toba60

Tre Studi Pubblicati dal CDC, dal Governo del Regno Unito e dall’Università di Oxford Confermano che i Vaccini Covid-19 sono Inutili

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Siamo alla dirittura finale, esistono ora due scuole di pensiero, la prima votata all’inganno e la menzogna e la seconda che in minoranza cerca in tutti i modi di dare un senso ed un significato ai fatti reali e concreti che sono sotto gli occhi di tutti.

Un titolo ed un articolo come questo non avrebbe ragione di esistere in una società sana, ma appare come un eresia in un contesto dove la verità’ è un reato e e la bugia sinonimo di libertà.

Come al solito non prendetevela con noi se l’articolo non asseconda le vostre aspettative, la scienza può essere anche un opinione, ma quando viene dimostrata non lo e’ più e si devono accettare le sue logiche conseguenze per quanto inaccettabili.

Siamo solo agli inizi il bello deve ancora venire.

Toba60

Studi pubblicati dall’Università di Oxford Confermano che i Vaccini Covid-19 sono inutili.

Una laureata dell’Università di Yale che ha anche ottenuto un PHD all’Università di Princeton e una laurea in medicina alla John Hopkins University School of Medicine ha pubblicato un documento in cui conclude che obbligare il pubblico a prendere un vaccino è un atto dannoso e nocivo a causa di eccellenti documenti di ricerca scientifica che dimostrano chiaramente che i vaccini non impediscono l’infezione o la trasmissione del Covid-19.

Nina Pierpont (MD, PhD) ha pubblicato un documento il 9 settembre analizzando vari studi che sono stati pubblicati nell’agosto 2021 che dimostrano che la presunta variante Delta Covid-19 elude le iniezioni di Covid-19 attualmente in offerta e quindi non previene l’infezione o la trasmissione del Covid-19.

La dottoressa in medicina ha spiegato nel suo documento pubblicato che i vaccini mirano a raggiungere due scopi.

Proteggere la persona vaccinata contro la malattia Impedire alle persone vaccinate di portare l’infezione e trasmetterla ad altri.

Tuttavia, la dottoressa scrive che l’immunità di gregge non sarà raggiunta attraverso la vaccinazione perché una nuova ricerca in diversi contesti mostra che la presunta variante Delta produce cariche virali molto alte che sono altrettanto elevate nella popolazione vaccinata rispetto alla popolazione non vaccinata.

Pertanto, secondo Nina Pierpont (MD, PhD), i mandati di vaccinazione, come quello ora imposto nel Regno Unito per tutto il personale delle case di cura, non hanno alcuna giustificazione perché vaccinare gli individui non ferma o addirittura rallenta la diffusione della presunta variante dominante Delta Covid-19.

Il che porta il dottore in medicina a concludere che l’immunità naturale è molto più protettiva della vaccinazione perché tutte le gravità della malattia Covid-19 producono livelli sani di immunità naturale.

Nina Pierpont (MD, PhD) cita tre studi i cui risultati e dati supportano le sue conclusioni e questi includono uno studio pubblicato il 6 agosto 2021 nel “Morbidity and Mortality Weekly Report” del Centre for Disease Control (CDC), un altro studio pubblicato il 10 agosto 2021 dall’Università di Oxford, e un ultimo studio pubblicato il 24 agosto 2021 che è stato finanziato dal Dipartimento britannico per la salute e l’assistenza sociale.

CDC Study Documentazione completa digita Qui

Studio CDC

Lo studio del CDC si è concentrato su 469 casi tra i residenti del Massachusetts che hanno partecipato a raduni pubblici interni ed esterni per un periodo di due settimane. I risultati hanno rilevato che 346 dei casi erano tra i residenti vaccinati con il 74% di loro che presentavano presunti sintomi di Covid-19, e l’1,2% è stato ricoverato.

Tuttavia, i restanti 123 casi erano tra la popolazione non vaccinata e solo 1 persona è stata ricoverata in ospedale (0,8%). Nessun decesso si è verificato in entrambi i gruppi. Lo studio ha anche scoperto che le cariche virali sono risultate molto simili tra i vaccinati e i non vaccinati, il che significa che erano ugualmente infettivi.

Oxford University Study Qui documentazione completa.

Studio dell’Università di Oxford

Lo studio dell’Università di Oxford ha esaminato 900 membri del personale ospedaliero in Vietnam che erano stati vaccinati con l’iniezione del vettore virale Oxford / AstraZeneca tra marzo e aprile 2021. L’intero personale ospedaliero è risultato negativo al virus Covid-19 a metà maggio 2021, ma il primo caso tra i membri del personale vaccinato è stato scoperto l’11 giugno.

Tutti i 900 dipendenti dell’ospedale sono stati quindi ritestati per il virus Covid-19 e 52 casi aggiuntivi sono stati identificati immediatamente, costringendo l’ospedale in isolamento. Nelle due settimane successive, sono stati identificati altri 16 casi.

Lo studio ha scoperto che il 76% del personale positivo al Covid-19 ha sviluppato sintomi respiratori, con 3 membri del personale che hanno sviluppato una polmonite e un membro del personale che ha richiesto tre giorni di ossigenoterapia. Le cariche virali di picco tra il gruppo infetto completamente vaccinato sono risultate 251 volte superiori alle cariche virali di picco trovate tra il personale nel marzo-aprile 2020 quando non erano vaccinati.

UK Department of Health & Social Care Study documentazione completa qui

Studio del Ministero della Sanità e dell’Assistenza Sociale del Regno Unito

Lo studio del Department of Health & Social Care del Regno Unito è un’analisi del monitoraggio in corso della SARS-CoV-2 nella popolazione del Regno Unito e comprende misure della carica virale tra la popolazione.

Lo studio ha scoperto che le cariche virali tra la popolazione vaccinata e non vaccinata sono praticamente le stesse, e molto più alte di quelle registrate prima dell’introduzione dell’iniezione di Covid-19. Lo studio ha anche scoperto che la maggior parte dei casi tra la popolazione vaccinata si presentavano con sintomi quando sono diventati positivi.

Gli autori dello studio concludono che l’iniezione Pfizer e Oxford / AstraZeneca hanno perso efficacia contro ciò che sostengono essere la variante Delta Covid-19, ma sostengono che sono sostanzialmente efficaci nel mantenere le persone dall’infettarsi con la variante Delta in un range dal 67% al 80%.

Nine Pierpont (MD, PhD) chiede giustamente nel suo articolo come possono concludere questo quando l’82% del campione casuale di nuovi test PCR positivi nello studio erano persone completamente vaccinate.

Il dottore in medicina scrive:

I tre studi di cui sopra portano Nina Pierpont (MD, PhD) a concludere nel suo articolo che obbligare gli altri a prendere un vaccino è un atto potenzialmente dannoso.

Scrive che poiché la ragione principale di un mandato è quella di proteggere gli altri dall’infezione, e questi studi dimostrano senza ombra di dubbio che non lo fanno, coloro che impongono le iniezioni di Covid-19 potrebbero voler cercare un consulente legale per quanto riguarda la loro colpevolezza e responsabilità per potenziali danni duraturi a coloro che fanno pressione per la vaccinazione con la minaccia di esclusione dal lavoro, dall’istruzione o dalla società.

Fonte The Expose

Abbiamo urgente bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per  finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile secondo le proprie possibilità è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che mettiamo.  

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code