamato il potere di non combattere

Questo è sfruttare l’abilità degli altri uomini

Questo è noto fin dall’antichità, per essere in armonia con il cielo,

Ed è il più grande potere che ci sia.
(Tao 68)

Peter Koenig

Peter Koenig è un economista e analista geopolitico. È anche uno specialista nel campo delle risorse idriche e dell’ambiente. Ha lavorato per oltre 30 anni con la Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale della Sanità in tutto il mondo nel campo dell’ambiente e dell’acqua. Tiene lezioni nelle università degli Stati Uniti, dell’Europa e del Sud America. Scrive regolarmente per Global Research; ICH; RT; Sputnik; PressTV; The 21st Century; Greanville Post; Defend Democracy Press, TeleSUR; The Saker Blog, The New Eastern Outlook (NEO); e altri siti internet. È l’autore di Implosion – An Economic Thriller about War, Environmental Destruction and Corporate Greed – fiction basata su fatti e su 30 anni di storia della Banca Mondiale in tutto il mondo. È anche coautore di The World Order and Revolution! – Essays from the Resistance. È un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione.

Fonte: Global Research

Aiuta L’informazione Indipendente, Toba e’ Sempre di Corsa e non vuole Fermarsi

Se ritieni che il contenuto che pubblico ti sia utile, considera l’idea di supportarmi con una piccola  donazione.

La Globalizzazione della Nato
Guerre imperialiste e globalizzazioni armate
Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere
€ 18,00

Che cos'è la Globalizzazione
Rischi e prospettive della società planetaria
€ 18,20

I crimini della globalizzazione
€ 15,00

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code