toba60

La Propaganda di un Governo Invisibile Controlla le Nostre Menti con una Prigione del Pensiero

E’ bene mettere in chiaro una cosa, non e’ sufficiente essere a conoscenza dei fatti concreti, per passarne indenni dalle conseguenze che ne scaturiscono.

Sappiamo tutti quanto il drogato sia il primo che mette in guardia dai pericoli che lo stupefacente provoca, questo fa capire che il passo da fare va oltre la semplice nozione per quanto condivisibile e scontata.

Ed ora una considerazione personale ai numerosi lettori che seguono questo Magazine o Blog come volete chiamarlo.

Quando scrivo un editoriale o pubblico un articolo, dai dati e le statistiche degli utenti che accedono, accade che se un articolo supera le 500 battute pochi proseguono, e’ una percentuale che supera l 80% e questo e’ un sintomo di quella che si chiama propaganda indotta usa e getta, dove la tendenza e’ di consumare l’informazione alla stregua di un detersivo, un Iphone o estendendo il fenomeno pure in quelli che sono i rapporti personali indipendentemente che siano quelli di un amico o la moglie.

All’interno di Toba60 ci sono molte sezioni che hanno servizi di oltre 40 pagine, capisco che sia un impegno assai gravoso arrivare sino alla fine, ma e’ il passaggio fondamentale per fare il salto di qualità’ che crea il solo presupposto per approfondire e comprendere ciò’ che mette in condizione ogni individuo, ”al momento del bisogno”, di poter decidere in modo autonomo e senza indugio di non drogarsi perché fa male.

Toba60

Secondo il padre della propaganda un governo invisibile controlla le nostre menti con una prigione del pensiero

“Chi sono degli uomini che senza che ce ne rendiamo conto, ci danno le nostre idee, ci dicono chi ammirare e chi disprezzare, cosa credere sulla proprietà dei servizi pubblici, sulla tariffa, sul prezzo della gomma, sul Piano Dawes , sull’immigrazione; che ci dicono come dovrebbero essere progettate le nostre case, quali mobili dovremmo mettere, quali menu dovremmo servire sulla nostra tavola, che tipo di camicie dobbiamo indossare, a quali sport dovremmo dedicarci, quali spettacoli dovremmo vedere, quali enti di beneficenza dovremmo sostenere, quali immagini dovremmo ammirare, quale slang dovremmo influenzare, di quali barzellette dovremmo ridere?

Edward Bernays,

Scritto da Edward Bernays e pubblicato nel 1928, il libro Propaganda mantiene ancora la sua posizione di gold standard per influenzare e manipolare il comportamento pubblico. Attingendo alla sua esperienza in psicologia mentre utilizzava il linguaggio della manipolazione, Bernays è stato il pioniere dell’ingegneria sociale attraverso i mass media e il suo lavoro vive nel mondo dei consumi distorto, statalista che abbiamo oggi.

Ma chi sono quelli dietro le quinte che ci dicono cosa pensare dirigendo la nostra attenzione sulle cose che servono gli interessi?

È interessante notare che il capitolo III di Propaganda è intitolato, ‘ The New Propagandists , ed è dedicato a spiegare perché i controlli per la manipolazione di massa sono così strettamente sorvegliati da un’élite relativamente piccola che siede nell’ombra, fuori dagli occhi del pubblico, scegliendo ciò che siamo vedere e pensare, anche controllando i politici che eleggiamo per rappresentarci.

Se ci proponiamo di fare un elenco degli uomini e delle donne che, a causa della loro posizione nella vita pubblica, potrebbero essere giustamente chiamati i modellatori dell’opinione pubblica, potremmo arrivare rapidamente a un elenco esteso di persone menzionate in “Who’s Who …”

Un tale elenco comprenderebbe diverse migliaia di persone. Ma è risaputo che molti di questi leader sono essi stessi guidati, a volte da persone i cui nomi sono noti a pochi.

Tali persone rappresentano nella mente del pubblico il tipo di governante associato alla frase governo invisibile.

Un governo invisibile di titani aziendali e influencer dietro le quinte che segna la cultura oggi non può essere sottovalutato. Bernays continua:

Il governo invisibile tende a concentrarsi nelle mani di pochi a causa delle spese di manipolazione della macchina sociale che controlla le opinioni e le abitudini delle masse.

Il consulente per le pubbliche relazioni, quindi, è l’agente che, lavorando con la comunicazione dei media moderni e la formazione di gruppo della società, porta un’idea alla coscienza del pubblico. Ma lui è molto di più. Si occupa di corsi di azione, dottrine, sistemi e opinioni e di garantire loro il sostegno pubblico.

In definitiva, l’obiettivo di questo tipo di propaganda della cultura pop prodotta in serie è quello di indebolire la capacità dell’individuo di pensare in modo critico, creando così un ambiente in cui molte persone si guardano l’un l’altro per l’approvazione, indovinando sempre le proprie facoltà. Quando ciò accade, la forza del gruppo collettivo inizia a prendere forma e moltiplicarsi e le idee possono essere impiantate nella cultura popolare, mettendo radici sotto forma di comportamenti conformisti diffusi.

Pensare in modo critico significa esprimere giudizi ragionati, logici e ben ponderati. È un modo di pensare in cui non si accettano semplicemente tutti gli argomenti e le conclusioni a cui si è esposti senza mettere in discussione gli argomenti e le conclusioni. Richiede curiosità, scetticismo e umiltà. Le persone che usano il pensiero critico sono quelle che dicono cose come: “Come fai a saperlo?” “Questa conclusione è basata su prove o sensazioni viscerali?” e “Ci sono possibilità alternative quando vengono fornite nuove informazioni?

Pensieri finali

La conclusione qui è che non è cambiato molto in 100 anni di cultura aziendale / statalista americana, a parte la capacità tecnica di ridimensionarla sempre più in alto. Le nostre vite sono ancora fortemente influenzate da artisti del calibro di quelli descritti da Bernays. C’è un vantaggio che abbiamo ora, tuttavia, poiché la tecnologia ci ha dato un maggiore accesso alla verità e ora siamo liberi di separarci psicologicamente dalla matrice, comprendendo cos’è e come influenza le nostre vite. Se scegliamo di farlo, cioè se scegliamo di prendere la pillola rossa .

Per comprendere la tua vita e la tua missione qui sulla terra nel breve tempo che hai, è imperativo imparare a vedere la prigione del pensiero che è stata costruita intorno a te e circumnavigarla attivamente. Il libero pensiero è stato soffocato dai propagandisti, ma la nostra tendenza umana è quella di desiderare la libertà e, con l’aiuto della verità, siamo più potenti della matrice di controllo e del governo invisibile.

Sigmund Fraud

Fonte: wakingtimes

Puoi risparmiare 1.00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code