toba60

Tutto Quello che Pensavi di Sapere sul Coronavirus …

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

E’ allucinante quello che è riuscito a fare a fare l’1% del pianeta con la compiacenza di una stuola di manigoldi Governativi , senza che nessuno battesse ciglio e lasciasse fare loro tutto quello che volevano per creare un nuovo mondo fatto di morte distruzione povertà’ e miseria.

Un tempo era sufficiente una dichiarazione di guerra e tutto si risolveva pacificamente con un delirio collettivo votato alla morte, che poi offriva ai posteri l’opportunità’ di commiserarli da li all’eternità’

Oggi questa prospettiva proprio non esiste, con quella museruola in bocca si soffoca pure la libertà di parola.

E’ una rappresentazione simbolica del fatto che si deve stare zitti …..

mai silenzio è stato così assordante come ora.

Toba60

Le cose sul corinavirus che non ti hanno mai detto

Contrariamente alle affermazioni dei governi e delle autorità sanitarie, le prove per l’epidemia di SARS-CoV-2 all’inizio dell’anno mostrano che è dello stesso livello di importanza dell’influenza stagionale in termini di infezione virale e mortalità e quella riportata ”Morti di Covid-19” sono principalmente le conseguenze del confinamento.

Origine


È comprensibile se si pensa che il virus fosse uno strano caso di influenza stagionale quando è emerso da zero a metà marzo in Europa e negli Stati Uniti (si noti che in Australia e Nuova Zelanda, dove il clima era ancora caldo, il virus era ancora quasi inesistente). Dopotutto, i virus si diffondono meglio durante i mesi invernali nell’emisfero settentrionale, dove fa più freddo (ai virus non piace il caldo).

Tuttavia, ci sono prove evidenti che questo virus sia apparso in Europa e negli Stati Uniti alla solita ora, già nel novembre 2019 .

I medici francesi hanno anche confermato (da un campione di sangue prelevato da un paziente) che il virus era giá presente in Francia in quel momento. I media francesi hanno persino ipotizzato che gli atleti internazionali che hanno preso parte ai Campionati mondiali di sport militari di Wuhan potrebbero portare il virus con loro nel loro paese d’origine. Ad esempio, il quotidiano francese Le Parisien ha scritto il mese scorso come diversi atleti tornati dalla gara si siano lamentati dei sintomi, affermando col senno di poi che “potrebbero essere stati infettati dal Covid-19”.

Elodie Clouvel, la campionessa del mondo di pentathlon moderno, è stata intervistata dall’emittente televisiva locale Television Loire 7 il 25 marzo: “Penso che abbiamo già un’infezione da coronavirus, cioè Covid-19. Eravamo a Wuhan ai Campionati mondiali di sport militari a fine ottobre, e dopo ci siamo ammalati tutti. Che sei stato infettato perché molti di questa delegazione erano malati. “” A quanto pare, il virus ha dilagato anche in Italia a novembre.

Nel nord Italia, questa “strana polmonite” è stata in tournée già a novembre, settimane prima che i medici venissero a conoscenza dello scoppio di un nuovo tipo di malattia da coronavirus in Cina, ha detto questa settimana un importante esperto medico in un paese europeo. “Loro [i medici di base] ricordano di aver visto una polmonite molto strana a dicembre e persino a novembre, molto grave, soprattutto negli anziani”, ha detto Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di ricerca farmacologica Mario Negri di Milano, in un’intervista alla US National Public Radio.

“Ciò significa che il virus circolava almeno nella Lombardia e prima che fossimo a conoscenza di questo focolaio in Cina”.

Era molto probabile che il virus dilagasse negli Stati Uniti in questo momento : David Hamer, specialista del Boston Medical Center e professore di salute e medicina globale presso le scuole di sanità pubblica e medicina della Boston University, ha dichiarato a

Newsweek che è “probabile” che il virus abbia raggiunto l’Europa occidentale e gli Stati Uniti prima di gennaio. I colleghi del Boston Medical Center di Hamer hanno trattato pazienti con “polmonite strana” e immagini polmonari caratteristiche Covid-19 da metà febbraio a fine mese, ma senza una ragione apparente. “

Abbiamo quindi il forte sospetto che il virus sia circolato in Massachusetts a febbraio , prima di un forte aumento dei casi all’inizio di marzo”, ha detto.

Un recente articolo del Seattle Times ha riportato anche casi del 1 ° gennaio: “Il ministero della salute statale sta indagando se migliaia di morti per malattie respiratorie siano state causate da casi di Covid-19 non diagnosticati”, hanno detto giovedì i funzionari sanitari. Sebbene queste storie siano apparse sui media tradizionali e siano state commentate da persone qualificate, non ho ancora trovato nessuno che abbia tratto una conclusione ovvia; che il virus non solo era presente nell’emisfero settentrionale l’anno scorso, ma era anche probabile che fosse diffuso.

I virus, e in particolare i coronavirus, ben noti dagli anni ’60, tendono a diffondersi tra la popolazione.

Il fatto che il virus si sarebbe probabilmente diffuso alla fine dello scorso anno in paesi che potrebbero essere stati rinchiusi mesi dopo solleva un punto importante che mette fortemente in discussione la necessità del contenimento: questo virus apparentemente non era molto significativo in termini di tasso di infezione o mortalità .

Se la “pandemia” dichiarata a metà marzo era stata effettivamente dilagante da novembre, perché non ne abbiamo sentito parlare? Perché non è stato fatto nulla? Perché gli ospedali non “isolarono i malati” e morirono? Perché i media non lo hanno seguito 24 ore su 24, 7 giorni su 7? Infatti, perché allora non furono istituite strutture di reclusione per “salvare vite umane”?

Ovviamente sappiamo dove e quando l’allarme è stato lanciato per la prima volta. Le autorità cinesi sono venute a conoscenza di questa specie di coronavirus a dicembre, informando l’OMS all’inizio di gennaio.

Nel febbraio 2020, il New York Times ha riferito che un gruppo del Wuhan Institute of Virology è stato il primo a identificare, analizzare e nominare la sequenza genetica del nuovo coronavirus, caricandola su database pubblici affinché i ricercatori di tutto il mondo possano esaminarla.

Il 19 febbraio 2020, questo laboratorio ha pubblicato una lettera sul suo sito Web che descrive come hanno mappato con successo l’intero genoma del virus: Entro il 2020, l’intera sequenza del genoma del nuovo coronavirus era stata mappata “.

Chiaramente, il governo cinese ha trovato questo abbastanza allarmante da imporre misure di chiusura parziali in varie parti del paese quando sono arrivate le segnalazioni, ma con il bilancio delle vittime che alla fine si è concluso in 4.634 paesi con 1,4 miliardi di persone, il virus ha dimostrato di essere un vero “nulla”, almeno per i cinesi. Messo nel contesto, ci sono da 84.200 a 92.000 decessi correlati all’influenza in Cina ogni anno .

Attualmente esiste un consenso scientifico sul fatto che SARS-CoV-2 non sia stato prodotto dall’uomo. Nonostante ciò, l’idea che sia stata effettivamente prodotta in un laboratorio – un’affermazione fatta da diverse sequenze di virus lo hanno fatto gli epidemiologi (il virus è quasi perfettamente adattato agli esseri umani, il che è strano quando si dice sia passato dall’uomo agli animali) – rimane, tuttavia, l’unica spiegazione veramente plausibile per il governo cinese e più tardi l’OMS e altri governi che hanno risposto nel modo in cui ha fatto.

Informazioni preliminari

Nessuna delle dozzine di virus influenzali stagionali che circolano ogni anno nel mondo ha mai causato reazioni isteriche come nel caso del nuovo coronavirus. O almeno non dalla “malattia spagnola del 1918” “e anche a quel tempo non vi era alcuna reclusione globale, sebbene la malattia abbia contribuito alla morte di circa 50 milioni di persone. Ciò include precedenti focolai di infezioni da SARS-CoV e MERS-CoV (nel 2002 e 2012), entrambi altamente Infezione da SARS-CoV. 2: Non mi piace.

Tuttavia, il caso SARS-CoV-2: I, ha dichiarato i governi degli Stati Uniti e dell’Europa a metà marzo, quasi contemporaneamente “un’emergenza di sanità pubblica”, aggiungendo allarmi terrificanti sulla morte stimata di mezzo milione di persone nel Regno Unito e su più di due milioni di morti negli Stati Uniti . Questo era in un momento in cui, sulla base dell’esperienza cinese, c’era già ben noto come questo virus fosse pericoloso per la vita quasi esclusivamente per gli anziani con gravi problemi di salute, cioè per una percentuale molto piccola di qualsiasi popolazione . Un articolo della BBC del 18 febbraio riportava: Le autorità sanitarie cinesi, nella più ampia indagine dallo scoppio dell’epidemia, hanno diffuso i primi dettagli di 44.000 casi di Covid-19.

I dati del CCDC * cinese mostrano come oltre l’80% dei casi sia stato lieve, con i malati e gli anziani a più alto rischio .

Il 17 marzo, tre settimane dopo che l’Italia aveva iniziato il confino e una settimana prima del confino britannico, le autorità sanitarie italiane sapevano che almeno il 99,2% di coloro che erano morti “causati” dal virus presentavano gravi comorbidità (malattie concomitanti sottostanti) . Almeno il 50% di questa popolazione aveva almeno tre comorbidità. Allora perché i governi di Gran Bretagna, Francia, Spagna, Germania, Stati Uniti, ecc., Hanno deciso irragionevolmente di imporre una reclusione punitiva alle loro popolazioni e quindi causare un’incommensurabile quantità di sofferenza e morte a così tante persone?

Serrate letali

Sebbene questi governi (sempre così disponibili con l’aiuto dei media mainstream) abbiano usato gli ultimi 3 mesi per distruggere ripetutamente nella mente delle persone come decine di migliaia di persone siano “morte a causa del coronavirus”, i fatti non supportano questa affermazione. I fatti suggeriscono fortemente che la reclusione è stata la causa principale di queste morti.

Il grafico sottostante, prodotto sulla base dei dati del British Office of National Statistics, mostra come i decessi “dovuti a Covid” in Inghilterra abbiano raggiunto il picco intorno al 7 aprile. Il tempo medio dall’infezione alla morte è di 18,5 giorni .

Ciò significa che le infezioni avevano raggiunto il picco in Inghilterra diversi giorni prima che fosse imposto il confino. Ciò significa che il confinamento NON ha avuto alcun effetto sulla diffusione del virus, in quanto si era già ampiamente diffuso nella popolazione e “ucciso” tutti coloro che mai avrebbe mai ucciso, scomparendo da solo.

Questa conclusione è già stata confermata da Simon Wood, professore presso l’Università di Bristol, che ha utilizzato modelli separati per mostrare il tasso giornaliero di infezione dedotto e il picco di infezione (grafico sotto):

Il grafico seguente mostra come il picco di morti per Covid in Spagna è stato il 31 marzo, 15 giorni dopo la fissazione del parto , il che significa che il picco infettivo è stato raggiunto almeno 3 giorni prima dell’inizio:

Ecco il picco di morti per Covid italiane il 27 marzo, il che significa che il picco di infezione è stato raggiunto più di due giorni prima della fase iniziale:

Ecco il picco di morti per Covid a New York City il 7 aprile, 16 giorni dopo che è stato imposto il confinamento (ordine di “soggiorno a casa”), il che significa che il picco infettivo è stato raggiunto più di 2 giorni prima del confino:

Se l’unico aspetto negativo della reclusione fosse la loro inefficacia nel fermare la diffusione del virus, potremmo solo accettarle come cattive decisioni politiche e continuare il viaggio. Il punto fondamentale è, tuttavia, trovata una prova molto forte che le modalità di azione non solo hanno causato immense sofferenze per mesi nelle loro case senza sbocco sul mare, ma hanno anche causato una quantità significativa di mortalità. Le prove di decessi nelle case di cura britanniche lo confermano (vedi sotto) e possono supportare l’idea che la maggior parte della mortalità eccessiva fosse dovuta al confinamento, non a Covid . Oltre a questo, è possibile che alcuni dei decessi Covid registrati siano stati causati da una condizione di reclusione, non da un virus.

Si può pensare che la tempistica del picco di morte 18 giorni dopo il picco di infezione sia normale e che la ragione di ciò sia Covid-19. Potrebbe essere il caso, se ignorassimo il fatto che alcune delle morti nei grafici sopra non sono in realtà direttamente correlate al Covid-19. A questo punto, è ancora difficile dire esattamente quale sia questa proporzione, ma i dati forniti dai certificati di morte e dalle case di cura di seguito ci danno motivo di grave preoccupazione.

Morte correlata al Covid-19 , non causato da esso

Dall’inizio della pandemia, i governi e i media di vari paesi hanno riferito che le persone sono “morte di Covid-19”, come se il virus avesse causato direttamente queste morti.

Ma, come mostrano le statistiche di numerosi stati, la stragrande maggioranza delle persone che “sono morte” in realtà sono morte a causa di gravi comorbilità, con il ruolo del coronavirus che è principalmente un contributore, se non del tutto.

Questo scenario si verifica ogni anno con l’influenza e altri virus simili all’influenza. Il Dipartimento delle malattie trasmissibili (CDC) degli Stati Uniti e l’OMS stimano che l’anno scorso sono morte a causa dell’influenza fino a 650.000 persone.

Perché è solo una “stima”? Pertanto, perché l’influenza non è classificata come malattia e quindi non può essere inserita come causa ufficiale di morte su un certificato di morte. Inoltre, non esiste un programma di test antinfluenzale su larga scala perché l’influenza raramente, se non mai, uccide davvero qualcuno.

Nel peggiore dei casi, è un “componente”, ma non una causa diretta di qualsiasi morte. Nessuno “muore di influenza” e i medici ne sono consapevoli da molto tempo.

Lo stesso si applicherebbe a SARS-CoV-2 e Covid-19, a meno che All’inizio di marzo dello scorso, l’OMS e altre autorità sanitarie avrebbero deciso di “aggiornare” il Covid-19 a una delle principali malattie che consentissero di essere riportato sui certificati di morte come causa di morte. Inoltre, sono stati inviati promemoria a tutte le principali autorità sanitarie fornendo ai medici nuove linee guida su come completare i certificati di morte “durante il Covid”. Le linee guida chiariscono che i medici dovrebbero etichettare il Covid-19 come causa di morte se il paziente presenta sintomi appropriati per la diagnosi , indipendentemente dal fatto che il paziente sia stato testato per Covid-19 . Anche nei casi in cui i sintomi non corrispondono a Covid-19 (come cancro o malattie cardiache), ma dove il test Covid-19 è positivo, i medici sono invitati a etichettare Covid-19 come uno dei fattori fatali.

Commento: Anche le notizie e le statistiche sulle morti coronariche in Finlandia contenevano ambiguità simili. Secondo la risposta di THL, il sistema di monitoraggio non registra l’effettiva causa di morte e non tiene conto delle diagnosi registrate nel certificato di morte.

Sembra che sia stato un gioco piuttosto cinico che ha creato “immagini di morte” per spaventare centinaia di milioni di persone e “giustificare” serrate massicce.

Queste cifre sono state stampate quotidianamente sui volti delle persone negli ultimi tre mesi. Tuttavia, numerosi esperti sanitari e autorità hanno apertamente riconosciuto che è probabile che i tassi di mortalità per Covid-19 siano enormemente esagerati .

In un articolo pubblicato sul British Telegraph il 23 marzo , il professor Walter Ricciardi, consulente scientifico del Ministero della Salute italiano, ha commentato: Il modo in cui registriamo le cause di morte è davvero generoso, nel senso che

tutte le persone che muoiono in ospedale e che hanno anche un coronavirus diagnosticato vengono contrassegnate come morte di conseguenza. Secondo una rivalutazione

dell’Agenzia Sanitaria Italiana , solo il 12% dei decessi è risultato essere correlato causalmente al coronavirus, mentre l’88% dei decessi ha già avuto almeno una malattia grave, diverse due o tre “. Lo stesso vale per il Regno Unito.


Il professore e oncologo Karol Sikora ha detto al Telegraph di recente , che i medici sono a volte troppo desiderosi di aumentare Covid-19 rispetto al certificato di morte.

Secondo il professor Sikora, il virus è menzionato nei certificati di morte ogni volta che c’è stata “la minima possibilità” che potesse essere la causa, anche se non ci sono prove di ciò – questo è stato fatto anche in seguito sulla base di un semplice conversazione telefonica.

Recentemente, il National Health Service (NHS) del Regno Unito ha rilasciato dati sulle “morti coronariche” in ospedale, che sembrano supportare questa ipotesi.

Questi dati hanno suddiviso le morti coronariche a seconda che i pazienti abbiano avuto meno altre malattie concomitanti. I decessi corona senza altri fattori sono quindi chiaramente indicati solo dai decessi dovuti a Covid-19. Guarda e confronta questo per te stesso e ricorda che il governo del Regno Unito afferma ufficialmente che più di 40.000 morti sono state causate dal coronavirus .

La tragedia delle case di cura


È risaputo – o almeno un forte sospetto – che almeno l’80% della popolazione è virtualmente immune al coronavirus e che per il restante 20% rappresenta una seria minaccia solo per una parte marginale. (gli anziani). Nonostante ciò, i governi hanno deciso di far passare le loro politiche di reclusione, che hanno portato centinaia di milioni di uomini, donne e bambini sani e immuni ad essere imprigionati nelle loro case per diversi mesi, molti dei quali hanno sofferto di grave ansia e paura, con il risultato di uno “tsunami mentale”. .. Oltre a questo, le economie di molti paesi sono finite davvero in pessime condizioni e non si sono ancora visti tutti gli effetti dei problemi economici. Tuttavia, questo non è affatto l’aspetto peggiore di questi crudeli reclusi.

Parte di questa strategia irresponsabile è stata una serie di misure radicali con cui gli ospedali si sono preparati per una valanga di pazienti con coronavirus di tutte le età (senza alcuna prova adeguata che ciò accadrà). Poiché i giovani sono visti come una risorsa più importante degli anziani, i governi dell’UE e le amministrazioni di diversi stati degli Stati Uniti hanno deciso di rimettere gli anziani dalle case di cura (dove hanno ricevuto cure) nelle case di cura.

A molte persone anziane è stata poi negata l’assistenza sanitaria di base: sono state praticamente lasciate a se stesse per mesi. Molti erano completamente senza contatto umano. Lo stesso è stato vero per le migliaia di anziani fragili che sono stati intimiditi fino a essere imprigionati nelle loro case, non osando più andare in ospedale per pura propaganda, anche se ce n’era bisogno.

Allo stesso tempo, il virus è stato autorizzato a diffondersi nelle case di cura perché si era diffuso negli ospedali (così come altrove nella popolazione) e aveva infettato gli anziani lì. (gli ospedali sono spesso la principale fonte di infezioni). Poiché gli anziani erano chiusi a chiave nelle loro case – e in molti luoghi non potevano nemmeno aprire le finestre – il virus si è diffuso in modo molto più efficace ad altri residenti che si trovavano in condizioni leggermente migliori. L’esiguo numero di personale rimasto in alcuni luoghi non si è curato a sufficienza (maschere, guanti) delle misure di sicurezza, consentendo al virus di diffondersi più efficacemente tra gli anziani fragili.

Il risultato finale è stato un picco di morte nelle case di cura che è iniziato circa una settimana dopo l’introduzione dell’isolamento , continuando fino ad aprile-maggio. Di seguito sono riportati due grafici che mostrano i decessi nelle case di cura e nelle case di cura in Inghilterra e Galles. Sono stati suddivisi sulla base dei certificati di morte a causa del coronavirus o di qualche altro motivo.

Il numero finale di morti per reclusione non è ancora noto, ma in diversi paesi almeno il 50% delle “morti di covid” si è verificato nelle case di cura (il numero è probabile che aumenti ulteriormente), mentre il resto è stato negli ospedali (dove le infezioni sono comune) e abitazioni private. Secondo i dati ufficiali statunitensi di un paio di settimane fa, il 42% di tutti i decessi per Covid-19 si è verificato in case di cura, rappresentando solo lo 0,62% della popolazione totale. Quasi tutte le morti sono avvenute in anziani fragili, cioè proprio le persone che la popolazione avrebbe dovuto “proteggere” chiudendoli nelle loro case!

Un’associazione spagnola di recente formazione (Associazione spagnola per le vittime e le persone colpite da Covid-19) ha recentemente intentato una causa presso la Corte internazionale di giustizia dell’Aia contro il primo ministro spagnolo , accusandolo di genocidio di 50.000 persone a seguito della sua decisione di collocare la Spagna in isolamento .

Prevenzione dell’accesso alle cure – una vera “seconda ondata”

Cosa accadrebbe se i servizi sanitari cessassero le attività per diversi mesi, a livello globale? La risposta dovrebbe essere evidente già in questa fase, poiché è esattamente quello che è successo a metà marzo del 2020. Come ho detto, ai governi del mondo “è stato consigliato” di prepararsi in modo irrazionale e che i servizi sanitari dovrebbero essere preparati in anticipo a questo scopo.

Oltre al ricovero (apparentemente sacrificale) della popolazione anziana, alla stragrande maggioranza del personale di molti ospedali, cliniche e ambulatori medici è stato semplicemente ordinato di tornare a casa (per il proprio bene, ovviamente), le procedure chirurgiche sono state annullate e molti ospedali erano apparentemente “città fantasma” una “corsa paziente” che non è mai arrivata.

La costante copertura del “Covid horror” nelle case delle persone e dei licenziamenti del personale ospedaliero, nonché le cancellazioni di interventi chirurgici, hanno lasciato i pazienti gravemente malati ai propri cetri di prevensione (come è successo ai residenti delle case di cura).

Qual è il risultato finale? Di nuovo, potresti dover pensarci bene, ma lascia che ti aiuti a iniziare presentando alcune nuove statistiche grafiche. Innanzitutto, il numero di visitatori delle cliniche di emergenza in Inghilterra:

Successivamente, interventi chirurgici contro il cancro in Inghilterra. Si noti che questo rappresenta anche le statistiche di altri stati che hanno imposto gravi blocchi.

Qualcosa di strano è successo intorno ad aprile … oh sì, quella è solo una stanza di blocco che abbiamo usato per iniziare a “salvare vite umane”.

E questo è accaduto nelle liste di attesa per tutti gli interventi chirurgici nel Regno Unito . È abbastanza chiaro che la reclusione ucciderà le persone per diversi anni …

Ed ecco un grafico che mostra la situazione globale :

Come esempio della scioccante inerzia della pratica di reclusione , negli ultimi due mesi l’ Australia ha visto un netto calo dei test sul cancro . Quindi questo è un paese di 20 milioni di persone, dove negli ultimi tre mesi si sono verificate solo 102 “morti Covid”. Ricorda che, come in altri stati, lo stato di blocco non è stato in grado di impedire la diffusione del virus. Qualcuno ha il coraggio di stimare quante morti extra dovute a tumori non diagnosticati e non trattati in pochi mesi in Australia, dato che l’anno scorso ci sono state 144.000 nuove diagnosi di cancro e 50.000 morti per cancro?

La situazione è ancora peggiore per il “fratellino” australiano, la Nuova Zelanda, dove in tre mesi ci sono stati 1.500 nuovi casi di Covid e ben 22 “morti di Covid”. Tuttavia, per qualche motivo, 30.000 interventi chirurgici sono stati annullati per potersi preparare all ‘”ondata di inondazioni dei pazienti Covid-19″ … a causa di un virus che non rappresenta una minaccia di morte per il 99,99% della popolazione.

Conclusione e domanda da un milione di Dollari

Sono consapevole che i lettori che sono pronti a questo punto a mettere in discussione la narrativa ufficiale di questo virus, dove ci saranno più domande, e soprattutto a chiedere “perché”? Se possiamo ragionevolmente concludere che i governi sapevano che questo virus non era una minaccia reale e anzi non molto diverso dall’influenza convenzionale in termini di infettività e mortalità e quindi rappresenta una seria minaccia per chiunque e probabilmente non “sovraccarica il settore sanitario” , allora perché i governi hanno chiuso le quarantene anche se erano note per causare ripercussioni dannose e devastanti?

Era chiaro fin dall’inizio che i governi del mondo non erano dietro le decisioni delle pratiche Covid, ma erano state date loro da scienziati ed “esperti” sotto gli auspici dell’OMS.

Quindi alla domanda “perché?” deve essere aggiunto “da chi?”, e guardare in alto nella gerarchia per trovare i colpevoli.

Il problema è che ci sono solo “consiglieri” senza volto dietro i governi del mondo con interessi diversi (spesso in competizione tra loro), quindi ho poche speranze che qualcuno possa essere ritenuto responsabile di questo scandalo di salute pubblica.

Tuttavia, una cosa sono abbastanza certa: qualcuno da qualche parte voleva davvero prevenire la diffusione del virus su una popolazione più ampia nel modo più forte possibile. Il secondo punto di cui sono assolutamente certo è che il motivo per cui agiscono in questo modo non ha nulla a che fare con il benessere della popolazione mondiale.

JoeQuinn

Fonte: joequinn.net

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code