toba60

Ora è Ufficiale: I Completamente Vaccinati Soffrono di Tassi di Infezione di Molto Superiori Rispetto ai non Vaccinati nel Regno Unito

Ai dati inequivocabili che poi ognuno attraverso i nostri allegati può verificare in prima persona, abbiamo voluto inserire uno studio effettuato da parte di alcune Università Cinesi sul covid, che incredibilmente ci pone di fronte a un quadro generale che stravolge totalmente ogni riferimento mediatico mainstream posto all’attenzione del pubblico su scala Globale.

Toba60

La Frode Infinita sui Vaccini

I completamente vaccinati soffrono di tassi di infezione molto più alti rispetto ai non vaccinati e peggiorano di giorno in giorno; non c’è alcuna giustificazione per i passaporti dei vaccini

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito pubblica statistiche Covid dettagliate che, per le ultime sette settimane, sono state tabulate per gruppo di età e stato di vaccinazione. Questo permette ora di rispondere a domande importanti.

L’Agenzia sostiene che la maggior parte dei vaccinati soffre di tassi di infezione sostanzialmente più alti e il suo ultimo grafico fornisce un’istantanea:

Tutti gli over 30 vaccinati nel Regno Unito ora sopportano tassi di infezione molto più alti delle loro controparti non vaccinate. Tuttavia, questo non ci dice nulla su come questo sia sorto, o su come possa evolvere. Qui ripresentiamo i dati dell’agenzia in una serie temporale, per promuovere una migliore comprensione delle tendenze e delle implicazioni.

Il Regno Unito ha per lo più vaccinato la sua popolazione in ordine di età, dal più vecchio al più giovane, e molto recentemente ha iniziato a vaccinare la sua coorte sotto i 18 anni. Essendo i più recenti vaccinati nel Regno Unito, hanno un grado molto alto di resistenza all’infezione da Covid:

Questa ondata di persone appena vaccinata beneficia di un miglioramento del 90% nei loro tassi di infezione, il che significa che la loro incidenza di casi è 10 volte migliore di quella delle loro controparti non vaccinate. Questo è impressionante e fa sorgere la domanda su quanto possa durare questo alto grado di protezione.

La risposta, purtroppo, sembra non essere molto lunga:

Il precedente gruppo di età del Regno Unito ad essere vaccinato era la coorte 18-29 anni, la metà dei quali è stata vaccinata completamente circa 9 settimane fa. Anche se stanno ancora meglio dei non vaccinati nella loro fascia d’età, hanno perso la maggior parte della loro resistenza relativa all’infezione. Se continuano la loro traiettoria, alla dodicesima settimana quel beneficio sarà completamente scomparso.

Il gruppo di età che è stato vaccinato più presto è stato quello dei 30-39 anni. La metà era completamente vaccinata intorno alla settimana 27, e alla settimana 39 (di nuovo circa 12 settimane dopo) aveva perso la sua maggiore resistenza all’infezione. Almeno per queste due , sembra che la loro resistenza indotta dal vaccino sia stata ridotta a zero in meno di 3 mesi.

Sfortunatamente, non si ferma qui; seguendo i dati si vede che i vaccinati scendono in territorio negativo, il che ci può portare a chiederci come stanno facendo ora tutte le persone precedentemente vaccinate.

In termini di vulnerabilità alle infezioni, la risposta non è così buona:

L’intera comunitá di persone dei 40-79 anni vaccinati è profondamente negativa, ora sotto il meno 50%, il che significa che soffrono più del doppio del tasso di infezione delle loro controparti non vaccinate, e non c’è una fine ovvia in vista; data la tendenza costante e fortemente negativa per tutte le coorti di adulti, è impossibile indovinare dove o quando queste traiettorie potrebbero raggiungere il fondo.

Ma la tendenza è il risultato di una maggiore vulnerabilità tra i vaccinati, o si sta sviluppando una maggiore resistenza tra i non vaccinati?

La risposta sembra essere entrambe le cose:

Gli adulti non vaccinati stanno godendo di tassi di infezione significativamente più bassi, ma gli adulti vaccinati stanno chiaramente andando nella direzione opposta:

Questo porta alla domanda:

perché i vaccinati devono subire tassi crescenti di infezione, mentre i tassi di casi dei non vaccinati sono diminuiti e sono più bassi? Sicuramente dovremmo aspettarci che i vaccinati se la passino meglio, certamente non peggio.

Tuttavia, per tutta la comunitá di adulti, tranne una, è vero l’esatto contrario, e anche per loro, sembra, non per molto:

È stato suggerito che l’infezione tra i non vaccinati ha indotto una forte immunità naturale che porta alla loro immunità di gregge. Questo può essere un fattore, ma, come abbiamo visto, anche i vaccinati sono stati infettati e almeno nei soggetti dai 40-79 anni, a tassi molto più alti. Perché questo non dovrebbe beneficiare anche i vaccinati?

Dobbiamo capire che l’infezione post-vaccinazione potrebbe non produrre un’immunità ampia simile?

La vaccinazione mira ad alterare la risposta immunitaria post-infezione, che è, ovviamente, l’obiettivo; è concepibile che questa risposta alterata possa mettere a tacere lo sviluppo di un’immunità ampia e duratura che altrimenti risulta normalmente dall’infezione naturale. Questo potrebbe lasciare i vaccinati più esposti alla reinfezione, e potrebbe aiutare a spiegare questi risultati. Ma questa rimane una speculazione, semplicemente non lo sappiamo oggi.

Quello che sappiamo, dai dati del Regno Unito, è che chiunque sia stato vaccinato più di qualche mese fa ha un rischio molto più alto di infezione da Covid, ed è quindi molto più probabile che venga infettato rispetto alle controparti non vaccinate.

Molto è stato detto e scritto per dimostrare che i vaccinati sono ugualmente capaci di trasmettere il Covid. Tuttavia, poiché i loro sintomi tendono ad essere più lievi, è anche più probabile che siano in giro e con l’aumento dei tassi di infezione, non c’è dubbio che i vaccinati sono ora il maggior rischio di trasmissione del Covid.

Alla luce di ciò, i passaporti di vaccinazione sono chiaramente privi di significato; non sono altro che un invito al contagio, per il quale non può più esserci alcuna giustificazione.

Fonte dei dati: UK Health Safety Agency COVID-19 Vaccine Surveillance Reports settimane 36-42:

Leggi il rapporto UKHSA qui.

Dati sul tasso di infezione di cui sopra:

Tassi di infezione relativi derivati dai dati dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito:

La proteina spike del nuovo coronavirus svolge un ruolo chiave aggiuntivo nella malattia

Ricercatori e collaboratori di Salk mostrano come la proteina danneggi le cellule, confermando il COVID-19 come una malattia principalmente vascolare.

Gli scienziati sanno da un po’ che le proteine “spike” distintive della SARS-CoV-2 aiutano il virus a infettare il suo ospite attaccandosi alle cellule sane. Ora, un nuovo importante studio mostra che le proteine “spike” del virus (che si comportano in modo molto diverso da quelle codificate in modo sicuro dai vaccini) giocano anche un ruolo chiave nella malattia stessa.

L’articolo, pubblicato il 30 aprile 2021 su Circulation Research, mostra anche in modo conclusivo che la COVID-19 è una malattia vascolare, dimostrando esattamente come il virus SARS-CoV-2 danneggi e attacchi il sistema vascolare a livello cellulare. Le scoperte aiutano a spiegare l’ampia varietà di complicazioni apparentemente scollegate della COVID-19 e potrebbero aprire la porta a nuove ricerche per terapie più efficaci.

“Molte persone pensano che sia una malattia respiratoria, ma in realtà è una malattia vascolare”, dice l’assistente professore di ricerca Uri Manor, che è co-autore senior dello studio. “Questo potrebbe spiegare perché alcune persone hanno ictus, e perché alcune persone hanno problemi in altre parti del corpo. L’elemento comune tra loro è che tutti hanno basi vascolari”.

I ricercatori di Salk hanno collaborato con gli scienziati dell’Università della California San Diego sul documento, tra cui il co-first author Jiao Zhang e il co-senior author John Shyy, tra gli altri.

Mentre i risultati stessi non sono del tutto una sorpresa, il documento fornisce una chiara conferma e una spiegazione dettagliata del meccanismo attraverso il quale la proteina danneggia le cellule vascolari per la prima volta. C’è stato un crescente consenso sul fatto che la SARS-CoV-2 colpisce il sistema vascolare, ma esattamente come lo fa non è stato capito. Allo stesso modo, gli scienziati che studiano altri coronavirus hanno a lungo sospettato che la proteina spike contribuisse a danneggiare le cellule endoteliali vascolari, ma questa è la prima volta che il processo è stato documentato.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno creato uno “pseudovirus” che era circondato dalla classica corona di proteine spike della SARS-CoV-2, ma non conteneva alcun virus effettivo. L’esposizione a questo pseudovirus ha provocato danni ai polmoni e alle arterie di un modello animale, dimostrando che la sola proteina spike era sufficiente a causare la malattia. I campioni di tessuto hanno mostrato un’infiammazione nelle cellule endoteliali che rivestono le pareti delle arterie polmonari.

Il team ha poi replicato questo processo in laboratorio, esponendo le cellule endoteliali sane (che rivestono le arterie) alla proteina spike. Hanno dimostrato che la proteina spike ha danneggiato le cellule legando ACE2. Questo legame ha interrotto la segnalazione molecolare di ACE2 ai mitocondri (organelli che generano energia per le cellule), causando danni e frammentazione dei mitocondri.

Studi precedenti hanno mostrato un effetto simile quando le cellule sono state esposte al virus SARS-CoV-2, ma questo è il primo studio a dimostrare che il danno si verifica quando le cellule sono esposte alla proteina spike da sola.

Se si rimuovono le capacità replicative del virus, esso ha ancora un importante effetto dannoso sulle cellule vascolari, semplicemente in virtù della sua capacità di legarsi a questo recettore ACE2, il recettore della proteina S, ora famoso grazie a COVID”, spiega Manor. “Ulteriori studi con proteine spike mutanti forniranno anche nuove informazioni sull’infettività e la gravità dei virus mutanti della SARS CoV-2″.

I ricercatori sperano di dare uno sguardo più da vicino al meccanismo con cui la proteina ACE2 mutata danneggia i mitocondri e li fa cambiare forma.

Altri autori dello studio sono Yuyang Lei e Zu-Yi Yuan della Jiaotong University di Xi’an, Cina; Cara R. Schiavon, Leonardo Andrade e Gerald S. Shadel di Salk; Ming He, Hui Shen, Yichi Zhang, Yoshitake Cho, Mark Hepokoski, Jason X.- J. Yuan, Atul Malhotra, Jin Zhang della University of California San Diego; Lili Chen, Qian Yin, Ting Lei, Hongliang Wang e Shengpeng Wang della Xi’an Jiatong University Health Science Center di Xi’an, Cina.

La ricerca è stata sostenuta dal National Institutes of Health, dalla National Natural Science Foundation of China, dallo Shaanxi Natural Science Fund, dal National Key Research and Development Program, dal First Affiliated Hospital of Xi’an Jiaotong University e dalla Xi’an Jiaotong University.

Martin Zandstra DOI: 10.1161/CIRCRESAHA.121.318902

Fonti : theexpose.uk & ahajournals.org & salk.edu

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code