toba60

E’ la Sovranità Mentale quella che Manca

Le idee sono sempre fini a se stesse se nono sono supportate da una coerenza morale e intellettuale da parte delle persone.

E’ ora di finirla con il dare adito a gente che manifesta le idee più’ condivisibili del mondo, se poi non hanno una base che affonda le sue radici in un qualcosa che trascende la realtà intrisa di slogan usa e getta, data in pasto ad un contenitore compulsivo ”digimediaticodipendente” rappresentato dalle masse.

Viviamo in un contesto sociale dove l’autonomia dell’individuo e’ asservita al primo soggetto televisivo che comunica ciò che deve essere fatto, senza sapere se sia la cosa giusta da compiere e questo avviene in ogni ambito della vita, che sia andare in ferie, comperare un profumo, o scegliere la compagna o compagno che sia della propria vita.

E’ questa la sola sovranità che manca.

Toba60

Media e Propaganda

Non credi a tutto ciò che vedi o senti nei media, vero? Bene, perché se ci credessi molto probabilmente finiresti per utilizzare farmaci psichiatrici .

Vedete, viviamo in un ambiente iper-comunicativo e siamo bombardati da una quantità eccezionale di messaggi e mezzi praticamente in ogni momento della giornata. C’è una quantità folle di informazioni che ti arrivano e la maggior parte di esse ha lo scopo di influenzare i tuoi pensieri o credenze in modi vantaggiosi per il messaggero.

Questa è l’essenza del controllo mentale: influenza i pensieri di qualcuno e tu influenzi il loro comportamento.

Ogni frammento di media a cui permetti di entrare nella tua coscienza influenza i tuoi pensieri e / o credenze in modi molto reali. Se lo lasci, quello è. Ma la maggior parte di noi consuma i media in uno stato di coscienza molto passivo. O in sottofondo mentre fai qualcos’altro, o dopo una lunga giornata in cui il cervello è esausto e la tua forza di volontà è stata indebolita.

In questo stato, idee e suggerimenti vengono assorbiti dalla mente subconscia dove vanno a lavorare cambiando le convinzioni sul mondo e su ciò di cui hai bisogno per sopravvivere in esso.

La chiave per mantenere la sovranità della propria mente sta nell’essere consapevoli di quanto sia reale questo impatto. 

Quando guardi indietro all’alba di questa era di comunicazione di massa, scopri che con l’evoluzione della tecnologia della radio, della televisione e del cinema, così si è evoluta la comprensione scientifica di come questi nuovi mezzi potrebbero essere utilizzati per raggiungere gli obiettivi di coloro che creano e distribuire media a scopo di lucro o propaganda.

Il cosiddetto padre della propaganda moderna , Edward Bernays riflette nel 1928 sulla necessità di controllare le abitudini e i comportamenti dei cittadini democratizzati. Afferma questo come una responsabilità di chi detiene il potere.

“La manipolazione consapevole e intelligente delle abitudini organizzate e delle opinioni delle masse è un elemento importante nella  società democratica . Coloro che manipolano questo meccanismo invisibile della società costituiscono un governo invisibile che è il vero potere di governo del nostro paese. Siamo governati, le nostre menti sono plasmate, i nostri gusti formati e le nostre idee suggerite, in gran parte da uomini di cui non abbiamo mai sentito parlare…. Sono loro che tirano i fili che controllano la mente pubblica “. – Edward L. Bernays, Propaganda (1928)

Bernays era il nipote di Sigmund Freud e fu fortemente influenzato da Freud, guidando la sua ricerca nella direzione della psicologia manipolativa. Hanno sviluppato quello che è essenzialmente il punto cruciale della pubblicità moderna, che è la capacità di sbloccare i propri desideri attraverso la messaggistica e le immagini. Queste abilità sono state immediatamente sfruttate per trasformare i cittadini in consumatori e lavoratori obbedienti, contribuenti e soldati.

Edward Bernays:

“Chi sono gli uomini che senza che ce ne rendiamo conto, ci danno le nostre idee, ci dicono chi ammirare e chi disprezzare, cosa credere sulla proprietà dei servizi pubblici, sulla tariffa, sul prezzo della gomma, sul Piano Dawes , sull’immigrazione; che ci dicono come dovrebbero essere progettate le nostre case, quali mobili dovremmo metterle, quali menu dovremmo servire sulla nostra tavola, che tipo di camicie dobbiamo indossare, a quali sport dovremmo dedicarci, quali spettacoli dovremmo vedere, quali enti di beneficenza che dovremmo sostenere, quali immagini dovremmo ammirare, quale slang dovremmo influenzare, quali barzellette dovremmo ridere? Edward Bernays,  Propaganda

Ma dove sta andando tutto questo se scegliamo di non svegliarci e partecipare attivamente alla creazione del nostro futuro? Aldous Huxley ci ha dato un serio avvertimento su questo, richiamando le forze sottili degli ingegneri sociali che stavano emergendo ai più alti livelli dell’industria e del governo.

“Le forze impersonali sulle quali non abbiamo quasi alcun controllo sembrano spingerci tutti nella direzione dell’incubo del Brave New Worldian; e questa spinta impersonale viene consapevolmente accelerata da rappresentanti di organizzazioni commerciali e politiche che hanno sviluppato una serie di nuove tecniche per manipolare, nell’interesse di una minoranza, i pensieri e i sentimenti delle masse “. ~ Aldous Huxley , Prefazione a A Brave New World

Brave New World è stato pubblicato nel 1931 e Huxley ha avuto ragione. Ora gli strumenti sono molto più complessi e anche molto più appariscenti ad ogni turno. L’autore due volte vincitore del Premio Pulitzer e influente propagandista, Walter Lippmann , ha parlato di come il pubblico sia fondamentalmente una stupida bestia selvaggia che deve essere addomesticata.

“Walter Lippmann, un intellettuale americano, scrittore e due volte vincitore del Premio Pulitzer, ha prodotto uno dei primi lavori sull’uso dei mass media in America. In  Public Opinion ( 1922), Lippmann ha paragonato le masse a una “grande bestia” e un “branco confuso” che aveva bisogno di essere guidato da una classe dirigente. Ha descritto l’élite dominante come “ una classe specializzata i cui interessi vanno oltre la località. “Questa classe è composta da esperti, specialisti e burocrati. Secondo Lippmann, gli esperti, che spesso vengono definiti “élite”, devono essere una macchina della conoscenza che aggira il difetto principale della democrazia, l’ideale impossibile del “cittadino onnicompetente”. Il “gregge smarrito” che calpesta e ruggisce ha la sua funzione: essere “gli spettatori interessati dell’azione “, cioè non i partecipanti. La partecipazione è un dovere dell ‘”uomo responsabile”, che non è il cittadino regolare. ” ~ Vigilant Citizen

Qui, Lippmann parla degli impatti benefici della propaganda:

“Questa è la  fabbricazione del consenso è capace di grandi raffinatezze che nessuno, credo, nega. Il processo attraverso il quale sorgono le opinioni pubbliche non è certamente meno intricato di quanto non sia apparso in queste pagine, e le opportunità di manipolazione aperte a chiunque capisca il processo sono abbastanza chiare. . . . come risultato della ricerca psicologica, unita ai moderni mezzi di comunicazione, la pratica della democrazia ha voltato pagina.

È in atto una rivoluzione, infinitamente più significativa di qualsiasi spostamento del potere economico. . . . Sotto l’impatto della propaganda, non necessariamente nel significato sinistro della sola parola, le vecchie costanti del nostro pensiero sono diventate variabili. Non è più possibile, ad esempio, credere nel dogma originario della democrazia; che la conoscenza necessaria per la gestione degli affari umani viene spontanea dal cuore dell’uomo.

Quando agiamo in base a questa teoria, ci esponiamo all’autoinganno e a forme di persuasione che non possiamo verificare. È stato dimostrato che non possiamo fare affidamento sull’intuizione, la coscienza o gli incidenti dell’opinione casuale se vogliamo affrontare il mondo al di là della nostra portata “. ~ Walter Lippmann, Opinione pubblica

E ora, con quasi tutti che camminano con uno smartphone, devi renderti conto che siamo già collegati a una rete neurale globale, che per ora è solo rallentata dalla larghezza di banda digitale limitata nello spazio tra il tuo telefono e il tuo cervello.

Una volta che questo ponte è vuoto, non c’è praticamente più nulla per proteggere la tua sovranità mentale a meno che tu non decida di svegliarti e prendere il volante.

Sigmund Fraud

Fonte: Creative Commons license with attribution to Sigmund Fraud 

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code