toba60

La Nostra Sopravvivenza alla Crisi Dipende Solo da Questo

Views: 174

Le dinamiche umane spesso hanno risvolti difficili da comprendere se non visti in maniera distaccata, senza condizionamenti esterni che ne alterano la percezione.

Avrete avuto modo di vedere ultimamente come la gente, che sino a poco fa era costretta a mille limitazioni, ( Ce ne sono ancora comunque) una volta ripresa la routine quotidiana scandita dal lavoro o le gite fuori porta che portano al mare o in montagna, si comporta come se praticamente non sia avvenuto nulla?

Dove vivo, sono ricominciate le chilometriche colonne di coda in macchina con destinazione spiaggia, con assembramenti che fanno sembrare il fine settimana un inferno e non solo per il clima stagionale.

I disagi sono accentuati al quadrato, ma pare nulla possa fermare una consuetudine che nemmeno il più’ famigerato virus del mondo pare aver impedito.

C’è un imminente default monetario già’ manifesto in tutti i settori dall’economia, ma nessuno pare preoccuparsi, eppure e’ li davanti ai propri occhi, la gente va in spiaggia si lamenta ad ogni semaforo e ripete un copione già visto, li dove tutto e’ cambiato, pure i rapporti con le persone sono diversi, ora tutti sorridono, benché’ con la museruola nessuno se ne accorge, tanto tutto andrà’ bene, ognuno fa’ le cose di sempre, si ricomincia e intanto non fa che domandare a tutte le persone che incontra come vanno le cose.

Luca Zaia ha scoperto (ma come non lo sapeva? bastava che leggesse Toba60) ) che il suo virologo di fiducia Andrea Crisanti non aveva ne la laurea e nemmeno le credenziali giuste per dargli le dritte che dovevano tutelare il Proseccai Veneti, (Quelli di Roma Ladrona per intenderci) e si scopre che e’ pure un amico di fiducia di un certo Bill Gates, che le persone incapaci di fare del bene (Per non dire altro) sa sceglierle proprio bene. (Aspettate il rapporto sulle Olimpiadi)

Ieri domando a degli amici dove stanno andando, cosi per fare quattro chiacchiere e tutti all’unisono mi dicono che sono in ferie e avevano deciso di andare in montagna, ma dico! se siete appena tornati a lavorare, come mai già in vacanza, ehh la crisi, ci hanno anticipato la licenza perché non c’è lavoro, ma dico io ….e vai in ferie? Non vi viene il dubbio che quando tornerete dal viaggio, ogni vostra attività’ sarà’ delegata agli uffici per l’impiego, che vi metteranno in competizione con extracomunitari che a un quinto del salario faranno lo stesso lavoro?

Tutti cercano di esorcizzare la realtà’ negando l’evidenza, non e’ una questione di intelligenza, e’ un principio radicato all’interno di una cultura Globalizzata, che non lascia scampo e che ha posto le vittime stesse nel ruolo di carnefici, padroni di un destino che non ha alcuna voce in capitolo perche’……………..

Tutto va bene

La psicologia della negazione e come superare un disastro

La prontezza non riguarda solo le scorte che immagazzini e le abilità che impari. Riguarda anche la psicologia. E un passo importante verso la sopravvivenza è la comprensione della psicologia dell’esitazione.

Nel peggiore dei casi, l’esitazione uccide. Chi esita è perso. Un’azione rapida e decisiva porta al successo. Il dubbio è un preludio al disastro. ~ Joseph Addison È semplice psicologia che nessuno vuole accettare che sia accaduto qualcosa di terribile.

Il cervello umano è configurato in modo tale che è inerente alla nostra natura negare che qualcosa sia accaduto al di fuori del nostro normale paradigma.

Questo si chiama dissonanza cognitiva “La dissonanza cognitiva è un sentimento di disagio mentre si tengono contemporaneamente due o più conflitti realizzativi: idee, credenze, valori o reazione emotiva … Dissonanza manifesta, quando le persone si confrontano con informazioni, che sono incompatibili con le loro convinzioni.

Se la dissonanza non riduce. cambiando le proprie convinzioni, la dissonanza può comportare il ripristino della consonanza attraverso incomprensioni, rifiuto o restituzione di informazioni, cercando il sostegno di altri che condividono la fede e cercando di persuadere gli altri “ (Fonte ) In una situazione di crisi, la negazione può essere mortale.

Queste sono le fasi delle reazioni psicologiche in una crisi:

  1. Negazione : le persone non vogliono credere che l’evento si sia verificato o si stia verificando. Semplicemente non possono accettare, per esempio, che un aereo si sia schiantato deliberatamente contro l’edificio dove stanno lavorando.
  2. Ritardo : le persone spesso scelgono di fare qualcosa per ritardare l’accettazione di ciò che sta accadendo. Potrebbero mettere in ordine, mettere da parte il cibo nel frigorifero o raccogliere metodicamente oggetti per concedersi qualche momento di normale percezione.
  3. Diagnosi – Le persone iniziano quindi a valutare la situazione. Cominciano a considerare l’input dei loro sensi: l’odore di qualcosa che brucia, il suono di qualcosa che si schianta o la gente che grida, la vista della devastazione.
  4. Accettazione – La gente accetta quindi che questa crisi si stia effettivamente verificando.
  5. Considerazione – A questo punto, la maggior parte delle persone inizia a considerare il miglior modo di agire. Altri sono così sopraffatti dalla situazione che chiudono e devono essere aiutati dai primi soccorritori o da altre vittime della crisi per sopravvivere.
  6. Azione : infine, viene scelto e attuato un corso d’azione. Alcuni esempi di ciò potrebbero essere la fuga, l’evacuazione, i combattimenti, il pronto soccorso sui feriti o il rafforzamento della loro posizione.

Alcuni esempi di psicologia nella vita reale al lavoro.

Le interviste con persone che sono fuggite dal World Trade Center dopo il disastro dell’11 settembre, coloro che sono sopravvissuti agli incidenti aerei e altri che hanno vissuto incendi, descrivono tutti come si sono immediatamente congelati quando si sono verificati incidenti devastanti. Nonostante il fatto che le loro stesse vite fossero a rischio, le strutture si sgretolassero o fossero vittime di persone che erano intenzionate a danneggiarle, non potevano immediatamente accettare che l’evento stesse accadendo.

Molte persone hanno parlato della raccolta di documenti o di effetti personali prima di dirigersi verso le scale l’11 settembre. Le persone in incidenti aerei spesso afferrano i loro bagagli a mano, nonostante gli avvertimenti degli assistenti di volo di lasciarli indietro. Le persone in caso di incendi domestici cercheranno spesso di afferrare album fotografici o oggetti prima di fuggire dall’edificio. La risposta è molto comune ed è una funzione di un cervello che non vuole accettare la terribile realtà: le persone si impegnano con cose banali nel tentativo di ritardare l’accettazione della situazione attuale.

Mentre queste storie sono di sopravvissuti che sono riusciti a fuggire con le loro vite, ci sono probabilmente molti altri che non sono vissuti perché i loro cervelli hanno semplicemente rifiutato di accettare che potesse accadere qualcosa di così orribile.

Queste sono le reazioni più comuni.

Il dottor AR Roberts ha condotto uno studio psicologico nel 2000, che ha riportato nel suo Manuale di intervento sulle crisi . Roberts notò queste reazioni comuni nel mezzo di una crisi:

  • Le persone iniziano a riconoscere che esiste una minaccia.
  • Successivamente, queste persone scoprono che lo stress e il trauma dell’evento non possono essere affrontati usando le capacità di analizzare i fatti esistenti.
  • Le persone iniziano quindi a provare paura, confusione e stress.
  • Coloro che affrontano una crisi hanno iniziato a mostrare sintomi di angoscia e disagio.
  • Infine, le persone entrano in uno stato di squilibrio in cui la situazione di crisi sembra insormontabile. (fonte )

Durante l’addestramento militare, le reclute vengono messe in situazioni che li addestrano per valutare immediatamente una situazione e scegliere immediatamente una linea di condotta. Ciò consente loro di agire più rapidamente rispetto alle altre persone e offre loro un vantaggio in molti scenari.

La chiave, tuttavia, non è semplicemente agire non appena si verifica un evento. Serve per accelerare il tuo vero processo decisionale. Un modo per farlo è saltare la fase di dissonanza cognitiva. Devi rispondere rapidamente alle reazioni di cui sopra o per non rispondere affatto.

Se puoi immediatamente accettare che si è verificato qualcosa di straordinario, sarai in grado di passare alla fase di valutazione invece di perdere tempo prezioso di reazione per convincerti che si è verificato l’evento stesso.

Puoi migliorare la tua reazione a una crisi.

Accelerare la tua reazione a circostanze impreviste è un processo duplice. È sia fisico che mentale.

Pensa a un atleta. Se lanci una palla, anche inaspettatamente, la sua reazione immediata è alzare la mano e prendere la palla prima che lo colpisca in faccia. La sua memoria muscolare è iniziata e questa è la sua risposta automatica. Un non atleta potrebbe reagire in modo diverso. Potrebbe stare lì e colpire con la palla o alzare il braccio per bloccare la palla, ma la sua prima reazione potrebbe non essere quella di provare a prenderla.

L’atleta ha trascorso molte ore a catturare e lanciare, quindi il suo corpo è già pronto a farlo in una frazione di secondo. Inoltre, sport come la boxe o le arti marziali affascinano i tuoi riflessi e insegnano ai tuoi muscoli a rispondere istantaneamente in un certo modo. Quando gli agenti di polizia e i militari si stanno allenando, trascorrono molte ore sul poligono di tiro trasformando la loro arma in un’estensione automatica del braccio.

La formazione non è solo per i primi soccorritori professionisti. Può accelerare le tue reazioni, sia fisiche che mentali. Potrebbe non trasformarti in un ninja ma può sicuramente migliorare le tue possibilità di sopravvivenza.

Ecco alcuni modi per mantenere nitidi i tuoi riflessi fisici (o per migliorarli se sono un po ‘arrugginiti):

  • Usalo o perdilo . Se hai un lavoro da scrivania, potresti non dedicare abbastanza tempo ad essere attivo. Prenditi un po ‘di tempo ogni giorno per lanciare una palla, andare in palestra, fare un’escursione o correre.
  • Impara a combattere . Requisiti per arti marziali, boxe, maga: tutti questi sono un ottimo esercizio fisico e un ottimo allenamento.
  • Esegui un atto di bilanciamento . I bambini piccoli adorano camminare su cordoli, blocchi di cemento o qualsiasi altra cosa che possa servire come un raggio di equilibrio improvvisato. Da adulti, la maggior parte di noi trascorre poco tempo a praticare l’equilibrio. Prova a camminare sui marciapiedi insieme ai tuoi figli, arrampicarti o andare allo yoga. Aiuta il tuo corpo a ricordare cos’è usare l’equilibrio.
  • Cardio . In caso di emergenza, non vuoi soffocare e sbuffare dopo aver sceso due rampe di scale. Metti in forma il tuo cuore e mantienilo in questo modo con un regolare esercizio cardiovascolare che aumenta la frequenza cardiaca.
  • Pratica, pratica, pratica . Puoi creare la memoria muscolare ripetendo ripetutamente qualcosa fino a quando non diventa naturale per te come respirare. Vai al raggio ed esercitati a sparare con la tua arma. Pratica tiro con l’arco. Gioca a catch. Esercizi di agilità. Tutte queste cose preparano il tuo corpo a rispondere istintivamente in un’emergenza, che può radere secondi preziosi dal tempo di risposta.

Puoi anche migliorare le tue risposte mentali.

Altrettanto importante, se non di più, è migliorare la risposta mentale a una crisi. Come discusso in precedenza, le persone tendono a sprecare tempo dilettandosi sull’accettazione del fatto che l’evento si stia effettivamente verificando. Se stai leggendo questo articolo, molto probabilmente è perché hai già accettato mentalmente il fatto che si verificano improvvise emergenze e questo ti fa fare un passo avanti.

  • Esegui lo scenario S. Nessuno può essere mentalmente preparato a tutto, ma immaginando situazioni in cui si verifica una crisi, puoi allenare il tuo cervello a cercare soluzioni. Avrai già superato una parte di quella dissonanza cognitiva che dice “Questo non può succedere a me”. Io e i miei figli facciamo questo durante la visione di film. A volte fermiamo il film e discutiamo di cosa potremmo fare se un incidente simile ci accadesse. Hanno fatto un ulteriore passo avanti e talvolta fanno apparire uno scenario quando siamo fuori. Esaminiamo le nostre opzioni e parliamo dei pro e dei contro di un corso d’azione.
  • Non vivere in una bolla . Essere consapevoli delle tendenze nelle notizie. Ad esempio, nel 2014, ci fu una serie di orribili attacchi in tutto il paese chiamati attacchi “knock-out”. In questo cosiddetto “gioco”, un gruppo di adolescenti, per puro divertimento, ha brutalmente aggredito una vittima innocente. Se sai che sta succedendo qualcosa nella tua zona, a volte puoi riconoscere immediatamente la situazione e passare quel momento di dissonanza cognitiva. Ciò ti consente di rispondere e difenderti in modo rapido e deciso.
  • Sii consapevole di ciò che ti circonda. Se sei incollato al tuo iPhone o altrimenti ignaro di ciò che sta accadendo intorno a te, allora ci vorrà più tempo per valutare la crisi. In realtà, ci vorrà più tempo per rendersi conto che la crisi sta persino accadendo. Una persona che pratica la consapevolezza della situazione osserverà spesso comportamenti insoliti ed entrerà in modalità di risposta prima che la crisi sia pienamente sviluppata. Ad esempio, potrebbero notare comportamenti sospetti da parte di un altro mecenate nel negozio prima che quel mostro tiri fuori una pistola e provi a derubare l’impiegato. Ciò darebbe all’osservatore un netto vantaggio perché erano già passati alla fase di valutazione nel processo di crisi mentre tutti gli altri nel negozio erano ancora al punto 1, negando di essersi trovati nel mezzo di una sospensione .
  • Esercitati a bloccare le distrazioni . Alla mia lezione di Krav Maga, all’istruttore piace aggiungere una certa distrazione agli scenari. Musica ad alto volume e luci stroboscopiche sono aggiunte regolari ai trapani. Non riesci a sentire, è difficile da vedere, ma devi ancora concentrarti sul tuo avversario.

Conosci la psicologia in modo da poter eludere i passi inutili che il tuo cervello vuole fare.

Comprendendo le naturali risposte umane alle crisi, possiamo ridurre i nostri tempi di reazione personali.

Spero che tu non sia mai in un attacco in stile 9/11, presente in una rapina in un minimarket o preso in un disastro naturale, ma se lo sei, la tua capacità di accettare la situazione, pensare rapidamente e agire potrebbe salvare le vite di te e dei tuoi cari.

Daisy Luther

Fonte: The Organic Prepper

La Società che Non c'è
Come diventare ricchi e morire felici e contenti. In pace
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
€ 10,33

Atlante delle Crisi Mondiali
€ 20,00

Solo la Crisi ci può Salvare
Basta con la follia della crescita!
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
€ 12,90

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *