toba60

Il Covid-19 Presente in Italia Mesi prima di Wuhan, Rivelano gli Scienziati

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

La notizia in sé apre scenari assai preoccupanti e un magistrato o un membro delle istituzioni (se solo esistesse) avrebbe il dovere di aprire un inchiesta su quanto verificato dalla dottoressa Gabriella Sozzi e il suo gruppo di ricerca, ma la cosa che lascia basiti è come questa informazione circoli da 3 giorni tra le prime pagine dei giornali online di tutto il Nord America mentre i diretti interessati (che siamo noi) pare abbiamo il problema dei gay africani che godono del privilegio di poter stazionare nel nostro paese grazie a questa loro predisposizione.

Toba60

Il Covid-19 presente in Italia mesi prima dell’epidemia di Wuhan, rivelano gli scienziati

Uno studio investigativo sul coronavirus ha rivelato che il Covid-19 circolava in Italia entro settembre 2019, mesi prima che il primo caso documentato fosse segnalato a Wuhan in Cina, secondo quanto riportato dai media.

La ricerca è stata condotta dagli scienziati dell’Istituto Nazionale dei Tumori (INT) di Milano.

Gabriella Sozzi, biologa INT, ha detto a CGTN Europe che i campioni di sangue hanno mostrato la presenza di anticorpi contro il Covid-19 da settembre, mentre il primo caso documentato in Italia è stato il 21 febbraio.

Sozzi ha detto alla CGTN : “Quello che abbiamo notato, ed era inaspettato, abbiamo trovato più del 10 per cento dei campioni che presentavano anticorpi contro il virus Covid-19. Questa scoperta sembra dirci che il virus Sars-Cov-2 stava probabilmente circolando a un livello basso in Italia prima dell’epidemia che abbiamo avuto a febbraio “.

L’Organizzazione mondiale della sanità aveva confermato il primo caso di coronavirus nel dicembre dello scorso anno, mesi dopo la raccolta dei campioni di sangue in Italia. Tuttavia, le nuove prove suggeriscono che questo non era l’inizio dell’epidemia globale.

La ricerca italiana ha rivelato che l’11,6% di quasi 1.000 volontari sani aveva anticorpi contro il coronavirus prima che la malattia fosse ufficialmente rilevata in Italia.

LEGGI ANCHE: Vaccino Oxford-AstraZeneca Covid-19: gli studi di fase II lo trovano sicuro negli anziani sani

Casi di polmonite

In un altro test condotto dall’Università di Siena, quattro dei casi positivi agli anticorpi contro il coronavirus risalgono alla prima settimana di ottobre. Ciò significa che gli individui sono stati infettati a settembre.

“Studi precedenti hanno già dimostrato che il virus potrebbe essere presente prima di dicembre 2019 perché abbiamo notato un aumento della polmonite nei pazienti”, ha aggiunto Sozzi.

All’inizio di marzo, i ricercatori italiani avevano notato che c’era stato un numero più alto del solito di casi di polmonite grave e influenza segnalati in Lombardia alla fine del 2019. Questo potrebbe essere un’ulteriore indicazione della presenza del coronavirus.

Un altro studio italiano aveva anche segnalato la presenza del coronavirus nelle acque reflue di Milano e Torino raccolte a dicembre 2019, aggiunge il rapporto della CGTN .

Prashasti Awasthi

https://www.thehindubusinessline.com

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code