toba60

Memorial Sloan Kettering Cancer Center: Per la Prima Volta nella Storia 100% di Successo nella Remissione di Tumori

Quando si leggono certe notizie si deve sempre considerare il contesto della notizia la veridicità e tutti i risvolti che ne seguono.

Abbiamo reperito l’informazione attraverso un piccolo trafiletto in mezzo a delle notizie di secondo piano e ci siamo incuriositi quanto attraverso una semplice ricerca abbiamo visto che l’articolo era tratto da un editoriale del New York Times.

Abbiamo successivamente fatto un a ricerca interna per vedere cosa nasconde un informazione che in se dovrebbe essere di dominio pubblico in tutto il mondo, vedete, siamo abituati a leggere cose che una volta verificate si rivelano solo speculazioni mediatiche.

Ebbene, come è nostra consuetudine, abbiamo messo a vostra disposizione tutti i riferimenti del caso con gli studi, le documentazioni ufficiali e anche qualcosa in più, potere accedere direttamente per una verifica individuale attraverso gli allegati da noi inseriti e contattare direttamente gli organi competenti per ulteriori approfondimenti.

Considerazioni personali!

Il Memorial Sloan Kettering Cancer Center (MSK) di New York dove è stata condotta la ricerca è una struttura che gode di ottime credenziali ed è entro certi limiti (Che potrete verificare personalmente), vincolata alle grosse industrie farmaceutiche.

Fino ad ora ha sempre goduto di una certa autonomia nella ricerca, ed il nostro dubbio sulla sua realizzabilità su scala globale del farmaco è data dalla ingerenza assai marcata da parte delle multinazionali a cui non sta molto a cuore la salute delle persone e lo abbiamo visto nel caso del Covid19.

Essendo un prodotto farmacologico, come potete immaginare è monopolizzato da una ristretta cerchia di aziende, che una volta acquisiti i diritti non ha certamente come priorità quella di salvaguardare i 15 milioni di persone che ogni anno muoiono di tumore.

Le Terapie di Tesla sul cancro non hanno alcun tornaconto economico, e sono scartate a priori da 100 anni, mentre nel caso specifico questo non solo lo ha, ma è di fatto gestibile a piacimento una volta acquisite tutte le rivendicazioni scientifiche del caso.

Per farvi comprendere da dove scaturiscono i nostri dubbi vi facciamo vedere chi sono i finanziatori oggettivi e potenziali che si sono intromessi nel supportare ogni singolo ricercatore.

Finanziatori della ricerca del Swim Across America e dal National Cancer Institute dei National Institutes of Health

Lo studio è stato sostenuto dalla Simon and Eve Colin Foundation, da Glaxo- SmithKline, da Stand Up to Cancer, da Swim Across America e dal National Cancer Institute dei National Institutes of Health (premi R21CA252519 e NCI-P30CA008748).

Luis Diaz è membro del consiglio di amministrazione di Jounce Therapeutics e Epitope. È consulente retribuito di PetDx, Innovatus, CP, Se’er, Delfi, Kinnate e Neophore. Il Dr. Diaz è un inventore di diversi brevetti concessi in licenza relativi alla tecnologia per l’analisi del DNA tumorale circolante e alla carenza di mismatch repair per la diagnosi e la terapia. Alcune di queste licenze e relazioni sono associate a pagamenti di azioni o royalty agli inventori. Detiene partecipazioni in Epitope, Jounce Therapeutics, PetDx, Se’er, Delfi, Kinnate e Neophore. Ha ceduto la sua partecipazione in Personal Genome Therapeutics a LabCorp nel febbraio 2022 e ha ceduto la sua partecipazione in Thrive Earlier Detection a Exact Biosciences nel gennaio 2021. Il coniuge detiene partecipazioni in Amgen. I termini di tutti questi accordi sono gestiti dal Memorial Sloan Kettering in conformità con la sua politica sui conflitti di interesse.

La dottoressa Cercek riceve finanziamenti per la ricerca da GSK, Inspirna e Seagen. Fa parte dei consigli consultivi di Bayer, Merck, Janssen, GSK e Seagen.

Detto tra noi …….è come delegare ad Al Capone la produzione di Latte al posto di Whisky in pieno proibizionismo per mettere ordine alla legalità in una città come Chicago!

Toba60

Noi di Toba60 forniamo informazioni che non sono offerte dal mainstream e quindi possono sembrare controverse.

Noi confidiamo che il contenuto dei nostri articoli inducano ognuno di voi ad una riflessione. Per favore usate discernimento! Un pensiero logico, la vostra intuizione e la connessione con la Sorgente, lo Spirito e le leggi naturali che vi aiutano a determinare cosa è vero e cosa no. Condividendo informazioni e seminando il dialogo, il nostro obiettivo è aumentare la consapevolezza delle verità superiori per liberarci dalla schiavitù della Matrix in questo regno materiale.

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

100% di Successo nella Remissione di un Tumore

In un piccolo studio condotto presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center (MSK) di New York, tutti i partecipanti hanno visto scomparire i loro tumori usando l’immunoterapia senza chirurgia, radiazioni o chemioterapia.

Pazienti con i dottori Diaz e Cercek

Il dottor Luis A. Diaz Jr., autore di un articolo pubblicato domenica sul New England Journal of Medicine che descrive i risultati, ha affermato di non essere a conoscenza di nessun altro studio in cui un trattamento ha completamente cancellato un cancro in ogni paziente.

“Credo che questa sia la prima volta che accade nella storia del cancro”, ha detto il dottor Diaz.

Sascha Roth è stato il primo paziente nella sperimentazione clinica che ha coinvolto l’immunoterapia presso MSK. Doveva sottoporsi a settimane di radioterapia per il cancro del retto fino a quando non ha ricevuto la telefonata dall’oncologo Andrea Cercek dell’MSK.

La dottoressa Cercek disse a Sascha, allora 38enne, che i suoi ultimi test non mostravano segni di cancro, dopo che Sascha aveva subito sei mesi di trattamento immunoterapico.

“Il dottor Cercek mi ha detto che un team di medici ha esaminato i miei test”, ha ricordato Sascha. “E dal momento che non riuscivano a trovare alcun segno di cancro, il dottor Cercek ha detto che non c’era motivo per farmi sopportare la radioterapia”.

Lo stesso risultato è stato ripetuto per tutti i 12 pazienti e il conteggio – nello studio clinico MSK per il cancro del retto.

In ogni caso, il cancro del retto è scomparso dopo l’immunoterapia senza la necessità dei trattamenti standard di radioterapia, chirurgia o chemioterapia – e il cancro non è tornato in nessuno dei pazienti, che sono stati liberi dal cancro per un massimo di due anni.

“È incredibilmente gratificante”, afferma il dottor Cercek, “ricevere queste lacrime felici e le e-mail felici dai pazienti in questo studio che terminano il trattamento e si rendono conto: ‘Oh mio Dio, riesco a mantenere tutte le mie normali funzioni corporee che temevo di potrebbe perdere a causa di radiazioni o interventi chirurgici.’ “

“Il primo paziente ha avuto una risposta completa alla terapia e non ha avuto bisogno di nient’altro. Poi il secondo paziente non ha avuto bisogno di chirurgia o radioterapia. Poi il terzo. Ben presto siamo al decimo paziente che ha avuto una risposta completa. Quello è incredibile”, ha detto il dottor Diaz.

I pazienti, ovviamente, erano ancora più entusiasti.

“Un giovane uomo e la sua famiglia si sono seduti in un silenzio sbalordito quando ho detto loro che il suo cancro era scomparso“, ricorda il dottor Cercek. “Poi ci hanno ringraziato ancora e ancora”. Continua: “Una giovane donna ha guardato lo schermo durante un esame e ha chiesto: ‘Dov’è il tumore?’ “Non c’è più”, le abbiamo detto”.

Mentre la sperimentazione sul cancro del retto di MSK continua, il dottor Diaz afferma di sperare che “sia la punta dell’iceberg”.

“Stiamo studiando se questo stesso metodo può aiutare altri tumori in cui i trattamenti spesso alterano la vita e i tumori possono essere MMRd. Attualmente stiamo arruolando pazienti con cancro gastrico (stomaco), della prostata e del pancreas”, ha affermato.

Ogni malato di cancro entra in remissione dopo la sperimentazione del farmaco, rivela lo studio

Un recente studio farmacologico somministrato a una manciata di pazienti affetti da cancro ha avuto il sorprendente risultato di eliminare la malattia in tutti i partecipanti coinvolti.

Lo studio come anticipato è stato condotto su 18 pazienti affetti da cancro del retto presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di Manhattan e ha avuto un tasso di successo del 100%, secondo un articolo pubblicato domenica sul New England Journal of Medicine.

“Credo che questa sia la prima volta che accade nella storia del cancro“, ha dichiarato al New York Times il dottor Luis A. Diaz Jr, autore dell’articolo.

Lo studio è stato condotto su 18 pazienti con cancro del colon-retto presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di Manhattan e ha avuto un tasso di successo del 100%.

Il farmaco, dostarlimab, è stato somministrato a ciascun paziente ogni tre settimane per sei mesi.

I partecipanti allo studio erano affetti da cancro del retto e non avevano alternative come la chemioterapia o un difficile intervento chirurgico che avrebbe potuto portare a disfunzioni intestinali o urinarie. Secondo il Times, alcuni pazienti devono usare una sacca per la colostomia a causa del trattamento.

Al termine dello studio farmacologico, tuttavia, ai pazienti è stata risparmiata l’agonia di un trattamento potenzialmente dannoso quando, dopo aver ricevuto una risonanza magnetica, un esame rettale e una biopsia, non hanno mostrato alcuna evidenza di un tumore.

Imtiaz Hussain si fa un selfie con il suo medico oncologo, il dottor Andrea Cercek.
Memoriale Sloan Kettering Cancro

“Ci sono state molte lacrime di felicità”, ha dichiarato al Times la dottoressa Andrea Cercek, oncologa del Memorial Sloan Kettering Cancer Center.

Oltre a non aver avuto bisogno di ulteriori trattamenti per debellare la malattia, non si sono verificati casi di recidiva del cancro nei pazienti durante gli appuntamenti di follow-up da sei a 25 mesi dopo la conclusione dello studio.

Tuttavia, sebbene i risultati siano “convincenti”, la dottoressa Hanna K. Sanoff del Lineberger Comprehensive Cancer Center dell’Università del North Carolina, che non ha partecipato allo studio, ha affermato che non è chiaro se i pazienti siano guariti.

Il farmaco, dostarlimab, è stato somministrato a ciascun paziente ogni tre settimane per sei mesi.

“Si sa molto poco sulla durata del tempo necessario per scoprire se una risposta clinica completa a dostarlimab equivale a una guarigione”, ha scritto Sanoff in un editoriale di accompagnamento al documento, come riporta il Times.

Lo studio è inoltre di piccole dimensioni e i risultati dovrebbero essere replicati, ha dichiarato il dottor Kimmie Ng, esperto di cancro colorettale del Dana-Farber Cancer Institute.

Si tratta comunque di una notizia promettente per i pazienti.

Una partecipante, Sascha Roth, ha raccontato al Times che prima dell’inizio dello studio aveva pianificato di trasferirsi a Manhattan per sottoporsi a chemioterapia e radioterapia.

Poi i medici le hanno dato la buona notizia: Lo studio aveva funzionato e lei era libera dal cancro.

“L’ho detto alla mia famiglia”, ha detto Roth. “Non mi hanno creduto”.

Sintesi degli studi e qui il documento ufficiale

Blocco PD-1 nella riparazione del disadattamento: cancro rettale carente e localmente avanzato

Premessa

La chemioterapia neoadiuvante e la radioterapia seguite dalla resezione chirurgica del retto sono il trattamento standard per il cancro del retto localmente avanzato. Un sottogruppo di tumori del retto è causato da un deficit di mismatch repair. Poiché il cancro del colon-retto con deficit di mismatch repair risponde al blocco della morte programmata 1 (PD-1) nel contesto della malattia metastatica, si è ipotizzato che il blocco del checkpoint possa essere efficace nei pazienti con cancro del retto localmente avanzato con deficit di mismatch repair.
I metodi

Abbiamo avviato uno studio prospettico di fase 2 in cui dostarlimab, un anticorpo monoclonale anti-PD-1 a singolo agente, è stato somministrato ogni 3 settimane per 6 mesi in pazienti con adenocarcinoma rettale di stadio II o III con deficit di mismatch repair. Questo trattamento doveva essere seguito da una chemioradioterapia e da un intervento chirurgico standard. I pazienti che avevano una risposta clinica completa dopo il completamento della terapia con dostarlimab avrebbero proceduto senza chemioradioterapia e chirurgia. Gli end point primari sono la risposta clinica completa sostenuta 12 mesi dopo il completamento della terapia con dostarlimab o la risposta patologica completa dopo il completamento della terapia con dostarlimab con o senza chemioradioterapia e la risposta globale alla terapia neoadiuvante con dostarlimab con o senza chemioradioterapia.
Risultati

Un totale di 12 pazienti ha completato il trattamento con dostarlimab ed è stato sottoposto ad almeno 6 mesi di follow-up. Tutti i 12 pazienti (100%; intervallo di confidenza del 95%, 74-100) hanno avuto una risposta clinica completa, senza evidenza di tumore alla risonanza magnetica, alla tomografia a emissione di positroni con 18F-fluorodeossiglucosio, alla valutazione endoscopica, all’esame rettale digitale o alla biopsia. Al momento della stesura del presente rapporto, nessun paziente era stato sottoposto a chemioradioterapia o a intervento chirurgico e non erano stati segnalati casi di progressione o recidiva durante il follow-up (range, 6-25 mesi). Non sono stati riportati eventi avversi di grado 3 o superiore.

Conclusioni

Il carcinoma rettale localmente avanzato con deficit di mismatch repair è risultato altamente sensibile al blocco PD-1 in singolo agente. È necessario un follow-up più lungo per valutare la durata della risposta. (Finanziato dalla Simon and Eve Colin Foundation e da altri; numero ClinicalTrials.gov, NCT04165772).

Remissione del 100% del cancro del retto

Questi stessi straordinari risultati saranno ripetuti per tutte le 14 persone – e non solo che partecipano allo studio clinico dell’MSK per il cancro del retto con una particolare mutazione. Sebbene si tratti di un piccolo studio, i risultati sono così impressionanti da essere stati pubblicati sul New England Journal of Medicine e presentati al più grande raduno nazionale di oncologi clinici nel giugno 2022.

In tutti i casi, il tumore del retto è scomparso dopo l’immunoterapia senza la necessità di ricorrere ai trattamenti standard di radioterapia, chirurgia o chemioterapia – e il tumore non è tornato in nessuno dei pazienti, che sono rimasti liberi dal cancro per un massimo di due anni.

È incredibilmente gratificante”, afferma il dott. Cercek, “ricevere queste lacrime di felicità e queste e-mail dai pazienti di questo studio che finiscono il trattamento e si rendono conto: ‘Oh mio Dio, posso mantenere tutte le mie normali funzioni corporee che temevo di perdere con le radiazioni o la chirurgia'”. “

Sascha Roth

Il suo co-investigatore, l’oncologo medico Luis Diaz Jr. del MSK, è altrettanto entusiasta. Ha trascorso la sua carriera a studiare come sconfiggere il cancro con l’immunoterapia. “È davvero entusiasmante”, afferma il dottor Diaz, membro del National Cancer Advisory Board della Casa Bianca. “Penso che sia un grande passo avanti per i pazienti”.

Usare l’immunoterapia in anticipo per colpire una mutazione genetica

I dottori Cercek e Diaz spiegano che la ricerca del loro team è stata stimolata da due idee chiave.

La prima premessa, dice il dottor Diaz, è capire con precisione quali pazienti traggono i maggiori benefici dall’immunoterapia, in modo che possano riceverla subito. “L’immunoterapia si è dimostrata efficace nel trattamento di un sottogruppo di pazienti affetti da tumore del colon e del retto con metastasi, cioè con diffusione ad altri tessuti”.

I pazienti di questo sottogruppo, spiega il dottor Diaz, hanno tumori con una specifica composizione genetica nota come mismatch repair-deficient (MMRd) o instabilità dei microsatelliti (MSI).

Si ritiene che tra il 5% e il 10% di tutti i pazienti affetti da cancro del retto abbiano tumori MMRd, compresi tutti i pazienti dello studio clinico MSK a cui ha partecipato Sascha. Ogni anno a 45.000 americani viene diagnosticato un tumore del retto.

“Un tumore MMRd sviluppa un difetto nella sua capacità di riparare alcuni tipi di mutazioni che si verificano nelle cellule. Quando queste mutazioni si accumulano nel tumore, stimolano il sistema immunitario, che attacca le cellule tumorali con le mutazioni”, spiega il dottor Diaz, che dirige la divisione di oncologia dei tumori solidi dell’MSK e detiene la cattedra della famiglia Grayer.

Ma il cancro ha un asso nella manica per impedire al sistema immunitario di fare il suo lavoro.

Aiutare il sistema immunitario a sconfiggere il cancro rettale

Le cellule immunitarie contengono una protezione chiamata checkpoint, che impedisce loro di attaccare le cellule normali. Le cellule tumorali possono far scattare questa protezione e bloccare le cellule immunitarie, permettendo al tumore di nascondersi e crescere.

Tuttavia, l’immunoterapia può ribaltare ancora una volta la situazione.

Un agente immunoterapico chiamato inibitore del checkpoint sblocca il freno di una cellula immunitaria, lasciandola libera di riconoscere e attaccare le cellule tumorali. “Quando si tolgono i freni alle cellule immunitarie, le cellule MMRd appaiono particolarmente strane perché presentano molte mutazioni. Quindi le cellule immunitarie attaccano con molta più forza”, spiega il dottor Cercek.

La ricerca pionieristica del Dr. Diaz sul trattamento del cancro con l’immunoterapia aveva già dimostrato che gli inibitori del checkpoint potevano “aiutare le persone con tumori del colon-retto MMRd che si sono diffusi”, dice. “Abbiamo pensato: ‘Proviamo prima che il cancro si diffonda come prima linea di trattamento'”. “

Evitare gli effetti collaterali che alterano la vita

La seconda premessa dello studio clinico era quella di evitare la tossicità spesso associata al trattamento del cancro del retto.

Il Dr. Cercek spiega che: “Il nostro primo dovere è salvare la vita del paziente. Ma il trattamento standard per il cancro rettale con chirurgia, radiazioni e chemioterapia può essere particolarmente duro per le persone a causa della posizione del tumore”. E continua: “Possono soffrire di disfunzioni intestinali e vescicali che cambiano la vita, incontinenza, infertilità, disfunzioni sessuali e altro ancora”.

La dottoressa Diaz osserva: “Ovviamente, questo può portare anche a molti problemi di autostima e psichiatrici”.

Per evitare queste tossicità, molti approcci al cancro del retto cercano di ridurre il più possibile il tumore con la chemioterapia e le radiazioni per facilitare l’intervento chirurgico. I dottori Cercek e Diaz hanno ipotizzato che l’immunoterapia nei pazienti con MMRd possa ridurre il tumore in modo analogo, per consentire un intervento chirurgico più efficace.

Ma il dottor Cercek ha proposto di andare oltre: Nei pazienti in cui l’immunoterapia ha causato la completa scomparsa del tumore, i medici avrebbero omesso la chemioterapia, le radiazioni e l’intervento chirurgico, monitorando invece attentamente eventuali segni di recidiva. Secondo il dottor Diaz, questa decisione del dottor Cercek è stata “un momento di livello mondiale” che promette di cambiare la vita dei pazienti – se funzionerà.

Tutti i pazienti dello studio dovevano avere un tumore rettale di stadio 2 o 3 con MMRd, che rende il loro tumore particolarmente sensibile all’immunoterapia. Ai pazienti è stato somministrato l’inibitore del checkpoint dostarlimab (Jemperli) per via endovenosa ogni tre settimane, per sei mesi.

I loro tumori sono stati seguiti da vicino, spiega il dott. Diaz, “utilizzando la diagnostica per immagini, la visualizzazione come l’endoscopia e altri metodi”.

Niente più sintomi di cancro rettale

I risultati hanno sorpreso anche i dottori Cercek e Diaz.

“L’immunoterapia ha ridotto i tumori molto più velocemente di quanto mi aspettassi”, afferma il Dr. Cercek. La mia infermiera di ricerca Jenna Sinopoli mi diceva: “Il paziente ha ricevuto solo un trattamento e già non sanguina più e il suo terribile dolore è scomparso”. “Il dottor Cercek ricorda: “I pazienti venivano nel mio studio dopo solo due o tre trattamenti e dicevano: ‘È incredibile. Mi sento di nuovo normale’. “

Essendo il primo paziente ad essersi iscritto allo studio, il team di ricerca era preoccupato che l’esperienza di Sascha potesse rivelarsi un caso anomalo. Sascha spiega: “Prima di arrivare all’MSK, gli oncologi di un altro centro medico mi avevano detto che dovevo sottopormi a chemio, radiazioni e chirurgia. Invece, ricevere infusioni di immunoterapia ogni poche settimane a New York, senza effetti collaterali, mi è sembrato un gioco da ragazzi”.

Si è scoperto che Sascha non era un’eccezione. Il dottor Diaz ricorda la sua crescente eccitazione quando “il primo paziente ha avuto una risposta completa alla terapia e non ha avuto bisogno di altro. Poi il secondo paziente non ha avuto bisogno di chirurgia o radiazioni. Poi il terzo. Ben presto siamo arrivati al decimo paziente che ha avuto una risposta completa. È incredibile”.

I pazienti, naturalmente, erano ancora più entusiasti. “Un giovane uomo e la sua famiglia sono rimasti in silenzio quando ho detto che il suo cancro era scomparso”, ricorda il dottor Cercek. “Poi ci hanno ringraziato in continuazione”. E continua: “Una giovane donna ha guardato lo schermo durante un esame e ha chiesto: “Dov’è il tumore?” “È scomparso”, le abbiamo detto”.

Il dottor Cercek afferma: “L’aspetto più entusiasmante è che ognuno dei nostri pazienti ha avuto bisogno solo dell’immunoterapia. Non abbiamo irradiato nessuno e non abbiamo sottoposto nessuno a un intervento chirurgico”. E continua: “Hanno conservato la normale funzione intestinale, la funzione vescicale, la funzione sessuale e la fertilità. Le donne hanno l’utero e le ovaie. È straordinario”.

I prossimi passi per i pazienti dello studio

I dottori Cercek e Diaz vogliono che le persone con tumori del retto che sono MMRd sappiano che lo studio clinico continua ad arruolare pazienti ed è in crescita. Il dottor Diaz afferma: “Il nostro messaggio è: Fate il test se avete un cancro del retto per vedere se il tumore è MMRd. Non importa quale sia lo stadio del tumore, all’MSK abbiamo uno studio che può aiutarvi. E l’MSK ha un’esperienza speciale che è davvero importante”.

Questo è particolarmente importante per le persone ad alto rischio di cancro del retto. A Sascha, come a otto persone dello studio, è stata riscontrata la sindrome di Lynch, una condizione ereditaria che espone le persone a un rischio significativamente più elevato di cancro del retto, del colon e di altri tipi di cancro.

La sindrome di Lynch è associata a esiti più sfavorevoli della chemioterapia e della chirurgia, quindi il trattamento con l’immunoterapia potrebbe essere un nuovo importante strumento.

Inoltre, si è registrato un preoccupante aumento del numero di persone sotto i 50 anni a cui viene diagnosticato il cancro del colon-retto, in particolare quello del retto. Il dottor Cercek afferma: “Vediamo sempre più giovani con cancro del retto, compresi i ventenni che partecipano al nostro studio. L’immunoterapia potrebbe essere una nuova importante opzione per loro”.

L’MSK sta anche cercando di aiutare il crescente numero di pazienti più giovani con il Center for Young Onset Colorectal and Gastrointestinal Cancer Si tratta del primo centro al mondo dedicato alle esigenze specifiche delle persone sotto i 50 anni ed è co-diretto dal dottor Cercek.

Un potenziale aiuto per altri tumori

Mentre la sperimentazione sul cancro rettale dell’MSK continua, il dottor Diaz dice di sperare che “sia la punta dell’iceberg”. Spiega che “stiamo studiando se questo stesso metodo possa aiutare altri tipi di cancro, per i quali i trattamenti spesso cambiano la vita e i tumori possono essere MMRd. Attualmente stiamo arruolando pazienti con tumori gastrici (stomaco), prostatici e pancreatici”.

Il dott. Diaz ha coniato un termine per questo nuovo metodo di utilizzo della sola immunoterapia per colpire i tumori MMRd, chiamandolo terapia “immunoablativa”, cioè “immunoterapia in sostituzione di chirurgia, chemioterapia e radiazioni per rimuovere il cancro”. La dottoressa Diaz afferma: “Potrebbe sembrare futuristico, ma in questo studio abbiamo un esempio clinico in cui ciò è avvenuto”.

Oggi, a quasi due anni dall’inizio della sperimentazione, Sascha continua a vivere una vita normale. Gestisce un’azienda di famiglia che si occupa di arredamento e design di interni e parla spesso a persone che devono affrontare il cancro del retto e altri tipi di cancro.

“Tutta la mia esperienza è stata come un sogno”, dice. “La ricerca e l’assistenza oncologica dell’MSK sono semplicemente anni e anni avanti rispetto agli altri ospedali, anche a quelli più validi, o a quelli che dovrebbero esserlo”.

Questo studio clinico è rivolto a pazienti con tumori in stadio II o III localmente avanzato, i cui tumori presentano un particolare assetto genetico noto come mismatch repair deficient (MMRd) o instabilità dei microsatelliti (MSI).

I pazienti che non sanno se hanno questo tipo specifico di tumore dovrebbero chiedere al proprio medico di sottoporlo a un test.

Gli esperti del MSK saranno lieti di parlare con i pazienti che non presentano questa mutazione.

L’MSK può aiutare i pazienti a cui è stato diagnosticato un tumore di qualsiasi tipo, allo stadio 1, 2, 3 o 4.

Joe Tacopino &………..

Fonti: mskcc.org & nejm.org & nypost.com & sunnyskyz.com & zyro.com & clinicaltrials.gov

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *