toba60

Cannabis: Terapie Contro il Cancro, Alzheimer, Sclerosi Multipla ecc? Prima di Finanziare la Ricerca Leggi Questo e poi Decidi cosa Fare

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Abbiamo rispolverato un vecchio articolo che e’ più che mai attuale consideratala realtà che e’ sotto gli occhi di tutti, intrisa di ipocrisia e di falsa scienza nelle mani di spietati speculatori che giocano con la vita della gente.

La falsa medicina, quella che uccide, ecco qual’é la nuova realtà, la quale ora più’ che mai si manifesta con tutta la sua veemenza che pare non avere alcun limite.

Quello del crimine organizzato nelle mani di Big Pharma e consociati (Pfizer Moderna, Astra Zeneca Johnson & Johnson) travestiti da benefattori, tutti insieme appassionatamente, come il gatto e la volpe, perché vedi di loro, ti puoi proprio fidar.

Toba60

Nessun’altra pianta oltre alla Cannabis ha tanti usi medicinali, ma perché è illegale oggi?

Questa varietà di pianta differisce dalla pianta industriale HEMP che è attualmente utilizzata per la fabbricazione di molti prodotti. La marijuana medica ha un forte sostegno da parte degli elettori e delle organizzazioni sanitarie.

La ricerca ha dimostrato che:

I decessi per uso di marijuana sono : 0 Dal 1842 al 1880, la marijuana estremamente forte (allora conosciuta come estratti di cannabis), gli estratti di hashish, le tinture e gli elisir erano abitualmente la seconda e la terza medicina più usata in America per gli esseri umani (dalla nascita alla vecchiaia).

Questi estratti erano anche usati nella medicina veterinaria fino agli anni 1920 e oltre. Cosa dobbiamo fare allora di queste rappresentazioni contrastanti di una droga curativa con origini storiche che risalgono all’8.000 a.C.? Nonostante questi FATTI la propaganda (legata all’esponadge industriale) continua: Il più grande studio del suo genere ha inaspettatamente concluso che fumare marijuana, anche regolarmente e pesantemente, non porta al cancro ai polmoni. Fonte.

Olio di Canapa
I potenti benefici del CDB (cannabidiolo) per la salute
Voto medio su 4 recensioni: Buono
€ 10,90

La questione dell’uso ricreativo della Marijuarna è separata da quella dell’uso medico del THC o della Marijuarna. Comunque se volete valutare i fatti su questo argomento potete iniziare leggendo come quattro decenni di tirannia della guerra alla droga possono finire con il nuovo sforzo di Ron Paul per legalizzare la marijuana

Attualmente questa pianta è elencata come una droga della tabella I, per qualificarsi come una droga della tabella uno, la pianta non deve avere alcun uso medico. Questa è una vera e propria ipocrisia e soppressione, è un noto FATTO scientifico che la marijuana MEDICA ha provati usi medici, questo è il motivo per cui il governo federale ha brevettato i cannabinoidi.

Non sono confusi a Washington D.C. su questo, solo ingannevoli. Secondo la U.S. Drug Enforcement Agency “La FDA ha notato “che nessuno studio scientifico solido ha sostenuto l’uso medico della marijuana per il trattamento negli Stati Uniti e nessun dato animale o umano ha sostenuto la sicurezza o l’efficacia della marijuana per uso medico generale.” Questa dichiarazione è stata rilasciata al grande pubblico dopo che i federali hanno depositato un brevetto sulla Marijuarna per mettere all’angolo il mercato su molti dei suoi usi medici.

Il brevetto statunitense #6.630.507, intitolato Cannabinoidi come antiossidanti e neuroprotettori. Depositato nel 2001, questo brevetto, che è stato poi concesso nel 2003, ci dà un’idea dell’astuta doppiezza che ha caratterizzato la politica del governo degli Stati Uniti verso la marijuana. Nel brevetto, assegnato al Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti (HHS), i richiedenti dichiarano quanto segue: “Si è scoperto che i cannabinoidi hanno proprietà antiossidanti, non collegate all’antagonismo dei recettori NMDA. Questa nuova proprietà scoperta rende i cannabinoidi utili nel trattamento e nella profilassi di un’ampia varietà di malattie associate all’ossidazione, come quelle ischemiche, legate all’età, infiammatorie e autoimmuni.

I cannabinoidi risultano avere una particolare applicazione come neuroprotettori, per esempio nel limitare i danni neurologici in seguito a insulti ischemici, come ictus e traumi, o nel trattamento di malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson e la demenza da HIV.

Canapì - Olio Essenziale di Canapa
€ 45,00

Fondamentalmente il brevetto afferma che i cannabinoidi, i composti attivi della marijuana, mostrano benefici nel trattamento di ictus, attacchi cardiaci, infiammazioni e disturbi autoimmuni, e possono essere utili nel trattamento di Alzheimer, Parkinson e HIV. Non è male per una pianta che non ha alcun valore medicinale.

Per sostenere la loro argomentazione per un brevetto sull’efficacia dei cannabinoidi contro molte malattie comuni e pericolose per la vita, l’HHS va oltre, citando una lista di studi che mostrano che i cannabinoidi possiedono anche proprietà antiepilettiche, proteggono il cervello, combattono l’artrite e aiutano nei casi di glaucoma.

Se navighi su PubMed (il database online della National Library of Medicine), troverai studi che affermano le proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e protettive dell’erba. E ricordate, quel database è gestito dal governo degli Stati Uniti. In tutta onestà, ci sono anche studi che dimostrano che in alcune popolazioni, l’uso di cannabis può produrre ansia e squilibrio dell’umore, e può essere particolarmente disorientante nei casi di schizofrenia.

Come ogni sostanza, la cannabis funziona per alcuni e non per altri. Al 3 agosto 2010, una semplice ricerca di “cannabis” su PubMed rivela 12.582 articoli scientifici pubblicati sulla cannabis. Non tutti questi articoli riguardano i benefici medici positivi della cannabis, ma molti sì.

Il brevetto US 6630507 è intitolato “Cannabinoidi come antiossidanti e neuroprotettori” ed è assegnato agli Stati Uniti d’America, rappresentati dal Dipartimento della salute e dei servizi umani. Eppure questo ricorda un farmaco scheduale. Il governo americano può detenere questo brevetto, ma ciò non impedirà ai suoi funzionari di negare costantemente i benefici della marijuana medica.

Un portavoce della FDA, per esempio, ha affermato che “la marijuana fumata non ha un uso medico attualmente accettato o provato negli Stati Uniti e non è un trattamento medico approvato”. Leggi tutto Il governo degli Stati Uniti può detenere questo brevetto, ma questo non impedirà ai suoi funzionari di negare costantemente i benefici della marijuana medica. Un portavoce della FDA, per esempio, ha affermato che “la marijuana fumata non ha un uso medico attualmente accettato o provato negli Stati Uniti e non è un trattamento medico approvato”.

Anche la petizione per classificare la cannabis come avente un uso medico è in sospeso da anni. Dopo quasi un decennio di attesa per un’azione da parte del governo federale su una petizione formale per riclassificare la cannabis come avente uso medico, la coalizione di pazienti e gruppi di difesa che l’ha presentata è andata in tribunale per una risposta.

Canapa Revolution
Tutto quello che c’è da sapere sulla cannabis
€ 13,00

La Coalition for Rescheduling Cannabis (CRC), l’ASA, Patients Out of Time, e i pazienti nominati individualmente hanno presentato i documenti alla Corte Federale del Circuito di Washington per costringere l’amministrazione Obama a rispondere alla petizione del 2002 per riclassificare la cannabis medica. La strategia del governo federale è stata ritardare, ritardare, ritardare”, ha detto Joe Elford, Chief Counsel dell’ASA, che è il principale avvocato dell’azione. “E’ passato molto tempo prima che il governo rispondesse alla nostra petizione di rinegoziazione. Dato che sono irragionevoli, chiediamo alla corte una risoluzione”.

“Nel 2006 il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) ha trasmesso la sua raccomandazione alla Drug Enforcement Administration (DEA), l’arbitro finale nel processo di riclassificazione, ma la DEA ha rifiutato di rispondere. Il writ of mandamus presentato il mese scorso sostiene che il ritardo di cinque anni viola l’Administrative Procedures Act; in media, ci vogliono sei mesi dalla revisione dell’HHS all’azione finale. Il ritardo di cinque anni sulla petizione del CRC è più di due volte più lungo di qualsiasi altra petizione di rinegoziazione esaminata dal 2002. “Il rifiuto dell’amministrazione Obama di agire su questa petizione è una tattica di stallo irresponsabile”, ha detto Jon Gettman, che ha presentato la petizione di rinegoziazione per conto del CRC.

Questo continua nonostante i rapporti empirici che dimostrano che questo non è il caso, tuttavia questa educazione rimane trascurata.

Fonte della storia del Daily Mail – Chiamare quello che la famiglia Hyde ha passato “il peggior incubo dei genitori” suona come un orribile cliché. Ma è difficile immaginare come altro si potrebbe chiamare. A Cash, il loro figlio di due anni, è stato diagnosticato l’anno scorso un tumore al cervello al quarto stadio; ha rischiato di morire più volte di quante ne possano contare. Era infelice a causa della chemioterapia che scorreva nel suo corpo. Finché suo padre ha preso la controversa decisione di dare cannabis a suo figlio. Il servizio di Melissa Luck di KXLY 4.

Il fatto che il THC possa curare è ben noto, ecco perché Big Pharma tenta di mettere all’angolo il mercato della marijuana medica. Per almeno 3.000 anni prima del 1842, estratti di marijuana molto diversi tra loro (gemme, foglie, radici, ecc.) erano le vere medicine più usate al mondo per la maggior parte delle malattie dell’umanità. La Farmacopea degli Stati Uniti indicava che la cannabis doveva essere usata per trattare disturbi come la stanchezza, gli attacchi di tosse, i reumatismi, l’asma, il delirium tremens, l’emicrania, i crampi e le depressioni associate alle mestruazioni. I dati che seguono mostrano che i benefici stanno lavorando al di sotto della capacità.

Il sistema degli endocanabinoidi nel nostro corpo regola la nostra difesa contro il cancro – quindi ha senso che la cannabis lavori efficacemente in quest’area, e la scienza lo conferma. Per coloro che contestano il fatto che la cannabis possa curare il cancro, vi rimando ad ALCUNI dei numerosi studi (dal 1974!) che dimostrano che i cannabinoidi uccidono le cellule cancerose, riducono i tumori, arrestano la diffusione dei carcinomi invasivi, e ne prevengono la comparsa. Per prima cosa dovete chiedervi: perché non lo sapete? (Poi dovresti arrabbiarti molto, molto)

Studio originale dell’Univ di Va il THC ferma l’adenocarcinoma polmonare di Lewis

Studio di Londra che mostra che il THC uccide le cellule della leucemia.

Studio dell’Università del Texas che mostra che il recettore CB1 (che è attivato dalla cannabis) sopprime il tumore del cancro colorettale, quando il recettore è perso il cancro può verificarsi.

I composti della cannabis possono aiutare a trattare la forma più comune e aggressiva di cancro al cervello. La risposta, secondo gli scienziati del California Pacific Medical Center Research Institute, è sì. La ricerca è pubblicata nell’edizione dell’11 gennaio della rivista medica Molecular Cancer Therapeutics. Ecco come il ricercatore principale Sean McAllister, Ph.D., descrive i loro risultati.

Studio dell’Univ of Southern Florida che mostra che la cannabis blocca i virus che causano il cancro: Riferimento

Studio di Harvard che mostra che la cannabis dimezza la crescita del cancro ai polmoni

Il British Journal of Cancer riporta che la cannabis cura il cancro alla prostata

California Pacific Medical Center Research Institute – la cannabis blocca il cancro al seno.

Un ampio studio sulla popolazione di fumatori cronici di cannabis ha trovato che essi avevano un rischio RIDOTTO di tumori alla testa, al collo e alla gola rispetto a quelli che non usavano cannabis. NOTA: L’IDEA GENERALE NELLA COMUNITÀ SCIENTIFICA È CHE FUMARE ERBA NON CURA IL CANCRO.

Studio spagnolo che mostra che il THC inibisce i gliomi (cancro al cervello).

Motivo di profitto, propaganda e spionaggio industriale è legato alla parola marijuana. Contemplare da dove viene la parola ‘marijuana

Da dove viene la parola ‘marijuana’? A metà degli anni ’30, la parola M è stata creata per offuscare la buona immagine e la storia fenomenale della pianta di canapa… come leggerete. I fatti qui citati, con riferimenti, sono generalmente verificabili nell’Enciclopedia Britannica che è stata stampata su carta di canapa per 150 anni. (Fonte)

Lo spionaggio industriale serve alle grandi corporazioni, non alla maggioranza del pubblico. Se la produzione di marijuana fosse legale: Proiezione delle entrate fiscali, per StatoIn questo secolo. La ricerca sulla cannabis ha dimostrato il valore terapeutico e la completa sicurezza nel trattamento di molti problemi di salute tra cui asma, glaucoma, nausea, tumori, epilessia, infezioni, stress, emicranie, anoressia, depressione, reumatismi, artrite e forse herpes. Ci sono molti altri la marijuana medica aiuta queste condizioni.

Più ricerca può potenzialmente trovare altri benefici La Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies, MAPS è una 501 (c) (3) corporazione no-profit fondata nel 1986 come un’organizzazione educativa e di ricerca basata sui membri

Proteine della Canapa in Polvere
Ricco di ferro, magnesio, fosforo, tiamina, potassio, riboflavina, calcio, proteine e omega 3
Voto medio su 22 recensioni: Da non perdere
€ 12,50

L’obiettivo della MAPS è quello di avviare e finanziare un serio programma di ricerca per lo sviluppo di farmaci volto a dimostrare alla FDA che la marijuana è sicura ed efficace per usi medici specifici e dovrebbe diventare un farmaco legale, approvato dalla FDA. Anche se recentemente siamo stati ostacolati dalle agenzie governative degli Stati Uniti nei nostri tentativi di condurre studi clinici utilizzando la marijuana medica alla fine raggiungeremo il nostro obiettivo. Associazione multidisciplinare per gli studi psichedelici

La ricerca scientifica sostiene la cannabis medica Tra il 1840 e il 1900, le riviste mediche europee e americane hanno pubblicato più di 100 articoli sull’uso terapeutico della droga conosciuta allora come Cannabis Indica (o canapa indiana) e ora semplicemente come cannabis.Oggi, nuovi studi vengono pubblicati in riviste specializzate che dimostrano che la cannabis ha valore medico nel trattamento di pazienti con gravi malattie come l’AIDS, il glaucoma, il cancro, la sclerosi multipla, l’epilessia e il dolore cronico. (fonte)

Uno degli studi più promettenti sul cancro è stato fatto da Sean D. McAllister, PhD. La ricerca di Sean ha mostrato il potenziale del sistema endocannabinoide per controllare il destino delle cellule con l’obiettivo di sviluppare interventi terapeutici per i tumori aggressivi. Recentemente hanno scoperto che il CBD, un cannabinoide non tossico e privo di psicoattività, può inibire l’espressione del gene Id-1 nelle cellule metastatiche del cancro al seno e di conseguenza il loro fenotipo aggressivo.

Un progetto che deve essere criticamente fatto è quello di creare un filone meno potente di marijuana medica (acquisendo ceppi di razze meno potenti o pre-modificate) per i pazienti, perché i pazienti devono essere in grado di assumere una dose terapeutica di THC. Tutti i dispensari attualmente devono usare gli ibridi di marijuana pre “cross bred” che sono stati originariamente creati per l’uso ricreativo (forte), i pazienti si “sballano” inutilmente oltre ad alleviare il loro dolore. Questa varietà è anche necessaria per aiutare la ricerca di Sean D. McAllister sul cancro al seno.

Panacea ha le sue idee di ricerca per aiutare in questo senso, ma ha bisogno di sponsor e personale medico a bordo, per favore contattateci se siete in grado di aiutare.

Informazioni sulla marijuana medica dal Dr. William Courtney

Studi del California Pacific Medical Center

Ampia videoteca di ricerche sulla marijuana medica

Nonostante i fatti comprovati dei benefici medici derivanti dall’uso del THC medico, il governo federale degli Stati Uniti, tuttavia, ha resistito a qualsiasi cambiamento dello status illegale della marijuana a livello federale. La Corte Suprema ha deciso nel 2005 in Raich contro Gonzales che il governo federale può perseguire i pazienti di marijuana medica, anche negli stati con leggi sull’uso compassionevole, e diversi dispensari di marijuana medica in California sono stati soggetti a raid della Drug Enforcement Administration.

Nonostante l’ultimo presidente americano abbia appoggiato il THC medico, non è questo il punto, il punto è che i politici sono funzionari pubblici, non importa cosa pensano, sono lì per fare ciò che il pubblico approva. La questione del THC medico non ha bisogno di politici che l’approvino, è necessaria solo sulla base di comprovati benefici scientifici e dovrebbe essere lì solo sulla base della volontà del popolo e non per approvazione non politica.

Nonostante i comprovati effetti medici, la repressione della Cannabis minaccia il commercio legale della “marijuana medica”.

Ci sono molti fatti storici che dimostrano che nessun’altra motivazione oltre allo spionaggio industriale e all’ignoranza può essere razionalmente data per l’interferenza e infine la soppressione di questa pianta medicinale benefica.

Le persone che soffrono di condizioni mediche beneficiano di questa pianta, chi beneficia se non usano questa pianta? È razionale chiedere.

Accesso sicuro per i pazienti
Non sono un criminale
State sprecando risorse
Porre fine all’interferenza federale
Rendere l’accesso legale
Riclassificate la cannabis ora
La mia medicina non è un crimine
La guerra all’accesso è la guerra ai pazienti
La marijuana è una medicina
Giù le mani dalla mia medicina
La DEA se ne vada
Rispettare la legge locale
Proteggete i diritti degli Stati
Arrestate il mio dolore, non il mio fornitore
Proteggete i fornitori di cannabis medica
State uccidendo posti di lavoro
Fermate l’attacco alla cannabis medica

Nel 1974 i ricercatori appresero che il THC, il principio attivo della marijuana, riduceva o distruggeva i tumori al cervello nei topi da laboratorio. Ma la DEA chiuse rapidamente lo studio e ne distrusse i risultati, che non furono mai replicati – fino ad oggi. La DEA chiuse rapidamente lo studio della Virginia e tutte le ulteriori ricerche sulla cannabis e i tumori, secondo Jack Herer, che riferisce gli eventi nel suo libro “The Emperor Wears No Clothes”.

Nel 1976 il presidente Gerald Ford mise fine a tutte le ricerche pubbliche sulla cannabis e concesse i diritti esclusivi di ricerca alle maggiori compagnie farmaceutiche, che si impegnarono – senza successo – a sviluppare forme sintetiche di THC che avrebbero fornito tutti i benefici medici senza lo “sballo”. La marijuana riduce i tumori; il governo lo sapeva nel ’74

Una scena dal video dell’istituto di cannabis medica

Marijuana medica.

Storia degli Stati Uniti fornita dal Medical cannabis institute Nonostante alcune promesse da parte dei politici, oggi i suoi benefici medici non sono affatto applicati a livello nazionale.

La DEA fa irruzione in un collettivo di marijuana medica, rompendo la promessa di Obama

Il procuratore generale di Obama, Eric Holder, aveva promesso di porre fine alle incursioni federali di marijuana medica, come condotto da entrambe le amministrazioni Clinton e Bush, lasciando soli i dispensari che operano legalmente secondo le leggi statali. Obama ha rotto lo spirito della promessa, ma non la lettera. La scusa per quest’ultimo raid è stata la violazione delle leggi statali presumibilmente, le tasse sulle vendite sono state evase.

Da Toke of the town – La guerra del governo federale alla marijuana medica in California sta funzionando, dato che i dispensari di San Francisco hanno seguito i collettivi di cannabis a San Diego, Sacramento, e oltre, chiudendo i battenti dopo aver ricevuto avvisi di cessazione e disdetta dai procuratori degli Stati Uniti.

L’ultimo giorno del dispensario di Geary Street, Divinity Tree, è stato venerdì, secondo i rapporti. Il locale era stato aperto dal 2005.Altri due dispensari di San Francisco hanno ricevuto lettere, Mr. Nice Guy e Medithrive. C’era la speranza che un giudice federale avrebbe fermato la mano del governo dopo che un gruppo di avvocati ha presentato una causa in tutti e quattro i distretti della corte federale. Un’udienza su un ordine restrittivo temporaneo potrebbe avvenire questa settimana.

La risposta del governo federale alla causa è prevista per martedì, secondo un portavoce di Kumin Sommers LLP, lo studio che ha intentato la causa. Le lettere hanno dato ai dispensari 45 giorni per chiudere o affrontare rigide sanzioni, compresa la confisca dei beni e la prigione. Fine.

I molti benefici medici di questa medicina non sono l’unico elemento che viene interferito, c’è anche un beneficio economico che viene soppresso: Mentre la California sta andando in bancarotta, un business è in pieno boom. “How Weed Won the West” è la storia della crescente industria della cannabis medica / marijuana nella grande area di Los Angeles, con oltre 700 dispensari che distribuiscono i germogli.

Come trattamento per condizioni che vanno dal cancro e l’AIDS, all’ansia, l’ADHD e l’insonnia, la cannabis si sta rapidamente dimostrando come un’alternativa naturale più sana a molti farmaci da prescrizione. Seguendo la storia di Organica, un dispensario del Southland che fu razziato dalle agenzie statali e federali nell’agosto del 2009, il film mostra che anche se molto è cambiato con Obama in carica, la guerra della droga non è affatto finita. Da Kevin Booth, il produttore/regista di “American Drug War” di Showtime, “How Weed Won the West” propone la California come un esempio per il resto del paese, documentando come la legalizzazione della marijuana può aiutare a salvare l’economia. (Come l’erba ha vinto il West?)

E’ importante esprimere che i fatti provati mostrano chiaramente che il ragionamento dietro il rendere illegale la Cannabis medica è discutibile e deve ora essere rivisto DAL PUBBLICO.

Come nel caso dell’Ibogaina, l’ampia diffusione del THC medico (Marijuana è una parola appropriata) può sedare i grandi ruoli farmaceutici Se la legalizzazione della Marijuana medicinale porta a riforme delle leggi sulle droghe che rendono legale il THC, questo può anche sedare altre industrie finanziarie dominanti. Queste includono compagnie petrolifere, petrolchimiche, di liquori e di tabacco. Una delle migliori panoramiche di questi fatti può essere trovata nel documentario The Union -Marijuana della British Columbia.

Un esempio della concorrenza è il “Dronabinol (Marinol®)” di Big Pharma, che è una forma sintetica del costituente attivo della marijuana delta-9-tetraidrocannabinolo (THC). Questo è disponibile su prescrizione per l’uso come antiemetico. Nel 1985, la U.S. Food and Drug Administration ha approvato il suo uso per il trattamento della nausea e del vomito associati alla chemioterapia del cancro in pazienti che non avevano risposto ai farmaci antiemetici standard. Tuttavia la ricerca indipendente indica che questa forma sintetica non fornisce gli stessi benefici della forma naturale del THC.

Nonostante i benefici medici, c’è ancora un conflitto d’interessi che fa la “guerra” a questa medicina. Far accettare ai circoli medici già affermati la ricerca comprovata della marijuana medica non è così facile come ci si aspetterebbe.

Dopo una grave ferita alla testa nel 1997, Rick Simpson ha cercato sollievo dalla sua condizione medica attraverso l’uso di olio di canapa medicinale. Quando Rick scoprì che l’olio di canapa (con la sua alta concentrazione di T.H.C.) curava il cancro e altre malattie, cercò di condividerlo gratuitamente con quante più persone possibile curando e controllando letteralmente le malattie di centinaia di persone.

Lista di testimonianze Dal sito web di Rick Simpson Ma quando la storia è diventata pubblica, il lungo braccio della legge ha strappato la medicina – lasciando potenzialmente migliaia di persone senza le loro cure per il cancro e lasciando Rick con accuse incostituzionali di possesso e traffico di marijuana Altre informazioni sulla storia di Rick Simpson sono state incluse qui sotto.

Rick elenca molte condizioni che è stato in grado di aiutare con l’applicazione dell’olio di THC medico. Queste includono: cancro, diabete, infiammazioni, artrite, dolore cronico, ustioni, ulcere, verruche, emicranie, asma, ansia, paranoia, depressione, insonnia, cicatrici, organi vitali, miglioramenti delle funzioni cerebrali nei malati di alzheimer, regolazione del peso corporeo, disintossicazione, leucemia, psoriasi, aids, sclerosi multipla (ms), autismo, disturbi mentali, autismo, disturbi mentali, glaucoma, vista, cuore, pressione sanguigna, scoliosi.

Tutte le persone hanno dato le loro testimonianze come biofeedback. Poiché rimane illegale, la gente non otterrà questo trattamento dalla medicina allopatica. Forse una delle aree più trascurate in questo momento, è il sollievo che ha dato ai malati di AIDS.

AIDS. In un video su Youtube, un ragazzo descrive la sua esperienza positiva nell’alleviare i sintomi dell’AIDS. Potrebbe dirci di più su questo? Shawn, che ha il video su Youtube, ha sofferto di AIDS per vent’anni. Shawn ha iniziato a ingerire l’olio per il suo AIDS dopo avermi sentito parlare nel programma su internet di Jack Herer. Nel giro di un mese Shawn ha ridotto la sua assunzione di farmaci da trentasei pillole al giorno a dieci pillole al giorno. Attualmente, Shawn ingerisce solo l’olio e non prende più tutte le pillole. Shawn ora ha una carica virale pari a zero e se continua così il sistema dovrà dichiarare che il suo AIDS è guarito.

Oltre a una cura per il cancro, il THC medico può anche trattare il morbo di Alzheimer. Una recente ricerca sui ratti indica che almeno tre recettori nel cervello sono attivati dalla droga sintetica, che è simile alla marijuana. Questi recettori sono proteine all’interno del sistema endocannabinoide del cervello. Gli scienziati della Ohio State University stanno scoprendo che elementi specifici della marijuana possono essere buoni per il cervello che invecchia, riducendo l’infiammazione e forse anche stimolando la formazione di nuove cellule cerebrali. La loro ricerca suggerisce che lo sviluppo di una droga legale che contiene alcune proprietà simili a quelle della marijuana potrebbe aiutare a prevenire o ritardare l’insorgenza della malattia di Alzheimer. ScienceDaily (23 novembre 2008)Fonte

Il principio attivo della marijuana ha dimostrato di inibire il marker primario del morbo di Alzheimer

Il THC funziona meglio dei farmaci commerciali attualmente in commercio – “Quando abbiamo studiato il potere del THC di inibire l’aggregazione della beta-amiloide”, ha detto Janda, “abbiamo scoperto che il THC era un inibitore molto efficace dell’acetilcolinesterasi. Oltre al propidio, abbiamo anche scoperto che il THC era considerevolmente più efficace di due dei farmaci approvati per il trattamento del morbo di Alzheimer, il donepezil (Aricept ®) e la tacrina (Cognex ®), che riducevano l’aggregazione amiloide solo del 22% e del 7%, rispettivamente, al doppio della concentrazione usata nei nostri studi. I nostri risultati sono abbastanza conclusivi per garantire ulteriori indagini”. (Fonte)

Panacea ha parlato con DINUSHA FERNANDO di Alzeheimer’s Australia e ha fornito un resoconto empirico di un malato di Alzheimer a noi noto che ha usato la cura Rick Simpson e ha riportato risultati positivi.

Excert – Un amico particolare era un tiratore nelle miniere di carbone quando alcuni anni fa gli è stato diagnosticato il morbo di Alzheimer ad insorgenza precoce. Aveva 45 anni e aveva raggiunto uno stadio in cui a stento riusciva ad alzarsi dal letto alcuni giorni e non riusciva a ricordare cose semplici come numeri di telefono e PIN. Prese una sola goccia di olio ogni notte per 4 mesi e recentemente gli fu detto dal suo medico che avrebbe potuto fare il suo prossimo esame medico di guida in 12 mesi invece di sei, tale era il suo recupero. Non ha preso nessuna delle medicine prescritte per lui e ha preso solo l’olio. Recentemente è stato accettato per fare un master in orticoltura.

Ci sono molti rapporti di persone che guariscono dalla sclerosi multipla e dal cancro dopo aver preso l’olio. È necessario prendere solo una goccia ogni notte perché il THC è concentrato e bisogna stare attenti alla guida perché un test antidroga mostrerà residui di THC. Abbiamo bisogno che i ricercatori medici esaminino ulteriormente la questione e rendano l’olio disponibile su prescrizione per coloro che ne hanno bisogno per scopi salvavita. Deve essere reso disponibile e questo può accadere solo se i ricercatori medici lo prendono sul serio, dato che il lobbismo finora non è riuscito ad ottenere nemmeno un grammo di sensibilità dai politici. Se le piante fossero coltivate sotto stretta supervisione e l’olio preparato in laboratori invece che in fabbriche da cortile, sarebbe anche molto più sicuro.

Ecco la risposta che Panacea ha ricevuto:

La nostra risposta è stata: Cara DINUSHA, non ti abbiamo chiesto di “promuovere” l’olio di fiori di canapa, ma di fare delle ricerche con l’obiettivo di renderlo disponibile su prescrizione per tutti coloro che ne hanno bisogno; conosciamo personalmente un certo numero di persone che hanno provato questo trattamento con risultati sorprendenti.

Non c’è stato alcuna azione supplementare o interesse sulla ricerca da Alzeheimer’s Australia. Panacea ha anche inviato lo stesso pacchetto informativo a: JOSEPH ASSAD Study MS Centre Joseph Street LIDCOMBE NSW 2141 Caro JOSEPH.

Tutti questi documenti possono essere forniti su richiesta. Non c’è ancora nessuna risposta riguardo a queste cure provate. Il video sopra mostra un paziente paziente il quale dimostra che questo è un trattamento istantaneo, istituzioni come questa non hanno alcun controllo dalle donazioni o dal conflitto di interessi farmaceutico, o da questa palese IGNORANZA delle prove empiriche. La burocrazia coinvolta per ottenere il THC alle vittime del Parkinson non ha più bisogno di un ruolo, dobbiamo alzarci e prendere il controllo del sistema.

Fonte: panacea-bocaf.org

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code