toba60

Un Governo Popolare è Possibile Realizzarlo?

Prima di agire si devono avere bene bene in mente quelli che sono gli obbiettivi da raggiungere e come entrare in azione per portare a compimento quanto pianificato, altrimenti è tutto inutile.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Il discorso di Gettysburg celebrava il “governo del popolo, dal popolo, per il popolo”, riecheggiando gli ideali dell’Illuminismo: uguaglianza per tutti e liberazione dal giogo dei governanti tirannici.

Dal 1863, quando Abramo Lincoln pronunciò il suo iconico discorso, il “governo del popolo” è andato avanti senza intoppi. Non sono mancati gli individui che volevano governare gli altri, per elezione o per diritto di nascita. Il popolo è stato governato a fondo e governato ancora di più.

Il “governo per il popolo” ha avuto i suoi alti e bassi. Ogni governo sostiene di governare per il popolo sarebbe un suicidio politico non farlo in una società occidentale sviluppata ma gli esseri umani hanno la tendenza ad occuparsi del numero uno prima di aiutare gli altri. Quando si trovano in posizioni di autorità, gli individui di solito le usano per accumulare più potere e ricchezza per se stessi.

Come slogan, però, il “governo per il popolo” ha avuto un successo strepitoso. Persino la svastica dei nazisti simboleggiava prosperità e felicità (essendo derivata dal sanscrito svastika, che significa “buono ad esistere”). La realtà in tempi recenti, come in molti altri tempi storici, è che il governo è stato per il popolo solo di nome.

È la parte del “governo del popolo” che è stata più problematica.

Ma abbiamo le elezioni!

Le elezioni dei politici possono essere annunciate come l’apice della democrazia, ma le elezioni non incarnano né l’idea ateniese di democrazia né, soprattutto nell’era moderna dei media, l’idea di “governo del popolo”. Al contrario, le elezioni sono un sistema elitario attraverso il quale “uomini e donne di alto livello” ottengono il potere sugli altri per il loro bene, ovviamente! La moderna democrazia rappresentativa è simile a un esercizio di marketing aristocratico, in cui club di persone importanti si specializzano su come ottenere che gli altri diano loro più potere. Le dinastie politiche e le traiettorie di formazione sono emerse per sostenere e rafforzare questo esercizio.

Oggi i politici si impegnano a fondo per creare coalizioni con i media e con individui facoltosi che possono comprare loro spazi televisivi. Una classe di persuasori professionisti è salita ai vertici dei nostri sistemi “democratici”. Il sistema non premia la capacità di guidare o di mettere al primo posto i bisogni della gente, ma la capacità di persuadere gli altri.

Questo è solo un altro “governo del popolo”.

I politici di oggi fanno di tutto per stringere coalizioni con i media e con individui facoltosi che possono comprare loro spazi aerei. Una classe di persuasori professionisti è salita ai vertici dei nostri sistemi “democratici”. Il sistema non premia la capacità di guidare o di mettere al primo posto i bisogni della gente, ma la capacità di persuadere gli altri.

Questo è solo un altro “governo del popolo”.

Quindi, con un cenno di mano all’esistenza di “elezioni libere ed eque”, e a parte qualche strano posto come la Svizzera, la parte “dal popolo” della visione di Lincoln è stata completamente ignorata nei moderni Paesi democratici. Alle élite al potere piace pensare che non ci si possa fidare che le popolazioni prendano buone decisioni e che abbiano bisogno della loro guida. Le élite politiche denigrano i movimenti orientati a dare maggiore voce in capitolo negli affari nazionali alla popolazione usando il termine “populismo”, e il loro uso negativo di questo termine riassume perfettamente ciò che la classe eletta e i suoi compagni pensano della gente comune.

La mancanza di un governo “del popolo” è stato un problema fondamentale delle nostre società negli ultimi 30 anni o più, in particolare negli Stati Uniti, dove quantità oscene di denaro sono entrate palesemente nel gioco elettorale delle élite. C’è stato un eccessivo governo del popolo piuttosto che da parte del popolo, che ha portato a un’apatia diffusa tra le popolazioni, che sono diventate più suscettibili agli abusi. L’abuso è ciò che accade quando non ci si batte per i propri diritti. La vigilanza costante e la difesa dei propri diritti quando si viene messi alle strette è l’unico modo per affrontare coloro che hanno la tentazione perenne di metterci alle strette.

Negli ultimi due o tre anni abbiamo assistito a un decadimento di proporzioni enormi, ma nei Paesi anglosassoni la discesa del tenore di vita del 50% inferiore ha subito un’accelerazione a partire dagli anni ’80 circa. Il 2020 ha inaugurato una nuova fase di decadimento del tenore di vita. Solo la parte più alta della società sta ora prosperando, mentre il resto soffre di una diminuzione in tutti i sensi: la salute, la ricchezza, l’istruzione, le prospettive di possedere una casa, la capacità di viaggiare, il rispetto di sé, una miriade di libertà e l’accesso a informazioni affidabili sono tutti sotto un attacco senza precedenti. È emersa una nuova società medievale con pochi capi e molti indiani maltrattati.

Potere (di nuovo) al popolo!

Per sfuggire a questa trappola, i popoli hanno bisogno di speranza. Per avere speranza, servono un piano e uno slogan. Lo slogan del Discorso di Gettysburg è ancora valido. Prendiamolo veramente sul serio.

Che aspetto avrebbe il “governo del popolo” e quali cambiamenti fondamentali dovrebbe sostenere un movimento di riforma per trasformare la visione di Lincoln in realtà? Proponiamo una serie di due riforme complementari, entrambe volte a reintegrare le masse attualmente governate nell’attività di potere. La prima riforma assegnerebbe alle masse il ruolo di nominare i leader del servizio pubblico, mentre la seconda coinvolgerebbe le masse nella produzione di informazioni (cioè il settore dei media), attualmente disfunzionale. Entriamo subito nel merito del primo, mentre il secondo lo tratteremo in un prossimo articolo.

Il dovere più importante che il pubblico deve reclamare è quello di nominare i suoi leader. Le elezioni dei politici non sono sufficienti quando l’apparato statale moderno contiene centinaia di posti burocratici di alto livello associati a un’autorità significativa per esercitare il potere del popolo attraverso decisioni di allocazione delle risorse su larga scala.

Né è solo nella burocrazia governativa che risiede il “potere del popolo”, il potere rappresentato dallo Stato nazionale. Anche le università, le scuole, gli ospedali, le biblioteche, le agenzie statistiche e altre istituzioni finanziate dallo Stato beneficiano del “marchio” statale e quindi attingono al potere la cui fonte ultima è la popolazione che costituisce lo Stato. I leader di queste organizzazioni e dei vari silos della burocrazia statale dovrebbero essere guidati da persone scelte da quella stessa popolazione, non solo “da” essa.

La nostra proposta è che le nomine a tutti i ruoli di leadership negli ospedali, nelle università, nelle aziende dei media nazionali, nei dipartimenti governativi, nelle agenzie scientifiche e statistiche, nei tribunali, nelle forze di polizia e così via in breve, la leadership di quello che è stato definito lo “Stato amministrativo” o lo “Stato profondo” siano fatte direttamente dal popolo.

Si potrebbe addirittura sostenere che anche i ruoli strategici nelle grandi entità orientate ai servizi pubblici, anche se tecnicamente fanno parte del settore privato, dovrebbero essere inclusi perché hanno anch’essi effetti importanti sulle popolazioni nazionali prigioniere. Ciò significherebbe aggiungere all’elenco di cui sopra i ruoli di primo piano all’interno di enti come i fornitori di acqua, i generatori di elettricità, le grandi organizzazioni di beneficenza, le grandi società di media, gli ospedali e le università, indipendentemente dal settore.

Come realizzare tutto ciò?

Proponiamo di adottare un metodo di mobilitazione e organizzazione della popolazione per giudicare gli altri che ha funzionato ragionevolmente bene nell’antica Roma e in Grecia, ha funzionato di nuovo più recentemente nelle città-stato italiane ed è oggi onnipresente nei tribunali: le giurie di cittadini. I numerosi vantaggi di dare ai cittadini una voce forte e diretta nella selezione dei leader attraverso le giurie di cittadini includono la promozione della diversità di pensiero e la rottura delle monoculture che hanno avvolto i loro viticci attraverso e intorno alle nostre istituzioni pubbliche. Allo stesso tempo, possono fungere da baluardo contro il potere dei nuovi baroni del settore privato, i cui desideri sono arrivati a dominare la politica in molti aspetti della nostra economia e cultura.

In una giuria, a differenza delle elezioni, le persone prestano attenzione e parlano davvero tra loro, soprattutto se sentono di essere davvero loro a decidere qualcosa di importante. È più probabile che sentano il peso della responsabilità e prendano sul serio il loro compito come membri di una giuria che non quando esprimono un voto insieme a milioni di altre persone una volta ogni due anni.

Suggeriamo giurie composte, ad esempio, da 20 cittadini scelti a caso, di cui ogni giuria effettua una nomina e poi viene sciolta. I giurati non devono essere esperti in discipline specifiche, così come i giurati che decidono il verdetto in un caso di riciclaggio di denaro non devono essere laureati in finanza o contabilità. Le giurie che desiderano una guida esperta per prendere una decisione possono ottenerla facilmente.

Dal punto di vista pratico, sarebbe necessario un apparato sofisticato per supportare le giurie dal punto di vista amministrativo. Si tratterebbe in parte di una combinazione di ex-giurati – cittadini che hanno già fatto parte di giurie – e di un’organizzazione puramente amministrativa che coordini i giurati e le nomine dei giurati. Ai giurati non dovrebbe essere detto chi cercare, quali sono i criteri di selezione o qualsiasi altra “guida” che si riduca a dire loro ciò che i detentori del potere vogliono che facciano. Con questo sistema, la fiducia è riposta nella popolazione, proprio come nell’Occidente sviluppato la fiducia è riposta nei mercati piuttosto che nella pianificazione centrale.

Coinvolgere direttamente la popolazione nella nomina di migliaia di leader del Paese ogni anno è un passo verso il governo del popolo. Spezzare in questo modo la morsa del denaro e dei persuasori professionisti sulla società crea un nuovo insieme di istituzioni civiche indipendenti dalle elezioni guidate dai media e dalle élite statali e imprenditoriali, trascinando i vertici del settore pubblico nel dominio dei cittadini che dovrebbero servire.

Potete scommettere che questo reale trasferimento di potere al popolo sarà fortemente contrastato dalla maggior parte degli individui e delle istituzioni d’élite. Esse proclameranno a gran voce ogni singola ragione per cui si tratta di un’idea folle e impossibile, e chiameranno gli “esperti” delle loro reti a professare a gran voce l’assurdità anche solo di proporre l’idea. Questa denigrazione al vetriolo è esattamente la misura di quanto abbiamo bisogno di allentare la loro presa sul potere e di cambiare il sistema che hanno radicato a loro vantaggio.

Come quella di Lincoln, la nostra epoca chiede ancora una volta una “nuova nascita della libertà”, non solo per gli Stati Uniti ma per tutto il mondo occidentale, affinché “il governo del popolo, dal popolo, per il popolo, non perisca dalla terra”.

Gigi Foster & Michael Baker & Paul Frijters

Fonte: brownstone.org

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code