toba60

Il Problema non è il Covid ma i Vaccini

Le masse oramai hanno idealizzato l’idea che per guarire si deve usare un vaccino e se anche domani d’un tratto morissero un miliardo di persone a causa di questi, vi sarebbe comunque la disponibilità di gran parte della gente sopravvissuta a non rinunciare per nulla al mondo alla loro perpetua inoculazione.

È lo stesso meccanismo che si verifica con il gioco d’azzardo dove il corso della tua vita viene delegata ad una ruota che gira preferendola ad una esistenza improntata su di un evoluzione vincente per natura.

Da parte mia trovo interessante vedere come si evolve questo stato di cose, tutto quello che sta avvenendo pensavo appartenesse ad un passato oramai sepolto e non avrei mai creduto che per ricreare un secondo Olocausto i Nazisti non fossero poi così importanti.

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Vaccini anti-Covid: uno studio tedesco riporta effetti preoccupanti sul sangue

“I programmi di vaccinazione Covid-19 devono essere interrotti immediatamente. Questa è la conclusione di un rapporto tedesco sugli effetti nocivi dei vaccini Covid, reso pubblico il 6 luglio senza che i media tradizionali ne abbiano dato notizia.

Di cosa si tratta?

La sintesi è composta da 70 pagine (circa 10 pagine per il grande pubblico e 60 pagine di documentazione tecnica con immagini, grafici, ecc.) ed è la versione preliminare di una presentazione “a rotazione” delle ricerche e dei risultati sui vaccini, del loro impatto sul corpo umano e, soprattutto, sul sangue. Il rapporto è pubblicato sotto la responsabilità del fisico e astronomo Klaus Retzlaff, a Hecklingen, che ha accesso a laboratori con attrezzature all’avanguardia. Il dottor Retzlaff collabora con gli autori del rapporto, un gruppo interdisciplinare di circa 60 specialisti, riuniti intorno all’associazione Aerzte fuer Aufklaerung (ÄfA, Medici per la chiarificazione) del 1901.

Il gruppo è composto da medici, chimici, microbiologi, farmacologi, con la consulenza di avvocati e matematici. Tuttavia, ad eccezione del dottor Retzlaff e dei leader dell’ÄfA, gli autori hanno scelto di rimanere anonimi per proteggersi da eventuali ritorsioni. Nel 2021, il dottor Stefan Hockertz, uno dei più rinomati vaccinologi europei e uno dei primi a mettere in guardia il pubblico sugli effetti collaterali delle vaccinazioni, è stato costretto a fuggire in Svizzera dopo che la polizia ha fatto irruzione nella sua casa e ha congelato tutti i suoi beni in Germania.

I test riportati nel rapporto sono stati effettuati sul sangue di 48 persone vaccinate e di un gruppo equivalente di persone non vaccinate, oltre che sul contenuto effettivo delle fiale di iniezione dei seguenti produttori: AstraZeneca, BioNTech/Pfizer, Moderna, J&J, Lubecavax, Influspit Tera (quest’ultimo per un confronto con i vaccini antinfluenzali).

Al contenuto sono state applicate diverse tecniche di laboratorio: microscopia elettronica a scansione, spettroscopia a raggi X a dispersione di energia, spettroscopia di massa, analisi del plasma accoppiato induttivamente, microscopia in campo chiaro e scuro, diagnosi basata su immagini di una goccia di sangue di una persona vivente, nonché analisi delle immagini con intelligenza artificiale (AI).

Elementi metallici indesiderati

Con grande sorpresa degli scienziati, è stata rilevata la presenza dei seguenti elementi metallici (dimensioni delle particelle: da 1 µm a 100 µm) nelle dosi di AstraZeneca, BioNTech/Pfizer e Moderna:

  • metalli alcalini: cesio (Cs), potassio (K),
  • metalli alcalino-terrosi: calcio (Ca), bario (Ba),
  • metalli di transizione: cobalto (Co), ferro (Fe), cromo (Cr), titanio (Ti),
  • metalli delle terre rare: cerio (Ce), gadolinio (Gd),
  • Gruppo del boro: alluminio (Al),
  • Gruppo carbonio: silicio (Si) (in parte materiale del supporto/trasparente),
  • Gruppo ossigeno: zolfo (S)

Nelle fiale e nel sangue dei vaccinati, gli scienziati hanno osservato oggetti di “dimensioni inaccettabili secondo le buone pratiche di fabbricazione” (GMP), cioè più grandi di 0,22 μm.
Effetti collaterali a lungo termine

Il gruppo afferma di aver preso la precauzione di confrontare i propri risultati con quelli di diversi gruppi internazionali che hanno condotto la stessa ricerca; essendo tutti i risultati coerenti, il gruppo tedesco ritiene validi i propri risultati. Gli scienziati deplorano l’inazione dell’Istituto Paul Ehrlich, l’agenzia incaricata dal Ministero della Salute tedesco di monitorare i vaccini.

In tre punti, i ricercatori presentano i loro risultati:

  1. In tutti i campioni di dosi di vaccino, senza eccezioni, sono stati trovati componenti che:

sono tossici secondo le raccomandazioni mediche, nelle quantità presenti
“non sono stati dichiarati dai produttori,
“sono per lo più metallici,
sono visibili al microscopio in campo oscuro come strutture complesse e distintive […]”.
“sono solo in parte spiegabili come risultato della cristallizzazione o della decomposizione,
“non può essere spiegato come una contaminazione del processo di produzione”.

  1. Quando i campioni di sangue di entrambi i gruppi (vaccinati/non vaccinati) vengono osservati al microscopio in campo oscuro, appaiono notevoli cambiamenti nel sangue dei vaccinati, senza eccezioni e anche in assenza di sintomi o reazioni negative. Nel sangue dei vaccinati sono state osservate strutture complesse simili a quelle presenti nelle fiale di vaccino. Le analisi di intelligenza artificiale confermano le osservazioni degli scienziati e queste differenze tra il sangue dei due gruppi “indicano che questi vaccini possono causare cambiamenti a lungo termine nella composizione del sangue dei vaccinati, senza che essi siano consapevoli dei cambiamenti”.
  2. Più stabile è l’involucro delle particelle nanolipidiche, più mRNA può entrare nelle cellule, dove viene prodotta la proteina Spike. Di conseguenza, gli effetti collaterali sono più frequenti. Questi risultati sono coerenti con quelli delle autopsie forensi.

Il gruppo ha osservato formazioni cristalline nel sangue di tutti i vaccinati osservati; in tutti i casi esaminati, gli eritrociti (globuli rossi) mostravano la cosiddetta “formazione a rotolo”. Inoltre, la disintegrazione di diversi tipi di cellule è stata più rapida nei vaccinati rispetto al gruppo di controllo, facendo ipotizzare una possibile arteriosclerosi, malattie autoimmuni e/o infiammatorie.

“Dobbiamo generalizzare la comprensione dei pericoli dei vaccini contro i covidi”.

In conclusione, gli autori tedeschi spiegano le ragioni per cui si sono impegnati in questa ricerca:

“Ci siamo riuniti con tutte le nostre capacità e competenze tecniche per contribuire a chiarire quello che consideriamo il più grande esperimento farmacologico mai condotto sulla razza umana. Mai prima d’ora, nella storia della scienza e della medicina, abbiamo osato sottoporre un’intera popolazione alla sperimentazione medica e genetica.

Se qualcuno avesse proposto di farlo su qualsiasi altra specie, la proposta sarebbe stata probabilmente respinta in quanto violava il principio di conservazione della specie. [… Il fatto che la sperimentazione continui senza il minimo accenno a fermarsi, il fatto che il numero di effetti collaterali e di incidenti causati da questi cosiddetti vaccini sia senza precedenti, il fatto che le statistiche nazionali di tutto il mondo rivelino un chiaro eccesso di mortalità come risultato dei rispettivi programmi vaccinali, il fatto che nessun pubblico ministero sia intervenuto, nonostante le evidenti conseguenze mortali dei programmi, il fatto che tutti coloro che hanno criticato il programma di vaccinazione siano stati pubblicamente calunniati, ostracizzati e rovinati finanziariamente, ci riempie di orrore. .. Per questo motivo, contrariamente alla prassi abituale in campo scientifico, abbiamo deciso di tutelarci in forma anonima.

Dicono che i loro risultati dovrebbero essere resi pubblici

“Anche se molto resta da scoprire, ciò che abbiamo già osservato è di tale importanza che il pubblico, e la comunità scientifica in particolare, devono esserne informati. È necessario che la comprensione dei pericoli dei vaccini COVID-19 sia diffusa e che la ricerca cerchi di prevenire, o almeno attenuare, le conseguenze più pericolose per la salute umana. […] In realtà, alla luce dei rischi già noti, i programmi di vaccinazione avrebbero dovuto essere interrotti da tempo. Per raggiungere questo obiettivo, i nostri risultati devono essere ampiamente riportati dai mass media.

Fonte: francesoir.fr

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code