toba60

L’arte della Libertà

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo
  • 2
    Shares

Quando avrete modo di leggere e’ l’essenza stessa di ciò’ che la vita rappresenta per il genere umano.

Non fatevi ingannare dai termini e dalle analogie terrene, e’ dentro ognuno di noi che si annida il vero interlocutore che va ascoltato nel profondo dell’anima.

Toba60

La Libertá

Don Juan, nel suo trattato Castaneda, ci ha mostrato che la magia è una dinamica oggettiva attraverso la quale possiamo percepire e vedere l’energia. Ha affermato che per percepire l’energia con i nostri sensi, dobbiamo liberarci dalla nostra abituale capacità percettiva.

Facciamo tutto il possibile per liberare il nostro essere e percepire direttamente l’energia. Una teoria magica afferma che la percezione umana ordinaria ci è stata imposta come parte della nostra socializzazione, molto più imperativamente che arbitrariamente.

Un aspetto di questi parametri vincolanti è un sistema interpretativo che elabora i dati sensoriali e li converte in informazioni significative. Le nostre funzioni ordinarie all’interno della struttura sociale richiedono una cieca e assoluta aderenza a tutti questi principi e regole. Nessuna regola, però, ci dice che è possibile percepire direttamente l’energia.

Per esempio, Don Juan sosteneva che è possibile percepire gli esseri umani come campi di energia, cioè come grandi uova luminose di colore bianco sporco. Per raggiungere l’espansione della nostra percezione abbiamo bisogno di energia interna. Pertanto, la questione dell’energia interiore occupa un ruolo primario per gli studenti di magia.

Nel mondo di Don Juan, i maghi a seconda del loro temperamento – si dividono in due gruppi: I sognatori sono maghi che hanno la capacità innata di entrare in livelli di percezione acuta controllando i loro sogni. Questa capacità viene coltivata attraverso l’allenamento e trasmutata in arte: l’arte di sognare.

I persecutori, invece, sono quei maghi che hanno anche la capacità innata di entrare in livelli di percezione acuta controllando e trasformando il proprio comportamento. Attraverso un adeguato addestramento, questa abilità si trasforma nell’arte del wardening.

Tutti loro si sono dedicati con tutto il cuore allo stesso obiettivo: rompere le convenzioni percettive e i pregiudizi che ci confinano negli stretti confini del nostro mondo quotidiano e ci impediscono naturalmente di entrare negli altri.

I maghi ci dicono che se sfondiamo le convenzioni percettive, ci viene data l’opportunità di attraversare i confini e tuffarci nell’impensabile. Questa immersione si chiama “attraversamento della stregoneria”. A volte viene chiamato “volo astratto”, perché implica davvero un volo dal lato del concreto, il fisico, al lato della percezione espansa e impersonale – forme astratte.

Il culmine della tecnica speciale si chiama volo astratto e il mezzo per raggiungerlo si chiama Ricapitolazione. La percezione deve essere spostata dal lato sinistro a quello destro della fronte. Quando eravamo bambini potevamo farlo facilmente.

Ma una volta che la parte esterna del corpo è rotta a causa di un abuso eccessivo, solo con una speciale manipolazione della percezione possiamo ripristinare l’energia che è fuoriuscita. Energia necessaria per ottenere lo spostamento. Due principi molto importanti sono la vita disciplinata e l’autodisciplina.

D’ora in poi, devi vivere una vita in cui la percezione e la consapevolezza giocano il ruolo principale. Dovete evitare tutto ciò che danneggia la vostra mente e il vostro corpo. È anche necessario, d’ora in poi, rompere tutti i legami fisici ed emotivi con il mondo per acquisire coerenza.

In generale, le donne dall’infanzia imparano a dipendere dagli uomini. I maghi che mi hanno formato avevano opinioni molto dure e assolute sull’argomento. Sostenevano che è necessario che ogni donna sviluppi la sua intelligenza e la capacità di analizzare questioni astratte per ottenere una comprensione più completa del mondo.

L’attrazione del mondo quotidiano, tuttavia, è così forte che, nonostante tutto l’addestramento approfondito, tutti i maghi si ritrovano ancora e ancora negli orrori più abominevoli della stupidità e dei piaceri. I miei insegnanti mi avevano avvertito che non ero un’eccezione. E solo con una battaglia implacabile ogni momento si può bilanciare la normale ma disincantata ossessione di rimanere immutati.

Crediamo profondamente in una forma di dualismo. Consideriamo la mente come una parte subordinata e irreale di noi stessi, mentre consideriamo il corpo come una parte tangibile e oggettiva. Questa divisione mantiene la nostra energia in uno stato di separazione caotica e impedisce la fusione.

Essere separati in questo modo è la condizione umana ordinaria. Ma questa separazione non esiste tra mente e corpo, ma tra il corpo – che racchiude la mente – e il doppio, che è il serbatoio della nostra energia di base.

Prima della nascita questa dualità imposta non esiste. Dopo la nascita, però, le due parti si separano per l’attrazione delle intenzioni di tutta l’umanità. Un segmento esce e diventa il nostro corpo fisico mentre l’altro diventa la dualità. Alla morte la parte più pesante il corpo – ritorna alla terra e viene assorbita da essa. La parte più leggera il doppio viene rilasciata. Ma purtroppo, poiché il doppio non è perfezionato, assapora solo una libertà momentanea prima di essere disperso nell’universo.

Se moriamo senza cancellare la falsa dualità di mente e corpo, abbiamo solo una morte ordinaria. Si muore perché la possibilità di trasformazione non è entrata nella nostra coscienza. Questa trasformazione deve essere realizzata durante la nostra vita e questo compito è l’unico vero scopo che un essere umano può avere. Tutte le altre conquiste sono effimere, quando la morte le dissolve nel nulla.

Questa trasformazione implica un cambiamento totale e questo si ottiene attraverso la Ricapitolazione: la pietra angolare dell’arte della libertà. La ricapitolazione è la tecnica di richiamare l’energia già sprecata nelle nostre azioni precedenti. Comporta ricordare tutte le persone che abbiamo incontrato, ricordare tutti i luoghi che abbiamo visto e infine ricordare tutte le emozioni che abbiamo provato durante la nostra vita.

Partiamo dal presente e ci muoviamo all’indietro – verso i ricordi del passato – e poi li spazziamo via uno ad uno con il respiro. Inspiriamo attraverso il naso mentre giriamo la testa a sinistra ed espiriamo girando la testa a destra. Poi gira la testa a sinistra e a destra in un unico movimento, senza respirare. Questo strano modo di respirare è la chiave della ricapitolazione perché l’inspirazione ci permette di ritirare l’energia che abbiamo perso, mentre l’espirazione espelle l’energia estranea e indesiderata che si è accumulata dentro di noi a causa della nostra interazione con i nostri simili.

La ricapitolazione non è un esercizio arbitrario o capriccioso

Quando lo facciamo dovremmo sentire dei lunghi fili elastici che si estendono dal punto di montaggio. Questi fili sono in realtà dei conduttori che restituiranno l’energia che abbiamo lasciato. Per ritrovare forza e unità, dobbiamo liberare la nostra energia che è intrappolata nel mondo e riportarla a noi.

Mentre eseguiamo la ricapitolazione, estendiamo questi fili elastici di energia attraverso lo spazio e il tempo alle persone, ai luoghi e agli eventi che stiamo considerando. Il risultato è che possiamo tornare a qualsiasi momento della nostra vita come se fossimo realmente lì. L’importante è rivivere gli eventi e i sentimenti nel modo più dettagliato possibile e poi toccarli con un respiro ampio per rilasciare l’energia intrappolata.

Cominciamo a fare una lista di tutte le persone che abbiamo incontrato, partendo dal presente e andando lentamente indietro fino ai nostri primi ricordi. Questa lista forma uno stampo per la mente a cui aggrapparsi. Il livello iniziale di ricapitolazione consiste in due cose. La prima è la lista e la seconda è la messa in scena. Impostare la scena significa evocare mentalmente tutti i dettagli relativi agli incidenti che si vogliono ricordare.

Una volta che siete riusciti a impostare mentalmente la scena, fate uso di una respirazione a tappeto. Il movimento della vostra testa sarà come un ventilatore che agita tutto nella scena. Se ricordate una stanza, per esempio, respirate le pareti, il soffitto, i mobili, le persone che vedete.

E non fermatevi finché non avrete assorbito fino all’ultima goccia di energia che avete lasciato lì. Ricorda, devi avere l’intenzione di respirare l’energia che hai lasciato nello spazio che immagini e, dall’altra parte, devi espirare l’energia esterna che è stata infiltrata in te da altri. La ricapitolazione deve iniziare concentrando l’attenzione sull’ultima esperienza sessuale perché è lì che è intrappolata la maggior parte dell’energia, quindi dobbiamo rilasciare prima quei ricordi!

Le donne, molto più degli uomini, sono le vere sostenitrici dell’ordine sociale. Infatti, per adempiere a questo scopo sono stati allevati, uniformemente in tutto il mondo, per essere al servizio degli uomini. Non fa differenza se sono letteralmente comprati come schiavi o se sono corteggiati e amati. Il loro scopo e destino fondamentale è lo stesso. Per nutrire, proteggere e servire gli uomini.

Nel regno umano, lo scopo fondamentale del rapporto sessuale è la procreazione. Ma c’è un’altra funzione nascosta, che serve a garantire il flusso continuo di energia dalle donne agli uomini. Gli uomini lasciano certe linee di energia nel corpo di una donna.

Questi assomigliano a bande leggere o a vermi che si muovono verso l’utero succhiando costantemente energia. Sono collocati per assicurare che una quantità costante di energia raggiunga l’uomo che li ha collocati. Queste linee di energia, che si installano con l’atto sessuale, rubano e accumulano energia dal corpo femminile a beneficio dell’uomo che le ha collocate.

Le donne sono la base per la perpetuazione della specie umana. Il volume di energia che proviene da loro è incanalato non solo per la gestazione, la nascita e l’allevamento del bambino, ma anche per assicurare che l’uomo abbia la sua parte in tutto questo processo.

Nella sua forma ideale, questo processo fa sì che la donna nutra energeticamente il marito attraverso i fili lasciati nel suo corpo e così l’uomo è, in modo misterioso, sostenuto da lei a livello eterico. Questo si esprime nel comportamento manifesto degli uomini che tornano sempre con la stessa donna, proprio perché è così che mantengono la fonte che li sostiene.

In questo modo, la natura fa sì che gli uomini, oltre all’intenzione immediata di gratificazione sessuale, stabiliscano legami sempre più permanenti con le donne. Questi fili di energia lasciati nel grembo delle donne si fondono in seguito con la composizione energetica del bambino, in particolare dopo il concepimento. Questo è un elemento importante dei legami familiari, perché l’energia del padre si fonde con l’energia del bambino, così che l’uomo può sentire che il bambino è suo.

Le donne sono state educate a farsi sedurre facilmente dagli uomini, senza il minimo sospetto delle conseguenze del rapporto sessuale in termini di drenaggio di energia. Portano questi vermi energetici – cioè le linee energetiche per sette anni. Dopo questo tempo scompaiono o diminuiscono.

Ma la parte triste di questa storia è che non appena si avvicina la fine di questo periodo, l’intero esercito di linee dal primo all’ultimo uomo viene sconvolto tutto in una volta e la donna è costretta ad avere di nuovo un rapporto sessuale. Poi tutti i vermi che si nutrono dell’energia femminile diventano più forti per altri sette anni. È veramente un circolo vizioso.

I vermi muoiono se la donna rimane nubile e si rifiuta di avere attività sessuale per sette anni. Ma è quasi impossibile per una donna rimanere celibe per così tanto tempo al giorno d’oggi, a meno che non si faccia suora o abbia soldi per mantenersi nella vita. Ma anche in questo caso, la donna ha bisogno di una logica completamente diversa. Il dualismo mente-corpo è una falsa dicotomia. La vera separazione esiste tra il corpo fisico che ospita la mente e il corpo eterico o doppio – che ospita la nostra energia. Il volo astratto si verifica quando trasformiamo il doppio nella nostra vita quotidiana.

In altre parole, nel momento in cui il corpo fisico diventa pienamente cosciente della sua controparte energetica eterica, incontriamo l’astratto che è un livello completamente diverso di coscienza e percezione. Una ricapitolazione completa e approfondita ci aiuta a prendere coscienza di ciò che vogliamo cambiare, proprio perché ci permette di vedere la nostra vita senza illusioni. Ci permette di scegliere se vogliamo accettare la nostra vita così com’è o cambiarla radicalmente – prima di rimanere intrappolati in modo permanente.

Per cambiare abbiamo bisogno di tre condizioni: primo, dobbiamo annunciare a gran voce la nostra intenzione di cambiare. In secondo luogo, dobbiamo impegnare la nostra coscienza, la nostra percezione, per un periodo di tempo. Non possiamo iniziare qualcosa e poi abbandonarla quando ci annoiamo. In terzo luogo, dobbiamo vedere il risultato delle nostre azioni con un senso di distacco. Questo significa che non dobbiamo farci prendere da sentimenti di successo o di fallimento.

Quando le nostre forze positive e negative sono bilanciate, ciascuna nega l’altra e ciò significa che il nostro valore è zero. Significa anche che non possiamo essere turbati da qualcuno che ci critica, né possiamo essere contenti di qualcuno che si complimenta con noi. Attraverso il processo di ricapitolazione possiamo essere svuotati di pensieri e desideri e per gli antichi veggenti questo significava che è possibile diventare uno con l’intenzione del drago, quindi invisibile.

Gli occhi delle persone che hanno realizzato il passaggio riflettono un’indifferenza indescrivibile perché non guardano il mondo esterno ma sono rivolti all’interno e guardano ciò che non è ancora presente. L’occhio che guarda all’interno è inamovibile. Non riflette gli interessi o le paure umane. Riflette la vastità. I veggenti che hanno guardato l’infinito confermano che l’infinito, a sua volta, guarda con fredda e ostinata indifferenza.

Lo scopo della ricapitolazione è quello di rompere gli assunti di base che abbiamo accettato nella nostra vita. Se non sono rotte, non possiamo evitare che il potere del ricordo offuschi la nostra percezione. Il mondo è uno schermo gigante pieno di ricordi. Se alcuni presupposti di base vengono infranti, allora il potere del ricordo non è solo inattivo, ma addirittura abolito.

Immaginatevi come un enorme deposito di ricordi. In questo magazzino, qualcuno diverso da voi ha messo emozioni, idee, dialoghi mentali e modelli di comportamento. Dato che è il tuo magazzino personale, puoi entrare per esplorare e usare, in qualsiasi momento, tutto ciò che vi trovi. Ma il problema è che non hai assolutamente alcun diritto sul catalogo di ciò che il magazzino contiene, proprio perché è stato creato prima che tu ne diventassi proprietario. Pertanto, siete molto limitati nella scelta delle singole parti.

Possiamo considerare il corpo umano sia come un organismo biologico, sia come una fonte di potere. Questo dipende dallo stato del nostro inventario. Il corpo può essere duro e rigido o morbido e flessibile. Se il nostro magazzino è vuoto, allora anche il corpo è vuoto, permettendo all’energia dell’infinito di fluire attraverso di esso.

Per svuotarci, dobbiamo immergerci in uno stato di ricapitolazione profonda, permettendo così all’energia di fluire attraverso di noi senza ostacoli. Solo quando siamo calmi possiamo dare totale padronanza al visionario che è in noi, solo allora l’energia impersonale dell’universo può essere trasformata nell’energia totalmente personale dell’intenzione.

Quando ci siamo liberati in modo soddisfacente del catalogo antiquato e sovraccarico, l’energia viene da noi e si accumula naturalmente. Quando una quantità sufficiente di energia si fonde, si trasforma in energia. L’importante è essere consapevoli. Il corpo eterico è una massa di energia. Eppure siamo coscienti solo del duro guscio esterno. Possiamo diventare coscienti del nostro lato eterico se permettiamo alla nostra intenzione di concentrarsi nuovamente su di esso.

Il corpo fisico è inestricabilmente legato alla sua controparte eterica, ma questo legame è stato offuscato dai nostri pensieri e sentimenti focalizzati esclusivamente sul nostro corpo fisico. Per spostare la nostra percezione dal corpo alla sua controparte fluida, dobbiamo prima distruggere la barriera che separa i due aspetti della nostra esistenza.

La griglia eterica è la luminosità che racchiude il nostro corpo fisico. Questa griglia si rompe nella nostra vita quotidiana. Enormi quantità di energia si perdono o si mischiano con le cinture di energia di altre persone. Se qualcuno perde troppa forza vitale si ammala o muore.

La presunzione, la mancanza di obiettivi, l’ambizione sfrenata, la sensualità inesplorata, la codardia degli esseri inorganici e degli esseri di DNA diverso… La lista dei nemici che cercano di fermare il nostro volo verso la libertà non finisce mai. Dobbiamo essere implacabili nelle nostre battaglie contro di loro. I nostri umori ed emozioni sono i nostri veri nemici e sono devastanti e pericolosi come il bandito armato fino ai denti che ci aspetta in qualche angolo buio della strada.

Un mago è colui che, attraverso l’autodisciplina e la perseveranza, può rompere i confini della percezione quotidiana.

All’interno dell’intento magico non c’è spazio per la sconfitta perché i maghi hanno solo una prospettiva di fuga. Per avere successo in qualsiasi cosa intraprendano. Ma per avere una prospettiva così forte e chiara, devono resettare la propria esistenza. Per ottenere questo richiede comprensione e forza. La comprensione viene dalla ricapitolazione delle loro vite e la forza si accumula dalle loro azioni impeccabili e senza difetti e dall’accumulo del silenzio interiore.

Eleni Paschou

Fonte: πληροφορίες από ”Το Πέρασμα των Μάγων”

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code