toba60

Benvenuti nel Mondo di Matrix! Klaus Schwab Entusiasta della Nuova Legge Europea sui Chip onde Promuovere il “Cervello Fisico per la Digitalizzazione”

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Queste sono notizie che passano nel totale silenzio ma che sono le uniche le quali dovrebbero essere prese in considerazione e mettere in guardia ogni membro della comunità mondiale.

Quanto avrete modo di conoscere non sono frutto di una fantasia popolare ma fatti reali, pronti per essere messi in opera grazie ad un collettivo delirio collettivo che non riesce a mettere a fuoco quella che é la situazione drammatica in cui stiamo vivendo.

Toba60

Benvenuti Nella Matrix

L’UE svelerà all’inizio del mese prossimo proposte di nuove leggi per stimolare la sua produzione di chip fatta in casa, ha annunciato il capo dell’UE Ursula von der Leyen in un discorso online all’edizione virtuale del World Economic Forum. La legge è in realtà una copertura per una cricca di globalisti corrotti per assumere il controllo totale.

Von der Leyen vuole rivendicare un ruolo maggiore per l’UE nella produzione mondiale di microchip. I chip più avanzati devono essere prodotti sul suolo europeo, secondo lei. La legislazione che dovrebbe rendere possibile tutto questo si chiama European Chips Act.

L’atto, che sarà proposto all’inizio di febbraio, mira ad aumentare la produzione di microchip per ridurre la dipendenza dai fornitori extraeuropei. “Il bisogno europeo di chip raddoppierà nel prossimo decennio”, ha spiegato von der Leyen. Il capo del WEF Klaus Schwab è profondamente coinvolto in questo sforzo. Schwab è uno dei 16 individui che sono stati accusati di gravi violazioni dei diritti umani e di genocidio nella CPI.

Trasformazione digitale profonda

Il presidente della Commissione europea ha parlato con Klaus Schwab del World Economic Forum. Era particolarmente interessato alla legge sui chip, “perché questo è un passo importante verso la creazione del cervello fisico per la digitalizzazione”.

L’Europa ha già un piano per attuare una “profonda trasformazione digitale” entro il 2030. Secondo il quotidiano olandese De Tijd, il centro di ricerca Imec avrà un ruolo chiave nella strategia europea sui chip. Realizza prototipi dei chip più piccoli, due nanometri o più piccoli.

Imec svolge ricerche avanzate sull’intelligenza artificiale ed è stato premiato due volte nel 2019 con 750.000 dollari dalla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) statunitense in un concorso di machine-learning.

In un rapporto del 2017, il Financial Times ha nominato il chip neuromorfico ad autoapprendimento di Imec una delle cinquanta idee che avrebbero cambiato il mondo ed è stato descritto dal giornale come avente il potenziale per rivoluzionare l’informatica.

Nel 2018, Imec ha annunciato la creazione di un’impresa di ricerca per decodificare la demenza creando modelli di cervello vivente specifici per l’uomo, i cosiddetti “cervelli su chip” che automatizzano e miniaturizzano le manipolazioni delle cellule staminali umane. Ha sviluppato la tecnologia per generare modelli di cervello 3D programmabili e strumentati con precisione di una singola cellula. Il progetto è stato sostenuto da un Collaborative Science Award di un milione di dollari dalla Chan Zuckerberg Initiative.

Già nel 2016, Schwab aveva annunciato in un’intervista all’emittente pubblica svizzera di lingua francese che la “tecnologia indossabile” sarebbe stata impiantata nel nostro cervello o sotto la nostra pelle.
L’aumento umano sarà controllato da pochi psicopatici

In un rapporto intitolato “Human Augmentation – The Dawn of a New Paradigm. Un progetto di implicazioni strategiche”, pubblicato congiuntamente dal Ministero della Difesa britannico e dal Ministero della Difesa federale tedesco nel 2021, la nozione di aumento umano per la guerra è considerata un fatto compiuto dagli autori.

“Possiamo supporre che, anche se questo rapporto proviene dal Ministero della Difesa britannico e dal Ministero della Difesa federale tedesco, sforzi paralleli sono stati fatti dalla maggior parte dei grandi governi di tutto il mondo”, ha avvertito l’inventore dell’mRNA, il dottor Robert Malone.

“Le guerre future saranno vinte, non da coloro che hanno la tecnologia più avanzata, ma da coloro che possono integrare più efficacemente le capacità uniche sia delle persone che delle macchine”, secondo il rapporto. L’etica dell’aumento umano è quindi vista come un ostacolo da quelli come il WEF e il complesso militare-industriale. Infatti, nel documento, è esplicitamente dichiarato:

“Il futuro dell’aumento umano non dovrebbe, tuttavia, essere deciso dagli etici o dall’opinione pubblica, anche se entrambi saranno voci importanti; piuttosto, i governi dovranno sviluppare una chiara posizione politica che massimizzi l’uso dell’aumento umano a sostegno della prosperità, sicurezza e protezione, senza minare i nostri valori.”

È chiaro che l’aumento umano è diventato il prossimo modello di guerra. Secondo il rapporto, “le interfacce cerebrali collegate agli algoritmi di apprendimento automatico hanno il potenziale per accelerare rapidamente la velocità e la qualità del processo decisionale”.

Ma a quale scopo?

“L’aumento umano giocherà un ruolo chiave nel ridurre il rischio di sovraccarico cognitivo mentre la guerra diventa più veloce, più complessa e più congestionata. La bioinformatica giocherà probabilmente un ruolo chiave nell’identificare comandanti e personale con il giusto potenziale cognitivo e adattivo per i ruoli di comando e controllo”.

Una didascalia da cultista del rapporto è particolarmente agghiacciante: “Sei milioni di anni di evoluzione per arrivare dove siamo oggi e ora abbiamo gli strumenti nelle nostre mani per decidere come la nostra continua evoluzione dovrebbe essere modellata”.

La guerra è la scusa usata per avanzare la nozione di aumento umano. Ciò che significa realmente è che i signori umani non eletti saranno in grado di controllare la nostra evoluzione attraverso l’ingegneria genetica.

“L’arroganza e l’hubris in questo punto di vista è enorme. Che in una o due generazioni, il complesso militare industriale farà perno sul controllo dell’evoluzione umana attraverso l’ingegneria genetica e l’aumento umano non è solo ingenuo, eticamente corrotto ma fondamentalmente pericoloso”, ha sottolineato Malone.

La crisi in Ucraina potrebbe essere usata come pretesto per un ID digitale

“Quello che probabilmente accadrà è che ci sarà un ‘cyber-attacco’ o una ‘cyber-pandemia’ per la quale la Russia sarà poi incolpata come se fosse parte della strategia verso l’Ucraina”, ha spiegato il politico olandese Thierry Baudet. “A causa di questo ‘cyber-attacco’ o ‘cyber-pandemia’ perderemo il nostro accesso a internet. Lo riavremo solo con un ‘passaporto internet'”.

Ha aggiunto: “Quindi penso che useranno esattamente lo stesso trucco nel mondo digitale che hanno fatto negli ultimi due anni nel mondo fisico: In primo luogo, togliere l’accesso con un falso pretesto e poi restituirlo ‘in modo sicuro’ con un passaporto”. Nel mondo fisico il Covid è stato usato come scusa, mentre nel mondo digitale si tratterà di “cyberattacchi” inscenati.

“L’ID digitale completamente integrato diventa allora un fatto.

E il Grande Reset sarà avanzato di un passo”, ha detto Baudet.

Fonte: freewestmedia.com

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code