toba60

I Bioritmi della Vita Impariamo a Conoscerli

Penso che tutti hanno sentito parlare di bioritmi e sono sicuro che la maggioranza li ha considerati come una tematica affine alla magia o all’astrologia, eppure se consideriamo le persone che hanno studiato approfondito e divulgato l’argomento, erano tutt’altro che aspiranti stregoni.

Molti atleti olimpici si allenano tenendo conto di queste variabili cicliche, per non parlare di società’ di calcio come il Real Madrid ed il Barcellona, dove tra le strategie di lavoro vengono contemplate le analisi riferite ai bioritmi di tutti coloro che giocano e lavorano all’interno del club.

Io stesso li uso dall’età di 15 anni, in principio per gioco e poi con un sempre maggior interesse, ma senza mai essere vincolato in ogni cosa che svolgo.

Impariamo a conoscerli e poi ognuno gestisca le sue conoscenze come meglio crede……..non si finisce mai di imparare.

Toba60

Bioritmi

La Storia dei Bioritmi

Già nell’antichità fu osservato che durante tutta la vita si susseguivano fasi di maggiore o minore efficienza con un ritmo ciclico. Già agli albori della civilizzazione, quindi, i ritmi furono trattati come un fatto evidente.

Ippocrate, oltre 2400 anni fa, aveva notato l’esistenza di giorni buoni e cattivi nei pazienti.
Gli antichi medici cinesi davano una periodicità quotidiana alle funzioni del corpo e curavano ogni malattia stimolando l’energia degli organi malati che aumentava o diminuiva di intensità a seconda delle ore del giorno.

Ma bisogna arrivare a tempi molto più recenti perché si cominci a parlare dei bioritmi così come vengono intesi oggi.

Tra il XIX ed il XX secolo Hermann Swoboda, professore di Psicologia all’università di Vienna, introdusse le leggi della periodicità che si basavano sull’esistenza di due cicli di 23 e di 28 giorni e pubblicò le conclusioni delle sue ricerche nella sua opera Das Siebenjahr (L’anno di sette).

Nello stesso periodo e senza alcun collegamento con Swoboda, per una singolare coincidenza il biologo berlinese Wilhelm Fliess, grande amico di Sigmund Freud, arrivò alle stesse conclusioni sviluppando la teoria dei periodi che documentò in maniera molto ricca fornendone le prove matematiche nell’opera Der Ablauf des Lebens (Il corso della vita) pubblicata nel 1906.
Secondo Fliess, ogni individuo possiede nella sua natura fisica ed emozionale elementi del sesso opposto. Questa sua teoria, denominata della bisessualità, portò a chiamare i due cicli, che si ripetevano ogni 23 e 28 giorni, «ritmo maschile» e «ritmo femminile».

Ma queste teorie non ebbero molta fortuna fuori dalla Germania.
Freud stesso fu molto tiepido verso le conclusioni del suo amico, pur riconoscendo che la teoria della bisessualità aveva avuto una parte fondamentale nella formulazione dei concetti della psicanalisi freudiana.
Dovranno passare oltre trent’anni perché queste ricerche vengano riprese dal ginecologo Georg Riebold e vengano dotate di basi più solide.

Nel 1920 l’ingegnere Alfred Teltscher, che era anche insegnante, osservando il comportamento intellettuale dei sui allievi, arrivò ad ipotizzare l’esistenza di un terzo ciclo determinandone il ritmo con un’ampiezza di 33 giorni.
Anche due altri ricercatori, Rexford Hersey e Michel John Bennet, pun non essendo a conoscenza degli studi di Teltscher, ebbero la stessa intuizione.
In seguito Myron Streams perfezionò la ricerca accreditando quegli studi.

Ma è con l’opera Bioritmi, guida per i buoni e cattivi giorni della vita pubblicata a New York nel 1973 da George S. Thommen che abbiamo la sintesi più completa sull’argomento ed una dimostrazione dell’influenza dell’osservazione dei ritmi sul piano scientifico e sociale.

Cos’è il bioritmo?

Il bioritmo è un metodo per prevedere i cicli di un individuo in base alla sua data di nascita. Ci sono tre ritmi documentati: emotivo, fisico e intellettuale. Secondo la scienza del Bioritmo, ognuno di questi ritmi passa attraverso tre diverse fasi: alta, bassa e critica.

Cosa rappresentano le diverse fasi?

Cose diverse per persone diverse. Se il tuo ritmo fisico è in una fase alta, per esempio, puoi sperimentare più facilità fisica che se il tuo ritmo fosse in una fase bassa. Un ritmo emotivo basso può essere evidente con uno stato emotivo sonnolento o irritabile, d’altra parte, una fase emotiva alta porta con sé una sensazione di benessere. Intellettualmente, una fase alta permette alla mente di concentrarsi più chiaramente. In una fase intellettuale bassa ci sono molte distrazioni.

Qual è la fase critica?

La fase critica è il breve periodo (di solito uno o due giorni) in cui il ritmo cambia da alto a basso o viceversa. Durante questo breve periodo, c’è un grande rischio di errore o di incidente. Infatti, gli studi hanno dimostrato che c’è un rischio dal 30% al 60% maggiore di un incidente durante questi giorni critici rispetto al resto del tempo. Conviene essere più prudenti in questi giorni.

Sono basati su argomenti scientifici?

Sì, i bioritmi sono stati scoperti da due scienziati che lavoravano indipendentemente l’uno dall’altro. Dr. Hermann Swoboda, professore di psicologia all’Università di Vienna, e il Dr. Wilhelm Fliess, uno specialista di orecchio, naso e gola che ha riconosciuto la loro esistenza all’inizio del XX secolo. Attraverso un’intensa ricerca, entrambi sono arrivati quasi alle stesse conclusioni. Ogni medico ha pubblicato i suoi risultati in modo indipendente, stabilendo i bioritmi come un’area scientifica di studio. Oggi, i ricercatori di tutto il mondo continuano a valutare come influenzano la condizione umana.

Introduzione

Le persone nuove alla teoria dei bioritmi sono spesso confuse dalle sue apparenti implicazioni. L’idea che gli orologi biologici sembrano contraddire le nostre idee sul “libero arbitrio” e suggeriscono che più aspetti del nostro comportamento sono determinati di quanto siamo abituati.

Penso ai bioritmi come a una specie di “linea di base” interna che mi dice i miei livelli di energia per i 3 cicli: fisico, emotivo e intellettuale. Poiché il comportamento è solo parzialmente determinato da fattori interni, i bioritmi non sono responsabili di tutte le variazioni.

Trovo anche interessante notare che dal punto di vista del numero di giorni vissuti, passiamo tutti attraverso la stessa sequenza di cicli di bioritmo. Gli esseri umani sono quindi più simili di quanto vorremmo accettare. Le nostre somiglianze sono legate alle nostre radici biologiche e quindi ai nostri (bio)ritmi biologici. Le nostre differenze sono più una funzione degli strati culturali che assimiliamo dai nostri diversi ambienti, fisici e sociali.

Riassunto dal libro “Questo è il tuo giorno”.

DR. HERMANN SWOBODA , PSICOLOGO

Tutti abbiamo giorni in cui tutto quello che facciamo sembra andare bene, e al contrario, giorni in cui niente di quello che facciamo sembra avere senso. Questo tipo di questioni non sono nuove; l’uomo si è interrogato a lungo sulla portata delle proprie azioni e dei propri sentimenti.

Anche Ippocrate, il padre della medicina, consigliava ai suoi studenti circa 2.4000 anni fa di osservare i giorni “buoni” e “cattivi” sia nei sani che nei malati, e di tenere conto di queste variazioni nel trattamento dei pazienti. Anche se l’uomo ha capito che agiva, sentiva e pensava in modo diverso in certi momenti, per secoli una domanda fondamentale non ha avuto risposta e nemmeno è stata posta.

Alla fine del XIX secolo, il dottor Hermann Swoboda, professore di psicologia all’Università di Vienna, si chiese, sulla base delle sue scoperte, se ci potesse essere una regolarità o un ritmo per questi cambiamenti fondamentali nel carattere umano. Swoboda fu apparentemente colpito dalla relazione di John S. Beard del 1897 sul ciclo di gestazione e nascita, e dalla pubblicazione di un documento scientifico sulla bisessualità nell’uomo da parte di Wilheim Fliess…. Swoboda, nella sua prima relazione, presentata all’Università di Vienna all’inizio del secolo, dice…:

Non c’è bisogno di vivere a lungo prima di rendersi conto che la vita è soggetta a un cambiamento coerente. Questa deduzione non è una riflessione sui cambiamenti del nostro destino o sui cambiamenti che avvengono durante le diverse epoche della vita.

Anche se qualcuno potesse vivere una vita completamente libera da influenze esterne, in cui nulla alterasse l’aspetto mentale o fisico, la sua vita non sarebbe comunque la stessa di giorno in giorno. Una salute migliore non impedisce all’uomo di sentirsi a volte un po’ indisposto, o meno allegro di quanto sia normalmente.

Durante le sue ricerche iniziali tra il 1897 e il 1902, Swoboda registrò la ricorrenza del dolore e del gonfiore dei tessuti come avviene con le punture d’insetto. Trovò una periodicità nelle febbri, nell’insorgenza delle malattie e negli attacchi di cuore, un fenomeno che Wilhelm Fliess aveva riportato in una rivista medica, che portò alla scoperta di alcuni ritmi di base nell’uomo, uno di 23 giorni e l’altro di 28.

Per il calcolo del tuo Bioritmo entra qua dentro

Tuttavia, Swoboda, come psicologo, era soprattutto interessato a scoprire se i sentimenti e le azioni umane erano influenzati da variazioni ritmiche e se questi ritmi potevano essere precalcolati. I risultati di questa continua ricerca possono essere riassunti nelle sue stesse parole:

-Non ci chiederemo perché l’uomo agisce in un modo o nell’altro, perché abbiamo imparato a riconoscere che le sue azioni sono influenzate da cambiamenti periodici e che la reazione dell’uomo a un’impressione può essere prevista, o anticipata. Tale psicoanalisi potrebbe essere chiamata Bionome perché come nella chimica dove il ricercatore può anticipare il risultato di una formula, così attraverso il bionome lo psicologo può anticipare, o prevedere, i cambiamenti periodici nell’uomo.

Swoboda era un pensatore analitico e un compilatore sistematico. Le sue ricerche in psicologia e periodicità hanno prodotto prove convincenti sui ritmi della vita. Mostrò un profondo interesse per lo studio dei sogni e della loro origine, e osservò che melodie e idee si ripresentavano frequentemente nella mente dopo intervalli periodici, di solito basati su un ritmo di 23 o 28 giorni. Nel cercare l’origine di questi ritmi, Swoboda ha osservato attentamente la nascita dei bambini tra i suoi pazienti e ha scoperto che le giovani donne avrebbero spesso ore di ansia per la salute dei loro bambini durante i giorni periodici dopo il parto.

Si rese conto che questo fenomeno, che era spesso accompagnato dal rifiuto del bambino di allattare, era un segno di sviluppo ritmico, e in quei giorni il tempo di digestione e assorbimento era apparentemente lento. Ha consigliato alle madri di non preoccuparsi, poiché queste crisi periodiche possono essere considerate parte della crescita e dello sviluppo naturale. Punti simili sono stati riportati negli attacchi d’asma.

Il primo libro di Swoboda fu Die Perioden des Menschlichen Lebens (La periodicità nella vita dell’uomo).

Questo fu seguito da Studien zur Grundlegung der Psychologie (Studi sulle basi della psicologia). Per facilitare le sue ricerche e anche per incoraggiare altri scienziati e medici nella registrazione dei ritmi matematici, Swoboda ideò un regolo calcolatore con cui era abbastanza facile trovare i giorni “critici” nella vita di qualsiasi persona di cui si conosceva la data di nascita. Il libro con le istruzioni si chiamava: Die Kritisschen Tage des Menschen (I giorni critici dell’uomo).

La sua opera più profonda fu un volume di 576 pagine intitolato Das Siebenjahr (L’anno dei sette), contenente l’analisi matematica dei giorni 23 e 28, della ripetizione ritmica delle nascite attraverso le generazioni. Con informazioni che coprono centinaia di alberi genealogici, ha cercato di dimostrare che la maggior parte degli eventi della vita, come la nascita, l’inizio della malattia, gli attacchi di cuore e la morte, cadono in “giorni periodici” e coinvolgono le relazioni familiari.

WILHELM FLIESS , M.D.

Il fatto sorprendente è che mentre Swoboda concentrava i suoi studi sui ritmi di vita nell’uomo e sulle osservazioni nel campo della psicologia, a circa trecento miglia di distanza a Berlino un clinico di nome Wilheim Flies stava accumulando una grande quantità di materiale di ricerca per confermare i ritmi di 23 e 28 giorni, che aveva osservato nella diagnosi di molti dei suoi pazienti, Flies era uno specialista di naso e gola, ma l’ampiezza del suo interesse medico e biologico era più ampia. Ha mostrato una grande conoscenza in molti campi della scienza, ed è noto per essere stato eletto presidente dell’Accademia tedesca delle scienze nel 1910.

Mosche ha avuto una lunga e prosperosa pratica a Berlino e ha tenuto frequenti conferenze. Le sue ricerche lo portarono a ragionare che un processo periodico doveva interessare sia gli uomini che le donne e che questi ritmi potevano essere tracciati durante tutta la vita. Considerando che ogni individuo eredita caratteristiche sessuali sia maschili che femminili, ha concluso che ogni persona ha elementi di bisessualità nella sua costituzione fisica.

Ha anche concluso che c’era una connessione tra i ritmi che aveva osservato e l’evoluzione, la creazione di organismi e la vita stessa. Era ansioso di scoprire perché alcuni bambini, esposti a una malattia contagiosa, rimanevano immuni per giorni, per poi soccombere in un giorno periodico. Facendo risalire le malattie, l’insorgere delle febbri e le morti alla nascita, Mosche si convinse che un ritmo di 23 giorni e un ritmo di 28 giorni erano fondamentali per la vita.

Mosche ha compilato le sue scoperte nel suo libro Der Ablauf Des Lebens (Il corso della vita), un volume di 564 pagine con cui sperava di suscitare l’interesse dei suoi colleghi medici. Fu deluso nello scoprire che coloro che recensirono il suo lavoro dissero che, sebbene l’opera contenesse una grande quantità di ricerche matematiche e statistiche, confondeva solo il lettore. Uno di loro ha detto: Mosche mostra una conoscenza sorprendentemente varia di medicina, matematica, genealogia, botanica, zoologia, astrologia e psicologia.

Successivamente pubblicò altri 3 libri, contenenti ulteriori informazioni e ristampe di conferenze che aveva tenuto in numerosi incontri medici e scientifici, pubblicati tra il 1909 e il 1925 con i titoli: Mom Leben und Mom Tod (Della vita e della morte) Das Jahrim Lebendigen (L’anno della vita) Zur Periodenlehre (La teoria della periodicità). Fu assistito nelle sue ricerche da un matematico e più tardi dal dottor Hans Schlieper, che pubblicò i suoi lavori sui ritmi della vita con i nomi: Der Rhythms in Leberedigen (La periodicità della vita) Das Jahr in Raum (L’anno nello spazio).

Nelle sue ricerche sulla ripetizione ritmica della vita, Mosche studiò anche le caratteristiche ereditarie, specialmente il mancinismo, in cui osservò una maggiore influenza sul ritmo della sensibilità (femminilità), riflettendo un maggior grado di sentimenti creativi come quelli visti negli artisti, compositori e scrittori. Ha registrato le nascite e le morti in relazione agli alberi genealogici studiati e ha stabilito un rapporto matematico di consanguineità che va indietro di molte generazioni.

Sentendo che la natura sembrava aver dato un “orologio” a molti dei bambini che ha studiato, Fliess ha continuato ad esplorare i modelli regolari che riguardano tutte le fasi della vita. Ha concluso che il ritmo di 23 giorni (maschile) influenza la condizione fisica dell’essere umano.

IL SECONDO RITMO DELLA VITA

Questa, lunga 28 giorni, è stata considerata da Mosche come dovuta ai cambiamenti ritmici dell’eredità femminile. Originando nel sistema nervoso o nelle fibre, influenza le emozioni e il grado di sensibilità individuale. Fliess, che era un ricercatore scrupoloso, spiegava le sue teorie con ferma convinzione e le documentava con una quantità incredibile di dati statistici, facendo risalire l’origine dei ritmi alla nascita.

Le sue scoperte, a dir poco, hanno causato una grande controversia tra i suoi colleghi. Hanno accettato il fatto che la costituzione fisica dell’essere umano e le sue emozioni cambiano continuamente, non solo a causa di ciò che l’uomo sperimenta nella sua vita quotidiana, ma fondamentalmente a causa della sua costituzione biologica.

Alle mosche, sembrava che la natura avesse dato all’uomo un orologio maestro oltre ai ritmi molto evidenti che pulsano sia nel regno animale che in quello vegetale. Ci sono, naturalmente, innumerevoli esempi di ritmi precisi in tutte le forme viventi, dal virus più semplice alle figure più complicate.

In un libro pubblicato nel 1942, George Riebold, un ginecologo, ha rivisto le idee fondamentali sviluppate da Fliess tra il 1908 e il 1928. Riebold ha detto che una certa verità nasce dall’idea che la vita segue un ritmo periodico… e che i ritmi di 23 e 28 giorni che Fliess ha scoperto sono frequenti. Alcune di queste scoperte, ha riferito, sono state adottate nei moderni concetti di ginecologia e otorinolaringoiatria.

La parola ritmo si applica anche al ciclo mestruale femminile, in cui una periodicità di 28 giorni è la media apparente. Due domande erano presenti nella mente dei ricercatori originali. In primo luogo, perché questo presunto ritmo mestruale regolare varia in lunghezza in donne diverse (e anche nella stessa donna) da 26 a 35 giorni? In secondo luogo, perché solo la donna dovrebbe essere soggetta allo sviluppo ritmico? Il maschio non è anche, pensavano i ricercatori, la combinazione e il risultato dello sviluppo di cellule sia maschili che femminili? Dopo che Fliess aveva riferito sulla bisessualità nell’uomo, osservò una ritmicità di 23 giorni di febbri e malattie ricorrenti in alcuni dei suoi pazienti.

Questo lo portò a credere che sia il ritmo di 23 giorni che quello di 28 giorni agissero sulla regolarità del ritmo mestruale e che tutto nella vita sia influenzato da questi due ritmi lunghi.Swoboda e Fliess, ognuno per conto suo, studiarono gli alberi genealogici, sperando di scoprire perché le nascite seguissero spesso un modello familiare ritmico.

La curiosità li ha portati a cercare di stabilire un modello biologico tra i gemelli, e tra il bambino e i suoi genitori e nonni. ……. Cercando di sostenere le sue scoperte con tabelle numeriche, grafici, calcoli e prove matematiche, Fliess ha spaventato i suoi colleghi medici e il pubblico che stava cercando così duramente di convincere.

Chi lo ha criticato ha detto che le sue presentazioni erano troppo complesse. I suoi lettori non erano in grado o non volevano navigare nella pletora di statistiche, e mentre nessuno poteva disapprovare i suoi calcoli matematici, sembravano quasi disapprovare l’analisi.

IL RITMO DELLA MENTE

Ciò che rende lo studio dei ritmi biologici così affascinante è il fatto che pezzi di prova sono stati scoperti da ricercatori che non solo non si conoscevano, ma non avevano idea del lavoro fatto in precedenza da altri. Tuttavia, i risultati sono stati notevolmente coerenti e incoraggianti, e nuove direzioni e rapporti hanno continuato ad essere aggiunti ai principi stabiliti.

Così è stato anche per il ciclo mentale. Durante gli anni ’20 Alfred Teltseher, un medico e professore di ingegneria, raccolse ripetutamente un gran numero di rapporti sulle prestazioni di studenti delle scuole superiori e delle università di Innsbruck. Essendo lui stesso uno studente di natura e di matematica, si chiedeva perché la capacità intellettuale degli studenti sembrasse variare di volta in volta, e se si potesse stabilire un modello esatto.

Sfortunatamente, non sono state trovate pubblicazioni dirette da lui, ma solo rapporti di seconda mano e articoli che discutono le sue scoperte. Apparentemente, anche il suo campione statistico relativamente limitato ha mostrato che si poteva stabilire un modello esatto. L’articolo che avrebbe preparato concludeva che i picchi alti e bassi della performance fluttuavano sicuramente su un ciclo di 33 giorni.

Stabilì, infatti, che c’erano alcuni periodi durante i quali uno studente poteva facilmente prendere e assorbire nuovi argomenti, e d’altra parte, c’erano relativamente periodi durante i quali la capacità di pensare velocemente e chiaramente era diminuita. I suoi colleghi e i medici contemporanei assegnarono questo ritmo alle secrezioni periodiche di ghiandole che agiscono sulle cellule cerebrali, forse della tiroide.

Nel frattempo, dall’altra parte dell’Oceano Atlantico, il dottor Rexford Hersey dell’Università della Pennsylvania, assistito dal dottor Michael John Bennett, condusse una ricerca simile tra il 1928 e il 1932, Hersey riportò la scoperta accidentale di un ritmo di 33-35 giorni, rivelato esaminando le emozioni dei lavoratori delle ferrovie durante molti mesi.

Le sue scoperte sono state pubblicate nel suo libro, Worker’s Emotions in Shop and Home. Donald A. Laird, direttore del laboratorio di psicologia della Colgate University, lo recensì nella Review of Reviews dell’aprile 1935, intitolato “The Secrets of Our Highs and Lows”, che fu ristampato nel Readers Digests dell’agosto 1935. Nella conclusione, Laird dice: per la maggior parte delle persone, gli sbalzi d’umore sono un eterno enigma, nessuno sa da dove vengono o dove vanno.

La scienza ha scoperto recentemente degli sbalzi d’umore che non sono affatto questioni di cambiamento. Non sono, come abbiamo supposto a lungo, semplicemente reazioni al successo o al fallimento dei nostri piani. Al contrario, crescono in noi come risultato diretto dell’aumento e della diminuzione della nostra energia emotiva.

È stato dimostrato che il nostro corpo e la nostra mente producono, immagazzinano e spendono la nostra energia emotiva in cicli regolari. I commenti di Lairds, anche se ampiamente letti, non sono riusciti a catturare l’immaginazione del pubblico o della professione medica.

Un tentativo simile fu fatto un decennio dopo da Myron Sterns, che, scrivendo per la rivista Redbook nel novembre 1945, con il titolo: Do You Know Your Emotional Cycles, cercò di suscitare un certo interesse negli scienziati. Un mese dopo, la rivista Readers Digest ha ripreso questo articolo. Sterns cita Hersey che dice: poche persone hanno prestato attenzione al mio libro, tranne alcuni lungimiranti funzionari della Pennsylvania Railroad, che hanno sostenuto il mio lavoro fin dall’inizio. Hersey è stato anche citato per sottolineare che tutti sappiamo di avere alti e bassi, ma non sappiamo cosa li causa.

Applicazioni

Anche se le fasi dei cicli bioritmici incidono in maniera più o meno rilevante secondo altri fattori quali la forma fisica, psichica ed intellettuale e secondo i vari periodi della vita, le fasi di ricarica ed i momenti di transizione (i giorni critici) restano periodi da tenere sotto stretta osservazione.

Secondo indagini effettuate negli Stati Uniti su migliaia di incidenti sul lavoro, si è riscontrato che, in circa il 70% dei casi, l’incidente era stato provocato dall’errore di un operaio in posizione critica.
In Svizzera, a seguito di numerosi studi, si è arrivato a calcolare che oltre il 60% degli incidenti stradali sono provocati da guidatori in giorni critici.

Da un esperimento fatto in Romania tra il 1977 ed il 1979 in un centro di ricerca di Bucarest, tenendo conto dei situazioni dei bioritmi c’è stato un abbattimento di oltre l’80% del numero dei morti per incidenti stradali dovuti ai guidatori di taxi ed il numero dei feriti si è ridotto a meno del 10%.

Negli Stati Uniti, in Giappone ed in alcuni paesi europei, l’applicazione di queste teorie ad alcune attività a rischio è diventato di uso comune con riscontri molto positivi. Al punto che in seguito, è stata estesa in altri paesi. Sono stati interessati i dipendenti di alcune compagnie aeree con particolare riguardo ai piloti ed ai controllori di volo.
In Giappone i bioritmi sono stati adottati dalla maggior parte delle compagnie di trasporto ferroviarie e stradale nell’intento di assicurare una maggiore sicurezza.

I bioritmi sono stati anche impiegati, in maniera alquanto inusuale, per tentare di predire il sesso di un nascituro. Anche se non è di facile applicazione e qualche volta non riesce a dare risposte chiare, alcuni ricercatiri hanno messo a punto un metodo a questo scopo.

Per fare questo calcolo occorre avere la data esatta del concepimento e determinare la posizione bioritmica della madre a quella data.
Rifacendosi a questo metodo, il sesso del nascituro sarà determinato dall’attitudine dell’ovulo che viene fecondato ad accettare cellule maschili o femminili in relazione alle fasi dei cicli fisici ed emozionali della donna.
Quindi il bambino sarà maschio se la madre è in fase fisica positiva ed in fase emozionale negativa, femmina nelle condizioni contrarie.

Ovviamente non sarà possibile avere alcuna risposta nel caso i cicli siano entrambi nella stessa fase o se in giorni critici. Nel caso la data del concepimento non sia certa ma sia stata ricavata a posteriori calcolando a ritroso dalla data di nascita, ovviamente, la risposta potrebbe non essere affidabile. Infatti, benché il periodo di gestazione venga calcolato come di 280 giorni, molti fattori possono influenzarne la durata reale anticipando o posticipando la data del parto.

Compatibilità

La teoria dei bioritmi ha dedicato grande attenzione anche ai problemi di affinità tra individui. Il dottor Swoboda nelle sue ricerche ha studiato i ritmi di intere famiglie risalendo di parecchie generazioni nell’albero genealogico con l’obiettivo di individuare il modello ciclico che governa le nascite da una generazione all’altra.


Questi studi sono in seguito state ripresi da altri ricercatori con l’intento di verificare il livello di compatibilità tra coppie secondo le loro caratteristiche bioritmiche.

Grazie a queste osservazioni si è potuto constatare che due persone il cui ciclo emozionale segue le stesse fluttuazioni avranno per tutta la vita la stessa disposizione ai sentimenti, all’ottimismo e la stessa sensibilità. Vivranno insieme fasi di carica e di scarica e questo fatto li porterà ad avere una grande affinità emozionale.

Ne La teoria dei bioritmi, gli alti e bassi nel corso di una vita pubblicato nel 1959, Hugo Max Gross dedica parecchi capitoli alla spiegazione delle corrispondenze nei matrimoni e nella altre occasioni di relazioni tra persone e mette a punto un metodo di valutazione basato sulle percentuali di affinità tra i cicli.

Il metodo di valutazione di compatibilità parte dalla considerazione che due individui con due cicli identici hanno la massima affinità con una percentuale pari al 100%.

Poiché il caso di minore corrispondenza si verifica nella situazione opposta, ossia quando lo scarto equivale alla metà del ciclo, dando a questa condizione una percentuale pari a 0%, ne consegue che per ogni giorno di discordanza l’affinità diminuisce di una percentuale pari a 100 / i giorni del ciclo X 2.

La percentuale di affinità diminuirà quindi dell’8,70% nel ciclo fisico, del 7,14% nel ciclo emozionale e dell’6,06% nel ciclo intellettuale per ogni giorno di differenza tra i cicli, conseguentemente minore sarà la percentuale, meno elevata sarà la percentuale di affinità.

Calcolata la compatibilità ciclo per ciclo, potrà poi essere definita una media che ci darà la percentuale di affinità complessiva.
Generalmente va considerata buona una percentuale media superiore al 50%. Ovviamente, una percentuale oltre il 70% ci dirà che tra due persone c’è una grande sintonia, mentre una inferiore al 50% mette una seria ipoteca alla possibilità di intesa.

La compatibilità fisica è importante nella formazione di team sportivo o di lavoro. Quella emozionale per l’intesa in una coppia, in una famiglia o nei rapporti di amicizia.

Per le associazioni o collaborazioni basate su attività intellettive sarà indispensabile una buona corrispondenza intellettuale.
Ovviamente tutto questo riguarda una pura armonia bioritmica: nulla toglie che in presenza di obiettivi importanti o di forti motivazioni queste difficoltà possano essere superate o che, nonostante una buona consonanza bioritmica, ci siano difficoltà di rapporto dovute ad altri fattori.


Fonte: bio-chart.com & bioritmi.info

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code