toba60

Qui i Dati Ufficiali i quali Dimostrano che i Vaccini Covid-19 Causano un Grave Degrado del Sistema Immunitario ed ogni Richiamo Peggiora Notevolmente le Cose

Alle volte noi della redazione ci domandiamo se ha un senso proporre queste informazioni, conosciamo bene come si siano comportati gli ebrei nonostante l’evidenza in prossimità dei campi di concentramento Nazisti, fino all’ultimo tutti hanno creduto che tutto questo fosse impossibile……

….su dai, questa e la nuova normalità, c’è a chi piace e a chi no, ad ognuno la sua scelta.

Toba60

Qui i Dati Ufficiali i quali Dimostrano che i Vaccini Covid-19 Causano un Grave Degrado del Sistema Immunitario e ogni Richiamo Peggiora Notevolmente le Cose

I dati governativi di Australia, Stati Uniti, Canada, Scozia e Inghilterra suggeriscono che le persone che hanno ricevuto almeno due vaccini mostrano ora segni di grave degradazione del sistema immunitario.

Questa erosione immunitaria, conosciuta anche come immunodeficienza acquisita, si crede sia la causa degli alti tassi di miocardite e di altre condizioni post-vaccino, alcune delle quali possono portare alla morte se progrediscono rapidamente, o alla malattia cronica se progrediscono più lentamente.

A questo punto del gioco, è chiaro che il vaccino COVID non funziona più.

Molti funzionari sanitari e leader mondiali stanno persino riconoscendo apertamente che i vaccini COVID non possono porre fine alla pandemia e che dobbiamo imparare a vivere con il virus.

Uno dei principali driver di questo cambiamento nella narrazione pandemica è l’emergere della variante Omicron che, a metà gennaio 2022, rappresentava il 99,5% di tutti i casi di COVID negli Stati Uniti.

L’infezione, molto più mite delle precedenti, sta spazzando via le popolazioni, lasciando l’immunità di gregge naturale nella sua scia. Nonostante questo, i produttori di vaccini stanno ancora lavorando duramente per produrre un’iniezione specifica per Omicron. Pfizer ha promesso di averlo pronto entro marzo 2022.

La domanda è perché, visto che al momento del lancio dell’iniezione, quasi tutti saranno stati esposti. Se l’immunità naturale del gregge è già esaurita, a cosa può servire un “vaccino”?

Tutti avranno un’immunità naturale

Come ha detto alla CNBC il dottor William Moss, direttore esecutivo dell’International Vaccine Access Center alla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, “A dicembre [2021] era necessario un vaccino mirato agli omicroni. Potrebbe essere ancora prezioso, ma penso che, per molti versi, sia troppo tardi”.

Il dottor Shaun Truelove, un epidemiologo di malattie infettive alla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e un membro di un team di ricercatori che fanno le proiezioni COVID, è d’accordo: “Dato quanto velocemente [la variante] viene prodotta, essa [il vaccino mirato] potrebbe non avere importanza perché tutti saranno infettati”. Il CEO di Pfizer Albert Bourla ammette persino di non sapere “se il nuovo vaccino sia necessario o meno o come potrebbe essere usato”, riporta la CNBC.

Il 25 gennaio 2022, Pfizer e Moderna hanno annunciato di aver iniziato l’arruolamento di adulti, di età compresa tra i 18 e i 55 anni, per gli studi sul vaccino specifico Omicron negli Stati Uniti e in Sudafrica. Pfizer valuterà la sicurezza, la tollerabilità e la risposta immunitaria in 1.420 volontari, alcuni dei quali avranno ricevuto due dosi, mentre altri avranno già ricevuto tre.

Una terza coorte non sarà vaccinata (anche se ci si chiede dove li prenderanno).

Anche Moderna si è unita alla futile corsa per produrre un Richiamo Omicron, anche se è dubbio che possano produrlo più velocemente di Pfizer.

L’amministratore delegato di Moderna, Stephane Bancel, ha detto alla CNBC che una quarta iniezione di COVID potrebbe anche essere all’orizzonte, “poiché è probabile che l’efficacia dei booster diminuisca nel tempo”. Non è chiaro a quale ceppo sarebbe rivolta la quarta iniezione.

Israele dimostra il fallimento dei booster COVID

Per un’anteprima di ciò che ci aspetta dopo la terza e quarta dose di richiamo, dobbiamo solo guardare a Israele, dove più di 250.000 quarte dosi erano già state somministrate all’inizio di gennaio 2022. Secondo la CNBC:

“I primi dati da Israele mostrano che una quarta dose aumenta i livelli di anticorpi, dice il dottor David Hirschwerk, uno specialista di malattie infettive e direttore medico del North Shore University Hospital al Northwell Health.

Ciò che la CNBC omette di sottolineare è che, dopo l’implementazione di una quarta dose, Israele ha ora il più alto tasso di casi di COVID pro capite di qualsiasi paese del mondo dall’inizio della pandemia.

Guardando un grafico Reuters del tasso medio di casi di sette giorni in Israele, qualcosa di assolutamente anormale sembra essere accaduto a metà gennaio 2022, poiché la linea spara dritta verso l’alto, raggiungendo un massimo storico di 75.603 nuove infezioni al giorno il 24 gennaio 2022.

Questo nonostante il fatto che il 74% della popolazione abbia ricevuto almeno una dose, il 67% abbia ricevuto due dosi e il 56% abbia ricevuto almeno un richiamo, al 25 gennaio 2022.

Cosa significa essere “completamente vaccinati”?

Anche se la narrazione della pandemia è cambiata recentemente, e abbastanza drammaticamente, con alcuni leader che parlano contro i booster senza essere cancellati o censurati, sembra chiaro che non siamo ancora fuori dai guai quando si tratta di “vaccini” COVID.

I produttori di vaccini mirano chiaramente a far sì che il vaccino COVID sia, come minimo, un’iniezione annuale. Nel frattempo, la definizione di ciò che significa essere “completamente vaccinati” contro la COVID continua a cambiare. All’inizio del 2021, molte persone senza dubbio hanno ottenuto la loro serie primaria (due iniezioni da Pfizer o Moderna, o una singola iniezione nel caso di AstraZeneca e Janssen) pensando che la vita sarebbe stata più facile in questo modo.

Essendo “completamente vaccinati”, non sarebbero danneggiati dalle restrizioni e dai mandati del passaporto vaccinale. Beh, quella fantasia è durata solo pochi mesi. Ora, coloro che hanno ricevuto la prima serie obbligatoria si trovano nella spiacevole situazione di essere ancora una volta tra i “non vaccinati” a meno che non si sottopongano a una terza iniezione.

Come ha spiegato la dottoressa Rochelle Walensky, direttore dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, durante una recente conferenza stampa:

“Quello che stiamo veramente facendo è cambiare il linguaggio per assicurarci che tutti siano aggiornati sui loro vaccini COVID-19, come potrebbero e dovrebbero essere personalmente, in base a quando sono stati vaccinati l’ultima volta. Se hai ricevuto di recente la tua seconda dose ma non sei idoneo per un richiamo, sei aggiornato. Se sei idoneo per un richiamo e non l’hai ricevuto, non sei aggiornato e devi fare il richiamo.

È solo una questione di tempo prima che quelli che hanno tre vaccini siano “non vaccinati” a meno che non ricevano un quarto, e così via ad nauseam. Una domanda senza risposta è: quante iniezioni di mRNA può sopravvivere una persona?

Dato che l’iniezione induce il corpo a produrre proteine tossiche in quantità incontrollate, sembra ragionevole supporre che ci sia un limite di tolleranza, anche se questo limite può variare da persona a persona. Non si sa bene quante persone siano a una sola iniezione di distanza da un effetto collaterale invalidante o da una morte improvvisa.

Ogni vaccino degrada il tuo sistema immunitario

Come riportato da The Exposé il 22 gennaio 2022, i dati governativi di tutto il mondo suggeriscono che le persone che hanno ricevuto almeno due vaccini mostrano segni di grave degradazione del sistema immunitario.

Secondo questo rapporto, i dati di Australia, Stati Uniti, Canada, Scozia e Inghilterra mostrano chiaramente “che la capacità del sistema immunitario delle loro popolazioni vaccinate è stata decimata rispetto alla popolazione non vaccinata”. Per cominciare, i casi di Omicron stanno aumentando molto più rapidamente e più facilmente tra i vaccinati e potenziati che tra i non vaccinati.

Pertanto, i possessori di passaporto per i vaccini hanno 2,2 volte più probabilità di diffondere la COVID rispetto ai non vaccinati a cui viene negato il passaporto per i vaccini e che vengono rinchiusi in centri di detenzione.

In Australia, i vaccinati hanno 2,2 volte più probabilità di diffondere la COVID rispetto ai non vaccinati. “Pertanto, i possessori di passaporto per i vaccini hanno 2,2 volte più probabilità di prendere la COVID rispetto ai non vaccinati a cui viene negato il passaporto per i vaccini e vengono rinchiusi in centri di detenzione”, nota seccamente The Exposé.

Diversi studi hanno anche dimostrato che l’efficacia del vaccino diminuisce incredibilmente in fretta. Ancora più preoccupante è il fatto che non scende a zero. L’immunità diventa negativa, il che significa che i vaccinati e i potenziati diventano rapidamente PIÙ inclini all’infezione da COVID di prima.

Tassi di efficacia negativi sono stati riscontrati in molti paesi.

Negli Stati Uniti, uno studio su 780.225 veterani di guerra americani ha scoperto che l’efficacia dell’inoculazione è diminuita drasticamente entro sei mesi:

Janssen è passata dall’86,4% di efficacia all’inizio al 13,1% nel sesto mese.

Moderna è passata dall’89,2% al 58%.

Pfizer è passata dall’86,9% al 43,3%.

Uno studio canadese ha scoperto che l’efficacia del vaccino ha cominciato a diminuire bruscamente dalla seconda settimana dopo la seconda iniezione. Al sesto mese dopo la seconda iniezione, il sangue del 70% dei residenti delle case di cura aveva “una capacità molto scarsa di neutralizzare l’infezione da coronavirus negli esperimenti di laboratorio”.

Nel Regno Unito, i dati del governo “mostrano un chiaro declino lineare nell’efficacia del vaccino ad un tasso medio del 4,8% a settimana per quelli dai 18 anni in su”, riporta The Exposé, e dalla 9a settimana dopo la seconda iniezione, l’efficacia inizia a diventare negativa.

“Le persone doppiamente vaccinate (non potenziate) nel Regno Unito hanno (a partire da gennaio 2022) esaurito l’efficacia del sistema immunitario contro Delta e Omicron rispetto alle persone non vaccinate”, scrive The Exposé. La domanda è se ci può essere un punto in cui il sistema immunitario smette di deteriorarsi. Per ora, non lo sappiamo.

Utilizzando i dati di cinque rapporti di sorveglianza del vaccino HSA-19 del Regno Unito, The Exposé ha creato il seguente grafico, che illustra “le prestazioni complessive del sistema immunitario tra tutti i gruppi di età in Inghilterra negli ultimi cinque mesi”.

L’Exposé spiega:

“Quello che possiamo vedere da quanto sopra è che le prestazioni del sistema immunitario degli adulti tra i 18 e i 59 anni si sono deteriorate ai livelli peggiori da quando è stato dato loro il vaccino COVID-19.

Mentre le prestazioni del sistema immunitario di tutti coloro che hanno 60 anni e più sono peggiorate drammaticamente dopo aver ricevuto il vaccino di richiamo, ma non ancora al livello visto tra la settimana 37 e 40. Tuttavia, quelli di 70 anni e più hanno sperimentato il calo più drammatico nelle prestazioni del sistema immunitario tra il mese 4 e il mese 5, insieme a quelli di età compresa tra 18 e 29 anni.

Il miglioramento del 55% del sistema immunitario delle persone di 80 anni e più che si è verificato con i richiami tra il mese 3 e il mese 4 è peggiorato tra il mese 4 e il mese 5. Il loro sistema immunitario funziona meglio dell’1% rispetto al mese 3, ma è ancora peggiore del 54% di quello delle loro controparti non vaccinate.

Il miglioramento del 73% del sistema immunitario delle persone di 70-79 anni, che si è verificato con i richiami tra il mese 3 e il mese 4, è anche peggiorato tra il mese 4 e il mese 5. Il loro sistema immunitario funziona il 10% meglio che al mese 3, ma è ancora peggiore del 63% delle loro controparti non vaccinate.

Tuttavia, la piccola spinta data al sistema immunitario di tutti i 30-59enni dai vaccini tra il mese 3 e 4 è stata completamente decimata il mese successivo, mentre i 18-29enni hanno sperimentato un calo del 60% delle prestazioni del sistema immunitario tra i mesi 4 e 5.

Le persone con doppia e tripla iniezione sono a rischio di sindrome da immunodeficienza acquisita da vaccino (VAIDS)?

A questo punto vi starete chiedendo se questa efficacia negativa possa essere indicativa di qualcosa di molto peggio che essere semplicemente più inclini all’infezione da Omicron. Exposé ritiene che i vaccinati doppi e tripli possano effettivamente soffrire di una sindrome da immunodeficienza acquisita da vaccino simile all’AIDS, o VAIDS.

Anche se credo che sia ancora troppo presto per raggiungere una conclusione definitiva, l’ex vicepresidente della Pfizer Michael Yeadon ha fatto una dichiarazione simile. In un articolo del 6 dicembre 2021, Yeadon ha riferito quanto segue:

“Se l’erosione immunitaria si verifica dopo due dosi e pochi mesi, come possiamo escludere la possibilità che gli effetti di un “booster” non testato non si erodano più velocemente e in misura maggiore?”

L’articolo continua citando un preprint di Lancet che ha confrontato i risultati tra svedesi “vaccinati” e non vaccinati nel corso di nove mesi. Come in altri studi, hanno trovato che la protezione contro la COVID sintomatica declinava rapidamente e, sei mesi dopo la vaccinazione, “alcuni dei gruppi vaccinati più vulnerabili erano più a rischio dei loro pari non vaccinati”.

“I medici chiamano questo fenomeno nei vaccinati ripetuti ‘erosione immunitaria’ o ‘immunodeficienza acquisita’, che spiega l’alta incidenza di miocardite e altre malattie post-vaccinazione che li colpiscono più rapidamente, con conseguente morte, o più lentamente, con conseguente malattia cronica”, spiegano i medici di Frontline.

L’articolo cita anche un rapporto dell’agosto 2021 dalla Scozia, che ha trovato che le persone che avevano ricevuto il vaccino avevano 3,3 volte più probabilità di morire per l’infezione COVID rispetto ai non vaccinati, un risultato che certamente demolisce l’affermazione che il vaccino previene malattie gravi e la morte anche se l’infezione sintomatica viene contratta.

I ricoveri in terapia intensiva aumentano tra gli inglesi vaccinati immunocompromessi

Il Daily Mail del 20 novembre 2021 ha anche riferito che i ricoveri settimanali in terapia intensiva dei “pazienti più vulnerabili” sono aumentati del 50% nei due mesi precedenti, con 1 su 28 pazienti in terapia intensiva che hanno malattie che colpiscono il loro sistema immunitario. I pazienti con cancro del sangue e trapianti d’organo costituivano la maggioranza di questo gruppo.

Anche se il Daily Mail ha dato la colpa al tasso insolitamente alto di ricoveri di pazienti immunocompromessi all’incapacità del governo di mettere in atto vaccini di richiamo abbastanza rapidamente per contrastare l’immunità calante, questo è incredibilmente miope. Come ha sottolineato America’s Frontline Doctors, i vaccini stanno creando dei “drogati di vaccini”, nel senso che il loro sistema immunitario non sarà in grado di proteggersi dalla COVID senza di loro. Tuttavia, è ancora un’impresa perdente, poiché ogni iniezione non fa che peggiorare l’erosione immunitaria.

In definitiva, sembra che molti possano finire per essere solo un’iniezione di VAIDS mentre continuano a inseguire la protezione contro un coronavirus in continua mutazione.

L’articolo del Daily Mail racconta la storia di un paziente trapiantato che voleva disperatamente ricevere il suo richiamo, sapendo di essere ad alto rischio di complicazioni da COVID. Ci sono volute tre settimane, ma finalmente ha avuto la sua terza vaccinazione. Il giorno dopo, il giorno dopo ancora, ha avuto “un mal di testa accecante, nausea e vertigini”. Un test di flusso laterale era positivo e un test PCR di follow-up ha confermato che aveva preso il COVID”.

Ma invece di rendersi conto di essere vittima di quella terza iniezione, l’uomo è irrazionalmente convinto che se avesse ricevuto la terza dose prima, non avrebbe contratto la COVID. Purtroppo, persone come questa probabilmente moriranno per la loro “dipendenza da iniezioni di COVID”.

In chiusura, The Exposé scrive:

La sindrome da immunodeficienza acquisita è una condizione che porta alla perdita di cellule immunitarie e lascia gli individui suscettibili ad altre infezioni e allo sviluppo di alcuni tipi di cancro.

In altre parole, decima completamente il sistema immunitario.

Quindi, potremmo essere testimoni di una nuova forma di sindrome da immunodeficienza acquisita indotta dal vaccino COVID-19? Solo il tempo lo dirà, ma a giudicare dalle cifre attuali sembra che dovremo aspettare solo poche settimane per scoprirlo.

Joseph Mercola

Fonte: mercola.com & The Exposé

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code