toba60

IL Latte: Un Veleno Silenzioso Quanto Sconosciuto

Viviamo in un epoca dove un virus che miete sulla terra un millesimo di ciò’ che uccide la popolazione ha bloccato il mondo intero, li dove quotidianamente si convive con alimenti cancerogeni alla portata di tutti e supportati da quelle stesse multinazionali che stanno in questo momento ponendo rimedio ad una fantomatica pandemia ai più’ sconosciuta.

La morte e’ un affare di pochi e frutta una quantità di danaro illimitato la cui unica funzione e’ il controllo della popolazione che aggrappata alla vita con tutte le sue forze ha rinunciato a vivere.

Fermatevi un attimo e guardate la gente per le strade con la mascherina sulla bocca e avrete un idea ben precisa di come un gregge con il pretesto della salute, sia stato distolto su ciò’ che realmente e’ mortale per l’uomo nel breve e lungo termine.

Toba60

I latticini sono il cibo perfetto della natura, ma solo se sei un vitello.

Probabilmente hai sentito lo slogan “Il latte contiene qualcosa per tutti”.
A parte il calcio e altri minerali e vitamine, cos’altro potrebbe offrirti il ​​latte?
I latticini contengono qualcosa che nessun altro alimento contiene: infezione !”
John A. McDougal, MD, McDougal Plan e McDougal Medicine

“Ma mio dottore, cosa succederà ai miei denti e alle mie ossa se smetto di bere latte?”
“Niente! Niente che comunque non sarebbe successo! “
Frank A. Oski MD, ex Presidente del Dipartimento di Pediatria, New York University
***

“Le colture ricche di latte hanno i più alti tassi di osteoporosi,
una malattia che si riscontra raramente nelle colture che non consumano latte”.
Hans Deehl, Dr HSc, Dynamic Living

Tutta la verità sul Latte

Sempre più persone scelgono di seguire una dieta basata su alimenti di origine vegetale, escludendo la maggior parte dei prodotti di origine animale, soprattutto quelli trasformati. La ricerca scientifica ha confermato i benefici di una dieta vegetariana-vegana, compreso un minor rischio di osteoporosi, cancro, diabete e malattie cardiovascolari. Troppo spesso nelle e-mail di Terrapapers ricevo domande dai lettori sul latte, indipendentemente dal fatto che sia dannoso per la salute o meno. L’uomo di città, ora, grazie a Internet, cerca informazioni e chiede di conoscere la verità sui prodotti che la tradizione, insieme all’industria alimentare, hanno lanciato (propagandisticamente, ripeto) come salutari. Cerca medici naturali,

La ricerca scientifica arriva a darci le risposte sfatando miti e tabù alimentari che confermano che il consumo di latte può causare da osteoporosi, cancro, diabete di tipo 1 ad autismo. Come può essere possibile?

La maggior parte delle persone è convinta da un adeguato lavaggio del cervello di aver bisogno di bere latte perché è il “cibo perfetto” per essere sani. L’umanità ha trasformato le mucche in una moderna fabbrica, una macchina per il latte perpetua. 3.000 anni fa, una mucca poteva produrre 90 libbre [90 kg] di latte in un anno. Oggi, in media, una mucca dà 6.750 chili, che è 75 volte di più! Il latte è una sostanza molto sensibile associata a quasi tutte le ghiandole e gli organi della mucca. Questo è il risultato del normale funzionamento dell’animale per creare la vita. Gli elementi più importanti del suo corpo devono essere legati alla produzione di latte, in modo che le giovenche appena nate abbiano un buon inizio.

Oggi si beve latte innaturale, derivato da mucche allevate in massa , geneticamente modificate dall’inseminazione artificiale. Ogni sorso di latte contiene potenti ormoni della crescita come IGF I e IGF II, grassi e colesterolo, 59 altri ormoni attivi, allergeni, erbicidi, microbicidi, diossina, sangue, globuli bianchi morti, più di 52 antibiotici potenti, antibiotici.

Bevi latte? Sembra che quasi tutti bevono.

Dopotutto, “tutti sanno” che devono bere latte per essere sani, per ottenere calcio, giusto? Hm! Non necessariamente. L’unico momento nella nostra vita in cui dovremmo allattare al seno è quando siamo bambini e solo latte materno. Non siamo fatti per bere latte di altri animali. Se questo suona scioccante, è perché pochissime persone sono disposte a dire la verità sui prodotti lattiero-caseari e ancora meno ad ascoltarla. In effetti, criticare il latte, soprattutto in America, è come attaccare la maternità, la torta di mele o il baseball, dove bevono quotidianamente il “latte velenoso” in 5 litri.

Sulla base della loro ricerca ed esperienza medica, il Dr. Peter Dingle, il dottor Mark Hyman e il dott. Kevin Woodford e Gabriela Segura, i dati sugli effetti collaterali sulla salute umana derivanti dal consumo di latticini, sono scioccanti.

Prodotti lattiero-caseari – inclusi tutti i prodotti lattiero-caseari, latte, formaggio, formaggio, yogurt, kefir, gelato, ecc. – relativi a tutti i tipi di malattie, comprese malattie cardiovascolari, malattie autoimmuni, cancro, allergie, asma, malattie dell’apparato digerente, problemi alla tiroide, malattie neurologiche, ecc. L’elenco è infinito .

Questo, ovviamente, contraddice il rinnovato consiglio del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), che raccomanda di bere 3 bicchieri di latte al giorno. Cosa c’è che non va? Prima di tutto, questa è una raccomandazione che non è strettamente basata sulla scienza. Inoltre, alcuni degli “esperti” che hanno contribuito alla creazione della piramide alimentare lavorano per l’industria casearia, il che significa che non sono il gruppo di persone più imparziale. Esaminiamo i dati in modo più dettagliato. Le prove degli effetti negativi dei prodotti lattiero-caseari sulla salute umana sono in costante aumento da diversi decenni.

Gli effetti collaterali dei latticini vanno dalla semplice colica intestinale al cancro: il latte è associato a molti disturbi digestivi, cattiva salute dell’intestino, intolleranze alimentari e allergie. Molti bambini sviluppano un’intolleranza al latte che, se non altro, causa una sovrapproduzione delle mucose e del naso che cola. Peggio ancora, questa intolleranza può causare gravi sintomi allergici. Questo è spesso associato all’impatto negativo dei latticini sull’intestino.

La colica si verifica anche in molti bambini non appena ricevono latticini. L’intolleranza al lattosio è una “condizione” in cui il corpo non riesce a digerire lo zucchero in modo efficace (o per niente) e, che porta a una cattiva salute dell’intestino, a mucose eccessive, produzione di acidi e gas e vari gradi di fastidio addominale. Le persone con intolleranza al lattosio sperimentano anche un ridotto assorbimento nel tratto gastrointestinale.

Circa il 75% della popolazione mondiale (principalmente nei paesi orientali come Cina, India, Africa e popolazioni di minoranza come indigeni australiani e nativi americani) ha un livello di intolleranza al lattosio ed è ora generalmente accettato che questo la situazione è infatti la regola per l’animale umano. È più comune tra gli asiatici (circa l’85%) e gli afroamericani (circa il 50%) rispetto ai caucasici (circa il 10%). Va notato che l’incapacità di assimilare il lattosio è aumentata dalla pastorizzazione che distrugge tutti gli enzimi naturali presenti nel latte che normalmente dovrebbero aiutare nella digestione del latte.

L’allergia alimentare è una reazione immunitaria anormale, che è dovuta alla sensibilità a un alimento o a un suo componente. Si tratta di un grave problema di salute, soprattutto nei paesi industrializzati, dove si stima che colpisca circa l’1-2% della popolazione adulta e fino all’8% dei bambini di età inferiore ai tre anni. Secondo le statistiche l’allergia al latte vaccino può essere considerata come una delle allergie alimentari più comuni, soprattutto nell’infanzia, con una frequenza dal 2% al 3% nei primi anni di vita. Se si sviluppa una reazione allergica, non è sempre dovuta alle abitudini alimentari del bambino. Un bambino può essere esposto a proteine ​​che causano una reazione allergica.

Il latte materno delle madri che hanno consumato prodotti contenenti latte vaccino può rappresentare un’altra minaccia per lo sviluppo dell’allergia al latte vaccino, dovuta all’assorbimento delle proteine ​​della mucca, al loro passaggio attraverso la mucosa intestinale e al il loro rilascio nel latte umano. L’attività degli anticorpi contro la caseina bovina, così come la caseina e la lattoglobulina, è rilevabile solo nei neonati che bevono latte artificiale e non nei neonati che bevono esclusivamente latte materno.

Caseina

La proteina Caseina presente nei latticini causa seri problemi, come il glutine presente in alcuni cereali come il grano. Può innescare una reazione autoimmune e / o imitare le endorfine e causare cambiamenti nella percezione, nell’umore e nel comportamento. Poiché il latte è un liquido morbido, ci sono persone che lo bevono come l’acqua per dissetarsi. Questo è un grosso errore in quanto la caseina contiene l’80% di proteine ​​del latte (3,2 – 3,5 proteine ​​per 100 g di latte) e crea una “massa” non appena entra nello stomaco, rendendo molto difficile la digestione.

Inoltre, la caseina nel latte viene omogeneizzata. Omogeneizzazione significa: Equazione del contenuto di grassi del latte con la sua agitazione. Il motivo per cui l’omogeneizzazione è negativa è perché, quando il latte viene miscelato, entra in esso l’aria, convertendo il grasso del latte in grasso ossidato, cioè grasso in una fase di ossidazione avanzata.

Il meccanismo d’azione ha a che fare con il fallimento di un enzima specifico che scompone il glutine e la caseina, un processo di digestione necessario nel nostro corpo per rimuovere i nutrienti di queste proteine. A causa del fallimento di questo enzima nel fare il suo lavoro, rimane una parte indigeribile delle proteine ​​che sopravvivono e, nel sistema immunitario, questa parte sembra un virus.

Quindi, supponendo che sia un virus, il nostro corpo innesca una reazione di difesa immunitaria per proteggere il nostro corpo dall’invasore. Poiché questo pezzo di glutine o caseina è simile a varie malattie causate da virus, il nostro corpo creerà una reazione complessa, una reazione autoimmune, che si sospetta abbia un ruolo nello sviluppo del diabete di tipo I, della sclerosi multipla e nell’autismo. Le reazioni immunitarie complesse causano danni a diversi tessuti in persone diverse e quindi la gamma di malattie varia. Inoltre, la parte non digerita del glutine o della caseina sembra una droga come l’oppio, che ha un effetto significativo sul nostro comportamento e sulla nostra mente.

Ormoni e fattori di crescita

Molti degli ingredienti bioattivi nel latte contengono ormoni e fattori di crescita. Il latte contiene più di 50 ormoni e fattori di crescita. Il consumo di latte vaccino può portare a significativi cambiamenti ormonali e sconvolgere l’equilibrio di insulina, ormone della crescita e fattori di crescita simili all’insulina (IGF). Insulin Growth Factor One (IGF-1) mira ad aiutare i vitelli allattati a crescere e a produrre nuovo tessuto attraverso la riproduzione cellulare fertile.

Tuttavia, quando questo ormone viene introdotto nel corpo umano adulto, che non è più in crescita, le cellule possono essere incoraggiate a riprodursi nel momento o nel luogo sbagliato, fornendo la base per la crescita del cancro.

Il latte vaccino e quello umano hanno la stessa sequenza amminoacidica dei fattori di crescita IGF e quindi il tipo IGF di vacca è in grado di legarsi al tipo IGF umano. Numerosi studi hanno dimostrato un legame tra questi livelli ormonali e i livelli di IGF nei ragazzi e nelle ragazze in premenopausa, e quindi questi livelli sono positivamente associati con l’aumento dell’altezza.

I livelli di IGF-1 nel latte possono essere aumentati in modo significativo con l’aumento della produzione di latte per vacca, dall’inizio della rivoluzione agricola. Questo problema è aggravato negli Stati Uniti, dove possono aggiungere IGF alle mucche che vengono munte per aumentare la produzione di latte. C’è un dibattito scientifico sul fatto che l’omogeneizzazione dell’ormone ne consenta l’assimilazione e il raggiungimento del flusso sanguigno.

Un consumo eccessivo di latte causa l’osteoporosi

Il più grande e più comune malinteso [intenzionale] sul latte è che aiuta a prevenire l’osteoporosi. Poiché il contenuto di calcio nel nostro corpo diminuisce con l’età, ci viene detto di bere molto latte per prevenire l’osteoporosi. Ma questo è un grosso errore, un mito fraudolento. Infatti, consumare troppo latte provoca l’osteoporosi.

È opinione comune che il calcio nel latte venga assorbito meglio del calcio in altri alimenti come i pesci piccoli, ma questo non è del tutto vero. La concentrazione di calcio nel sangue umano è solitamente fissata a 90-10 mg. Tuttavia, quando beviamo latte, la concentrazione di calcio nel sangue aumenta notevolmente. Sebbene a prima vista possa sembrare che molto calcio sia stato assorbito, questo aumento del sangue ha il suo svantaggio. Quando la concentrazione di calcio nel sangue aumenta improvvisamente, il corpo cerca di riportare questo livello anormale alla normalità espellendo il calcio dai reni attraverso le urine.

In altre parole, se proviamo a bere latte per ottenere calcio, in realtà produce l’effetto ironico di ridurre il livello complessivo di calcio nel tuo corpo. In tutti e quattro i principali paesi lattiero-caseari, Americhe, Svezia, Danimarca e Finlandia, dove si consumano grandi quantità di latte su base giornaliera, ci sono molti casi di fratture dell’anca e osteoporosi.

Al contrario, piccoli pesci e alghe, di cui i giapponesi si nutrono da migliaia di anni e che originariamente si pensava fossero a basso contenuto di calcio, contengono calcio che non viene assorbito rapidamente e quindi aumenta il livello di concentrazione. di calcio nel sangue. Inoltre, non c’erano quasi casi di osteoporosi in Giappone quando le persone non bevevano latte. Anche ora non si sente parlare di molte persone che soffrono di osteoporosi e che non bevono latte regolarmente. Il corpo può assorbire il calcio e i minerali necessari mangiando piccoli gamberetti, pesci e alghe.

Maschere Virtuali per Incrementare la Produzione di Latte

Cancro

Il fattore di crescita dell’insulina uno (IGF-1) è stato collegato a molti tumori, tra cui il cancro alla prostata e al seno, e il consumo di latte vaccino è stato fortemente collegato alla crescita del cancro dipendente dagli ormoni. In un ampio studio, una meta-analisi, è emerso che un elevato consumo di latticini e calcio era associato a un aumento del rischio di cancro alla prostata.

I ricercatori hanno scoperto che gli uomini che consumavano più latticini avevano maggiori probabilità di sviluppare il cancro alla prostata rispetto agli uomini che ne consumavano quantità minori. Le analisi dose-risposta hanno dimostrato che l’assunzione di calcio nei latticini è positivamente associata al rischio di cancro alla prostata. Ciò significa che più prodotti lattiero-caseari consumati, maggiori sono le possibilità di cancro alla prostata.

Uno studio ha rilevato un rischio 5,1 volte maggiore di cancro alla prostata avanzato, mentre un altro studio ha rilevato che il consumo di latte era più strettamente legato ai tassi di mortalità per cancro alla prostata. C’era anche un forte legame tra il consumo di latticini e il cancro ai testicoli.

Uno studio su 3.300 malati di cancro e 1.300 persone nel gruppo di controllo, che ha confrontato l’assunzione di latte e latticini tra i due gruppi, ha trovato una correlazione significativa tra il consumo esclusivo di latte intero e un rischio più elevato di alcuni tumori (ad es. bocca, stomaco, retto, polmone, seno, ecc.). La maggior parte dei soggetti nel gruppo di controllo erano consumatori di latte a basso contenuto di grassi o zero grassi. La riduzione dei grassi saturi è associata a una riduzione del cancro della bocca e della cervice. Alcuni altri studi hanno collegato il consumo di latticini al cancro al seno e al cancro alle ovaie.

Diabete mellito (tipo 1)

È stato scoperto che i tipi di preparati a base di latte vaccino per neonati e bambini promuovono lo sviluppo del diabete di tipo 1 e di altre malattie del sistema immunitario o malattie neurologiche. La formula del latte vaccino nei primi tre mesi di vita di un bambino è associata ad un aumentato rischio di diabete di tipo 1 e ci sono più di 100 studi che collegano l’esposizione precoce ai latticini con l’insorgenza del diabete di tipo 2. 1) nei bambini che sono geneticamente predisposti alla malattia.

Le prove di questi studi sono schiaccianti. Inoltre, è stato dimostrato che l’uso delle proteine ​​del latte vaccino negli animali porta allo sviluppo del diabete di tipo 1.

In uno studio sulla nuova diagnosi di diabete di tipo 1, i ricercatori hanno scoperto che i bambini nello studio avevano anticorpi in grado di attaccare nelle proteine ​​del latte vaccino. Questi anticorpi sembrano essere stati sviluppati a causa del consumo del loro latte per neonati per rispondere alle proteine ​​presenti nel latte vaccino, ma gli anticorpi erano anche in grado di attaccare l’insulina prodotta dalle cellule del corpo.

Gli anticorpi che hanno portato alla distruzione delle proteine ​​del latte vaccino hanno finito per attaccare l’insulina prodotta dalle cellule del bambino. Il sistema immunitario del bambino riconosce le proteine ​​bovine come ospiti e produce anticorpi per attaccarle. Sfortunatamente, questi anticorpi attaccano non solo le proteine ​​bovine ma anche le cellule che producono insulina nel pancreas. C’è grande preoccupazione nello studio globale che è iniziato e in cui i bambini non consumano affatto latte di mucca, per vedere se il diabete può essere prevenuto.

Sclerosi multipla

Prove risalenti al 1976 mostrano che il consumo di latte vaccino è associato allo sviluppo della sclerosi multipla (SM). Uno studio sul consumo di latticini in 27 paesi e 29 popolazioni in tutto il mondo ha rilevato una forte correlazione tra il latte vaccino e la sclerosi multipla. La cosa interessante qui è che, nessuna correlazione con burro o formaggio. È già stato dimostrato che un certo numero di proteine ​​del latte vaccino viene preso di mira dalle cellule immunitarie umane affette da sclerosi multipla.

Inoltre, l’uso iniettabile di proteine ​​negli animali da esperimento ha causato danni al sistema nervoso centrale degli animali. Altri ricercatori hanno dimostrato che alcune proteine ​​nel latte vaccino imitano parte della glicoproteina glicoproteina mielinica, la parte della mielina che avvierà la reazione autoimmune alla sclerosi multipla.

Morbo di Parkinson: il latte è stato anche collegato alla malattia di Parkinson (PD). I ricercatori hanno scoperto che tra gli oltre 130.000 adulti negli Stati Uniti che sono stati monitorati per nove anni, quelli che mangiavano più latticini avevano un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson.

Gli uomini con livelli più elevati di consumo di latticini avevano il 60% di probabilità in più di sviluppare la malattia rispetto a coloro che consumavano quantità minori di prodotti lattiero-caseari, in particolare latte. Ciò è supportato da risultati precedenti sull’assunzione di latticini e sulla progressione della malattia.

Lo stesso studio ha dimostrato che anche le donne con un consumo moderato di latticini sono ad alto rischio di malattia. Uno studio ha scoperto che gli uomini giapponesi e americani a Honolulu, Hawaii, che consumavano più di 0,5 litri di latte al giorno, avevano un rischio maggiore del 130% di sviluppare il morbo di Parkinson rispetto agli uomini che non bevevano latte. In uno studio in cui un totale di 128 partecipanti ha sviluppato la malattia di Parkinson, il rischio della malattia è aumentato con l’aumento della quantità di latte che hanno consumato ogni giorno. Le persone che bevevano più di 454 grammi di latte al giorno avevano più del doppio delle probabilità di sviluppare la malattia di Parkinson rispetto a quelle che non bevevano latte.

Cardiopatia

L’evidenza epidemiologica suggerisce che il consumo pro capite di latte e proteine ​​del latte è associato ai tassi di mortalità nazionale per infarto o ictus, sebbene non sembri essere associato all’assunzione di grassi saturi. Il latte NON è un ottimo alimento. Il latte vaccino non è un ottimo alimento per l’uomo. Ciò che viene qui presentato è solo una piccola percentuale della letteratura scientifica che evidenzia i problemi che derivano dal consumo di latte. Forse in futuro vedremo avvertenze sanitarie sulle confezioni del latte.

Sfortunatamente, da più di 50 anni ti vendono un messaggio ingannevole, così che ognuno di noi crede che “il latte fa bene al tuo corpo” e ovviamente non è l’unica truffa. Nessun altro animale sul pianeta consuma latte oltre l’infanzia, né consuma il latte di altri animali.

Tuttavia, gli esseri umani sono gli unici animali che soffrono di alti tassi di malattie croniche. Per complicare ulteriormente questa equazione, possiamo distruggere molte delle proprietà salutari del latte attraverso il processo di pastorizzazione, inclusi enzimi e antiossidanti, quindi mescolare il grasso e i liquidi insieme all’omogeneizzatore e continuare a chiamarlo , un alimento naturale.

Le proprietà benefiche che il latte poteva avere in piccolissime quantità non esistono più a causa della sua lavorazione. Quindi aggiungi zucchero e coloranti chimici per avere un latte aromatizzato e avrai un composto tossico incredibile! L’unico momento nella nostra vita in cui dovremmo allattare al seno è quando siamo bambini e solo con latte materno.

Donne e infertilità

Le donne che vogliono, ma non sono riuscite a concepire, potrebbero voler dare un’occhiata a quanto i latticini hanno avuto un ruolo nella loro dieta, secondo un nuovo studio. Un gruppo di ricercatori negli Stati Uniti e in Finlandia riferisce che dove il consumo di latte pro capite è più elevato, le donne tendono a non rimanere incinte man mano che invecchiano.

Ad eccezione di alcune popolazioni del Nord Europa e della loro prole, la maggior parte degli adulti perde la capacità di digerire facilmente il lattosio. “Poiché l’intolleranza al lattosio impedisce l’elevato consumo di latte e altri prodotti lattiero-caseari ricchi di galattosio – uno zucchero apparentemente tossico per le uova umane – questo tratto può salvare la vita”, afferma Daniel W. Cramer, ginecologo. Harvard School e colleghi.

Cinque anni fa, Cramer ha collegato il consumo di galattosio a un aumentato rischio di sviluppare il cancro ovarico. Alla ricerca di sospetti che lo zucchero possa anche influire sulla fertilità, il suo team ha confrontato i dati pubblicati da 36 paesi sui tassi di infertilità, il consumo di latte pro capite e l’anoressia, l’incapacità degli adulti di digerire il lattosio. Il 1 febbraio, l’American Journal of Epidemiology ha riportato una correlazione tra elevato consumo di latte e infertilità femminile, che inizia solo all’età di 20-24 anni.

La forza di questa affermazione e il tasso di infertilità sono aumentati in ciascuno dei gruppi più anziani studiati. In Thailandia, ad esempio, dove il 98% degli adulti allatta al seno, l’infertilità media delle donne di età compresa tra 35 e 39 anni è solo del 26%. Al contrario, in Australia e nel Regno Unito, dove gli adulti che allattano sono solo il 5%, il tasso medio di infertilità è dell’82%.

Secondo gli autori, molti fattori, comprese le usanze del matrimonio, i tassi di divorzio, la contraccezione e la salute personale, influenzano la fertilità. Certamente, afferma Cramer, la nuova analisi offre “una conferma demografica di tutto ciò che abbiamo osservato sperimentalmente, nei topi nutriti con alti livelli di galattosio e clinicamente nelle donne con galattosemia (incapacità di metabolizzare il galattosio)”. Osserva che le donne con questa anomalia, che hanno alti livelli di zucchero nel tessuto, sono infertili. Questo rapporto è tratto da SCIENCE NEWS, 3/12/94.

Quindi cosa possiamo fare? Latte di mandorle, noci, cocco, riso

Sì. ma ci piace il latte, è necessario nei dolci e nel cibo, è anche buonissimo, cosa facciamo? Beviamo Latte di Mandorle, Nocciole, Riso, Noci, Cocco, tutti latti naturali e assimilati dal corpo umano. Guarda il video per crearne uno tuo o acquistare già pronto da un negozio biologico.

Latte di mandorle crudo: bevanda pura con molti nutrienti e un’importante fonte di calcio. Ideale per le persone che sono consapevoli di ciò a cui permettono di entrare nel proprio corpo. che non bevono latte di vacca. Adatto per ricette di cucina e pasticceria. Il latte di noci è completamente mite per lo stomaco e viene digerito inosservato.

Ha un gusto leggermente dolce e una consistenza morbida che può essere utilizzata come base neutra per frappè, cereali per la colazione, gelati, besciamella o altre ricette. Tutto ciò di cui hai bisogno per farlo sono noci e acqua, ma puoi se vuoi aggiungere altri ingredienti per renderlo più dolce o dargli un sapore di vaniglia o cioccolato o quello che preferisci!

1 tazza di mandorle crude (noci, nocciole o qualsiasi altra cosa tu scelga TUTTO BIOLOGICO)
2 o 3 tazze di acqua (a seconda di quanto densa la preferisci) guarda il video
1 tazza di acqua (per inzuppare le mandorle)
1 cucchiaio di miele o petimezi

Lasciare a bagno le mandorle in una tazza d’acqua per 8-10 ore. Metti le mandorle, il miele e 2-3 tazze d’acqua nel frullatore a seconda di quanto denso vuoi il latte.

Batti per 1-2 minuti. Filtralo con un colino grande.

La stessa ricetta può essere realizzata con nocciole, noci, arachidi, cocco o sesamo. Conservalo in una caraffa di vetro, conservato per 3-4 giorni. I chicchi di mandorle rimanenti possono produrre più latte solo per essere più sottili. Infine, non buttare via i chicchi di mandorle che possono essere utilizzati per realizzare dolci (biscotti, torte, ecc.).

Un alternativa sull’uso del latte in casa Digita Qui

Si prepara facilmente, senza distruggere i suoi enzimi e che avvantaggia l’organismo, in una grande varietà di sapori. Puoi farlo in soli 15 minuti. Anche il latte di mandorle, noci e semi di sesamo, semi di girasole, semi di zucca, anacardi, nocciole, CANAPA, che si possono abbinare a mela, albicocca, uva passa, miele, acero o petimezi.

Ci sono molte fonti vegetali di calcio, che sono migliori del latte degli animali. I broccoli e tutte le verdure a foglia verde contengono molto calcio, così come il tofu, i fichi, l’uvetta e persino i fagioli e i limoni. Anche il latte vegetale di mandorle e noci contiene una quantità sufficiente di calcio, così come i semi di girasole, i semi di zucca e i semi di lino. Questi alimenti sono molto utili in quanto non contengono colesterolo, proteine ​​animali e ovviamente latte grasso animale, insieme a tutte le tossine che nutrono l’animale. La tabella seguente è abbastanza informativa, confronta il contenuto dei seguenti ingredienti.

240 ml o una porzione di latte di mandorle ha circa 30-40 calorie, 2,5-3 g. grasso, 1 gr. proteine, 1 g di fibre e molte vitamine e minerali. Il latte di mandorle contiene grassi insaturi, il che significa che aiuta a ridurre il rischio di malattie cardiache. Non contiene grassi saturi, né colesterolo né lattosio.

Il latte di mandorle contiene anche alti livelli di manganese, selenio e vitamina E. Il manganese svolge un ruolo importante nell’attivazione degli enzimi del corpo. Anche il manganese in combinazione con il fosforo svolge un ruolo nel mantenere sani denti e ossa.

La vitamina E, un antiossidante, protegge le membrane cellulari distruggendo i radicali liberi che le danneggiano. Il selenio, invece, fa bene al funzionamento del sistema immunitario, alla riproduzione e al metabolismo della tiroide.

Il magnesio contenuto nel latte di mandorle aiuta a scomporre gli alimenti che consumiamo in energia. Aiuta anche la funzione delle ghiandole paratiroidi, responsabili della produzione di ormoni noti per la buona salute delle ossa. Il potassio nel latte di mandorle aiuta a mantenere la normale pressione sanguigna.

Il latte di mandorle è anche una buona fonte di flavonoidi. Questo perché il latte di mandorle viene prodotto schiacciando le mandorle con la loro buccia. La pelle è ricca di flavonoidi che giovano alla salute cardiovascolare e quindi proteggono da varie malattie cardiache. Allora, cosa stai aspettando? Lascia il latte pronto e lavorato che contiene molti additivi e prepara il tuo latte puro con le noci! Proteggi la tua salute!

L’articolo è il più “morbido” e informativo possibile, per niente assoluto o deduttivo. Perché, ad esempio, NON ha menzionato affatto i vermi che vengono creati dai latticini e si nutrono di loro. Abbiamo anche foto e video in una sala operatoria che non vorresti vedere affatto. Una buona ricetta della nonna, per far uscire i vermi dall’intestino è mangiare una miscela di latte vaccino e molto aglio. I vermi vanno a mangiare il latte, mangiano anche l’aglio, sono storditi e vogliono uscire, è la prova migliore che i vermi intestinali si nutrono del latte di vacca. Ecco perché ai vecchi tempi, senza spray e con la normale dieta umana, si mangiavano latticini solo nei giorni festivi 2-3 volte l’anno, anche se non industrializzati.

Eventuali benefici dal latte vanno SOLO dal LATTE DI SENO, fino allo svezzamento, perché dopo lo svezzamento, vengono presi da altre fonti, senza necessità di TORTURARE animali o persone e senza cannibalizzare (sangue e carne). Perché come puoi vedere l’articolo non ha nemmeno toccato la parte post-naturale dell’argomento “latte”, se non con delicatezza e superficialità. Inoltre, non dimenticare che spruzzano l’Occidente perché SOLO l’Occidente si nutre di carne e latticini, con il risultato di un sistema immunitario debole e indebolito.

Le aziende biologiche commercializzano qualcosa di buono e salutare per gli esseri umani, in particolare per i nostri figli e per il loro corretto e forte sviluppo. Ti ha anche mostrato l’articolo e il video, per aggirare le aziende e fare il tuo latte. Al contrario, puoi preparare tu stesso il latte di mucca? Sai cosa ha mangiato l’animale di cui hai bevuto il latte? Hai dimenticato le mucche pazze? Hai mai sentito parlare di “mandorle pazze?” Ma abbiamo sentito “fermare le mandorle” e non “fermare il latte” !!! ed era anche un pastore. Scegli e ottieni.

Chi è allergico alla frutta secca non lo è al riso o al cocco e cosa farà quando non c’è il latte? Moriranno per carenza di calcio? In paesi dove non c’è latte vaccino, in India ad esempio, in Giappone? Come vivono le persone senza calcio? Non ti dà fastidio un po ‘? Come può un litro di “latte fresco” avere 1-2 euro, cosa diavolo c’è dentro che lo rende così economico, soprattutto se si considera che da questi 2 euro c’è un guadagno del 1000%. AAAA !!!! Ci si chiede l’ovvio? Ovviamente non tutte le persone sono uguali, non tutte le persone qui sono nemmeno “persone”

Epilogo

Sappiamo tutti che il latte fa bene alle ossa perché è una buona fonte di calcio come spesso, propagandisticamente, viene presentato dai media. Ma se è così, perché paesi come la Nuova Zelanda e la Finlandia – che sono statisticamente i primi nel consumo di latticini – hanno anche i più alti tassi di fratture e osteoporosi, mentre paesi come la Cina – principalmente nelle aree rurali – in cui il tasso di consumo di latticini è molto basso l’osteoporosi è una malattia sconosciuta?

La risposta è data dalla biochimica, durante il suo metabolismo la proteina animale rilascia nell’organismo precursori di sostanze acide provocando condizioni di acidificazione, che a sua volta stimola l’attività delle cellule che degradano e degenerano-osteoclasti- ossa inibendo allo stesso tempo attività delle cellule che formano nuovo osso – osteoblasti. Pertanto, l’opinione che il latte ei suoi derivati ​​agiscano da potenziatori ossei grazie al calcio che contengono è direttamente contestata e respinta. Il corpo umano nel suo tentativo di combattere gli acidi utilizza il calcio che pompa dalle ossa rendendole vulnerabili. Ecco perché i consumatori di alimenti ricchi di proteine ​​animali hanno i più alti tassi di fratture.

Uno studio recente è stato condotto presso l’Università della California, a San Francisco. Il team ha raccolto 87 studi in un totale di 33 paesi e ha confrontato la proporzione di proteine ​​animali e vegetali e la loro relazione con l’induzione della frattura. Maggiore è la percentuale di proteine ​​vegetali rispetto agli animali, più drasticamente è diminuito il tasso di fratture. Per prevenire l’osteoporosi bisogna ridurre sensibilmente l’assunzione totale di proteine ​​animali – non solo latte – e aumentare il consumo di cibi ricchi di calcio come legumi, soia, mandorle, sesamo, fichi, semi di lino, verdure a foglia verde.

Latte e diabete di tipo 1 1. Gli alimenti per lattanti a base di vacca sono associati a un aumentato rischio di diabete di tipo 1. Esistono più di 100 studi che collegano l’esposizione precoce ai latticini con l’insorgenza del diabete di tipo 1.

La Finlandia, uno dei primi paesi a consumare latte, ha anche la più alta incidenza di diabete di tipo 1 nei bambini e negli adolescenti in tutto il mondo. In generale, il sistema immunitario del bambino riconosce le proteine ​​bovine come ospiti e produce anticorpi per distruggerle. Sfortunatamente, questi anticorpi non attaccano solo le proteine ​​bovine, ma anche le cellule produttrici di insulina nel pancreas.

Sembra che consumare latticini ma anche avere una dieta ricca di proteine ​​animali offra facili guadagni alle industrie ma non ci offra ossa forti e immunità. L’industria lattiero-casearia ha il controllo virtualmente completo su tutte le informazioni sulla salute pubblica e le gestisce secondo i propri interessi. Alla creazione della piramide alimentare – che dà la raccomandazione non scientifica di 3 porzioni di latticini al giorno – ha contribuito un comitato la cui maggioranza era composta da rappresentanti dell’industria lattiero-casearia.

La piramide alimentare non ha nulla a che fare con la Dieta Mediterranea – che viene interpretata male da molti dietologi e medici che non hanno letto la letteratura scientifica in dettaglio e si affidano solo alle conoscenze che hanno ricevuto dalla loro scuola – come registrato da Ancel Keys I popoli del Mediterraneo consumavano 2 porzioni di latticini al mese e non 3 porzioni al giorno, 1-2 volte a settimana pesce che raramente sostituivano con pollame e poche volte 4-5 durante l’anno consumavano carne rossa. Questa frequenza si chiama 90/10 (cerca l’articolo corrispondente). Inoltre la qualità della loro dieta non aveva niente a che fare con medicinali alimentari industrializzati, alcuni formaggi nei villaggi e altri nell’industria, come gli occhi della lepre e altri della civetta.

Coloro che bevono il “latte – veleno della droga” della mucca industrializzata e lo considerano latte, mangiano il “cibo” trasformato che considerano cibo e vivono con abbondanza di fluoro, sono assolutamente certi di sostenere la paranoia della religione, della politica e delle banche. loro. Quindi lascia che non si lamentino della loro rovina e malattia, c’è da aspettarselo.

Ma non tutti gli organismi sono umani e noi viviamo in mezzo a loro!

Ecco perché il nostro motto è FAI COSA VUOI !!!

Aliki Stefanou

Fonte: Miastala.com

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Donate JTR Bitcoin :

bc1qkspp89dl7ywl4v4ngdz6h0nrzfrt850anlgpll 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code