toba60

Come si Sta Evolvendo l’Epidemia nei Paesi che Hanno Vaccinato di Più?

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Quello che avete modo di consultare è un preciso e dettagliato rapporto sulla situazione mondiale riferito allo sviluppo inerente gli effetti delle vaccinazioni nel mondo.

Laurent Mucchielli è un sociologo Francese che stimiamo molto soprattutto per i suoi editoriali mai fuori dalle righe e soprattutto sempre imparziali, una qualità che di questi tempi è assai rara.

Il giudizio finale non fa che confermare quanto sin dagli inizi già si poteva intuire per come si erano sviluppate le cose, ma detto tra noi questo lo avevamo capito tutti

………o quasi.

Toba60

l’Epidemia nei Paesi che Hanno Vaccinato di Più

Secondo il discorso politico e mediatico, la vaccinazione è l’unico modo per proteggersi dall’epidemia e “tornare alla vita normale”.

Tuttavia, le campagne di vaccinazione sono in corso da più di sei mesi in tutto il mondo. Questo è un tempo troppo breve per valutare pienamente l’impatto della vaccinazione sulle forme gravi della malattia, ma è sufficiente per dimostrare che il “passo della salute” non ha alcuna base epidemiologica.

Come si sta evolvendo l’epidemia nei paesi che hanno già vaccinato di più?

Chiediamo cosa sta succedendo nei paesi del mondo che, dall’inizio delle campagne di vaccinazione (da dicembre 2020 a febbraio 2021, a seconda del paese), hanno già vaccinato la stragrande maggioranza della loro popolazione.

Questo viene fatto utilizzando i dati aggregati dal solito sito web “Our world in Data“. Mostra che, insieme a Polonia, Repubblica Ceca, Grecia e Svizzera, la Francia è effettivamente “indietro” nella sua campagna di vaccinazione rispetto agli altri paesi europei. Al contrario, i 15 paesi che avevano vaccinato di più la loro popolazione a metà luglio erano Gibilterra, Malta, Emirati Arabi Uniti, Seychelles, Uruguay, Canada, Cile, Inghilterra, Paesi Bassi, Belgio, Danimarca, Israele, Qatar, Bahrain e Mongolia.

In tutti i casi, si osserverà l’evoluzione della mortalità e dell’infezione (un indicatore fragile, tuttavia, poiché dipende dal numero di test effettuati così come dai flussi turistici in certe regioni). Ulteriori confronti tra paesi vicini saranno anche fatti in diverse occasioni per osservare somiglianze e differenze, poiché il confronto è spesso istruttivo.

Gibilterra ha una popolazione di circa 34.000 persone, tutte vaccinate al 100%. Tuttavia, c’è stata un’epidemia di nuovi casi dall’inizio di luglio. La vaccinazione completa non ha quindi impedito una nuova epidemia. La spiegazione è probabilmente che il vaccino fatto dal ceppo Wuhan non protegge dalle varianti.

D’altra parte, questo apparente aumento delle infezioni non è accompagnato da alcuna mortalità, il che significa o che la variante in questione è meno letale o che la vaccinazione protegge effettivamente dalle forme gravi.

Anche Malta ha quasi mezzo milione di abitanti, l’86% dei quali è stato vaccinato a metà luglio. E la situazione è esattamente la stessa di Gibilterra.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno una popolazione di 10 milioni di persone, il 77,5% vaccinate. Questo non sembra avere alcuna connessione con la dinamica dell’epidemia, che ha un picco a gennaio-febbraio 2021 e poi di nuovo a giugno 2021. Anche la curva di mortalità molto bassa non sembra legata alla vaccinazione.

Il confronto con il suo grande vicino, l’Arabia Saudita (quasi 35 milioni di abitanti), è interessante. Quest’ultimo paese ha vaccinato il 53% della sua popolazione. C’è una dinamica epidemica da aprile a luglio in cui i casi e le morti si muovono in parallelo, come se la vaccinazione non avesse effetto.

Le Seychelles hanno una popolazione di quasi 100.000 persone, di cui quasi il 73% era stato vaccinato a metà luglio. Tuttavia, mentre queste isole non avevano quasi mai avuto un singolo caso fino ad allora, hanno sperimentato un primo piccolo focolaio alla fine di maggio-giugno 2021, che ha causato alcuni morti. La vaccinazione non sembra quindi aver protetto questo paese.

L’Uruguay ha una popolazione di quasi 3,5 milioni di persone, il 70% delle quali sono vaccinate. Eppure, mentre non aveva una fase precedente, l’epidemia è stata forte lì da marzo a giugno 2021, causando anche un forte aumento dei morti e poi un altrettanto forte calo.

Alcuni possono affrettarsi a vedere questo come un effetto della vaccinazione generale. Tuttavia, basta guardare alcuni dei suoi vicini per capire la fragilità di questa interpretazione. Per esempio, il Paraguay (7 milioni di abitanti) non si è praticamente vaccinato (meno del 10% della popolazione), eppure ha avuto un’epidemia comparabile nello stesso periodo.

Il Canada ha una popolazione di quasi 38 milioni di persone, il 70% delle quali sono vaccinate. Questo non ha impedito la fase epidemica di marzo-aprile 2021, seguita dalla scomparsa dell’epidemia sia in termini di infezioni che di morti. Non ci sono prove (ancora?) della ricomparsa dell’epidemia di luglio nei paesi europei.

Il Cile ha più di 17,5 milioni di abitanti, di cui quasi il 70% è stato vaccinato. La campagna di vaccinazione non ha impedito la fase epidemica nella prima parte del 2021 (marzo-aprile e fine maggio/inizio giugno). Il tasso di mortalità è rimasto abbastanza piatto, anche se è in costante aumento dal dicembre 2020.

Dopo l’Uruguay e il Paraguay, questo è un terzo esempio nello stesso continente, che ha sperimentato una dinamica epidemica comparabile ma una curva di mortalità diversa. Il confronto tra questi tre vicini suggerisce che l’epidemia sta facendo il suo corso senza una vera preoccupazione per i vaccini.

Il Regno Unito ha una popolazione di quasi 67 milioni di persone, di cui il 68% è stato vaccinato, e questo non ha impedito la fase epidemica da dicembre 2020 a gennaio 2021, né quella di giugno-luglio 2021. Quest’ultima, ancora una volta, non causa un eccesso di mortalità significativo, sia perché la variante Delta non è molto pericolosa sia perché la vaccinazione è efficace contro le forme gravi.

I Paesi Bassi hanno una popolazione di poco più di 17 milioni di persone, il 68% vaccinate. Tuttavia, hanno sperimentato diversi focolai nel marzo-aprile 2021 e di nuovo nel luglio 2021 (anche questo non collegato alla mortalità).

Lo stesso dubbio sull’interpretazione della bassa mortalità rimane. Un articolo pubblicato oggi riporta che gli ospedali olandesi stanno vedendo un forte aumento del numero di persone infettate con la variante Delta tra gli operatori sanitari che sono stati completamente vaccinati.

Una settimana prima, è stato anche riferito che tra i 20.000 partecipanti al Verknipt festival, che avevano tutti un pass sanitario prima di entrare al festival, circa 1.000 erano stati infettati.

Sempre in Olanda, pochi giorni prima, si è saputo che quasi un terzo dei circa 600 partecipanti a un enorme nightclub erano infetti, anche se erano tutti teoricamente protetti.

Il Belgio ha circa 11,5 milioni di abitanti, il 66,5% dei quali sono vaccinati. Anche qui, c’è stato un aumento del numero di casi positivi a luglio, di nuovo senza alcun legame con la mortalità. Le stesse osservazioni possono essere fatte in Danimarca e Israele (ripresa a luglio), rispettivamente 11° e 12° nella classifica delle vaccinazioni.

Seguono il Qatar (3 milioni di abitanti) e il Bahrain (1,7 milioni di abitanti), due paesi vicini, che sono vaccinati in proporzioni simili (circa il 65%). In entrambi i casi, ci sono fasi epidemiche tardive (febbraio-aprile 2021 per il Qatar, marzo-maggio 2021 per il Bahrein) che hanno provocato più morti che mai dall’inizio del 2020. Tuttavia, i numeri sono troppo piccoli per trarre forti lezioni.

Al quindicesimo posto c’è la Mongolia, che ha una popolazione di quasi 3,3 milioni di persone, il 64% delle quali sono vaccinate (con il principale vaccino cinese). E mentre prima non aveva sperimentato alcuna epidemia, ha improvvisamente affrontato due fasi intense in marzo-aprile e giugno-luglio 2021, che hanno causato un tasso di mortalità sconosciuto fino ad allora dall’inizio della crisi globale.

Conclusioni

Senza bisogno di lunghi e complicati calcoli, l’esame di questi pochi dati statistici di base (vaccinazione, casi positivi, mortalità) è sufficiente per mostrare che la realtà della dinamica delle epidemie causate dalle diverse varianti della Sars-Cov-2 ha poco a che fare con i discorsi politici e mediatici che decantano il miracolo del vaccino.

In effetti, la vaccinazione non sembra avere un impatto maggiore su questa dinamica rispetto alle misure di contenimento. In parole povere: non protegge dalla contaminazione (e molto meno dell’immunità naturale acquisita dagli ex contaminati).

Se è la “circolazione del virus” che ci preoccupa, allora, alla domanda trabocchetto “è meglio vaccinare o ricontattare?” posta dall’esecutivo francese, l’unica risposta seria è: nessuna delle due.

E il semplice fatto che la vaccinazione non protegge dalla contaminazione (nota 2) è anche sufficiente per screditare il progetto di “lasciapassare sanitario” che discriminerebbe tra i vaccinati e i non vaccinati nell’accesso a questo o quel luogo o servizio con il pretesto del rischio di contaminazione.

Questo è un fatto ovvio che dovrebbe essere noto a tutti i cittadini così come ai funzionari eletti e ai giudici che dovranno prendere decisioni importanti nelle settimane e nei mesi a venire.

La seconda questione è la possibile riduzione delle forme gravi di Covid nelle popolazioni più vaccinate. In realtà, tre ipotesi sono in competizione per spiegare il fatto che, in quasi tutti i paesi occidentali, la nuova cosiddetta variante Delta sta causando una recrudescenza epidemica mentre la mortalità non aumenta.

La prima ipotesi è l’effetto della vaccinazione. Quest’ultimo varia però dal 40 al 100% della popolazione, con risultati abbastanza simili, il che lascia spazio al dubbio.

La seconda ipotesi è che questa variante sia molto meno pericolosa (per questo motivo, alcune persone vogliono che circoli il più possibile e contribuisca così a costruire un’immunità collettiva naturale più efficace della vaccinazione), almeno in estate. Il terzo (e probabilmente il più importante) è la stagionalità delle malattie infettive, che vede sempre crollare la mortalità in estate.

Per quanto riguarda i paesi non europei, i casi di Qatar, Bahrein, Uruguay, Cile, Emirati Arabi Uniti, Seychelles e Mongolia indicano che intense campagne di vaccinazione non hanno impedito il verificarsi di nuove epidemie che, a differenza dell’Europa, sono state talvolta più mortali delle precedenti.

Alcuni genetisti (vedi la nostra intervista con Christian Vélot) avvertono che la vaccinazione generale (con vaccini genetici a RNA o DNA) può essa stessa contribuire allo sviluppo di varianti che potrebbero sfuggire all’immunità acquisita durante la prima epidemia.

In questa fase, non è quindi possibile distinguere tra le varie spiegazioni possibili per gli attuali sviluppi delle epidemie di coronavirus. D’altra parte, è chiaro che il tipo di cicli epidemici che si possono osservare quasi ovunque nel mondo (e che danno origine a queste famose curve a campana) sembrano giocare sugli interventi umani.

L’ipotesi che ci sembra più ragionevole, perché si basa anche sulle lezioni dell’anno 2020, è che i fattori principali della dinamica epidemica sono da ricercare nella storia naturale dei virus, nei fattori climatici (da cui la stagionalità delle malattie infettive) e nelle strutture demografiche e sanitarie delle popolazioni (la chiave è la proporzione di persone a rischio a causa della vecchiaia, di precedenti malattie cardiovascolari, dell’obesità, ecc. ), non decisioni politiche, anche se si tratta di vaccinare la popolazione generale più o meno rapidamente e più o meno pesantemente.

Laurent Mucchielli

Fonte: blogs.mediapart.fr

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE BASTA UN MINUTO DEL TUO TEMPO PER DONARE L’IMPORTO DI UN CAFFÈ

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code