toba60

Perché i Terroristi Odiano l'America

Quando si parla di terrorismo si coglie solo un aspetto marginale della questione, non e’ che uno si alza la mattina e decide di diventare un kamikaze, liquidare la questione solo ponendo la questione religiosa e’ solo una considerazione di comodo atta a giustificare ogni politica oppressiva che poi inevitabilmente finisce per ripercuotersi su una maggioranza di persone che non centra praticamene nulla.

Ti alzi la mattina e vieni immortalato una volta uscito di casa da una quantità’ indefinita di telecamere e tutto questo nel nome della sicurezza, vorrei proprio conoscere chi e’ stato l’idiota ad avere avuto un idea tanto geniale, da pensare che io sono più’ sicuro con una televisione fissa che mi riprende mentre vado nei gabinetti pubblici, nell’impellente bisogno di espletare le mie funzioni. (Siamo noi i terroristi non lo avete capito?)

Ma peggio ancora e’ credere che quando un ladro decide di venire a casa tua ti devasta la casa, ti ruba i soldi, ti porta via la maglietta dei Los Angeles Lackers magari firmata da Magic Jonson, tu ti limiti a guardare e magari gli dai pure le chiavi della macchina, (questo e’ quello che viene sistematicamente fatto loro, negli ultimi 50 anni)

La neo lingua per giustificare un invasione che procurerà’ 4 o 5 milioni di morti, definisce l’intervento come una Guerra Umanitaria.

Formidabili Veramente Formidabili

I terroristi in confronto sono dei Frati Francescani

Toba60

I Buoni e i Cattivi

Perché i terroristi odiano l’America abbastanza da rinunciare alla propria vita per sferrare colpi mortali al paese? Certo, non è l’America che i terroristi odiano; la politica estera americana. È quello che gli Stati Uniti hanno fatto al mondo nell’ultimo mezzo secolo: tutta la violenza, i bombardamenti, l’uranio impoverito, le bombe a grappolo, gli omicidi, la promozione della tortura, il rovesciamento dei governi e altro ancora.

I terroristi – qualunque altra cosa possano essere – sono anche esseri umani razionali; vale a dire che nelle loro menti hanno una giustificazione razionale per le loro azioni. La maggior parte dei terroristi sono persone profondamente preoccupate per ciò che vedono come ingiustizia e ipocrisia sociale, politica o religiosa, e i motivi immediati del loro terrorismo sono spesso ritorsioni per un’azione degli Stati Uniti.

La maggior parte degli americani trova estremamente difficile accettare la proposta secondo cui gli atti terroristici contro gli Stati Uniti possono essere considerati una vendetta per le politiche di Washington all’estero. Credono che gli Stati Uniti siano presi di mira a causa della sua libertà, della sua democrazia, della sua modernità, della sua ricchezza o semplicemente del fatto di essere parte dell’Occidente.

Ma i funzionari del governo lo sanno meglio. Uno studio del Dipartimento della Difesa del 1997 ha concluso che: “I dati storici mostrano una forte correlazione tra il coinvolgimento degli Stati Uniti in situazioni internazionali e un aumento degli attacchi terroristici contro gli Stati Uniti”. L’ex presidente Jimmy Carter, alcuni anni dopo aver lasciato la Casa Bianca, era inequivocabile nella sua concordanza con un tale sentimento: “Abbiamo inviato i marines in Libano e devi solo andare in Libano, in Siria o in Giordania per assistere in prima persona al intenso odio tra molte persone per gli Stati Uniti perché abbiamo bombardato e bombardato e ucciso senza pietà villici totalmente innocenti – donne, bambini, agricoltori e casalinghe – in quei villaggi intorno a Beirut … Di conseguenza … siamo diventati una specie di Satana nelle menti di coloro che sono profondamente risentiti “.

I terroristi responsabili dell’attentato dinamitardo al World Trade Center nel 1993 hanno inviato una lettera al New York Times in cui si dichiarava in parte: “Dichiariamo la nostra responsabilità per l’esplosione sull’edificio menzionato. (Oggi e’ accertato che che gli artefici dell’attentato erano gli stessi Statunitensi) Questa azione è stata fatta in risposta alla politica americana , sostegno economico e militare a Israele, allo stato del terrorismo e al resto dei paesi dittatori della regione “.

Per più di quattro mesi la nazione più potente della storia ha fatto piovere una tempesta quotidiana di missili su una delle persone più povere e arretrate del mondo. Alla fine, questa domanda si è spinta sul palcoscenico del mondo: chi ha ucciso persone più innocenti e indifese? I terroristi negli Stati Uniti l’11 settembre con le loro bombe volanti? O gli americani in Afghanistan con i loro missili da crociera AGM-86D, i loro missili AGM-130, le loro bombe “daisy cutter” da 15.000 libbre, il loro uranio impoverito e le loro bombe a grappolo? Alla fine dell’anno, il numero dei terroristi e delle vittime a New York, Washington e Pennsylvania era di circa 3.000. Il conteggio totale dei morti civili in Afghanistan è stato sostanzialmente ignorato dai funzionari americani e praticamente da tutti gli altri, ma una scrupolosa raccolta di numerosi rapporti individuali dai media nazionali e internazionali, agenzie di aiuto e le Nazioni Unite, da un professore americano – caccia verso il basso i numerosi episodi separati di oltre 100 conteggi di morti, decine di morti, dozzine e numeri minori – arrivarono a considerevolmente più di 3.500 all’inizio di dicembre, e continuano a contare.

Il bombardamento americano sull’Afghanistan potrebbe rivelarsi un disastro politico. Si può dubitare che migliaia di persone nel mondo musulmano siano state reclutate emotivamente e spiritualmente alla causa del prossimo Osama bin Laden a causa della terribile rovina e dell’ingiustizia percepita? Vale a dire, la prossima generazione di terroristi. Infatti, a dicembre, mentre le bombe americane stavano ancora cadendo sull’Afghanistan, un uomo – il cittadino britannico Richard Reid, che era un convertito all’Islam – ha cercato di far esplodere un aereo dell’American Airlines in rotta verso gli Stati Uniti con esplosivi nascosti in le sue scarpe.

Alla moschea di Londra a cui Reid aveva partecipato, il religioso in carica avvertì che gli estremisti stavano arruolando altri giovani come Reid e che agenti allineati con figure musulmane radicali avevano intensificato gli sforzi di reclutamento dall’11 settembre. Il chierico disse che sapeva di “centinaia di Richard Reids “reclutato in Gran Bretagna. Reid, descritto dalla stampa come un “vagabondo”, avrebbe viaggiato in Israele, Egitto, Paesi Bassi e Belgio prima di arrivare a Parigi e imbarcarsi sull’aereo dell’American Airlines. Ciò solleva la questione di chi lo stesse finanziando. Il congelamento di numerosi conti bancari di presunti gruppi terroristici nel mondo da parte degli Stati Uniti può avere effetti piuttosto limitati.

Gli americani non si sentono più sicuri nei loro luoghi di lavoro, nei luoghi di svago o nei loro viaggi di quanto non abbiano fatto un giorno prima dell’inizio dei bombardamenti del loro governo.

L’élite di potere ha imparato qualcosa? Ecco James Woolsey, ex direttore della CIA, che parla a dicembre a Washington, sostenendo un’invasione dell’Iraq e senza preoccuparsi della risposta del mondo arabo: il silenzio del pubblico arabo sulla scia delle vittorie americane in Afghanistan, ha detto, dimostra che “solo la paura ristabilirà il rispetto per gli Stati Uniti” Cosa possono fare allora gli Stati Uniti per porre fine al terrorismo diretto contro di esso? La risposta sta nel rimuovere le motivazioni anti-americane dei terroristi. Per raggiungere questo obiettivo, la politica estera americana dovrà subire una metamorfosi.

Se fossi il presidente, potrei fermare gli attacchi terroristici contro gli Stati Uniti in pochi giorni. Permanentemente. Prima vorrei scusarmi con tutte le vedove e gli orfani, i torturati e i poveri, e tutti i milioni di altre vittime dell’imperialismo americano. Allora annuncerei, con tutta sincerità, in ogni angolo del mondo, che gli interventi globali americani sono terminati e informerei Israele che non è più il 51 ° stato degli Stati Uniti ma ora – stranamente – uno straniero nazione. Vorrei quindi ridurre il bilancio militare di almeno il 90% e utilizzare i risparmi per pagare le riparazioni alle vittime. Ci sarebbero soldi più che sufficienti. Il bilancio militare di un anno di 330 miliardi di dollari equivale a più di $ 18.000 l’ora ogni ora dalla nascita di Gesù Cristo. Questo è quello che farei nei miei primi tre giorni alla Casa Bianca. Il quarto giorno, sarei assassinato.

William Blum

Fonte: http://www.thirdworldtraveler.com

Siamo Il 99%
€ 10,50

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code