toba60

Prove Inequivocabili della Presenza in Passato di Alieni sulla Terra….Che Siano Ancora Qua?

Se al termine della lettura qualcuno ha ancora dubbi sulla presenza in passato di esseri provenienti da altri pianeti, deve ancora vedere quello che abbiamo in serbo per voi.

Detto questo non è sufficiente avere una prova tangibile di ciò, ma si devono considerare tutti i risvolti legati ad una storia che non solo è tutta da riscrivere, ma che apre mille spiragli a nuovi scenari che non appartengono solo al passato, ma ad un presente a noi molto vicino!

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità. Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

La domanda se abbiamo ricevuto o meno visitatori dallo spazio potrà probabilmente essere risolta con certezza solo se e quando troveremo prove inconfutabili di tale visita qui sulla Terra.

Tale prova potrebbe consistere nella scoperta di manufatti di cui sia possibile determinare l’età esatta e la cui struttura esterna e interna possa essere considerata “anomala nel tempo”. Negli ultimi anni sono stati rinvenuti negli Urali numerosi micro-oggetti che sembrano soddisfare questi requisiti. Questo è il primo resoconto pubblicato della scoperta.

Da molti anni i ricercatori del nostro settore suggeriscono che nei depositi geologici si possano trovare artefatti lasciati da visitatori extraterrestri. Molte prove sono state trovate, principalmente dal Dr. Johannes Fiebag (1, 2), da eventi apparentemente paradossali nella storia della Terra, che esperimenti di manipolazione genetica sono stati effettuati nel corso di centinaia di milioni di anni da extraterrestri, che sono culminati nella creazione di noi umani.

Purtroppo per noi, la scoperta di eventuali manufatti tecnici risalenti a epoche remote sembra molto improbabile. Infatti, gli eventi geologici dell’ultimo milione di anni sono oggi documentati in pochi centimetri di strati sedimentari. Anche per quanto riguarda eventi molto recenti – penso alla fine della Seconda guerra mondiale – siamo consapevoli della rapidità con cui gli oggetti tecnici possono scomparire. Armi, munizioni e persino grandi reperti sono già quasi completamente arrugginiti e in via di disintegrazione.

Ingrandimento 100 X
Figura 2 – Ingrandimento 100 X

Alla luce di ciò, i ritrovamenti effettuati di recente in Russia sono ancora più sorprendenti. Negli anni 1991-1993, i cercatori d’oro del piccolo fiume Narada, sul versante orientale degli Urali, hanno trovato oggetti insoliti, per lo più a forma di spirale. Le dimensioni di questi oggetti variano da un massimo di 3 cm (1,2 pollici) fino a un incredibile 0,003 mm, circa 1/10.000 di pollice! Ad oggi, questi inspiegabili manufatti sono stati trovati a migliaia in vari siti vicino ai fiumi Narada, Kozhim e Balbanyu, e anche presso due corsi d’acqua più piccoli chiamati Vtvisty e Lapkhevozh, per lo più a profondità comprese tra i 3 e i 12 metri (10 e 40 piedi).

Gli oggetti a forma di spirale sono composti da vari metalli: quelli più grandi sono di rame, mentre quelli piccoli e piccolissimi sono dei metalli rari tungsteno e molibdeno. Il tungsteno ha un elevato peso atomico ed è anche molto denso, con un punto di fusione di 3410 deg. C (6100 gradi F). Viene utilizzato principalmente per la tempra di acciai speciali e, in forma non legata, per i filamenti delle lampadine. Il molibdeno ha anche un’alta densità e un punto di fusione rispettabile di 2650 deg. C (4740 gradi F). Anche questo metallo viene utilizzato per indurire gli acciai e conferire loro proprietà di resistenza alla corrosione, soprattutto per le parti di armi altamente sollecitate e per le corazze dei veicoli.

Attualmente, questi oggetti più che misteriosi sono oggetto di studio da parte dell’Accademia delle Scienze russa a Syktyvka (capitale dell’ex Repubblica sovietica di Komi), Mosca, San Pietroburgo e anche da un istituto scientifico di Helsinki, in Finlandia. Le misure esatte di questi oggetti, spesso microscopicamente piccoli, hanno dimostrato che le dimensioni delle spirali rientrano nel cosiddetto rapporto aureo. Fin dall’antichità classica questa frazione è stata la “regola ferrea” dell’architettura e della geometria. La sua utilità risiede nel fatto che se una certa lunghezza viene divisa in due utilizzando questo rapporto, il rapporto tra la lunghezza originale e il pezzo più grande è lo stesso di quello tra il pezzo più grande e quello più piccolo.

Ingrandimento 500 X
Figura 3 – Ingrandimento 500 X

A parte queste sottigliezze, questi oggetti sono ovviamente il prodotto di una tecnologia inspiegabile e molto avanzata; presentano notevoli somiglianze con gli elementi di controllo utilizzati nei dispositivi micro-miniaturizzati della nostra tecnologia più recente, le cosiddette nanomacchine. Da noi questa tecnologia è ancora agli albori, ma già gli ingegneri pensano ad applicazioni che sono pura fantascienza. Tra le altre cose, prevedono di costruire microsonde da impiantare in medicina, ad esempio per effettuare operazioni all’interno dei vasi sanguigni che non sono possibili con le attuali tecniche chirurgiche.

Qual era lo scopo di questo oggetto, illustrato qui a 100x e di nuovo a 500x di ingrandimento? (Figure 1 e 3). La Fig. 1 mostra un altro oggetto nella sua interezza su una barra graduata larga 200 micron (8/1000 di pollice)! Tutti i test effettuati finora danno un’età degli oggetti compresa tra 20.000 e 318.000 anni, a seconda della profondità e della situazione del sito. Ma anche se si trattasse di soli 2.000 o 20.000 anni, ci troviamo di fronte all’inevitabile domanda: chi, tra tutti gli uomini del mondo, era all’epoca in grado di creare oggetti micro-filigranati così fini, cosa che la nostra tecnologia sta cominciando a raggiungere solo ora?

NANOTECNOLOGIA DELL’ERA GLACIALE

Dal 1991 sono stati rinvenuti sempre più oggetti, per lo più a forma di spirale, sulle rive dei fiumi Narada, Kozim e Balbanyu, nei monti Urali orientali. Sono composti principalmente da tungsteno, molibdeno e rame. È stata una grande fortuna che queste scoperte siano state fatte nel corso di esplorazioni ufficiali.

Figura 1 – Esempio di micromanufatto rinvenuto negli Urali

Le spedizioni sono state organizzate con l’obiettivo di sfruttare i metalli preziosi e non ferrosi in queste regioni e sono state effettuate analisi geologiche e mineralogiche. Il lavoro si svolgeva sotto gli auspici dell’Istituto centrale di ricerca scientifica per la geologia e la prospezione dei metalli preziosi e non ferrosi (ZNIGRI) di Mosca, che fa capo al Comitato della Federazione Russa per la geologia e lo sfruttamento delle risorse minerarie.

Come mi è stato riferito dal dottor Valerii Ouvarov (San Pietroburgo), ulteriori analisi delle misteriose spirali sono state effettuate dalle stazioni distaccate dell’Accademia delle Scienze russa a San Pietroburgo e a Syktyvar (ex capitale dell’ASSR di Komi), nonché presso un istituto indipendente di Helsinki.

Ho davanti a me la perizia n. 18/485 del 29 novembre 1996 del suddetto Istituto (ZNIGRI), il cui testo originale in russo ho riprodotto nel mio libro WENN GOETTER GOTT SPIELEN. A causa del poco tempo a disposizione prima della stampa del libro, non è stato possibile effettuare una traduzione corretta e completa. Ciò è stato possibile solo dopo l’intervento di un traduttore giurato.

L’autrice della perizia è l’Assistente Scientifico Dr. E. W. Matveyeva, della Sezione di Geologia, Tecniche di prospezione ed Economia dei Depositi Alluvionali di Metalli Preziosi. La dottoressa riferisce prima sullo sviluppo del sito di scoperta, poi sulle procedure di analisi delle spirali di tungsteno a forma di filo nei depositi alluvionali del fiume Balbanyu.

La posizione esatta del sito è indicata da ZNIGRI come segue: si tratta di uno sviluppo nei depositi alluvionali della terza fascia alluvionale sulla sponda sinistra (guardando a valle) del fiume Balbanyu, orientato lungo la linea di trivellazione n. 106. 106. In questo sviluppo si trovano sedimenti sciolti, che sono rappresentati come segue, procedendo verso l’alto dai depositi più antichi a quelli più giovani:

1. Una crosta di erosione strutturata (alternanza di gesso e ardesia contenente carbonio con bande grigio-blu e giallo-brune: spessore visibile 0,5-1,0 metri).

2. Lenticchie incluse (Einschlusslinsen) da 0 a 0,2 metri di sabbia debolmente assortita, ghiaia, argilla e materiale detritico fine, che possono essere designate come prodotti di erosione della falda 1 descritta sopra.

3. Depositi di ghiaia grigia e materiale detritico di varie granulometrie con sabbie ben dilavate e uno spessore visibile da 1 a 1,7 metri, che potrebbero essere indagati per l’eventuale contenuto di oro.

4 Depositi di sabbia e argilla contenenti ghiaia, di colore grigio, con uno spessore visibile di 2,0 metri. Nella parte superiore di questo sedimento sono visibili segni di disturbo dovuti a lavori di livellamento.

Per quanto riguarda l’età degli strati che contengono i manufatti in tungsteno e molibdeno, la dott.ssa Matveyeva afferma quanto segue: Lo strato che contiene gli oggetti a forma di spirale è caratterizzato da depositi di ghiaia e detriti dello strato n. 3, che a nostro avviso mostrano un’erosione interna-sedimentaria di strati accumulativi poligenici (cioè strati composti da materiale di varia origine). Dal loro orientamento questi strati possono essere datati a 100.000 anni e corrispondono alle parti distese (cioè le regioni inferiori) dell’orizzonte di Mikulinsk del Pleistocene superiore.

Nella scala temporale geologica, il Pleistocene è la parte del Quaternario, l’ultima epoca geologica, iniziata circa 2 milioni di anni fa e terminata circa 10.000 anni fa. A questa fase è seguito l’Olocene, in cui ci troviamo attualmente.

Il rapporto prosegue descrivendo i test effettuati, che comprendono l’uso di un microscopio elettronico del tipo JSM T-330 prodotto dalla ditta giapponese Jeol. Questo ha fornito anche i dati di varie analisi spettroscopiche.

Vite russa
Figura 2 – Microartefatto rinvenuto negli Urali

Particolare attenzione va prestata alla conclusione finale raggiunta dall’istituto moscovita. Il rapporto n. 18/485 afferma che l’età dei depositi e i risultati dei test danno una probabilità molto bassa all’ipotesi che l’origine di questi insoliti cristalli di tungsteno a forma di filo sia di natura cosmica tecnogenica, dovuta alla rotta di decollo dei razzi dalla stazione spaziale di Plesetsk sulla parte polare della regione degli Urali.

In parole povere: questi oggetti non possono provenire da precedenti razzi di prova o simili lanciati da Plesetsk. La parola chiave del rapporto arriva infine al punto: I dati ottenuti consentono di ipotizzare un’origine tecnogena extra-terrestre”.

Alla luce di queste conclusioni, per i critici sarà molto difficile accusarmi di pseudo-documentazione o di comportamento imbarazzante. Al contrario: Cercherò di ottenere ulteriori rapporti di indagine dall’istituto di ricerca indipendente finlandese, sui quali si potrebbe dare maggior valore.

La mia ipotesi è che questi manufatti siano la cosiddetta nano-tecnologia, che posso sostenere facendo riferimento a una recente pubblicazione. I ricercatori di tutto il mondo stanno lavorando su pistoni in miniatura, ruote dentate, interruttori e altri elementi di controllo, da utilizzare nei nano-robot. Questi ricercatori saranno presto in grado di raggiungere risultati che finora sono stati appannaggio della fantascienza.

Sicuramente non è ancora detta l’ultima parola sui sensazionali ritrovamenti negli Urali!

Gli Antichi Uomini dello spazio

Nel VII secolo, a Palenque, il corpo del defunto re maya Pacal (di altezza superiore alla media) fu posto in un sarcofago attorno al quale fu eretta una piramide. La lastra che ricopre questo sarcofago è molto inquietante, perché guardandola in orizzontale alcuni vorrebbero vedere un astronauta ai comandi della sua navicella, mentre gli archeologi cercano di spiegarci che la lastra va guardata in verticale e che è solo una sintesi dei concetti fondamentali della religione maya e che Pacal è seduto sull'”Albero della Vita”…

Nove piccoli teschi di ossidiana di origine maya sono stati ritrovati nel Tempio del Serpente Piumato di Teotihuacan e in altre piramidi. Le loro dimensioni variano da 15 a 23 millimetri.

Secondo i sacerdoti Maya, una leggenda vuole che essi rappresentino i 9 individui “iniziatori” di una razza extraterrestre…

In Ecuador sono state trovate queste statuette, opere di un “chiaroveggente” o riproduzioni di “visitatori”?

Nel 900 a.C. fu ritrovata a Tokomai una statua giapponese con uno scafandro “chiuso da due grossi bulloni”.

Intorno al 2500 a.C., in Egitto, a Saqqara, durante la V dinastia, gli artisti dipinsero su una parete della tomba di Ptah-Hotep un personaggio molto curioso che corrisponde alla descrizione del “petit-gris”.


Gli UFO nella storia oltre il 14° secolo a.C.

Sempre in Giappone, questa straordinaria pittura rupestre.

Più di 15.000 anni fa, nelle grotte della Francia sud-occidentale, l’uomo preistorico disegnò così tanti oggetti curiosi che i paleontologi dovettero redigere un catalogo delle rappresentazioni al momento della loro scoperta. Ma da quando è stata avanzata l’ipotesi di un legame con la visione degli UFO, nessuno ne parla più, argomento tabù!

Queste rappresentazioni sono visibili nelle grotte di Cougnac e Pech Merle nel Lot, di Combarelles in Dordogna e di Altamira in Spagna.

I Libri Sacri delle grandi culture antiche riportano numerose osservazioni celesti e persino interventi di esseri del cielo. Per esempio, il Libro dei Morti egiziano, molti testi cinesi e indù come il Mahâbhârata, il Ramâyana, la Bibbia, il Popol-vuh, il Chilam Balam, ecc…

Se i nostri antenati hanno visto gli UFO, forse hanno visto anche i loro occupanti?

Oggetti volanti

Il primo oggetto volante meccanico “più pesante dell’aria” fu attribuito ai fratelli Wright nel 1903, dopo che Clément Ader aveva fatto volare il suo aeroplano nel 1897 (già potenza dei media americani).

L’ingegnere tedesco Lilienthal aveva già spianato la strada a questi piloti con i suoi alianti (fu ucciso durante il suo 2000° volo nel 1896).

La prima elevazione umana in aria è stata effettuata dai fratelli Montgolfier, in un pallone aerostatico, nel 1782.

Prima di allora il volo era un’impossibilità, un sogno o una leggenda…

Nel 1708, a Lisbona, un padre gesuita brasiliano, di ritorno dalla Bolivia, chiese ufficialmente al re del Portogallo, Joâo V, il permesso di fabbricare una macchina volante dopo aver spiegato i potenziali benefici di questa nuova invenzione. Questa macchina volante poteva trasportare 12 uomini e percorrere 200 miglia nautiche in 24 ore (una velocità impressionante per l’epoca, ma in realtà di circa 15 chilometri all’ora).

La risposta fu favorevole ed egli ottenne persino una sostanziosa pensione per il suo lavoro il 17 aprile 1709.

La fusoliera era costituita da piastre di ferro ricoperte da stuoie di paglia, 2 globi di ferro contenenti magnetite poggiavano su colonne.
Sulla strana rete erano fissate un gran numero di perline d’ambra che “con un’operazione segreta avrebbero mantenuto l’aereo in aria”. Il calore del sole sulle stuoie lungo l’aereo lo attirava verso l’ambra”(?).

Il 5 agosto, Bartholomeu Lourenço de Gusmâo fece volare la sua imbarcazione davanti al re e alla sua corte, ma prese fuoco in volo. Il 30 ottobre, la “gondola volante” fu nuovamente testata, questa volta con successo.

Promosso accademico e cappellano reale, Gusmâo dovette interrompere le sue prove a causa dell’Inquisizione, che giudicò l’invenzione satanica.

Doru Todericiu, professore di Scienza e Tecnologia all’Università di Bucarest, ha riportato alla luce nel 1961 un antico manoscritto proveniente dalla biblioteca di Sibiu (Romania).

La terza parte di quest’opera è opera di Conrad Haas, capo del deposito di artiglieria di Sibiu, tra il 1550 e il 1570.

Questo manoscritto è un resoconto del lancio di un razzo multistadio e di una “lancia volante” (missile?). ( 2 )

L’esperimento avrebbe avuto luogo nel 1555, davanti a migliaia di testimoni e sarebbe stato un successo (!?!).

Le invenzioni di Conrad Haas includono:

Razzi a 2 e 3 stadi ( 1529 ). “Casa volante” ( 1536 ). Sistemi di accensione a stadi a combustibile solido ( 1555 ). Pinne stabilizzatrici a forma di ali a delta ( 1555 ).

Venti gioielli d’oro realizzati dai Qimbaya, lunghi circa 5 centimetri e risalenti al V-XI secolo, sono stati ritrovati in Bolivia ( 3 ), Colombia e America Centrale.

Sono ufficialmente classificati come riproduzioni zoomorfe:

  • Un insetto o un uccello?
  • Le loro ali si trovano sempre al di sopra del corpo! Un raggio?
  • Non hanno la pinna caudale! Un pesce ( volante )?
  • Hanno pinne alari da libellula, non da delta!
  • A differenza della deriva degli aerei, la loro pinna di coda è simmetrica (verso l’alto e verso il basso)!

Sta a voi decidere:

Coincidenze? Gusmâo costruì il suo aereo dopo il suo ritorno dalla Bolivia, un paese vicino al Perù dove si trovano le famose “linee” di Nazca (anche se si scopre che sarebbero state delle pessime piste di atterraggio)…

Nel 1898, in una tomba di Saqqara, in Egitto, fu rinvenuto un oggetto alato datato al 200 a.C..

Poiché gli aeroplani non esistevano nell’antico Egitto, è stata catalogata come statuetta di uccello in legno e classificata come n. 6347 nel “reparto giocattoli” nel seminterrato del Museo del Cairo.

Rimase sconosciuto fino al 1969, quando il dottor Khalil Messiha, che stava studiando i modelli degli antichi egizi, fu incuriosito da questo strano uccello.

Con forme aerodinamiche paragonabili ai nostri moderni alianti. Ha una coda verticale anziché orizzontale. Con l’iscrizione: “dono di Amon”, il dio del vento.

Il leggero oggetto di platano pesa 39 grammi, è lungo 14 centimetri e ha un’apertura alare di 18 centimetri. Le sue ali hanno un diedro inverso, che garantisce una migliore manovrabilità in volo a scapito della stabilità.

È perfettamente “centrato”; il suo centro di gravità si trova a un terzo della corda alare.

Così può volare!!!

Come dimostrano le repliche in balsa che sono state realizzate, con l’aggiunta di un pezzo spaccato dove segnato sulla coda che funge da elevatore.

Oggi è etichettato come modello di aereo, insieme a circa 15 altri manufatti alati, ed è stato oggetto di una mostra speciale nella sala centrale del Museo del Cairo nel 1972.

2.200 anni fa, chi poteva avere tali conoscenze aerodinamiche?

Come hanno ottenuto questa conoscenza? Osservazione? Chiaroveggenza?

Si noti che gli Egizi erano noti per realizzare modelli dei loro progetti di costruzione e oggetti familiari per i morti da collocare nelle loro tombe per l’eternità.

Per alcuni, questi “uccelli” sono semplicemente delle banderuole… che indicano la direzione del vento, da cui la coda verticale…
all’inizio della pagina

Un recipiente per fischietti in argilla trovato in una tomba di Teotihuacan (Messico):

Un razzo nel museo del Messico ???

Statuetta maya raffigurante una sorta di veicolo volante o hovercraft (?) pilotato da uno strano personaggio…

Un coltello cerimoniale azteco con un uomo volante sul manico?

Scoperto in Turchia e molto controverso, questo “razzo”:

Questo badate bene non è Matrix!

Archivi Privati

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code