toba60

La Farsa è Finita Andate in Guerra e Morite in Pace

Guardo la finestra e spio le macchine….si più o meno siamo tutti nei guai.

Gianni Togni

La Farsa è Finita

La farsa si è conclusa dopo due lunghi anni di mascherine obbligatorie al chiuso con l’obbligo grottesco di portarle all’aperto senza impedire che si verificasse un’ondata dopo l’altra di contagi e che dodici milioni di spagnoli contraessero la covida, una cifra ufficiale che è in ordini di grandezza inferiore a quella reale.

L’accettazione da parte delle autorità di mascherine di stoffa scelte per il loro modello piuttosto che per la loro efficacia era un’indicazione che avevamo a che fare con una farsa. Così, dopo due anni in cui il virus fa quello che vuole, l’inutilità delle maschere dovrebbe sembrare evidente a tutti, ma è necessario denunciarlo, perché anche se non hanno impedito la diffusione del virus, hanno rafforzato la nevrosi di una parte della popolazione, che si sente senza protezione senza di esse.

La politica delle apparenze ha presto contaminato le linee guida sulla salute. Quando le regioni autonome hanno imposto le maschere nel 2020 (anche all’aperto), non un solo media ha criticato la misura, poiché riguardava tutti i partiti.

Tuttavia, quando il governo centrale ha brevemente reimposto l’assurdo obbligo all’aperto, i media dell’opposizione non hanno esitato a criticarlo senza arrossire. Infatti, se c’è una cosa che si può criticare della fine delle maschere, sono le eccezioni arbitrarie, che costringono una parte della popolazione a continuare con la farsa. È così difficile difendere che chi vuole indossare le maschere deve indossarle e chi non vuole farlo non deve farlo?

La Spagna ha impiegato molto più tempo ad eccezione dell’Italia per eliminare la mascherina rispetto ad altri paesi europei come il Regno Unito, che l’ha eliminata tre mesi fa. Tuttavia, gli stati americani come il Texas l’hanno eliminato completamente (senza eccezioni) un anno fa e la sua successiva evoluzione epidemiologica è stata indistinguibile da quella degli altri stati. Anche il caso della Svezia è eloquente.

Pur non avendo sofferto durante la maggior parte dell’epidemia di confinamenti, coprifuoco, restrizioni ai pasti o maschere obbligatorie, cioè senza rovinare vite e imprese o lasciare la popolazione mentalmente segnata, ha avuto meno morti per milione di Spagna, Portogallo, Francia, Regno Unito o Italia. La regione di Stoccolma ha avuto la metà dei morti per milione di abitanti della Comunità di Madrid. Queste cifre non dovrebbero far riflettere? Tanto sacrificio, tanta imposizione, tante regole assurde, tanta tirannia, tanta isteria, per cosa?

Le mascherine non hanno funzionato

Le prove scientifiche, inizialmente deboli e contraddittorie, erano comunque scettiche sulla reale efficacia delle maschere per il viso. Nel marzo 2020 il Journal of the American Medical Association ha pubblicato che “non ci sono prove che suggeriscano che le mascherine indossate da persone sane siano efficaci”, e una robusta revisione Cochrane ha concluso che “rispetto al non indossare una mascherina, indossare una mascherina fa poca o nessuna differenza nella trasmissione di malattie simili all’influenza”. Ora abbiamo dati del mondo reale.

Il primo studio controllato randomizzato (livello 1 scientificamente affidabile) sull’effettiva efficacia delle maschere chirurgiche contro i covidi, condotto in Danimarca, ha concluso che la loro protezione era statisticamente insignificante. D’altra parte, negli Stati Uniti, non c’è stata alcuna differenza nel livello di infezione tra gli stati che hanno reso obbligatorio l’uso di maschere chirurgiche (linea nera) e quelli che hanno rispettato la libertà dei loro cittadini (linea arancione):

L’obbligo di indossare maschere è stato particolarmente disumano per i bambini, per i quali il covid è meno pericoloso dell’influenza. Non importava che le stesse autorità sanitarie europee ribadissero che “la trasmissione da bambino a bambino nelle scuole è rara”, o che in Svezia, con le scuole che funzionavano normalmente, non c’era “un solo decesso in una popolazione scolastica di quasi due milioni di bambini e nessun rischio relativo maggiore per gli insegnanti che per il resto della popolazione”. Le maschere non solo hanno danneggiato la salute fisica e psicologica dei bambini, ma sono state inutili.

Un recente studio su 600.000 bambini in Catalogna ha confermato che le maschere obbligatorie nelle scuole “non erano associate a una ridotta incidenza o trasmissione della SARS-CoV-2, suggerendo che questo intervento non era efficace”. Questi dati dovrebbero far vergognare i nostri leader politici, che hanno tenuto la popolazione scolastica soffocata per due anni accademici senza la minima preoccupazione per il loro benessere fisico o psicologico, una situazione che può essere estrapolata alle università che non hanno esitato a imporre un regime di terrore isterico degno della peggiore distopia e ora stanno cercando, forse illegalmente, di fare pressione e intimidire i loro studenti per continuare a indossarli.

Le vere cause dell’imposizione di maschere per il viso

Al di là della mimica che guida la classe politica quando non sa cosa fare, l’imposizione delle maschere ha diverse cause, nessuna delle quali scientifica. Nel Regno Unito, cinquanta psicologi hanno denunciato l’intenzionalità delle tattiche del terrore utilizzate per far accettare alla popolazione restrizioni inimmaginabili delle loro libertà. Tra questi c’era l’imposizione di maschere per il viso, “un potente simbolo di pericolo” che manteneva la popolazione in un costante stato di paura.

Le maschere sono state anche lo strumento ideale per spostare la colpa dell’epidemia (inizialmente incentrata, ricorderete, sull’inettitudine delle autorità) sul cittadino, in modo che se il virus continuava a circolare era colpa di chi non giocava secondo le regole. Le maschere hanno anche avuto la funzione di creare un’illusione di controllo (“è in mio potere fare qualcosa”) facendo ingenuamente credere alle persone che il rispetto delle regole garantisse la loro salute, nonostante l’evidenza. Non offrivano sicurezza, ma un senso di sicurezza.

Quindi, dopo due anni di angoscia, alcune persone sono ora nel panico di toglierlo, il che dimostra che ciò di cui hanno bisogno non sono maschere per il viso, ma un aiuto psicologico. In effetti, l’indicibile campagna di terrore mediatico ha provocato patologie mentali in una parte della popolazione che non andranno via facilmente.

Tornare a vivere senza paura

“L’antidoto alla paura è la conoscenza”, scriveva il filosofo Ralph Waldo Emerson. In effetti, la campagna di terrore dei media si è basata fin dall’inizio sulla ripetizione di falsità che non erano supportate da dati o dalla scienza ed erano progettate per mantenere la popolazione persa in una nebbia di ignoranza e paralizzata dal panico.

Naturalmente, questa campagna di terrore era nell’interesse del conglomerato politico-mediatico-farmaceutico: i politici potevano imporre più facilmente la loro tirannia su una popolazione terrorizzata, i media vendevano il loro sensazionalismo, e Big Pharma spingeva i suoi vaccini e le sue terapie geniche su tutta la popolazione, non solo su coloro per i quali il covid poteva essere serio. Infatti, la prima fallacia è stata quella di far credere alla gente che il covid era una malattia molto pericolosa per tutti.

Tuttavia, si sapeva quasi dall’inizio dell’epidemia che il covid era potenzialmente grave solo per una minoranza della popolazione determinata dall’età e dalle co-morbidità, mentre per il resto era statisticamente lieve.

Anche con le prime varianti, più gravi di quelle attuali, il tasso di sopravvivenza era molto alto: più del 96% di chi aveva più di 70 anni, più del 99,7% di chi aveva 50-70 anni e più del 99,99% di chi aveva meno di 50 anni è sopravvissuto al covid. E se eri sano e non soffrivi di diabete, malattie cardiache, obesità o ipertensione, il rischio di morire di covid era così basso da essere trascurabile per la grande maggioranza della popolazione. Questi erano i fatti reali, nascosti dal conglomerato politico-mediatico-farmaceutico.

Inoltre, al chiaro scopo di vendere più vaccini, per la prima volta nella storia, l’immunità naturale è stata scandalosamente ignorata, nonostante si sapesse che chi era stato esposto al covid, anche in modo lieve, aveva un’immunità naturale molto lunga a tutti i livelli di difesa: immunità mucosale (IgA), umorale, cellulare e persino sterilizzante. L’immunità naturale era di gran lunga superiore a quella prodotta dai vaccini, in modo che, in caso di nuovo contatto con il virus, non ci sarebbero stati sintomi o solo sintomi lievi.

Lo studio più recente sull’immunizzazione naturale conferma questi risultati, concludendo che il tasso di reinfezione in coloro che hanno passato il covid con le varianti alfa e delta era solo lo 0,73% per gli adulti e lo 0,21% per i bambini. Con omicron, il tasso di reinfezione di coloro che erano stati infettati con varianti precedenti era chiaramente più alto, ma con sintomi lievi, “come un raffreddore”. Se un raffreddore non ci dava fastidio prima, perché dovrebbe darci fastidio adesso? Se avete superato il covid, dimenticate il covid.

La prudenza e il buon senso non sono in contrasto con l’evidenza che le maschere non solo non funzionano, come è evidente, ma che cronicizzano patologicamente la paura e l’ossessione e ci impediscono di vivere la vita. La covidenza è già una malattia endemica che non possiamo sradicare, ma la paura è un’altra malattia endemica, e possiamo sradicarla.

La maschera come simbolo di sottomissione

L’imposizione delle maschere ha avuto un significato più profondo, poiché è stato un altro passo nel processo di sottomissione del cittadino al potere politico. Il fascismo sanitario che abbiamo subito (il cui massimo esponente in Spagna è stato il governo della Galizia) è un avvertimento del nuovo totalitarismo verso il quale ci stanno portando, afflitto da divieti basati sulla menzogna e in cui non c’è libertà, ma piuttosto uniformità mediatica e censura “per il nostro bene”.

Questa sottomissione è stata particolarmente umiliante quando la popolazione ha accettato regole controintuitive, come indossare maschere sulla spiaggia, in campagna o in una strada solitaria. Ha anche dimostrato che il potere non ha bisogno di una presenza onnipresente della polizia: come per la Stasi, collaboratori non in uniforme sono stati incaricati di sorvegliare e ammonire coloro che osavano resistere.

La risposta delle autorità all’epidemia è stata un incredibile esperimento totalitario di restrizione dei diritti e delle libertà basato su tre imposizioni: confinamento, maschere e vaccinazioni. Contrariamente alle affermazioni dei concorsi politico-mediatici-farmaceutici, nessuna delle tre misure è stata particolarmente efficace. Tutti, comunque, hanno portato a conseguenze non volute.

Abbiamo imparato qualcosa? Temo che molti cittadini, intrappolati tra paura, ignoranza, pigrizia e cieca obbedienza, non l’abbiano fatto, ma i drogati del potere sì: hanno imparato che se riescono a spaventarci abbastanza, saremo capaci di accettare qualsiasi giogo, anche sacrificando la salute dei nostri figli e accettando docilmente che i nostri anziani muoiano soli.

Quindi, se arriva il nuovo totalitarismo, non potremo più incolpare i tiranni, ma piuttosto la società malata, sottomessa e medusa che abbiamo creato, che li accoglierà come salvatori, a braccia aperte.

La farsa è finita signori miei, ora andate in Guerra e Morite in Pace

Fernando del Pino Calvo-Sotelo

Fonte:fpcs.es

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code