toba60

Lockdown Covid-19: Alice nel Paese delle Bufale Politiche Televisive e Sociali

Views: 202

Ci troviamo in questo momento ad un punto dove non si può’ più’ tornare indietro, tutto era già stato deciso e tutto sommato non e’ stato poi cosi difficile da parte elle élite del mondo, creare tutti i presupposti per destabilizzare un pianeta.

Un Tempo si facevano le guerre, oggi non e’ più’ necessario, basta un telegiornale, un algoritmo informatico e un po di caos sociale che non guasta mai.

Gli effetti da come avrete modo di vedere nel servizio sono praticamente gli stessi, con la differenza che tutto e’ stato fatto a fin di bene, con il beneplacito consenso di tutti, sia quelli che hanno agito direttamente sul da farsi, sia da parte di chi con il suo silenzio assenzio non ha fatto nulla per scongiurare l’insidia imminente.

Il pericolo vero non e’ mai stato il virus, quello era solo uno spauracchio, sempre maligno, come si conviene per dare input ad una svolta agli eventi, un po come la Notte dei lunghi coltelli ai tempi del Nazismo, dove i morti sono una necessita’ fisiologica per acquisire un potere che altrimenti non avrebbe mai avuto modo di consolidarsi attraverso un consenso collettivo spontaneo.

E’ insomma una storia che si ripete e il copione e’ sempre lo stesso, solo che pochi lo hanno capito, ognuno nel suo mondo con i suoi problemi e la sua visione di una societá che e’ molto cambiata.

Il dramma vero autentico e reale, e’ pero paradossalmente quello legato alla percezione dei problemi, che si sono via via evoluti sino a distorcere la visione di insieme, al punto che basta un immigrato contagiato, un magistrato colluso, un politico corrotto, un giornalista alla ribalta del dissenso per qualche sua legittima presa di posizione, per distrarre la collettività’ dai pochi e semplici presupposti che danno origine ai mali della collettivitá.

Le persone sembra hanno una estremo desiderio di entrare in guerra, solo che il nemico e’ ovunque, impalpabile e indefinito, che sia il Governo, un Partito, un Extracomunitario, un Tifoso Rivale, o il membro di un altra Regione o Stato, oppure un Astrazione come Unione Europea, non c’è che l’imbarazzo della scelta, ogni singolo tassello non e’ che un semplice ingranaggio di un qualcosa di altrettanto vacuo e impalpabile.

Sono solo le conseguenze della nostre azioni che sanciscono la bontà’ delle scelte intraprese, aiutare un ferito grave dopo un incidente stradale gli può’ essere fatale, se chi lo soccorre, pur con tutte le buone intenzioni, senza alcuna nozione di sorta, lo fa in prima persona.

E’ legittimo fare qualcosa, ma l’umanità’ intera in questo momento ha perso il senso della ragione e sta agendo di istinto e la storia insegna quanto sia sconsiderata ogni azione quando viene generata da un sentire collettivo frutto di un Pensiero Unico Globalizzato come quello attuale.

Fermatevi un attimo e prima ancora di stabilire contro chi prendersela per tutto quello che non va (Che spesso e’ una scelta di comodo), sarebbe bene stabilire ciò’ che ogni singolo individuo può’ fare……..però…….

mai per un tornaconto individuale, ma collettivo……questa e’ la parte più’ difficile.

Toba60

Alice nel Paese Delle Meraviglie

Il mondo è ormai da mesi in isolamento per Covid-19, grazie ai nostri leader temerari, che hanno paragonato la pandemia di coronavirus ad una guerra e in apparente competizione tra loro per vedere chi può sottoporre le loro popolazioni alle misure più draconiane. E sostenendo che è tutto necessario per salvare vite umane.

Non importa che, come conseguenza della chiusura, è probabile che muoiano più persone di quante ne muoiano altrimenti, a causa di una serie di problemi, non da ultimo la chiusura delle cure ospedaliere primarie – in particolare nei centri Covid-19, like the UK. Quindi è in corso una strana “guerra” in cui la gente è costretta a stare seduta a casa a guardare Netflix mentre viene spaventata e sottomessa dalle affermazioni esagerate dei media su numero di casi e morti acquisiti in modo molto dubbio, e mentre gli anziani e le persone vulnerabili pagano il prezzo più alto. Sembra allora che, quando è giustificato dal “salvare vite”, si possa farla franca letteralmente con qualsiasi cosa, come uccidere un gruppo di persone. Non dovremmo però stupirci, perché solo negli ultimi 20 anni, diverse guerre condotte dai governi occidentali che hanno ucciso, letteralmente, più di un milione e mezzo di persone, sono state giustificate dalla necessità di “salvare la gente”.

Alla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti sganciarono due bombe nucleari su città giapponesi – a Hiroshima e Nagasaki – uccidendo circa 200,000 civili. Ufficialmente, venne fatto “per salvare vite”. Qualsiasi crimine immorale contro l’umanità venga commesso, viene razionalizzato come necessario per un bene più grande – anche se ciò significa far saltare in aria centinaia di migliaia di persone con armi di distruzione di massa.

Se si può far credere che il bombardamento del Giappone sia stato fatto per “salvare vite umane”, se si può far credere che invadere e occupare l’Iraq e uccidere 1,5 milioni di iracheni sia stato per “salvarli”, allora sicuramente non è un grande compito convincerli che sottoporre un terzo della popolazione globale alla prigionia domestica e rischiare la distruzione dell’economia globale, salverà anche “vite umane”.

Vi pare che una persona possa prendere un cadavere con una mano ? Questo visto in Televisione

Esistono da sempre fiabe per i bambini e dure verità per gli adulti. La fiaba viene offerta per far sentire le persone a proprio agio e al sicuro. La verità, invece, è ciò che è – non qualcosa che può essere modellata e distorta per produrre “il giusto sentimento”. Gli adulti che rimangono bambini, credendo nelle favole, sono pericolosi perché intraprendono o sostengono azioni che possono avere conseguenze molto gravi per se stessi e per la società nel suo complesso.

La verità sul perché gli Stati Uniti abbiano vaporizzato due città giapponesi nel 1945 non è molto conosciuta. In realtà la seconda guerra mondiale stava già finendo, poiché la sconfitta della Germania era stata assicurata dall’Armata Rossa sovietica nella battaglia di Berlino, e il Giappone era pronto ad arrendersi. L’Imperatore del Giappone aveva spedito un telegramma agli Stati Uniti facendo causa per la pace, ed entrambi i paesi sapevano che l’URSS avrebbe presto aiutato gli Stati Uniti attaccando il Giappone.

“La guerra finirà un anno prima. Pensate a tutti i bambini che non saranno uccisi”, aveva scritto il presidente Truman a sua moglie dopo aver saputo che l’URSS si era unita alla guerra.

Sganciare bombe atomiche sul Giappone non era necessario. Sono state sviluppate e utilizzate per “mandare un messaggio” all’URSS: vedete di cosa siamo capaci! Come direttore del Progetto Manhattan, il Tenente-Generale Leslie Groves, ebbe a dire: “Non c’è mai stata, da circa due settimane da quando ho preso in mano questo Progetto, alcuna illusione da parte mia che la Russia fosse il nostro nemico, e il Progetto è stato condotto su questa base.”

Le élite americane non erano ormai preoccupate per il Giappone, ma pensavano al dopo partita geopolitica con la Russia – vittoriosa nell’Europa dell’Est – e alla nuova era che divenne “la Guerra Fredda”. La favola era che bombardare il Giappone significava salvare vite umane; la dura verità è che si trattava di potere e controllo – delle persone, delle risorse e del pianeta stesso.

I tipi di persone che governano questo mondo non vedono il mondo e i suoi abitanti come la maggior parte delle persone. Per loro, valori come la comunità, la giustizia e l’onestà sono concetti alieni. Quando pretendono di governare sulla base di tali valori, lo fanno solo per manipolare il pubblico e mantenere il loro dominio. È più simile a un utile trucco di pubbliche relazioni: percepiscono il mondo attraverso gli occhi miopi della Teoria dei Giochi, lo stato mentale di uno psicopatico.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, il Giappone era in possesso di un programma segreto di ricerca biologica chiamato Unità 731,che ha coinvolto gli esperimenti più orribili su civili (per lo più cinesi) e prigionieri di guerra – da iniezione di malattie travestite da vaccini nelle persone a effettuare vivisezioni senza anestesia. Si stima che 200,000 persone siano morte in questi incubi chiamati “esperimenti scientifici”.

Eppure le persone dietro il programma, i cosiddetti scienziati e medici, non sono mai stati ritenuti responsabili dei loro crimini (in realtà, molti sono diventati esperti di spicco in vari campi scientifici e medici). Invece il governo degli Stati Uniti si mosse per comprare i dati delle ricerche di quegli abominevoli esperimenti criminali, in modo da continuare il loro lavoro.

Allo stesso modo, il governo degli Stati Uniti all’epoca salvò importanti scienziati nazisti con l’Operazione Paperclip, quando l’intelligence militare statunitense li trasportò di nascosto attraverso l’Atlantico dopo la guerra e li incorporò all’interno delle istituzioni scientifiche americane. Per esempio, lo scienziato balistico tedesco, nonché maggiore delle SS, Wernher Von Braun, che sfruttò gli Ebrei nei campi di concentramento per costruire i missili V2, divenne il direttore del NASA Marshall Center e viene citato anche oggi nei programmi di addestramento dei cadetti dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti per il suo “acuto intervento sull’etica dell’uso delle armi nucleari”.

La dura verità sulla fine della seconda guerra mondiale è che civili innocenti sono stati sacrificati e criminali di guerra sono stati premiati perché i leader occidentali si preoccupavano più dell’invio di messaggi e della diabolica “leva scientifica” che della decenza umana e dei valori morali. Questi fatti storici nascosti e/o non detti servono come “difetti di matrice”; essi mettono a nudo la natura ingenua ma confortante dei conti ufficiali che sono stati stabiliti per tenere la gente felicemente ignorante e disinteressata sulla realtà più inquietante che si nasconde sotto la superficie. La maggior parte delle persone accetta questa “offerta” e sceglie di rimanere “attaccata alla matrice”, rasserenata e affascinata dalle menzogne e dall’illusione.

Quello che voglio dire è che tutti dovrebbero ormai pensare bene alle ragioni che ci sono state date per cui siamo stati sottoposti agli arresti domiciliari e privati delle nostre libertà negli ultimi due mesi. Credete ancora che si trattasse di “salvare delle vite”?

L’economia globale è in caduta libera: L’80 percento della forza lavoro globale è parzialmente o in toto inattiva. Oltre 30 milioni di persone hanno perso il lavoro in sei settimane, solo negli Stati Uniti. Le Nazioni Unite avvertono che centinaia di migliaia di bambini moriranno quest’anno a causa del lockdown. Dati scientificamente realistici mostrano che la mortalità da covid-19 è molto più bassa rispetto alle stime iniziali (vedi ad esempio, qui, qui, qui e qui), anche se ormai è come se quasi tutte le sofferenze venissero conteggiate come “morti di Covid-19” – come morire di overdose.

Anche se alcuni possono sostenere che sia così, è molto improbabile che si tratti di un caso di incompetenza dei leader mondiali. Piuttosto, i leader mondiali stanno ovviamente usando la situazione a proprio vantaggio. Alcune di queste persone – come Bill Gates – si mascherano da ‘filantropi’ mentre usano le fondazioni di beneficenza per ottenere enormi tagli alle tasse e denaro diretto a imprese follemente redditizie come i vaccini, e per aumentare la loro influenza all’interno delle organizzazioni sanitarie governative. Le nazioni del terzo mondo vengono poi usate come cavie, e non importa quanti di quei poveri disgraziati sono uccisi o disabili attraverso questi esperimenti sui vaccini, non è mai abbastanza per generare l’attenzione dei media in Occidente perché questo rovinerebbe la favola che molti vogliono disperatamente credere.

Quando riesco a far notare a qualcuno che i numeri del covido-19 non si sommano a una pandemia degna di distruggere la civiltà, la domanda successiva che mi viene posta è: “ma perché dovrebbero farlo?

Rispondo chiedendo loro: qualcuno pensa che le élite al potere mega-ricche con una comprovata esperienza di spaventare o comunque manipolare le persone per far progredire la loro ricchezza e il loro controllo avrebbero scrupoli morali ad esagerare la minaccia di un virus stagionale al fine di far progredire le misure di polizia esistenti e latenti dello stato, mentre fanno un sacco di soldi da presto vacini obbligatori?“.

I governi sono oggi letteralmente liberare i criminali incalliti dalle carceri mentre arrestare i cittadini rispettosi della legge per camminare da soli sulle spiagge e nei parchi. Droni e applicazioni telefoniche sono ora utilizzate per tracciare ogni tuo spostamento. E poi, un grande schermo a casa tua con il Grande Fratello che si assicura che le regole della distanza sociale siano rispettate? (In realtà, non sarà nemmeno così ovvio. Alexa sta già dicendo loro esattamente come ti senti e cosa stai facendo).

Torniamo all’Unità 731. Questo è il tipo di cosa che emerge dal profondo della psiche umana: la psicopatia pseudo-scientifica ‘medica’ che si trasforma in un inferno assoluto sulla Terra per chiunque abbia la sfortuna di sfiorarla. Questo è ciò di cui siamo capaci come specie, quindi è meglio che la gente cominci a usare un po’ più del proprio intelletto e della propria immaginazione per superare l’improbabile racconto che non c’è nulla di cui preoccuparsi di come si sta sviluppando la “pandemia da Covid-19”.

Allo stato attuale delle cose, non siamo migliori o più saggi di generazioni e nazioni prima di noi che hanno scambiato la loro libertà per una falsa sicurezza. L’arrogante convinzione che la nostra ‘democrazia moderna’ sia in qualche modo immune da grave degrado e corruzione non farà altro che accelerare questo processo.

Stiamo essenzialmente ripetendo gli errori (orrori) del passato. C’è un feedback loop socio-psicologico dove i ‘tempi buoni’ creano uomini deboli che si arrendono a uomini malvagi che portano al collasso della società. Le persone lavorano sodo, costruiscono società e carattere, contemplano l’arte e la filosofia, ma lentamente si abituano alla ricchezza e alla convenienza, perdono il contatto con la loro ‘bussola morale’, litigano con i vicini, invidiano i fratelli, e presto scatenano guerre e distruggono tutto. La vita ricomincia da capo, ma ben presto il ciclo si ripete e la maggior parte delle persone non se ne accorge.

Come scrive lo psichiatra polacco Andrzej Łobaczewski in Ponerologia Politica:

Durante i bei tempi, le persone perdono di vista il bisogno di pensare, l’introspezione, la conoscenza degli altri e la comprensione della vita. Quando le cose sono ‘buone’, le persone si chiedono se vale la pena di riflettere sulla natura umana e sui difetti della personalità (la propria o quella di un altro). Nei tempi buoni, intere generazioni possono crescere senza comprendere il significato creativo della sofferenza, poiché non l’hanno mai sperimentata in prima persona. Quando tutte le gioie della vita sono lì per la presa, lo sforzo mentale per comprendere la scienza e le leggi della natura – per acquisire conoscenze che possono non essere direttamente legate all’accumulo di cose – sembra un lavoro inutile. Tenere la ‘mente sana’ e positiva – fare sport senza mai una parola di scoraggiamento – è visto come una buona cosa, e chiunque preveda conseguenze terribili come risultato di tale insoddisfazione è etichettato come guastafeste.

La percezione della verità sulla realtà, soprattutto una reale comprensione della natura umana in tutti i suoi campi e permutazioni, cessa di essere una virtù da acquisire. I dubbiosi sono ‘ficcanaso’ che non riescono a convivere con sé stessi. “Non aggiustarlo se non è rotto”. Questo atteggiamento porta a un impoverimento delle conoscenze psicologiche, compresa la capacità di differenziare le proprietà della natura umana e della personalità, e la capacità di plasmare le menti sane in modo creativo.

Il culto del potere soppianta così i valori mentali e morali così essenziali per mantenere la pace con mezzi pacifici. L’arricchimento o l’involuzione di una nazione per quanto riguarda la sua visione psicologica del mondo potrebbe essere considerato un indicatore del fatto che il suo futuro sia buono o cattivo.

Durante i bei tempi, la ricerca del senso della vita, la verità della nostra realtà, diventa scomoda perché rivela fattori scomodi. L’eliminazione inconsapevole di dati che sono, o sembrano essere, non facili, comincia ad essere abituale, un’abitudine accettata da intere società. Il risultato è che qualsiasi processo di pensiero basato su tali informazioni troncate non può portare a conclusioni corrette. Questo porta poi alla sostituzione di comode menzogne al sé per sostituire verità scomode, avvicinandosi così ai confini di fenomeni che dovrebbero essere visti come psicopatologici.

Forse allora è inutile preoccuparsi di come “aggiustare il mondo”. I problemi che ci hanno portato a questa impasse sono apparentemente più profondi della corruzione politica e della sovversione della democrazia da parte dei pazzi. Diamine, “aggiustare il mondo” e “salvare vite umane” sono ciò che ci ha messo in questo pasticcio in primo luogo. Qui sta succedendo qualcos’altro – qualcosa che la pandemia e la serrata stanno “coprendo”. Non so cosa sia quel qualcosa – e non so nemmeno che il “potere dietro il trono” sappia cosa sia – ma la mia intuizione mi dice che è più grande di quanto chiunque di noi possa immaginare.

La favola del Covid-19 per i bambini è che i governi, per quanto imperfetti, sono genitori responsabili che hanno a cuore gli interessi della gente. “State a casa, state al sicuro e lavatevi le mani”. Ci siamo dentro tutti insieme”. La dura verità che questo blocco globale porta a casa per i veri adulti è che i governi sono diventati pericolosamente corrotti e patologici, e i loro molti seguaci autoritari ci stanno portando tutti verso una crisi globale potenzialmente grave e molto letale.

Seppo Ilmarinen

Fonte: https://it.sott.net/

Ucraina: una Guerra per Procura
€ 14,50

L'Apocalisse Rimandata
Ovvero benvenuta catastrofe!
€ 8,50

Tecnoschiavi
Controllo totalitario: comprenderne il meccanismo per restare liberi
€ 14,90

No Global
La formidabile ascesa dell’antagonismo anarchico
€ 14,50

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code