toba60

Il Metodo Vicente del Bosque

Views: 125

Dite la verità, tutti nel calcio se lo sono dimenticato, eppure e’ stato protagonista del calcio mondiale per un arco di tempo lunghissimo e sempre con esiti superlativi.

Vicente del Bosque

E’ difficile capire per quale motivo uno dei più’ grandi tecnici di tutti i tempi sia stato sempre tenuto in cosi scarsa considerazione visti gli innumerevoli titoli vinti, questo e’ il calcio, scandito da variabili che spesso sfuggono ad ogni logica, io personalmente quando andavo in Argentina per i corsi di aggiornamento, condividevo spesso con gli allenatori federali, sugli sviluppi tecnici legati al calcio europeo e non c’è stata una volta che non mi domandassero di Vicente del Bosque, sapevano tutto di lui, ed io per quando mi impegnassi nel riferire sul suo lavoro, mi accorgevo ogni volta che ne sapevano sempre più’ di me.

Leggete attentamente questa intervista a lui fatta e capirete quanto il lato tecnico di questo sport, passi in secondo piano di fronte al tutti quegli aspetti umani che fanno veramente la differenza tra un allenatore Vincente ed un aspirante alla Notorietà’

Toba60

Le Riflessioni di Del Bosque

È l’unico allenatore della storia del calcio mondiale ad essersi laureato campione del mondo e d’Europa sia a livello di Nazionali che a livello di club, avendo conquistato alla guida del Real Madrid due Champions League (nel 1999-2000 e nel 2001-2002) e una Coppa Intercontinentale (nel 2002); ha poi condotto la Nazionale spagnola alla vittoria nel Campionato mondiale del 2010 (disputatosi in Sudafrica) e nel Campionato europeo del 2012 (disputatosi in Polonia e Ucraina).

Vicente del Bosque

È stato eletto per una volta miglior allenatore di club dell’anno dall’IFFHS e per quattro volte miglior commissario tecnico: nel 2009, nel 2010, nel 2012 e nel 2013, mentre nel 2011 si è piazzato secondo dietro a Óscar Tabárez. Nel 2012 conquista il FIFA World Coach of the Year tra gli allenatori di calcio maschile, dopo il secondo posto del 2010

Il 4 febbraio 2011 il ReJuan Carlos I di Spagna ha assegnato all’allenatore di Salamanca il titolo di marchese di del Bosque, che potrà essere ereditato dai suoi successori.

In Spagna con il Real Madrid dopo il suo secondo campionato venne esonerato e commenta cosi’ la sua esperienza.

Vicente del Bosque


Ciò mi ha confermato che il successo è fugace e sopravvalutato.

Dai, questa è la vita! Non importa quanto vinci, sei solo uno in più. Anche in quella squadra aveva alcuni dei migliori giocatori del mondo. L’allenatore mette le parole, il discorso, ma sono i giocatori che sono responsabili dei fatti, perché sono loro che entrano in campo e fanno avverare tutto.

Non puoi perdere di vista chi sei. Devi averlo sempre chiaro.
Il lavoro sui minori è importante, con molta dedizione e conoscenza, ma è molto più difficile educare i propri figli rispetto a quelli degli altri.

El seleccionador nacional Vicente del Bosque con sus jugadores durante el entrenamiento

Spagna? Ci sono state buone generazioni prima, ma questa, come il paese, ha raggiunto il livello europeo. Quel complesso di inferiorità che a un certo punto abbiamo avuto rispetto ad altri paesi si è rotto.

Nello spogliatoio la maturità dei giocatori è stata fondamentale. Non cercando i colpevoli, mantenendo l’ideologia senza vacillare, la nostra routine è stata rispettata per il resto del torneo e questa è stata la base del successo. E un po ‘di fortuna, ovviamente.
Riconoscere le nostre debolezze, i nostri limiti, è essenziale per migliorare e superare.

Ad esempio, non penso niente di speciale su me stesso. Cerco di essere me stesso, ma a questo punto non penso più molto ai miei difetti.
Non recrimino quasi mai un giocatore in pubblico, ma se si presenta un problema del genere, viene risolto tra lui e me dall’interno. Apprezzo molto la correttezza e l’onestà, che le persone parlino direttamente tra loro.

Vicente del Bosque

Nel mio metodo di leadership di gruppo la parte umana, ovviamente, è fondamentale. Puoi avere una relazione molto umana e mantenere le richieste. Il calcio è un acceleratore delle nostre passioni. Con il calcio ci emozioniamo, ci innamoriamo, comunichiamo. Il calcio ci eguaglia e ci insegna che il lavoro di squadra, il rispetto per il rivale, la perseveranza e la motivazione possono renderci campioni. Il rifiuto totale dell’ego, dell’orgoglio, che porta all’orgoglio e alla fine porta all’errore e alla sconfitta. Questa potrebbe essere l’essenza della mia formula, del mio metodo, della mia filosofia di calcio e di vita. Spagna e Barcellona vincitori di tutti quindi lo ratificano.

Senza valori non ci sono vittorie.


Ogni vittoria esterna è solo il sintomo di una vittoria spirituale, intima, interiore. I principi che ci aiutano a trasformare l’esistenza nelle sue diverse dimensioni sono universalmente applicabili. Valori come l’umiltà, il rispetto, la determinazione, la disciplina, la fiducia, la prudenza, la solidarietà, la fermezza, la volontà di eccellenza, l’impegno, il rigore, la correttezza o la diligenza sono sempre buoni compagni, sia da coltivare un buon e sano rapporto con i nostri affetti. Senza di loro non c’è vera qualità.

È sempre difficile comandare, tanto più se si deve fare con persone che guadagnano più del proprio capo, come molte volte accade con calciatori e allenatori. Del Bosque fa appello alla discrezione, una virtù che ha imparato al Real Madrid.

Vicente del Bosque

La continuità dell’allenatore passa attraverso il riconoscimento del merito dei giocatori, ed è consapevole che la chiave del suo successo si basa sul non essere mai sopra di loro, né nella fama né nell’importanza. Per questi motivi fugge dalle luci della ribalta, dicono che convive quotidianamente con il fortunato allenatore spagnolo.

Quando devi considerare i tuoi limiti, è preferibile essere modesto piuttosto che indulgente con te stesso.

Prudenza, umiltà e una valutazione equilibrata dell’avversario sono condizioni essenziali per conoscere i limiti della nostra azione contro di lui.

“L’origine di tutta la saggezza è conoscere te stesso.


Quindi la peggior bugia è quella che diciamo a noi stessi.

Non dobbiamo mai ingannare noi stessi, né sulle nostre virtù né sui nostri difetti; sebbene sia preferibile essere modesti che indulgenti . Viviamo e agiamo nella società, in questo modo è essenziale avere una conoscenza equilibrata del nostro ambiente: persone e circostanze. Così possiamo agire in modo equilibrato e le nostre azioni avranno risposte adeguate ”.

Vicente del Bosque

“Un tratto distintivo di Del Bosque è la sua indipendenza nel prendere decisioni. Ascolta tutti e non impartisce dottrina. Anche quando ho sollevato la possibilità di scrivere un libro con le chiavi del suo metodo, è stato schietto: beh, per la cronaca, ciò che è valido per un gruppo a volte non è valido per un altro, anche ciò che è valido per una persona non è valido per un altro. E vado oltre: ciò che è buono per uno dei tuoi figli potrebbe non esserlo per un altro. Ognuno è un mondo ”.

Devono esserci meccanismi operativi consolidati nella squadra, ma tutti dobbiamo continuare a coltivare quotidianamente la loro costruzione, allenamento dopo allenamento, partita dopo partita, il miglioramento degli automatismi, per ottenere risorse migliori, sia difensivamente che offensivamente. Alla fine, se il campione è stato vinto, è stato perché durante tutto l’anno ognuno di noi ha dato prova della massima intensità per costruire quello stile di gioco, quell’idea che ci ha dato identità e ci ha permesso di vincere attraverso di essa.

Devi prepararti a gareggiare nelle migliori condizioni, affrontando le partite come un prolungamento del calendario competitivo e non come un punto fermo. Vogliamo che sia un periodo e seguito. Ogni partita è la partita, ogni partita è la finale. Quello semplice

Vicente del Bosque

Prima di prendere una decisione, devi ascoltare tutti i membri del Corpo Tecnico, rispettare tutti e valutare le conseguenze. Le decisioni, una volta prese, devono essere prese in autonomia e senza tener conto delle opinioni altrui o delle parti interessate. Nel caso in cui una decisione sia stata sbagliata o inefficace, deve essere riconosciuta, corretta e autocritica.

L’unico modo per crescere emotivamente e intellettualmente è prendere decisioni e assumersene la responsabilità. Dei successi e degli errori. Se i successi rafforzano l’autostima e forniscono sicurezza, gli errori, quando ammessi e valutati, alimentano il nostro database ed evitano di commetterli di nuovo, aumentando così le nostre possibilità di avere ragione. In ogni caso, che abbiamo ragione o torto, se il nostro giudizio al momento di prendere una decisione è stato onesto e ben intenzionato, dobbiamo sempre rispettarlo.

Non puoi fare qualcosa che piaccia a tutti. Qualunque cosa tu faccia, qualcuno ti rimprovererà sempre. Se non è causa di danno a nessuno, devi fare ciò che è meglio per te.

Nessuna dottrina. Il calcio è molto discutibile, tutti hanno ragione.

Ebbene, tutto ciò che riguarda il calcio ha troppa copertura mediatica, le nostre bocche e le nostre teste si riempiono rapidamente di problemi: i migliori giocatori del mondo, il miglior campionato del mondo, il miglior calcio del mondo ……... tutto troppo prefabbricato, troppo stucchevole.

Vicente del Bosque

L’euforia generale ci fa perdere l’obiettività e sottovalutare alcune potenze calcistiche. Si dà più valore al potere dell’immagine che ai meriti, anche se abbiamo molte virtù perché non sia così. Siamo tra i migliori, ma ci sono anche altri campionati e altri giocatori fuori dalla Spagna che sono molto bravi.

Il successo non è solo per i professionisti, ma per chi ogni giorno semina i propri insegnamenti con straordinaria generosità, per il corretto comportamento dei giocatori dentro e fuori dal campo, perché il calcio è la ricerca di un risultato, sì, ma deve anche riflettere il etica e buona condotta personale.

La franchezza, la naturalezza nelle azioni e nelle parole cementano e rafforzano il giusto processo decisionale.

Dobbiamo affrontare il futuro con entusiasmo, con progetti di trionfo, ma con i piedi per terra. Il pensiero positivo è una cosa, l’eccessiva ambizione è un’altra. Aspirare a obiettivi irraggiungibili può essere controproducente. L’eccessiva ambizione è anche collegata all’arroganza, all’orgoglio e all’incapacità di delegare, e nessuna di queste condizioni è desiderabile in un leader.

Non sono favorevole a dare dottrina, mi piace mostrare le mie idee, farle vedere tra le mie azioni, piuttosto che dimostrarle – cosa che invece è improbabile in territori così opinionabili come il calcio – o imporle, che è sempre un errore.

Secondo me l’allenatore ha l’obbligo di essere una persona esemplare, il suo potere dipende dal suo esempio, quindi deve essere una persona di integrità morale. Tale integrità creerà fiducia nei giocatori.

Allo stesso livello della tua integrità personale devi mettere il lavoro. La loro formazione deve essere completa e ciò che è importante o più: permanente. Vivi in ​​un processo di apprendimento continuo.

Vicente del Bosque

Anni fa l’allenatore lo sapeva e ha fatto tutto. Attualmente ha un team di specialisti al suo fianco, quindi condivide le responsabilità: delega ad altri. Qualcosa che non lo esenta dalla sua leadership, né dalla sua totale responsabilità.


Le buone abitudini, l’applicazione delle regole, sono strumenti necessari per gestire un gruppo.
Le imposizioni arbitrarie o inattese di solito non sono ben accolte; da qui l’importanza di costruire gradualmente buone abitudini su base quotidiana.
Nella direzione dei gruppi, le idee affondano di più quando vengono trasmesse per convinzione che per obbligo.

Disciplina, buone abitudini ed essere adeguatamente preparati dovrebbero essere le nostre vere e uniche armi per avere successo.

Le parti dopo …………… ..la prima cosa è vincere.

Meno hobby e … buone abitudini di più.

“The Forest Method” di joaquín Maroto

http://entrenarlatactica.blogspot.com/

Allenamento Funzionale
Manuale scientifico
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
€ 36,00

Allenamento Mio-fasciale
La nuova chiave del movimento intelligente
€ 28,00

Anatomia dell'Allenamento al Femminile
€ 18,50

Puoi risparmiare  1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

IL Nostro codice JTR Bitcoin è:  bc1qkspp89dl7ywl4v4ngdz6h0nrzfrt850anlgpll 

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code