toba60

Cosa Conosciamo del CoronaVirus

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

E’ una fase questa in cui si concentra tutta l’attenzione sulle cose da fare in una situazione di emergenza.

E’, diciamolo pure, un emergenza indotta da una scriteriata informazione che si e’ amplificata oltre misura attraverso i molti mezzi a disposizione.

La prima cosa da fare e’ conoscere il problema, in questo caso il Virus, non dimentichiamo che in Africa il Virus Ebola che tra l’altro ha origine sempre dai pipistrelli come il CoronaVirus, ha mietuto nella fase più’ acuta sino a 120 morti al giorno e ancora oggi il focolaio non e’ stato spento e i morti sono l’ordine del giorno.

L’ebola e’ un virus il cui impatto sulle persone e’ assai più’ devastante ma se proprio vogliamo dirla tutta, il fatto che ora in Europa molte persone ora sono in quarantena non può che far bene, considerato che un certo isolamento fisico favorisce la consapevolezza di quanto sia precaria la nostra vita in balia di eventi che sfuggono al nostro controllo.

La cosa sorprendente sotto gli occhi di tutti e’ quanto il fattore emotivo incide nelle scelte da fare, sono le stesse che hanno fatto coloro che si sono buttati dalle torri gemelle per scampare al pericolo delle fiamme.

La totale dipendenza da organi superiori, fa si che ci si affidi alle autorità’ in maniera incondizionata, al punto da accettare le più’ sciocche delle azioni da intraprendere.

E’ un fenomeno badate bene che non e’ solo Italiano ma a tutti gli effetti mondiale, l’autonomia di pensiero e’ un bene scomparso, nel mondo dell’informazione ci si affida unicamente a strutture di largo consumo ben sapendo che negli ultimi 50 anni non hanno mai dato un quadro attendibile sui fatti di cronaca.

Video Ricercatori Indipendenti sul Virus Video 1 Video 2

E ora prima di lasciarvi a questo servizio sviluppato agli inizi del Problema CoronaVirus, quando tutto pareva sotto controllo e circostanziato al luogo di provenienza con pochi focolai esterni, voglio evidenziare un aspetto che dovrebbe essere prioritario per non dire vitale per chi deve gestire un paese.

Alla luce di come si sono evolute le cose e’ bene considerare l’impatto secondario che inevitabilmente pone una società’ globalizzata.

Avete visto come un colpo di tosse abbia devastato l’economia di un paese di 2 miliardi di persone? La dipendenza del mondo dalla Cina si farà’ sentire tra breve e il Virus in confronto sembrerà’ un banale mal di testa.

E’ la finanza, l’economia e il mercato quello che fa andare avanti il mondo, e per chi lo avesse dimenticato e’ strettamente interconnesso anche il comportamento delle persone che di fronte al problema posto in essere dal virus, non sarà’ mai più’ lo stesso.

Tutte le normative ”già programmate” saranno ancor più’ restrittive per tutti a qualsiasi latitudine e longitudine del pianeta e maschereranno il vero ruolo che ha la tutela e la salvaguardia della salute.

La Libertà’ e’ la prima a scomparire, ma non quella Spirituale, questa l’abbiamo già persa gettandoci giù’ dalle torri, o svuotando gli ipermercati, mi riferisco a quella materiale, che e’ l’unica che rende un ottimo profitto a quei pochi che dal male ne trae sempre il massimo, in termini di soldi e potere.

Toba60

Su ora prenditi un po di tempo, la conoscenza e la comprensione delle cose sono il piu’ potente antivirus del pianeta.

Qualcuno che è infetto dal coronavirus può diffonderlo con una semplice tosse o uno starnuto, dicono gli scienziati.

Oltre 2.700 persone con il virus sono state confermate morte e oltre 80.000 sono state infettate. Ma gli esperti prevedono che il vero numero di persone con la malattia potrebbe raggiungere i 350.000 nella sola Wuhan. Ecco cosa sappiamo finora:

Cos’è il coronavirus?

Un coronavirus è un tipo di virus che può causare malattie negli animali e nelle persone. I virus si rompono nelle cellule all’interno del loro ospite e li usano per riprodursi e interrompere le normali funzioni del corpo. I coronavirus prendono il nome dalla parola latina “corona”, che significa corona, perché sono racchiusi da un guscio a spillo che ricorda una corona reale.

Il coronavirus di Wuhan è uno che non è mai stato visto prima di questo focolaio. È stato nominato SARS-CoV-2 dall’International Committee on Taxonomy of Viruses. Il nome sta per sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2.

Gli esperti sostengono che il bug, che ha ucciso circa uno su 50 pazienti dall’inizio dell’epidemia a dicembre, è una “sorella” della malattia da SARS che ha colpito la Cina nel 2002, quindi è stato chiamato così.

La malattia causata dal virus è stata denominata COVID-19, che sta per coronavirus 2019.

La dott.ssa Helena Maier, del Pirbright Institute, ha dichiarato: ‘I coronavirus sono una famiglia di virus che infettano una vasta gamma di specie diverse tra cui umani, bovini, suini, galline, cani, gatti e animali selvatici.

‘Fino a quando questo nuovo coronavirus non è stato identificato, c’erano solo sei diversi coronavirus noti per infettare l’uomo. Quattro di questi causano una lieve malattia da raffreddore comune, ma dal 2002 sono emersi due nuovi coronavirus che possono infettare l’uomo e provocare malattie più gravi (sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) coronavirus).

‘I coronavirus sono noti per essere in grado di saltare occasionalmente da una specie all’altra ed è quello che è successo nel caso di SARS, MERS e il nuovo coronavirus. L’origine animale del nuovo coronavirus non è ancora nota. “

I primi casi umani sono stati segnalati pubblicamente dalla città cinese di Wuhan, dove vivono circa 11 milioni di persone, dopo che i medici hanno iniziato a segnalare pubblicamente infezioni il 31 dicembre.

Dall’8 gennaio erano stati segnalati 59 casi sospetti e sette persone erano in condizioni critiche. Sono stati sviluppati test per il nuovo virus e i casi registrati hanno iniziato a salire.

La prima persona morì quella settimana e, entro il 16 gennaio, due erano morti e 41 casi furono confermati. Il giorno successivo, gli scienziati hanno previsto che erano state infettate 1.700 persone, probabilmente fino a 7000.

Solo una settimana dopo, ci sono stati più di 800 casi confermati e quegli stessi scienziati hanno stimato che circa 4.000 – forse 9.700 – erano stati infettati solo a Wuhan. A quel punto, 26 persone erano morte.  

Al 27 gennaio, più di 2.800 persone sono state confermate infette, 81 sono morte e le stime del numero totale di casi sono andate da 100.000 a 350.000 nella sola Wuhan.

Al 29 gennaio, il numero di morti era salito a 132 e i casi superavano i 6.000.  Al 5 febbraio, c’erano più di 24.000 casi e 492 morti.

Entro l’11 febbraio, questo era salito a oltre 43.000 casi e 1.000 morti.

Un cambiamento nel modo in cui i casi sono confermati il ​​13 febbraio – i medici hanno deciso di iniziare a usare le scansioni polmonari come diagnosi formale, così come i test di laboratorio – ha causato un picco nel numero di casi, a oltre 60.000 e a 1.369 decessi.

Al 25 febbraio, circa 80.000 persone erano state infettate e circa 2.700 erano morte.

Da dove viene il virus?

Secondo gli scienziati, il virus proviene quasi sicuramente dai pipistrelli. I coronavirus in generale tendono ad avere origine negli animali: si ritiene che i simili virus SARS e MERS abbiano avuto origine rispettivamente in gatti e cammelli.

I primi casi di COVID-19 provenivano da persone che visitavano o lavoravano in un mercato di animali vivi a Wuhan, che da allora è stato chiuso per indagini.

Sebbene il mercato sia ufficialmente un mercato di frutti di mare, altri animali morti e vivi venivano venduti lì, tra cui cuccioli di lupo, salamandre, serpenti, pavoni, istrici e carne di cammello.

Uno studio del Wuhan Institute of Virology, pubblicato nel febbraio 2020 sulla rivista scientifica Nature, ha scoperto che i campioni di virus per il trucco genetico trovati in pazienti in Cina sono identici al 96% di un coronavirus che hanno trovato nei pipistrelli.

Tuttavia, non c’erano molti pipistrelli sul mercato, quindi gli scienziati affermano che probabilmente c’era un animale che agiva da intermediario, contraendolo da una mazza prima di trasmetterlo a un essere umano. Non è stato ancora confermato che tipo di animale fosse.

Il dott. Michael Skinner, virologo dell’Imperial College di Londra, non è stato coinvolto nella ricerca, ma ha dichiarato: “La scoperta pone sicuramente l’origine di nCoV nei pipistrelli in Cina.

“Non sappiamo ancora se un’altra specie sia stata un ospite intermedio per amplificare il virus, e forse anche per introdurlo sul mercato, né quali specie potrebbe essere stata l’ospite.”

Finora i decessi sono piuttosto bassi. Perché gli esperti di salute sono così preoccupati?

Gli esperti affermano che la comunità internazionale è preoccupata per il virus perché si sa così poco e sembra che si stia diffondendo rapidamente.

È simile alla SARS, che ha infettato 8.000 persone e ne ha uccise quasi 800 in un focolaio in Asia nel 2003, in quanto è un tipo di coronavirus che infetta i polmoni umani. È meno mortale della SARS, tuttavia.

Un altro motivo di preoccupazione è che nessuno ha alcuna immunità al virus perché non l’hanno mai incontrato prima. Ciò significa che potrebbe essere in grado di causare più danni rispetto ai virus che incontriamo spesso, come l’influenza o il raffreddore comune.

Parlando a una riunione di gennaio, il professor Peter Horby, professore dell’Università di Oxford, ha dichiarato: “I nuovi virus possono diffondersi molto più rapidamente nella popolazione rispetto ai virus che circolano continuamente perché non abbiamo immunità a loro.

‘La maggior parte dei virus influenzali stagionali ha un tasso di mortalità inferiore a uno su 1.000 persone. Qui stiamo parlando di un virus in cui non comprendiamo appieno lo spettro di gravità, ma è possibile che il tasso di mortalità possa arrivare al 2% “.

Se il tasso di mortalità è veramente del due per cento, ciò significa che due su ogni 100 pazienti che lo ottengono moriranno.

“La mia sensazione è che sia inferiore”, ha aggiunto il dott. Horby. ‘Probabilmente ci manca questo iceberg di casi più lievi. Ma questa è la circostanza attuale in cui ci troviamo.

“Il tasso di mortalità del due percento è paragonabile alla pandemia di influenza spagnola del 1918, quindi è una preoccupazione significativa a livello globale.”

Come si diffonde il virus?

La malattia può diffondersi tra le persone solo attraverso tosse e starnuti, rendendola un’infezione estremamente contagiosa. E può anche diffondersi anche prima che qualcuno abbia sintomi.

Si ritiene che viaggi nella saliva e persino attraverso l’acqua negli occhi, quindi un contatto ravvicinato, un bacio e la condivisione di posate o utensili sono tutti rischiosi.

Inizialmente, si pensava che la gente lo stesse catturando da un mercato di animali vivi nella città di Wuhan. Ma presto iniziarono a emergere casi in persone che non erano mai state lì, il che costrinse i medici a rendersi conto che si stava diffondendo da persona a persona.

Ora ci sono prove che può diffondersi di terza mano – a qualcuno di una persona che l’ha catturato da un’altra persona.

Cosa ti fa il virus? Quali sono i sintomi?

Una volta che qualcuno ha preso il virus COVID-19, potrebbero essere necessari dai due ai 14 giorni, o anche più a lungo, per mostrare qualsiasi sintomo, ma possono essere contagiosi durante questo periodo.

Se e quando si ammalano, i segni tipici includono naso che cola, tosse, mal di gola e febbre (alta temperatura). La stragrande maggioranza dei pazienti – almeno il 97%, in base ai dati disponibili – si riprenderà da questi senza problemi o assistenza medica.

In un piccolo gruppo di pazienti, che sembrano principalmente anziani o affetti da malattie a lungo termine, può portare a polmonite. La polmonite è un’infezione in cui le parti interne dei polmoni si gonfiano e si riempiono di liquido. Rende sempre più difficile respirare e, se non trattata, può essere fatale e soffocare le persone.

Cosa hanno rivelato i test genetici sul virus?  

Gli scienziati cinesi hanno registrato le sequenze genetiche di circa 19 ceppi del virus e le hanno rilasciate agli esperti che lavorano in tutto il mondo.

Ciò consente ad altri di studiarli, sviluppare test e potenzialmente esaminare il trattamento della malattia che causano.

Gli esami hanno rivelato che il coronavirus non è cambiato molto – il cambiamento è noto come mutazione – molto durante le prime fasi della sua diffusione.

Tuttavia, il direttore generale del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, Gao Fu, ha affermato che il virus si sta mutando e adattandosi mentre si diffonde attraverso le persone.

Ciò significa che gli sforzi per studiare il virus e per controllarlo potenzialmente potrebbero essere resi più difficili perché il virus potrebbe apparire diverso ogni volta che gli scienziati lo analizzano.

Ulteriori studi potrebbero essere in grado di rivelare se il virus ha prima infettato un piccolo numero di persone, poi si è modificato e si è diffuso da essi, o se esistevano varie versioni del virus provenienti da animali che si sono sviluppate separatamente.

Quanto è pericoloso il virus?

Il virus ha un tasso di mortalità di circa il due per cento. Questo è un tasso di mortalità simile all’epidemia di influenza spagnola che, nel 1918, uccise circa 50 milioni di persone.

Tuttavia, gli esperti affermano che il numero reale di pazienti è probabilmente considerevolmente più alto e quindi il tasso di mortalità considerevolmente più basso. I ricercatori dell’Imperial College di Londra stimano che ci siano stati 4.000 (fino a 9.700) casi nella sola città di Wuhan fino al 18 gennaio – ufficialmente c’erano solo 444 lì a quella data. Se i casi sono in effetti 100 volte più comuni delle cifre ufficiali, il virus potrebbe essere molto meno pericoloso di quanto si pensi attualmente, ma anche molto più diffuso.

Gli esperti affermano che probabilmente sono solo i pazienti più gravemente malati che cercano aiuto e sono pertanto registrati: la stragrande maggioranza avrà solo sintomi lievi, simili al freddo. Per coloro le cui condizioni diventano più gravi, esiste il rischio di sviluppare polmonite che può distruggere i polmoni e ucciderli.

Il virus può essere curato?

Il virus COVID-19 non può essere curato ed è difficile da contenere.

Gli antibiotici non funzionano contro i virus, quindi sono fuori discussione. I farmaci antivirali possono funzionare, ma il processo di comprensione di un virus, quindi sviluppo e produzione di farmaci per curarlo richiederebbe anni e enormi quantità di denaro.

Non esiste ancora un vaccino per il coronavirus ed è improbabile che sarà sviluppato in tempo utile per essere utile in questo focolaio, per ragioni analoghe a quanto sopra.

Il National Institutes of Health negli Stati Uniti e la Baylor University di Waco, in Texas, affermano che stanno lavorando a un vaccino basato su ciò che sanno sui coronavirus in generale, utilizzando le informazioni dell’epidemia di SARS. Ma questo potrebbe richiedere un anno o più per svilupparsi, secondo la tecnologia farmaceutica .

Attualmente, i governi e le autorità sanitarie stanno lavorando per contenere il virus e prendersi cura dei pazienti che sono malati e impediscono loro di infettare altre persone.

Le persone che soffrono della malattia vengono messe in quarantena negli ospedali, dove i loro sintomi possono essere curati e saranno lontani dal pubblico non infetto.

E gli aeroporti di tutto il mondo stanno mettendo in atto misure di screening come avere medici in loco, misurare la temperatura delle persone per verificare la presenza di febbri e utilizzare lo screening termico per individuare coloro che potrebbero essere malati (l’infezione causa un aumento della temperatura).

Tuttavia, possono essere necessarie settimane prima che compaiano i sintomi, quindi c’è solo una piccola probabilità che i pazienti vengano individuati in un aeroporto.

Questo focolaio è un’epidemia o una pandemia?

L’epidemia è un’epidemia, che è quando una malattia prende piede in una comunità come un paese o una regione.

Sebbene si sia diffuso in dozzine di paesi, l’epidemia non è ancora classificata come una pandemia, definita dall’Organizzazione mondiale della sanità come la “diffusione mondiale di una nuova malattia”.

Il capo della preparazione globale al rischio infettivo dell’OMS, la dott.ssa Sylvie Briand, ha dichiarato: ‘Attualmente non siamo in una pandemia. Siamo nella fase in cui si tratta di un’epidemia con focolai multipli e cerchiamo di estinguere la trasmissione in ciascuno di questi focolai “, ha riferito il Guardian.

Ha detto che la maggior parte dei casi al di fuori di Hubei era stata “spillover” dall’epicentro, quindi la malattia non si stava diffondendo attivamente in tutto il mondo.

Considerazione finale di Toba

L’ultima considerazione fatta dalla Dottoressa Sylvie Briand deve rendere tutte le persone consapevoli che i Titoli accademici per quanto siano una credenziale che autorizza a fare dichiarazioni pubbliche e meritano rispetto, non sono a tutti gli effetti sempre immuni da gravi e macroscopici errori di valutazione.

Fonte: DailyMailOnline

Aiuta L’informazione Indipendente, Toba e’ Sempre di Corsa e non vuole Fermarsi

Neuroschiavi
Marco Della Luna, Paolo CioniNeuroschiaviLiberiamoci dalla manipolazione psicologica, politica, economica e religiosaMacro Edizioni
Voto medio su 33 recensioni: Da non perdere
€ 16,50

Oligarchia
Per popoli superflui – L’ingegneria sociale della crescita infelice
€ 20,00

Medicina Quantistica
La medicina attraverso la fisica dei quanti – Terza Edizione
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere
€ 29,90

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code