toba60

La Scienza del Covid Come Non ci è Stato dato a Conoscere

Quello che avrete modo di leggere e’ un autentico capolavoro dell’editoria scientifica legata al covid ed a tutte le sue controversie che chiunque può leggere con estrema facilità, un articolo da conservare e da condividere e che un giorno sarà sicuramente posto come emblema della nostra inettitudine collettiva a percepire la realtà come si conviene in relazione alla scienza…

..Quella Vera!

Toba60

Questa ricerca è stata compilata da un ricercatore finanziario e gestore di fondi che desidera rimanere anonimo.

Ci sono alcune ragioni principali per essere ottimisti che dovremmo porre fine alle chiusure e tornare alla normalità.

1) Sappiamo chi colpisce questo coronavirus. L’età mediana della morte in quasi tutti i paesi è più di 80 anni con condizioni multiple esistenti. Non stiamo riuscendo a proteggere gli anziani e stiamo rinchiudendo i giovani e imponendo l’allontanamento sociale quando non hanno alcun rischio di morte.

2) Possiamo proteggere i vulnerabili in modo più intelligente.

2) La maggior parte delle persone ha un’immunità dovuta alla reattività incrociata e all’immunizzazione incrociata. Il sistema immunitario umano non è completamente impotente contro questo virus.

3) I livelli di immunità di gregge sono molto più bassi di quanto si pensi e il virus sembra seguire una curva di Gompertz, che anticipa correttamente l’esaurimento del virus.

4) Nella maggior parte dei paesi, i decessi per Covid sono stati superiori del 40-100% rispetto a un cattivo anno di influenza.

Il virus è cattivo ma non è l’influenza spagnola ed è più simile all’influenza di Hong Kong del 1968 e all’influenza asiatica del 1957. Erano cattive, ma non abbiamo mai chiuso il mondo intero per quelle.

L’influenza è mortale, il mondo è pericoloso e alla fine moriremo tutti. Ma non moriremo tutti di Covid.

Qui c’è la collezione completa di ricerche e link categorizzati per argomento. Esaminate voi stessi le prove.

Le chiusure sono idee terribili e non una pratica standard

Quelli a favore del lockdown presentano una falsa dicotomia. O abbiamo un blocco rigido o lasciamo che il virus strappi e uccida tutti. Non è affatto così. L’isolamento e la chiusura delle attività commerciali sono una mazzata che non ha precedenti nella storia e non è il modo in cui abbiamo mai trattato nessun virus o pandemia prima. I costi sono sproporzionati ai benefici.

Molte altre strategie sarebbero di gran lunga migliori.

Qui c’è un grande caso contro le chiusure. Come una società libera affronta le pandemie, secondo il leggendario epidemiologo e sradicatore di vaiolo Donald Henderson.

Si conclude con questo importante documento.

Non ci sono osservazioni storiche o studi scientifici che supportino il confinamento in quarantena di gruppi di persone possibilmente infette per periodi prolungati al fine di rallentare la diffusione dell’influenza. Un gruppo di scrittura dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dopo aver esaminato la letteratura e considerato l’esperienza internazionale contemporanea, ha concluso che “l’isolamento forzato e la quarantena sono inefficaci e impraticabili”. Nonostante questa raccomandazione degli esperti, la quarantena obbligatoria su larga scala continua a essere considerata un’opzione da alcune autorità e funzionari governativi.

L’interesse per la quarantena riflette le opinioni e le condizioni prevalenti più di 50 anni fa, quando si sapeva molto meno sull’epidemiologia delle malattie infettive e quando c’erano molti meno viaggi internazionali e nazionali in un mondo meno densamente popolato. È difficile identificare circostanze nell’ultimo mezzo secolo in cui la quarantena su larga scala sia stata usata efficacemente nel controllo di qualsiasi malattia.

Le conseguenze negative della quarantena su larga scala sono così estreme (confinamento forzato delle persone malate con quelle che stanno bene; restrizione completa del movimento di grandi popolazioni; difficoltà nel far arrivare forniture critiche, medicine e cibo alle persone all’interno della zona di quarantena) che questa misura di mitigazione dovrebbe essere eliminata da una seria considerazione.

Nessun paese aveva l’isolamento nel suo manuale.

Per esempio, le linee guida canadesi sulla pandemia hanno concluso che le restrizioni al movimento erano “impraticabili se non impossibili”. Inoltre, secondo il Wall Street Journal, “Gli U.S. Centers for Disease Control and Prevention, nelle loro linee guida di mitigazione della comunità del 2017 per l’influenza pandemica, non hanno raccomandato ordini di restare a casa o di chiudere le attività non essenziali anche per un’influenza così grave come quella di un secolo fa”.

Le chiusure non hanno mai fatto parte della risposta degli Stati Uniti Le chiusure non hanno mai fatto parte delle risposte standard dell’OMS per le pandemie. Potete leggere qui tutte le loro politiche e come hanno valutato le prove per le varie misure.

La maggior parte dei paesi asiatici come Taiwan, Giappone e Corea del Sud non hanno avuto chiusure e hanno avuto esperienze molto migliori dei paesi europei che le hanno avute. Quelli che sono malati non vengono mandati a casa per infettare i membri della famiglia e vengono separati, che è l’esatto contrario delle chiusure europee.

Qui c’è una lettura molto buona sugli argomenti contro le chiusure. Nella maggior parte dei paesi europei, i casi stavano già diminuendo prima delle chiusure perché la gente prendeva volontariamente misure preventive: allontanamento sociale, lavaggio delle mani, indossare mascherine.

Molti epidemiologi si sono opposti completamente ai piani del governo e in effetti hanno avuto ragione.

Solo gli scienziati pro-lockdown sono amplificati. Qui c’è una buona lettura su “la scienza”.

Qui c’è Sunetra Gupta di Oxford, che si è opposta ai lockdowns sono ha dato una grande intervista su UnHerd. Allo stesso modo, Martin Kuldorff, un epidemiologo di Harvard che è stato ignorato. Ha sostenuto a favore di un approccio basato sull’età e sul rischio.

Ma cosa ne sanno queste persone di scienza? Sono solo epidemiologi di Oxford e Harvard.

Le chiusure non erano necessarie o efficaci

Le chiusure non hanno avuto quasi nessun effetto e i principali determinanti di morte nei vari paesi erano la percentuale di persone che avevano più di 80 anni, in particolare gli uomini, e la % di persone obese.

Qui c’è uno studio in The Lancet che mostra che le chiusure non hanno avuto alcun effetto. I fattori primari che spiegano le morti sono l’obesità e la struttura dell’età.

Qui c’è uno studio dettagliato che mostra che il virus si è comportato allo stesso modo ovunque, indipendentemente dalla politica

Lo stesso è vero su una base di contea per contea negli Stati Uniti, come si può leggere da questo studio. Il fatto che una contea abbia avuto un blocco non ha alcun effetto sulle morti per COVID-19; un non-effetto che persiste nel tempo.

Uno dei più grandi determinanti dei decessi da Covid riguardava la quota di popolazione che aveva più di 80 anni, non le chiusure. “Le strutture di età della popolazione da sole possono rappresentare una variazione di quattro volte nel rapporto medio regionale di infezione-fatalità in tutta Europa”.

Qui c’è un’utile visualizzazione che mostra l’alta correlazione tra gli uomini sopra gli 80 anni come percentuale della popolazione vs i tassi di mortalità.

Le altre spiegazioni per i tassi di mortalità sono la percentuale della popolazione con ipertensione:

e la percentuale di popolazione con obesità/diabete:

E uno sguardo globale all’obesità e ai tassi di mortalità:

Questo è confermato da molti altri documenti, qui e qui. Qui c’è un buon articolo che discute questi studi.

Lo stesso vale per altri paesi europei. Il declino delle infezioni è iniziato prima ancora che la Germania istituisse l’isolamento.

Bloomberg ha anche trovato poca correlazione tra la gravità delle misure e i tassi di mortalità.

Il danno collaterale delle chiusure è enorme e ucciderà milioni di persone

Le chiusure sono l’equivalente morale di un bombardamento a tappeto, inefficace con vasti danni collaterali.

Le interruzioni del cibo dovute alle chiusure possono uccidere più per fame che per Covid.

Il Covid non è l’unica malattia nel mondo e milioni di persone moriranno per l’interruzione delle cure, per esempio per la tubercolosi e l’HIV, come riporta il New York Times.

“COVID-19 rischia di far deragliare tutti i nostri sforzi e di riportarci al punto in cui eravamo 20 anni fa“, ha detto il dottor Pedro L. Alonso, direttore del programma globale sulla malaria dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Non è solo che il coronavirus ha distolto l’attenzione scientifica dalla tubercolosi, dall’HIV e dalla malaria. I blocchi, in particolare in alcune parti dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina, hanno sollevato barriere insormontabili per i pazienti che devono viaggiare per ottenere diagnosi o farmaci, secondo le interviste con più di due dozzine di funzionari della sanità pubblica, medici e pazienti in tutto il mondo.

L’Unicef avverte che le conseguenze della povertà e della malnutrizione dei bambini potrebbero danneggiare milioni di persone.

Secondo un severo rapporto pubblicato mercoledì sulla rivista Lancet Global Health, quasi 1,2 milioni di bambini potrebbero morire nei prossimi sei mesi a causa dell’interruzione dei servizi sanitari e delle forniture alimentari causata dalla pandemia di coronavirus.

Le prime carestie dell’era del coronavirus sono alle porte del mondo, avverte l’ONU.

COVID-19 potrebbe invertire decenni di progressi verso l’eliminazione delle morti infantili prevenibili, avverte l’OMS.

La Fondazione Gates stima che la risposta a Covid ha riportato indietro la vaccinazione di 25 anni.

Inoltre, ci sono buone ragioni per credere che i blocchi abbiano aumentato le morti dei vulnerabili e degli anziani.

Questo è vero in gran parte del mondo. Qui c’è uno studio che mostra come le chiusure hanno portato a un eccesso di morti per malattie non-Covid.

L’interruzione delle cure mediche uccide le persone. Più persone sono morte a Denver per attacchi di cuore non curati durante il lockdown che per Covid.

Le nuove diagnosi di cancro sono crollate negli Stati Uniti quando la pandemia di coronavirus ha colpito per la prima volta. Quasi tutte le diagnosi sono crollate anche nel Regno Unito.

E lo stesso è stato vero per gli attacchi di cuore e gli ictus nel NHS nel Regno Unito.

L’analisi dei dati del NHS rivela le conseguenze mortali del messaggio del governo di “stare a casa, salvare vite, proteggere il NHS”. Durante l’isolamento, c’è stato un calo di quasi il 50 per cento nei ricoveri per attacchi di cuore. I rischi del COVID-19 hanno superato il rischio di cercare le cure del SSN nonostante il peggioramento dei sintomi per molte persone: il 40% in più è morto per attacchi di cuore trattabili a basso rischio rispetto al solito. Per gli ictus, la situazione è ulteriormente aggravata dal fatto di vivere da soli e non avere visitatori, poiché il 98% delle chiamate di emergenza per ictus sono fatte da qualcun altro.

Anche il danno economico è terribile.

La Banca Mondiale stima che oltre 71 milioni di persone precipiteranno nella povertà estrema a causa delle chiusure/quarantene.

Le Nazioni Unite hanno avvertito che la risposta a Covid sta invertendo decenni di guadagni nella povertà, nella sanità e nelle malattie

Più della metà delle chiusure di imprese negli Stati Uniti sono permanenti, dice Yelp. La metà delle imprese nere negli Stati Uniti sono state spazzate via.

Shop Great Deals on Watches at DiscountWatchStore.com

Il virus non è affatto mortale per quelli sotto i 55 anni

Un documento che esamina i tassi di mortalità dell’infezione in base all’età lo riassume bene.

“L’IFR stimato è vicino a zero per gli adulti più giovani, ma aumenta esponenzialmente con l’età, raggiungendo circa lo 0,3% per le età 50-59, 1,3% per le età 60-69, 4% per le età 70-79, 10% per le età 80-89.”

Il tasso di mortalità per infezione è molto più basso di quanto stimato inizialmente.

Qui c’è il link a tutti gli studi sui tassi di mortalità da infezione per il Covid. Le prove sono schiaccianti.

Il virus non è affatto mortale per le persone più giovani. Ecco la ripartizione dei decessi per fasce d’età negli Stati Uniti e in Europa

Qui avete un’altra visualizzazione.

E dall’Oxford for Evidence Based Medicine (scorri in basso).

L’età mediana per la morte nella maggior parte dei paesi è più di 80 anni e la persona media ha più condizioni preesistenti.

In Italia l’età mediana era più di 80 anni e il 96% delle persone aveva condizioni preesistenti.

La Spagna ha mostrato esattamente lo stesso modello.

L’Irlanda è lo stesso.

USA L’età mediana di morte per Covid negli USA era di 80 anni.

Questo è leggermente superiore all’aspettativa di vita media generale.

In molti paesi l’età mediana di morte è superiore all’aspettativa di vita, cioè la gente aveva già vissuto più a lungo della media.

Il Covid non è affatto mortale per coloro che non hanno co-morbidità significative.

La tabella 3 dei dati del CDC sui decessi tra il 2/1 e l’8/22 2020 dice direttamente che solo il 6% dei 161.392 decessi COVID riportati erano elencati come COVID-19 da soli, solo 9.684. Tutti gli altri decessi statunitensi avevano, in media, 2,6 condizioni aggiuntive.

Il rischio di mortalità per COVID-19 a livello di popolazione per gli individui non anziani in generale e per gli individui non anziani senza malattie sottostanti negli epicentri pandemici era molto basso.

Il tasso di mortalità COVID-19 nelle persone <65 anni durante il periodo delle vittime dell’epidemia era equivalente al tasso di mortalità derivante dalla guida tra 4 e 82 miglia al giorno per 13 paesi e 5 stati, ed era più alto (equivalente al tasso di mortalità derivante dalla guida di 106-483 miglia al giorno) per altri 8 stati e il Regno Unito. Le persone <65 anni senza condizioni predisponenti sottostanti rappresentavano solo lo 0,7-3,6% di tutte le morti per COVID-19 in Francia, Italia, Paesi Bassi, Svezia, Georgia e New York City e il 17,7% in Messico.

Le persone di età inferiore ai 65 anni hanno un rischio molto basso di morte per COVID-19 anche negli epicentri pandemici e le morti di persone di età inferiore ai 65 anni senza condizioni predisponenti sottostanti sono notevolmente rare. Nella gestione della pandemia dovrebbero essere prese in considerazione strategie che si concentrino specificamente sulla protezione degli individui anziani ad alto rischio.

La maggior parte delle persone aveva l’ipertensione come co-morbidità. Le persone con ipertensione hanno un’aspettativa di vita inferiore con o senza Covid

Indipendentemente dal sesso, gli ipertesi di 50 anni rispetto ai normotesi avevano un’aspettativa di vita più breve un’aspettativa di vita più breve senza malattie cardiovascolari infarto del miocardio e ictus e un’aspettativa di vita più lunga vissuta con queste malattie. Gli uomini normotesi (22% degli uomini) sono sopravvissuti 7,2 anni (intervallo di confidenza 95%, da 5,6 a 9,0) più a lungo senza malattie cardiovascolari rispetto agli ipertesi e hanno trascorso 2,1 (da 0,9 a 3,4) anni di vita in meno con malattie cardiovascolari.

Differenze simili sono state osservate nelle donne…. Rispetto agli ipertesi l’aspettativa di vita totale era di 5,1 e 4,9 anni in più per gli uomini e le donne normotesi rispettivamente. L’aumento della pressione sanguigna in età adulta è associato a grandi riduzioni dell’aspettativa di vita e a più anni vissuti con malattie cardiovascolari. Questo effetto è più grande di quanto stimato in precedenza e colpisce entrambi i sessi in modo simile. I nostri risultati sottolineano l’enorme importanza di prevenire la pressione alta e le sue conseguenze nella popolazione.

Lo stesso vale per il diabete. Il diabete accorcia significativamente la vita delle persone con o senza Covid.

Secondo i rapporti del Journal of American Medical Association (JAMA), gli uomini con diabete di tipo 1 hanno una durata di vita ridotta di 11 anni rispetto agli uomini normali. Le donne con la condizione hanno la loro vita ridotta di 13 anni.

Un rapporto del 2010 del Diabetes UK sostiene che il diabete di tipo 2 riduce la durata della vita di 10 anni. Uno studio canadese del 2012 ha affermato che le donne di oltre 55 anni con diabete di tipo 2 hanno perso in media 6 anni, mentre gli uomini ne hanno persi 5.

La probabilità di morire sotto i 65 anni senza co-morbilità è estremamente bassa o inesistente.

È molto più sensato proteggere i vulnerabili che chiudere la società.


I bambini non diffondono il virus e non sono a rischio

La Svezia ha tenuto le scuole aperte e non un solo bambino è morto per il Covid su oltre 1,8 milioni di bambini.

La chiusura o meno delle scuole ha avuto poco o nessun impatto sul numero di casi confermati in laboratorio nei bambini in età scolare in Finlandia e Svezia. I bambini hanno più probabilità di morire di influenza che di Covid.

Nessuna trasmissione dai bambini in Grecia. Dinamiche di trasmissione della SARS-CoV-2 all’interno delle famiglie con bambini in Grecia: uno studio su 23 cluster.

Dalla Gazzetta Ufficiale dell’Accademia Americana di Pediatria. COVID-19 Trasmissione e bambini: Il bambino non è da biasimare.

Nessuna prova di trasmissione secondaria di COVID-19 dai bambini che frequentano la scuola in Irlanda 2020.

Uno studio tedesco mostra bassi tassi di infezione da coronavirus nelle scuole.

I bambini non sono super diffusori di COVID-19: tempo di tornare a scuola, dal BMJ.

La revisione del Royal College of Paediatricans and Child Health delle prove mostra che i bambini non trasmettono il virus.

Uno studio del CDC ha mostrato una trasmissione molto limitata nelle strutture per l’infanzia.

Unlimted Disk, Transfer and Domains!

Qui ci sono rapporti governativi che mostrano tutti che i bambini non sono la principale fonte di trasmissione dall’UE e dalla Norvegia e dai Paesi Bassi. Infatti, i bambini hanno più probabilità di essere colpiti da un fulmine che di morire di Covid.

Le prove sono schiaccianti.

Risposta delle politiche pubbliche alle differenze di età

Le strategie mirate per età sono probabilmente molto più utili per raggiungere l’immunità di gregge con meno danni.

Un approccio basato sull’età e sul rischio è di gran lunga il più sensato e quello che è sostenuto da epidemiologi come Martin Kulldorff di Harvard. Qui c’è un articolo che ha scritto su The Spectator e LinkedIn. Qui c’è un podcast che ha fatto. E qui c’è un altro Articolo sul Contagio. Infatti, egli sostiene che ritardare l’immunità di gregge sta costando vite umane. L’attuale blocco sta proteggendo i sani invece dei vulnerabili. Ha anche scritto un ottimo pezzo sulla risposta adeguata. Date le differenze di età nel rischio, le risposte politiche dovrebbero essere specifiche per l’età.

L’ironia di chiudere scuole e università e creare disoccupazione è che i molto giovani e i molto vecchi si mescolano più che mai. Questa è la conseguenza non voluta della risposta al virus. Abbiamo il peggiore di tutti i mondi.

Gli anziani sono i più vulnerabili, il 50-60% di tutti i decessi sono avvenuti in case di cura

Nella maggior parte dei paesi tra il 50-60% dei decessi da Covid provengono da case di cura. In alcuni paesi e stati si arriva all’80%. Ciò che è straordinario, però, è che questa è in gran parte una ferita autoinflitta. Molti anziani infetti sono stati mandati via dagli ospedali alle case di cura per infettare altri. Questo è vero nel Regno Unito, a New York e in California.

Questo è di gran lunga il miglior sito su tutte le questioni relative alle case di cura a livello internazionale. Mostra che la percentuale di tutte le morti di Covid è del 50-60% per quasi tutti i paesi. Ecco il loro rapporto principale con ampi dati per paese e il 50-60% delle morti in media

Nei primi mesi della pandemia, il 42% delle morti negli Stati Uniti sono dello 0,6% della popolazione nelle case di cura. A settembre, secondo il New York Times, il 40% dei decessi statunitensi erano in case di cura.

E potete leggere di più qui. La vera pandemia era un problema di case di cura. Ecco un articolo del Wall Street Journal con altri dati sulle morti nelle case di cura statunitensi

Alcuni paesi e stati hanno il 70-80% di tutte le morti nelle case di cura.

Questa è una risorsa straordinaria che mostra le morti nelle case di cura negli Stati Uniti. In alcuni stati è morto fino al 10% di tutti i residenti delle case di cura. È probabile che i decessi in casa di cura siano sottostimati e gli ospedali sovrastimati. Per esempio, il 15% dei decessi ospedalieri nel Regno Unito erano in realtà pazienti delle case di cura che andavano in ospedale, secondo l’ONS. Mentre le morti per Covid sono orribili, vale la pena considerare quale sarebbe l’aspettativa di vita senza Covid nelle case di cura. Anche senza Covid, l’aspettativa di vita è estremamente breve nelle case di cura. Potete leggere qui e qui. I dati sulla lunghezza del soggiorno sono impressionanti:

La durata mediana della permanenza in una casa di cura prima della morte è di 5 mesi

Il 65% è morto entro 1 anno dal ricovero in casa di cura Il 53% è morto entro 6 mesi dal ricovero in casa di cura

La constatazione che la mediana della morte nelle case di cura è inferiore a un anno è confermata da altri studi. Le persone collocate nelle case di cura sono spesso in condizioni di salute peggiori.

I caregiver che istituzionalizzano i loro parenti hanno sostanzialmente più probabilità di diventare in lutto rispetto a quelli i cui parenti continuano a risiedere a casa. Le probabilità di morte di un paziente sono più che raddoppiate dopo l’ammissione in una casa di cura. Invece di rinchiudere bambini e giovani, potrebbe avere più senso proteggere gli anziani.

I politici hanno causato la morte nelle case di cura attraverso una cattiva politica (O un deliberato Omicidio?)

In molti stati, gli anziani infetti sono stati mandati nelle case di cura per infettarne altri. Qui c’era New York in aprile. Qui c’è il New Jersey, la Pennsylvania e il Nordest. Qui c’è il Regno Unito. Questo non è stato fatto solo all’inizio della crisi, ma fino a maggio, quando era chiaro che le case di cura erano punti caldi. Il governatore Gavin Newsom ha ordinato alle case di cura di accogliere i residenti infetti a maggio. Questo è pieno di link e ulteriori letture.

L’unica analogia storica corretta è l’assedio di Caffa dove i Tartari gettarono i corpi infetti dei morti oltre le mura della città per diffondere la malattia.


Perché le soglie di immunità di gregge sono più basse del previsto

È molto probabile che l’immunità di gregge per il Covid sia a livelli molto più bassi di quanto si pensi. Le ragioni principali sono

1) Le popolazioni non sono omogenee, cioè abbiamo diversi gruppi di età con diverse suscettibilità.

2) Non ci mescoliamo tutti a caso, cioè la maggior parte delle persone vivono vite noiose e vedono le stesse persone ogni giorno. In poche parole, l’eterogeneità e la mescolanza non casuale riducono massicciamente la soglia dell’immunità di gregge.

Ecco una buona spiegazione accessibile del motivo per cui i immunità di gregge livelli di sono molto più bassi del previsto per molte malattie.

Ecco accessibile un’introduzione alla domanda sul perché la stima dell’immunità di gregge non è semplice o elevata come sostengono molti articoli.

Ecco un dettagliato sul post blog con collegamenti a studi su come la soglia di immunità di gregge sia inferiore a quanto si pensi. E un po ‘più spiegazione tecnica e un altro uno

Ecco una discussione sul motivo per cui i livelli di immunità sono inferiori a quanto ipotizzato.

Ecco un’ottima lettura del British Medical Journal che spiega il caso.

Ecco un documento accademico sul perché Covid avrà soglie di immunità di gregge più basse. Ecco un ottimo podcast con l’autore specializzato nella modellazione dell’immunità di gregge. Ha scritto un articolo sostenendo che l’immunità di gregge è più vicina al 20% per Covid a causa dell’elevata eterogeneità della popolazione e della bassa suscettibilità. Finora, visto come il virus sta svanendo quasi ovunque c’è una prima ondata e i risultati dei test sugli anticorpi, sembra che abbia ragione. Vale la pena ascoltare.

Ecco un documento che rileva che le soglie di immunità di gregge sono molto più basse in Svezia . Dato che non avevano il blocco e ora hanno zero morti o persone in terapia intensiva, questa è la spiegazione.

Un altro documento che sostiene che il livello di immunità di gregge indotto dalla malattia per COVID-19 è sostanzialmente inferiore a quanto ipotizzato

Un altro documento che mostra che la maggior parte delle sedi di Covid della prima ondata sono all’immunità di gregge basata su una suscettibilità eterogenea

La trasmissione eterogenea è probabilmente il motivo per cui abbiamo più casi con decessi inferiori, come questo documento mostra . Il virus si diffonde nelle persone meno suscettibili

La ragione per cui le case di cura sono così vulnerabili è che le popolazioni non sono eterogenee, come questo documento mostra .

Ecco una lettura più ampia sull’eterogeneità delle popolazioni e sull’efficacia dei vaccini, che tocca gli stessi temi dell’eterogeneità della suscettibilità.

Ecco una discussione sul ruolo della miscelazione non casuale di pochi mesi fa, che era molto più accurata delle prime stime di vaste morti.

È altamente improbabile che la maggioranza della popolazione non contragga il Covid. Soglie efficaci di immunizzazione della mandria molto più basse si adattano a ciò che vediamo ogni anno con le influenze, anche quelle gravi.

Secondo l’ OMS circa il 15% delle persone contrae l’influenza all’anno.

Secondo il CDC circa il 3-11%% della popolazione contrae l’influenza ogni anno, inclusi gli asintomatici.

Uno studio CDC del 2018 pubblicato su Clinical Infectious Diseases ha esaminato la percentuale della popolazione statunitense che si è ammalata di influenza utilizzando due metodi diversi e ha confrontato i risultati. Entrambi i metodi hanno avuto risultati simili, che hanno suggerito che in media circa l’8% della popolazione degli Stati Uniti si ammala di influenza ogni stagione, con un intervallo compreso tra il 3% e l’11%, a seconda della stagione.

L’ultima pandemia è stata l’ H1N1 e ha raggiunto il picco del 20-24% della popolazione mondiale durante il primo anno. Questo è uno di fascia alta.

Se desideri ulteriori letture di base, ecco una panoramica eccezionale di sull’immunità gregge .

La maggior parte delle persone ha l’immunità e una risposta di difesa Reattività crociata delle cellule T e immunizzazione crociata

All’inizio, molti politici e scienziati pensavano che il Covid fosse molto mortale perché non avevamo un’immunità esistente al Covid. Questo non è vero. Molte persone hanno già una certa immunità al Covid. Questo proviene dalle cellule T, che ci forniscono una risposta immunitaria.

Uno studio sui pazienti e sulle loro famiglie mostra che sei inaspettati su otto membri della famiglia che hanno contratto il virus a casa hanno avuto risposte dei linfociti T ma nessun anticorpi rilevabili. L’esposizione intrafamiliare a SARS-CoV-2 induce una risposta immunitaria cellulare senza sieroconversione

Importante documento peer-reviewed su Nature sulla probabile immunità a COVID-19 conferita dalle cellule T ” immunità delle cellule T specifica per SARS-CoV-2 in caso di COVID-19 e SARS e controlli non infetti

Ecco un articolo sulla reattività crociata in Cell journal che indica una reattività crociata del 40-50%

Ecco un articolo sulla risposta delle cellule T a #SARSCoV2 è stata osservata nell’81% degli individui non infetti. Questa risposta immunitaria è stata causata da una precedente esposizione ai coronavirus del “raffreddore comune”.

Ecco uno studio condotto in Svezia che mostra che il 30% dei donatori di sangue ha avuto risposte dei linfociti T

Ecco un ottimo pezzo che spiega la reattività incrociata e perché i bambini non lo capiscono e un altro altro e un ancora

Ecco una breve discussione di un altro documento

E un altro su SARS-1 che fornisce reattività crociata

È probabile che la cross-reattività provenga da altri vaccini che le persone hanno già. C’è una forte relazione tra il vaccino MMR e i tassi di mortalità COVID stratificati per età. Ecco lo studio. Il vaccino MMR sembra conferire una forte protezione dalla COVID-19: poche morti per SARS-CoV-2 in popolazioni altamente vaccinate.

Ecco un buon riassunto della questione dell’immunità e della reattività incrociata esistente per i non scienziati nel Guardian e American Conservative .

In questa intervista, Sunetra Gupta dell’Università di Oxford parla di cross-reattività ma non entra nei dettagli tecnici. Secondo lei, gli studi sugli anticorpi, anche se utili, non indicano il vero livello di esposizione o il livello di immunità. In primo luogo, molti dei test anticorpali sono “estremamente inaffidabili” e si basano su gruppi rappresentativi difficili da raggiungere. Ma ancora più importante, molte persone che sono state esposte al virus avranno altri tipi di immunità che non appaiono nei test anticorpali, sia per ragioni genetiche o come risultato di un’immunità preesistente ai coronavirus correlati come il comune raffreddore.

Karl Friston ha notato che fino all’80% non sono nemmeno suscettibili al COVID-19 .

Il virus si estingue naturalmente e la maggior parte degli stati/regioni segue la curva di Gompertz

Sappiamo che il virus si estingue naturalmente perché abbiamo la Svezia e Manaus in Brasile e altri esperimenti naturali dove non c’erano blocchi. Anche a Manaus non c’erano misure di distanziamento e il virus è scomparso.

In Svezia puoi vedere i decessi e i casi di terapia intensiva sono a una cifra Hanno avuto 5.800 decessi (70% nelle case di cura, che avrebbero potuto gestire meglio) e oggi i decessi e i ricoveri sono a una cifra e zero quasi tutti i giorni . La loro politica ha funzionato.

Che ci crediate o no, la Svezia, dove tutti dovevano morire per mancanza di chiusure, ha avuto mesi peggiori di morti per influenza negli ultimi 30 anni nel 1993 e nel 2000.

Tutto ciò spiega storie come questa in cui gli esperti si chiedono perché il virus si spegne a un certo punto. Emerge un modello curioso nel tasso di infezione del coronavirus, che suggerisce che può ‘bruciarsi’ a un certo punto.

La legge di Farr spiega perché i virus non crescono esponenzialmente e infettano tutti.

Il premio Nobel Michael Levitt ha scritto un documento sulla matematica che sta dietro a come i virus si spengono, che si adatta a livelli di immunità di gregge molto più bassi. Qui c’è una spiegazione in inglese semplice.

Grow with ScalaHosting Cloud Solutions

È interessante notare che ci sono stati alcuni documenti dalla Cina e dalla Spagna (in spagnolo, ma è possibile utilizzare il traduttore di Google o Bing) che hanno correttamente previsto i picchi e la fine del virus e il numero di morti utilizzando le curve di Gompertz già a marzo. Ci sono ragioni specifiche per cui il virus segue una funzione di Gompertz.

Mentre alcuni paesi sembrano avere seconde ondate o non seguire la curva di Gompertz, la verità è che lo sono. Per esempio, il Brasile è in realtà molte grandi città che hanno le loro curve.

E le morti stanno seguendo la curva di Gompertz per città, quindi vedi Rio, per esempio.

Tutti i casi europei sono ora vicini allo zero e tutte le curve sembrano le stesse per paese, e per l’Europa nel suo complesso.

Il Regno Unito è a zero e sembra esattamente lo stesso:

Lo stesso è vero negli Stati Uniti. I primi stati come NY e NJ non hanno quasi nessun morto e assomigliano all’Europa. Gli stati successivi che non hanno avuto una prima ondata assomigliano all’Europa dell’Est. Ora sta raggiungendo il picco e sta diminuendo.

Il virus si sta spegnendo

Notate che in ogni singolo paese dell’Europa occidentale il virus si è spento e le morti stanno scendendo sotto l’uno per milione al giorno e nella maggior parte dei paesi sono vicine allo zero.

Ecco il grafico aggregato dell’Europa:

Oggi tutti sono preoccupati per i casi, ma non ci sono quasi morti ed è tutto dovuto a più test.

Nonostante i media riportino senza fiato i decessi, nella maggior parte dei paesi europei, i decessi di Covid sono stati dal 40 al 100% peggiori di un cattivo anno di influenza (vedi sotto su tutti i link per i dati).

I punti caldi della cintura solare hanno visto un picco di decessi a luglio. Le ospedalizzazioni hanno raggiunto il picco a metà luglio in tutti gli hotspot, così come le visite per influenza, polmonite e Covid, secondo il CDC:

Si può vedere che la tendenza dei decessi è in calo:

Ecco l’Arizona con tutte le tendenze nella giusta direzione con calo di ricoveri, terapia intensiva e persino decessi:

La Florida è la stessa.

Il Texas è lo stesso.

Che ci crediate o no, negli Stati Uniti leccesso di mortalità è quasi tornato alla normalità.

Mentre alcuni paesi sembrano avere delle seconde ondate o non seguire la curva di Gompertz e si stanno spegnendo, la verità è che lo stanno facendo. Per esempio, il Brasile è in realtà molte grandi città che hanno le loro curve. E le morti stanno seguendo la curva di Gompertz per città, quindi vedi Rio de Janeiro, per esempio.

Mettere Covid in prospettiva rispetto all’influenza a livello globale

Attualmente, le morti globali sono 800.000 da Covid.

A livello globale, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che l’influenza uccida da 290.000 a 650.000 persone all’anno.

Quindi Covid sta correndo un po’ al di sopra del limite superiore delle morti mondiali per influenza ogni anno.

Europa

180.000 persone sono morte in tutta l’Europa occidentale a causa del Covid. Qui c’è uno studio sulla stagione 2017/18. Afferma che 152.000 persone sono morte durante la stagione influenzale a causa dell’influenza e di agenti patogeni sconosciuti.

L’impatto dell’epidemia di influenza 2017/18 sulla mortalità è stato simile a quello delle precedenti stagioni dominate dall’influenza A(H3N2) nel 2014/15 e 2016/17. Il numero europeo di morti attribuibili all’influenza è stato stimato in 152 mila persone. Abbiamo trovato una minore mortalità attribuibile all’influenza rispetto alla mortalità in eccesso, il che potrebbe indicare che anche altri agenti patogeni in circolazione potrebbero aver contribuito all’eccesso di mortalità per tutte le cause.

Vedere il sito europeo di monitoraggio dell’influenza che mostra l’influenza vs Covid. Non è due volte peggio delle precedenti cattive stagioni influenzali 2014/15 e 2017/18

L’Italia ha avuto 35.000 morti di Covid.

Ma l’Italia ha sempre più morti per influenza di altri paesi europei.

Ha avuto un eccesso di morti di 7.027 20.259 15.801 e 24.981 attribuibili alle epidemie influenzali negli anni 2013/14 2014/15 2015/16 e 2016/17 rispettivamente.

Ciò significa che Covid è stato solo il 40% peggiore del loro peggiore anno influenzale negli ultimi cinque anni.

Il Regno Unito ha avuto 46.000 morti da Covid.

Per una certa prospettiva, ci sono stati 28.000 e 26.000 morti per influenza nel Regno Unito nel 2014 e nel 2017.

Quindi il risultato finale è che il virus è circa il 40% peggiore di un cattivo anno di influenza.

La Francia ha avuto 30.000 morti di Covid.

Questo è solo il 60% peggiore della stagione influenzale 2014/15 in Francia con 18.300 morti.

La Spagna ha avuto 28.000 morti di Covid.

Ma ha avuto circa 15.000 morti per influenza nelle precedenti stagioni influenzali, in particolare 2014/15. “Utilizzando modelli di popolazione, è stato stimato che nelle ultime due stagioni, l’influenza può essere stata responsabile fino a 15.000 morti attribuibili a questa malattia”.

L’Instituto Nacional de Estadistica dice 15.000 per le ultime due stagioni, quindi è un brutto anno.

Quindi Covid è praticamente il doppio di una brutta stagione influenzale in Spagna.

Gli Stati Uniti hanno avuto 190.000 morti.

La stagione influenzale del 2017-18 ha avuto una stima mediana di 61.000 morti, ma il limite superiore della stima è di 95.000 morti.

Il 2014-15 ha avuto 64.000 come stima massima per le morti per influenza.

Quindi Covid è circa il 60%-100% peggiore della peggiore stagione influenzale che abbiamo avuto negli Stati Uniti.

Un’altra questione che viene raramente menzionata è che le morti e i ricoveri di Covid sono stati gonfiati. Ecco l’analisi del governo irlandese sulle morti di Covid. Molte persone avevano il virus ma non sono morte di Covid.

Allo stesso modo, il numero ufficiale di morti della Gran Bretagna dalla pandemia di COVID-19 è stato abbassato di oltre 5.000 unità.

Fonte: dailysceptic.org

Abbiamo  bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo. 

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE





Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code