toba60

Perché si Spinge a Rendere “Permanente” la Vita Pandemica

Dite la verità cari amici, non siete stufi di sentire parlare di covid, pandemia, vaccini, Lockdown, riaperture delle attivita, mascherine si mascherine no, per non parlare del perenne scaricabarile in televisione su tutto quello che doveva essere fatto o di quello che non ha avuto effetto, qui la storia sarebbe infinita, ma andiamo avanti.

Io ho sempre avuto la sensazione che questa pantomima non deve mai finire, sono troppe le idiozie messe in atto contemporaneamente in tutto il mondo per non nutrire un legittimo sospetto.

Ci hanno trattati da stupidi, hanno deliberato le più’ inaudibili sciocchezze della terra, il grave e’ che gran parte delle persone hanno assecondato ogni loro presa di posizione.

Entrare in sintonia con una nomenclatura di imbecilli, ha avuto un effetto storico memorabile, quello di infettare i popoli da un virus che ha sortito un effetto devastante, quello della stupidità, che ora necessita di un vaccino che le case farmaceutiche si guardano bene dal produrre.

Nell’attesa non avete che scegliere tra il suicidarsi o il fare qualcosa di utile….. si muore una volta sola e su questo ci state speculando un po troppo mi pare, anche la vita vuole la sua parte e molti se lo sono dimenticato….

Quella vera però, che vale la pena di essere vissuta, altrimenti optate per la prima soluzione……….l’unica consolazione e’ che non avrete modo di pentirvene da qui all’eternità…..

Non mi sembra il caso, dargliela vinta agli untori sarebbe proprio un errore imperdonabile

Toba60

L’eterna vita pandemica

Un anno dopo che agli americani è stato ordinato di chiudere la società per “due settimane per appiattire la curva”, l’editorialista di Bloomberg Andreas Kluth ha avvertito: “Dobbiamo iniziare a pianificare una pandemia permanente”.

Poiché le nuove varianti della SARS-COV-2 sono impermeabili ai vaccini esistenti, dice Kluth, e le aziende farmaceutiche non saranno mai in grado di sviluppare nuovi vaccini abbastanza velocemente da tenere il passo, non saremo mai in grado di “tornare alla normalità”.

“Tornare alla normalità” significa recuperare la relativa libertà che avevamo nelle nostre vite pre-Covid, già iperregolate. Questa è solo l’ultima di una lunga serie di crisi che sembrano sempre portare i nostri saggi governanti alla stessa conclusione: non possiamo più permetterci la libertà.

Il Covid-19 non è stato certamente l’inizio. Agli americani è stato detto che “il mondo è cambiato” dopo l’11 settembre. Pilastri fondamentali del sistema americano, come il Quarto e il Quinto emendamento, erano troppo antiquati per affrontare la “nuova minaccia del terrorismo”. La sorveglianza senza mandato dei nostri tabulati telefonici, e-mail e finanziari e le perquisizioni fisiche delle nostre persone senza causa probabile di un crimine divennero la norma. Alcuni libertari civili di principio dissentirono, ma il pubblico in gran parte si adeguò senza protestare.

“Teneteci al sicuro”, dissero al governo, non importa il costo in dollari o libertà.

Forse vedendo quanto volentieri il pubblico si è piegato alla destra politica durante la “guerra al terrorismo”, gli autoritari di sinistra hanno messo il turbo alla loro guerra al “cambiamento climatico”. Prima interessati solo ad aumentare significativamente le tasse e a regolamentare pesantemente l’industria, ora desiderano vietare ogni sorta di cose, compresi i viaggi aerei, le auto a benzina e persino il mangiare carne.

Dalla Covid-19, tuttavia, anche la libertà di riunirsi e di vedersi in faccia potrebbe essere permanentemente vietata per aiutare il governo a “tenerci al sicuro”.

Assaltare la nostra libertà non è l’unica caratteristica che queste narrazioni di crisi hanno in comune. Ne condividono almeno altre due: previsioni terribili che si rivelano false e soluzioni proposte che si rivelano inefficaci.

George W. Bush avvertì che Saddam Hussein aveva “armi di distruzione di massa” in grado di colpire New York City entro 45 minuti. Ha creato il Dipartimento della Sicurezza Nazionale e la TSA per prevenire, tra le altre cose, una “nuvola a fungo” su una grande città americana.

Vent’anni dopo, sappiamo che non c’erano armi di distruzione di massa in Iraq, che la minaccia terroristica era grossolanamente esagerata e che la TSA non ha ancora mai catturato un terrorista, nemmeno le due persone che hanno cercato di far esplodere degli esplosivi nascosti rispettivamente nelle loro scarpe e nelle loro mutande.

L’unico deterrente efficace del terrorismo è stato finora la politica estera relativamente più calma durante i quattro anni dell’amministrazione Trump, durante i quali le operazioni di cambio di regime sono cessate e i grandi attacchi terroristici negli Stati Uniti sono praticamente scomparsi.

Le previsioni di catastrofe ambientale si sono analogamente dimostrate false. I più giovani potrebbero non ricordare che nei primi anni ’70, molto prima che Alexandria Ocasio-Cortez nascesse, gli ambientalisti prevedevano disastri mondiali che poi non si sono materializzati. Nel 1989, l’Associated Press riportò: “Un alto funzionario ambientale delle Nazioni Unite dice che intere nazioni potrebbero essere spazzate via dalla faccia della Terra dall’innalzamento del livello del mare se la tendenza al riscaldamento globale non viene invertita entro l’anno 2000″. Lo stesso funzionario ha previsto che la temperatura della Terra aumenterà da 1 a 7 gradi nei prossimi 30 anni.

Ocasio-Cortez è famosa per aver predetto nel 2019: “Il mondo finirà in 12 anni se non affrontiamo il cambiamento climatico”. Ma Al Gore aveva avvertito nel 2006 che “a meno che non vengano prese misure drastiche per ridurre i gas serra entro i prossimi 10 anni, il mondo raggiungerà un punto di non ritorno.” Quindi, non è comunque troppo tardi?

Come la guerra al terrorismo, la guerra al cambiamento climatico ci chiede di rinunciare alla nostra libertà per soluzioni che non funzionano. Supponendo che i sostenitori del cambiamento climatico abbiano diagnosticato correttamente il problema e non abbiano esagerato la minaccia – ipotesi enormi da soli – l’attuazione della soluzione proposta non risolverà il problema, anche per i loro stessi standard.

I suoi sostenitori lo sanno. Gli Stati Uniti hanno già guidato il mondo nella riduzione delle emissioni di carbonio senza le disposizioni draconiane del Green New Deal. Se li ascoltate attentamente, i sostenitori del Green New Deal propongono che gli Stati Uniti rinuncino a ciò che resta loro della libertà e della prosperità solo come esempio per le nazioni in via di sviluppo, che presumono rinunceranno ai benefici dell’industrializzazione già goduti dai paesi sviluppati a causa del brillante esempio di un’America in catene e messa in ginocchio economicamente per “salvare la terra”.

Che sfortuna.

L’ultimo remake di questo film dell’orrore è Covid-19. Sebbene sia innegabilmente un grave agente patogeno che ha probabilmente ucciso più persone anche delle peggiori epidemie influenzali degli ultimi decenni (anche se questo è difficile da confermare dal momento che i funzionari della sanità pubblica hanno cambiato la metodologia per determinare una morte causata dal virus), il governo e i suoi tirapiedi sono ancora riusciti a esagerare grossolanamente questa minaccia.

Non c’è più alcun senso delle proporzioni quando si parla di Covid-19. Sì, è certamente possibile diffondere il virus dopo che uno è stato vaccinato o ha acquisito l’immunità naturale. Ma quanto è probabile? È più probabile della diffusione di altri agenti patogeni dopo l’immunità?

Se no, allora perché stiamo trattando le persone con l’immunità diversamente da come abbiamo fatto durante pandemie più pericolose in passato? Allo stesso modo, è probabile che le persone asintomatiche possano diffondere il virus – un pilastro chiave dell’argomento dell’isolamento – ma di nuovo, quanto è probabile?

La teoria che il Covid-19 possa essere diffuso da persone asintomatiche era originariamente basata sul caso di una singola donna che avrebbe infettato altre quattro persone senza accusare alcun sintomo. Anthony Fauci ha detto che questo caso “pone la questione a riposo”.

L’unico problema era che nessuno aveva chiesto alla donna in questione se avesse dei sintomi in quel momento. Quando si è scoperto che li aveva, lo studio su di lei è stato ritrattato. Uno studio successivo “non ha collegato alcun caso di COVID-19 a portatori asintomatici”, e un altro ancora ha concluso che la trasmissione della malattia da parte di portatori asintomatici “non è un fattore importante di diffusione”. Eppure, le politiche basate su questa falsità, come l’isolamento e l’obbligo per le persone asintomatiche di indossare maschere, rimangono in vigore.

Soprattutto, nessuna delle politiche di mitigazione del Covid-19 imposte dal governo funziona. Nessuna revisione retrospettiva condotta con una qualsiasi parvenza di metodo scientifico ha trovato una relazione tra le chiusure, i mandati per le maschere o l’allontanamento sociale e la diffusione del Covid-19. Infatti, lo studio più recente suggerisce che le chiusure possono aver aumentato le infezioni da Covid-19, oltre a tutte le morti in eccesso non-Covid che hanno causato.

Più e più volte, gli autoritari esagerano le crisi per spaventare a morte il pubblico e propongono soluzioni che hanno due cose in comune: richiedono più libertà e non funzionano. È sempre tutto dolore e nessun guadagno. Ci si chiede quante ripetizioni di questa esercitazione di crisi ci vorranno prima che i cittadini della cosiddetta “terra della libertà” pensino finalmente di chiedere:

Perché la libertà è sempre il problema?

Tom Mullen

Fonte: fee.org

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Codice IBAN      IT19B0306967684510332613282


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code