toba60

Perché Perdere un Cane può Essere più Difficile che Perdere un Parente o un Amico

Sfido chiunque abbia avuto un cane se non ricorda ogni momento vissuto con lui.

Terry e GaiaMadre e Figlia

Tempo va sfogliavo un album dei ricordi, vedevo foto di gente conosciuta che si accavalla la quale ti fa ricordare un passato che non c’è, ma erano poche le immagini che non ritraevano il mio fedele amico a quattro Zampe, ed ogni riferimento nel mio immaginario lo vedeva sempre presente da qui all’eternità.

Ciao Terry

Perdere un Cane

I cani sono una parte importante della routine dei loro padroni, il che rende la loro perdita ancora più sconvolgente.

Recentemente, io e mia moglie abbiamo vissuto una delle esperienze più strazianti della nostra vita: l’eutanasia del nostro amato cane Murphy. Ricordo di aver incrociato lo sguardo di Murphy pochi istanti prima che esalasse l’ultimo respiro: mi ha lanciato un’occhiata che era un’accattivante miscela di confusione e di rassicurazione che tutti stavano bene perché eravamo entrambi al suo fianco.

Quando le persone che non hanno mai avuto un cane vedono i loro amici proprietari di cani piangere la perdita di un animale domestico, probabilmente pensano che sia una reazione un po’ esagerata; dopo tutto, si tratta di “solo un cane”.

Tuttavia, chi ha amato un cane conosce la verità: il proprio animale domestico non è mai “solo un cane”.

Molte volte gli amici mi hanno confidato con senso di colpa di aver sofferto di più per la perdita di un cane che per la perdita di amici o parenti. Le ricerche hanno confermato che per la maggior parte delle persone la perdita di un cane è, sotto quasi ogni aspetto, paragonabile alla perdita di una persona cara umana. Sfortunatamente, non c’è molto nel nostro manuale culturale nessun rituale di lutto, nessun necrologio sul giornale locale, nessuna funzione religiosa – che ci aiuti a superare la perdita di un animale domestico, il che può farci sentire più che imbarazzati nel mostrare troppo dolore pubblico per i nostri cani morti.

Forse se le persone si rendessero conto di quanto sia forte e intenso il legame tra le persone e i loro cani, questo lutto diventerebbe più ampiamente accettato. Questo aiuterebbe molto i proprietari di cani a integrare la morte nella loro vita e ad andare avanti.

Un legame interspecie come nessun altro

Cosa c’è di preciso nei cani che fa sì che gli esseri umani si leghino così strettamente a loro?

Per cominciare, i cani hanno dovuto adattarsi a vivere con gli esseri umani negli ultimi 10.000 anni. E lo hanno fatto molto bene: Sono gli unici animali che si sono evoluti specificamente per essere nostri compagni e amici. L’antropologo Brian Hare ha sviluppato l'”ipotesi dell’addomesticamento” per spiegare come i cani si siano trasformati dai loro antenati lupi grigi in animali socialmente abili con i quali oggi interagiamo più o meno nello stesso modo in cui interagiamo con le altre persone.

Forse uno dei motivi per cui le relazioni con i cani possono essere ancora più soddisfacenti di quelle umane è che i cani ci forniscono un feedback positivo incondizionato e acritico. (Come dice il vecchio detto: “Che io possa diventare il tipo di persona che il mio cane pensa che io sia già”).

Non è un caso. Sono stati allevati selettivamente per generazioni per prestare attenzione alle persone e le scansioni di risonanza magnetica dimostrano che il cervello dei cani risponde alle lodi dei padroni con la stessa forza con cui risponde al cibo (e per alcuni cani le lodi sono un incentivo ancora più efficace del cibo). I cani riconoscono le persone e possono imparare a interpretare gli stati emotivi dell’uomo dalla sola espressione facciale. Studi scientifici indicano inoltre che i cani sono in grado di comprendere le intenzioni umane, di cercare di aiutare i loro padroni e persino di evitare le persone che non collaborano con i loro padroni o che non li trattano bene.

Non sorprende che gli esseri umani rispondano positivamente a questo affetto, assistenza e lealtà non corrisposti. Il solo guardare i cani può far sorridere le persone. I proprietari di cani ottengono punteggi più alti nelle misure di benessere e sono più felici, in media, delle persone che possiedono gatti o nessun animale domestico.

Come un membro della famiglia

Il nostro forte attaccamento ai cani è stato sottilmente rivelato da un recente studio sul “misnaming”. L’errore di denominazione si verifica quando si chiama qualcuno con il nome sbagliato, come quando i genitori chiamano erroneamente uno dei figli con il nome di un fratello. È emerso che anche il nome del cane di famiglia viene confuso con i membri umani della famiglia, il che indica che il nome del cane viene estratto dallo stesso pool cognitivo che contiene gli altri membri della famiglia. (Curiosamente, la stessa cosa accade raramente con i nomi dei gatti).

Non c’è da stupirsi che i proprietari di cani sentano così tanto la loro mancanza quando non ci sono.

La psicologa Julie Axelrod ha sottolineato che la perdita di un cane è così dolorosa perché i proprietari non perdono solo l’animale domestico. Può significare la perdita di una fonte di amore incondizionato, di un compagno primario che fornisce sicurezza e conforto e forse anche di un protetto che è stato seguito come un bambino.

La perdita di un cane può anche sconvolgere seriamente la routine quotidiana di un proprietario, più profondamente della perdita di molti amici e parenti. Per i proprietari, i loro programmi quotidiani – persino i piani per le vacanze – possono ruotare intorno alle esigenze dei loro animali domestici. I cambiamenti nello stile di vita e nella routine sono tra le principali fonti di stress.

Secondo un recente sondaggio, molti proprietari di animali domestici in lutto interpretano erroneamente suoni e vedute ambigue come movimenti, ansimi e piagnucolii dell’animale deceduto. È più probabile che questo accada poco dopo la morte dell’animale, soprattutto tra i proprietari che avevano un livello di attaccamento molto alto nei confronti del proprio animale.

Sebbene la morte di un cane sia orribile, i proprietari si sono talmente abituati alla presenza rassicurante e non giudicante dei loro compagni canini che, il più delle volte, alla fine ne prenderanno uno nuovo.

Quindi sì, mi manca il mio cane. Ma sono certa che negli anni a venire mi sottoporrò di nuovo a questa prova.

Frank T. McAndrew

Fonte: frankmcandrew.com

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code