toba60

OSHA Stati Uniti: Le aziende Sono Responsabili della Reazione Avversa di un Dipendente al Vaccino se Obbligano loro di Prenderlo

Siamo veramente alla stretta finale, ogni emendamento legislativo in questo momento ha l’unico fine di deresponsabilizzarsi da una strage annunciata.

Negli stati uniti si sono anticipati sulla questione che tra breve si amplificherà’ in tutto il mondo.

Ora la palla passa alla magistratura agli avvocati e agli enti competenti che si troveranno a dover sbrigare una matassa che la burocrazia infinita unita alle mille interpretazioni legate al caso, fanno il gioco delle industrie farmaceutiche che in questo momento dettano le regole del gioco.

Tutto questo era prevedibile e non poteva essere diversamente, tutti chineranno la testa e si procederà alla esecuzione finale nel silenzio più’ assoluto e qualcuno di…….

era ora.

Toba60

Le aziende Sono Responsabili della Reazione Avversa di un Dipendente al Vaccino se Obbligano loro di Prenderlo

La Federal Occupational Safety and Health Administration (OSHA) ha rilasciato un aggiornamento piuttosto bomba al suo sito web che non è una buona notizia per le aziende che costringono i loro dipendenti a prendere il vaccino COVID-19. Essenzialmente, secondo l’OSHA, le aziende possono essere responsabili per la reazione avversa di un dipendente al vaccino se gli chiedono di prenderlo.

In un recente aggiornamento della sezione FAQ del sito web dell’OSHA, l’agenzia delinea il requisito “relativo al vaccino” per le lesioni sul lavoro. In tre parti dettaglia la responsabilità.

Le reazioni avverse al vaccino COVID-19 sono registrabili sul registro OSHA? In generale, una reazione avversa al vaccino COVID-19 è registrabile se la reazione è: (1) correlata al lavoro, (2) un nuovo caso, e (3) soddisfa uno o più dei criteri generali di registrazione di cui al 29 CFR 1904.7 (ad esempio, giorni di assenza dal lavoro, lavoro limitato o trasferimento ad altro lavoro, trattamento medico oltre il primo soccorso). Se richiedo ai miei dipendenti di prendere il vaccino COVID-19 come condizione del loro impiego, le reazioni avverse al vaccino sono registrabili? Se richiedete ai vostri dipendenti di essere vaccinati come condizione di impiego (cioè, per motivi legati al lavoro), allora qualsiasi reazione avversa al vaccino COVID-19 è legata al lavoro. La reazione avversa è registrabile se è un nuovo caso secondo il 29 CFR 1904.6 e soddisfa uno o più dei criteri generali di registrazione nel 29 CFR 1904.7.

In un terzo punto, l’OSHA nota esplicitamente che i datori di lavoro che non richiedono ai loro dipendenti di prendere il vaccino, non saranno ritenuti responsabili attraverso i criteri di registrazione in 29 CFR 1904.7. La linea guida nota che, affinché un datore di lavoro sia libero da responsabilità, il vaccino deve essere “veramente volontario”, il che significa nessuna segnalazione negativa per i dipendenti non vaccinati.

Non richiedo ai miei dipendenti di prendere il vaccino COVID-19. Tuttavia, raccomando loro di ricevere il vaccino e posso fornirglielo o fare in modo che lo ricevano fuori sede.

Se un dipendente ha una reazione avversa al vaccino, sono tenuto a registrarla? No. Sebbene le reazioni avverse ai vaccini COVID-19 raccomandati possano essere registrabili ai sensi del 29 CFR 1904.4(a) se la reazione è: (1) correlata al lavoro, (2) un nuovo caso e (3) soddisfa uno o più dei criteri generali di registrazione del 29 CFR 1904.7, l’OSHA sta esercitando la sua discrezione applicativa per richiedere solo la registrazione degli effetti avversi ai vaccini richiesti in questo momento. Pertanto, non è necessario registrare gli effetti avversi dei vaccini COVID-19 raccomandati, ma non richiesti.

Si noti che per applicare questa discrezione, il vaccino deve essere veramente volontario. Per esempio, la scelta di un dipendente di accettare o rifiutare il vaccino non può influenzare la sua valutazione delle prestazioni o l’avanzamento professionale. Un dipendente che sceglie di non ricevere il vaccino non può subire alcuna ripercussione da questa scelta.

Se i dipendenti non sono liberi di scegliere se ricevere o meno il vaccino senza temere azioni avverse, allora il vaccino non è semplicemente “raccomandato” e i datori di lavoro dovrebbero consultare le FAQ di cui sopra riguardo ai vaccini COVID-19 che sono una condizione di impiego. Si noti inoltre che l’esercizio di questa discrezione ha il solo scopo di fornire chiarezza al pubblico per quanto riguarda le aspettative dell’OSHA in merito alla registrazione degli effetti negativi durante l’emergenza sanitaria; non cambia nessuna delle altre responsabilità dei datori di lavoro ai sensi dei regolamenti OSHA in materia di registrazione o nessuna delle interpretazioni OSHA di tali regolamenti.

Infine, si noti che questa risposta si applica a una varietà di scenari in cui i datori di lavoro raccomandano, ma non richiedono i vaccini, compresi i casi in cui il datore di lavoro mette il vaccino COVID-19 a disposizione dei dipendenti sul posto di lavoro, dove il datore di lavoro prende accordi per i dipendenti di ricevere il vaccino in un luogo fuori sede (ad esempio, farmacia, ospedale, dipartimento sanitario locale, ecc), e dove il datore di lavoro offre il vaccino come parte di un programma volontario di salute e benessere sul posto di lavoro.

In altre parole, il metodo con cui i dipendenti potrebbero ricevere un vaccino raccomandato non ha importanza ai fini di questa domanda.

Questo chiarimento dell’OSHA è particolarmente rilevante grazie al National Vaccine Injury Compensation Program (NVICP) che toglie ogni responsabilità ai produttori di vaccini anche se il loro prodotto uccide qualcuno.

Si può effettivamente dimostrare che voi o vostro figlio siete stati danneggiati da un vaccino, ma il produttore del vaccino è completamente al riparo dalla responsabilità. Anche se si ottiene un risarcimento monetario attraverso il NVICP, i contribuenti sono messi in gioco, non i produttori di vaccini.

Se le aziende devono iniziare a pagare il conto per le cause relative alle reazioni avverse al vaccino COVID-19, le implicazioni per i produttori di vaccini potrebbero essere massicce, specialmente data l’enorme quantità di eventi avversi segnalati al CDC dal vaccino COVID-19.

I dati più recenti rilasciati dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sul numero di lesioni e decessi riportati al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) in seguito ai vaccini COVID rivelano che sono stati riportati oltre 192.954 eventi avversi. Di queste reazioni avverse, secondo il CDC, 17.190 consistono in lesioni gravi, e 4.434 di esse sono morti quasi 300 morti, 30.000 eventi avversi e 1.000 eventi avversi gravi da quando ne abbiamo parlato la settimana scorsa.

Matt Agorist

Fonte: thefreethoughtproject.com

SOTTOSCRIVI UN PICCOLO PIANO DI DONAZIONE MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

  • SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
  • IBAN:  IT19B0306967684510332613282
  • INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
  • SWIFT: BCITITMM
  • CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code