toba60

Abitudine Cognitiva e Fisica nel Gioco del Calcio

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Il testo in questione lo sto scrivendo mentre con sorpresa Argentina e Italia hanno vinto i campionati nei rispettivi continenti , un evento che non ha eguali nella storia del calcio.

Mia moglie Argentina ed io Italiano di nascita, abbiamo preso due piccioni con una fava, godiamoci questi momenti perché vedete nella vita la norma e’ perdere e da questo semplice principio e’ bene non adagiarsi mai troppo sulle vittorie e cercare di guardare sempre avanti con sempre maggior determinazione ed impegno.

Toba60

Concezione dell’allenamento del calcio.

La base di un allenamento sportivo è quella di fornire al giocatore la possibilità di aumentare la sua energia per sopportare meglio tutti gli sforzi che si verificano in una partita di calcio.

In una concezione più obsoleta, in cui molti allenatori attuali credono ancora, l’obiettivo è quello di migliorare il fisico per migliorare le prestazioni. Tutte le qualità fisiche di base sono lavorate con metodi scientificamente studiati che migliorano i livelli di resistenza, forza, velocità e gamma di movimento. Questi allenatori analiticamente eseguono compiti con un obiettivo fisico, in modo controllato, a seconda del giorno in cui si deve competere (forza o resistenza o velocità) e poi organizzare come si desidera posizionare i giocatori sul campo (tattica). Tutto viene fatto separatamente.

Attualmente, basandosi sull’idea che tutti gli aspetti devono essere integrati, sono stati condotti studi sui giochi di piccolo calibro (tattici, tecnici, psicologici e fisici), controllando i livelli di esercizio fisico, la frequenza cardiaca, il tipo di sforzo fatto dal giocatore e sono state stabilite linee guida per il lavoro e il tempo di recupero, a seconda dell’obiettivo da raggiungere, tenendo conto del numero di giocatori e dello spazio utilizzato nello sviluppo dell’attività. Tutto questo per integrare gli obiettivi fisici con quelli tecnico-tattici e non per realizzare l’allenamento fisico e tattico separatamente.

Tuttavia, il modello di comportamento dei giocatori non è preso in considerazione, né la complessità dell’esercizio.

A mio modesto parere, non credo nell’allenamento fisico di per sé. La base dell’allenamento sportivo è creare un’abitudine di comportamento nel giocatore, in modo che quando arriva la competizione, si comporti nel modo in cui si sta allenando e per il quale è adattato. Il fisico è un adattamento del corpo agli sforzi che fa intrinsecamente nel suo desiderio di raggiungere l’obiettivo tattico corrispondente ad ogni situazione di gioco.

L’azione più ripetuta nel calcio è “PERCEPIRE, DECIDERE ED ESEGUIRE”.

L’energia che un giocatore ha viene spesa in modo complesso: dalla mente e dal movimento. La percezione e la decisione sono due azioni che si realizzano all’interno della mente, ed è puramente cognitiva, l’esecuzione comporta una parte cognitiva, mentale, e una parte motoria, di movimento. Potremmo dire che ciò che spende più energia è la mente, in opposizione all’atto motorio stesso.

Se cerchiamo di imparare una nuova disciplina, gli inizi sono estenuanti, la nostra energia cognitiva si esaurisce rapidamente, non avendo interiorizzato l’abilità. Il dispendio energetico del movimento è standard, cioè, se mi muovo di più, spendo più energia che se mi muovo meno. Diciamo che muovere una mano ha un dispendio di energia, che sarà sempre lo stesso se faccio un movimento o un altro.

Tuttavia, pensando a quale movimento devo fare se si stanca più o meno. Facciamo un esempio, per vedere se si può chiarire: “Da bambini, quando abbiamo imparato ad allacciarci le scarpe, ci siamo stancati cognitivamente mentre imparavamo, mentre fisicamente la spesa è X.

Dopo qualche anno, ti allacci le scarpe quando ti alzi la mattina e non ti ricordi nemmeno di averlo fatto, quindi il dispendio cognitivo è quasi nullo (è totalmente interiorizzato), però il dispendio fisico è lo stesso “X”, poiché le mani devono fare il movimento, ma non devi pensare a quello che stai facendo”.

Nell’allenamento del calcio, dobbiamo applicare questo modo di agire.

Dobbiamo fornire una serie di compiti con le regole di provocazione adeguate al nostro modo di comportarci del giocatore, sia motoriamente che cognitivamente. I compiti devono durare quanto basta e necessario affinché il comportamento che vogliamo sia dato con la massima qualità, fino al momento in cui questo modello di comportamento non si verifica. È in quel momento che il compito dovrebbe essere fermato.

Questo è dovuto alla fatica cognitiva del giocatore quando si adatta a un nuovo modo di agire e pensare. La chiave è ripetere questi schemi comportamentali il maggior numero di volte possibile, con la massima qualità (intensità, tecnica ed esposizione psicologica), in modo che il giocatore si abitui a questo modo di agire e facendo sì che il suo dispendio energetico cognitivo sia il più basso possibile, tenendo conto che una partita di calcio è una unità di soluzioni complesse e che non tutte le soluzioni possibili vengono interiorizzate.

Ma si tratta di creare un modello di azione motoria e cognitiva abituale per ridurre al minimo il dispendio energetico, e quindi ottenere che il giocatore arriva nelle migliori condizioni alle fasi finali di una partita.
L’adattamento muscolo-tendineo sarà parallelo a quello cognitivo, poiché eseguendo lo stesso tipo di movimenti e pensieri, il giocatore cambia la sua morfologia adattandosi agli sforzi che fa regolarmente, per evitare lesioni e per sopportare gli sforzi con il minor dispendio energetico possibile.

Allo stesso modo, avendo l’informazione così interiorizzata, il suo dispendio energetico è minimo, è come se avesse l’informazione sul primo scaffale del cervello.

È successo a tutti noi, che quando giochiamo a calcio in una partita, quando siamo più esausti, è quando palleggiamo di più (azione che richiede più dispendio energetico fisico), invece di passare la palla a un compagno (azione che richiede più dispendio energetico mentale: percepire, decidere ed eseguire).

Se ci ricordiamo, nella nostra infanzia, il modo di giocare a calcio era individualmente, quando uno ha la palla in possesso, il suo unico scopo era quello di ottenere gol dopo un dribbling a chiunque si opponeva al passaggio. È così che abbiamo passato 4 o 5 anni a giocare giorno dopo giorno, per ore.

Questo modo di comportarsi, è così interiorizzato nella nostra mente, che nei momenti di maggior esaurimento mentale, facciamo ciò che usa meno energia, cioè il dribbling.

Pertanto, la formazione sportiva, nel calcio, deve cercare l’abitudine. Come dice il dizionario della RAE, “abitudine: un modo speciale di procedere o di comportarsi acquisito dalla ripetizione di atti uguali o simili, o originato da tendenze istintive”.

Con questo non intendo mettere in discussione anni e anni di studi sull’allenamento sportivo, ma dare un’altra visione che può aiutare a chiarire molti dubbi su questi temi.

Luis Torres

Fonte: El Blog de Futbol

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment riduce notevolmente le nostre entrate . Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con un abbonamento mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code