toba60

Ora e’ Ufficiale! L’OMS Conferma che il Test Covid-19 PCR non è Valido ”Una Frode Annunciata”

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Gli eventi incalzanti fanno passare in secondo piano la veridicitá dei fatti che scorrono inesorabilmente nel totale silenzio dei media.

In questo momento sono seduto davanti al mio computer con la costante presenza del mio fedele cane e tra me mi sono posto una legittima domanda….

A chi interessa la veritá? Serve a qalcosa?

Alla luce dei fatti pare una questione dalle mille conflittualitá, la veritá per molti é ció che ognuno desidera essere tale e non ha nulla a che vedere con una logica disanima degli eventi in se.

Le convinzioni sono difficili da sradicare, non e’ impossibile badate bene, ma sono ben stabili e non e’ sufficiente comunicare ed evidenziare i fatti per quello che sono, se un elefante e’ uguale ad una giraffa agli occhi di una persona, e’ inutile con la ragione far capire che non sono la stessa cosa.

Gli esseri umani sono fatti cosí, inutile girarci attorno, la conoscenza non e’ una questione legata all’ informazione, ma affonda le sue radici in qualcosa che esula da una qualsiasi disanima mediatica.

Ingannare se stessi é parte di un sistema molto ben radicato nel genere umano globalizzato, se poi la neolingua si sostituisce alle opere di Dante e Goethe, allora é giocoforza che la veritá si trasforma in una bugia e la menzogna diventa una veritá da difendere con le unghie ed i denti.

Toba60

Prima Parte

L’OMS Conferma che il Test Covid-19 PCR non è Valido

Il test della polimerasi di trascrizione inversa in tempo reale (rRT-PCR) è stato applicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il 23 gennaio 2020 per individuare il virus SARS-COV-2, seguendo le raccomandazioni di un gruppo di ricerca virologica (con sede presso l’ospedale universitario Charité di Berlino), sostenuto dalla Fondazione Bill e Melinda Gates. (Per maggiori dettagli, vedere lo studio Drosten)

Esattamente un anno dopo, il 20 gennaio 2021, l’OMS ritratta la sua dichiarazione.

Non dicono: “Abbiamo fatto un errore”. La ritrattazione è formulata con cura.

Mentre l’OMS non nega la validità delle sue “linee guida fuorvianti” a partire da gennaio 2020, suggerisce comunque di “ritestare”, cosa che in pratica è un’impossibilità.

La questione controversa è il numero di cicli di soglia di amplificazione (Ct). Secondo Pieter Borger, et al:

Il numero di cicli di amplificazione [dovrebbe essere] inferiore a 35; preferibilmente 25-30 cicli. Nel caso della rilevazione del virus, > 35 cicli rilevano solo segnali che non sono correlati con il virus infettivo come determinato dall’isolamento della coltura cellulare…(in inglese, lo studio di Critical Drosten )

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ammette implicitamente un anno dopo che TUTTI i test PCR eseguiti con una soglia di amplificazione (Ct) di 35 cicli o più sono INVALIDI. Ma questo è quello che hanno raccomandato al punto di partenza nel gennaio 2020, in collaborazione con il team di virologia dell’ospedale Charité di Berlino.

Se il test viene eseguito a una soglia di 35 Ct o superiore (che è stata raccomandata dall’OMS), i segmenti SARS-CoV-2 non possono essere rilevati, il che significa che TUTTI i cosiddetti “casi positivi” confermati e registrati nelle banche dati negli ultimi 14 mesi sono sbagliati (non hanno alcuna validità dal punto di vista scientifico).

Secondo Pieter Borger, Bobby Rajesh Malhotra, Michael Yeadon, et al, Ct> 35 è stata la norma “nella maggior parte dei laboratori in Europa e negli Stati Uniti”.

Mea Culpa dell’OMS

Ecco la “ritrattazione” accuratamente formulata dall’OMS. Il testo completo con il link al documento originale è allegato:

“Il documento guida dell’OMS sui test diagnostici per la SARS-CoV-2 sottolinea che i risultati positivi deboli dovrebbero essere interpretati con cautela (1). Il valore del ciclo soglia (Ct) necessario per rilevare il virus è inversamente proporzionale alla carica virale del paziente. Se i risultati del test non corrispondono al quadro clinico, si dovrebbe raccogliere un nuovo campione e ripetere il test utilizzando lo stesso o un diverso metodo di amplificazione dell’acido nucleico.

L’OMS ricorda agli utenti di IVD che la prevalenza di una malattia altera il valore predittivo dei risultati dei test; quando la prevalenza diminuisce, il rischio di falsi positivi aumenta (2). Ciò significa che la probabilità che una persona con un risultato positivo del test (SARS-CoV-2 rilevato) sia effettivamente infettata da SARS-CoV-2 diminuisce al diminuire della prevalenza, indipendentemente dalla specificità dichiarata del test. (enfasi aggiunta dall’autore). “

Stime Errate

Questo non è un problema di “bassi positivi” o “rischio di falsi positivi”. La questione riguarda l’implementazione da parte dell’OMS di una metodologia fuorviante ed errata nel gennaio 2020 che porta a stime che non hanno alcuna base scientifica.

Ciò che conferma questa dichiarazione contraddittoria dell’OMS è che la stima del covid positivo da un test PCR (con una soglia di amplificazione di 35 cicli o più) è semplicemente non valida. In questo caso, l’OMS raccomanda di ripetere il test PCR: “un nuovo campione dovrebbe essere prelevato e il test ripetuto…”.

“Retest, abbiamo sbagliato…”. Questa raccomandazione di RIPETERE IL TEST non ha senso. È un’impossibilità. Milioni di persone in tutto il mondo sono già state testate, a partire dall’inizio di febbraio 2020. Si deve comunque concludere che la raccomandazione contraddittoria dell’OMS di “ritestare” conferma inequivocabilmente che queste stime PCR per la COVID sono semplicemente sbagliate.

Dovrei menzionare che ci sono diversi altri difetti con il test PCR che non sono affrontati in questo articolo. (Vedere l’e-book di Michel Chossudovsky: The 2020 Worldwide Corona Crisis: Destroying Civil Society, Engineered Economic Depression, Global Coup d’Etat and the Great Reset (Capitolo II). Disponibile anche in francese.

Al punto di partenza nel gennaio 2020, il test PCR è stato applicato (di routine) a una soglia di amplificazione Ct di 35 o superiore, in conformità con le raccomandazioni dell’OMS. Ciò significa che la metodologia PCR applicata in 193 paesi membri delle Nazioni Unite ha portato alla compilazione di statistiche Covid errate e fuorvianti negli ultimi 12-14 mesi.

E sono queste statistiche (errate) che vengono utilizzate per misurare l’evoluzione della cosiddetta “pandemia”. Al di sopra di un ciclo di amplificazione di 35 o più, il test non rileverà segmenti del virus. Pertanto, questi numeri sono privi di significato.

Ne consegue che non c’è alcuna base scientifica per confermare l’esistenza di una pandemia.

Questo significa anche che l’isolamento (contenimento) così come le misure economiche che hanno portato al panico sociale, alla povertà estrema e alla disoccupazione (l’obiettivo annunciato dei governi era di fermare la diffusione del virus) non hanno alcuna giustificazione.

Secondo il parere scientifico Pieter Borger et al:

“Se qualcuno risulta positivo alla PCR quando si utilizza una soglia di 35 cicli o più (come avviene nella maggior parte dei laboratori in Europa e negli Stati Uniti), la probabilità che la persona sia infetta è inferiore al 3%, la probabilità che il suddetto risultato sia un falso positivo è del 97% (Pieter Borger, Bobby Rajesh Malhotra, Michael Yeadon, Clare Craig, Kevin McKernan, et al, Critique of Drosten Study)

Come notato sopra, “la probabilità che il suddetto risultato sia un falso positivo è del 97%”: ne consegue che l’uso della rilevazione > 35 cicli contribuirà indelebilmente ad “aumentare” il numero di “falsi positivi”.

Al momento in cui scrivo (metà marzo 2021), nonostante il mea culpa dell’OMS, i test PCR continuano ad essere utilizzati per far salire le cifre in modo drammatico.

Lo scopo è quello di giustificare le politiche di chiusura in corso.

Queste stime errate sono a loro volta manipolate per garantire una tendenza all’aumento dei Covid positivi. Inoltre, questi test PCR non sono accompagnati da una diagnosi medica dei pazienti testati.

E ora, i governi di diversi paesi hanno emesso avvertimenti di una “terza ondata” come parte della loro campagna di propaganda per il vaccino Covid-19.

E queste affermazioni fuorvianti si basano su statistiche che sono il risultato di una metodologia totalmente errata. Inoltre, non c’è assolutamente nessuna base scientifica per implementare il vaccino Covid-19.

L’OMS e la valutazione scientifica di Pieter Borger, et al. (citata sopra) confermano inequivocabilmente che i test RT-PCR adottati dai governi per giustificare l’isolamento e la destabilizzazione delle economie nazionali sono (secondo l’OMS) totalmente SBAGLIATI.

Il punto è capire che c’è un gioco di numeri (basato su stime che sono fuorvianti per cominciare). Queste cifre sono citate incessantemente 24h24 dai media e dai governi.

È una verità ingannevole, il cui scopo è quello di alimentare la campagna della paura. L’obiettivo è quello di “giustificare” TUTTE le politiche proposte dai governi:

blocco, contenimento, chiusura dell’attività economica, disoccupazione, povertà e fallimento, distanziamento sociale, mascheramento del viso, coprifuoco, programma di vaccinazione.

Dati e statistiche fuorvianti.

Pensate prima di vaccinare.

E ora siamo entrati in una cosiddetta “terza ondata”. (dove sono i dati??).

Questo è “un mucchio di bugie”.

È un crimine contro l’umanità.

Seconda Parte

Una Frode Annunciata che parte da Lontano

Per favore, leggete attentamente questo articolo, specialmente quelli di voi che credono che le cifre dell’infezione del test PCR siano vere. Frode grande come la Germania dove è iniziata la truffa dei test PCR falsi positivi. La Merkel ci è cascata. Qui e’ spiegato molto chiaramente come hanno ingannato le persone con test PCR falsi positivi e quindi l’allarmante aumento di infetti. Questo è stato fatto appositamente per mantenere il covid vivo e forte, il mondo spaventato e nel panico, aspettando con ansia il vaccino salvatore.

Il modello tedesco ampiamente lodato dal regime di Angela Merkel per affrontare la pandemia COVID-19 è ora attanagliato da una serie di scandali potenzialmente devastanti che vanno dritti al cuore dei test e dei consigli medici usati per dichiarare chiusure economiche draconiane e vaccinazioni obbligatorie de facto. Gli scandali coinvolgono un professore al centro del gruppo di consulenza della Merkel sul coronavirus. Le implicazioni vanno ben oltre i confini tedeschi, fino alle raccomandazioni dell’OMS e del mondo intero.

L’intero caso delle chiusure d’emergenza di aziende, scuole, chiese e altre arene sociali su ordine dell’OMS si basa su un test introdotto, sorprendentemente presto, nella saga del coronavirus a Wuhan, in Cina.

Il 23 gennaio 2020, sulla rivista scientifica Eurosurveillance del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, il dottor Christian Drosten (nella foto), insieme a diversi colleghi dell’Istituto di virologia dell’ospedale Charité di Berlino, insieme al capo di una piccola azienda biotech di Berlino, TIB Molbiol Syntheselabor GmbH, ha pubblicato uno studio che sostiene di aver sviluppato il primo test efficace per rilevare se qualcuno è infettato dal nuovo coronavirus identificato per la prima volta pochi giorni prima a Wuhan. L’articolo di Drosten era intitolato “Detection of 2019 new coronavirus (2019-nCoV) by real-time RT-PCR” (Eurosurveillance 25 (8) 2020).

La notizia è stata accolta con immediata approvazione dal corrotto direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom, il primo non medico a capo dell’OMS. Da allora, il test virale sostenuto da Drosten, chiamato PCR in tempo reale o RT-PCR, si è diffuso attraverso l’OMS in tutto il mondo come il protocollo di test più utilizzato per determinare se una persona potrebbe avere COVID-19.

Il 27 novembre, un gruppo molto rispettato di 23 virologi, microbiologi e scienziati affiliati internazionali ha pubblicato un appello affinché Eurosurveillance ritratti l’articolo di Drosten del 23 gennaio 2020. La loro attenta analisi dell’articolo originale è degna di condanna. Si tratta di una vera e propria “valutazione scientifica”. Accusano Drosten e la coorte di incompetenza scientifica “fatale” e di difetti nella promozione del loro test.

Per cominciare, come rivelano gli scienziati critici, il documento che ha stabilito il test PCR di Drosten per il ceppo di coronavirus Wuhan che è stato successivamente adottato con fretta indecorosa dal governo Merkel insieme all’OMS per l’uso mondiale – con conseguente grave strozzatura globale e una catastrofe economica e sociale – non è mai stato sottoposto a peer-review prima della sua pubblicazione dalla rivista Eurosurveillance.

I critici sottolineano che “Il documento di Corman-Drosten è stato presentato a Eurosurveillance il 21 gennaio 2020 e accettato per la pubblicazione il 22 gennaio 2020. Il 23 gennaio 2020 il documento era online”. Incredibilmente, il protocollo di test di Drosten, che aveva già inviato all’OMS di Ginevra il 17 gennaio, è stato ufficialmente raccomandato dall’OMS come test mondiale per il coronavirus Wuhan anche prima della pubblicazione dell’articolo.

Come sottolineano gli autori critici, per un argomento così complesso e importante per la salute e la sicurezza globale, non è possibile una seria “valutazione di 24 ore” da parte di almeno due esperti del settore. I critici fanno notare che Drosten e la sua co-autrice, la dottoressa Chantal Reusken, non hanno rivelato un evidente conflitto di interessi.

Entrambi erano anche membri del comitato editoriale di Eurosurveillance. Inoltre, come riportato dalla BBC e da Google Statistics, il 21 gennaio c’è stato un totale mondiale di 6 morti attribuite al virus Wuhan. Chiedono: “Perché gli autori hanno intrapreso una sfida ai laboratori di salute pubblica quando non c’erano prove sostanziali all’epoca per indicare che l’epidemia era più diffusa di quanto pensato inizialmente?”

Un altro co-autore dell’articolo di Drosten che ha dato una patina di apparente credibilità scientifica alla procedura PCR di Drosten era il capo della società che ha sviluppato il test commercializzato oggi, con la benedizione dell’OMS, in centinaia di milioni, Olfert Landt, della Tib-Molbiol di Berlino, ma anche Landt non ha rivelato questo fatto pertinente nell’articolo di Drosten.

Sicuramente non c’è niente di sospetto o improprio qui, o? sarebbe rilevante sapere se Drosten, il consigliere scientifico capo della Merkel per COVID-19, il “Tony Fauci” tedesco de facto, ottiene una percentuale per ogni test venduto da Tib-Molbiol nel loro accordo di marketing globale con Roche.

Dalla fine di gennaio 2020, i media mondiali ci hanno inondato di aggiornamenti spaventosi sul “numero totale di persone infettate dal coronavirus”. Di solito, aggiungono semplicemente ogni aumento giornaliero a un totale globale di “casi confermati”, attualmente oltre 66 milioni. Allarmante, ma per il fatto che, come Pieter Borger e i suoi colleghi scientifici sottolineano, “casi confermati” è un numero senza senso. Perché?

Il rapporto Borger identifica quelli che chiamano “dieci problemi fatali” nella rivista Drosten dello scorso gennaio. Qui prendiamo i più ovvi che possono essere facilmente compresi dalla maggior parte dei profani.

Olfert Landt

Drosten & co. hanno proporzionato confondendo sequenze di sonde e primer non specificati. I critici sottolineano: “Questo grande numero di varianti non solo è insolito, ma è anche molto confuso per i laboratori. Queste sei posizioni non specificate potrebbero facilmente portare alla progettazione di diverse sequenze di primer alternativi che non riguardano la SARS-CoV-2 … la confusa descrizione non specificata nel documento di Corman-Drosten non è adatta come protocollo operativo standard. Queste posizioni non specificate avrebbero dovuto essere progettate senza ambiguità”. Aggiungono “la RT-PCR non è raccomandata per la diagnosi primaria dell’infezione. Questo è il motivo per cui il test RT-PCR utilizzato nella routine clinica per il rilevamento di COVID-19 non è indicato per la diagnosi di COVID-19 su base normativa”.

Cicli di amplificazione

Ma ancora più dannoso per Drosten è che non menziona da nessuna parte che un test è positivo o negativo o, in effetti, cosa definisce un risultato positivo o negativo! Il rapporto Borger nota: “Questi tipi di test diagnostici virologici devono essere basati su un SOP (Standard Operational Protocol), compreso un numero convalidato e fisso di cicli PCR (valore Ct) dopo il quale un campione è considerato positivo o negativo. Il massimo valore Ct ragionevolmente affidabile è di 30 cicli. Al di sopra di un Ct di 35 cicli, ci si deve aspettare un numero rapidamente crescente di falsi positivi … Studi scientifici dimostrano che solo i virus non infettivi (morti) vengono rilevati con valori Ct di 35.” (sottolineato).

L’OMS e Drosten raccomandano un Ct di 45 cicli, e a quanto pare anche i funzionari sanitari tedeschi lo fanno ora. Non c’è da stupirsi che con l’aumento dei test all’inizio della stagione influenzale invernale, i “positivi” della PCR stiano esplodendo in Germania e altrove.

Come sottolineano gli autori critici, se le autorità sanitarie specificassero un massimo di 35 cicli, il numero di positivi alla corona sarebbe solo meno del 3% del numero attuale! Notano che “un risultato analitico con un valore Ct di 45 è assolutamente privo di significato da un punto di vista scientifico e diagnostico (un valore Ct ragionevole non dovrebbe superare 30). Tutto questo dovrebbe essere comunicato molto chiaramente.

Falsi positivi?

È un errore significativo che il documento di Corman-Drosten non menzioni il valore massimo di Ct al quale un campione può essere considerato senza ambiguità come un risultato positivo o negativo. Questo importante limite di soglia del ciclo non è nemmeno specificato nelle successive presentazioni fino ad oggi”. Gli autori aggiungono: “Il fatto che questi prodotti PCR non siano stati convalidati a livello molecolare è un altro errore eclatante del protocollo, rendendo qualsiasi campione basato su di esso inutile come strumento diagnostico specifico per l’identificazione del virus SARS-CoV-2.” (enfasi aggiunta).

Pieter Borger

In parole povere, l’intero edificio della Fondazione Gates, del governo Merkel, dell’OMS e del WEF, così come il caso di fatto del vaccino forzato non testato, si basa sui risultati di un test PCR per il coronavirus che non vale un chilo di fagioli. Il test di Drosten e dell’OMS è, più o meno, una stronzata scientifica.

Manca anche la prova del dottorato?

Questa critica devastante da parte di ventitré scienziati mondiali, tra cui scienziati con brevetti relativi alla PCR, all’isolamento e al sequenziamento del DNA, e un ex scienziato della Pfizer, è incriminante, ma non è l’unico problema che il professor Christian Drosten deve affrontare oggi. Lui e i funzionari della Goethe University di Francoforte, dove sostiene di aver ricevuto il suo dottorato di medicina nel 2003, sono accusati di frode accademica.

Secondo il dottor Markus Kühbacher, uno specialista che indaga sulle frodi scientifiche come il plagio delle tesi, la tesi di dottorato del dottor Drosten, per legge, deve essere presentata entro una certa data alle autorità accademiche della sua università, che poi firmano un modulo legale, Revisionsschein, verificano la firma, il timbro dell’università e la data, con il titolo della tesi e l’autore, per essere inviati agli archivi dell’università. Con questo, si presentano tre copie della tesi originale.

Kühbacher accusa la Goethe University di essere colpevole di un insabbiamento, sostenendo che il Revisionschein di Drosten era falsamente in archivio. Il portavoce dell’università è stato poi costretto ad ammettere che non era stato depositato, o almeno non poteva essere trovato da loro. Inoltre, delle tre copie richieste della sua tesi di dottorato, molto rilevante data l’importanza globale del ruolo di Drosten nel coronavirus, due copie sono “scomparse” e l’unica copia rimanente è danneggiata dall’acqua. Kühbacher dice che Drosten è ora probabile che affronti le accuse legali per il possesso di un diploma di dottorato fraudolento.

Che questo accada o meno, è un fatto che a Berlino è stata avviata una causa legale separata contro due persone responsabili di un sito web di media tedeschi, Volksverpetzer.de, per calunnia e diffamazione, intentata da un noto medico e critico tedesco, il dottor Wolfgang Wodarg.

La causa chiede 250.000 euro di danni agli imputati per diffamazione del carattere e danni materiali a Wodarg da parte degli imputati sul loro sito web online così come in altri media tedeschi, sostenendo che hanno astutamente e senza prove, diffamato Wodarg, chiamandolo “covid-denier”, chiamandolo falsamente un estremista di destra (lui è un ex parlamentare a vita del Partito Socialdemocratico) e numerose altre accuse false e dannose.

L’avvocato del dottor Wodarg è un noto avvocato tedesco-americano, il dottor Reiner Fuellmich. Nelle sue accuse contro gli imputati, Fuellmich cita per intero le accuse contro il test del coronavirus Drosten del Dr. Pieter Borger e i suoi collaboratori, menzionati sopra. In effetti, questo costringe gli imputati a confutare il documento Borger. È un passo importante sulla strada per smentire l’intera frode del test PCR COVID-19 dell’OMS. Già una corte d’appello di Lisbona, Portogallo, ha stabilito l’11 novembre che il test PCR di Drosten e dell’OMS non era valido per rilevare l’infezione da coronavirus e non era una base per ordinare blocchi parziali o nazionali.

Se la posta in gioco non fosse così mortale per l’umanità, sarebbe tutto materiale per una commedia dell’assurdo. Lo zar della salute mondiale, il capo dell’OMS Tedros, non è un medico, la cui OMS è massicciamente finanziata da un miliardario manager di computer, Gates, che consiglia anche il governo Merkel sulle misure COVID-19. Il governo Merkel usa il test PCR di Drosten, e Drosten come esperto “saggio” per imporre le conseguenze economiche più draconiane come in tempo di guerra.

Il suo ministro della salute, Jens Spahn (nella foto a destra con il suo fidanzato), è un ex banchiere che non ha alcuna formazione medica, solo un periodo di lobbying per Big Pharma.

Il capo del CDC tedesco, chiamato Istituto Robert Koch, Lothar Wieler, non è un virologo, ma un medico degli animali, Tierarzt. Con questo equipaggio, i tedeschi vedono le loro vite distrutte da blocchi e misure sociali mai immaginate prima fuori dall’Unione Sovietica di Stalin. C’è la scienza e poi c’è la scienza. Tuttavia, non tutta la “scienza” è valida.

Michel Chossudovsky & F. William Engdahl

Fonti: mondialisation.ca & journal-neo.org (Attualmente Censurato)

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

  • SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
  • IBAN:  IT19B0306967684510332613282
  • INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
  • SWIFT: BCITITMM
  • CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code