toba60

Come Previsto: I Passaporti della Immunità non sono più una Fantasia

Fermarsi un attimo e riflettere su tutto quello che sta succedendo in questo momento nel mondo è la sola cosa da fare.

Pare che il mondo viaggi a compartimenti stagni a qualsiasi latitudine e longitudine del pianeta, quelli che aspettano ogni iniziativa esterna e di conseguenza fa tutto quello che viene loro impartito e coloro che qualche dubbio su quanto stabilito se lo pone.

Io vorrei tanto che qualche certezza possa prendere piede su questioni che sono di vitale importanza in questo momento.

La prima e’ di essere stati per troppo tempo esclusi da ogni possibilità’ di scelta su ciò’ che si ritiene razionale e sensato per una società democratica e la seconda è la consapevolezza di essere stati veramente dei veri idioti……….

a non essersi accorti per tempo di quanto sta accadendo.

Toba60

I Passaporti della Immunità non sono più una Fantasia

Mentre l’Unione Europea annuncia che si sta preparando a implementare i “certificati vaccinali”, anche la più grande associazione di compagnie aeree si sta preparando a lanciare la sua versione dei controversi passaporti dell’immunità.

Giovedì, i 27 leader politici dell’Unione europea hanno tenuto una chiamata virtuale di 5 ore per discutere del futuro della riapertura dei viaggi attraverso il continente.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha detto ai giornalisti che i leader hanno “concordato sul fatto che abbiamo bisogno di certificati vaccinali”.

La Merkel ha anche cercato di reprimere i timori sull’uso di tali certificati, affermando: “sarà sicuramente bello avere un simile certificato ma ciò non significa che solo chi ha un tale passaporto potrà viaggiare; a tale proposito, non sono state ancora prese decisioni politiche “.

La discussione sui passaporti immunità è cresciuta negli ultimi mesi, con Regno Unito, Danimarca, Svezia, Islanda e Spagna che prendendo in considerazione un metodo stanno per verificare se un individuo è stato vaccinato o ha ottenuto l’immunità da COVID-19.

I funzionari del Regno Unito hanno anche discusso del potenziale per l’uso di uno strumento di verifica digitale per i viaggi nazionali.

Negli Stati Uniti sono in fase di sviluppo anche piani per i passaporti immunità. Il 21 gennaio, Joe Biden ha delineato una strategia nazionale contro la pandemia di coronavirus di 200 pagine che includeva un appello al governo degli Stati Uniti per “valutare la fattibilità di collegare la vaccinazione COVID-19 ai certificati internazionali di vaccinazione”.

Le dichiarazioni dei leader mondiali arrivano sulla scia di una conferenza stampa tenuta dall’International Air Travel Association, che rappresenta 299 compagnie aeree . Mercoledì, Alexandre de Juniac, Direttore generale e CEO della IATA, ha spiegato in dettaglio l’imminente rilascio del passaporto dell’immunità dell’organizzazione, il Travel Pass IATA. Una presentazione di diapositive che discute dello IATA Travel Pass indica che l’organizzazione prevede di rendere la propria app completamente funzionante entro l’inizio dell’estate.

“Per quanto riguarda le credenziali sanitarie, le ultime settimane hanno visto più compagnie aeree iscriversi per provare lo IATA Travel Pass. Questo ci aiuterà a essere pronti per la ripartenza “, ha dichiarato De Juniac. Ha proseguito affermando che il pass di viaggio IATA deve essere sicuro, funzionare con i sistemi di viaggio esistenti e rispettare la privacy dei dati.

Non ha fornito dettagli specifici su come la privacy sarebbe stata rispettata. De Juniac ha anche osservato che la prova della vaccinazione e i risultati dei test COVID-19 devono essere digitali perché “i risultati dei test COVID-19 fraudolenti si stanno già dimostrando un problema”.

Nonostante il rapido ritmo di lancio di questi passaporti di immunità, non sono privi di controversia. Secondo un sondaggio del giugno 2020 e uno più recente studio della Brookings Institution , il pubblico è equamente diviso tra sostegno e opposizione per i passaporti di immunità. “Quasi la metà a favore che conferisce una qualche forma di privilegi di immunità e una piccola maggioranza si oppone”, scrive Brookings Institution .

La “piccola maggioranza” contraria ai passaporti li respinge per paura che i passaporti creino un sistema di classi a due livelli in cui ai vaccinati è consentito viaggiare liberamente e ai non vaccinati viene negato il diritto di viaggiare, assistere a concerti, visitare musei , bere al bar e potenzialmente anche fare acquisti al mercato locale.

Nicole Hassoun, professoressa alla Binghamton University, ha recentemente scritto un articolo per Scientific American affermando che “i passaporti per l’immunità possono essere inevitabili, dati gli attuali sviluppi nel settore privato e i precedenti storici, ma per essere etici, devono almeno includere alcune eccezioni.

Le persone che non possono accedere ai vaccini per motivi di salute ma hanno bisogno di lavorare, frequentare la scuola, viaggiare e così via dovrebbero essere in grado di farlo quando i benefici superano i rischi “.

I lettori abituali di TLAV non saranno sorpresi da nessuno di questi sviluppi.

Nel maggio 2020, TLAV ha segnalato per prima volta la i piani della IATA per i viaggi aerei nell’era post-COVID-19. A quel tempo, la IATA ha pubblicato la sua pubblicazione, Biosecurity for Air Transport A Roadmap for Restarting Aviation , che delineava la loro strategia per aprire i viaggi aerei quando i governi iniziano a revocare le restrizioni di viaggio. La richiesta della IATA per il check-in pre-imbarco tramite “piattaforme elettroniche di autorizzazione al viaggio” ha coinciso con l’annuncio del Covipass e dell’Health Pass di Clear , che richiedono entrambi un sistema di identificazione digitale che utilizzi dati biometrici e memorizzi viaggio, salute e identificazione dati.

Nel loro rapporto di maggio 2020, la IATA ha chiesto uno screening della temperatura nei punti di ingresso ai terminal aeroportuali e ha raccomandato “coperture per il viso” per i passeggeri e dispositivi di protezione per il personale della compagnia aerea e dell’aeroporto.

Hanno anche affermato che “i passaporti di immunità potrebbero svolgere un ruolo importante nell’agevolare ulteriormente il riavvio del viaggio aereo”. Ora, un anno dopo, la IATA sta contribuendo a dare vita a questa realtà mentre il suo Travel Pass IATA si unisce ai ranghi del Covipass e del Pass della salute come opzioni proposte per consentire alle persone di viaggiare ancora una volta.

Nel maggio 2020, TLAV ha segnalato per prima volta la i piani della IATA per i viaggi aerei nell’era post-COVID-19. A quel tempo, la IATA ha pubblicato la sua pubblicazione, Biosecurity for Air Transport A Roadmap for Restarting Aviation , che delineava la loro strategia per aprire i viaggi aerei quando i governi iniziano a revocare le restrizioni di viaggio.

La richiesta della IATA per il check-in pre-imbarco tramite “piattaforme elettroniche di autorizzazione al viaggio” ha coinciso con l’annuncio del Covipass e dell’Health Pass di Clear , che richiedono entrambi un sistema di identificazione digitale che utilizzi dati biometrici e memorizzi viaggio, salute e identificazione dati.

Nel loro rapporto di maggio 2020, la IATA ha chiesto uno screening della temperatura nei punti di ingresso ai terminal aeroportuali e ha raccomandato “coperture per il viso” per i passeggeri e dispositivi di protezione per il personale della compagnia aerea e dell’aeroporto.

Hanno anche affermato che “i passaporti di immunità potrebbero svolgere un ruolo importante nell’agevolare ulteriormente il riavvio del viaggio aereo”. Ora, un anno dopo, la IATA sta contribuendo a dare vita a questa realtà mentre il suo Travel Pass IATA si unisce ai ranghi del Covipass e del Pass della salute come opzioni proposte per consentire alle persone di viaggiare ancora una volta.

Mentre l’Unione Europea e la IATA iniziano a rivelare i loro piani per i certificati digitali di vaccinazione, alcuni esperti sanitari stanno parlando delle preoccupazioni etiche e morali riguardanti i sistemi di passaporti di immunità. La dottoressa Deepti Gurdasani, epidemiologa clinica presso la Queen Mary University di Londra, ha detto alla CNBC che “le prove scientifiche non supportano” i passaporti dei vaccini e, lei crede, “ci sono molte preoccupazioni etiche su di loro che penso siano legittime”.

Anche Liberty, la più grande organizzazione per le libertà civili del Regno Unito, si è espressa contro il concetto. “Una cosa che ogni suggerimento ha mancato è che è impossibile avere passaporti immuni che non si traducano in violazioni dei diritti umani” , l’organizzazione ha affermato recentemente . “Dovremmo essere tutti in grado di vivere la nostra vita senza interferenze inutili – qualsiasi forma di passaporto immunitario ce lo priverebbe di questo. E la storia ci dice che una volta che rinunciamo a questi diritti conquistati a fatica, raramente li recuperiamo “.

CEX.IOmostTrusted2

Quella che solo un anno fa era vista come un’illusione fantastica e paranoica l’idea che le persone potessero subire restrizioni per non vaccinare – non è più una fantasia.

I passaporti dell’immunità sono qui.

È probabile che entro l’estate le nazioni di tutto il mondo richiederanno un certificato digitale o una prova di vaccinazione per viaggiare, giocare, lavorare e fare acquisti.

Gli oppositori di queste misure devono pensare e agire rapidamente per decidere cosa faranno per rallentare la marcia verso l’autoritarismo medico.

Derrick Broze

Fonte: activistpost.com

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code