toba60

Coscienza, Causalità e Fisica Quantistica

Approfondire un argomento come la fisica quantistica non significa solo fare conosenza di una materia scientifica, ma apre le porte per un approccio che va ben oltre a quello che l’aspetto puramente didattico.

Le implicazioni sono infinite e induce le persone a porsi molte domande, le cui risposte non sono mai ben definite.

Leggete bene quanto mi e’ successo recentemente in riferimento ad uno degli infiniti aspetti legati a quello che e’ di fatto uno dei tanti quesiti irrisolti che la fisica quantistica e non solo quella, nasconde nei meandri della sua misteriosa origine.

La Vita la Morte la Casualitá

Recentemente e’ morto mio fratello di tumore, dal giorno in cui hanno accertato la sua patologia al momento in cui e’ morto erano passati 3 mesi.

In un momento di intimitá prima di morire chiesi lui di darmi un segno del suo accedere in quella che io definisco una dimensione parallela priva di materia.

Il suo desiderio fu che le sue ceneri fossero sparse sulla spiaggia di Atlantic City in America famosa in tutto il mondo per i suoi Casinó, un luogo che a lui piaceva molto.

Mio Nipote che vive ad Atlanta si fa carico del suo desiderio, prende l’aereo per gli Stati Uniti con tappa a New York e destinazione Atlantic City.

Atlantic City New Jersey USA

Una volta giunto sul posto e sparse le ceneri nell’oceano, decide con una sua amica di consumare una bevanda calda in un locale del centro, ed ordinano un caffé, un té, una cioccolata e qualche dolce locale, poi consumato il tutto chiedono l’importo da pagare.

Dovete sapere che nella grande mela in certi stati i camerieri che portano il conto hanno indicato sullo scontrino il loro nome …..e volete sapere come si chiamava? provate a indovinare!!!

Si proprio cosí, aveva lo stesso nome di mio Fratello Scritto in Grassetto

Toba60

Fisica Quantistica

La teoria quantistica è aperta a diverse interpretazioni e questo articolo passa in rassegna alcuni punti controversi. L’interpretazione standard della fisica quantistica presuppone che il mondo quantistico sia caratterizzato da indeterminismo assoluto e che i sistemi quantistici esistano oggettivamente solo quando vengono misurati o osservati.

L’interpretazione ontologica di David Bohm della teoria quantistica rifiuta entrambi questi presupposti. La teoria di Bohm secondo cui gli eventi quantistici sono determinati da forze più sottili che operano a livelli più profondi di realtà si lega alla teoria di John Eccles secondo cui le nostre menti esistono al di fuori del mondo materiale e interagiscono con il nostro cervello a livello quantistico. I fenomeni paranormali indicano che le nostre menti possono comunicare con altre menti e influenzare sistemi fisici distanti con mezzi non ordinari.Se tali fenomeni possano essere adeguatamente spiegati in termini di non località e vuoto quantistico o se coinvolgano forze superfisiche e stati della materia ancora sconosciuti alla scienza è ancora una questione aperta, e che merita ulteriori studi sperimentali.

Introduzione

La teoria quantistica è generalmente considerata come una delle teorie scientifiche di maggior successo mai formulate. Ma mentre la descrizione matematica del mondo quantistico consente di calcolare le probabilità dei risultati sperimentali con un alto grado di accuratezza, non c’è consenso su cosa significhi in termini concettuali. Alcuni dei problemi coinvolti sono esaminati di seguito.

Incertezza quantistica

Secondo il principio di indeterminazione, la posizione e la quantità di moto di una particella subatomica non possono essere misurate simultaneamente con una precisione maggiore di quella impostata dalla costante di Planck. Questo perché in qualsiasi misurazione una particella deve interagire con almeno un fotone, o quanto di energia, che agisce sia come una particella che come un’onda, e lo disturba in modo imprevedibile e incontrollabile. Una misura accurata della posizione di un elettrone orbitante per mezzo di un microscopio, ad esempio, richiede l’uso di luce di brevi lunghezze d’onda, con il risultato che una quantità di moto ampia ma imprevedibile viene trasferita all’elettrone. Una misura accurata della quantità di moto dell’elettrone, d’altra parte, richiede quanti di luce di quantità di moto molto bassa (e quindi lunga lunghezza d’onda),il che porta ad un ampio angolo di diffrazione nella lente e ad una scarsa definizione della posizione.

Secondo l’interpretazione convenzionale della fisica quantistica, tuttavia, non solo è impossibile per noi misurare simultaneamente la posizione e la quantità di moto di una particella con la stessa precisione, ma una particella non possiede proprietà ben definite quando non interagisce con uno strumento di misura . Inoltre, il principio di indeterminazione implica che una particella non può mai essere a riposo, ma è soggetta a fluttuazioni costanti anche quando non viene eseguita alcuna misurazione e si presume che queste fluttuazioni non abbiano alcuna causa. In altre parole, si ritiene che il mondo quantistico sia caratterizzato da indeterminismo assoluto, ambiguità intrinseca e illegalità irriducibile. Come disse il defunto fisico David Bohm (1984, p. 87): ”si presume che in ogni particolare esperimento, Il risultato preciso che si otterrà è del tutto arbitrario nel senso che non ha alcuna relazione con qualsiasi altra cosa che esiste nel mondo o che sia mai esistita.

Bohm (ibid., P. 95) riteneva che l’abbandono della causalità fosse stato troppo affrettato: “ è del tutto possibile che mentre la teoria quantistica, e con essa il principio di indeterminazione, siano valide per un grado molto elevato di approssimazione in un certo dominio, entrambi cessano di avere rilevanza in nuovi domini al di sotto di quello in cui la teoria corrente è applicabile. Pertanto, la conclusione che non esiste un livello più profondo di movimento determinato in modo causale è solo un pezzo di ragionamento circolare, poiché seguirà solo se assumiamo in anticipo che tale livello non esiste. La maggior parte dei fisici, tuttavia, si accontenta di accettare l’assunto di possibilità assoluta. Torneremo più avanti su questo problema in relazione al libero arbitrio.

Crollare la funzione d’onda

Un sistema quantistico è rappresentato matematicamente da una funzione d’onda, che è derivata dall’equazione di Schrödinger. La funzione d’onda può essere utilizzata per calcolare la probabilità di trovare una particella in un punto particolare nello spazio. Quando viene eseguita una misurazione, la particella si trova ovviamente in un solo punto, ma se si presume che la funzione d’onda fornisca una descrizione completa e letteraledello stato di un sistema quantistico – come è nell’interpretazione convenzionale – significherebbe che tra le misurazioni la particella si dissolve in una “ sovrapposizione di onde di probabilità ” ed è potenzialmente presente in molti luoghi diversi contemporaneamente. Quindi, quando viene eseguita la misurazione successiva, questo pacchetto d’onda dovrebbe “collassare” istantaneamente, in qualche modo casuale e misterioso, di nuovo in una particella localizzata. Questo “collasso” improvviso e discontinuo viola l’equazione di Schrödinger e non è ulteriormente spiegato nell’interpretazione convenzionale.

Poiché il dispositivo di misurazione che dovrebbe far collassare la funzione d’onda di una particella è esso stesso costituito da particelle subatomiche, sembra che la sua stessa funzione d’onda debba essere collassata da un altro dispositivo di misurazione (che potrebbe essere l’occhio e il cervello di un essere umano. osservatore), che a sua volta dovrebbe essere collassato da un ulteriore dispositivo di misurazione, e così via, portando a un regresso infinito. In effetti, l’interpretazione standard della teoria quantistica implica che tutti gli oggetti macroscopici che vediamo intorno a noi esistono in uno stato oggettivo e non ambiguo solo quando vengono misurati o osservati. Schrödinger ha ideato un famoso esperimento mentale per esporre le implicazioni assurde di questa interpretazione. Un gatto viene posto in una scatola contenente una sostanza radioattiva, in modo che ci siano cinquanta e cinquanta possibilità che un atomo decada in un’ora. Se un atomo decade,innesca il rilascio di un gas velenoso, che uccide il gatto. Dopo un’ora il gatto è presumibilmente sia vivo che morto (e tutto il resto) fino a quando qualcuno non apre la scatola e immediatamente fa collassare la sua funzione d’onda in un gatto vivo o morto.

Sono state proposte varie soluzioni al “problema di misura” associato al collasso della funzione d’onda. Alcuni fisici sostengono che il mondo classico o macro non soffre di ambiguità quantistica perché può immagazzinare informazioni ed è soggetto a un “ raggio di tempo ”, mentre il quantum o micro-mondo sarebbe incapace di immagazzinare informazioni e tempo- reversibile (Pagels, 1983). Un approccio più stravagante è l’ipotesi dei molti mondi, che afferma che l’universo si divide ogni volta che avviene una misurazione (o interazione simile a una misurazione), in modo che tutte le possibilità rappresentate dalla funzione d’onda (ad esempio un gatto morto e un gatto vivente ) esistono oggettivamente ma in universi diversi. Anche la nostra coscienza dovrebbe dividersi costantemente in sé diversi, che abitano questi mondi proliferanti e non comunicanti.

Altri teorici ipotizzano che sia la coscienza a far collassare la funzione d’onda e quindi a creare la realtà. In questa visione, una particella subatomica non assume proprietà definite quando interagisce con un dispositivo di misurazione, ma solo quando la lettura del dispositivo di misurazione è registrata nella mente di un osservatore (che può ovviamente essere molto tempo dopo che la misurazione è avvenuta ). Secondo la versione più estrema e antropocentrica di questa teoria, solo gli esseri autocoscienti come noi possono collassare le funzioni d’onda.

Ciò significa che l’intero universo deve essere esistito originariamente come ”potenza” in qualche regno trascendentale di probabilità quantistiche fino a quando gli esseri autocoscienti non si sono evoluti e sono collassati se stessi e il resto del loro ramo della realtà nel mondo materiale e che gli oggetti rimangono in uno stato di attualità solo fino a quando vengono osservati dagli esseri umani (Goswami, 1993). Altri teorici, tuttavia, ritengono che entità non autocoscienti, inclusi i gatti e forse anche gli elettroni, possano essere in grado di collassare le proprie funzioni d’onda (Herbert, 1993).

La teoria del collasso della funzione d’onda (o collasso del vettore di stato, come viene talvolta chiamato) solleva la questione di come le ”onde di probabilità” che si pensa rappresenti la funzione d’onda possano collassare in una particella se non sono altro che astratte costrutti matematici. Poiché l’idea stessa di pacchetti d’onda che si espandono e collassano non si basa su prove sperimentali concrete ma solo su una particolare interpretazione dell’equazione d’onda, vale la pena dare un’occhiata a una delle principali interpretazioni alternative, quella di David Bohm e dei suoi collaboratori , che fornisce un resoconto intelligibile di ciò che potrebbe accadere a livello quantistico.

L’ordine implicito

L’interpretazione ontologica di Bohm della fisica quantistica rifiuta l’ipotesi che la funzione d’onda fornisca la descrizione più completa possibile della realtà, e quindi evita la necessità di introdurre la nozione mal definita e insoddisfacente di collasso della funzione d’onda (e tutti i paradossi che vanno con esso). Invece, assume la reale esistenza di particelle e campi: le particelle hanno una struttura interna complessa e sono sempre accompagnate da un campo di onde quantistiche; sono influenzati non solo dalle forze elettromagnetiche classiche ma anche da una forza più sottile, il potenziale quantistico, determinato dal loro campo quantistico, che obbedisce all’equazione di Schrödinger (Bohm & Hiley, 1993; Bohm & Peat, 1989; Hiley & Peat, 1991).

Il potenziale quantistico trasporta le informazioni dall’intero ambiente e fornisce connessioni dirette e non locali tra i sistemi quantistici. Guida le particelle nello stesso modo in cui le onde radio guidano una nave con il pilota automatico, non per la sua intensità ma per la sua forma. È estremamente sensibile e complesso, quindi le traiettorie delle particelle appaiono caotiche. Corrisponde a ciò che Bohm chiama ordine implicito, che può essere pensato come un vasto oceano di energia su cui il mondo fisico, o esplicito, è solo un’increspatura. Bohm sottolinea che l’esistenza di un pool di energia di questo tipo è riconosciuta, ma poco considerata, dalla teoria quantistica standard, che postula un campo quantistico universale – il vuoto quantistico o campo di punto zero – sottostante il mondo materiale. Al momento si sa molto poco del vuoto quantistico,ma si stima che la sua densità di energia sia un 10 astronomico108 J / cm³ (Forward, 1996, pp. 328-37).

Nella sua trattazione della teoria quantistica dei campi, Bohm propone che il campo quantistico (l’ordine implicato) sia soggetto all’influenza formativa e organizzativa di un potenziale superquanto, che esprime l’attività di un ordine superimplicato. Il potenziale superquantum fa sì che le onde convergano e divergano ancora e ancora, producendo una sorta di comportamento medio simile alle particelle. Le forme apparentemente separate che vediamo intorno a noi sono quindi solo modelli relativamente stabili e indipendenti, generati e sostenuti da un incessante movimento sottostante di avvolgimento e dispiegamento, con particelle che si dissolvono costantemente nell’ordine implicito e poi si ricristallizzano. Questo processo avviene incessantemente e con incredibile rapidità e non dipende da una misurazione effettuata.

Nel modello di Bohm, quindi, il mondo quantistico esiste anche quando non viene osservato e misurato. Respinge la visione positivista secondo cui non si può dire che esista qualcosa che non può essere misurato o conosciuto con precisione. In altre parole, non confonde l’epistemologia con l’ontologia, la mappa con il territorio.

Per Bohm, le probabilità calcolate dalla funzione d’onda indicano le possibilità che una particella si trovi in ​​posizioni diverse indipendentemente dal fatto che venga effettuata una misurazione , mentre nell’interpretazione convenzionale indicano le possibilità che una particella venga all’esistenzain diverse posizioni quando viene eseguita una misurazione. L’universo si definisce costantemente attraverso le sue interazioni incessanti – di cui la misurazione è solo un caso particolare – e pertanto non possono sorgere situazioni assurde come i gatti vivi e morti.

Pertanto, anche se Bohm rifiuta l’idea che la coscienza umana porti all’esistenza dei sistemi quantistici e non crede che le nostre menti normalmente abbiano un effetto significativo sul risultato di una misurazione (eccetto nel senso che scegliamo la configurazione sperimentale), la sua interpretazione si apre la via per il funzionamento di livelli di realtà più profondi, più sottili, più simili alla mente. Sostiene che la coscienza è radicata profondamente nell’ordine implicito, ed è quindi presente in una certa misura in tutte le forme materiali. Suggerisce che ci possa essere una serie infinita di ordini impliciti, ciascuno con un aspetto materia e un aspetto coscienza: tutto ciò che è materiale è anche mentale e tutto ciò che è mentale è anche materiale, ma ci sono molti livelli di materia infinitamente più sottili di noi consapevole di … (Weber, 1990, p. 151).Il concetto di dominio implicito potrebbe essere visto come una forma estesa di materialismo, ma, dice, potrebbe essere altrettanto ben definito idealismo, spirito, coscienza. La separazione dei due – materia e spirito – è un’astrazione. Il terreno è sempre uno … (Weber, 1990, p. 101).

Mente e libero arbitrio

L’indeterminismo quantistico è chiaramente suscettibile di interpretazione: o significa cause nascoste (per noi) o una completa assenza di cause. La posizione secondo cui alcuni eventi “ semplicemente accadono ” senza motivo è impossibile da provare, poiché la nostra incapacità di identificare una causa non significa necessariamente che ci sianessuna causa. La nozione di caso assoluto implica che i sistemi quantistici possano agire in modo assolutamente spontaneo, totalmente isolato e non influenzato da qualsiasi altra cosa nell’universo. Il punto di vista opposto è che tutti i sistemi partecipano continuamente a una rete intricata di interazioni causali e interconnessioni a molti livelli diversi. I singoli sistemi quantistici si comportano certamente in modo imprevedibile, ma se non fossero soggetti ad alcun fattore causale, sarebbe difficile capire perché il loro comportamento collettivo mostra regolarità statistiche.

La posizione secondo cui ogni cosa ha una causa, o piuttosto molte cause, non implica necessariamente che tutti gli eventi, compresi i nostri atti e le nostre scelte, siano rigidamente predeterminati da processi puramente fisici – un punto di vista a volte chiamato ”determinismo duro” (Thornton, 1989). L’indeterminismo a livello quantistico fornisce un’apertura alla creatività e al libero arbitrio.

Ma se questo indeterminismo viene interpretato come un caso assoluto, significherebbe che le nostre scelte e azioni semplicemente “ compaiono ” in modo totalmente casuale e arbitrario, nel qual caso difficilmente si potrebbe dire che siano le nostre scelte e l’espressione delle nostre libero arbitrio. In alternativa, l’indeterminismo quantistico potrebbe essere interpretato come causalità da livelli più sottili e non fisici, in modo che i nostri atti di libero arbitrio sianocausato – ma dalle nostre menti autocoscienti. Da questo punto di vista – a volte chiamato il determinismo morbido – libero arbitrio comporta attiva, autocosciente l’autodeterminazione .

Secondo il materialismo scientifico ortodosso, gli stati mentali sono identici agli stati cerebrali; i nostri pensieri e sentimenti, e il nostro senso di sé, sono generati dall’attività elettrochimica nel cervello. Ciò significherebbe che una parte del cervello attiva un’altra parte, che poi attiva un’altra parte, ecc., O che una particolare regione del cervello viene attivata spontaneamente, senza alcuna causa, ed è difficile vedere come entrambe le alternative fornirebbero una base per un sé cosciente e libero arbitrio. Francis Crick (1994), ad esempio, che crede che la coscienza sia fondamentalmente un branco di neuroni, afferma che la sede principale del libero arbitrio è probabilmente dentro o vicino a una parte della corteccia cerebrale nota come solco cingolato anteriore, ma sottintende che la nostra sensazione di essere liberi è in gran parte, se non del tutto, un’illusione.

Coloro che riducono la coscienza a un sottoprodotto del cervello non sono d’accordo sulla rilevanza degli aspetti quantomeccanici delle reti neurali: ad esempio, Francis Crick, il compianto Roger Sperry (1994) e Daniel Dennett (1991) tendono a ignorare il quantum fisica, mentre Stuart Hameroff (1994) crede che la coscienza nasca dalla coerenza quantistica nei microtubuli all’interno dei neuroni del cervello. Alcuni ricercatori vedono una connessione tra la coscienza e il vuoto quantistico: ad esempio, Charles Laughlin (1996) sostiene che le strutture neurali che mediano la coscienza possono interagire in modo non locale con il vuoto (o mare quantistico), mentre Edgar Mitchell (1996) ritiene che entrambe siano e la coscienza sorge dal potenziale energetico del vuoto.

Il neuroscienziato Sir John Eccles respinge il punto di vista materialistico come una “ superstizione ” e sostiene l’interazionismo dualista: sostiene che esiste un mondo mentale oltre al mondo materiale e che la nostra mente o il nostro sé agisce sul cervello (in particolare l’area motoria supplementare della neocorteccia) a livello quantistico aumentando la probabilità di attivazione di neuroni selezionati (Eccles, 1994; Giroldini, 1991). Sostiene che la mente non è solo non fisica, ma assolutamente non materiale e non sostanziale. Tuttavia, se non fosse associato a nessuna forma di sostanza energetica, sarebbe una pura astrazione e quindi incapace di esercitare alcuna influenza sul mondo fisico.Questa obiezione si applica anche agli antiriduzionisti che evitano la parola “ dualista ” e descrivono la materia e la coscienza come aspetti complementari o diadici della realtà, ma negano alla coscienza qualsiasi natura energetica o sostanziale, implicando così che è fondamentalmente diversa dalla materia e in realtà una mera astrazione .

Una posizione alternativa è quella che trova eco in molte tradizioni mistiche e spirituali: che la materia fisica è solo un’ottava in uno spettro infinito di materia-energia, o coscienza-sostanza, e che proprio come il mondo fisico è ampiamente organizzato e coordinato dai mondi interiori (astrale, mentale e spirituale), quindi il corpo fisico è ampiamente energizzato e controllato da corpi o campi energetici più sottili, inclusi un corpo modello astrale e una mente o anima (vedere Purucker, 1973).

Secondo questa visione, la natura in generale, e tutte le entità che la compongono, sono formate e organizzate principalmente dall’interno verso l’esterno, dai livelli più profondi della loro costituzione. Questa guida interiore è a volte automatica e passiva, dando origine alle nostre funzioni corporee automatiche e al comportamento abituale e istintivo, e al regolare,Operazioni legali della natura in generale, e talvolta sono attive e autocoscienti, come nei nostri atti di intenzione e volontà. Un sistema fisico soggetto a tali influenze più sottili non è tanto agito dall’esterno quantoguidato dall’interno . Oltre ad influenzare il nostro cervello e il nostro corpo, le nostre menti sembrano anche essere in grado di influenzare altre menti e corpi e altri oggetti fisici a distanza, come si vede nei fenomeni paranormali.

EPR e ESP

Sono stati David Bohm e uno dei suoi sostenitori, John Bell del CERN, a porre la maggior parte delle basi teoriche per gli esperimenti EPR eseguiti da Alain Aspect nel 1982 (l’esperimento mentale originale è stato proposto da Einstein, Podolsky e Rosen nel 1935) . Questi esperimenti hanno dimostrato che se due sistemi quantistici interagiscono e poi si allontanano, il loro comportamento è correlato in un modo che non può essere spiegato in termini di segnali che viaggiano tra di loro alla velocità della luce o più lentamente. Questo fenomeno è noto come nonlocalità ed è aperto a due interpretazioni principali: o implica un’azione non mediata e istantanea a distanza, o coinvolge la segnalazione più veloce della luce.

Se le correlazioni non locali fossero letteralmente istantanee, sarebbero effettivamente non causali; se due eventi si verificano in modo assolutamente simultaneo, ”causa” ed effetto” sarebbero indistinguibili e non si potrebbe dire che uno degli eventi causi l’altro attraverso il trasferimento di forza o energia, poiché nessun trasferimento di questo tipo potrebbe avvenire infinitamente velocemente. Non ci sarebbe quindi alcun meccanismo di trasmissione causale da spiegare e qualsiasi indagine sarebbe limitata alle condizioni che consentono il verificarsi di eventi correlati in luoghi diversi.

È interessante notare che anche la luce e altri effetti elettromagnetici una volta si pensava fossero trasmessi istantaneamente, fino a quando le prove osservative non hanno dimostrato il contrario. L’ipotesi che le connessioni non locali siano assolutamente istantanee è impossibile da verificare, poiché richiederebbe due misurazioni perfettamente simultanee, il che richiederebbe un grado infinito di accuratezza. Tuttavia, come hanno sottolineato David Bohm e Basil Hiley (1993, pp. 293-4, 347), potrebbe essere falsificato sperimentalmente. Perché se le connessioni non locali si propagano non a velocità infinite ma a velocità maggiori di quella della luce attraverso un “ etere quantistico ” – un dominio subquanto in cui l’attuale teoria quantistica e teoria della relatività si rompono – allora le correlazioni predette dalla teoria quantistica svanirebbero se le misurazioni fossero realizzati in periodi più brevi di quelli richiesti per la trasmissione di connessioni quantistiche tra particelle. Tali esperimenti vanno oltre le capacità della tecnologia attuale, ma potrebbero essere possibili in futuro. Se esistono interazioni superluminali, sarebbero “non locali” solo nel senso di non fisiche.

La nonlocalità è stata invocata come spiegazione della telepatia e della chiaroveggenza, sebbene alcuni ricercatori ritengano che potrebbero coinvolgere un livello più profondo di non località, o ciò che Bohm chiama “super-nonlocalità” (simile forse alla “risonanza morfica” di Sheldrake (1989)) . Come già sottolineato, se la nonlocalità fosse interpretata come una connessione istantanea, implicherebbe che l’informazione potrebbe essere ”ricevuta” a distanza esattamente nello stesso momento in cui viene generata, senza subire alcuna forma di trasmissione. Tutt’al più si potrebbe allora cercare di comprendere le condizioni che consentono la comparsa istantanea delle informazioni.

La posizione alternativa è che l’informazione – che è fondamentalmente un modello di energia – richiede sempre tempo per viaggiare dalla sua fonte a un’altra posizione, che l’informazione è immagazzinata a un certo livello parafisico e che possiamo accedere a queste informazioni o scambiare informazioni con altre menti , se esistono le condizioni necessarie di “ risonanza simpatica ”.

Come per l’EPR, l’ipotesi che la telepatia sia assolutamente istantanea non è dimostrabile, ma potrebbe essere possibile escogitare esperimenti che potrebbero falsificarla. Perché se i fenomeni ESP lo fanno coinvolgono forme più sottili di energia che viaggiano a velocità finite ma forse superluminali attraverso regni superfisici, potrebbe essere possibile rilevare un ritardo tra trasmissione e ricezione, e anche qualche indebolimento dell’effetto su distanze molto lunghe, sebbene sia già evidente che qualsiasi attenuazione deve essere molto inferiore a quella sperimentata dall’energia elettromagnetica, che è soggetta alla legge dell’inverso del quadrato.

Per quanto riguarda la precognizione, la terza categoria principale dell’ESP, una possibile spiegazione è che implica un accesso diretto e “ non locale ” al futuro reale. In alternativa, può comportare la percezione chiaroveggente di un probabile scenario futuro che sta cominciando a prendere forma sulla base delle tendenze e delle intenzioni attuali, in accordo con l’idea tradizionale che gli eventi futuri proiettano le loro ombre davanti a loro. Bohm dice che tale prefigurazione ha luogo “in profondità nell’ordine implicato” (Talbot, 1992, p. 212) – che alcune tradizioni mistiche chiamerebbero regni astrale o akashico.

Psicocinesi e mondo invisibile

La micro-psicocinesi implica l’influenza della coscienza sulle particelle atomiche. In alcuni esperimenti di micro-PK condotti da Helmut Schmidt, gruppi di soggetti erano tipicamente in grado di alterare le probabilità di eventi quantistici dal 50% a tra il 51 e il 52% e pochi individui riuscivano a gestire oltre il 54% (Broughton, 1991, p. 177 ). Gli esperimenti presso il laboratorio PEAR della Princeton University hanno prodotto uno spostamento minore di 1 parte su 10.000 (Jahn & Dunne, 1987). Alcuni ricercatori hanno invocato la teoria del collasso delle funzioni d’onda da parte della coscienza per spiegare tali effetti. Si sostiene che nella micro-PK, in contrasto con la percezione ordinaria, il soggetto osservante aiuti a specificare quale sarà l’esito del collasso della funzione d’onda, forse mediante una sorta di processo informativo (Broughton, 1991, pp. 177- 81).Eccles segue un approccio simile nello spiegare come la nostra mente agisce sul nostro cervello. Tuttavia, il concetto di collasso della funzione d’onda non è essenziale per spiegare l’interazione mente-materia. Potremmo altrettanto bene adottare il punto di vista secondo cui le particelle subatomiche guizzano incessantemente dentro e fuori dall’esistenza fisica e che il risultato del processo è modificabile dalla nostra volontà, una forza psichica.

Hosting WordPress

La macro-PK prevede il movimento di oggetti stabili, normalmente immobili, mediante uno sforzo mentale. Fenomeni correlati includono attività poltergeist, materializzazioni e smaterializzazioni, teletrasporto e levitazione. Sebbene una quantità impressionante di prove di tali fenomeni sia stata raccolta dagli investigatori negli ultimi centocinquanta anni (Inglis, 1984, 1992; Milton, 1994), la macro-PK è un’area tabù e attrae poco interesse, nonostante – o forse a causa del suo potenziale per rovesciare l’attuale paradigma materialistico e rivoluzionare la scienza. Tali fenomeni implicano chiaramente molto di più che alterare il comportamento probabilistico delle particelle atomiche e potrebbero essere considerati come prove di forze, stati della materia ed entità viventi non fisiche attualmente sconosciute alla scienza.La conferma dell’esistenza di tali cose fornirebbe un’ulteriore indicazione del fatto che all’interno dell’unità onnicomprensiva della natura c’è una diversità infinita.

La possibile esistenza di piani più sottili che compenetrano il piano fisico è in ogni caso oggetto di indagine (vedi Tiller, 1993), e questo è più di quanto si possa dire per le ipotetiche dimensioni extra postulate dalla teoria delle superstringhe, che si dice siano rannicchiate in un’area di un miliardo di trilioni di trilionesimo di centimetro e quindi completamente inaccessibile, o gli ipotetici “universi neonati” e “universi bolla” postulati da alcuni cosmologi, che si dice esistano in qualche “dimensione” ugualmente inaccessibile.

Unlimted Disk, Transfer and Domains!

L’ipotesi di regni superfisici non sembra essere favorita da molti ricercatori. Edgar Mitchell (1996), ad esempio, ritiene che tutti i fenomeni psichici implichino una risonanza non locale tra il cervello e il vuoto quantistico e il conseguente accesso a informazioni olografiche non locali. A suo avviso, questa ipotesi potrebbe spiegare non solo PK ed ESP, ma anche esperienze extracorporee e di pre-morte, visioni e apparizioni e prove solitamente citate a favore di un’anima che si reincarna. Ammette che questa teoria è speculativa, non convalidata e potrebbe richiedere una nuova fisica.

Si spera che ulteriori studi sperimentali sui fenomeni legati alla coscienza, sia normali che paranormali, consentano di testare i meriti delle varie teorie in conflitto. Tali indagini potrebbero approfondire la nostra conoscenza del funzionamento sia del regno quantistico che delle nostre menti, e della relazione tra loro, e indicare se il vuoto quantistico è davvero il livello inferiore di tutta l’esistenza, o se ci sono regni più profondi della natura che aspettano di essere esplorato.

Fonte: http://www.scientificexploration.org

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code