toba60

Gli Storici Ricorderanno il Lockdown Come la Scelta Globale più Catastrofica Nella Storia dell’Umanità

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Chi ha messo in moto tutta questa macchina infernale probabilmente si sente assai compiaciuto del successo ottenuto dato da tutte le restrizioni dovute al Covid o meglio da un influenza sotto altro nome.

Lasciamo stare i vaccini che stanno facendo il loro corso distruttivo a rimo accelerato di intere popolazioni, ma mi riferisco a tutti i passi intermedi che hanno fatto da contorno ad una crisi isterica che ha letteralmente messo in evidenza la totale ”immaturità” di buona parte della popolazione.

Un aspetto balza all’occhio prima di lasciarvi a questo editoriale, ed e’ un dato di fatto che vede i giovani nel ruolo di vittime vulnerabili, fattore evidenziato più che mai attraverso il Lockdown, che in definitiva ha preso forma grazie anche al modello educativo che non è solo quello scolastico, ma principalmente genitoriale, essendo essi stessi partecipi di un sentire collettivo autodistruttivo che li ha trasformati in carnefici da imitare con tutte le conseguenze del caso che li vede ora incapaci di darsene una ragione.

Toba60

Lockdown! Non e’ andato tutto bene ma come doveva essere.

Il Fondo Monetario Internazionale, che di crack finanziari è il massimo esperto essendone il principale fabbricante, rende noto che il Great Lockdown, (distanziamento e chiusura delle attività economiche) applicato, senza alcun fondamento medico-scientifico, in alcuni Paesi, determinerà il crollo del loro prodotto interno lordo, un ottima prospettiva per i manipolatori sociali che si stanno leccando i baffi per la succulenta prospettiva di porre finalmente termine ad un inutile branco di stupidi ed inutili esseri umani.

La finta prospettiva di una ecatombe da coronavirus, unita alle scelte di  distanziamento, scientificamente inutili ed anomale, in relazione alla gravità della malattia e di fermo dell’economia, sono  stati i micidiali ingredienti del cocktail che ha provocato danni da conflitto bellico alle economie mondiali.

Essenziale è che, dopo che si è compreso che l’appoggio dei media alla distruzione dell’economia reale è una anomala tattica, perché essi sono di proprietà dei medesimi soggetti apparentemente danneggiati, si comprenda, ulteriormente, che la strategia di fondo utilizzata dal beneficiario è quella della distruzione per la gestione della ricostruzione che porta al definitivo Gran Reset.

In Europa 3 suicidi di adolescenti al giorno, adesso è la seconda causa di Morte Grazie al Lockdown e le Restrizioni

In Europa 9 milioni di adolescenti (tra i 10 e i 19 anni) convivono con un disturbo legato alla salute mentale e il suicidio è la seconda causa di morte tra i giovani con 3 ragazzi al giorno che si tolgono la vita.

Emerge dal rapporto Unicef che sara’ presentato oggi su “La condizione dell’infanzia nel mondo: Nella mia mente”. Solo gli incidenti stradali causano più decessi tra i giovani di quell’età.

Circa 1.200 bambini e adolescenti fra i 10 e i 19 anni pongono fine alle loro vite ogni anno. 

In Italia si stima che, nel 2019, il 16,6% dei ragazzi e delle ragazze fra i 10 e i 19 anni soffrissero di problemi legati alla salute mentale, circa 956.000 in totale. Fra le ragazze, la percentuale è maggiore (17,2%, pari a 478.554) rispetto ai ragazzi (16,1%, pari a 477.518). Mentre il Covid-19 continua a causare caos nelle vite, il Brief un’analisi con focus sull’Europa del rapporto annuale dell’Unicef “La condizione dell’infanzia nel mondo: Nella mia mente” fornisce anche dati preoccupanti sullo stress cui sono sottoposti.

La percentuale di suicidio nel 2019 fra i ragazzi è stimata di gran lunga maggiore rispetto alle ragazze, rispettivamente il 69% e il 31%, e la fascia di età più colpita è fra i 15 e i 19 anni (1.037 contro i 161 fra i 10 e i 14 anni). La percentuale di problemi legati alla salute mentale per i ragazzi e le ragazze in Europa fra i 10 e i 19 anni è del 16,3%, mentre il dato globale nella stessa fascia di età è del 13,2%. Le nazioni con la percentuale maggiore in Europa fra le 33 prese in esame sono: Spagna (20,8%), Portogallo (19,8%) e Irlanda (19,4%), mentre quelle con la percentuale minore si trovano principalmente in Europa orientale: Polonia (10,8%), Repubblica Ceca (11%), Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia (11,2%).

“La pandemia da Covid-19 ha evidenziato diversi fattori che hanno messo a rischio la nostra salute mentale: isolamento, tensioni familiari, perdita di reddito”, ha dichiarato Sua Altezza Reale la Regina Mathilde del Belgio, che oggi interverrà alla presentazione del Brief all’Unione Europea a Bruxelles. “Troppo spesso i bambini e i giovani portano il peso di tutto questo”. Geert Cappelaere, Rappresentante Unicef per le Istituzioni dell’Unione Europea commenta: “ora sappiamo che non agire ha un costo elevato.

La perdita annuale di capitale umano che deriva dalle condizioni generali di salute mentale in Europa tra i bambini e i giovani tra 0 e 19 anni è di 50 miliardi di euro. (Fonte ansa: Capitale Umano?) L’Unicef identifica infine alcuni interventi prioritari per le istituzioni europee e i governi nazionali fra i quali servizi per la salute mentale e migliori infrastrutture regionali”.

Sempre più esperti riconoscono che il Lockdown è stato un “errore Monumentale su Scala Globale”

Il 23 marzo 2020, il Regno Unito è stato immerso nella sua prima chiusura nazionale, dopo che il primo ministro Boris Johnson ha detto ai britannici che dovrebbero “rimanere a casa” per contenere la crescente crisi pandemica.

Ma un certo numero di esperti ora dicono che le misure di contenimento non hanno impedito la morte di persone con Covid e sono state in definitiva peggio della malattia.

Dopo settimane di infezioni da Covid in aumento, e inorridito dalla portata dei ricoveri ospedalieri, il governo britannico ha concluso che non c’era altra scelta che emettere un ordine senza precedenti per arginare la crisi della crescente pandemia.

Il governo stava seguendo la scienza, dopo tutto, e modelli epidemiologici catastrofici indicavano che il numero di morti nel Regno Unito avrebbe potuto raggiungere i 250.000 entro cinque mesi.

I consiglieri hanno detto che gli sforzi per “appiattire la curva” – per ridurre il numero di infezioni e proteggere il NHS – non sono stati sufficienti.

Il Mail Online riporta: Una settimana prima, il 16 marzo, Boris Johnson aveva consigliato ai britannici di stare lontani da pub e ristoranti, evitare viaggi non essenziali e lavorare da casa se possibile.

Nel giro di pochi giorni, le scuole sono state chiuse e alle persone considerate più vulnerabili al virus donne incinte, persone oltre i 70 anni e quelle con gravi problemi di salute è stato detto di rimanere in casa.

Il 20 marzo, tutti i pub, ristoranti e caffè hanno ricevuto l’ordine di chiudere, così come i cinema, le palestre e i centri ricreativi.

“Sconfiggeremo questa malattia attraverso un grande sforzo nazionale per rallentare la sua diffusione riducendo il contatto sociale non necessario”, ha detto il primo ministro alla nazione.

Questo è successo venerdì. Da lunedì, il governo ha emesso il suo più draconiano ordine di rimanere a casa, un mandato legale che permette alle persone di lasciare le loro case solo per scopi specifici: per fare acquisti di beni di prima necessità, per scopi medici, per esercitare o per lavorare.

Questa misura durò per sette settimane e portò ad alcuni dei momenti più strazianti e dolorosi della pandemia.

I pazienti in fin di vita hanno detto addio ai loro cari tramite videochiamata. Le donne hanno partorito senza il loro partner.

I problemi di salute mentale, soprattutto tra i giovani, hanno cominciato a prendere piede. Le denunce di violenza domestica sono aumentate drammaticamente perché le donne erano intrappolate con i loro abusatori.

E non è stato l’ultimo. Nel novembre 2020, ha avuto luogo una seconda chiusura nazionale, durata quattro settimane.

E poi, nel gennaio 2021, c’è stato il grande: un blocco che è durato quasi tre mesi.

Il vero risultato non sarà noto per un po’ di tempo.

Tuttavia, il consenso scientifico generale, raramente messo in discussione, è che queste misure erano un male necessario che ha salvato delle vite. Ma quanto è vero?

Mentre non c’è dubbio che erano necessarie misure forti per combattere un nuovo e devastante virus, il contenimento era davvero l’unico modo per superare i giorni bui della pandemia, o quello giusto?

Nelle ultime settimane, come parte di una serie di storie sulla scienza dietro le decisioni chiave della pandemia, il Mail on Sunday ha indagato sull’accuratezza dei test PCR e sul modo caotico in cui sono state registrate le morti legate al Covid.

Ora, nella sezione finale, parliamo con un numero crescente di esperti che dicono che le misure di contenimento hanno fatto poco bene una cura peggiore della malattia.

Uno di questi esperti è il professor Mark Woolhouse, un epidemiologo dell’Università di Edimburgo, che ha recentemente pubblicato un libro, The Year The World Went Mad, sui fallimenti della politica pandemica britannica.

Parlando questa settimana al podcast Medical Minefield del Mail on Sunday, il professor Woolhouse ha detto: “Penso che la storia guarderà indietro all’isolamento come un errore monumentale su scala globale, per una serie di ragioni”.

Il più ovvio è l’immenso danno che il lockdown, più di ogni altra misura, ha causato in termini di economia, salute mentale e benessere della società.

Era chiaro che bisognava prendere delle misure per controllare le ondate di infezione.

Ma molte analisi suggeriscono che il contenimento in sé non ha avuto un impatto significativo sulla riduzione dell’onere sanitario. Questo obiettivo è stato raggiunto con altri mezzi.

Analizzare l’effetto di una singola misura Covid è difficile, e i ricercatori lo hanno fatto con diversi gradi di successo.

Nel Regno Unito, il termine “contenimento” si riferisce specificamente all’ordine di rimanere a casa. Ma alcuni studi includono anche la chiusura delle scuole e dei confini, la chiusura delle attività commerciali e il coprifuoco nella loro definizione di contenimento.

E quando tutte queste misure sono considerate insieme, hanno un impatto riducendo i tassi di infezione fino all’80%.

Un documento pubblicato il mese scorso, che ha cercato di evidenziare i benefici delle singole misure, ha trovato che gli ordini di soggiorno a casa hanno ridotto le morti per Covid solo del 2,9%.

In confronto, la chiusura delle imprese ha ridotto i decessi del 10% e la chiusura delle scuole di quasi il 5%.

Gli autori, economisti legati alla Johns Hopkins University negli Stati Uniti, sono stati accusati di parzialità uno di loro ha ripetutamente paragonato le misure di contenimento al fascismo e di “cherry-picking” dei documenti per soddisfare le loro ipotesi.

“Se si parte da un presupposto e si selezionano gli studi che potrebbero confermarlo, non si ottiene una risposta oggettiva”, dice il dottor Raghib Ali, epidemiologo e consulente governativo all’Università di Cambridge.

Ma, curiosamente, il dottor Ali e altri ammettono anche che i ricercatori hanno ragione.

In una recensione del documento, l’epidemiologo australiano Gideon Meyerowitz-Katz lo descrive come uno “studio di qualità molto scarsa”.

Ma sottolinea anche che, mentre le cifre citate sono “piuttosto insignificanti, l’idea generale non è totalmente inverosimile”.

Scrive: “Se definiamo il contenimento come ‘il beneficio marginale degli ordini di stare a casa in aggiunta a molte altre restrizioni’, è probabilmente giusto dire che il beneficio potrebbe essere abbastanza piccolo”.

“In effetti, questo è stato dimostrato prima, ed è una posizione del tutto ragionevole sulla base delle prove”.

Un altro studio sulla stessa linea, pubblicato su Science nel febbraio dell’anno scorso, ha trovato che le misure di “stare a casa” hanno ridotto la trasmissione del Covid di una media del 13%, oltre ad altre misure come la chiusura delle scuole e dei negozi non essenziali, e il divieto di piccoli incontri.

Lo studio, che ha esaminato i dati di 41 paesi del mondo, ha concluso che si tratta di un “piccolo effetto” e che “alcuni paesi potrebbero controllare l’epidemia evitando gli ordini di soggiorno”.

Lo studio ha anche rivelato qualcosa di intrigante: le misure di contenimento potrebbero, nel peggiore dei casi, aumentare la trasmissione del virus fino al cinque per cento.

Questo potrebbe essere un effetto della diffusione del virus all’interno delle famiglie, dicono gli esperti.

Il professor Woolhouse ha sostenuto che mentre parte dell’obiettivo era quello di proteggere i più vulnerabili della società, le misure di contenimento hanno fallito.

“Ci siamo concentrati sull’idea che se avessimo impedito al virus di diffondersi a tutti, questo sarebbe stato in qualche modo sufficiente a proteggere quelli a rischio”, ha detto. E non lo era.

Leggi anche: La Casa Bianca ora dice che non ha mai voluto veramente il contenimento Le politiche di contenimento e i mandati di maschera sono collegati a un QI più basso nei bambini

Professore: gli storici ricorderanno le chiusure come “l’evento più catastrofico della storia dell’umanità”.

Fonte: DeepWeb & coronavirusclassaction.blogspot.com & ansa.it

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code